Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes


I meandri di Matukituki
La luce solare diffusa illumina la gola del fiume Matukituki.
da pascoli di anfibi
Cowboy guida una mandria lungo il letto ridotto del fiume Matukituki.
Barone Will
Will posa alla testa del suo storico aereo che continua a volare giorno dopo giorno sui cieli di Wanaka.
Rob Roy verde
Il verde smeraldo scongelato di Rob Roy Creek.
acque fredde
Piattaforma per immersioni sul lago Wanaka.
Mondo intrigante
Portico of Puzzling World un piccolo parco a tema che intrattiene i visitatori con illusioni.
in sospensione
Ponte sospeso sul fiume Matukituki, vicino al punto in cui sfocia il Rob Roy Stream.
Con l'aiuto dei Santi
Seria esercitazione di fondo lungo il sentiero in pendenza del Rob Roy Creek sottostante.
I dilemmi della vita locale
visitatori di Mondo Enigmatico in un piccolo labirinto di legno.
Barone Will II
Will, un pilota locale di aerei classici, sta per decollare all'aeroporto di Wanaka.
Il transito di Wanaka
Un gregge di pecore avanza, in linea, parallela al fiume Matukituki.
Affari in natura
Fiera del fine settimana, che si svolge all'aperto ai margini del lago Wanaka.
Rob Roy bianco
Il ghiacciaio Rob Roy, installato addossato a buona parte dell'omonima cima.
Nuova Zelanda, c'erano dei dubbi?
Pecore sparse in un prato verde con le montagne delle Alpi meridionali sullo sfondo.
Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.

La domenica albeggia luminosa.

Abbiamo camminato senza meta lungo il bordo erboso di Wanaka, in Nuova Zelanda. Siamo fermati dalla sfida caricaturale a cui si era impegnato un adolescente. "Vinci 50 o 100 dollari" alletta il poster. Il partecipante si aggrappa meglio che può alla scala flessibile di plastica.

Con sorpresa del promotore del gioco, supera i suoi capricci e se ne va con uno dei conti in discussione, passeggiando per la specie di mercatino delle pulci e allo stesso tempo il garage che si svolge intorno ad esso.

Fiera a Wanaka, Nuova Zelanda

Fiera del fine settimana, che si svolge all'aperto ai margini del lago Wanaka.

Wanaka si distrae meglio che può e con poco. Situata a soli 70 km di distanza, Queenstown è la capitale adrenalinica della Nuova Zelanda. Non si riposa un secondo da decenni. Invece, la maggior parte degli abitanti di Wanaka sono orgogliosi della pace bucolica che sono venuti a venerare e condividono un certo terrore alla prospettiva che il loro villaggio diventi come il suo vicino.

Fino al momento in cui siamo andati lì, non c'erano fast-food a Wanaka, né orde di adolescenti estranei arrivavano con il quasi unico scopo di fare bungee jumping o altre attività così radicali. La pratica più estrema da queste parti è lo sci e lo snowboard, anche se a una buona distanza dal paese.

Dall'origine Maori al rifugio preferito dei kiwi

L'origine del nome Wanaka deriva dalla corruzione di Oanaka, "Il posto di Anaka”, Anaka è uno dei primi capi Maori di quest'area. Il villaggio, invece, è simile a tanti altri nel vasto dominio dei alpi meridionali dalla Nuova Zelanda.

Appare in prossimità di montagne innevate, sulle sponde idilliache di laghi alimentati dallo scioglimento dei ghiacci. Il suo aspetto ha, tuttavia, qualcosa di speciale. E se non fosse solo il paesaggio, la cultura enogastronomica e il profilo della comunità farebbero sempre una bella differenza.

Lago Wanaka, Nuova Zelanda

Piattaforma per immersioni sul lago Wanaka.

Le persone della terra si conoscono e si salutano in modo affabile ogni volta che sono per strada o in un locale. Più che un semplice saluto, i residenti si dedicano a frequenti attività e passatempi all'aperto. In questo modo, vedono rafforzata la loro reciproca tranquillità e, soprattutto, la solidarietà che li aiuta a superare i momenti difficili della loro vita.

Ma coloro che vivono a Wanaka non sono necessariamente nati lì. I migranti arrivano stufi del trambusto cosmopolita e senz'anima di Auckland, la grande città della nazione. Si trasferiscono da Wellington, la capitale molto più contenuta. Vengono da Christchurch che i terremoti insistono nel devastare, da Queenstown, la mecca degli sport estremi e anche da paesi europei o nordamericani.

Non appena si stabiliscono, i nuovi residenti si lasciano contagiare dall'amor proprio del luogo. Vengono a venerarlo e lodarlo in ogni conversazione al bar, tra la gente del posto o con i visitatori di passaggio.

Sul bordo di uno splendido lago con lo stesso nome

Come parte di quest'ultima categoria, ci meravigliamo di ogni passo che facciamo intorno all'azzurro lago Wanaka, con le cime innevate che sporgono dalla sua sponda opposta e le colline verdeggianti che le fanno risaltare.

Entriamo nelle case, per lo più in legno, disposte lungo la piana alluvionale del lago, tra la sua sabbia di piccoli ciottoli slavati e un campione di catena montuosa quasi priva di vegetazione e neve. Non ci imbattiamo in case ostentate.

In un buon modo di kiwi, tutto rimane il più semplice possibile. Di fronte all'inevitabile domanda su cosa fare per mantenersi, diversi residenti si sono limitati ad attivare la creatività organica che prolifera tra i neozelandesi: una certa famiglia ha aperto una fattoria di lavanda.

Un gruppo di amici ha aperto una birreria artigianale, ormai obbligatoria. Una coppia accompagna i visitatori lungo un fiume su Paddle Board. Una signora che raccoglieva vecchie auto Citroën iniziò a portare nelle cantine locali le persone più entusiaste del vino.

Verso le vette mozzafiato del Monte Aspirante

Diversi escursionisti e alpinisti conducono spedizioni attraverso le valli e le montagne circostanti. Dopotutto, siamo nel mezzo del Mount Aspiring National Park, parte di Te Wahipounamu, un sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO che copre più di 3500 km2 del sud-ovest dell'isola del sud.

Non essere la vetta suprema della Nuova Zelanda - titolo detenuto da Aoraki/Monte Cook che sale a 3724 m, il Monte Aspirante è di gran lunga il più emblematico della zona. Seduci i fan di Vasto spazio all'aperto a memorabili escursioni e salite. Non abbiamo resistito alla prima modalità.

Prato e Monte Aspiranti sullo sfondo, Nuova Zelanda

>Pecore sparse in un prato verde con le montagne delle Alpi Meridionali sullo sfondo

Abbiamo lasciato il paese molto presto, il sole faticava ancora a liberarsi del doppio blocco delle montagne e delle nuvole mattutine. Abbiamo costeggiato la riva del lago. Ci immergiamo in un susseguirsi di immensi prati verdi punteggiati di pecore, in gole scavate dallo scivolo preistorico dei ghiacciai e, ad intervalli, in sacche di foresta meridionale e fredda.

L'asfalto cede subito il passo alla ghiaia e all'imponente scenario della Rob Roy Valley, così chiamata in onore dell'eroe scozzese Rob Roy MacGregor, lo stesso più volte rivisitato da Hollywood, tra cui il blockbuster interpretato da Liam Neeson.

Lungo il flusso Matukituki

Seguiamo una strada che avanza fianco a fianco con il fiume Matukituki e ci sottopone a tanti o più meandri di quelli del fiume. Ma non sono solo le curve. Lo stretto sentiero va su e giù per tutta la sua lunghezza e ti fa quasi sentire come se fossi in mare aperto.

Come se non bastasse, di tanto in tanto, ci imbattiamo in grandi segnali stradali che riportano la scritta “FORD”. Dopo ognuno, abbiamo attraversato un ruscello, tutti, fortunatamente, a quel tempo, poco profondi.

Nella stagione delle piogge scarse, anche il Matukituki scorre meno, lontano dal torrente generato dallo scioglimento dei ghiacci che si intensifica con l'aumento delle temperature primaverili.

Non ci mette molto ad incrociare una mandria di mucche che si muove lungo il letto, guidate da cowboy kiwi sorretti da un vecchio pick-up.

Mucche sul fiume Matukituki, Nuova Zelanda

Cowboy guida una mandria lungo il letto ridotto del fiume Matukituki

Ma il traffico di animali non si ferma qui. Dall'altra parte del Matukituki, mezzo mimetizzato nell'erba secca del pendio, un gregge di pecore avanza, autonomo, in una lunga fila e in direzione opposta al bestiame, lo stesso in cui ci stavamo muovendo.

Alla fine, siamo arrivati ​​al parcheggio di Raspberry Creek e abbiamo lasciato l'auto. Lì, abbiamo inaugurato un glorioso sentiero lungo il bordo del alpi meridionali, verso alcune delle sue rinomate montagne: Rob Roy Peak, Mount Avalanch e, visto in lontananza, il picco Mount Aspiring.

Il sentiero si fa velocemente alle prime pendenze e pendenze. Di conseguenza, Matukituki si restringe e scorre veloce. Su un ponte sospeso che porta ad un pendio e ad un ombroso bosco di faggi, attraversiamo il fiume e incontriamo un paio di vagabondi.

Fiume Matukituki, Nuova Zelanda

La luce solare diffusa illumina la gola del fiume Matukituki

Sul pendio di Rob Roy Peak

Sulla sponda opposta, siamo saliti e abbiamo sudato molto. Ci meravigliamo della purezza del paesaggio di quegli angoli dell'isola nel Pacifico meridionale. Siamo nel mezzo del kea, uno dei dieci pappagalli endemici della Nuova Zelanda che, a quasi mezzo metro in età adulta, vediamo svolazzare sopra le cime degli alberi.

Ponte sospeso su Rob Roy Creek, Wanaka, Nuova Zelanda

Ponte sospeso sul fiume Matukituki, vicino al punto in cui sfocia il Rob Roy Stream.

Un altro ruscello, quello di Rob Roy Creek, scende furiosamente dalle alture. Costeggia enormi massi ricoperti di muschio spesso e vellutato. Corre in un verde quasi smeraldo, non più nel bianco latte del Matukituki a cui, all'altezza del ponte sospeso, si era arreso.

Quando pensiamo di essere soli, consegnati alla Natura, arriviamo a una curva stretta del sentiero e due corridori di fondo quasi ci trascinano in discesa. Gli atleti raggiungono il ponte in un lampo. Ci siamo trascinati lungo il ruscello di Rob Roy.

In breve raggiungiamo un punto a mezza costa che, finalmente, ci libera dal lugubre sottobosco. La radura ci affascina con la vista inaspettata del ghiacciaio che alimenta il torrente e gli dà il nome. Ma una nebbia fa diffondere il ghiaccio e, di tanto in tanto, ci nasconde la vetta che sovrasta il ghiacciaio.

Ghiacciaio Rob Roy vicino a Wanaka, Nuova Zelanda

Il ghiacciaio Rob Roy, installato addossato a buona parte dell'omonima cima.

Erano trascorse solo due ore dall'inizio della passeggiata, ma il suo ultimo tratto rivolto al cielo richiedeva un discreto riposo. Per ora, prendendoci il nostro tempo, abbiamo tirato fuori i nostri snack dagli zaini e abbiamo improvvisato un picnic. Non appena iniziamo il pasto, nuvole nere come la pece provenienti da dietro le montagne ci tendono un'imboscata.

Con la certezza di finire nei guai, abbiamo riordinato gli zaini e siamo tornati in macchina, in tempo per evitare gran parte del diluvio. Abbiamo completato un ritorno in paese semianfibio. Abbiamo mangiato qualcosa di più sostanzioso su una spianata e abbiamo programmato un breve tour di Cardrona.

The Puzzling Word e Cardrona Auriferous Legacy Giochi sconcertanti

Lungo il percorso, ci siamo lasciati incuriosire dal “Mondo Enigmatico” locale, un semplice parco a tema pieno di enigmi e illusioni della vita quotidiana o della scienza.

Mondo Enigmatico, Wanaka

Portico of Puzzling World un piccolo parco a tema che intrattiene i visitatori con illusioni.

Cardrona non ci mette molto. Possiamo identificarlo dalla facciata gialla e rossa del suo vecchio hotel lungo la strada, costruito nel 1860, nel mezzo della corsa all'oro di questa regione meridionale della Nuova Zelanda, quando diversi villaggi si contendevano lo status di massima prosperità nell'allora Gran Bretagna colonia.

C'era Arrowtown nelle vicinanze di Queenstown; Otago più a sud-est, la costa del Golfo di Hauraki nell'Isola del Nord e Cardrona a cui stavamo arrivando, tra gli altri. Oggi, a Cardrona, di quel periodo d'oro rimane poco più della storia e dell'albergo. Cardrona ospita una piccola stazione sciistica, umile rispetto a Treble Cone, la più rispettabile dell'Isola del Sud.

Che sia nevoso o caldo, paesaggi come i kiwi richiedono viste aeree. Di conseguenza, i neozelandesi più ricchi mantengono una passione nazionale per gli aerei e i voli panoramici. Non ci vuole molto per scoprire che, ancora una volta, Wanaka va oltre.

L'Aero-Reverence dell'Isola del Sud della Nuova Zelanda

Ospita un museo dei piloti di caccia della Nuova Zelanda che presenta eleganti Hawker Hurricanes, Havilland Vampires e Chipmunks. L'abbiamo visitato. All'aeroporto, abbiamo finito per chiacchierare con Will, un pilota di Classic Flights vestito con una spessa giacca di pelle, occhiali e cuffia, come suggerisce il nome, il tutto in linea con l'era dell'aviazione classica.

Pilota di aerei classici, Wanaka, Nuova Zelanda

Will, un pilota locale di aerei classici, sta per decollare all'aeroporto di Wanaka.

Will sta per decollare per un volo di prova. C'è un posto libero. Alla buona maniera neozelandese, ci conosce a malapena ma, dal nulla, ci chiede se uno di noi vuole accompagnarlo.

Esitiamo ancora, ma ci sono diverse condizioni e attenuanti che siamo costretti a considerare: avevamo prenotato un soggiorno per quella notte, nella lontana Dunedin e nelle locande della sottoterra non perdonare i ritardi. In questa sola visita nella sola nazione del kiwi, avevamo già volato tre volte sull'indescrivibile scenario del alpi meridionali.

Infine, non sapevamo se volevamo fidarci del vecchio motore di quella reliquia da museo abbrustolita. Abbiamo ancora guardato il rumoroso decollo di Will. Confermando lo spreco dell'esperienza aerea, abbiamo indicato su strada il confine sud-orientale della Nuova Zelanda.

Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 - Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Baia delle Isole, Nova Zelândia

Nucleo di civiltà della Nuova Zelanda

Waitangi è il luogo chiave dell'indipendenza e della coesistenza di lunga data dei nativi Maori con i coloni britannici. Nella circostante Baia delle Isole si celebra l'idilliaca bellezza marina degli antipodi della Nuova Zelanda, ma anche la complessa e affascinante nazione kiwi.
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
bevanda tra i re, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Città
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
cabina affollata
Cultura
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
In viaggio
Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Etnico
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Albreda, Gambia, coda
Storia
Barra a Kunta Kinteh, Gambia

Viaggio alle Origini della Tratta Transatlantica degli Schiavi

Una delle principali arterie commerciali dell'Africa occidentale, a metà del XV secolo, il fiume Gambia era già navigato dagli esploratori portoghesi. Fino al XIX secolo gran parte della schiavitù perpetrata dalle potenze coloniali del Vecchio Continente scorreva lungo le sue acque e le sue sponde.
Contadino, Majuli, Assam, India
Isole
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Efate, Vanuatu, trasferimento a "Congoola/Lady of the Seas"
Natura
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Parchi Naturali
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Rovine, Port Arthur, Tasmania, Australia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Alla scoperta di Tassie, parte 2 - Da Hobart a Port Arthur, Australia

Un'isola condannata al crimine

Il complesso carcerario di Port Arthur ha sempre terrorizzato gli emarginati britannici. 90 anni dopo la sua chiusura, un crimine atroce commesso lì ha costretto la Tasmania a tornare ai suoi tempi più bui.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Viti Levu, Isole Fiji, Sud Pacifico, barriera corallina
Spiagge
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Animali selvatici
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.