Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.


Luminosità stravagante nel Grand Canyon
L'umidità localizzata crea un arcobaleno in un'area con chiazze di luce distinte.
Il più grande del più grande
La Centrale Geotermica di Hellisheidi, la più potente al mondo, con una capacità di produzione di 303 MW di energia elettrica e 400 MW di acqua calda.
mucche nella nebbia
Le mucche sbarrano la strada al traffico nella nebbia in cima all'isola.
Dal giorno alla notte
Il sole tramonta a ovest di Playa Benijo, nel sud-ovest di Tenerife.
Tramonto sull'Oceano Pacifico
I passeggeri del catamarano ammirano il tramonto lontano sull'Oceano Pacifico.
Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.

Probabilmente non è una novità: il termine fotografia significa originariamente, dal greco, dipingere con la luce.

Con più o meno elaborazione e più o meno elettronica, questo è ciò che fa qualsiasi fotocamera.

La luce nella fotografia è quindi fondamentale.

E se per questo “dipinto” è importante la scelta della situazione o dello scenario o del paesaggio, altrettanto importante è la scelta della luce che li illumini. Dopotutto, una buona combinazione di questi elementi dà origine alle migliori fotografie.

Sappiamo che la luce può essere di origine naturale o artificiale. In questo articolo ci dedicheremo solo a spiegare tre delle principali variabili che influenzano la maggiore durezza o morbidezza della luce solare.

Iniziamo con quattro nozioni inevitabili sulla luce nella fotografia:

1- La luce è composta da diverse lunghezze d'onda: blu scuro; azzurro; verde giallo; rosso; arancione e le sue varianti. Queste lunghezze d'onda, e quindi la luce, cambiano continuamente.

Il cambiamento è dovuto a diversi fattori ma principalmente alla posizione del sole rispetto all'orizzonte terrestre e alle condizioni meteorologiche.

2- Più il sole è obliquo rispetto all'orizzonte, più morbida e calda è la luce. Questo perché più è obliquo, maggiore è l'atmosfera che i raggi del sole devono attraversare. 

L'atmosfera fa disperdere le lunghezze d'onda bluastre della luce e le lascia passare in pdominare i rossi e gli aranci.

3- La luce naturale con predominanza di toni “caldi” (arancioni e gialli) e poco contrasto – perché fortemente filtrata dall'atmosfera – è ciò che chiamiamo soft.

È, di regola, il più apprezzato per un'ampia varietà di scopi fotografici. 

4 - Lo strato di nuvole blocca e "raffredda" la luce che raggiunge la superficie terrestre, quindi tutto ciò che leggi di seguito non si applica nelle giornate nebbiose o completamente nuvolose.

Tempo a parte, vediamo quando dovremmo avere la luce più morbida e più dura quando si tratta di:

ora del giorno

Nelle giornate serene o leggermente nuvolose, poco dopo l'alba e poco prima del tramonto, questi sono i momenti in cui la luce naturale sarà più morbida e avrà una tonalità migliore. 

Durante e subito dopo il tramonto, è normale che il cielo, le nuvole (anche il loro riflesso nell'acqua) assumano un colore rosato o magenta. Sono colorato da una sorta di “resti” di luce diretto del sole.

À Quando la Terra ruota, queste tonalità svaniscono e vengono sostituite da un colore bluastro sempre più scuro, e poi scuro.

Anzi, il momento peggiore per scattare con una luce soffusa sarà sempre, per teoria, mezzogiorno e le restanti ore della giornata in cui il sole è al massimo. 

Periodo dell'anno e latitudine 

L'interazione del periodo dell'anno o della stagione dell'anno (movimento di traslazione terrestre) con la latitudine rende la logica dell'ora del giorno molto più complessa di quanto descritto sopra.

Con la dovuta riserva per il lungo inverno degli estremi artico e antartico, dove la luce del sole praticamente non cade, maggiore è la latitudine (più vicino ai poli) più morbida e migliore sarà l'ombra della luce naturale.

È solo che non è affatto perché questi posti hanno la loro estate.

Sulla parte superiore e inferiore della Terra, la luce solare colpisce direttamente per molte ore (meno obliquamente che in altri periodi dell'anno). 

Nei mesi estivi nelle località settentrionali o meridionali la luce è praticamente continua (può durare fino a 22, 23 ore al giorno a giugno in luoghi come Alaska, a Lapponia o Terra di Fuoco).

Se il cielo è sereno, può capitare che alcune di queste ore siano di luce dura, troppo intensa se, ad esempio, è riflessa da un terreno innevato. 

D'altra parte, molti altri avranno una luce soffusa poiché il sole rimane basso per molto tempo sull'orizzonte terrestre.

Anzi, all'Equatore (0º di latitudine) e latitudini contigue:

Non ci sono stagioni, potrebbero esserci i monsoni. L'alba e il tramonto (circa 6:18 e XNUMX:XNUMX) variano poco.  

Puoi contare circa 12 ore di luce quotidiana, poco più o meno à All'aumentare della latitudine e la distanza di quella parte della Terra varia dal sole. 

Visto in modo semplificato: in zone equatoriali o tropicali direttamente esposte al sole o in estate di latitudini intermedie, come, ad esempio, Portogallo (o il Uruguay, nell'emisfero australe) le ore diurne con luce soffusa vanno da poco dopo l'alba alle 9:30 o 10:15 e dalle 30:16, XNUMX:XNUMX al tramonto.

E riassumendo tutto ciò che abbiamo visto prima, seguendo la stessa logica, una combinazione di latitudine e altezza in cui abbiamo la garanzia di avere una luce soffusa sarà ad esempio:

nei primi giorni dell'anno – fine inverno, alle alte latitudini boreali. In questo caso, la luce solare debole e di breve durata aumenta notevolmente di giorno in giorno.

altitudine

Il vero colore del cielo è il nero. Di giorno osserviamo il cielo illuminato e colorato di azzurro soprattutto dallo spettro azzurrognolo sparso della luce solare.

solo quello à All'aumentare dell'altitudine l'aria diventa più rarefatta. Poiché è più rarefatto, disperde sempre meno di questo spettro.

Di conseguenza, il cielo diventa meno blu e più nero. questo può influenzare la luminosità delle immagini sottoesposte (scure).

L'effetto è perfettamente visibile ad altitudini comprese tra 3.500 e 4.000 metri.

CASI PRATICI DI GESTIONE DELLA LUCE IN FOTOGRAFIA

Poiché influenzano direttamente lo spettro e la durata della luce, nonché il tempo, la latitudine e il periodo dell'anno sono i primi fattori a influenzare il tipo di lavoro fotografico che si troverà in un determinato viaggio.

Una cosa è viaggiare all'equatore, dove è un dato di fatto che il sole sorgerà intorno alle 6:18 e tramonterà intorno alle XNUMX:XNUMX.

Un'altra cosa è viaggiare Islândia il 20 giugno quando c'è luce 24 ore al giorno.

Quindi, abbiamo imparato dall'esperienza che:

Nei paesi equatoriali e tropicali

1- L'ideale è svegliarsi il prima possibile, preferibilmente prima dell'alba, e sfruttare al meglio la luce soffusa che va dall'alba alle 9:30 per fotografare paesaggi, scenari, situazioni, ritratti con la luce più morbida possibile.

2 - Dalle 11 in poi e fino praticamente alle 16, ad eccezione di alcuni posti eccezionali, sarà difficile continuare a prenderlo con buona qualità.

Puoi approfittare di questo periodo per coprire una fitta foresta tropicale (l'unico momento in cui è probabile che la luce entri), alcune strade specifiche di una città coloniale, immagini di un mare traslucido (meglio con il sole al culmine), mercati chiusi o altri interni.

Altrimenti, è un buon momento per organizzare i prossimi giorni di lavoro o di riposo.

3 - Dalle 16:16 alle 30:XNUMX in poi è di nuovo un momento cruciale per un buon lavoro fotografico.

Nell'estate di un paese boreale o australe

1 – La presenza di luce probabilmente 24 ore su XNUMX pone problemi nella scelta del lavoro e dei tempi di riposo.

Per cominciare, non dimenticare che le “fasce orarie” dell'alba e del tramonto creano quasi sempre delle luminosità speciali.

Organizza il tuo lavoro e il tempo di riposo in modo da essere disponibile per entrambi.

2- Se hai questo privilegio, guida il tuo lavoro secondo il piacere che la scoperta ti sta regalando.

In questo tipo di contesto geografico e stagionale, è facile ritrovarsi fisicamente a terra senza aver goduto del luogo senza essere “dietro” la macchina da presa proprio perché si è entrati in “modalità automatica” e si fotografa ossessivamente affascinati dal luogo.

3 – Un'altra questione importante: i luoghi posti ad alte latitudini hanno condizioni meteorologiche complicate e instabili.

Preferibilmente, mantieniti con l'accesso a Internet, informato su cosa ci si aspetta per ogni luogo e disponibile a viaggiare nei luoghi dove il tempo è migliore.

4- Approfitta dei periodi di pioggia intensa e inconfondibilmente lunga per riposarti.

Il periodo di smobilitazione o sollievo dalla tempesta offre quasi sempre una luminosità speciale.

Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Il fiume Zambesi, PN Mana Pools
Safari
Kanga Pan, Mana Pools NP, Zimbabwe

Una fonte perenne di fauna selvatica

Una depressione situata 15 km a sud-est del fiume Zambesi trattiene acqua e minerali durante la stagione secca dello Zimbabwe. Kanga Pan, come è noto, nutre uno degli ecosistemi più prolifici nell'immenso e meraviglioso Parco Nazionale di Mana Pools.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Città di Oranjestad, Aruba, edificio di architettura olandese
Città
Oranjestad, Aruba

L'Anima Olandese di Aruba

Dall'altra parte dell'Atlantico, nelle profondità dei Caraibi, Oranjestad, la capitale di Aruba, mostra gran parte dell'eredità lasciata nelle isole ABC dai coloni olandesi. Gli indigeni la chiamano “Playa”. La città si anima di esuberanti feste balneari.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Casa Menezes Braganca, Chandor, Goa, India
Cultura
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Passeggero M:S Viking Tor rivestito di traghetto, Aurlandfjord, Norvegia
In viaggio
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Etnico
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Sydney, la città criminale esemplare dell'Australia, Harbour Bridge
Storia
Sydney, Australia

Dall'esilio criminale alla città esemplare

La prima delle colonie australiane fu costruita da detenuti in esilio. Oggi, gli australiani di Sydney si vantano degli ex detenuti del loro albero genealogico e sono orgogliosi della prosperità cosmopolita della megalopoli in cui abitano.
Isole
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Ghiacciaio Meares
Natura
Il suono del principe William, Alaska

Viaggio attraverso un'Alaska glaciale

Adagiato contro le montagne Chugach, il Prince William Sound ospita alcuni dei paesaggi stravaganti dell'Alaska. Né potenti terremoti né una devastante marea liscia hanno influenzato il suo splendore naturale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parco Nazionale Tsitsikamma
Parchi Naturali
Garden Route, Sud Africa

La Costa Giardino del Sud Africa

Estendendosi su oltre 200 km di costa naturale, la Garden Route si snoda attraverso foreste, spiagge, laghi, gole e splendidi parchi naturali. Viaggiamo da est a ovest, lungo i drammatici fondali del continente africano.
municipio, capitale, oslo, norvegia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Nuovo Galles del Sud Australia, passeggiata sulla spiaggia
Spiagge
Da Batemans Bay a Jervis Bay, Australia

Il Nuovo Galles del Sud, di baia in baia

Lasciata Sydney alle spalle, ci siamo abbandonati alla “South Coast” australiana. Lungo 150km, in compagnia di pellicani, canguri e altre peculiari creature aussie, ci lasciamo perdere su una costa tagliata tra splendide spiagge e infiniti boschetti di eucalipti.
Libreria Sacra
Religione
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Società
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
Animali selvatici
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.