Uplistsikhe e Gori, Georgia

Dalla culla della Georgia all'infanzia di Stalin


Il guardiano del dittatore
Un funzionario del museo di Stalin seduto accanto a un ritratto del dittatore in abiti militari.
con vista fiume
Uplistsikhe, dall'altra parte del fiume Mtkvar, tra sponde ingiallite dalla vegetazione autunnale.
Museo Ferroviario di Stalin
La carrozza usata dal dittatore sovietico nei suoi viaggi. Stalin aveva una paura paranoica di volare.
"Stanza dei trofei"
I visitatori esaminano la stanza dei doni offerti a Stalin.
Un tempio postpagano
La basilica a tre navate di Uplistsikhe, costruita nel IX secolo, sull'insediamento troglodita precristiano.
Stalin di Pietra
Busto di Stalin evidenziato al centro di una delle sale del museo a lui dedicato a Gori, sua città natale.
Uplistsikhe sotterraneo
I visitatori di Uplistsikhe camminano attraverso uno dei passaggi sotterranei che servivano l'insediamento dei trogloditi.
Una certa stanchezza storica
Un visitatore dorme sotto un dipinto di Stalin all'ingresso del museo dedicato al dittatore a Gori.
Comunicazioni daltonici
Il telefono rosso di Stalin, che era tutt'altro che rosso.
Super Stalin
Un cliente lascia il supermercato Nemiroff, situato accanto al museo Stalin di Gori e decorato con l'immagine militare del dittatore.
Addio Stalin
Un dipinto funebre di Stalin.
Stone Town
Rifugi improvvisati nella roccia del villaggio troglodita di Uplistsikhe.
Alla scoperta del Caucaso, esploriamo Uplistsikhe, una città troglodita che ha preceduto la Georgia. E a soli 10 km di distanza, a Gori, troviamo il luogo dell'infanzia travagliata di Joseb Jughashvili, che sarebbe diventato il più famoso e tirannico dei leader sovietici.

Quando pensiamo di avere la geografia e la storia dell'Europa ben consolidate, Tamo Giorgadze ci costringe a recuperare dalle profondità della memoria un regno caucasico di Iberia di altri tempi.

E ci arrendiamo all'infinito della conoscenza.

"Fu come i greci e i romani chiamavano questa regione che ha dato origine a noi, i georgiani dell'est". L'etimologia non ha nulla a che vedere con quella della nostra Iberia. Anche quella di quelle fermate è oggetto di diverse teorie e argomentazioni. Comunque, come per tutti, il regno è durato quanto è durato.

“Non ci chiamiamo nemmeno Georgia, questo è per te” sottolinea Tamo mentre ci inoltriamo nella campagna tra Mtskheta e Gori.

Per noi Georgia è Sakartvelo, da un altro dei nomi contemporanei della regione Iberica, Kartli. Furono i Greci che iniziarono a chiamare queste parti Georgia (dall'ellenico georgico: agricolo) per l'attitudine con cui la gente qui coltivava la terra. A immagine di numerosi termini greci dell'epoca, questo divenne popolare in gran parte dell'Europa”.

Percorriamo un'autostrada lungo un'ampia vallata che domina i confini della neonata Ossezia del Sud. È ancora presto quando deviamo verso Gori.

Alla confluenza dei fiumi Kur Sayi e Liakvhi, la città rimane in una fitta nebbia. Insoddisfatti dei suoi contorni sfocati, abbiamo deciso di passare in anticipo per Uplistsikhe, sperando in un tempo più favorevole da quelle parti.

Percorriamo un percorso surreale perso tra boschi inzuppati, borghi lungo il fiume e periferie ex-ferroviarie sovietiche in piena simbiosi con gli altri ambienti. In uno di questi villaggi rurali e marginali, anziani dal viso ruvido intrattengono lunghe conversazioni, vestiti per tutte le condizioni atmosferiche.

Il sentiero autunnale di Uplistsikhe

Maledizione pecore e capre condividono la strada con BMW e Audi importate dalla Germania e più che usate, trofei di una faticosa emigrazione e ora quasi inevitabili tra i giovani georgiani con poca alfabetizzazione.

Abbiamo attraversato un altro fiume, il Mtkvari, da un ponte di ferro poco profondo su una vasta pianura alluvionale. Ci siamo resi conto allora che avevamo vinto la scommessa sul meteo.

Sotto l'azione del vento e dei raggi del sole, le nuvole e le macchie di nebbia lasciano il posto a un cielo che diventa azzurro davanti agli occhi.

Uplistsikhe, Georgia

Uplistsikhe, dall'altra parte del fiume Mtkvar, tra sponde ingiallite dalla vegetazione autunnale.

Quando arriviamo all'ingresso del complesso Uplistsikhe, la luce soffusa sembra accendere gli alberi ingialliti che lo circondano. Trattaci con deliziose carezze.

Sulla sponda sinistra del Mtkvari si erge un spoglio pendio roccioso. La saliamo per scale di legno e viottoli fino a scorgere, in lontananza, l'edificio più notevole ed emblematico del paese, una basilica a tre navate.

Basilica di Uplistsikhe, Georgia

La basilica a tre navate di Uplistsikhe, costruita nel IX secolo, sull'insediamento troglodita precristiano.

Ci avviciniamo e Tamo ci salva dalla dispersione fotografica in cui quasi sempre ci perdiamo in posti nuovi.

La genesi troglodita della Georgia

Si spiega che fu edificato sopra un affascinante complesso troglodita, con strutture abitate e utilizzate dalla fine dell'età del bronzo alla fine del medioevo, da culture dell'area anatolica e persiana, pagane e cristiane.

Uplistsiche, Georgia

Rifugi improvvisati nella roccia del villaggio troglodita di Uplistsikhe.

"Vieni qui" chiede Tamo. “Vedi questi piccoli canali scavati nel terreno? Quando vi diciamo che la Georgia è la culla del vino nel mondo, è da prendere sul serio. Guarda questo! Uplistsikhe raggiunse il suo apice tra il IX e l'XI secolo dC Prima di allora, qui si produceva già il vino”.

Oltre al mulino scavato nella roccia, il borgo di quasi otto ettari era dotato di abitazioni e spazi comunali e cerimoniali collegati da sentieri e scale ricavate da un piccolo viale centrale.

Siamo saliti in cima alle scogliere, anche più alte della basilica.

Da lì contempliamo il lento, tortuoso tortuoso del Mtkvari, colorato da cespugli giallastri o verdi, e, su un pendio erboso, la strana vista di muri fatiscenti e di una fattoria adiacente, ancora operativa ma che sembrava perduta per sempre nel tempo.

Tunnel Uplistsikhe, Georgia

I visitatori di Uplistsikhe camminano attraverso uno dei passaggi sotterranei che servivano l'insediamento dei trogloditi.

Nel frattempo, abbiamo abbandonato Uplistsikhe. Tamo ha insistito perché lo facessimo attraverso un tunnel "segreto" che ci riportava all'ingresso del complesso attraverso le profondità rocciose e tenebrose del Caucaso.

Gori e il suo controverso figlio Joseb Stalin

Alla partenza, la giornata era radiosa. Dovevamo tornare a Gori per vedere se la nebbia si fosse alzata anche lì, il che è stato confermato.

Per i georgiani, Gori è sinonimo di uomo. Nacque in città con il nome di Joseb Jughashvili, figlio di un calzolaio e di una domestica. Da bambino e da adolescente, Joseb ha sofferto di vari disturbi e traumi.

Aveva due dita unite sul piede sinistro, la faccia sfregiata dal vaiolo e il braccio sinistro più corto e più rigido del destro a causa di un incidente con un passeggino.

Suo padre, Besarion, divenne alcolizzato e violento nei confronti della piccola famiglia e presto perse i modesti affari che manteneva. Ketevan Geladze, la madre di Joseb, consegnò suo figlio in un monastero ortodosso.

Quando il marito lo ha scoperto, è impazzito e ha aggredito il capo della polizia di Gori. Finì bandito dalla città, dove abbandonò la moglie e la discendenza.

A questo punto, nessuno avrebbe scommesso nemmeno un rublo su Joseb. Il percorso del ragazzo arrivò a sorprendere tutti e tutto rivelandosi un leader rivoluzionario determinato e machiavellico.

L'inesorabile ascesa del Partito Comunista Sovietico

Quando Vladimir Ilyich Lenin formò la fazione bolscevica del partito laburista marxista, Joseb si arruolò. Poco dopo, nei suoi scritti adottò il nome Joseph Stalin. Si è dimostrato efficace in quasi ogni tipo di funzione intellettuale e pratica, dalla scrittura e distribuzione di propaganda alla raccolta di fondi attraverso estorsioni, rapine e omicidi.

Busto di Stalin, Museo Stalin, Gori, Georgia

Busto di Stalin evidenziato al centro di una delle sale del museo a lui dedicato a Gori, sua città natale.

Dopo la guerra civile russa del 1917-19 e vari scontri ideologici con il rivale Leon Trostky, Stalin ottenne il sostegno del sempre più indebolito Lenin per la nomina a Segretario Generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Non ci volle molto per conquistare un potere quasi assoluto.

Nei primi momenti, contro la volontà dello stesso Lenin, con il quale però ruppe anche. Questo potere fu in vigore dal 1922 al 1952. Come è noto oggi, Stalin lo esercitò in modo così crudele da causare la morte di milioni di compatrioti di varie repubbliche dell'URSS e molte altre vittime di altre patrie durante i conflitti militari imperialisti ed espansionisti.

Eravamo già stati in diversi luoghi dell'ex Unione Sovietica dove quel personaggio aveva sofferto e, in poco tempo, carismatico, manipolatore e despota aveva lasciato il segno. Nella sua nativa Gori, avevamo un piano per capirlo un po' meglio.

Dipinto funebre di Stalin, Museo Stalin, Gori, Georgia

Un dipinto funebre di Stalin.

Il cuore della città appartiene ancora a Stalin nonostante la campagna del Cremlino del 1960 per bandirlo dalla memoria, i bombardamenti russi del 2008 durante la guerra russo-georgiana e la crescente inimicizia della nuova Georgia verso i suoi potenti vicini settentrionali.

Tra nostalgia sovietica e odio georgiano dell'aggressore russo

Solo nel 2010 – 58 anni dopo la sua inaugurazione – il presidente georgiano filo-occidentale Mikheil Saaskashvili ha dettato la rimozione al centro di piazza Stalin della statua che da tempo onorava il tiranno sovietico. Saaskashvili ha poi proclamato: "un memoriale a Stalin non ha posto nella Georgia del XNUMX° secolo".

Un altro politico del suo governo ha aggiunto che le richieste in tal senso sono aumentate in modo esponenziale dall'inizio dell'aggressione militare russa contro la Georgia. Un'aggressione innescata dal sostegno del Cremlino alla secessione dei territori dell'Ossezia del Sud e dell'Abkhazia.

Entrambi con le loro maggioranze etniche filo-russe ossete e abkhaze, ma molte migliaia di abitanti russi e sostanzialmente anche più georgiani, rispetto alla Georgia appena indipendente.

Anche così, quando percorriamo il cuore di Gori, ci imbattiamo in un grande viale, una piazza, un museo tripartito costituito da un palazzo in stile gotico stalinista, la casa Gori della famiglia Jughashvili, la carrozza ferroviaria privata di Stalin su cui viaggiava ovunque per avere una paura paranoica di attacchi contro di lui a mezz'aria e quindi rifiutarsi di volare.

Carro di Stalin, Museo Ferroviario di Stalin, Gori, Georgia

La carrozza usata dal dittatore sovietico nei suoi viaggi. Stalin aveva una paura paranoica di volare.

Di questi, il palazzo concentra la maggior parte degli elementi. È da lì che abbiamo iniziato e abbiamo potuto esaminarne l'interno per mesi e mesi, tale è la gamma di mappe, dipinti, sculture, mobili e oggetti.

Compreso il famoso telefono rosso (che ovviamente non era rosso) e altri che sarebbero appartenuti a lui, molti dei quali curiose offerte fatte da capi di stato e istituzioni dai quattro angoli del mondo.

Museo Stalin, Gori, Georgia

I visitatori esaminano la stanza dei doni offerti a Stalin.

Questo patrimonio appare organizzato in ordine cronologico approssimativo. È custodito da donne georgiane con un aspetto in linea con l'eredità sovietica e annoiate dalla monotonia dei suoi lunghi chiostri in quel passato obsoleto.

Salimmo la scala di marmo dal piano terra ed entrammo nella seconda delle stanze. Una delle guide residenti racconta episodi della vita di Stalin in russo a una delle famiglie russe che, nonostante il conflitto dell'agosto 2008, si sentono a proprio agio a visitare ancora una volta la Georgia.

Guardiano, Museo Stalin, Gori, Georgia

Un funzionario del museo di Stalin seduto accanto a un ritratto del dittatore in abiti militari.

Più avanti, il sole splende attraverso le vetrate colorate. Illumina i capelli rossi e la pelle pallida di un altro guardiano del museo, vestito con una pelliccia e stivali alti.

Seduto su una sedia di feltro, quest'ultimo impiegato del rione fa compagnia al dittatore, lì ritratto in un abito militare di fagiolini e adagiato sulla propria poltrona di legno.

Nella porta accanto, in una stanza molto più lugubre, Stalin appare solo, esposto in un covo di lutto, composto, tra gli altri, dalle sue maschere mortuarie, dipinti e sculture funebri.

Poco dopo l'attacco russo alla Georgia nell'estate del 2008, che ha causato diverse vittime a Gori, il ministro della Cultura ha annunciato che lo stesso museo che stavamo esplorando sarebbe stato convertito nel Museo dell'aggressione russa.

Alcuni anni dopo, sulla porta venne apposto uno striscione che proclamava: “Questo museo è un tipico esempio di propaganda sovietica. Cerca di legittimare il regime più sanguinario della storia”.

Negli ultimi giorni del 2012 il Comune di Gori ha boicottato qualsiasi cambio di nome. Un certo rispetto per il famigerato figlio della città sembra essere ancora sentito almeno dagli anziani.

La prolifica eredità di Stalin

Qualunque siano le colpe che porta, Stalin conserva il suo posto a Gori, anche in uno dei più grandi supermercati della città, dove la sua immagine sovietica spicca appena sopra la porta d'ingresso e su numerosi souvenir in vendita all'interno.

Supermercato Nemiroff, Gori, Georgia

Un cliente lascia il supermercato Nemiroff, situato accanto al museo Stalin di Gori e decorato con l'immagine militare del dittatore.

Durante i giorni trascorsi con lei in Georgia, la stessa Tamo finì per sfogarci sentimenti contrastanti nella sua famiglia sull'epoca sovietica, che fosse o meno quella di Stalin. “I miei genitori e le persone della loro età sentono la mancanza dell'URSS

E che ci crediate o no, molti di loro rispettano Stalin. Allora c'era sempre lavoro e tutto era comune. Non c'era niente per cui spenderlo. Quando arrivavano caramelle e caramelle Turchia era come Natale. Era così raro! Poi è arrivata l'indipendenza.

La Georgia è precipitata nel caos più completo. I miei genitori non avevano lavoro. Non c'era luce o riscaldamento. Tuttavia il presidente è cambiato, abbiamo avuto il sostegno dell'Unione Europea e tutto è migliorato, fino a quando nel 2008, il Russia è venuto sulla scena ed è tornato a maledire le nostre vite. La Georgia è un piccolo Paese che tutti i vicini volevano controllare da molto tempo, in particolare i russi, ovviamente”.

Nonostante gli evidenti progressi del suo Paese, quello che ci racconta non ci sorprende. Per un breve momento, proviamo a confrontare la vecchia realtà rossa con quella che seguì, e ci rendiamo conto che stabilità e sufficienza generano più nostalgia di una libertà cruda e indifesa.

Senza che l'associazione fosse ovvia, a me – Marco C. Pereira – in particolare, mi è subito venuto in mente lo sfregio ideologico a cui mi sottopose il mio defunto nonno materno – che era un fiero comunista – quando avevo pochi 16 anni, durante una partita di calcio fallita URSS. - Portogallo.

I sovietici ci hanno battuto 5-0. Intorno al quarto gol bastava un megafono per riempirmi le orecchie: “Vedi? Impara che questo è ciò che è un vero paese”.

Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Mare d'Aral, Uzbekistan

Il lago assorbito dal cotone

Nel 1960, il Lago d'Aral era uno dei quattro laghi più grandi del mondo, ma i progetti di irrigazione hanno prosciugato gran parte dell'acqua e dello stile di vita dei pescatori. In cambio, l'URSS ha inondato l'Uzbekistan di oro bianco vegetale.
Mtsketa, Georgia

La città santa della Georgia

Se Tbilisi è la capitale contemporanea, Mtskheta è stata la città che ha ufficializzato il cristianesimo nel regno di Iberia, predecessore della Georgia, e che ha diffuso la religione in tutto il Caucaso. Chi visita vede come, dopo quasi due millenni, è il cristianesimo a governare la vita lì.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
bevanda tra i re, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Chania Creta Grecia, porto veneziano
Città
Chania, Creta, Grecia

Chania: dal tramonto della storia di Creta

Chania era minoica, romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana. È arrivata nell'attuale nazione ellenica come la città più seducente di Creta.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Tabato, Guinea Bissau, Balafons
Cultura
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Sale molto grosso
In viaggio
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Vairocana Buddha, tempio Todai ji, Nara, Giappone
Storia
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Spiaggia di El Cofete dalla cima di El Islote, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna
Isole
Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura

I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Natura
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Premio Kukenam
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Spiagge
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
Religione
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
Società
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Pecore ed escursionisti a Mykines, Isole Faroe
Animali selvatici
Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.