Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri


mini dinosauro
Portale per gli Inferi
Destinazione: Cuzama
Mezzo di trasporto semi-ferroviario che, lungo la fattoria Chunkanan, porta visitatori e bagnanti al cenote di Cuzamá.
bottino di tempo
Chunkanan hacienda edificio, in rovina, non per l'impatto del meteorite ma per gli effetti negativi sull'economia.
Vita. Bella vita.
Due gringo celebrano la vita umana che, secondo la teoria sempre più popolare, l'estinzione dei dinosauri permette loro di godere.
Flaminga Cuesta
I fenicotteri si nutrono nella laguna salmastra della Riserva Naturale di El Corchito, un'area arginata sulla soglia terrestre dell'impatto del meteorite.
una frattura verde
Apertura nello strato predominante di roccia calcarea che ricopre l'area terrestre della penisola dello Yucatan interessata dall'impatto del meteorite.
cenote
coppia bicolore
I cavalli riposano su un terreno pietroso (roccia calcarea) generato dall'esplosione apocalittica causata dal meteorite Chicxulub 66 milioni di anni fa.
bagno sotterraneo
I bagnanti si divertono nella laguna di una delle numerose doline sparse per la penisola dello Yucatan.
Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.

(Puerto) Progreso è, per eccellenza, la località balneare della meridiano, soprattutto in luglio-agosto, quando il caldo e l'umidità premono in queste parti tropicali delle Americhe e rendono l'atmosfera soffocante.

Durante l'estate, le case e le aziende sul lungomare che si affaccia sul Golfo del Messico si riempiono di ospiti temporanei.

Alcune di queste case sono case piccole, fuori moda ma pittoresche che sembrano rannicchiarsi insieme per godersi il dolce andirivieni del mare.

Altre, più lontane dal centro del paese, sono case sofisticate e ordinate che i nordamericani vi costruiscono per ripararsi dalla frigidità invernale.

In alta stagione per il turismo caraibico, enormi navi da crociera attraccano vicino al molo della città, il più lungo del Messico, con un modesto 6.5 km.

Quindi i gringo sbarcano e passeggiano per il Malecon, prima e dopo essere saliti a bordo di furgoni e autobus e dirigersi verso Mérida, Chichen Itza e altri luoghi storici e naturali della penisola dello Yucatan.

Spesso, nonostante l'acqua rimanga un po' fangosa tutto l'anno, trovano il mare inondato di bagnanti e ospiti della regione, una folla dedita a una celebrazione solare, esotica e anfibia della vita e del proprio tempo libero.

Questo è il quadro che abbiamo dipinto di Progreso vivo e caldo. Quello che troviamo in una mattina di novembre che sta per trasformarsi in dicembre è del tutto diverso.

Dopo tre giorni di fronte freddo, il cielo torna al cielo azzurro, molto più comune da queste parti. Il sole splende, ma con un potere trattenuto. Quando siamo passati oltre la facciata delle case, il Malecon è ceduta al Nord, ai venti prevalenti e furiosi che scendono dal golfo, provenienti dai confini boreali dell'America.

È anche deserto. Il fatto di non vedere anima viva ci incoraggia a partire ed esplorare altri angoli della sommità della penisola.

Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico

Un'iguana nelle vicinanze del Tempio del Vento a Tulum. La devastazione causata dal meteorite Chicxulub avrà annientato tutti gli animali terrestri di peso superiore a 25 kg. Degli enormi dinosauri predominanti, sono rimasti esemplari molto più piccoli.

A proposito di Chicxulub. E la brusca estinzione dei dinosauri.

Per tutta la mattina abbiamo vagato per un dominio altrettanto desolato dello Yucatan. Abbiamo sfiorato una circonferenza della Terra che un tempo era così sventrata che la sua distruzione ha dato origine a una sorta di Inverno Globale e alla conseguente estinzione di specie più grandi, in particolare i dinosauri (non volanti) che hanno dominato a lungo il pianeta.

La teoria dell'impatto di un meteorite di 15 km di diametro, circa 65 milioni di anni fa, è stata accettata dagli scienziati come la spiegazione più urgente per l'improvvisa scomparsa di questi rettili preistorici.

Nel 1978, Glen Penfield, un geofisico che ricercava petrolio per la società messicana PEMEX, rilevò un cratere di circa 300 km di diametro.

Le è stato dato il nome di Chicxulub, paese a pochi chilometri a sud di Progreso, al quale ci siamo avvicinati dopo aver ammirato gli stormi di fenicotteri nelle acque salmastre della Riserva Ecologica El Corchito e, ad est, nella Laguna Rosada.

Fenicotteri nella riserva naturale di El Corchito, Merida, Messico

I fenicotteri si nutrono nella laguna salmastra della Riserva Naturale di El Corchito, un'area arginata sulla soglia terrestre dell'impatto del meteorite.

La riserva precede il porto di Chicxulub, una sorta di estensione marina del persone omonimo dell'interno, a sua volta vicino di Dzibilchaltún, un sito archeologico Maya più piccolo che abbiamo anche colto l'occasione per sbirciare.

Per quanto riguarda El Corchito e Laguna Rosada, possiamo vedere, sulla mappa, che sono solo due domini della vasta area arginata al di sotto del margine di costa quasi insulare che racchiude lo Yucatan.

Tale debolezza – o faglia geologica – risulta essere solo più ampia ed esposta di quelle che costellano la penisola, comprese le sue innumerevoli cenotes, (doline profonde) e i fiumi sotterranei che li alimentano e li collegano.

Questo panorama dei formaggi svizzeri è, dopotutto, la conseguenza geologica del fenomeno siderale che ha ucciso i dinosauri.

Un impatto apocalittico

Recenti studi effettuati nel fondale poco profondo del Golfo del Messico ci hanno permesso di concludere che il meteorite sarà caduto in uno dei luoghi meno favorevoli della faccia della Terra.

Se l'impatto fosse avvenuto poche ore prima o qualche ora dopo, molto probabilmente il meteorite avrebbe colpito un'area profonda dell'Oceano Atlantico o Pacifico e quella profondità avrebbe attutito l'impatto.

Nel momento e nel luogo in cui accadde, il meteorite cadde su un mare poco profondo, ricoperto da una specie di gesso minerale.

La collisione è stata devastante. Ha aperto un cratere nella crosta terrestre lungo 100 km e profondo 30 km. Successivamente, questo cratere è crollato ed è aumentato di oltre il doppio.

Frattura ora verdeggiante nella superficie calcarea della penisola dello Yucatan

Apertura nello strato predominante di roccia calcarea che ricopre l'area terrestre della penisola dello Yucatan interessata dall'impatto del meteorite.

Oggi la sua sezione marina (quasi tutta) è ricoperta da seicento metri di sedimento. Il terrestre, a sua volta, era sotto uno strato di calcare, come abbiamo già visto, costellato di doline e simili fenomeni erosivi.

L'esplosione generata dall'impatto del meteorite ha avuto una potenza equivalente a dieci miliardi di bombe atomiche"Ragazzino”, quello che il B-52 “Enola Gay” è caduto Hiroshima. Ha generato terremoti e maremoti che hanno colpito gran parte del pianeta. Rilasciava enormi quantità di roccia vaporizzata e zolfo, oltre a una fuliggine che combinava anche particelle di altre sostanze.

Joanna Morgan, una professoressa e scienziata britannica che ha partecipato alle indagini più recenti, afferma che sono state proiettate 325 gigatonnellate di zolfo, una stima prudente.

Qualunque fosse la quantità, una nuvola apocalittica oscurò l'atmosfera. Ha bloccato i raggi solari in modo tale che la temperatura è scesa tra 8 e 17ºC e diverse aree hanno subito siccità catastrofiche.

Nell'emisfero settentrionale, il cambiamento climatico è stato più pronunciato e duraturo che nel sud. Questo, in un'epoca in cui il clima sulla faccia della Terra si era già raffreddato da tempo a causa dell'intensificarsi dell'attività vulcanica.

È credibile che la pioggia abbia riportato in mare alcune di queste particelle vaporizzate. Kunio Kahio, un famoso scienziato giapponese, sostiene, tuttavia, che una parte sostanziale è rimasta in circolazione nell'alta atmosfera.

Segno del cenote a Chunkanan, Merida, Messico

Un cartello identifica il cenote di Cumaná, una dolina nascosta nella fattoria semiabbandonata di Chunkanan, a sud della città di Mérida.

Chicxulub, dall'estinzione dei dinosauri al rinnovamento della vita sulla Terra

Se torniamo all'aspetto probabilistico dell'impatto, vedremo che, nel corso dei millenni, diversi altri meteoriti di dimensioni simili sono caduti su altre parti della Terra: Chesaoeake Bay, nel EUA., Baviera, tra gli altri.

Ma solo una superficie terrestre rara ed eccezionale – carica di idrocarburi – come quella intorno a Chicxulub, potrebbe causare un cambiamento atmosferico e un'estinzione di massa come quella avvenuta.

Nella terra soffocata e gelida che il meteorite ha lasciato in eredità, una vegetazione di notevoli dimensioni ha rapidamente ceduto. Senza cibo, possibilmente congelato, sono seguiti poi i dinosauri e molte altre specie, si ritiene che il 75% di tutti gli animali o almeno tutti gli animali terrestri di peso superiore ai 25 kg, sebbene, per la maggior parte, siano sopravvissuti i dinosauri uccelli.

Nella sbornia di questa teoria, illustri scienziati hanno scoperto aree con decine di migliaia di frammenti fossili accumulati in uno strato di sedimenti di soli 10 cm.

Ora, questa concentrazione di esemplari vittimizzati e sepolti nello stesso luogo sarebbe possibile solo se causata da un evento fulminante e devastante come quello che ha causato il cratere Chicxulub.

Questo evento ha spazzato via i dinosauri per sempre. Allo stesso tempo, ha mescolato i dati della vita sulla Terra. In modo tale che, con la normalizzazione dell'atmosfera, l'evoluzione delle specie ha ricevuto un incremento che ha portato all'incredibile diversità che si è verificata da tempo, e all'emergere, proliferare e supremazia della specie umana.

Ingresso a un cenote vicino a Playa del Carmen, Quintana Roo, Messico

Un altro ingresso nel mondo sotterraneo della penisola dello Yucatan, questa volta nello stato di Quintana Roo, vicino a Playa del Carmen.

Anche lì, sul bordo del cratere, nei lasciti geologici dell'impatto, come in quelli che segnano il progresso antropologico dell'Uomo, vivono e celebrano uomini e donne autoctoni e stranieri che, a credere alle teorie sempre più accettate, la catastrofe meteorite avrà concesso.

Lo scenario tropicale post-impatto della penisola dello Yucatan

Da Progreso zigzaghiamo attraverso il territorio dello Yucatan, prima attraverso l'omonimo stato messicano, poi attraverso il resto della penisola. Come migliaia di visitatori provenienti da altre parti lontane del pianeta colpito, siamo abbagliati dalle città che maya si diffondono in quello che, dopo un'incredibile epopea migratoria, è diventato il loro angolo sulla Terra.

Dopo Dzibilchaltún, esploriamo il complesso cerimoniale di Chichen Itza e altri luoghi come la città gialla izamal in cui le vestigia e l'eredità Maia e coloniale ispanico coesistono plaza a plaza, calle a calle.

Come è anche buon senso, ci siamo sollevati da un po' di stress turistico in molte delle SPA acquatiche naturali che abbondano da queste parti. In assenza di condizioni balneari sulla costa del Golfo del Messico, ci siamo avventurati nelle profondità del Rio Secreto (un fiume sotterraneo).

Facciamo il bagno sulle perfette spiagge caraibiche di Quintana Roo, il più nuovo degli stati della penisola; anche in quello di Tulum che è coronato da uno dei rari complessi architettonici maya eretto quasi sul Mar dei Caraibi.

Rovine della fattoria Chunkanan a Merida, in Messico

Chunkanan hacienda edificio, in rovina, non per l'impatto del meteorite ma per gli effetti negativi sull'economia.

In un altro tour dello Yucatan, torniamo all'interno di Mérida, scoprendo una fattoria enequera secolare, a suo tempo produttore di cactus usati per fibre di abbigliamento e altri usi.

A Meteorite Legacy, il cenote dello Yucatan

Hacienda Chunkanan risale ai tempi del presidente messicano Porfirio Diaz. Come racconta la guida residente, Diaz lo offrì, nel 1937, ai contadini della zona perché se ne guadagnassero da vivere. Così è stato fino a quando, nel 2002, in un contesto in cui la materia prima era già stata svalutata, un uragano Isidoro l'ha distrutta.

Da allora, il ripristino delle infrastrutture e della produzione continua a subire ritardi. Per mancanza di meglio, i contadini stanno approfittando di ciò che è rimasto del ciclone e di ciò che il meteorite Chicxulub ha lasciato loro.

“Mettetevi comodi, avremo dieci minuti di viaggio”. ci istruisce Jesus Pech Arjona, il conducente della carrozza che abbiamo preso. Di fronte al crescente interesse da parte di estranei per le fattorie storiche dello Yucatan e le più impressionanti doline, i lavoratori indigeni hanno utilizzato il sistema ferroviario di base della tenuta.

Accesso al cenote di Cuzama, Mérida, Messico

Mezzo di trasporto semi-ferroviario che, lungo la fattoria Chunkanan, porta visitatori e bagnanti al cenote di Cuzamá.

Di conseguenza, un tranquillo cavallo traina noi e la piccola carrozza lungo un corridoio sgomberato dalla vegetazione tropicale. Dieci minuti dopo, siamo sbarcati. «Vedi quel cartello in fondo alle scale? L'ingresso è laggiù!»

Avanzammo e sbirciammo l'apertura in cui erano sistemate le scale. Sotto, leggermente illuminato dalla luce solare obliqua, il cenote di Cuzamá, una profonda e ampia dolina, dotata di una pozza di acqua color smeraldo traslucido. Indossiamo costumi da bagno.

Cenote (dolina) nello stato di Merida, Messico

I bagnanti si divertono nella laguna di una delle numerose doline sparse per la penisola dello Yucatan.

Scendemmo le scale e ci unimmo ad altri quattro o cinque bagnanti che già si stavano godendo l'insolita laguna. Abbiamo sguazzato, nuotato, investigato lo strano fondo della grotta allagata.

E rimaniamo a galla per minuti e minuti, pensando solo all'ironia che lo stesso meteorite furioso che ha annientato i dinosauri ci aveva convalidato. E al delizioso capriccio geologico in cui ci siamo sentiti rinnovati.

Maggiori informazioni turistiche sulla penisola dello Yucatan sul sito web visitare il Messico

izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Il deprezzamento dell'argento che ha portato a quello del Pueblo (Parte II)

Con l'inizio del XX secolo, il valore del metallo prezioso ha toccato il fondo. Da città prodigiosa, Real de Catorce è diventato un fantasma. Sempre alla scoperta, esploriamo le rovine delle miniere alla loro origine e il fascino del Pueblo risorto.
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Ombra vs Luce
Architettura & Design
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
Il Campidoglio di Baton Rouge si riflette in una piscina riflettente presso la Biblioteca di Stato
Città
Baton Rouge, Louisiana, Stati Uniti

Dalla frontiera indiana alla capitale della Louisiana

Durante la loro incursione nel Mississippi, i francesi individuarono un bastoncino rosso che separava i territori di due nazioni native. Da questa spedizione del 1723 fino a qui seguirono le nazioni europee che dominarono queste parti. Con il passare della storia, Baton Rouge divenne il cuore politico del 18° stato degli Stati Uniti.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Mar de Parra
Cultura
Mendoza, Argentina

Viaggio attraverso Mendoza, la grande provincia vinicola argentina

I missionari spagnoli si resero conto, nel XVI secolo, che l'area era destinata alla produzione del “sangue di Cristo”. Oggi la provincia di Mendoza è al centro della più grande regione vinicola dell'America Latina.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Omero, Alaska, baia di Kachemak
In viaggio
ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska

Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.
Barrancas del Cobre, Chihuahua, donna Rarámuri
Etnico
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

tarsio, bohol, filippine, ultraterreno
Storia
Bohol, Filippine

Una Filippine dall'altro mondo

L'arcipelago filippino si estende per oltre 300.000 km² di Oceano Pacifico. Parte del sub-arcipelago delle Visayas, Bohol ospita piccoli primati dall'aspetto alieno e le colline soprannaturali delle Chocolate Hills.
Natale ai Caraibi, presepe a Bridgetown
Isole
Bridgetown, Barbados e Granada

Un Natale caraibico

Viaggiando, da cima a fondo, attraverso le Piccole Antille, il periodo natalizio ci coglie alle Barbados e a Grenada. Con le famiglie dall'altra parte dell'oceano, ci siamo adattati al caldo e alle feste in spiaggia dei Caraibi.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Natura
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Isola Principe, São Tomé e Principe
Parchi Naturali
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Spiagge
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Vairocana Buddha, tempio Todai ji, Nara, Giappone
Religione
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
L'imperatore Akihito Waves, Imperatore senza Impero, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
Animali selvatici
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.