Yangon, Myanmar

La grande capitale della Birmania (a parte le delusioni della giunta militare)


Cuore buddista del Myanmar
La grande pagoda dei luccichii si riflette nelle acque del lago Kandawgyi.
Sicuro
Un giovane monaco posa accanto a un dipinto religioso nella Pagoda di Shwedagon.
eredità coloniale
Parzialmente isolata dal mondo a causa della rigidità del regime militare, Yangon è una delle città del sud-est asiatico con il maggior numero di edifici coloniali.
corte buddista
Il monaco del monastero di Chauk Htat Gyi si fa rasare i capelli con una lama l'uno dall'altro.
buddha riposato
Buddha sdraiato dalla Pagoda Chauk Htat Gyi, lungo 65 metri e alto 16 metri.
un momento di fede
I credenti buddisti pregano davanti alla grande Pagoda Shwedagon, fulcro religioso di Yangon e del Myanmar.
Il grande Shwedagon paya
Fedeli e visitatori intorno all'ampia base della Pagoda Shwedagon.
Buon umore a bordo
Un assistente di autobus sorride enormemente all'attenzione che il suo veicolo attira da parte di fotografi esterni.
Venditore ambulante di mezzo
Il piccolo commerciante espone le sue verdure in uno dei tanti mercati all'aperto di Yangon.
mini birmano
Baby si avventura in uno dei numerosi cortili della Pagoda Shwedagon dove un monaco legge un giornale.
chiromante ambulante
Un chiromante legge la mano di un cliente nel centro di Yangon.
alla luce del buddismo
I residenti di Yangon vivono la vita notturna della città, illuminata anche dalla Pagoda Shwedagon.
Curiosità buddista
Il bambino fa capolino da una stanza dove si stavano rifugiando due monaci buddisti.
Il vecchio Yangon
Prospettiva delle case in decomposizione di Yangon viste da uno degli edifici più alti della città.
ombre private
I giovani visitatori della Shwedagon Pagoda si riparano dal sole tropicale di metà pomeriggio a Yangon.
Nel 2005 il governo dittatoriale del Myanmar ha inaugurato una nuova capitale bizzarra e quasi deserta. La vita esotica e cosmopolita rimane intatta a Yangon, la città più grande e affascinante della Birmania.

Era tanto casuale quanto gratificante. La prima volta che siamo entrati in Myanmar ha coinciso con il giorno della liberazione di Aung San Suu Kyi, The Lady, come i birmani chiamano la loro salvatrice.

La gente di questo paese incatenato, già gentile e calorosa, viveva una rinnovata speranza e regalava lunghi sorrisi che l'urgenza di vendere i servizi di guide, artigianato, souvenir, qualunque cosa, non sembrava intaccare.

Venditore ambulante di mezzo

Il piccolo commerciante espone le sue verdure in uno dei tanti mercati all'aperto di Yangon.

Come il popolo del Myanmar, Suu Kyi era stata tenuta, per la maggior parte degli ultimi ventuno anni della sua vita, nei corsetti del regime militare.

Né le pressioni internazionali né lo status di Premio Nobel acquisito nel frattempo hanno abbreviato le pene a cui era stata condannata.

Nel tardo pomeriggio del 13 novembre 2010 siamo passati in taxi, proprio davanti al viale che porta a casa sua. L'ingresso è stato bloccato dall'esercito ma abbiamo presto scoperto come era andata la liberazione.

Il tassista non ha potuto nascondere la sua gioia e ha usato un inglese accettabile per esprimerla: “Sembri più giovane che mai. Non poteva essere solo una mia impressione.

Quando ho visto le immagini in tv mi sono commossa per la sua bellezza, per quella dignità sofferente a cui ci ha sempre abituato…”

Naypyidaw: l'emergere della capitale fantasma dell'antica Birmania

Otto anni prima, il governo militare aveva nuovamente sconvolto le persone che opprimeva con un'altra delle sue folli decisioni.

Circa 25 imprese di costruzione sono state incaricate di costruire una nuova capitale da zero.

Tra i birmani si è diffusa la convinzione che, come era successo con diverse altre decisioni dei dittatori militari, un astrologo avesse avvertito Than Shwe – l'ex capo della giunta – che un attacco straniero era imminente.

L'avvertimento ha innescato il processo di allontanamento da Yangon e dal mare.

Due gigantesche carovane militari assicuravano il trasporto dei ministeri del governo e dei battaglioni dell'esercito nella nuova capitale. Il trasloco frettoloso ha comportato la mancanza di scuole e di molte altre infrastrutture essenziali.

Per questo motivo, mentre i dipendenti del governo stavano già lavorando a Naypyidaw, le loro famiglie trascorrevano un tempo infinito a Yangon.

Buon umore a bordo

Un assistente di autobus sorride enormemente all'attenzione che il suo veicolo attira da parte di fotografi esterni.

La nuova capitale divenne la più grande aberrazione urbana nel sud-est asiatico. Nell'esotica e decadente Yangon, poco o nulla è cambiato da allora.

Yangon (o Rangoon): Vagando per la vera vecchia capitale

Siamo sfuggiti alle grinfie di un terribile jet lag.

Dall'alto di uno degli edifici più alti della città, possiamo ammirare le sue case assortite.

Fatta di edifici antichi, imbruniti dal tempo e dalla ruggine dei tetti di lamiera, nello stile di quelli dell'Avana o di Calcutta, ma da cui, qua e là, spiccano nuovi coloratissimi esemplari.

Il vecchio Yangon

Prospettiva delle case in decomposizione di Yangon viste da uno degli edifici più alti della città.

Scendiamo al piano terra di via Sule Paya.

Nel bel mezzo della recessione, ci sforziamo di scambiare dollari al miglior tasso di cambio possibile, mai quello che appare sui tavoli internazionali e ufficiali.

Subito dopo cediamo all'ansia e ci dirigiamo subito nel cuore spirituale della città e in uno dei templi buddisti più imponenti del mondo.

Il taxi ci lascia a uno dei tanti ingressi alla grande Pagoda di Shwedagon.

Siamo su un terreno sacro e, come tutti i visitatori, per lo più credenti locali o pellegrini birmani, dobbiamo entrare a piedi nudi.

Il grande Shwedagon paya

Fedeli e visitatori intorno all'ampia base della Pagoda Shwedagon.

Shwedagon Pagoda: Il centro buddista di Yangon

All'interno, il pavimento a mosaico bianco irradia la forte luce della latitudine tropicale e il bagliore dorato del massiccio stupa a forma di campana oscura qualsiasi altra vista.

Non ci è voluto molto per adattarci alla nuova luce e per ammirare la spiritualità del luogo.

Intorno, decine di fedeli rivolgono le loro preghiere al maestoso simbolo, da soli o sincronizzati in grandi gruppi.

I monaci meditano o socializzano tra loro e con i credenti accanto a mini-stupa o set armoniosi di statue di Buddha.

ombre private

I giovani visitatori della Shwedagon Pagoda si riparano dal sole tropicale di metà pomeriggio a Yangon.

Più tardi nel corso della giornata, le adoratrici si offrono volontari come spazzatrici.

Formano brigate di pulizia popolari, girano intorno allo stupa fiancheggiato da scope di paglia sollevate e lasciano il tempio immacolato per i devoti del giorno successivo.

Abbiamo lasciato il tempio alla sua religiosità ed esplorato altre parti della città. Capiamo subito che ciò che lo rende ancora più speciale è il modo in cui si inserisce in un contesto urbano denso e contrastante come Yangon.

Quando il sole inizia a tramontare, stiamo passeggiando lungo le rive del lago Kandawgyi.

Lì, siamo sorpresi dall'architettura birmana del ristorante galleggiante Karaweik, ispirato e modellato come un uccello mitologico con un nome simile e un richiamo melodioso.

alla luce del buddismo

I residenti di Yangon vivono la vita notturna della città, illuminata anche dalla Pagoda Shwedagon.

La Pagoda Shwedagon riacquista presto la nostra piena attenzione. La palla del sole aumenta di dimensioni e cade all'orizzonte. Poi si dissolve in un crepuscolo ancora più esuberante.

A poco a poco, il crepuscolo regala al lago uno splendido riflesso del tempio supremo e del ristorante Karaweik, entrambi dorati, entrambi illuminati su uno sfondo leggermente tropicale sotto un cielo caldo punteggiato da piccole nuvole magenta.

E anche quando fa buio, l'enorme stupa non smette di brillare nella quasi oscurità di Yangon.

Cuore buddista del Myanmar

La grande pagoda dei luccichii si riflette nelle acque del lago Kandawgyi.

Una città cosmopolita dove l'Asia incontra

La mattina dopo, ripartiamo alla scoperta della città che benedice. Yangon appare in una fertile regione dell'omonimo delta del fiume, nel Myanmar centrale.

Più camminiamo per le sue strade umide, più abbiamo la sensazione di essere alla periferia dell'India – questo è vero – e davanti a un'opera come quella che era rimasta a metà.

Edifici fatiscenti si succedono come residenze private o sedi ministeriali. A volte sono intervallati da recenti torri di uffici e con templi indù gopuram (torri ornate) più eccentrico che altro nelle immediate vicinanze.

eredità coloniale

Parzialmente isolata dal mondo a causa della rigidità del regime militare, Yangon è una delle città del sud-est asiatico con il maggior numero di edifici coloniali.

Insieme alle decine di stupa dorati, formano un affascinante disordine urbano che ospita l'intensa vita di oltre cinque milioni di persone, tra cui birmani, India, Cina e altre nazioni dell'Asia meridionale.

Intorno al grande edificio del mercato coperto di Bogyoke Aung San dove tutto viene venduto e comprato sotto il sole cocente, le attività secondarie sono spontanee e abbondanti come lo sono a Nuova Delhi o Bombay.

Un giovane chiromante legge la mano di una signora, installata sul suo supporto mobile, non più che la scatola di un furgone contrassegnata da grandi manifesti che spiegano il significato di ogni riga sul palmo.

chiromante ambulante

Un chiromante legge la mano di un cliente nel centro di Yangon.

Mercati e imprese per tutti i gusti

Nelle vicinanze e ovunque, i venditori di noci di betel tengono aggiornato il loro stock con i numerosi consumatori che frequentano le loro bancarelle, mezzo muro con riviste, poster di modelli birmani e star del cinema.

Un'altra di tante strade, questa con le ombre perse tra alberi di mango secolari e le persiane delle finestre ognuna del proprio colore, ospita stendini raccolti, una foresta di cavi telefonici e sull'asfalto uno sfolgorante mercato rionale.

In esposizione mobili e grilli fritti, pronti da mordere, verdura e frutta di ogni tipo e uova fritte in una grande forma piena di buchi per riceverli.

fonduta di strada

Un venditore ambulante a Yangoon, in Myanmar, attira i passanti con piccoli kebab appena fritti

Abbiamo camminato in questo mercato frenetico attraverso gran parte del centro di Yangon, passando per la Pagoda Botataung, i numerosi monasteri intorno, con ancora tempo per dare un'occhiata ad alcuni maestosi edifici governativi coloniali.

Ci fermiamo solo alla banchina del fangoso fiume Yangon dove parte della popolazione prende le barche Sirion e altri villaggi sull'altra sponda, e un altro si rilassa praticando sport o socializzando vicino al paesaggio lungo il fiume.

Chauk Htat Gyi: Nuova Pagoda, un'altra visione del buddismo birmano

Nuovo giorno a Rangoon, come i coloni britannici preferivano chiamare la città. Ci dedichiamo ancora una volta al Buddismo, nelle parti più interne della città. Siamo passati dal vecchio terminal stazione ferroviaria.

Prendiamo un taxi che ci lascia alla porta della Pagoda Chauk Htat Gyi.

Oltre all'interesse della pagoda stessa, c'è un Buddha sdraiato lungo 65 metri e alto 16 metri.

“Verrò con te e ti mostrerò tutto e ti riporterò al centro. Tutti insieme faccio un prezzo inconfutabile!

buddha riposato

Buddha sdraiato dalla Pagoda Chauk Htat Gyi, lungo 65 metri e alto 16 metri.

La promozione del tassista Nyi Nyi Win ci lascia disarmati quindi accettiamo volentieri. Abbiamo finito per ammirare il superlativo Buddha.

Con il favore speciale della guida neoassunta, abbiamo anche visitato l'adiacente interno del monastero in cui visse lui stesso quando era piccolo e fraternizzato con la guida spirituale della comunità e diversi altri monaci.

Compreso uno i cui capelli vengono pazientemente rasati all'esterno con un classico rasoio.

corte buddista

Il monaco del monastero di Chauk Htat Gyi si fa rasare i capelli con una lama l'uno dall'altro.

Solo Nyi Nyi parla inglese. “i monaci di questo monastero hanno avuto un ruolo molto importante in una delle rivolte religiose contro il regime” ci informa con orgoglio palese.

Nell'aprile 2012, Aung Suu Kyi è stato eletto alla camera bassa del parlamento birmano. È stata scelta come presidente del Myanmar nel 2015.

Sei anni dopo, (2021), gli uomini forti del Myanmar hanno ripreso il controllo del Paese e affrontano, con lacrimogeni e proiettili, la furia del popolo birmano.

L'odiato regime militare mantiene il suo quartier generale nella capitale ufficiale ma surreale di Naypyidaw.

Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
ponte u-beinMyanmar

Il crepuscolo del ponte della vita

A 1.2 km, il ponte di legno più antico e lungo del mondo permette ai birmani di Amarapura di vivere il lago Taungthaman. Ma a 160 anni dalla sua costruzione, U Bein è nel suo crepuscolo.
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Monte Kyaiktiyo, Myanmar

La roccia dorata ed equilibrata del Buddha

Stavamo andando alla scoperta di Rangoon quando abbiamo scoperto il fenomeno Rocha Dourada. Abbagliati dal suo equilibrio dorato e sacro, ci uniamo al già secolare pellegrinaggio dei birmani al monte Kyaiktyo.
bacca, Myanmar

Viaggio a Bago. E al regno portoghese di Pegu

Determinati e opportunisti, due avventurieri portoghesi divennero re del regno di Pegu. La sua dinastia durò solo dal 1600 al 1613. È passata alla storia.
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Architettura & Design
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Cerimonie e Feste
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Famiglia a Hobart, Tasmania, Australia
Città
alla Scoperta di Tassiè, Parte 1 - Hobart, Australia

La porta sul retro dell'Australia

Hobart, la capitale della Tasmania e la più meridionale dell'Australia, fu colonizzata da migliaia di esuli dall'Inghilterra. Non sorprende che la sua popolazione mantenga una forte ammirazione per gli stili di vita marginali.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
intersezione
Cultura
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Crociera Navimag, da Puerto Montt a Puerto-natales, in Cile
In viaggio
Puerto Natales-Porto Montt, Cile

Crociera su una nave mercantile

Dopo una lunga elemosina di viaggiatori zaino in spalla, la compagnia cilena NAVIMAG ha deciso di accoglierli a bordo. Da allora, molti viaggiatori hanno esplorato i canali della Patagonia insieme a container e bestiame.
Bagni insoliti
Etnico

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Thingvelir, Origins Democracy Islanda, Oxará
Storia
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina
Isole
El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina

Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Isola Principe, São Tomé e Principe
Natura
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Manatee Creek, Florida, Stati Uniti d'America
Parchi Naturali
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Machangulo, Mozambico, tramonto
Spiagge
Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Società
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.