Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.


Luminosità stravagante nel Grand Canyon
L'umidità localizzata crea un arcobaleno in un'area con chiazze di luce distinte.
Il più grande del più grande
La Centrale Geotermica di Hellisheidi, la più potente al mondo, con una capacità di produzione di 303 MW di energia elettrica e 400 MW di acqua calda.
mucche nella nebbia
Le mucche sbarrano la strada al traffico nella nebbia in cima all'isola.
Dal giorno alla notte
Il sole tramonta a ovest di Playa Benijo, nel sud-ovest di Tenerife.
Tramonto sull'Oceano Pacifico
I passeggeri del catamarano ammirano il tramonto lontano sull'Oceano Pacifico.
Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.

Probabilmente non è una novità: il termine fotografia significa originariamente, dal greco, dipingere con la luce.

Con più o meno elaborazione e più o meno elettronica, questo è ciò che fa qualsiasi fotocamera.

La luce nella fotografia è quindi fondamentale.

E se per questo “dipinto” è importante la scelta della situazione o dello scenario o del paesaggio, altrettanto importante è la scelta della luce che li illumini. Dopotutto, una buona combinazione di questi elementi dà origine alle migliori fotografie.

Sappiamo che la luce può essere di origine naturale o artificiale. In questo articolo ci dedicheremo solo a spiegare tre delle principali variabili che influenzano la maggiore durezza o morbidezza della luce solare.

Iniziamo con quattro nozioni inevitabili sulla luce nella fotografia:

1- La luce è composta da diverse lunghezze d'onda: blu scuro; azzurro; verde giallo; rosso; arancione e le sue varianti. Queste lunghezze d'onda, e quindi la luce, cambiano continuamente.

Il cambiamento è dovuto a diversi fattori ma principalmente alla posizione del sole rispetto all'orizzonte terrestre e alle condizioni meteorologiche.

2- Più il sole è obliquo rispetto all'orizzonte, più morbida e calda è la luce. Questo perché più è obliquo, maggiore è l'atmosfera che i raggi del sole devono attraversare. 

L'atmosfera fa disperdere le lunghezze d'onda bluastre della luce e le lascia passare in pdominare i rossi e gli aranci.

3- La luce naturale con predominanza di toni “caldi” (arancioni e gialli) e poco contrasto – perché fortemente filtrata dall'atmosfera – è ciò che chiamiamo soft.

È, di regola, il più apprezzato per un'ampia varietà di scopi fotografici. 

4 Soluzioni Lo strato di nuvole blocca e "raffredda" la luce che raggiunge la superficie terrestre, quindi tutto ciò che leggi di seguito non si applica nelle giornate nebbiose o completamente nuvolose.

Tempo a parte, vediamo quando dovremmo avere la luce più morbida e più dura quando si tratta di:

ora del giorno

Nelle giornate serene o leggermente nuvolose, poco dopo l'alba e poco prima del tramonto, questi sono i momenti in cui la luce naturale sarà più morbida e avrà una tonalità migliore. 

Durante e subito dopo il tramonto, è normale che il cielo, le nuvole (anche il loro riflesso nell'acqua) assumano un colore rosato o magenta. Sono colorato da una sorta di “resti” di luce diretto del sole.

À Quando la Terra ruota, queste tonalità svaniscono e vengono sostituite da un colore bluastro sempre più scuro, e poi scuro.

Anzi, il momento peggiore per scattare con una luce soffusa sarà sempre, per teoria, mezzogiorno e le restanti ore della giornata in cui il sole è al massimo. 

Periodo dell'anno e latitudine 

L'interazione del periodo dell'anno o della stagione dell'anno (movimento di traslazione terrestre) con la latitudine rende la logica dell'ora del giorno molto più complessa di quanto descritto sopra.

Con la dovuta riserva per il lungo inverno degli estremi artico e antartico, dove la luce del sole praticamente non cade, maggiore è la latitudine (più vicino ai poli) più morbida e migliore sarà l'ombra della luce naturale.

È solo che non è affatto perché questi posti hanno la loro estate.

Sulla parte superiore e inferiore della Terra, la luce solare colpisce direttamente per molte ore (meno obliquamente che in altri periodi dell'anno). 

Nei mesi estivi nelle località settentrionali o meridionali la luce è praticamente continua (può durare fino a 22, 23 ore al giorno a giugno in luoghi come Alaska, a Lapponia o Terra di Fuoco).

Se il cielo è sereno, può capitare che alcune di queste ore siano di luce dura, troppo intensa se, ad esempio, è riflessa da un terreno innevato. 

D'altra parte, molti altri avranno una luce soffusa poiché il sole rimane basso per molto tempo sull'orizzonte terrestre.

Anzi, all'Equatore (0º di latitudine) e latitudini contigue:

Non ci sono stagioni, potrebbero esserci i monsoni. L'alba e il tramonto (circa 6:18 e XNUMX:XNUMX) variano poco.  

Puoi contare circa 12 ore di luce quotidiana, poco più o meno à All'aumentare della latitudine e la distanza di quella parte della Terra varia dal sole. 

Visto in modo semplificato: in zone equatoriali o tropicali direttamente esposte al sole o in estate di latitudini intermedie, come, ad esempio, Portogallo (o il Uruguay, nell'emisfero australe) le ore diurne con luce soffusa vanno da poco dopo l'alba alle 9:30 o 10:15 e dalle 30:16, XNUMX:XNUMX al tramonto.

E riassumendo tutto ciò che abbiamo visto prima, seguendo la stessa logica, una combinazione di latitudine e altezza in cui abbiamo la garanzia di avere una luce soffusa sarà ad esempio:

nei primi giorni dell'anno – fine inverno, alle alte latitudini boreali. In questo caso, la luce solare debole e di breve durata aumenta notevolmente di giorno in giorno.

altitudine

Il vero colore del cielo è il nero. Di giorno osserviamo il cielo illuminato e colorato di azzurro soprattutto dallo spettro azzurrognolo sparso della luce solare.

solo quello à All'aumentare dell'altitudine l'aria diventa più rarefatta. Poiché è più rarefatto, disperde sempre meno di questo spettro.

Di conseguenza, il cielo diventa meno blu e più nero. questo può influenzare la luminosità delle immagini sottoesposte (scure).

L'effetto è perfettamente visibile ad altitudini comprese tra 3.500 e 4.000 metri.

CASI PRATICI DI GESTIONE DELLA LUCE IN FOTOGRAFIA

Poiché influenzano direttamente lo spettro e la durata della luce, nonché il tempo, la latitudine e il periodo dell'anno sono i primi fattori a influenzare il tipo di lavoro fotografico che si troverà in un determinato viaggio.

Una cosa è viaggiare all'equatore, dove è un dato di fatto che il sole sorgerà intorno alle 6:18 e tramonterà intorno alle XNUMX:XNUMX.

Un'altra cosa è viaggiare Islândia il 20 giugno quando c'è luce 24 ore al giorno.

Quindi, abbiamo imparato dall'esperienza che:

Nei paesi equatoriali e tropicali

1- L'ideale è svegliarsi il prima possibile, preferibilmente prima dell'alba, e sfruttare al meglio la luce soffusa che va dall'alba alle 9:30 per fotografare paesaggi, scenari, situazioni, ritratti con la luce più morbida possibile.

2 Soluzioni Dalle 11 in poi e fino praticamente alle 16, ad eccezione di alcuni posti eccezionali, sarà difficile continuare a prenderlo con buona qualità.

Puoi approfittare di questo periodo per coprire una fitta foresta tropicale (l'unico momento in cui è probabile che la luce entri), alcune strade specifiche di una città coloniale, immagini di un mare traslucido (meglio con il sole al culmine), mercati chiusi o altri interni.

Altrimenti, è un buon momento per organizzare i prossimi giorni di lavoro o di riposo.

3 Soluzioni Dalle 16:16 alle 30:XNUMX in poi è di nuovo un momento cruciale per un buon lavoro fotografico.

Nell'estate di un paese boreale o australe

1 – La presenza di luce probabilmente 24 ore su XNUMX pone problemi nella scelta del lavoro e dei tempi di riposo.

Per cominciare, non dimenticare che le “fasce orarie” dell'alba e del tramonto creano quasi sempre delle luminosità speciali.

Organizza il tuo lavoro e il tempo di riposo in modo da essere disponibile per entrambi.

2- Se hai questo privilegio, guida il tuo lavoro secondo il piacere che la scoperta ti sta regalando.

In questo tipo di contesto geografico e stagionale, è facile ritrovarsi fisicamente a terra senza aver goduto del luogo senza essere “dietro” la macchina da presa proprio perché si è entrati in “modalità automatica” e si fotografa ossessivamente affascinati dal luogo.

3 – Un'altra questione importante: i luoghi posti ad alte latitudini hanno condizioni meteorologiche complicate e instabili.

Preferibilmente, mantieniti con l'accesso a Internet, informato su cosa ci si aspetta per ogni luogo e disponibile a viaggiare nei luoghi dove il tempo è migliore.

4- Approfitta dei periodi di pioggia intensa e inconfondibilmente lunga per riposarti.

Il periodo di smobilitazione o sollievo dalla tempesta offre quasi sempre una luminosità speciale.

Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Scirocco, Arabia, Helsinki
Architettura & Design
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
S. Augustine, città della Florida, USA, il Ponte dei Leoni
Città
Saint Augustine, Florida, EUA

Ritorno agli Primordi della Florida Ispanica

La diffusione di attrattive turistiche di discutibile gusto diventa superficiale se si tiene conto dello spessore storico in questione. Questa è la città abitata più lunga negli Stati Uniti contigui. Da quando gli esploratori spagnoli lo fondarono nel 1565, St. Agostino resiste quasi a tutto.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Cultura
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
In viaggio
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Indiano incoronato
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Storia
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Natale ai Caraibi, presepe a Bridgetown
Isole
Bridgetown, Barbados e Granada

Un Natale caraibico

Viaggiando, da cima a fondo, attraverso le Piccole Antille, il periodo natalizio ci coglie alle Barbados e a Grenada. Con le famiglie dall'altra parte dell'oceano, ci siamo adattati al caldo e alle feste in spiaggia dei Caraibi.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Passeggero M:S Viking Tor rivestito di traghetto, Aurlandfjord, Norvegia
Natura
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ribeiro Frio, Madera, Vereda dos Balcões,
Parchi Naturali
Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Donne a Jaisalmer Fort, Rajasthan, India
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Spiagge
Gizo, Isole Salomone

Gala dei Piccoli Cantanti di Saeraghi

A Gizo sono ancora ben visibili i danni causati dallo tsunami che ha devastato le Isole Salomone. Sulla costa di Saeraghi, la felicità balneare dei bambini contrasta con la loro eredità di desolazione.
Libreria Sacra
Religione
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Animali selvatici
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.