Mal di montagna: non male. Fa schifo!


Alture tibetane
A meno che non si arrivi lentamente, via terra, l'altopiano tibetano è un tipico esempio di un più che probabile mal di montagna.
passeggiata solitaria
L'escursionista si avvicina al monte Swargadwari Danda (4800 m) e Dhukurpokhari, a metà strada per Pisang.
case tra le montagne
Le case di Lhasa, capitale del Tibet, ai piedi di montagne aride.
Il periodo di massimo splendore del Nord America
Veduta aerea della vetta più alta del Monte McKinley o Denali, la montagna più alta del Nord America con 6194 metri di altitudine.
Versione Neon Yak Kharka
Raccolta di cartelli promozionali all'arrivo di Yak Kharka.
bovini nepalesi
Yak riposa sul fondo grandioso di una delle cime aguzze dell'Annapurna.
una breve passeggiata
Wayne McMillan accanto al Monte Cook Ski Planes Pegasus che è appena atterrato sulle alture delle Alpi Meridionali.
Torres del Paine I
Una strada sterrata conduce ad uno dei laghi che circondano Torres del Paine.
il grande niente
I cavi delle funivie scompaiono tra le nuvole che invadono la Sierra Nevada de Mérida
Cowboy Basotho
Cavalieri Basotho che cavalcano robusti cavalli Basuto con i tradizionali cappelli e coperte della nazione.
passeggiata solitaria
L'escursionista si avvicina al monte Swargadwari Danda (4800 m) e Dhukurpokhari, a metà strada per Pisang.
Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.

All'aumentare dell'altitudine, la pressione atmosferica diminuisce e anche la quantità di ossigeno nell'aria.

Come tutti abbiamo avuto l'opportunità di notare, l'ossigeno è gravemente carente. La sua assenza provoca un drastico cambiamento nel ritmo e nell'intensità della respirazione.

Allo stesso tempo, interrompe l'equilibrio dell'acqua corporea nel sangue rispetto ai tessuti. L'organismo soffre della presenza ad alta quota indipendentemente dal fatto che vi sia stata o meno la necessaria assuefazione.

Senza questa assuefazione, il mal di montagna può avere solo conseguenze spiacevoli o addirittura drastiche.

Sintomi che possono peggiorare in un lampo

Gli effetti si fanno sentire più o meno a seconda dell'altitudine, della velocità con cui ci si arriva.

Dipendono anche dall'altitudine alla quale normalmente vive la persona e da altre variabili come la capacità polmonare (il cambiamento di ritmo e intensità sarebbe sempre meglio supportato, ad esempio, dai nuotatori olimpici) e altri “punti di forza” o di debolezza di ciascun organismo.

Di norma, i sintomi del mal di montagna iniziano ad essere evidenti al di sopra dei 2000 m e si intensificano notevolmente al di sopra dei 2800 m.

Un viaggiatore in buona forma fisica può abituarsi ad altitudini intorno ai 3000 m in pochi giorni.

Altitudini di 5000, 6000 me superiori richiedono un acclimatamento più lungo, possibilmente settimane.

Malattie e sintomi

Con dislivelli medi – ad esempio di 3000 m – la conseguenza più normale sarà giusta Mal di montagna acuto : un mal di testa piuttosto persistente e inquietante, con un po' di sfortuna, anche nausea e persino vomito.

L'altro sintomo che spicca è l'intensificarsi della stanchezza che diventa esasperante con semplici esercizi come salire una scala o un sentiero in pendenza.

L'esercizio fisico peggiora anche il mal di testa e altri sintomi.

È interessante notare che questi sintomi tendono a farsi sentire più nei giovani che negli anziani.

Edema polmonare delle alture

Si verifica in casi più estremi – quasi solo al di sopra dei 2800 m – e più frequentemente negli uomini che nelle donne.

È causato dall'accumulo di acqua nei polmoni ed è più probabile che si verifichi con una storia di raffreddore o una semplice infezione polmonare.

Può rivelarsi tra il primo e il quarto giorno dopo l'ascensione.

Avverte una mancanza di respiro più intensa del mal di montagna acuto, prurito ai polmoni, tosse secca e, poco dopo, la formazione di una grande quantità di espettorato che può essere rosa e contenere persino sangue.

In breve tempo, l'Edema Polmonare delle Alture può evolvere in una condizione che pone la vittima tra la vita e la morte.

La debacle del mal di montagna e causa di molti morti tra gli alpinisti è la peggiore delle sue conseguenze:

 o Edema cerebrale delle altezze.

Può formarsi direttamente oa seguito di mal di montagna acuto e/o edema polmonare d'alta quota, da 1 a 4 giorni dopo la salita.

Genera mal di testa più intensi, seguiti da allucinazioni e perdita di giudizio e persino dei sensi.

Questi sintomi sono accentuati con l'altitudine.

In caso di sospetto di edema cerebrale dall'alto, qualsiasi alpinista dovrebbe essere immediatamente trasferito a una quota inferiore e in ospedale.

Le immersioni subacquee appena prima di qualsiasi risalita esacerbano notevolmente i disturbi di cui sopra e i loro sintomi.

In modo che non sia così male

1 – Acclimatizzare il tempo necessario. Alcune apparecchiature simulano l'ambiente ipossico. Consentono un'assuefazione anticipata.

2 – Bere molta acqua, evitare caffè, alcol e qualsiasi altro tipo di diuretico

3 – Cammina sempre lentamente e riposati senza fretta

4 – Di fronte alla più che probabile mancanza di foglie di coca da masticare (sono rare e illegali) fatta eccezione per alcune comunità di nativi delle Ande, consumare gingko biloba.

Si ritiene che questo integratore acceleri il processo di acclimatazione e riduca i sintomi del mal di montagna.

5 – Puoi anche usare acetazolamide, una sostanza commercializzata come Diamox che ha lo stesso effetto del gingko, ma probabilmente molto più efficace.

Se prendi acetazolamide, bevi molta acqua. È un diuretico.

Casi Personali, poco estremi e senza Gravi Conseguenze:

Ascesa graduale nella cordigliera andina, Argentina

Durante un viaggio attraverso il Sud America, Sara ed io abbiamo noleggiato un'auto a Salta, a 1187 m di altitudine, nel nord dell'Argentina, ed esplorato gran parte della catena montuosa delle Ande.

Nella prima di queste occasioni, siamo saliti gradualmente e abbiamo pernottato in una o nell'altra locanda mentre passeggiavamo per la famosa Percorso 40

Ad un certo punto, ci siamo trovati su strade nel Puna andina a più di 4500 m di altitudine.

Poiché la salita a questa quota è stata graduale e ha richiesto circa due giorni, gli unici sintomi di disagio che abbiamo avvertito sono stati un'enorme stanchezza e respiro sibilante che impiegava un'eternità a regolarizzarsi ogni volta che dovevamo scalare qualsiasi collina per avere uno scenario più aperto.

Veloce salita alla cima del Monte Mauna Kea, Big Island, Havai

Per una questione di calendario, abbiamo avuto il tempo di esplorare la Big Island.

Con un'auto a noleggio, abbiamo guidato in breve tempo da Hilo, sulla costa orientale dell'isola (17 metri sul livello del mare) alla deviazione di Sadlle Road – Route 200 – per l'ultima strada di accesso alla vetta del monte Mauna Kea.

Questa deviazione è a “soli” 2021 metri di altitudine. Mauna Kea è la montagna più alto à faccia della Terra, solo e solo se l'altitudine è contata dal fondo del mare.

Poiché la sua base subacquea si trova a una profondità di 6000 me la vetta si trova a 4203 m sul livello del mare. L'altitudine “totale” del Mauna Kea è quindi 10.203 m.

Ma torniamo in strada. Ci era rimasto solo questo pomeriggio Big Island per salire in cima Mauna Kea.

Le autorità e il buon senso consigliano a nessun visitatore di farlo direttamente dal livello del mare e, in tal caso, di acclimatarsi il più a lungo possibile a metà del Centro visitatori di Onizuka.

Quando siamo arrivati, il sole era già tramontato all'orizzonte molto più in basso di quanto stavamo contando.

Poiché non eravamo disposti a lasciare il Havai senza l'esperienza di salire sulla vetta del Mauna Kea per goderci i panorami e la sua vasta stazione astronomica, abbiamo deciso di continuare quindici minuti dopo e di sopportarne le conseguenze.

In cima, Sara non ha sentito niente di speciale. Marco, ho cominciato a soffrire, da subito, di un forte mal di testa, vertigini e una stanchezza davvero insolita. Questi sintomi sono durati circa 40 minuti.

O perché il mio corpo si stava adattando rapidamente, o, chissà un po', perché l'incredibile scenario dall'alto al tramonto e al crepuscolo mi aiutava ad astrarmi, poco dopo mi sentivo solo stanco.

L'abbiamo fatto apparentemente illeso, ma devo confessare che ho iniziato a preoccuparmi seriamente per la combinazione di vertigini e mal di testa.

Viaggio a Lhasa, Tibete

Stavamo passeggiando per Chengdu, nella provincia cinese del Sichuan, uno dei luoghi da dove oggi è più facile raggiungere il Tibet. I viaggi al Tibete sono controllati dal governo cinese e non sono sempre possibili.

A quel tempo, erano possibili e non sapevamo se avremmo avuto un'altra opportunità per essere così vicini presto.

Soggiornando in un Mix Hotel, ci siamo resi conto che lì hanno organizzato viaggi per esplorare il Tibete. Per alcuni giorni abbiamo aspettato più ospiti interessati a formare un piccolo gruppo ed è successo.

Siamo stati raggiunti da Jacob, uno svedese e Ryan, un americano. Noi e Jacob abbiamo acquistato un volo da Chengdu, situato a un'altitudine media di 500 m) a Lhasa, a 3650 metri.

Ryan aveva un budget ancora più ristretto del nostro. Decise di prendere il treno e lasciò Chengdu molto prima di noi. Il viaggio in treno è durato tre giorni (44 ore, 3360 km).

Ryan aveva letto da qualche parte che, sul treno, i problemi di altitudine o non erano scomparsi o erano più tenui. Ha anche scherzato con noi perché pensava che avremmo speso più soldi e sofferto più di lui.

Il volo è durato due ore. Poco dopo atterriamo Lhasa, mentre cercavamo un albergo con la guida che ci ha accolto, io e Jacob camminavamo con la testa “fatta d'acqua”.

Sara pensava di aver evitato ancora una volta il famoso mal di montagna. La mattina dopo era proprio come noi.

Mal di testa tempestoso nella capitale tibetana

Ci siamo scambiati rancori dopo rancori e maledizioni per non aver preferito il treno. in ogni caso, il Ryan.

Da quanto ha descritto, nonostante la progressiva salita del treno, era ancora peggio di noi e, sul treno, ha dovuto ricorrere anche all'ossigeno.

A quanto pare, anche il viaggio in treno non è stato abbastanza lento. Certo, non abbiamo sprecato l'occasione per prenderlo in giro adesso. 

Ogni volta che ci fermavamo in un bar o in un ristorante Lhasa, ordinavamo invariabilmente un tè allo zenzero con miele. Se ha aiutato sostanzialmente o meno è difficile da dire.

Sappiamo che la malattia da altitudine ci ha completamente superato solo dopo due giorni di sofferenza in diminuzione.

Abbiamo ancora coperto buona parte del Tibete e siamo arrivati ​​al campo base tibetano sull'Everest, a 5.300 metri.

Nel frattempo avevamo comprato delle bombolette di ossigeno ma il nostro corpo ci si era già abituato e le usavamo, dentro la jeep, solo per simulare emergenze, per scherzo.

Visita alle opere di Ristrutturazione della funivia di Mérida, il più alto del mondo, Venezuela

Qui, in poco più di due ore, saliamo su una minicabina per il trasporto di merci e lavoratori, dai 1630 metri di Mérida ai 4.765 metri di Pico Espejo, la seconda più alta del Paese.

Abbiamo avuto brevi soste in mezzo, una di queste nella mensa dei lavoratori, per a briefing e un piccolo spuntino. Alcune delle persone nell'entourage hanno iniziato a sentire i sintomi della malattia da altitudine proprio lì. Non uscivano più dalla mensa.

Per quanto ci riguarda i problemi sono iniziati solo sull'ultimo percorso, tra la stazione di Loma Redonda (4045 m) e l'ultimo, già a Pico Espejo.

Questa volta io, Marco, ho avvertito solo un po' di stanchezza e un leggero capogiro. Sara e molte altre persone hanno dovuto scendere in semi-emergenza per prendere ossigeno.

Quando hanno misurato l'ossigeno nel sangue di Sara, il dispositivo indicava 72. Abbiamo un misuratore del genere a casa e quando lo usiamo ci dà sempre 98 o 99.

Stava diventando grave ma si è ripresa poco dopo.

Nota: se vuoi leggere di situazioni di mal di montagna davvero estreme, dai un'occhiata a rispettiva pagina Wikipedia ti consigliamo blog di arrampicatori seri.

Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Jet lag (parte 1)

Evita le turbolenze post-volo

Quando voliamo attraverso più di 3 fusi orari, l'orologio interno che regola il nostro corpo si confonde. Il massimo che possiamo fare è alleviare il disagio che proviamo finché non torna a posto.
Viaggiare non costa

Il prossimo viaggio, non far volare i tuoi soldi

Non solo il periodo dell'anno e l'anticipo con cui prenotiamo voli, soggiorni, ecc. influiscono sul costo di un viaggio. I metodi di pagamento che utilizziamo in tutte le destinazioni possono fare una grande differenza.
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Merida, Venezuela

Mérida a Los Nevados: nei confini andini del Venezuela

Negli anni '40 e '50, il Venezuela attirò 400 portoghesi, ma solo la metà rimase a Caracas. A Mérida troviamo luoghi più simili alle origini e all'eccentrica gelateria di un portoportista immigrato.
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Merida, Venezuela

La vertiginosa ristrutturazione della funivia più alta del mondo

A partire dal 2010, la ricostruzione della funivia di Mérida è stata eseguita nella Sierra Nevada da intrepidi lavoratori che hanno subito l'entità del lavoro sulla propria pelle.
Mendoza, Argentina

Da un lato all'altro delle Ande

Lasciando la città di Mendoza, la strada N7 si perde tra i vigneti, sale ai piedi del monte Aconcagua e attraversa le Ande verso il Cile. Pochi tratti transfrontalieri rivelano l'imponenza di questa salita forzata
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Cerimonie e Feste
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia – Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
Città
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
il proiezionista
Cultura
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
In viaggio
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Etnico
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Fine della giornata presso il lago della diga del fiume Teesta a Gajoldoba, in India
Storia
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre
Isole
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Isola Principe, São Tomé e Principe
Natura
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Parchi Naturali
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Porto Rico, San Juan, città murata, panoramica
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Viti Levu, Isole Fiji, Sud Pacifico, barriera corallina
Spiagge
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
Percorso in conflitto
Religione
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Società
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Ippopotamo nella laguna di Anôr, isola di Orango, Bijagós, Guinea Bissau
Animali selvatici
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.