Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque


Convivialità alla porta
Cristo è la bussola
desana
Il profilo di Boto
Un delfino nero
fine del fuoco
grigliate a bordo
La comunità di Dessana
Avvisi di navigazione
dolores pino
Negro contro Solimões
Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.

È domenica.

Sono appena passate le 8:30. In piena stagione secca, Manaus e Amazonas si svegliano leggermente cosparsi di nuvole, per quanto riguarda la pioggia, sono solo decorative. Buona parte dei suoi abitanti sono lungi dal svegliarsi.

Non è il caso del sig. Francisco, la guida che accoglie noi e gli altri passeggeri della barca e apre un'intensa narrazione multilingue. Salpiamo dal molo proprio di fronte all'antica Alfândega e Guardamoria, con il fiume così poco profondo come, a settembre e ottobre, lo rende solitamente la stagione secca della regione.

Abbiamo risalito il Rio Negro. Passiamo sotto l'enorme ponte giornalistico Phelippe Daou che attraversa il Negro e consente alla strada AM-070 di scorrere dalla grande città all'interno occidentale dell'Amazzonia e nella direzione opposta. Il ponte è stato inaugurato nell'ottobre 2011, dall'allora Presidente di Repubblica brasiliana, Dilma Roussef, che ha promesso ai politici locali che la zona di libero scambio di Manaus sarebbe durata per un altro mezzo secolo con tutti i benefici fiscali e commerciali di cui ha goduto.

L'agglomerato di quattro comuni vicini e l'intensificarsi dell'andamento di queste fermate in tempi remoti e temuti del Brasile, si fece subito sentire, contro l'essenza naturale e rigogliosa dell'Amazzonia. Per quanto volessimo ignorarlo, la verità era che il tour che stavamo facendo stava navigando nella stessa direzione.

Su Rio Negro Alla ricerca dei delfini amazzonici

Il primo obiettivo del tour intrapreso era trovare i delfini rosa, i delfini amazzonici, qualcosa che il turismo di massa intorno a Manaus ha reso quasi garantito. Le focene sono ancora a piede libero nelle acque del Negro e dei suoi affluenti.

Ma ora, per rendere la vita più facile agli imprenditori del turismo e ai loro clienti, i nativi gestiscono piccole piattaforme per accogliere i mammiferi: sia cetacei che umani che si riversano lì per vivere con loro.

Siamo atterrati in uno di loro. Un caboclo scende una breve scalinata fino a un tavolato sommerso. Lì, prende un pesciolino e lo scuote sott'acqua. Con stupore del sig. Francisco, i delfini ignorano la sfida. Non perché si fossero allontanati autonomamente. Il richiamo di una piattaforma concorrente li ha deviati.

Nel tempo, questi delfini si sono abituati al fatto che, a quei tempi, potevano procurarsi il cibo senza sforzo. Bastava, per questo, avvicinarsi alle piattaforme e intrecciarsi tra le gambe dei visitatori, vulnerabili alle carezze e ai contatti che quasi tutti dedicano loro per sentire l'incredibile consistenza della loro pelle.

Delfino rosa tinto dall'acqua ocra del Rio Negro.

"State attenti con lui ragazze, non volete sorprese, vero?" Lancia uno dei passeggeri verso gli altri e genera così una risata comune quasi isterica. “Ciao, è proprio lì accanto a te, esci di lì, ragazza”, risponde un secondo.

Il contatto con i delfini può essere un'entusiasmante novità per chi arriva da altre parti dell'isola Brasile e il mondo. Ma è comune tra i brasiliani – soprattutto quelli del nord del Paese – una leggenda dedicata a queste creature.

La leggenda vuole che i delfini rosa si trasformino in giovani eleganti vestiti di bianco e con indosso un cappello, per mascherare le narici, che, secondo la leggenda, questa metamorfosi non cambia solitamente. Ebbene, capita che, durante la stagione delle Festas Juninas, questo ragazzo seduca delle ragazze impareggiabili.

Li porta sul fondo del fiume e spesso li mette incinta. L'antica leggenda giustificava addirittura che, quando i giovani si presentano alle feste, indossando un cappello, gli viene detto di toglierlo per dimostrare che non sono focene. È anche la ragione dell'espressione “é filho (a) do boto”, applicata ai figli di padre ignoto.

Un'altra specie in via di estinzione

In termini di realtà, similmente a quanto accade con tante altre specie, sono gli esseri umani a porre il veto a una dolorosa fragilità esistenziale. Molto più gravi dell'intrusione di visitatori in Amazzonia, i costumi dei suoi abitanti sono stati dimostrati.

Nonostante il suo status di specie protetta, l'inaccessibilità dell'Amazzonia rende possibile la macellazione di migliaia di esemplari ogni anno. Le autorità ambientali hanno scoperto che i pescatori li catturano perché la loro carne è l'ideale per adescare i piracatinga (Calophysus macropterus), una specie di pesce gatto di grande valore commerciale.

Principalmente per questo motivo, si stima che ogni dieci anni i delfini rosa diminuiscano della metà. Anche se resistono in buona parte dell'Amazzonia, compreso il fiume Araguaia, ma su questo lato del vasto palude -, poiché le femmine hanno un unico discendente ogni quattro o cinque anni, le prospettive di recupero della specie non sono molto incoraggianti.

Anche se l'invasione dei turisti umani nel loro habitat si è rivelata un male minore, gli agenti IBAMA sono stati assegnati a Manaus sono presenti sulle piattaforme, incaricati di controllare il tempo che ogni gruppo trascorre con i delfini rosa e di limitare la loro interazione con gli animali.

Un nativo vicino al Rio Negro dà da mangiare a un delfino (delfino amazzonico).

In un primo momento, l'agente presente sulla nostra piattaforma si limita a prendere appunti su qualsiasi taccuino, ma quando alcune delle fanciulle insistono per prolungare il loro corteggiamento con i delfini, l'ufficiale non esita a tagliare i loro trucchi e forzarne lo sbocco dell'acqua.

Visita alla Comunità Indigena Dessana-Tukana

Torniamo a bordo. Sig. Francisco annuncia un nuovo tratto. Abbiamo navigato dal centro del Negro verso una spiaggia fluviale isolata e asciutta. Sempre dalla barca, abbiamo rilevato diverse malocae e altri edifici più piccoli, tutti costruiti con tronchi e ricoperti da capanne asciutte.

La più vicina sembra semisprofondata nella sabbia scoperta dal fiume che si ritira. Siamo andati al suo ingresso. Lì ci accoglie un nativo della piccola comunità Tukana, che comprende gli indigeni della zona dell'Alto Rio Negro di São Gabriel da Cachoeira, a 850 km di distanza, vicino al confine con Colombia.

Questo è il nucleo culturale di un vasto territorio della giungla amazzonica in cui convivono ventisei diversi gruppi etnici, accomunati dalla stessa famiglia linguistica, i Tukana. La comunità che abbiamo visitato ne comprende solo cinque: Desana, Tukana, Tuiúca, Bará e Makuna.

Nativo della comunità indigena Dessana-Tucana, sulle sponde del Rio Negro.

Sotto un grande copricapo di piume rosse e blu che ci sembra un'ara, ci accoglie Tutuia, la nativa dai tratti indigeni più marcati e dal profilo di un capo carismatico. Prima a Tukano, poi in portoghese, con diversi galli che cantano sullo sfondo.

Quindi ci conduce all'interno oscuro della maloca, che i nativi usano come casa della saggezza o della medicina tradizionale. Lì brucia un fuoco pajé, che gli ospiti alimentano la resina, per proteggere i loro spiriti e quelli dei visitatori dal male e dal male.

Tutuia conclude il benvenuto e l'introduzione della comunità. Ben presto il protagonista passa ad altri quattro indigeni, tutti uomini, poiché il rito che segue è vietato a donne e bambini.

Jurupari: un culto esoterico del male

Gli indigeni inaugurano un rituale Jurupari, suonato con strumenti a fiato fatti di paxiula, una palma amazzonica che produce un suono caratteristico. Lo suonano avanti e indietro all'interno della maloca, da una porta all'altra e viceversa. Producono un movimento e un riverbero che si dimostrano mistici e ci lasciano incuriositi.

Avevamo ragioni per questo. Jurupari definisce un complesso culto mitologico dei popoli indigeni dell'Amazzonia. È il male in persona, l'origine di altri demoni secondari dai nomi più diversi, a seconda delle diverse tribù ed etnie.

Quando i portoghesi e gli spagnoli arrivarono nelle terre amazzoniche, nel XVI secolo, si resero conto che era il culto principale degli indigeni. Preoccupati per la sua popolarità e concorrenza con i personaggi e le credenze bibliche, i missionari hanno fatto del loro meglio per associarlo al diavolo cristiano.

La musica misteriosa di Jurupari continua a sedurci. Fino a quando la loro oscura danza lascia il posto a una danza completamente contrastante, che segue il suono dei flauti di legno amazzonici, si svolge in cerchio invece che in percorsi rettilinei e ha già donne e bambini.

Giovani autoctoni ad uno degli ingressi della casa della saggezza e della medicina tradizionale della Comunità Indigena Dessana-Tucana.

Il tempo prezioso tra la comunità di Tukana è scaduto. Riimbarchiamo. Questa volta, percorriamo Negro, verso Manaus. Passiamo di nuovo sotto il ponte del giornalista Phelippe Daou e ci lasciamo alle spalle la vasta area di case lungo il fiume.

Rio Negro giù, al Meeting dell'Incontro delle Acque

Ci avvicinammo a una grande lingua di fiume che vi nascondeva un confine. Dalla nostra parte, il Rio Negro continuava a scorrere. Dall'altra parte, ne è scivolato un altro.

Ad un certo punto, all'acqua della Coca-Cola do Negro, con pochissimi sedimenti ma immensa materia prima vegetale disciolta, si aggiunge quella dei Solimões, come gli esploratori iberici chiamarono il tratto superiore del Rio delle Amazzoni.

Quest'ultimo si presenta con un tono caramello dato dalla quantità e diversità di sedimenti (sabbia, fango e limo) che il Solimões accumula nella sua discesa dalle lontane pendici della Cordigliera delle Ande.

Incontro delle acque, Manaus, Amazonas, Brasile

Una piccola imbarcazione solca il Meeting of the Waters, pochi chilometri a valle di Manaus.

Per circa 6 km i due torrenti scorrono fianco a fianco, in un enigmatico orgoglio fluviale che la scienza non ha avuto problemi a svelare.

Tra i due, quasi tutto è diverso: il fiume Negro scorre a soli 2 km/h. Il Solimões scorre tra 4 e 6 km/h. L'acqua nera ha una temperatura di 28ºC. Quello di Solimões, invece, misura solo 22ºC.

In quanto tale, la densità di entrambi i flussi risulta essere abbastanza diversa. La particolarità fisico-chimica di ciascuno fa sì che prendano del tempo per accettare e mescolarsi nel flusso unico della Bassa Amazzonia, il grande Rio Mar che, fino a sfociare nel vero mare Atlantico, a est di Belém, accoglie ancora “ simili incontri.

Accanto a Manaus, la resistenza di entrambi è illustrata dai toni contrastanti dell'acqua, ma non solo. Installato sul ponte superiore della barca, vulnerabile al torrido sole tropicale che ogni volta che scoppia ne rafforza il fenomeno, apprezziamo le forme curvilinee e il bordo dell'Incontro delle Acque. E anche i mulinelli color caffè che, di volta in volta, generava la battaglia tra le due forze.

Una coltre più densa di nuvole nasconde ancora una volta il sole. Il signor Francisco e l'equipaggio della barca erano con noi da quasi otto ore. Una domenica aspettavano più che mai il ricongiungimento con le loro famiglie. D’accordo abbiamo invertito ancora una volta la rotta.

Contro la nostra volontà e quella di Negro, tornammo a Manaus.

 

TAP – flytap.pt vola direttamente da Lisbona verso diverse città brasiliane. In termini di ore di volo, quelle più convenienti per arrivare a Manaus sono, in questo ordine: a)  Fortaleza o Brasilia b) San Paolo e Rio de Janeiro.  c) via Miami, Stati Uniti.

Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Architettura & Design
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cerimonie e Feste
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Città
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Cultura
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Omero, Alaska, baia di Kachemak
In viaggio
ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska

Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.
batteria e tatuaggi
Etnico
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Storia
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Isole
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo
Natura
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Donna di Atacama, Vita sull'orlo, Deserto di Atacama, Cile
Parchi Naturali
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Escursione solitaria, deserto del Namib, Sossusvlei, Namibia, acacia alla base delle dune
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Vista da Casa Iguana, Isole del mais, caraibi puri, nicaragua
Spiagge
Isole del mais-Isole del mais, Nicaragua

puro caraibico

Ambienti tropicali perfetti e la vita genuina degli abitanti sono gli unici lussi disponibili nelle cosiddette Corn Islands o Corn Islands, un arcipelago sperduto nelle propaggini centroamericane del Mar dei Caraibi.
Bagnanti alla fine del mondo - Cenote de Cuzamá, Mérida, Messico
Religione
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
municipio, capitale, oslo, norvegia
Società
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.