Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer


conversazione colorata
Le donne vivono fuori dalla casa di una di loro in un angolo del forte di Jaisalmer.
Il forte soprattutto
Le mura del forte di Jaisalmer si stagliano sopra le case della città.
solo facciata
Facciata di Baa Ri haveli, un tempo casa, ora rinomato museo a Jaisalmer.
Dei vs Umani
Donne in sari camminano per una strada ombreggiata nel forte di Jaisalmer.
Piazza Dushera Chowk
Le facciate dorate degli havelis secolari di Dushera Chowk Square, nel cuore del forte di Jaisalmer.
Cavalleria giainista
Dettagli architettonici del tempio Jain del forte Jaisalmer.
Attraverso vicoli e vicoli
Il motociclista cammina lungo uno stretto vicolo all'interno del forte Jaisalmer.
resa dei conti con lo scooter
Un residente cammina attraverso un vicolo colorato all'interno del forte Jaisalmer, con un dipinto di Ganesh sopra.
balconi colorati
I balconi lavoravano in un vicolo del forte.
In procinto di partire
I residenti lasciano l'interno del forte attraverso uno dei massicci portici della struttura.
La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.

Eravamo stati a Jaisalmer per la prima volta nel 1999. Quasi vent'anni dopo, il ritorno in città e al forte di Jaisalmer suscitava in noi un entusiasmo che non cercavamo di contenere, una voglia di arrivare che si confondeva con la curiosità di ciò che ricordavamo ancora e di ciò che ci sarebbe venuto in mente, di ciò che il tempo era rimasto e di ciò che sarebbe cambiato senza ritorno.

Volevamo sentire di nuovo quanto fosse speciale questa città fortezza, proiettata dalle sabbie e dai terreni giallastri del deserto del Thar. E volevamo sentirlo, proprio come la prima volta, proprio accanto al tuo cuore.

Abbiamo ricordato l'abbondanza di locande e locande che, tra le mura, sostenevano decine di proprietari di abitazioni tradizionali. Alcuni erano reali haveli, maestosi palazzi dorati dalle facciate esuberanti da cui spiccavano serie di balconi lavorati e allacciati ad esaurimento.

Altre, case minimali, eppure affascinanti nella loro elegante semplicità. Quasi tutti erano coronati da terrazze che rivelavano il labirinto formato dalle case gialle che lo circondavano e parte dei 99 bastioni che racchiudono il suo dominio murato, lungo quasi 500 metri per 230 di larghezza, posto a 76 metri sopra il deserto su cui poggia .

Jaisalmer, Rajasthan, India

Le mura del forte di Jaisalmer si stagliano sopra le case della città.

Ricordi non eclissati

Nel 1999 abbiamo alloggiato in una di queste affascinanti case. L'11 agosto era il compleanno dell'autore del testo. Non solo. Un raro e bizzarro aggiustamento delle stelle lo intrappolava con un'eclissi totale di sole.

Abbiamo apprezzato il fenomeno della terrazza del palazzo del latte dove ci eravamo stabiliti. Intorno a loro, molti altri indiani legati da una consanguineità quasi millenaria tenevano davanti al viso i raggi X delle ossa delle famiglie e facevano lo stesso.

Verso le quattro, quando la luna si frapponeva tra la Terra e il Sole, il giorno si oscurò con largo anticipo e lasciò gli animali agitati.

Stormi di corvi svolazzavano senza senso nel cielo grigio. Sotto, incuriosite dall'improvviso insorgere di quell'atmosfera apocalittica e da ciò che l'inaspettato tono aveva in serbo per loro, vacche sacre muggivano e cani abbaiavano e ululavano senza appello. Ma, come l'oscurità aveva forzato, la luna non tardò ad allontanarsi da quella scomoda posizione astronomica.

Avevamo ancora due ore di pomeriggio soleggiato prima che il normale tramonto si svolgesse. A quel tempo, l'eclissi rimase, ovviamente, l'argomento centrale di innumerevoli conversazioni. Di balcone in balcone. Di terrazzo in terrazzo. O dal terrazzo al balcone. A quel punto, come durante la nostra ultima visita, non mancavano i vicini loquaci nell'alto e storico cuore di Jaisalmer.

Arrivo diretto al forte di Jaisalmer

Quasi diciannove anni dopo, verso le sei del pomeriggio, l'autobus su cui stavamo viaggiando da Jodhpur si fermò nel terminal improvvisato di Gadisar Rd. Avevamo già l'ospite di Jaisalmer che aspettava. Noi tre salimmo su uno dei risciò motorizzati anche prolifici in quelle parti del Rajasthan.

Pochi minuti dopo, l'autista stava guidando il rumoroso veicolo lungo Fort Rd, ai piedi del muro di nord-est. Ben presto attraversò il portico di Akhrey Prol, l'unico rimasto aperto al traffico e ai pedoni. E cosa fa il confine tra la città murata e quella fuori, quella distesa dalla levigatezza del Thar.

Piazza Dushera Chowk, Jaisalmer, India

Le facciate dorate degli havelis secolari di Dushera Chowk Square, nel cuore del forte di Jaisalmer.

L'autista punisce il risciò per aver superato la rampa a tornanti che porta in cima. Entra in piazza Dushera Chowk. Lo troviamo uguale a quello che ricordavamo dell'ultimo anno del 450° secolo: sopraffatti dalla grandiosità di Baa Ri Haveli, una splendente dimora di XNUMX anni, recentemente trasformata in un museo del Forte.

Mandrie di mucche senza meta sbarravano la strada a motociclette e risciò. Hanno forzato quello in cui stavamo seguendo uno stretto passaggio che livellava la base dell'edificio e gli stendibiancheria per sari, coperte, turbanti e altri manufatti tessili esposti in uno stendibiancheria improvvisato.

Il fascino del vertice d'oro

Il risciò ci lascia alla porta della Maharani Guest House. Hanif, il giovane proprietario con la faccia da rajastani e un po' di baffi, tanto per dire che c'è, ci accoglie e ci aiuta a portare i bagagli su per le scale. Abbiamo alloggiato in una camera interna servita da veranda e da brevi scale che portano all'ultimo livello del terrazzo.

Il posto era tanto modesto quanto economico. Tuttavia, era intriso di quell'atmosfera di Ali Baba e del nascondiglio dei quaranta ladroni che già conoscevamo da Jaisalmer, che ci affascinava e desideravamo rivivere. Eravamo arrivati ​​sfiniti dalle oltre sei ore di viaggio, mal seduti e accaldati.

Ciononostante ci siamo rinfrescati, adattato i bagagli al nuovo spazio e siamo usciti alla riscoperta, accarezzati dalla brezza pomeridiana e invernale che ventilava il Thar.

Vita e spiritualità, spiritualità e vita

Non appena scendiamo nel vicolo davanti alla piccola locanda, sentiamo una musica cerimoniale ipnotica diffusa dal tempio indù Shri Laxminathji, a soli dieci metri di distanza.

Tempio Jain a Jaisalmer, Rajasthan, India

Dettagli architettonici del tempio Jain, forte di Jaisalmer.

Ma i residenti hanno continuato a proibire agli estranei non praticanti di visitare il loro tempio. Pertanto, procediamo nella direzione opposta. Abbiamo notato una curiosa alternanza tra locande di famiglia, antiche haveli recuperati e trasformati in sofisticati hotel.

E attraverso case secolari con patii e stanze aperte sulla strada dove le famiglie si radunavano, celebravano la routine quasi religiosa della loro comunione, o riposavano per il lavoro che l'alba imminente avrebbe imposto loro.

Ganesh e i presupposti inviti al matrimonio indù

Negli spazi, i nostri vagabondaggi hanno ricevuto la benedizione di Ganesh, l'elefante dio dei Principi, della saggezza e dell'intelletto, del successo e della prosperità, venerato nei dipinti popolari su pareti rosa, anice o di diverse tonalità sgargianti.

Alcuni di questi dipinti esterni servivano come annunci divini del matrimonio che si sarebbe tenuto tra i residenti del forte. Hanno comunicato i nomi degli sposi e le date delle cerimonie. Servivano anche come inviti alla vasta comunità indù della fortezza, senza bisogno di lettere, buste o altre formalità.

Scooter in un vicolo di Jaisalmer Fort, Rajasthan, India

Un residente cammina attraverso un vicolo colorato all'interno del forte Jaisalmer, con un dipinto di Ganesh sopra.

Tra le attività commerciali in cima al forte c'erano boutique, librerie e negozi di souvenir che ora prendono di mira gli estranei che gironzolano, l'uno o l'altro vecchio negozio di alimentari e, costellando le case, diversi ristoranti con menu che, a un certo punto, sembravano come fotocopie l'uno dell'altro. Stabilimenti un po' clonati che solo le decorazioni, le vedute degli edifici ei prezzi praticati permettevano di distinguere.

Affari per turisti e anche Affari per turisti

Diversi ristoranti – come altre attività – erano già gestiti da stranieri che si erano arresi al magico esotismo di Jaisalmer e vi si erano stabiliti finché il destino non li aveva portati in nuovi luoghi.

Alcuni portavano nomi che gridavano a cause politiche complicate da risolvere. Una sera abbiamo cenato fino a tardi al “Gratis Tibet”. La prossima volta, senza nemmeno renderci conto di come, ci siamo seduti uno accanto all'altro".Piccolo Tibet” che ci ha dato l'idea di appartenere a uno dei tanti spagnoli che erano espatriati nel forte o nella città circostante, lungi dal rivaleggiare con la numerosa comunità indù che abita l'interno della fortezza da più di otto secoli.

Il forte è stato alla genesi della città che continua a lodare il leader Bhati Rawal Jaisal. Dopo un periodo di lento sviluppo, nel XVI secolo, Jaisalmer (traducibile come Jaisal Hill Fort) fu promosso alla scala principale del Via della Seta che legava l'Europa Cina, via Turchia, Egitto e India.

La ricchezza portata da Via della Seta

In questo periodo, carovane di mercanti carichi di stoffe, pietre preziose, tè, spezie, oppio e altre merci si fermarono una dopo l'altra a Jaisalmer. Fortificato, Jaisalmer poteva garantire loro protezione dagli attacchi dei ladri e dei pirati che pattugliavano il Thar.

Ma non solo. Forniva loro cibo, acqua e alloggio. Nel corso degli anni e delle carovane, i capi dei clan ospitanti prosperarono. In modo tale che costruirono sontuosi palazzi e locande e templi come o più sontuosi, sia dentro che fuori le mura.

Haveli Baa Ri, Jaisalmer, India

Facciata di Baa Ri haveli, un tempo casa, ora rinomato museo a Jaisalmer.

Più questi leader cercavano di mostrare il loro fasto ai rivali, più il loro haveli – come i templi – crebbe in dimensioni e raffinatezza. Allo stesso tempo, anche il numero di funzionari e dipendenti ciascuno impiegato è aumentato di numero. Come ricompensa per i loro servizi e lealtà, molti dei sudditi ricevevano case all'interno delle mura.

Gopas, Purohit, Vyas, ecc. Le famiglie secolari del forte di Jaisalmer

Una famiglia in particolare, quella di Vimal Kumar Gopa, abita il forte da oltre 700 anni. Vimal Kumar ora possiede un negozio di tessuti che gestisce da casa sua a Kundpada. Questo borgo in cima al forte è stato a lungo dimora solo di membri della casta sacerdotale bramini, discendenti dei consiglieri, insegnanti e altri sulla base delle decisioni prese dai governanti di Jaisalmer, dal XII secolo fino quasi ai giorni nostri giorno.

Solo il tumulto causato dall'indipendenza dell'India dal Raj coloniale britannico arrivò a scuotere la scena politica locale. Intorno al 1947, attente trattative che tendevano a soddisfare quasi tutti i desideri dei maharaja assicurarono il passaggio ufficiale alla repubblica indiana, da queste e altre terre detenute per tanto tempo.

Il licenziamento del Maharaja di Jaisalmer Maharajadhiraj Maharawal Ragunath Singh si è rivelato particolarmente tardivo. Le sue funzioni sono state abolite dalla costituzione solo nel 1971. Durante la nostra visita abbiamo sentito in vigore la sovranità dei suoi eredi.

Siamo arrivati ​​all'ingresso del Raja Ka Mahal – lo splendido palazzo reale – armati di una lettera del governo indiano che avrebbe dovuto aiutarci ad aprire le porte dei monumenti della nazione. I funzionari lo leggono e rispondono: “Sì, ma questo documento appartiene al governo indiano e il palazzo non è di proprietà del governo, è del maharajah.

È possibile solo con il suo permesso". Ovviamente non si riferivano all'ultimo Maharajadhiraj Maharawal Ragunath Singh ma al suo erede. Questa ribellione burocratica si sarebbe ripetuta in molti altri edifici e monumenti.

In un piano nobile sottostante, l'entourage dei successivi maharaja sembra essersi immortalato all'interno della fortezza di Jaisalmer. Sette secoli e più di venti generazioni dopo il dominio pionieristico di Rawal Jaisal, il sottoclan bramino di Gopa occupa oltre quaranta case, quasi tutte situate una accanto all'altra nel settore di Kundpada.

Convivialità in sari, Jaisalmer, Rajasthan, India

Le donne vivono fuori dalla casa di una di loro in un angolo del forte di Jaisalmer.

Non è l'unica famiglia allargata tra le mura, tutt'altro. Sulla sommità murata del forte, i residenti che portano un soprannome appartengono quasi sempre alla stessa famiglia. I bramini - i Gopa, come i Purohit, i Vya e altri - guadagnarono una posizione di rilievo. Ma condividono la fortezza con comunità discendenti da altri agenti che, nel corso della storia, hanno sostenuto la sovranità dei maharaja: i Rajput.

Brahmani, Rajput e Maharaja

Durante il nostro soggiorno a Jaisalmer, abbiamo avuto il privilegio di accompagnare il Festival del deserto della città. E per vedere cosa giocano i rajput del nostro tempo. Li abbiamo ammirati su cammelli e dromedari, con indosso uniformi, baffi lunghi e pieni, tagliati e allungati senza macchia, e pose orgogliose del passato bellicoso e glorioso di questi guerrieri indù dell'India settentrionale, incaricati di proteggere Jaisalmer dai tentativi di conquista e saccheggio.

Loro e le loro famiglie occupano anche un posto di rilievo sulla cima dorata della città. Sono facili da identificare dai loro soprannomi Bhatti (il clan ancestrale di Rawal Jaisal), Rathore e Chauhan.

Ciascuno di questi clan è uguale o più numeroso del successivo. Costituisce una parte minore ma centrale dell'incredibile organico sociale del forte di Jaisalmer. E delle quasi quattromila anime, per capriccio del Rajasthan e della storia indiana, che le sue mura continuano a difendere da tempo.

Gli autori desiderano ringraziare le seguenti entità per il loro supporto nella stesura di questo articolo: Ambasciata dell'India a Lisbona; Ministero del turismo, Governo dell'India.

Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Cerimonie e Feste
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Città
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
khinalik, villaggio dell'Azerbaigian nel Caucaso, Khinalig
Cultura
cinese, Azerbaijan

Il villaggio in cima all'Azerbaigian

Installato a 2300 metri ghiacciati e accidentati del Grande Caucaso, il popolo Khinalig è solo una delle numerose minoranze nella regione. Rimase isolata per millenni. Fino a quando, nel 2006, una strada l'ha resa accessibile alle vecchie Lada sovietiche.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Erika Mae
In viaggio
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Etnico
Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu

Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Ilhéu das Rolas, São Tomé e Príncipe, ecuador, baia
Storia
Ilhéu das Rolas, São Tome e Principe

Ilhéu das Rolas: São Tomé e Principe a Latitudine Zero

Il punto più meridionale di São Tomé e Príncipe, l'Ilhéu das Rolas è lussureggiante e vulcanica. La grande novità e punto di interesse di questa estensione insulare della seconda nazione africana più piccola è la coincidenza dell'attraversamento della Linea dell'Equatore.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Isole
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Natura
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Parchi Naturali
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Spiagge
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
Easter Seurassari, Helsinki, Finlandia, Marita Nordman
Religione
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.