Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco


case di altri tempi
Case laviche vendute dagli autoctoni, all'ingresso del PN Fogo.
meandro nella lava
Un residente di Chã das Caldeiras cammina lungo la strada lasciata dal grande mare di lava.
Adriano e Filomena
Adriano e Filomena Montrond, all'ingresso della casa in cui abitavano, ora piena di lava solidificata.
il grande fuoco
Il cono quasi perfetto del vulcano Fogo, la montagna più alta di Capo Verde, con un'altitudine di 2829 m.
Giù per quel vulcano sottostante
La guida João da Silva percorre la base del Fogo, verso l'abitato di Chã das Caldeiras.
saltare
Guia João da Silva salta giù per il pendio verso il cratere Pequeno Fogo, da dove avevano avuto origine le ultime eruzioni.
messo alle strette
Bestiame tenuto in un recinto circondato dalla lava rilasciata dal fuoco.
nel posto sbagliato II
Casas de Chã das Caldeiras sotto la lava che li ha colti nel novembre 2014.
condividere l'auto
Tiago e Airson, figli discendenti dal clan; Montrond, un marrone dorato come, nel tempo, è diventato comune a Chã das Caldeiras.
Persistenza
Case di nuova costruzione ancora una volta nel possibile percorso della lava rilasciata in una imminente eruzione del Fogo.
nel posto sbagliato III
Particolare di un altro edificio invaso dalla lava.
vittima isolata
Casa persa nel torrente di lava.
In cima a Capo Verde
La guida João da Silva contempla l'Oceano Atlantico intorno all'isola di Fogo.
La sottomissione della lava
I villaggi di Chã das Caldeiras furono sepolti dall'ultima eruzione del vulcano Fogo.
il grande tè
La vasta caldera di Fogo, 9 km di diametro e ad ovest del grande cono del vulcano.
Fuoco su fuoco
Il tramonto avvolge il cono di fuoco da un cielo ardente.
Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    

Il viaggio mattutino da São Filipe a Chã das Caldeiras

La sveglia suona alle 5:15. Quindici minuti dopo, ancora buio pesto, salpiamo da São Filipe, nel taxi guidato da Edilson, lo stesso adolescente che, pochi giorni prima, ci aveva portato dall'aeroporto alla capitale del Isola di fuoco.

A poco a poco, risaliamo il versante sud-orientale del grande cono nel cuore dell'isola. Non vediamo anima viva mentre passiamo davanti al grande cartello in legno che segnala l'ingresso al Parco Naturale del Fogo. Siamo entrati nel cuore della montagna. La vastità della lava solidificata intorno e sopra accentua solo l'oscurità.

Edilson avanza lentamente, temendo che la strada dissestata e sconnessa possa causare danni all'auto del capo. È, quindi, con l'imminente alba che già fa rivivere la caldera che arriviamo all'abitato di Chã das Caldeiras.

Lì abbiamo incontrato João Silva, la guida locale con la quale saremmo saliti in cima al vulcano. Giovanni ci accoglie. Non sprecare parole. Aveva già conquistato Fogo innumerevoli volte, alla testa di outsider di diverse parti. Per lui, quella salita sarebbe solo un'altra.

Allo stesso tempo, un prezioso aiuto economico e un disagio nei lavori di costruzione della nuova e non oscurata locanda che, nonostante la sempre latente minaccia del vulcano, fece costruire la sua famiglia.

La dolorosa salita alla vetta del vulcano Fogo

Nei suoi ultimi malumori Fogo aveva ricoperto di lava fresca la parte orientale della caldera. Il sentiero abrasivo che prendiamo inizia attraversandolo in dolce pendenza per puntare, poco dopo, alle alture del versante orientale e sottoporci a uno sforzo esasperante.

Più in alto saliamo, migliore è il letto circolare e poco profondo di Chã e il torrente di lava che lo riempiva e aveva inghiottito e distrutto la maggior parte degli edifici a Portela, Bangaeira e Dje de Lorna, villaggi da cui, da lì o dovunque fosse , ora si possono vedere solo i tetti.

La visione lontana della sua disgrazia ci tenne più volte in un fascino contemplativo.

Villaggi sotterranei, Chã das Caldeiras, Isola di Fogo, Capo Verde

I villaggi di Chã das Caldeiras furono sepolti dall'ultima eruzione del vulcano Fogo.

Eravamo consapevoli del destino della lava che scorreva, inarrestabile, verso est, condizionata dalle pendici del versante opposto di Bordeira, il bordo alto e scosceso della vasta e profonda caldera di 9 km di diametro delimitata da 1 km di altezza scogliere.

Eravamo ancora incuriositi da come e perché, con tante isole di Fogo a loro disposizione, due paesi vi si fossero stabiliti con armi e bagagli, in balia dei capricci naturali della più grande delle montagne di Capo Verde, dal suo vulcano più giovane, maestoso e intimidatorio.

Sulla sommità di fuoco arrostita

Quattro ore dopo, con molte soste fotografiche in mezzo, abbiamo raggiunto la vetta. Ritroviamo le energie con comodi snack. A 2,829 metri dal Pico do Fogo, il più alto che potremmo sperare di raggiungere nell'intero arcipelago capoverdiano, contempliamo l'immensità della caldera.

E l'Atlantico circostante, attutito da una coltre di nuvole molto più basse che nascondeva le cime aguzze della vicina isola di Santiago e ti portava una comoda crema solare, in quel periodo dell'anno invernale e ancora secco, senza nemmeno pensare alla pioggia.

Siamo passati dall'altra parte del bordo del cratere, facendo molta attenzione a non inciampare che potrebbe farci rotolare laggiù. Infine un sentiero interno ci porta ad un passaggio protetto dalla roccia.

Ne abbiamo approfittato per appoggiarci e guardare il fondo arrotondato del cono che ci sosteneva.

Anche le sue pendici erano curve. Si spiega, quindi, che, rassicurati dal fatto che l'ultima eruzione che vi ha lasciato risale al lontano 1769, molti dei visitatori del Pico do Fogo vi sono scesi e hanno lasciato testimonianze – perlopiù di identità e amore – scritte con la luce pietre sul terreno grigio scuro.

Guida a Chã das Caldeiras, vetta del vulcano Fogo, Capo Verde

La guida João da Silva contempla l'Oceano Atlantico intorno all'isola di Fogo

Abbiamo contornato alcuni metri aggiuntivi dall'interno del cono. Presto torniamo all'esterno e all'enorme vista della caldera. Abbiamo vinto una lastra cosparsa di pietre mal fissate al terreno poroso.

Superando questo ostacolo, ci imbattiamo in Pico Pequeno, una delle bocche del vulcano che, nel 2014, ha dato origine all'ultima delle eruzioni e alle lente ma inesorabili colate laviche di tipo hawaiano.

Dalla vetta, ai salti, al piede

I massi sono seguiti da un ripido pendio, ricoperto da sabbia vulcanica voluminosa e polverosa. João si avvicina a lei in una corsa alternata a salti lunghi. Seguiamo il suo esempio. Così, in tre tappe, ma con gli stivali pieni di detriti, siamo arrivati ​​in cima al cratere secondario dove puzzava di zolfo ed era raddoppiato caldo.

João si ferma per mostrarci quanto fosse attivo ed energico il vulcano lì. Raccoglie dei ramoscelli, li posa su una fessura annerito e resta fermo a guardare l'opera. Quindici secondi dopo, i rami cedettero al fuoco del fuoco.

Discesa dalla vetta, vulcano Fogo, Capo Verde

Guia João da Silva salta giù per il pendio verso il cratere Pequeno Fogo, dove avevano avuto origine le ultime eruzioni

Il resto del percorso è lungo la pedemontana, tra i vigneti ei fichi che hanno preceduto le abitazioni. Siamo arrivati ​​alla locanda di uno dei suoi dieci fratelli, Alcindo.

Lì ci siamo riposati in compagnia di un gruppo di studenti francesi in gita scolastica privilegiata.

E da lì ci siamo trasferiti nella locanda dei vicini Adriano e Filomena, lei è stata una delle tante Montrond che, a un certo punto, ha rilevato Chã.

La storia e la prolifica discesa del Montrond

I Montrond non sono andati direttamente in quei posti da capo del mondo, o cose del genere. La sua storia inizia con un conte francese nato a Grenoble.

Per qualche ragione – si ipotizza che il malcontento politico e ideologico, la necessità di fuggire per debiti o anche entrambi, tra le altre possibili ragioni – François Louis Armand de Montrond lasciò la Francia per Brasile. Nel 1872 vi approdò São Vicente. Fu subito incantato dalla vicinanza alla terra e dal calore affabile di Capo Verde.

Esplora altre isole. Ma finì per stabilirsi a Fogo. Lì si dedicò a romanzi successivi. È noto che si innamorò di Clementina, Camila, Demitília, Josefa, Antónia, Guelhermina e Jesuína. Tutte loro, madri dei loro tanti figli. Ogni partner gli è valso la costruzione di una casa a schiera – ad Achada Maurício, Baluarte, Mosteiros, São Filipe e altri luoghi.

Alcuni di essi furono costruiti con materiali da lui ordinati in Francia e furono all'origine di nuovi insediamenti nell'isola, come Ginevra (oggi Luzia Nunes), che lui stesso battezzò, ispirandosi a una collina nei pressi di Grenoble.

Educato, dotato di una formazione aristocratica, filantropo, Armand Montrond impiegò le sue conoscenze (compresi i medici) e la sua influenza al servizio dei nativi.

Ha piantato viti con viti portate anche dalla sua terra natale e ha prodotto abbastanza caffè da esportare in Portogallo. Montrond ha guadagnato il rispetto e l'affetto dei nativi. Tanto che la gente di D'jar Fogo iniziò a chiamarlo Nho Erman di França.

I geni di Montrond si sono rapidamente diffusi in tutta l'isola. Successivamente, attraverso l'emigrazione baleniera, ma non solo, anche attraverso il Stati Uniti e in altre parti del mondo.

Giovani residenti di Chã das Caldeiras, Isola di Fogo, Capo Verde

Tiago e Airson, figli discendenti dal clan; Montrond, un marrone dorato come, nel tempo, è diventato comune a Chã das Caldeiras

Ma ciò che interessa di più Chã das Caldeiras è che, nonostante le recenti e ricorrenti eruzioni del 1847, 1852 e 1857, i figli di Armand Montrond, Manuel da Cruz e Miguel, vi si trasferirono con le loro famiglie.

Questa breve migrazione giustifica ancora che, oggi, in nessun'altra parte dell'isola di Fogo o Capo Verde possano i geni e le immagini francofoni essere così evidenti e abbondanti.

Il popolo resiliente di Chã das Caldeiras

Ci siamo installati nella stanza che Adriano e Filomena ci avevano riservato. Abbiamo pranzato. Poi abbiamo navigato nel mare di lava solida, tra i rottami di case che aveva inghiottito. Abbiamo esplorato ciò che restava di Portela e Bangaeira.

Entrambi i villaggi sono stati abitati fino a quando la lava liberata dalla drammatica eruzione del novembre 2014 è avanzata nella fatidica direzione, nel più temuto, ma anche più logico dei sensi: quello che scende dai piedi del Pico do Fogo verso l'enorme oriente apertura della caldera. .

Abbiamo seguito gli sforzi di ricostruzione di alcune famiglie che furono poi espulse dall'eruzione, ma che decisero di insistere. Li vediamo accumulare blocchi di cemento e mattoni. Fissaggio di assi del soffitto e infissi di finestre, tutto fatto da loro, solo in rari casi, con l'aiuto di uno o due lavoratori assunti nelle terre basse dell'isola.

Alcuni tengono bancarelle di artigianato sul ciglio della strada e corrono per cercare di venderlo ogni volta che avvertono il passaggio dei visitatori. «Prendete dei souvenir, signori. È tutto fatto qui da noi!” ci dice una ragazza dal tono deciso.

Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde

Case laviche vendute dagli autoctoni, all'ingresso del PN Fogo.

Ammiriamo le case di lava, paglia e seme che gli indigeni creano in meno di cinque minuti con materiale a mano, ma che, anche così, emulano perfettamente quelle vere, tante piene di lava delle più recenti eruzioni.

Alcuni sono capanne di base; altri più grandi e complessi, altri ancora arroccati su scogliere aguzze. Avevamo già deciso di portare regali da Capo Verde. Lì abbiamo trovato qualcosa che ci è piaciuto e che, allo stesso tempo, ci ha permesso di contribuire allo sforzo di ricostruzione degli autoctoni.

Un cratere prolifico ma la lava non risparmia

Ci salutiamo e torniamo alla passeggiata. Ritroviamo ciò che restava dei frutteti che rifornivano gli indigeni e i visitatori.

E con i fichi e le viti che si ritiene siano stati introdotti dal conte Montrond, origine del vino manecom ivi prodotto artigianalmente, si narra che, rinnovato in seguito, con viti “Jacquez” importate dalla Stati Uniti di Néné Fontes, originario di Cova Figueira.

Nonostante l'aspetto inospitale del paesaggio, il vino di Fogo in generale e della caldera in particolare è stato talmente migliorato che sta per guadagnarsi la propria denominazione di origine “Vinho Chã das Caldeiras”.

Abbiamo trovato i bambini esotici di Chã, con lunghi capelli biondi. E adolescenti e adulti con pelle e occhi chiari, improbabile Capo Verde, se non fosse per il contributo genetico dei Montrond.

si scurisce. Fino a quando non svanisce, il sole al tramonto splende e riscalda Pico do Fogo. Quando si parte definitivamente, si torna al rifugio di Adriano e Filomena. Devastati dalla lunga salita mattutina, ci siamo addormentati molto più velocemente di quanto avremmo voluto.

Adriano e Filomena Montrond, Chã das Caldeiras, Isola di Fogo, Capo Verde

Filomena Montrond, discendente diretta e suo marito Adriano, nella loro casa invasa dalla lava.

Ci siamo svegliati presto per l'incontro e abbiamo dato un'occhiata alla proprietà della coppia, circondata dalla colata lavica che ha quasi distrutto tutto lì. Dal terrazzo antistante la sala da pranzo vediamo Adriano e Filomena passare attraverso il cortile sommerso della casa che un tempo usavano.

Scendemmo le scale e interrompemmo il lavoro di Filomena, che stendeva i panni davanti a porte e finestre che facevano capolino audaci punte di lava. Senza voler forzare il dramma che hanno vissuto, ci avviciniamo al tema sempre curioso della genesi di Montrond.

Abbiamo chiesto loro della pelle pallida e degli occhi verde acqua di Filomena. Adriano non esita a fare chiarezza: “Potrei esserci anche in parte, ma mia moglie ha il soprannome e tutto.

Fino a poco tempo questa era Casa Tito Montrond, suo padre morto nel 2011.

Montrond (s) qui a Chã e in tutto questo Fogo, non mancheranno mai!”

 

TAP vola direttamente da Lisbona alla città di Praia, Capo Verde. Da Praia, puoi volare a São Filipe, sull'isola di Fogo.

Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
Santo Antão, Capo Verde

Lungo la strada della corda

Santo Antão è la più occidentale delle isole di Capo Verde. C'è un'aspra soglia atlantica dell'Africa, un maestoso dominio insulare che iniziamo svelando da un'estremità all'altra della sua splendida Estrada da Corda.
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

São Vicente, Capo Verde

L'arido bagliore vulcanico di Soncente

Un ritorno a São Vicente rivela un'aridità tanto abbagliante quanto inospitale. Chi la visita rimane sorpreso dalla grandiosità e dall'eccentricità geologica della quarta isola più piccola di Capo Verde.
PN Bromine Tengger Semeru, Indonesia

Il mare vulcanico di Giava

La gigantesca caldera di Tengger sorge a 2000 m nel cuore di una distesa sabbiosa di Giava orientale. Da esso si proiettano la montagna più alta di quest'isola indonesiana, Semeru, e molti altri vulcani. Dalla fertilità e dalla misericordia di questo scenario sublime come dantesco prospera una delle poche comunità indù che hanno resistito al predominio musulmano intorno.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Big Island, Havai

Big Island delle Hawaii: Alla ricerca dei fiumi di lava

Ci sono cinque vulcani che fanno aumentare di giorno in giorno la grande isola delle Hawaii. Kilauea, la più attiva sulla faccia della Terra, rilascia costantemente lava. Nonostante questo, viviamo una sorta di epopea per intravederla.
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Chã das Caldeiras a Mosteiros, Isola del fuoco, Capo Verde

Chã das Caldeiras a Mosteiros: discesa attraverso il Confins do Fogo

Con la vetta di Capo Verde conquistata, abbiamo dormito e recuperato a Chã das Caldeiras, in comunione con alcune delle vite alla mercé del vulcano. La mattina successiva, iniziamo il ritorno nella capitale São Filipe, 11 km lungo la strada per Mosteiros.
Brava, Capo Verde

L'isola Brava di Capo Verde

Al tempo della colonizzazione, i portoghesi si imbatterono in un'isola umida e rigogliosa, cosa rara a Capo Verde. Brava, la più piccola delle isole abitate e una delle meno visitate dell'arcipelago, conserva la genuinità della sua natura atlantica e vulcanica alquanto sfuggente.
Santiago, Capo Verde

Santiago dal basso verso l'alto

Con sede nella capitale capoverdiana di Praia, esploriamo il suo predecessore pionieristico. Dal centro storico, viaggeremo lungo la splendida dorsale montuosa di Santiago, fino alla cima aperta di Tarrafal.
Santo Antão, Capo Verde

Da Porto Novo a Ribeira Grande attraverso il Sentiero del Mare

Sbarcati e stabiliti a Porto Novo de Santo Antão, abbiamo subito trovato due strade per raggiungere il secondo villaggio più grande dell'isola. Già arresi al monumentale saliscendi dell'Estrada da Corda, siamo abbagliati dal dramma vulcanico e atlantico dell'alternativa costiera.
Ponta do Sol a Fontainhas, Santo Antão, Capo Verde

Un viaggio vertiginoso da Ponta do Sol

Abbiamo raggiunto la soglia settentrionale di Santo Antão e Capo Verde. In un nuovo pomeriggio di luce radiosa, seguiamo il trambusto atlantico dei pescatori e la quotidianità meno costiera del villaggio. Con il tramonto imminente, abbiamo inaugurato una richiesta oscura e intimidatoria dal villaggio di Fontainhas.
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
Nova Sintra, Brava, Capo Verde

Una Sintra Creola, al posto di Saloia

Quando i coloni portoghesi scoprirono l'isola di Brava, notarono il suo clima, molto più umido della maggior parte di Capo Verde. Determinati a mantenere i collegamenti con la lontana metropoli, chiamarono la città principale Nova Sintra.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Crepuscolo al Parco Itzamna, Izamal, Messico
Città
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Djerbahood, Erriadh, Djerba, Specchio
Cultura
Erriadh, Djerba, Tunisia

Un Villaggio diventato Galleria d'Arte Fugace

Nel 2014, un antico insediamento di Djerbian ha ospitato 250 murales di 150 artisti provenienti da 34 paesi. I muri di calce, il sole intenso ei venti carichi di sabbia del Sahara erodono le opere d'arte. La metamorfosi di Erriadh in Djerbahood si rinnova e continua a stupire.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
In viaggio
Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
Cowboy Basotho, Malealea, Lesotho
Etnico
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

piccolo soggetto
Storia

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Isole
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Natura
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parchi Naturali
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Sfilata e sfarzo
Società
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Animali selvatici
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.