Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor


-Casa degli ospiti
I proprietari della locanda cercano di attirare i clienti fuori dalla barca da Phnom Penh.
Incrocio di Nek Luong
Passeggeri su un traghetto che attraversa il fiume a Nek Luong.
Eredità di Ta Chrom
Le radici si impadroniscono di una delle pareti del tempio di Ta Phrom.
Vertigini di Angkor
I visitatori conquistano i gradini del grande tempio di Angkor.
Ingresso ad Angkor
I visitatori entrano in un corridoio del tempio di Angkor
Scultura
Una delle sculture di divinità nel tempio di Angkor.
Vertigine di Angkor II
Visitatore intimidito dalla pendenza di una delle scale di Angkor.
ritiro
Monaco buddista rimosso da un angolo del tempio di Angkor Wat.
cambogia-angkor-wat-tempio-monaco
Per dopo
I monaci buddisti sono fotografati con il tempio di Angkor sullo sfondo.
sovraffollamento
Veicolo a pigna sulla strada per Angkor.
Ta Crom
I visitatori attraversano un ingresso al tempio di Ta Phrom.
Più Radici
Le radici si impadroniscono di una delle pareti del tempio di Ta Phrom.
Vishnu
Statua del dio dell'induismo Vishnu.
Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso

Il poster dell'Ufficio Sinh di Ho Chi Minh City ha parlato a 12 ore.

Ha menzionato un prezzo modesto di pochi milioni di Dong. Non menzionava il tipo di autobus o altro sul percorso.

Quando si tratta di agenzie di paesi del terzo mondo, o vai o rimani. Non c'è tempo per l'indecisione e aspettare risposte oneste è ingenuo. Consapevoli di questo, abbiamo acquistato i biglietti e abbiamo messo gli occhi su ciò che poteva riservare il giorno successivo.

Abbiamo lasciato la caotica De Tham Street verso le otto del mattino. Tre ore dopo, siamo arrivati ​​al confine. E all'inizio di un lungo tormento.

L'area che segna la divisione tra i Vietnam e la Cambogia stabilisce un'evidente separazione nel paesaggio. All'improvviso, le risaie fradicie e altri campi verdi lasciano il posto a un deserto arido. Ha due enormi archi che segnano l'uscita da un paese e l'ingresso in un altro.

L'autista dice a tutti di scendere dall'autobus. Indica, rudemente, il cancello più vicino, a ben 500 metri di distanza.

Fuori ci sono 40 gradi, un forno che fa del camminare una punizione. Si ripeterebbe dalla barriera vietnamita a quella cambogiana, dove la linea, accresciuta dall'arrogante pigrizia dei soldati di turno, è più lunga della precedente.

Qualche tempo dopo, l'asfalto fino a quel momento accettabile diventa un susseguirsi terroso di buche convenzionali, vecchi crateri causati dalle bombe sganciate durante la guerra del Vietnam e dossi e irregolarità assorbite da una densa polvere.

Il percorso inizia anche ad essere fatto in “esses” e in salti. Non è ancora tutto.

Cambogia, Angkor, Nek Luong

Passeggeri su un traghetto che attraversa il fiume a Nek Luong.

La tortura della strada della Cambogia del dopoguerra

Siamo in grado di gestire 150, forse 200 km di dossi. La vescica di alcuni passeggeri è allo stremo. Siamo tra i più afflitti. Per fortuna e convenienza, l'autista scontroso si stanca del disagio e decide di fermarsi.

Eravamo già nella savana del sud-est asiatico quando abbiamo notato che il resto degli elementi del tour stava oscillando. Un cartello ci era passato accanto. Abbiamo camminato tra le miniere.

L'afflizione peggiora ma, non essendo successo nulla all'uscita, al ritorno, non ci resta che individuare e calpestare le impronte per terra. Abbiamo evitato l'inaspettata catastrofe, ma non ci siamo liberati dell'irritante sarcasmo del pilota: “Poteva essere vicino, vero? La prossima volta, guarda se ti ricordi che non stai passeggiando per Parigi!”.

Nonostante il tempo trascorso dalle atrocità dovute alla popolarità del paese, quel cambogiano aveva ancora assolutamente ragione.

Nel 2010, Kang Kek Lew è diventato il primo khmer Red per essere condannato per i suoi crimini di guerra durante il regime maoista di Pol Pot. Ne sarebbero seguiti molti altri, ma il primo ministro Hun Sen ha sacrificato le convinzioni per la stabilità politica.

Era qualcosa che è stato visto come una protezione per diversi leader della guerriglia, oggi presenti nelle istituzioni locali e nazionali del governo cambogiano. Se gli ex criminali rimangono al potere, la Cambogia rimane una delle nazioni più vulnerabili dell'Asia, dipendente dall'assistenza delle nazioni sviluppate e dagli investimenti cinesi.

Cambogia, Angkor, Cambogiani con Ananas

Veicolo a pigna sulla strada per Angkor.

Andando avanti nel paese, ci rendiamo conto della quantità di campi asciutti ancora infestati da mine e incolti, del predominio di abitazioni di base sovraffollate dalle famiglie e dai loro animali domestici.

Palma cambogiana dietro la palma cambogiana (Borassus flabellifero), palafitta dopo palafitta, molto dopo il tramonto e con un ritardo di cinque ore, siamo finalmente arrivati ​​a Phnom Penh. Abbiamo solo una breve notte di sonno per recuperare il ritardo nella capitale.

La navigazione mozzafiato da Phnom Penh a Siem Reap

Il viaggio ricomincia presto, partendo da un molo sul fiume Tonlé Sap, che lì si unisce al Mekong. Il Tonlé Sap cambia direzione due volte l'anno, invertito dal riflusso del fiume principale, che la stagione delle piogge lo rende eccessivo. Ci aspettano barche avveniristiche ma logore che, in tre tempi, si riempiono di stranieri.

Salpiamo. A grande velocità, la barca si lascia alle spalle i villaggi lungo il fiume che compaiono lungo il percorso. E fa oscillare le barchette dei pescatori che le alimentano.

A due terzi del percorso, il letto si allarga e lascia il posto a un'immensità informe. Da fiume, il Tonlé Sap diventa un lago. Altre due ore di navigazione, raggiungiamo le vicinanze di Siem Reap. Ma siamo nel bel mezzo della stagione secca. In questo momento, le coste sono inaccessibili alle barche più grandi. E questo ritiro sul lago richiede un trasbordo complesso.

Da rami galleggianti, decine di reclutatori di turisti che lavorano a pensioni si avvicinano a noi su piccole barche. In un processo di divisione, cercano di convincere il maggior numero possibile di visitatori a seguirli.

Cambogia, lago Tonle Sap, Angkor, pensioni

I proprietari della locanda cercano di attirare i clienti fuori dalla barca da Phnom Penh.

Senza valide alternative, è quello che facciamo.

Un giorno e mezzo dopo aver lasciato Ho Chi Minh, eravamo arrivati ​​a Siem Reap. I templi di Angkor sembravano più vicini che mai. Si avvicinava il momento della ricompensa.

La città lasciata in eredità dalla potente civiltà Khmer

Costruiti tra l'XI e il XIV secolo, quando la civiltà Khmer era al suo apice, i templi di Angkor testimoniano, più che una semplice grandezza, l'enorme creatività architettonica di un popolo che dominava il sud-est asiatico.

I Khmer hanno soggiogato diverse etnie per 600 anni, dal sud di quello che oggi è il Vietnam, al territorio dello Yunnan nel sud di Cina, nel Golfo del Bengala a India.

Gli oltre cento templi di Angkor che avevamo davanti a noi sono le vestigia viventi di un centro amministrativo e religioso che ospitava centinaia di case, edifici pubblici e palazzi costruiti in legno e che, quindi, è scomparso. Secondo la credenza Khmer, il diritto di abitare in edifici in pietra o mattoni era riservato solo agli dei.

Cambogia, Tempio di Angkor, scultura

Una delle sculture di divinità nel tempio di Angkor.

Diversi secoli dopo, cambogiano e UNESCO ha concesso ai visitatori di tutto il mondo il privilegio di ammirarli. Eravamo determinati a sfruttare al meglio la taglia.

Ci dirigiamo verso il lato opposto dell'ingresso del complesso, desiderosi di trovare le rovine furtive di Ta Phrom (brahma ancestrale), uno dei pochi templi che non è stato derubato della sua protezione originaria della giungla.

Lo scopriamo fedele all'immaginazione dei viaggiatori, circondato da alberi tropicali con radici tentacolari che si aggrappano a muri e pareti invecchiate.

Cambogia, Angkor, Ta Phrom

Le radici si impadroniscono di una delle pareti del tempio di Ta Phrom.

Lì, il canto esotico degli uccelli rompe il silenzio e rafforza un'atmosfera di puro misticismo. Così contemplato, il tempio abbandonato non rende giustizia alla grandiosità della civiltà che lo ha costruito.

Eppure, un pannello informativo conferma che c'erano 12.500 persone che vivevano o prestavano servizio lì. Duemilasettecento ufficiali, seicentoquindici ballerini e più di 80.000 anime dei villaggi circostanti lavorarono per assicurarsi provviste e altri servizi.

È dimostrato che Angkor era più di un luogo artistico o religioso. Ha ospitato città impressionanti che servivano anche il popolo Khmer.

Siamo tornati alla roccaforte di Angkor Thom alla ricerca di Bayon.

Cambogia, Angkor, tempio di Ta Phrom

I visitatori attraversano un ingresso al tempio di Ta Phrom.

Come Ta Prohm, anche questo edificio ha corridoi stretti e rampe di scale vertiginose. Evidenzia la collezione di cinquanta torri decorate con duecento misteriosi volti sorridenti di Avalokiteshvara, il Buddha della compassione.

E l'ispirazione del re Jayavarman VII per la costruzione della città.

La Maestà Religiosa e Khmer di Angkor Wat

Ci siamo trasferiti ad Angkor Wat, la più imponente di tutte le strutture di Angkor, considerata il trono dell'Impero Khmer e il più grande edificio religioso del mondo.

Molte delle caratteristiche di Angkor Wat sono uniche per il complesso del tempio. Uno di questi è il suo orientamento verso l'Occidente. 

L'Occidente è, nell'universo khmer, la direzione della morte. Questa consapevolezza ha portato diversi studiosi a concludere che Angkor Wat fosse stato eretto come tomba.

L'idea è stata ulteriormente rafforzata dal fatto che molti dei suoi bassorilievi sono stati creati in modo tale da essere interpretati contro il movimento delle lancette di un orologio, opzione con antecedenti nei rituali funerari indù.

D'altra parte, il dio indù Vishnu è sempre stato associato all'Occidente. Di conseguenza, la spiegazione più accettata oggi è che Angkor Wat fosse inizialmente un tempio, poi il mausoleo di Suryavarman II, il sedicesimo re dell'impero Khmer.

Cambogia, Tempio di Angkor, Vishnu

Statua del dio dell'induismo Vishnu.

Attraversiamo il ponte sul fossato esterno. Siamo entrati in una camera oscura. Mentre partiamo, abbiamo la vista inaspettata e maestosa di tre enormi torri in lontananza. E più avanti, un enorme viale conduce al tempio centrale.

Lo percorriamo fianco a fianco con un gruppo di monaci buddisti che, con i loro vestiti arancioni, danno colore al luogo e si fotografano senza sosta.

Cambogia, tempio di Angkor, monaci buddisti

I monaci buddisti sono fotografati con il tempio di Angkor sullo sfondo.

Abbiamo finito per parlare, nonostante l'inglese limitato hanno l'opportunità di esercitarsi: “Non lo siamo khmer, siamo tailandesi. Abbiamo visto Angkor di tanto in tanto.

È un sacro privilegio per noi poter pregare qui in pace. Per molto tempo abbiamo rischiato la vita ogni volta che ci provavamo”.

Arrivati ​​al cortile interno del tempio, esaminiamo le gallerie del piano terra e affrontiamo le spaventose scale che danno accesso ai livelli superiori, determinati ad accedere alla visuale libera del complesso circostante.

Cambogia, tempio di Angkor, scala

Visitatore intimidito dalla pendenza di una delle scale di Angkor.

A quel tempo, capivamo un po' meglio il discorso dei monaci. E abbiamo confermato che il lungo e doloroso viaggio da Ho Chi Minh ne è valsa la pena.

Cambogia: dal fratricidio all'oblio forzato

Devastata dalla guerra e dal regime sanguinario di Pol Pot, la Cambogia è rimasta fuori dalla mappa turistica del mondo per più di vent'anni.

Dopo il cessate il fuoco e la relativa stabilizzazione della situazione politica, il Paese si è progressivamente aperto agli stranieri. Ha esposto ai visitatori lo stato in cui si trovava: una distruzione quasi totale della sua scarsa rete di trasporti e della maggior parte delle importanti infrastrutture.

Una popolazione oppressa dalla violenza impunita del Khmer bandiere rosse e la diffusa corruzione di un governo venduto a tutti i tipi di interessi.

Un territorio ricco di mine inesplose che impediscono ai contadini di coltivare nuovamente i campi e uccide, ancora oggi, più persone al giorno.

Nel 2003 la situazione della Cambogia era ancora molto fragile.

Cambogia, tempio di Angkor, monaco buddista

Monaco buddista rimosso da un angolo del tempio di Angkor Wat.

Sul piano politico, il Paese resta diviso dai conflitti passati: i leader sono visti come pro o contro i vietnamiti; ex sostenitori della barbarie perpetrata dai Khmer rossi o oppositori.

Quest'ultima opposizione è una vera ferita aperta nella società cambogiana. Dopo le elezioni del 1998, una parte significativa dei guerriglieri Khmer ha lasciato la giungla.

Si è arreso alle forze governative della nuova coalizione che ha riunito le due maggiori forze politiche del paese, il CPP e FUNCINPEC.

Il 25 dicembre di quell'anno, al leader della coalizione, Hun Sen, fu presentata una richiesta di autorizzazione ai principali leader khmer rosso anche per loro di arrendersi al governo.

Hun Sen era sempre stato un sostenitore del perseguimento dei responsabili del diffuso genocidio che aveva colpito il paese.

Tuttavia, inspiegabilmente, i leader khmer i rossi hanno avuto un ricevimento VIP all'arrivo nella capitale. Hun Sen ha continuato a difendere la necessità assoluta di riconciliazione nazionale ed ha evitato di punire i suoi ex nemici, come sperava sarebbe successo la popolazione cambogiana.

Questa inversione di tendenza è ancora oggi una causa latente di instabilità. Quando i membri della guerriglia dei Khmer rossi sono tornati alle loro case, molti di loro sono andati a vivere fianco a fianco con persone che avevano torturato o mutilato, o la cui famiglia avevano ucciso.

La paura che un processo equo degli alti ranghi khmer le bandiere rosse possono spaventare gli ex guerriglieri rimasti nella giungla e riaccendere il conflitto, è stato un forte deterrente.

Nonostante ciò, abituati alla sofferenza e al silenzio, i cambogiani si aggrappano all'unica opzione che gli è stata data: dimenticare ciò che è rimasto indietro.

Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
Ho An, Vietnam

Il porto vietnamita che osservava le navi

Hoi An era una delle stazioni commerciali più importanti dell'Asia. I cambiamenti politici e l'insabbiamento del fiume Thu Bon hanno dettato il suo declino e l'hanno preservata come la città più pittoresca del Vietnam.

Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Monte Kyaiktiyo, Myanmar

La roccia dorata ed equilibrata del Buddha

Stavamo andando alla scoperta di Rangoon quando abbiamo scoperto il fenomeno Rocha Dourada. Abbagliati dal suo equilibrio dorato e sacro, ci uniamo al già secolare pellegrinaggio dei birmani al monte Kyaiktyo.
Yangon, Myanmar

La grande capitale della Birmania (a parte le delusioni della giunta militare)

Nel 2005 il governo dittatoriale del Myanmar ha inaugurato una nuova capitale bizzarra e quasi deserta. La vita esotica e cosmopolita rimane intatta a Yangon, la città più grande e affascinante della Birmania.
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
strade imperdibili

Grandi viaggi, grandi viaggi

Con nomi pomposi o semplici codici stradali, alcune strade attraversano scenari davvero sublimi. Dalla Road 66 alla Great Ocean Road, sono tutte avventure di guida imperdibili.
Hanoi, Vietnam

Sotto l'Ordine del Caos

Hanoi ha ignorato a lungo gli scarsi semafori, altri segnali stradali e segnali decorativi. Vive al suo ritmo e in un ordine di caos irraggiungibile dall'Occidente.
Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
New Orleans Louisiana, prima linea
Città
New Orleans, Louisiana, EUA

La Musa del Grande Sud Americano

New Orleans si distingue dal contesto conservatore americano come difensore di tutti i diritti, talenti e irriverenza. Un tempo francese, francesizzata per sempre, la città del jazz ispira nuovi ritmi contagiosi, la fusione di etnie, culture, stili e sapori.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Danze
Cultura
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Isola di Streymoy, Isole Faroe, Tjornuvik, Gigante e Strega
In viaggio
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
Etnico
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Roça Bombaim, Roça Monte Café, isola di São Tomé, bandiera
Storia
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
Cargo Cabo Santa Maria, Isola di Boa Vista, Capo Verde, Sal, Evocando il Sahara
Isole
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
Natura
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Sale molto grosso
Parchi Naturali
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Natale ai Caraibi, presepe a Bridgetown
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bridgetown, Barbados e Granada

Un Natale caraibico

Viaggiando, da cima a fondo, attraverso le Piccole Antille, il periodo natalizio ci coglie alle Barbados e a Grenada. Con le famiglie dall'altra parte dell'oceano, ci siamo adattati al caldo e alle feste in spiaggia dei Caraibi.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Mtshketa, Città Santa della Georgia, Caucaso, Cattedrale di Svetitskhoveli
Religione
Mtsketa, Georgia

La città santa della Georgia

Se Tbilisi è la capitale contemporanea, Mtskheta è stata la città che ha ufficializzato il cristianesimo nel regno di Iberia, predecessore della Georgia, e che ha diffuso la religione in tutto il Caucaso. Chi visita vede come, dopo quasi due millenni, è il cristianesimo a governare la vita lì.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Società
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.