Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale


Coppia gotica
Le statue spiccano nell'architettura gotica della chiesa di Santa Maria Mayor, il principale tempio cattolico di Valderrobres.
Dorado de Matarraña
L'illuminazione notturna mette in risalto la doratura degli edifici principali nella piazza centrale di Valderrobres.
un argomento di tempo
Il visitatore cammina attraverso un'ala buia dell'antico castello di Valderrobres.
Gran La Fresneda
Case fitte e antiche che riempiono il dolce pendio dove è stata installata La Fresneda.
strada
Un anziano lotta per scalare un ripido pendio a Valderrobres.
dal fiume
Tipici balconi delle case sulle rive del fiume Valderrobres.
fede nelle altezze
La Cappella di Santa Bárbara, vicino a La Fresneda.
Commercio protetto
Venditore e cliente in un negozio di alimentari tradizionale chiamato M.Manero, a La Morella.
forme di pecora
Nelle vicinanze di La Fresneda pascola un gregge di pecore compatto.
potere nelle altezze
Il castello medievale si sovrappone alle antiche case di La Morella, città murata della comunità valenciana.
Valderrobrenses da lontano
Due emigranti ecuadoriani di Valderrobres prendono il sole sul ponte medievale della città.
a Maestrazgo
Alte scogliere di El Maestrazgo, nell'interno della provincia di Aragona.
tramonto salato
La giornata finisce e le grandi saline nei pressi di Alcanar si tingono di rosa.
Urbanistica medioevale
Casario de Valderrobres coronato dal suo più imponente edificio medievale, il castello.
Gran La Fresneda II
Sezione delle fitte e antiche case che riempiono il dolce pendio dove è stata installata La Fresneda.
Aragona in fiamme
Il sole tramonta con grande impatto cromatico sulla superficie rocciosa di El Maestrazgo, nel sud dell'Aragona.

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

Segnare il chilometro zero di un viaggio in una vecchia stazione ferroviaria deve essere raccontato. Il privilegio è andato a La Parada del Compte, vicino a Torre del Compte, che, nel 1973, dopo quasi due secoli di ricezione del Tren de La Val de Zafán, è stata decorata con un segno “Stazione chiuso Circulación” e ha votato per l'abbandono.

Come in Portogallo, anche in Spagna queste ingiustizie ferroviarie erano passate alla storia da tempo, ma passeggiando per la regione di Matarraña, José Maria Naranjo e Pilar Vilés si fermarono nella zona, rimasero incantati dal paesaggio circostante e colsero l'occasione. Lo stesso José Maria faceva parte di una quarta generazione di ferrovieri. Venuto a conoscenza della liquidazione operata dalla RENFE e con qualche appoggio del Governo d'Aragona, si mise a pieno regime nel progetto di trasformare il rudere in una stazione dei sensi.

L'inquadratura naturale ha aiutato. Il nuovo hotel Parada del Compte è circondato da flora e fauna mediterranea, rinfrescata dal torrente Matarraña, che mantiene verdi i campi e disseta le greggi che li frequentano. Anche le viste più lontane non sono molto indietro. A sud-est, vasti uliveti e pinete. A sud, il villaggio di Torre del Compte e i Ports de Beceit-Tortosa, un aspro massiccio montuoso.

Nonostante il conforto fisico e spirituale fornito dalla Parada del Compte, era ora di rimettersi in viaggio. Il viaggio che avevamo intrapreso era un altro, fatto in tempo. Intorno a noi ci aspettava la regione di Matarraña, una roccaforte medievale irrigata dal fiume omonimo e dai suoi affluenti in terre di ulivi e mandorli che si ostinavano a resistere all'invasione del grande pubblico spagnolo.

Il motore dell'auto non si scalda nemmeno quando la prima sosta è giustificata. Abbiamo Torre del Compte davanti a noi e, anche senza una fanciulla da salvare, sembra impossibile sfuggire alla chiamata.

Il paese appare, come in equilibrio, in cima a un pendio alto 500 metri. Conserva buona parte del suo recinto murato e una delle sei primitive porte di accesso. Una di queste porte, quella di San Roque, conduce al calle omonimo, uno dei più belli del borgo, delimitato da case padronali imbiancate a calce e con piani superiori dotati di loggiati ad arco.

La percorriamo dall'inizio alla fine, passando davanti a un venditore di frutta e verdura, la facciata della chiesa e altre meno imponenti. Dopo aver rischiato una o l'altra deviazione, abbiamo trovato il punto panoramico che cercavamo, sulla valle del fiume Matarraña. Apprezziamo il paesaggio quando un locale ci chiede: “Avete siccità anche lì?”.

In questi persone, la notizia salta di balcone in balcone e l'informazione che eravamo portoghesi, data mezz'ora fa, in una breve conversazione all'ingresso del paese, ci ha quasi superato per la strada verso l'altro capo. "È più o meno come qui." noi ricambiamo. Per ora niente di speciale. Quando ci avvicineremo all'estate, vedremo". La risposta sembrava incuriosire l'interlocutore.

Si torna sull'asfalto con l'intenzione di visitare il capoluogo della regione, Valderrobres, non senza prima fare una sosta strategica a La Fresneda. Il tratto per arrivarci è breve, ma conferma che, da queste parti, campagne e borghi hanno ancora i loro spazi. Andiamo ovunque andiamo, svolta dopo svolta, ci sono infiniti frutteti e ancora uliveti e mandorleti. A parte questo, come chi non ha niente a che vedere con l'ambiente bucolico e continua a scrutare l'orizzonte alla ricerca degli eserciti infedeli, ci sono le fortezze, i campanili delle chiese e le loro case. 

La Fresneda è il risultato della coesistenza degli ordini militari del Tempio e di Calatrava e dei religiosi di los Mínimos, in un territorio in cui, nonostante la presenza della Santa Inquisizione, finirono per inserirsi anche musulmani ed ebrei.

Accanto a tutta la sua bellezza, grandezza e autenticità storica, di questo passato di fragile separazione tra luce e oscurità, permane ancora un'atmosfera mistica. È riparato nelle varie chiese e nella cappella di Santa Bárbara (isolata in un deserto e protetta da cipressi centenari) e raggiunge il suo apice nella Casa del Concistoro, i cui livelli inferiori nascondono la prigione più terrificante della regione. È una classificazione che viene solo disdegnata finché non si sa che le sue segrete sono formate da più livelli collegati tra loro da una botola, attraverso la quale i carnefici gettavano i prigionieri, da una grande altezza, nel più profondo. Ecco, il famoso "Non mi aspettavo lo spagnolo Inquisizione” della troupe dei Monty Python, avrebbe ancora meno senso. 

Torniamo alla luce e alla strada. Poco dopo si intravedono già i profili alti dell'immancabile castello e chiesa locale. Oltre al capoluogo, Valderrobres è il cuore della regione. La città è divisa in due dalla stessa Matarraña che ci ha accompagnato. Su una sponda si trova il monumentale vecchio scafo, sull'altra il moderno annesso. A loro si unisce un elegante ponte in pietra che conduce al cancello della fortezza, dove si può facilmente rilevare una doppia funzione.

Sopra l'arco, nella sua nicchia di pietra, è un pellegrino San Rocco che, con il ginocchio sinistro scoperto (segno di conoscenza gnostica), accoglie da secoli coloro che vengono per sempre. Pochi metri più in alto compare un machete, strategicamente posizionato per la compagnia per scoraggiare gli eserciti nemici, fedeli o infedeli che siano. Tutto indica che, in questi tempi di pace e di turismo, è il santo che ha più lavoro. Una volta fuori dalla porta, scoprirai Plaza Mayor e, al suo interno, spianate piene di visitatori e Valderrobrenses in piena festa.

Accanto si trova la Fonda de la Plaza, una tipica locanda-ristorante dove Trini Gil e Sebastian Gea continuano a onorare la secolare tradizione della fonda (una specie di locanda medievale) e il titolo dell'edificio più antico di Valderrobres. Come qualsiasi nativo sarebbe pronto a confermare, soddisfano perfettamente il loro scopo. “Ogni giorno serviamo infiniti vassoi delle migliori prelibatezze della regione!” Il menu rende molto chiaro di cosa stanno parlando: conejo escabechado, espalda rellena o ternasco asado che, se il cliente è d'accordo, sono accompagnati dai migliori vini della regione e sono seguiti da dolci divini: Almendrats, casquets o melocotone al vino.

Per portare all'estremo il prezzo di questo ristorante genuino, va chiarito che, a Matarraña, i fondas sono quasi un'istituzione. Nel tempo hanno sempre occupato posti alla base dei villaggi, dove ai viaggiatori venivano risparmiate le ripide salite e assicurato calore, buon cibo e compagnia.

Ci lasciamo alle spalle Plaza Mayor ed entriamo nei vicoli di Valderrobres, che alterniamo a scale sulla strada per la cima del pendio. Ancora pochi gradini e appare la vetta, schiacciata dalla presenza dominante del castello, del palazzo e della chiesa gotica di Santa Maria. Siamo arrivati ​​giusto in tempo per un tour non guidato, arricchito da un tramonto senza cerimonie. Alla fine della giornata, il palazzo chiude. 

Di notte, passiamo da Fuentespalda verso Monroyo. Nove chilometri dopo, tagliamo a Ráfales. Come ci aspettavamo, Ráfales si rivela un altro pueblo in cima a una collina, con un vecchio scafo immacolato, in cui spiccano la Plaza Mayor, le chiese e una Casa del Concistoriale con più sotterranei. 

Qualsiasi cosa di troppo ti fa star male, quindi la mattina dopo abbiamo scelto di esplorare un po' la campagna. Abbiamo attraversato il villaggio con il scopo per sbirciare al limite di El strade, un massiccio roccioso imponente, di quelli che solo gli alpinisti sanno apprezzare. da dove siamo vederci le scogliere, ma la distanza sminuisce la loro grandezza. Abbiamo cambiato programma. Abbiamo deciso di partire Matarrana e andiamo directo per lì Morella, provincia di Castellon. Stortuoso, questo percorso avanza lungo fitte pinete e, più avanti, deve superare le pendici del El Padronanza, in una zona la cui quota diventa fredda e inospitale.

Dopo una lunga salita, 25 km dopo Monroyo, ci si imbatte finalmente in quello che, nel deserto, potrebbe essere un miraggio. A più di 1000 metri sul livello del mare, come a coronamento di una collina, si trova un rude castello con più livelli di mura che si adattano alle forme di un basamento roccioso. 

Siamo obbligati ad ammettere che, nella sua forma grezza, la descrizione non si era allontanata abbastanza da ciò che eravamo giunti a trovare, e la ripetizione della quale ci fece affrettare la visita di Rafales. Tuttavia, proprio per l'epica sontuosità dell'ambientazione, Morella riuscì a riattivare l'immaginario medievale.  

Ja piedi, à Mentre ci avviciniamo alle mura, non possiamo fare a meno di cogliere scorci di eserciti moreschi sui numerosi tour in autobus appena arrivati. Abbiamo accelerato il passo per vedere se potevamo ancora apprezzare la città prima dell'invasione.

Le differenze sono evidenti. Forse a causa del più lungo dominio dei musulmani (fino al 1232), le case sono bianche e, poiché il pendio si allarga dolcemente, le strade e le piazze sono un po' più larghe e ariose. Senti anche il dito del turismo. Contrariamente a quanto stava accadendo a Matarraña, saluti non mancano. Diamo un'occhiata alle cartoline. Ce n'è uno in particolare che cattura la nostra attenzione: Morella nevada. Sembra doppiamente affascinante. Abbiamo iniziato a immaginare un ritorno invernale. «La zona è alta e fredda per la maggior parte dell'anno. Catturarlo nella neve non dovrebbe essere complicato”. È l'ennesimo progetto di ritorno alla lista. Questo dovrebbe andare lì per il cinquantesimo posto. Anche così, non si sa mai.

Tornando alla realtà, vediamo che è di nuovo tempo di cambiare scenario. L'ultima notte era prevista per la costa. Da Morella a lì percorriamo 65 km che interrompiamo solo una o due volte per scattare foto dal lato della strada. Ci dirigiamo verso Vinaròs di cui evitiamo il centro e proseguiamo verso Alcanar. Al km 1059 di tale a ruta N-340, arriviamo al piccolo cartello per Finca Tancat de Codorniu. La deviazione porta in un mare di aranceti che nasconde la vista del Mediterraneo e tutto il resto, ma la strada stretta ci lascia nel posto giusto. Siamo finiti per entrare in un'antica dimora estiva di proprietà di Alfonso XII, un Borbón che, nel XIX secolo, si guadagnò il soprannome di Pacificatore.

La Spagna medievale ci aveva lasciato indietro. Abbiamo seguito il motto del re e ci siamo dedicati alla pace e al riposo. 

Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Fortezze

Il mondo in difesa - Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura

I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
La Graciosa, isole Canarie

La più graziosa delle Isole Canarie

Fino al 2018, la più piccola delle Canarie abitate non contava nell'arcipelago. Sbarcati a La Graciosa, scopriamo il fascino insulare dell'ormai ottava isola.
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
La Palma, Isole Canarie

L'Isla Bonita delle Canarie

Nel 1986, Madonna Louise Ciccone pubblicò un successo che rese popolare l'attrazione esercitata da a isola immaginario. Ambergris Caye, Belize, ha raccolto benefici. Da questa parte dell'Atlantico, il Palmeros ecco come vedono la loro vera e abbagliante Canaria.
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Tenerife, Isole Canarie

A est dell'isola di White Mountain

La quasi triangolare Tenerife ha il suo centro dominato dal maestoso vulcano Teide. Alla sua estremità orientale, c'è un altro aspro dominio, tuttavia, sede della capitale dell'isola e di altre città inevitabili, foreste misteriose e incredibili coste scoscese.
Gran canaria, Isole Canarie

Gran (diosa) Canaria (s)

È solo la terza isola più grande dell'arcipelago. Ha impressionato così tanto i navigatori e i coloni europei che si sono abituati a considerarlo supremo.
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Architettura & Design
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Kronstadt Russia Autunno, proprietario del Bouquet
Città
Kronstadt, Russia

L'Autunno della Città-Isola Russa di Tutti i Crocevia

Fondata da Pietro il Grande, divenne il porto e la base navale a protezione di San Pietroburgo e della Grande Russia settentrionale. Nel marzo 1921 si ribellò ai bolscevichi che aveva sostenuto nella Rivoluzione d'Ottobre. In questo ottobre che stiamo attraversando, Kronstadt è ancora una volta ricoperta dello stesso esuberante giallo dell'incertezza.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Cultura
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Erika Mae
In viaggio
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Etnico
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Patriota marzo
Storia
Taiwan

Bello ma non sicuro

I navigatori portoghesi non potevano immaginare l'imbroglio riservato a Formosa. Quasi 500 anni dopo, anche se non è sicura del suo futuro, Taiwan è fiorente. Da qualche parte tra indipendenza e integrazione nella grande Cina.
Roça Bombaim, Roça Monte Café, isola di São Tomé, bandiera
Isole
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Parco Terra Nostra, Furnas, Sao Miguel, Azzorre, Portogallo
Natura
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Parchi Naturali

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
sul palco, Antigua, Guatemala
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Antigua, Guatemala

Guatemala ispanico in stile antigua

Nel 1743, diversi terremoti devastarono una delle più affascinanti città coloniali pioniere delle Americhe. Antigua si è rigenerata ma conserva la religiosità e la drammaticità del suo passato epico-tragico.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
Religione
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Società
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.