Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa


alba fredda
Il villaggio di Pisang sorge sotto una bufera di neve caduta durante la notte. Sullo sfondo appare il monte Anapurna II.
cresta rotta
Swargadwari Danda ritaglio di montagna (4800 m), battuto dal vento e illuminato dal sole nascente.
alba fredda II
La luce del sole sta per scendere sulla valle Pisang, presto cala sulle case Pisang Inferiore e Superiore.
bradipo canino
Il cane fa un pisolino nei giardini del tempio buddista di Pisang superiore.
Concentrato nepalese
Vista laterale dell'Alto Pisang, dal sentiero che lo collega al paese successivo: Ghyaru.
Mattina soleggiata
Yak e due residenti di Upper Pisang, tutti e tre in una sana e solare indolenza.
atterraggio ghiacciato
I corvidi occupano un tetto innevato, poco prima che il sole nascente lo colpisca.
rilascio II
Un anziano del villaggio conduce una mucca nelle parti inferiori dell'Alto Pisang e nella sua fonte principale.
generazioni sorridenti
Due giovani abitanti dell'Alto Pisang, si preparano a lavare i panni, accanto ad una delle fontane del paese.
Trio buddista
L'ingresso del tempio buddista di Pisang superiore si stendeva contro il pendio innevato di fronte all'Anapurna.
pietra a mano
Elementi religiosi buddisti disposti sul muro di preghiera mani dell'Alto Pisang.
rilascio I
Originaria dell'Alto Pisang, porta il suo bestiame a fare una passeggiata sopra e sotto il villaggio.
architettura nepalese
Tipici tetti nepalesi. Innevato e con stendardi buddisti che sventolano al vento e benedicono le case.
fede nel sole
Un residente dell'Alto Pisang sfila un rosario buddista (yapa mala), mentre prende il sole seduto su un terreno imbottito da uno strato di piante secche.
mezze pareti
Sezione superiore Pisang, con forti tratti nepalesi e buddisti.
tenendo d'occhio tutto
Crow sonda il suo territorio, l'ampia valle del Pisang, una delle tante dell'Himalaya nepalese.
calore buddista
Monk cerca di accendere un fuoco rituale nella parte superiore del tempio buddista di Upper Pisang.
Una cima dell'Himalaya
Sole e vento hanno colpito la vetta innevata del Monte Anapurna II, a quota 7937 metri.
Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.

Fa parte del rituale del circuito dell'Annapurna.

Le regole prevedono che, per evitare il mal di montagna, si debbano bere litri d'acqua. Seguirli significa quasi sempre dormire con la vescica piena e svegliarsi una, due, tre volte per scomodi viaggi in bagno.

Noi di Chame che questo tormento si fosse ripetuto. Ha reso le quasi dieci ore di riposo che stavamo già prendendo molto meno corroboranti. Alle sei del mattino siamo in una specie di settimo sonno. Mila, responsabile di Monte Kailash guest house, bussa alla nostra porta. Avevamo chiesto acqua calda. Quando apriamo la porta, eccolo lì, con due grossi secchi fumanti ai suoi piedi.

Un gelo e un'alba bianca

Ci siamo alzati, spaventati e con fatica. Vi auguriamo il buongiorno e vi ringraziamo per la vostra crudele puntualità. Abbiamo approfittato del pacchetto, ci siamo avventurati nell'alba gelida e abbiamo ammirato il panorama spettrale dal portico fuori dalla stanza. Una tenue luce azzurra infuocò la valle davanti a sé.

Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.

La luce del sole sta per scendere sulla valle Pisang, presto cala sulle case Pisang Inferiore e Superiore.

Ci sfreghiamo gli occhi e lo ispezioniamo ancora una volta. Il colore bluastro non corrispondeva ai toni in cui avevamo detto addio a Pisang poco dopo il tramonto. Aveva un candore travestito dalle ombre che, durante la notte, si erano impadronite dei villaggi e delle montagne circostanti. Quando finalmente torniamo in sé, suoniamo l'allarme bufera di neve e reagiamo di conseguenza.

Armeggiando, abbiamo raccolto l'attrezzatura fotografica necessaria sui sacchi a pelo arrotolati. Ci vestiamo il più possibile, già con guanti e cappelli. Siamo saliti sulla terrazza panoramica, anch'essa innevata.

Il sole cominciava a calare sulla vetta più alta delle montagne davanti a noi, a 7937 metri del monte Annapurna II, la sedicesima altitudine del mondo. Illuminava una foschia di soglia causata dall'incidenza della luce sulla vetta ghiacciata, rafforzata dalla neve che il vento costringeva dai bordi esposti.

Montagna Swargadwari Danda, Nepal

Swargadwari Danda ritaglio di montagna (4800 m), battuto dal vento e illuminato dal sole nascente.

L'alba si diffonde lungo la sommità di quel tratto della catena montuosa. Poco dopo si punta sui pendii sottostanti e, poco a poco, sulle case di Pisang installate ai suoi piedi e sul thalweg attraversato dal Marsyangdi, il fiume che continuava ad accompagnarci.

Il dolce riscaldamento del sole e del bagno

L'alba passa presto da questa parte del fiume e benedice il ripido Upper Pisang dove ci siamo divertiti. In un lampo, il villaggio riacquista i sensi. I corvi dal nulla svolazzano sui tetti bianchi e sugli svolazzanti stendardi buddisti, lottando per i loro posatoi preferiti.

Corvid su un tetto di Pisang Superiore.

I corvidi occupano un tetto innevato, poco prima che il sole nascente lo colpisca.

Alcuni abitanti emergono dalle profondità delle case di pietra per apprezzare ciò che porta il nuovo giorno. Quasi un'ora dopo, la benedizione solare raggiunge anche la cima del monte Pisang, alle nostre spalle, e di fronte all'Annapurna II.

In quel periodo, ricordiamo l'acqua calda ei bagni che non potevamo fare. Torniamo al piano di mezzo e cerchiamo Mila. “Non preoccuparti, l'ho già scaldato di nuovo” ci rassicura appena incrociamo le strade vicino alla cucina.

Ci siamo fatti coraggio, siamo entrati nell'angusto vano doccia, ci siamo spogliati con la pelle d'oca e ci siamo lasciati andare a un sapone inframmezzato da docce tiepide che ci siamo versati addosso da una ciotolina.

Il calore mattutino di Monte Kailash

Dopo aver passato la gelida fine del bagno al comfort dei vestiti invernali, ci siamo seduti a tavola e abbiamo affrontato il porridge di mele e miele che l'ospite aveva appena servito. Allo stesso tempo, sfruttiamo il ritorno dell'elettricità per caricare quante più batterie possibili.

Consapevole che eravamo ancora i suoi unici clienti e che l'attività era sotto controllo, Mila si siede accanto a noi. La conversazione sfociava nella conversazione, ci accorgemmo che la locanda non gli apparteneva, che il vecchio non era nemmeno di Pisang.

A Monte Kailash era il risultato dell'iniziativa di Bhujung Gurung, un nativo più giovane e avventuroso che conservava una serie di foto di se stesso sui muri della locanda, sempre barbuto, a cavallo e in altri tipi di avventure. Mila e la sua famiglia avevano semplicemente approfittato della crescente notorietà di Upper Pisang e dell'opportunità offerta loro dalla casa da tè.

Monastero buddista, Pisang superiore, Nepal

L'ingresso del tempio buddista di Pisang Superiore è addossato al pendio innevato di fronte all'Annapurna.

Sopra e sotto Pisang superiore

A quel tempo, sapevamo poco di più del villaggio della rampa tortuosa per il Monte Kailash che, unito al peso eccessivo degli zaini, ci aveva devastato all'arrivo. Come tali, li abbiamo lasciati rifatti in camera, abbiamo gridato un arrivederci a Mila e siamo andati a scoprirli.

Abbiamo salito qualche metro in più nel villaggio. Abbiamo indicato il tempio buddista che la terrazza evidenziata in precedenza ci aveva rivelato. Una volta dentro il recinto, ci siamo accorti che era affidato a un monaco solitario, troppo concentrato sui suoi compiti religiosi mattutini o abituato alla pace del ritiro per perdere tempo con noi.

Monaco buddista, Pisang superiore, Nepal

Monk cerca di accendere un fuoco rituale nella parte superiore del tempio buddista di Upper Pisang.

Il sacerdote accende un fuoco rituale in una torre corten elementare, di sassi accatastati. Quando ci riesce, si ritira in qualche annesso e non lo vediamo più.

Per quanto curiosa sia la sua natura, un corvo sospetta che il fuoco possa essere di qualche beneficio.

Atterra su un'asta di preghiera a pochi metri da noi e, per un attimo, controlla i nostri movimenti. Quando intuisce la più che probabile mancanza di profitto, se ne va.

Corvo, Pisang superiore, Nepal

Crow sonda il suo territorio, l'ampia valle del Pisang, una delle tante dell'Himalaya nepalese.

Gli ultimi momenti nell'Alto Pisang

Abbiamo notato che il sorgere del sole al suo apice ha fatto sciogliere la neve notturna e ha fatto scoprire i moderni e insoliti tetti blu che, con disappunto di qualsiasi fotografo, i nepalesi sono abituati ad utilizzare. Siamo scesi nel cuore del villaggio.

Un residente di Upper Pisang guida il bestiame, in Nepal

Un anziano del villaggio conduce una mucca nelle parti inferiori dell'Alto Pisang e nella sua fonte principale.

Seguiamo le orme di un indigeno che libera gli yak dal recinto, li porta a bere acqua e li libera per le solite peregrinazioni pastorali. Diamo un'occhiata ad altre strade, case e angoli. Salutiamo tre o quattro abitanti, i pochi che incontriamo.

Erano le dieci del mattino, era ora di partire. Va bene, torniamo a Monte Kailash, abbiamo sigillato i nostri zaini, li abbiamo messi in spalla e abbiamo salutato Mila.

Giovani residenti di Upper Pisang, Nepal

Due giovani abitanti dell'Alto Pisang, si preparano a lavare i panni, accanto ad una delle fontane del paese.

Camminiamo, motivati, verso il confine del villaggio, giriamo intorno al suo muro mani di ruote della preghiera, attraversiamo lo stupa di uscita/ingresso e ci incamminiamo sul sentiero Annapurna Parikrama Padmarga, teso a ghyaru. UN Ngawal e Braga.

Superiore Pisang, Nepal

Vista laterale dell'Alto Pisang, dal sentiero che lo collega al paese successivo: Ghyaru.

Maggiori informazioni sull'escursionismo Nepal sul sito ufficiale del Nepal Turismo.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Cerimonie e Feste
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Città
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Cultura
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Las Cuevas, Mendoza, attraverso le Ande, Argentina
In viaggio
Mendoza, Argentina

Da un lato all'altro delle Ande

Lasciando la città di Mendoza, la strada N7 si perde tra i vigneti, sale ai piedi del monte Aconcagua e attraversa le Ande verso il Cile. Pochi tratti transfrontalieri rivelano l'imponenza di questa salita forzata
Etnico
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Storia
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Fidanzate a Little Venice, Mykonos
Isole
Mikonos, Grecia

L'isola greca dove il mondo festeggia l'estate

Durante il 1960° secolo, Mykonos era solo un'isola povera, ma intorno al XNUMX, i venti di cambiamento delle Cicladi l'hanno trasformata. In primo luogo, nel migliore rifugio per gay del Mediterraneo. Poi, nell'affollata, cosmopolita e bohémien vanity fair che troviamo quando visitiamo.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Pitões das Junias, Montalegre, Portogallo
Natura
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Parchi Naturali
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Atterraggio in aereo, spiaggia di Maho, Sint Maarten
Spiagge
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Tempio di Kongobuji
Religione
Monte koya, Giappone

A metà strada per il Nirvana

Secondo alcune dottrine buddiste, ci vogliono diverse vite per raggiungere l'illuminazione. Il ramo di shingon sostiene che puoi farlo in uno. Dal Monte Koya, può essere ancora più facile.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Vulcano Ijen, schiavi di zolfo, Java, Indonesia
Società
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Animali selvatici
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.