Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay


Vecchio Faro, ora Lodge
nave da sbarco
gregge a terra
Primavera Primavera Jeep
l'atterraggio
Intrusi nella colonia
pura curiosità
Dalla cresta delle sabbie
Controvento
Passeggero dimenticato
Il marginale
sciacallo in cerca
La zattera
il molo
gemelli arrostiti
Decollo affrettato
Formazione in Quasi V
dal mare
Laguna dei (molti) fenicotteri
Il Punto Pellicano
Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.

Lasciamo al conto la vicina città di Swakopmund.

E contando sul sentiero come lo aveva rivelato la fine del giorno prima, una strada B2, dritta senza fine, quasi senza traffico. Ci siamo subito resi conto di quanto ci sbagliavamo.

Non appena attraversiamo il letto asciutto del fiume Swakop che dà il nome alla città, veniamo immersi in una nebbia mattutina densa e fluttuante. Copriva la maggior parte del lungomare tra l'oceano e le dune che hanno preceduto la consegna del deserto del Namib all'Atlantico.

La nebbia aleggiava in sacche successive. Ha avvolto l'asfalto. Di tanto in tanto, ci ha regalato visioni di ambientazioni surreali della Namibia. A est della strada, montagne di sabbia che il quasi controluce trasformava in volatili misteri, case di orici, gazzelle, iene brune che desideravamo intravedere. Dalla parte opposta, dal mare, sabbie infinite.

Dopo aver percorso quasi 20 km, arriviamo all'ingresso di Langstrand, rifugio sul mare che appare dal nulla, un gruppo di case prefabbricate, alcune bianche, altre colorate, che sembrano essere state appena assemblate dai rispettivi kit.

Il satellite abitativo di Langstrand è gestito da Walvis Bay, dopo altri 19 km incontriamo la deviazione per questa città di destinazione.

Sulla sua quinta strada, tagliamo verso il porto, il più grande della Namibia. Ci unimmo a un gruppo di passeggeri che, come noi, conoscevano la promessa di quel viaggio a Walvis Bay, così chiamata dai coloni afrikaans per il numero di balene (valvis) che lì hanno trovato.

Walvis Bay: navigazione verso Pelican Point

In un lampo, salpiamo a bordo di una barca Mola Mola.

Per una macchia di Atlantico azzurro e gelido, aperta solo a nord, direzione dalla quale, per mancanza di marine, continuavano a venire ondate di nebbia, che il sole tropicale faceva dissipare.

A poco a poco, abbiamo concluso che quasi tutto a Walvis Bay è apparso in quantità.

Enormi stormi di cormorani si levavano dalle profondità della nebbia in rapidi voli, bassi quanto la nebbia.

Dal ponte superiore, potevamo vedere come la nave li stesse costringendo a deviazioni mancate di poco.

Stavamo ancora navigando contro una marea di migliaia di meduse rosa.

Mentre ci avviciniamo alla punta di Pelican Point, a questa fauna in crescita si uniscono stormi di uccelli che hanno ispirato il nome del luogo.

E colonie di leoni marini irrequieti.

Oli, la guida, invita a bordo i suoi rappresentanti.

Prima arriva un fortunato leone marino che l'equipaggio si nutre di pesce.

Segue un grosso pellicano bianco, che ci accompagnerà per gran parte della spedizione.

Abbiamo raggiunto la fine di quella penisola sabbiosa.

Onde vigorose colpiscono la sabbia alta e schizzano le centinaia di leoni marini che la condividono.

Nelle vicinanze, due strutture rompono il naturale predominio del paesaggio.

Uno di questi è una piattaforma petrolifera, in un'area in cui la stessa società portoghese Galp ha tentato la fortuna.

L'altra, una grande nave di diamanti che cercava pietre preziose sul fondo del mare.

Formavano un duo di moderni miraggi che ci incuriosivano, ma che non tormentarono mai gli scopritori europei di queste terre.

Guidati da un comandante portoghese, ovviamente.

Disinteresse pionieristico e portoghese nella colonizzazione di queste fermate

Nel 1485, Diogo Cão raggiunse quello che avrebbe chiamato Cabo Cruz, 160 km a nord di Walvis Bay, oggi famoso per il modello di scoperte che celebra la sua impresa.

Ancor di più per la sua popolosa colonia di foche del Capo, una delle più grandi al mondo. faccia della terra.

Due anni dopo, Bartolomeu Dias ne seguì le tracce, alla ricerca di un passaggio verso l'Oceano Indiano e la terra delle spezie.

All'inseguimento di Cabo das Tormentas, fece ancorare la nave Almirante São Cristóvão nella stessa baia da cui stavamo per partire.

Ha chiamato il rifugio Golfo de Santa Maria da Conceição.

A quel tempo, la priorità della Corona portoghese era raggiungere le Indie, si dice che, allo stesso tempo, trovasse il mitico Prestes João.

Deserte e inospitali come si sono rivelate, queste terre non hanno spinto il re D. João II a reclamarle.

Infatti, il deserto del Namib scoraggiava così tanto le potenze coloniali europee che, solo dopo più di tre secoli (nel 1793), i Paesi Bassi rivendicarono la regione.

Gli inglesi lo seguirono. E, nel 1910, fu rilevata dai sudafricani.

Fino all'indipendenza della Namibia nel 1990.

Contraddicendo l'iniziale disprezzo secolare per l'Europa, noi, come ogni passeggero dell'agenzia Mola Mola, eravamo ancora in uno stato di grave stordimento.

Torniamo all'interno della baia, sempre in compagnia dei leoni marini

Il timoniere abbandona la protezione di Walvis Bay, elude le onde potenti lì, alla ricerca dei cetacei che gli hanno dato il nome. Quella mattina, invano.

D'accordo, torniamo alla protezione della baia.

Abbiamo navigato il più vicino possibile alle colonie di leoni marini, rispettando le regole che proteggevano gli animali.

Queste regole non si applicavano, allo stesso modo, a molti canoisti.

Questi, remavano tra centinaia di esemplari che nuotavano e compivano acrobazie e acrobazie in giro, a pochi metri dalla folla rumorosa, maleodorante e conflittuale che si contendeva la sabbia e i raggi del sole.

Ai tempi del vecchio faro di Pelican Point, ora trasformato in una squisita casetta, tra la colonia si aggirava uno sciacallo che aveva scorrazzato per l'intera penisola in cerca di cibo.

Tenere d'occhio la prole non protetta o eventuali placente rilasciate dalle femmine.

Sbarchiamo a poca distanza dal vecchio faro.

in un accampamento braai già preparati, ci vengono servite ostriche e spumante per antipasto. Segue un rinvigorente pasto.

In barca fino alla jeep, penisola di Pelican Point in basso

Dopo pranzo, siamo scesi dalla barca e siamo saliti su una jeep, guidata da Conrad, un residente di Walvis Bay che conosceva quelle parti a memoria e sapeva cosa poteva e non poteva fare lì.

Conrad supera alcuni surfisti che cavalcano le lunghe e famose onde di Skeleton (Donkey) Bay.

Da questo insolito spot atlantico, procediamo verso la base della penisola.

Da dove, a nostra volta, attraversiamo la pianura fangosa di Sandwich Harbour fino all'omonimo dominio dove le dune iperboliche di Namibe racchiudono l'Atlantico.

Nel passaggio, in un tratto eccezionalmente vegetato, Conrad ci chiede di prestare attenzione al paesaggio, per poter trovare esemplari di iene o erbivori.

Abbiamo individuato impala dalla faccia nera, gazzelle e, il momento clou, un piccolo branco di orici sospetti.

L'inverno dell'emisfero australe ha causato venti e onde esagerati.

Le onde, in particolare, allungavano l'oceano fino alla base delle dune. Ci hanno reso impossibile attraversare la “zona della morte”, così chiamata perché i veicoli hanno un tempo definito dalle maree per attraversarla e perché, troppo spesso, si trovano messi alle strette dall'innalzamento del mare.

Conrad era troppo esperto per commettere quell'errore.

Alla scoperta delle dune iperboliche di Namibe

Di conseguenza, ci dirigiamo verso l'interno di Namibe, attraverso un labirinto di dune che navighiamo in modalità montagne russe, con salite e discese graduali che il guidatore ha scelto il più vertiginose possibile, per irrigare la spedizione adrenalinica.

Nel processo, abbiamo raggiunto la parte posteriore di un'ultima duna, il cui enorme burrone di sabbia terminava 100 metri più in basso, quasi direttamente nell'oceano.

"Va bene, ci siamo!" annuncia la guida con tono da missione compiuta. “Se cammini lungo la cresta della duna in alto, troverai la vista migliore di queste parti”.

Detto fatto.

Con il sole che stava quasi scomparendo nell'Atlantico e la nebbia mattutina da tempo dissipata, una burrasca sud-nord ha sollevato la sabbia dai bordi esposti, rendendo difficile per noi vedere e camminare.

Siamo saliti abbastanza in alto da contemplare quel panorama di soglia, quello della duna che si estende a perdita d'occhio, con l'Atlantico, sottomesso, ai suoi piedi.

Ritorno alla città di Walvis Bay, con passaggio a Lagoa dos Flamingos

Mezz'ora dopo riattraversiamo la distesa sabbiosa del Namib-Naukluft National Park.

Presto, il roseo fortino delle saline di Walvis Bay.

Giunti sul lungomare della città, Conrad si ferma per farci apprezzare la laguna dei fenicotteri e le centinaia di trampolieri che, a quell'ora, vi erano raggruppati.

Poco dopo, Walvis Bay iniziò il suo tranquillo turno di notte.

Torniamo a Swakopmund, sulla stessa B2 in un interminabile rettilineo senza traffico, su cui abbiamo potuto contare nuovamente.

COME ANDARE

TAAG – Compagnie aeree dell'Angola:  Volo Lisbona – Luanda – Windhoek (Namibia) a TAAG: www.taag.com a partire da 750€.

Prenota il tuo programma di viaggio in Namibia con Viaggi allodola: www.larkjourneys.com   WhatsApp: +264 81 209 47

Facebook e Instagram: Lark.viaggi

kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Architettura & Design
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Selfie, Hida del Giappone antico e medievale
Città
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Cultura
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
In viaggio
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Etnico
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Bagni insoliti
Storia

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Ilhéu das Rolas, São Tomé e Príncipe, ecuador, baia
Isole
Ilhéu das Rolas, São Tome e Principe

Ilhéu das Rolas: São Tomé e Principe a Latitudine Zero

Il punto più meridionale di São Tomé e Príncipe, l'Ilhéu das Rolas è lussureggiante e vulcanica. La grande novità e punto di interesse di questa estensione insulare della seconda nazione africana più piccola è la coincidenza dell'attraversamento della Linea dell'Equatore.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Viaggiatore sopra la laguna ghiacciata di Jökursarlón, Islanda
Natura
Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Lago Tinquilco in PN Huerquehue, Pucón, La Araucania, Cile
Parchi Naturali
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
Nelson Dockyards, Antigua Docks,
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
English Harbour, Antigua

Nelson's Dockyard: l'Antica Base navale e Dimora dell'Ammiraglio

Nel XNUMX° secolo, quando gli inglesi contestarono il controllo dei Caraibi e il commercio dello zucchero con i loro rivali coloniali, presero il controllo dell'isola di Antigua. Lì si imbatterono in una baia frastagliata che chiamarono English Harbour. Ne fecero un porto strategico che ospitava anche l'idolatrato ufficiale di marina.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Pellegrini in cima, Monte Sinai, Egitto
Religione
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Mandria di bufali asiatici, Maguri Beel, Assam, India
Animali selvatici
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.