Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay


Vecchio Faro, ora Lodge
nave da sbarco
gregge a terra
Primavera Primavera Jeep
l'atterraggio
Intrusi nella colonia
pura curiosità
Dalla cresta delle sabbie
Controvento
Passeggero dimenticato
Il marginale
sciacallo in cerca
La zattera
il molo
gemelli arrostiti
Decollo affrettato
Formazione in Quasi V
dal mare
Laguna dei (molti) fenicotteri
Il Punto Pellicano
Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.

Lasciamo al conto la vicina città di Swakopmund.

E contando sul sentiero come lo aveva rivelato la fine del giorno prima, una strada B2, dritta senza fine, quasi senza traffico. Ci siamo subito resi conto di quanto ci sbagliavamo.

Non appena attraversiamo il letto asciutto del fiume Swakop che dà il nome alla città, veniamo immersi in una nebbia mattutina densa e fluttuante. Copriva la maggior parte del lungomare tra l'oceano e le dune che hanno preceduto la consegna del deserto del Namib all'Atlantico.

La nebbia aleggiava in sacche successive. Ha avvolto l'asfalto. Di tanto in tanto, ci ha regalato visioni di ambientazioni surreali della Namibia. A est della strada, montagne di sabbia che il quasi controluce trasformava in volatili misteri, case di orici, gazzelle, iene brune che desideravamo intravedere. Dalla parte opposta, dal mare, sabbie infinite.

Dopo aver percorso quasi 20 km, arriviamo all'ingresso di Langstrand, rifugio sul mare che appare dal nulla, un gruppo di case prefabbricate, alcune bianche, altre colorate, che sembrano essere state appena assemblate dai rispettivi kit.

Il satellite abitativo di Langstrand è gestito da Walvis Bay, dopo altri 19 km incontriamo la deviazione per questa città di destinazione.

Sulla sua quinta strada, tagliamo verso il porto, il più grande della Namibia. Ci unimmo a un gruppo di passeggeri che, come noi, conoscevano la promessa di quel viaggio a Walvis Bay, così chiamata dai coloni afrikaans per il numero di balene (valvis) che lì hanno trovato.

Walvis Bay: navigazione verso Pelican Point

In un lampo, salpiamo a bordo di una barca Mola Mola.

Per una macchia di Atlantico azzurro e gelido, aperta solo a nord, direzione dalla quale, per mancanza di marine, continuavano a venire ondate di nebbia, che il sole tropicale faceva dissipare.

A poco a poco, abbiamo concluso che quasi tutto a Walvis Bay è apparso in quantità.

Enormi stormi di cormorani si levavano dalle profondità della nebbia in rapidi voli, bassi quanto la nebbia.

Dal ponte superiore, potevamo vedere come la nave li stesse costringendo a deviazioni mancate di poco.

Stavamo ancora navigando contro una marea di migliaia di meduse rosa.

Mentre ci avviciniamo alla punta di Pelican Point, a questa fauna in crescita si uniscono stormi di uccelli che hanno ispirato il nome del luogo.

E colonie di leoni marini irrequieti.

Oli, la guida, invita a bordo i suoi rappresentanti.

Prima arriva un fortunato leone marino che l'equipaggio si nutre di pesce.

Segue un grosso pellicano bianco, che ci accompagnerà per gran parte della spedizione.

Abbiamo raggiunto la fine di quella penisola sabbiosa.

Onde vigorose colpiscono la sabbia alta e schizzano le centinaia di leoni marini che la condividono.

Nelle vicinanze, due strutture rompono il naturale predominio del paesaggio.

Uno di questi è una piattaforma petrolifera, in un'area in cui la stessa società portoghese Galp ha tentato la fortuna.

L'altra, una grande nave di diamanti che cercava pietre preziose sul fondo del mare.

Formavano un duo di moderni miraggi che ci incuriosivano, ma che non tormentarono mai gli scopritori europei di queste terre.

Guidati da un comandante portoghese, ovviamente.

Disinteresse pionieristico e portoghese nella colonizzazione di queste fermate

Nel 1485, Diogo Cão raggiunse quello che avrebbe chiamato Cabo Cruz, 160 km a nord di Walvis Bay, oggi famoso per il modello di scoperte che celebra la sua impresa.

Ancor di più per la sua popolosa colonia di foche del Capo, una delle più grandi al mondo. faccia della terra.

Due anni dopo, Bartolomeu Dias ne seguì le tracce, alla ricerca di un passaggio verso l'Oceano Indiano e la terra delle spezie.

All'inseguimento di Cabo das Tormentas, fece ancorare la nave Almirante São Cristóvão nella stessa baia da cui stavamo per partire.

Ha chiamato il rifugio Golfo de Santa Maria da Conceição.

A quel tempo, la priorità della Corona portoghese era raggiungere le Indie, si dice che, allo stesso tempo, trovasse il mitico Prestes João.

Deserte e inospitali come si sono rivelate, queste terre non hanno spinto il re D. João II a reclamarle.

Infatti, il deserto del Namib scoraggiava così tanto le potenze coloniali europee che, solo dopo più di tre secoli (nel 1793), i Paesi Bassi rivendicarono la regione.

Gli inglesi lo seguirono. E, nel 1910, fu rilevata dai sudafricani.

Fino all'indipendenza della Namibia nel 1990.

Contraddicendo l'iniziale disprezzo secolare per l'Europa, noi, come ogni passeggero dell'agenzia Mola Mola, eravamo ancora in uno stato di grave stordimento.

Torniamo all'interno della baia, sempre in compagnia dei leoni marini

Il timoniere abbandona la protezione di Walvis Bay, elude le onde potenti lì, alla ricerca dei cetacei che gli hanno dato il nome. Quella mattina, invano.

D'accordo, torniamo alla protezione della baia.

Abbiamo navigato il più vicino possibile alle colonie di leoni marini, rispettando le regole che proteggevano gli animali.

Queste regole non si applicavano, allo stesso modo, a molti canoisti.

Questi, remavano tra centinaia di esemplari che nuotavano e compivano acrobazie e acrobazie in giro, a pochi metri dalla folla rumorosa, maleodorante e conflittuale che si contendeva la sabbia e i raggi del sole.

Ai tempi del vecchio faro di Pelican Point, ora trasformato in una squisita casetta, tra la colonia si aggirava uno sciacallo che aveva scorrazzato per l'intera penisola in cerca di cibo.

Tenere d'occhio la prole non protetta o eventuali placente rilasciate dalle femmine.

Sbarchiamo a poca distanza dal vecchio faro.

in un accampamento braai già preparati, ci vengono servite ostriche e spumante per antipasto. Segue un rinvigorente pasto.

In barca fino alla jeep, penisola di Pelican Point in basso

Dopo pranzo, siamo scesi dalla barca e siamo saliti su una jeep, guidata da Conrad, un residente di Walvis Bay che conosceva quelle parti a memoria e sapeva cosa poteva e non poteva fare lì.

Conrad supera alcuni surfisti che cavalcano le lunghe e famose onde di Skeleton (Donkey) Bay.

Da questo insolito spot atlantico, procediamo verso la base della penisola.

Da dove, a nostra volta, attraversiamo la pianura fangosa di Sandwich Harbour fino all'omonimo dominio dove le dune iperboliche di Namibe racchiudono l'Atlantico.

Nel passaggio, in un tratto eccezionalmente vegetato, Conrad ci chiede di prestare attenzione al paesaggio, per poter trovare esemplari di iene o erbivori.

Abbiamo individuato impala dalla faccia nera, gazzelle e, il momento clou, un piccolo branco di orici sospetti.

L'inverno dell'emisfero australe ha causato venti e onde esagerati.

Le onde, in particolare, allungavano l'oceano fino alla base delle dune. Ci hanno reso impossibile attraversare la “zona della morte”, così chiamata perché i veicoli hanno un tempo definito dalle maree per attraversarla e perché, troppo spesso, si trovano messi alle strette dall'innalzamento del mare.

Conrad era troppo esperto per commettere quell'errore.

Alla scoperta delle dune iperboliche di Namibe

Di conseguenza, ci dirigiamo verso l'interno di Namibe, attraverso un labirinto di dune che navighiamo in modalità montagne russe, con salite e discese graduali che il guidatore ha scelto il più vertiginose possibile, per irrigare la spedizione adrenalinica.

Nel processo, abbiamo raggiunto la parte posteriore di un'ultima duna, il cui enorme burrone di sabbia terminava 100 metri più in basso, quasi direttamente nell'oceano.

"Va bene, ci siamo!" annuncia la guida con tono da missione compiuta. “Se cammini lungo la cresta della duna in alto, troverai la vista migliore di queste parti”.

Detto fatto.

Con il sole che stava quasi scomparendo nell'Atlantico e la nebbia mattutina da tempo dissipata, una burrasca sud-nord ha sollevato la sabbia dai bordi esposti, rendendo difficile per noi vedere e camminare.

Siamo saliti abbastanza in alto da contemplare quel panorama di soglia, quello della duna che si estende a perdita d'occhio, con l'Atlantico, sottomesso, ai suoi piedi.

Ritorno alla città di Walvis Bay, con passaggio a Lagoa dos Flamingos

Mezz'ora dopo riattraversiamo la distesa sabbiosa del Namib-Naukluft National Park.

Presto, il roseo fortino delle saline di Walvis Bay.

Giunti sul lungomare della città, Conrad si ferma per farci apprezzare la laguna dei fenicotteri e le centinaia di trampolieri che, a quell'ora, vi erano raggruppati.

Poco dopo, Walvis Bay iniziò il suo tranquillo turno di notte.

Torniamo a Swakopmund, sulla stessa B2 in un interminabile rettilineo senza traffico, su cui abbiamo potuto contare nuovamente.

COME ANDARE

TAAG – Compagnie aeree dell'Angola:  Volo Lisbona – Luanda – Windhoek (Namibia) a TAAG: www.taag.com a partire da 750€.

Prenota il tuo programma di viaggio in Namibia con Viaggi allodola: www.larkjourneys.com   WhatsApp: +264 81 209 47

Facebook e Instagram: Lark.viaggi

kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Palmwag, Namibia

Alla Ricerca dei Rinoceronti

Partiamo dal cuore dell'oasi generata dal fiume Uniab, che ospita il maggior numero di rinoceronti neri dell'Africa sudoccidentale. Sulle tracce di un inseguitore boscimane, seguiamo un esemplare furtivo, abbagliato da un'ambientazione dal sapore marziano.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Cattedrale luterana che si affaccia e al crepuscolo Helsinki, Finlandia
Città
Helsinki, Finlândia

La Figlia Suomi del Bático

Diverse città crebbero, si emanciparono e prosperarono sulle rive di questo mare interno settentrionale. Helsinki si è distinta come la monumentale capitale della giovane nazione finlandese.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Pitões das Junias, Montalegre, Portogallo
Cultura
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Coppia gotica
In viaggio

Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

Da questa parte dell'Atlantico
Etnico

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Gran Canaria, isola, Canarie, Spagna, La Tejeda
Storia
Gran canaria, Isole Canarie

Gran (diosa) Canaria (s)

È solo la terza isola più grande dell'arcipelago. Ha impressionato così tanto i navigatori e i coloni europei che si sono abituati a considerarlo supremo.
Alla fine del pomeriggio
Isole
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Giornata buia
Natura

Lago Cocibolca, Nicaragua

mare, dolce mare

Gli indiani del Nicaragua curarono il lago più grande dell'America centrale dal Cocibolca. Sull'isola vulcanica di Ometepe, capiamo perché il termine che gli spagnoli convertirono in Mar Dulce avesse perfettamente senso.

Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Ghiacciaio Meares
Parchi Naturali
Il suono del principe William, Alaska

Viaggio attraverso un'Alaska glaciale

Adagiato contro le montagne Chugach, il Prince William Sound ospita alcuni dei paesaggi stravaganti dell'Alaska. Né potenti terremoti né una devastante marea liscia hanno influenzato il suo splendore naturale.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Daytona Beach Portico, la spiaggia più famosa dell'anno, in Florida
Spiagge
Daytona Beach, Florida, Stati Uniti

La Cosiddetta Spiaggia più Famosa del Mondo

Se la sua notorietà deriva principalmente dalle gare NASCAR, a Daytona Beach troviamo una peculiare località balneare e una spiaggia vasta e compatta che, in tempi passati, veniva utilizzata per le prove di velocità delle auto.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
Società
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Mandria di bufali asiatici, Maguri Beel, Assam, India
Animali selvatici
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.