Victoria, Mahé, Seychelles

Dallo “stabilimento” francofono alla capitale creola delle Seychelles


"Se potete"
Un riflesso della vita di Victoria in un furgone cittadino.
Cattedrale di Vittoria
Gli studenti camminano alla base della Cattedrale di Victoria.
Il ragazzo d'oro Marco
Marcus Hollanda, in uno stile di abbigliamento semi dorato.
Importazioni di Jivan
Un residente cammina davanti al negozio Jivan Imports.
Conversa
Le commesse Victoria accanto al negozio di abbigliamento per bambini.
Percorso al mercato di Victoria
Segno indica il mercato Sir Selwyn Selwyn Clarke.
Vita capitale
I passanti aspettano che un semaforo diventi verde nel centro storico di Victoria.
frutta rastafariana
Venditore in giamaicano al mercato di Selwyn Selwyn Clarke
Torre dell'orologio d'argento
Replica in argento della Torre dell'Orologio esistente a Vauxhall, Londra.
Venditore di uova
I clienti acquistano uova da un venditore ambulante.
Spezie
Un venditore islamico si occupa di una bancarella che vende spezie e altre specialità delle Seychelles.
Tempio di Arul Mihu Navasakthi Vinaygar
Gopuram Tower del più grande tempio indù nella capitale delle Seychelles.
Sacerdoti & Go Pro
Sacerdoti indù esaminano una action camera.
Divinità indù
Dettaglio del gopuram del tempio del tempio di Arul Mihu Navasakthi Vinaygar.
Consiglio d'offerta
Fiamma della fede su una tavola del tempio di Arul Mihu Navasakthi Vinaygar.
I francesi diedero il loro "L'Etablissement” con coloni europei, africani e indiani. Due secoli dopo, i rivali britannici presero loro l'arcipelago e ribattezzarono la città in onore della loro regina Vittoria. Quando la visitiamo, la capitale delle Seychelles rimane tanto multietnica quanto minuscola.

Viene spesso sottolineato che è una delle capitali più piccole del mondo.

Se è così, dovrebbe solo sorprendere coloro che non sanno che, anche distribuite su 115 isole nell'Oceano Indiano occidentale, le Seychelles sono il paese più piccolo dell'Africa.

Eppure, nei suoi 20 km2, Victoria ospita più di ventimila residenti, un terzo della popolazione della nazione. Basta trovarsi vittima di uno o dell'altro ingorgo. Vediamo il primo esempio intorno alla locale Torre dell'Orologio, una scintillante replica d'argento di quella che detta il tempo sul Vauxhall Bridge di Londra.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, Torre dell'OrologioDecidendo di fotografare il monumento secolare, abbiamo attraversato Independence Avenue. Di. Una volta. Altro. E un altro. Abusiamo e ci fermiamo in mezzo all'asfalto, tra piloti disposti a uscire di lì, pur senza l'entusiasmo quasi rabbioso di altre parti.

Il segnalatore di turno da tempo tollera le traversate che stima, estemporanee. Qualche istante dopo, stufo di vederci rovinare il suo lavoro, lascia il posto, ci rompe e ci avverte che se ripetiamo il via vai, ci multerà.

Ci sottoponiamo all'autorità. Ci siamo sistemati su un lato del viale. Ammiriamo la diversità etnica e religiosa dei pedoni, chissà perché, soprattutto donne, grassocce, con abiti assortiti e senza compromessi che rivelano diverse pelli dorate.

E, stonata, una giovane madre che quasi trascina una figlia indignata per il nostro approccio fotografico.

L'indisposizione della ragazza, in linea con l'aspetto musulmano elegante e molto più riservato della madre, vestita con un lungo hijab, parzialmente coperto da una camicetta rosso pallido.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, Torre dell'Orologio, passanteSir Selwyn Selwyn-Clarke e l'economia di mercato vittoriana

Abbiamo continuato a vagare. Abbiamo raggiunto a piedi il mercato Sir Selwyn Selwyn-Clarke, il mercato centrale della città, dal nome del medico militare e governatore coloniale delle Seychelles dal 1947 al 1951.

A quell'ora lo trovammo in gran trambusto.

Chi non ha un posto dentro, lavora vicino alla ringhiera, così come Jeffe, un commerciante di uova che le vende a scatole, dalla scatola del suo camion.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, venditore di uova

Entriamo nel mercato. Confermiamo la coesistenza delle aree previste. Frutta, pesce, bevande, spezie e altri prodotti regionali. In ognuno di essi, ancora una volta, un etnico assortimento di venditori.

Christopher, un fruttivendolo, si distingue per la sua moda rastafariana, la sua barba a punta e i toni rossi, verdi e gialli del suo cappello a righe, canotta e colletto.

Nelle vicinanze, Bah Dalanda, originario della Guinea Conakry, ci saluta con simpatia e apertura mentale per i ritratti che gli abbiamo chiesto.

Non che fosse necessario, ma in cambio comprammo un chilo della loro uva. Dal pescivendolo, con un sorriso timido, Marcel Santache cerca di rifilarci una cernia scarlatta.

Le isole ignorate dell'ammiraglio Vasco da Gama e dei navigatori seguiti

A sud delle Seychelles, il Isola della Riunione porta il nome che più traduce l'incontro dei popoli nell'Oceano Indiano. Le Seychelles e Victoria in particolare non sono da meno.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, fruttivendolo

Nel 1502, durante la seconda spedizione in India, Vasco de Gama attraversò l'arcipelago. Le diede il nome di Isole dell'Ammiraglio.

Nonostante l'onore (il proprio onore), né il navigatore né la corona portoghese li consideravano una priorità.

Per tutto il XVI secolo non furono reclamati dalle potenze coloniali europee che già gareggiavano per il mondo.

Nel 1609, una nave inglese disorientata attraccò per alcuni giorni nell'Isola del Nord. Ancora una volta, gli ammiragli continuarono a lamentarsi. Solo i pirati dell'Oceano Indiano li consideravano propri e da lì attaccavano le navi europee piene di ricchezze che viaggiavano tra l'Africa e l'Asia.

A metà del XNUMX° secolo, i francesi, che avevano già colonizzato il la vicina Mauritius (poi Île de France), sbarcò sull'isola che il navigatore Lazare Picault chiamò Île de L'Abundance (ora Mahe). Da quella base esplorarono l'arcipelago circostante.

Poco dopo, gli ammiragli finalmente si lamentarono. In omaggio al ministro delle finanze di Luigi XV, Jean Moreau de Séchelles, furono chiamati Séchelles.

Infine, il tentativo di colonizzazione pionieristico delle Seychelles

Nel 1770, Brayer du Barré, un imprenditore convalidato dalla corona francese, salpò dall'Île de France alla testa di un entourage di quindici coloni bianchi, sette schiavi africani, cinque indiani e una donna di colore.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, Capital LifeBarré lasciò i coloni sull'isola di St. Anne, di fronte all'attuale città di Victoria, incaricata di consolidare l'insediamento e tornò nell'Île de France con la missione di ottenere più fondi.

Invano. Nel frattempo, le autorità dell'isola avevano concluso che sarebbe stato impossibile rifornire la nuova colonia con la necessaria regolarità o procurarsi cibo da essa.

Barré tornò a St. Anna. Disperato, ha cercato di risolvere il blocco della Corona. Frustrato, ha deciso di abbandonare il progetto. Partì per l'India, dove, poco dopo, morì.

Le persone sono sbarcate a S. Anne, questi, erano rimasti due anni al loro destino.

Nel 1772, una parte aveva lasciato l'isola. Un altro si era trasferito sulla costa di fronte a St. Anne, sulla costa nord-orientale della più grande delle isole Seychelles, Mahé.

L'Etablissement  Ripopolato con schiavi di Mauritius

Informati che, nonostante l'abbandono, la colonia è sopravvissuta, i colonialisti emergenti hanno ripreso il progetto di Brayer du Barré. Arrivarono con navi cariche di schiavi creoli dall'Île de France e consolidarono quello che avrebbero chiamato L'Etablissement.

Gli schiavi appena arrivati ​​divennero la genesi delle attuali quasi centomila Seychelles, anglicizzate via via a partire dal 1798, quando gli inglesi presero il controllo dell'arcipelago quasi indifeso.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé,

Oggi, oltre il 90% della popolazione delle Seychelles rimane creola o creola.

Anche se i nativi detestano il termine lo considerano peggiorativo e fanno di tutto per farli considerare solo e solo Seychelles (Seychelles). Il resto sono migranti britannici, francesi, cinesi e indiani.

Invece di Seychelles o Séchelles, i nativi chiamano la loro nazione Sesel.

Da 1976, cittadini dal vasto Commonwealth of Nations ma indipendenti, si esprimono in dialetto seselva, una prolifica miscela di francese, inglese, swahili, indiano e persino malgascio.

Pur consapevoli delle difficoltà coloniali subite dai loro antenati, hanno una stima intoccabile per la loro nazione tropicale e paradisiaca.

L'inno francofono della banda "Dezil".

Così ci siamo sentiti quando, qualche anno fa, siamo rimasti abbagliati da un videoclip quasi artigianale e senza pretese andato in onda sul canale musicale francese MCM. Era “Sans Ou (La Riviere)” della band, all'epoca poco più che un adolescente, Dezil, che è come dire “dalle isole”.

Il tema, che ha un ritornello francese, cantato con un forte accento creolo

“Un minuto je suis à la rivière
Une heure et je pleure la mer
Un jour sans toi baby c'est trop beaucoup
Pleurer un oceano
Toi que j'aime infinito “

può applicarsi sia a qualsiasi flirt che alla relazione di Seychelles con la tua patria. Stranamente, il cuore delle Seychelles è nella minuscola e particolare capitale che gli inglesi si precipitarono a ribattezzare Victoria.

Siamo rimasti lì, girovagando per le sue strade e vicoli, scoprendo un po' di tutto, luoghi e personaggi, alcuni dei quali improbabili.

Per le strade ei vicoli di Minuta Victoria

Nei pressi dello sgargiante edificio coloniale, quasi lego, che ospita l'attività di Jivan Imports, incontriamo un indigeno tratto da qualche cartone animato: Marcus Hollanda tanto tempo fa, con la gamba piegata all'indietro, contro un muro coronato da una rinfrescante siepe.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahe, d'oro

Ha una delle pelli più nere e lisce che abbiamo trovato a Victoria.

La sua carnagione mette in risalto l'oro del berretto e il giallo della polo che indossa in tinta, con uno spesso filo argentino che gli pende dal collo.

In un primo momento, intimidito dal nostro improvviso interesse, Marcus ha rapidamente assimilato le ragioni che gli abbiamo spiegato. Posa orgoglioso, altezzoso da abbinare. Per qualche ragione, lo chiamiamo ancora Golden Boy.

I templi al servizio delle fedi della capitale delle Seychelles

Sempre nelle vicinanze, la Cattedrale di Victoria svolge le sue funzioni di evangelizzazione cristiana, rafforzata da un alleato anglicano. Nonostante la loro imponente architettura, entrambi i templi mancano dell'esotismo tropicale e indiano che stavamo cercando.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, Cattedrale di Victoria

Camminiamo, da un capo all'altro, fino al tempio indù Arul Mihu Navasakthi Vinaygar, luogo di culto inevitabile e inconfondibile per gli abitanti indù di Victoria e dei dintorni di Mahé.

Costruito in stile dravidico, la sua torre decorata (gopuram) raggruppa decine di figure di divinità in una luminosa comunione, al di sopra dei fedeli in sari e altri costumi tipici del Subcontinente.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahe, Tempio di Arul Mihu Navasakthi Vinaygar

Ci togliamo le scarpe. Noi entriamo.

Abbiamo esaminato i diversi dettagli della fede all'interno, sotto lo sguardo di due sacerdoti vestiti di dhotis arancione, con i tronchi a vista, uno dei quali con il petto, le braccia e la fronte ornati da un dipinto sacro, rigato di bianco.

Siamo i benvenuti. Ci invitano a sederci, chiacchierare ed esaminare alcune delle attrezzature che stavamo trasportando. Dieci minuti dopo, armati di una piccola action cam che abbiamo prestato loro, provano selfie rotondi.

Discutono dei vantaggi e degli artifici del dispositivo.

Victoria, capitale, Seychelles, Mahe, Tempio di Arul Mihu Navasakthi Vinaygar, sacerdoti

Quando torniamo su di loro, ancora ai margini di ogni prevista spiritualità, pongono dubbi tecnici che ci divertiamo a chiarire.

Ci fotografiamo insieme.

Ancora una volta, come è avvenuto per giorni, nell'intimità multietnica di Victoria e delle Seychelles.

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione

Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Zanzibar, Tanzania

Le Isole delle Spezie Africane

Vasco da Gama aprì l'Oceano Indiano all'impero portoghese. Nel XNUMX° secolo l'arcipelago di Zanzibar divenne il maggior produttore di chiodi di garofano e le spezie disponibili si diversificarono, così come i popoli che si batterono per loro.
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
Il fiume Zambesi, PN Mana Pools
Safari
Kanga Pan, Mana Pools NP, Zimbabwe

Una fonte perenne di fauna selvatica

Una depressione situata 15 km a sud-est del fiume Zambesi trattiene acqua e minerali durante la stagione secca dello Zimbabwe. Kanga Pan, come è noto, nutre uno degli ecosistemi più prolifici nell'immenso e meraviglioso Parco Nazionale di Mana Pools.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Città
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Cultura
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
In viaggio
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Etnico
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Storia
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Isole
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Ribeiro Frio, Madera, Vereda dos Balcões,
Natura
Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ghiacciaio Meares
Parchi Naturali
Il suono del principe William, Alaska

Viaggio attraverso un'Alaska glaciale

Adagiato contro le montagne Chugach, il Prince William Sound ospita alcuni dei paesaggi stravaganti dell'Alaska. Né potenti terremoti né una devastante marea liscia hanno influenzato il suo splendore naturale.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Spiagge
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Religione
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
mini snorkeling
Società
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.