Aldeia da Cuada, Isola di Flores, Azzorre

L'Eden delle Azzorre tradito dall'altra Sponda del Mare


La pentola d'oro
Muro del Canada
Una coperta patchwork
Decorazione rurale
Una caffettiera
il villaggio
Merluzzo Bene
Alagoinha x2
Mare mosso
Cascate di Alagoinha
Lastra dei Confini d'Europa
la vista grandiosa
Punto di vista del portale
Camera Arcobaleno
Cuada è stata fondata, si stima che nel 1676, vicino alla soglia ovest di Flores. Nel XNUMX° secolo, i suoi residenti si unirono alla grande fuga precipitosa delle Azzorre verso le Americhe. Hanno lasciato un villaggio meraviglioso come l'isola e le Azzorre.

Non che fosse necessario, tutt'altro, ma proprio nel momento in cui entriamo nello spazio tagliato dalle mura del villaggio di Cuada, dalla sommità dei pendii a est spuntano pesanti nubi.

Si librano sui ruscelli di Poço da Alagoinha. A poco a poco, le nuvole si estendono verso l'Atlantico. Gocce disperse dal vento irrigano i poderi dove si setacciano. Ci lasciano in guardia.

Ci allontanammo dal forte di case che ostruiva la nostra visuale. Abbiamo rilevato un arcobaleno, completo ed enorme.

incorniciato il case del paese, scaldato dall'imminenza del tramonto.

Sembrava confermare la pentola d'oro che, contro il flusso della storia e le previsioni più ottimistiche, Cuada è diventata.

Le pioggerella a volte cadono, a volte danno tregua, in balia del vento di tramontana.

I pochi più di cento abitanti che hanno lasciato il paese fino al 1960, questi, come tanti altri della l'isola di Flores e le Azzorre, mai tornate.

L'abbandono di Cuada per le Americhe

Per gran parte del XNUMX° secolo, Cuada è rimasta abbandonata, le pietre e le piastrelle delle sue case in balia delle tempeste, i getti che sferzano questi confini atlantici del Portogallo.

Nel 1970, infatti, solo due delle diciassette case e pagliai conservavano dei tetti che meritavano quel nome.

La tempesta che sembrava insinuarsi non è abbastanza. Di fronte all'aria dell'oceano, la frangia di nuvole proveniente dalla cima dell'isola viene intimidita e dissipata.

L'arcobaleno segue l'esempio.

Mentre il sole si diffonde dietro l'Atlantico, l'ombra sotto il muro che ci sosteneva e il tono fulvo delle facciate scompaiono ancora.

Di notte, gli stranieri che scoprono l'isola tornano ai loro rifugi usati.

rianimare il case delle persone Florian che l'eccessiva insularità e il sottosviluppo di Flores li ha costretti ad andarsene, alla ricerca di sogni lontani.

Nuovi inquilini arrivano da ogni parte. Rimani uno, due o tre giorni. Recuperano alcune delle vite interrotte lì.

Ogni casa è identificata con il nome di uno degli emigranti: Fátima, Fagundes, Esméria, Luís.

Ci siamo sistemati da Luciana.

Doppio benedetto dalla vicinanza della casa dell'Impero di Spirito Santo divino sito, l'unico edificio intonacato e bersaglio del set, si dice che sia la più antica casa dell'Impero dell'intera isola di Flores.

Cuada: e come il villaggio è stato recuperato ma rispettato

Non sappiamo quale destino abbia dettato agli emigranti dopo aver attraversato le Americhe. Non sappiamo nemmeno se la sua destinazione fosse il Canada, il Stati Unitio Brasile – i paesi accoglienti protagonisti della diaspora delle Azzorre – o un altro.

Abbiamo scoperto che, anche salvato dalla rovina, dai rovi e dotato di modernità, l'umile e pittoresco villaggio abbandonato da Luciana e dai suoi vicini è cambiato poco.

I vialetti e le lastre di pietra rimangono aspri e irregolari come quando li percorreva la gente della terra, spesso a piedi nudi. Un tempo terreno coltivato, i prati erbosi appaiono divisi per criterio, da muri in pietra simili a quello utilizzato nella struttura delle case.

Fino a qualche tempo fa, la mucca Mimosa, Florentina, un asino, frequentava questi prati e pascoli. E Tina, la capra del villaggio.

Alcune case hanno aia, oggi adibite a cortili aperti. Altri sono stati adattati da pagliai, come quello di Pimentel.

Il capriccio e la caparbietà creativa di una coppia delle Azzorre

Il prodigio di resuscitare Aldeia da Cuada si deve a Teotónia e Carlos Silva, una coppia, ora 72enne, che trascorreva l'estate a Fajã Grande, godendosi l'idilliaco ritiro e la pace dell'estremo ovest dell'isola di Flores. .

Erano gli anni 80. Teotónia e Carlos, originari di Isola Pico, ha sentito la chiamata a recuperare Cuada. Hanno cominciato comprando una prima casa. Presto un altro.

Ad un certo punto, l'incanto verde dell'isola di Flores ha attirato viaggiatori sempre più incuriositi fino alle estremità delle Azzorre. Riparare e vivere l'eredità delle case di Cuada, senza elettricità, TV o Internet, si è rivelato un privilegio passato al passaparola.

A quel punto, Carlos aveva una situazione professionale stabile in finanza. Teotónia, ha lavorato presso Sata, la compagnia aerea che serve il Azzorre. Nonostante la loro esperienza in fatto di denaro, viaggi e turismo, spesso veniva loro detto che stavano impazzendo.

L'Ente per il Turismo delle Azzorre ha elogiato la sua determinazione, ma ha rifiutato di partecipare, in quanto, anche se si fosse ripreso, il villaggio di Cuada, distante e isolato com'era, non avrebbe invitato gli ospiti a giustificare l'investimento.

Gli anni passarono. Siamo arrivati ​​nel 1998. Il villaggio ha aperto ufficialmente le sue porte al turismo.

Dalla rovina al turismo nel villaggio di Pioneiro da Cuada

La stessa sorte e umiltà che condannò i residenti della vecchia Cuada ad emigrare, portò alla rinnovata Cuada un numero crescente di estranei che, in un primo momento, avevano come illuminazione vecchie lucerne a olio, molto meno inquinanti, dal punto di vista visivo, dei pali e cavi dell'impianto elettrico che Carlos e Teotónia vogliono scambiare con uno sotterraneo.

Due anni dopo, il villaggio si trovò legalmente protetto dalle autorità. L'allora reticente Giunta Regionale delle Azzorre lo dichiarò “bene culturale di interesse storico, architettonico e paesaggistico”.

Cuada è diventata una casa del turismo pioniera (presto Turismo de Aldeia) in Portogallo.

Era al sicuro dalle atrocità urbane che abbondano in tutto il paese. Sia dal governo stesso che da iniziative private nelle vicinanze.

Più visitatori arrivavano, più aveva senso per i Silva ignorare i presagi e procedere con la loro missione.

La bellezza di Cuada e dell'isola di Flores intorno

Dopotutto, dopo avervi trascorso così tante estati, entrambi conoscevano meglio di chiunque altro il valore dei paesaggi che circondano il villaggio che, secondo molti, fanno di Flores l'isola più bella dell'arcipelago.

Conoscevano Fajã e Fajãnzinha, le compagnie più vicine a Cuada, una per parte.

Poço da Alagoínha e Poço do Bacalhau Waterfall, entrambi raggiungibili a piedi, ognuno con il suo affascinante aspetto fiorentino.

Conoscevano anche l'insieme di punti di vista elevati che rivelano ampi panorami verdi, punteggiati di mucche, a cominciare da Portal.

Ne facevano già parte le piscine naturali e la costa vulcanica, frastagliata e bella da abbinare, così come l'emblematica solitudine dell'isolotto di Monchique, l'ultimo pezzo di roccia dell'occidente portoghese.

Teotónia e Carlos si sono sforzati, entro i limiti della semplicità originale, di attrezzare e decorare ciascuna delle case in modo che corrisponda all'ambiente circostante.

L'affascinante semplicità storica di Aldeia da Cuada

Le attrezzature e gli utensili – specchi, interruttori, rubinetti, copriletti, nappine e molti altri – provengono dai tempi antichi.

Oppure, se non vengono, imitano come meglio possono, secondo i gusti ei capricci di Teotonia.

In termini Ristoranti, Cuada delizia i suoi ospiti con il meglio che Flores e le Azzorre hanno da offrire. Quando ci siamo svegliati, ci aspettava la colazione con pane fresco, formaggio fiammingo e Isola di São Jorge. Miele, dolci, torta di chia e frutta.

A cena, sempre nel ristorante attiguo alla reception, ci deliziamo con il pesce pescato al largo, ben grigliato e accompagnato dalle verdure raccolte nei terreni di proprietà.

Per il momento, i lavoratori di Cuada li coltivano. Carlos e Teotónia condividono piani per gli ospiti per intrattenersi con compiti rurali.

Cuada ora ha accesso stradale dalla strada Assumada, che serve gran parte dell'estremità occidentale dell'isola.

Dispone inoltre di un parcheggio inclinato che permette agli ospiti di arrivare con i propri bagagli all'ingresso del paese, segnalato dalla reception e dal museo.

Negli orari cosiddetti normali, dal ricevimento a ciascuna delle case, contano sull'immensa forza delle armi di Sílvio, capo e tuttofare di Aldeia da Cuada.

I nostri, eravamo ancora alle prese con il check-in, Sílvio li aveva già lasciati alla porta di Casa Luciana.

I Canadas irregolari che portano a un mare drammatico

In altri tempi si arrivava al paese attraverso un sentiero secolare.

La foresta era solcata tra due dei templi cristiani emblematici di quei luoghi, dalle vicinanze della cappella di Santo António de Lisboa alla casa di Império da Cuada, quella chiesa bianca situata sopra Casa Luciana.

Come abbiamo già visto, la caparbietà di Teotónia e Carlos nel preservare i percorsi interni del villaggio, nonostante la goffaggine degli ospiti, ci ha dato il privilegio di percorrere affascinanti percorsi di storia e genuinità.

In poche decine di metri, il sentiero principale, tortuoso e vegetato del paese, ci conduce dall'ambiente bucolico e rurale di Cuada alla marina, molto più selvaggia che segue ad ovest.

Lì, i conigli sono i padroni di una foresta labirintica piena di tane e nidi. Le abbondanti berte volano su di noi. Con un po' di fortuna, possono rivelarsi pulcini, cervi e sterne.

Mentre scende, il canada diventa un sentiero poco chiaro, nulla che potremmo paragonare al sentiero ben segnalato e affollato che collega Fajã Grande al Faro di Albernaz, di fronte al vicina isola di Corvo.

Quando uno dei suoi meandri rivela un inaspettato precipizio roccioso e l'Atlantico agitato, ci voltiamo, verso Cuada.

Questa non sarebbe stata l'ultima volta che ci siamo rifugiati nel villaggio.

Ogni volta che lo facevamo, sentivamo il calore umano e la carezza del Natura che i suoi abitanti furono costretti a sacrificare.

VILLAGGIO CUADA

Telefono: +351 292 552 127

https://aldeiadacuada.com

Indirizzo: Lajes das Flores 9960-070

Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Ponta Delgada, São Miguel, Azzorre

La Grande Città delle Azzorre

Durante il XIX e il XX secolo Ponta Delgada divenne la città più popolosa e la capitale economica e amministrativa delle Azzorre. Lì troviamo la storia e il modernismo dell'arcipelago mano nella mano.
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
New Orleans Louisiana, prima linea
Città
New Orleans, Louisiana, EUA

La Musa del Grande Sud Americano

New Orleans si distingue dal contesto conservatore americano come difensore di tutti i diritti, talenti e irriverenza. Un tempo francese, francesizzata per sempre, la città del jazz ispira nuovi ritmi contagiosi, la fusione di etnie, culture, stili e sapori.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Cultura
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
In viaggio
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Navala, Viti Levu, Figi
Etnico
Navala, Fiji

L'urbanistica tribale delle Figi

Le Fiji si sono adattate all'afflusso di viaggiatori con hotel e resort occidentalizzati. Ma negli altopiani di Viti Levu, Navala mantiene le sue capanne accuratamente allineate.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
Storia
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Isole
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Natura
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Terrazze di Sistelo, Serra do Soajo, Arcos de Valdevez, Minho, Portogallo
Parchi Naturali
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal “Piccolo Tibet portoghese” alle Fortezze di Mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Palme a San Cristobal de La Laguna, Tenerife, Isole Canarie
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Tenerife, Isole Canarie

A est dell'isola di White Mountain

La quasi triangolare Tenerife ha il suo centro dominato dal maestoso vulcano Teide. Alla sua estremità orientale, c'è un altro aspro dominio, tuttavia, sede della capitale dell'isola e di altre città inevitabili, foreste misteriose e incredibili coste scoscese.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Viti Levu, Isole Fiji, Sud Pacifico, barriera corallina
Spiagge
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Religione
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Società
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
avanti e indietro fluviale
Animali selvatici
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.