Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa


alba fredda
Il villaggio di Pisang sorge sotto una bufera di neve caduta durante la notte. Sullo sfondo appare il monte Anapurna II.
cresta rotta
Swargadwari Danda ritaglio di montagna (4800 m), battuto dal vento e illuminato dal sole nascente.
alba fredda II
La luce del sole sta per scendere sulla valle Pisang, presto cala sulle case Pisang Inferiore e Superiore.
bradipo canino
Il cane fa un pisolino nei giardini del tempio buddista di Pisang superiore.
Concentrato nepalese
Vista laterale dell'Alto Pisang, dal sentiero che lo collega al paese successivo: Ghyaru.
Mattina soleggiata
Yak e due residenti di Upper Pisang, tutti e tre in una sana e solare indolenza.
atterraggio ghiacciato
I corvidi occupano un tetto innevato, poco prima che il sole nascente lo colpisca.
rilascio II
Un anziano del villaggio conduce una mucca nelle parti inferiori dell'Alto Pisang e nella sua fonte principale.
generazioni sorridenti
Due giovani abitanti dell'Alto Pisang, si preparano a lavare i panni, accanto ad una delle fontane del paese.
Trio buddista
L'ingresso del tempio buddista di Pisang superiore si stendeva contro il pendio innevato di fronte all'Anapurna.
pietra a mano
Elementi religiosi buddisti disposti sul muro di preghiera mani dell'Alto Pisang.
rilascio I
Originaria dell'Alto Pisang, porta il suo bestiame a fare una passeggiata sopra e sotto il villaggio.
architettura nepalese
Tipici tetti nepalesi. Innevato e con stendardi buddisti che sventolano al vento e benedicono le case.
fede nel sole
Un residente dell'Alto Pisang sfila un rosario buddista (yapa mala), mentre prende il sole seduto su un terreno imbottito da uno strato di piante secche.
mezze pareti
Sezione superiore Pisang, con forti tratti nepalesi e buddisti.
tenendo d'occhio tutto
Crow sonda il suo territorio, l'ampia valle del Pisang, una delle tante dell'Himalaya nepalese.
calore buddista
Monk cerca di accendere un fuoco rituale nella parte superiore del tempio buddista di Upper Pisang.
Una cima dell'Himalaya
Sole e vento hanno colpito la vetta innevata del Monte Anapurna II, a quota 7937 metri.
Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.

Fa parte del rituale del circuito dell'Annapurna.

Le regole prevedono che, per evitare il mal di montagna, si debbano bere litri d'acqua. Seguirli significa quasi sempre dormire con la vescica piena e svegliarsi una, due, tre volte per scomodi viaggi in bagno.

Noi di Chame che questo tormento si fosse ripetuto. Ha reso le quasi dieci ore di riposo che stavamo già prendendo molto meno corroboranti. Alle sei del mattino siamo in una specie di settimo sonno. Mila, responsabile di Monte Kailash guest house, bussa alla nostra porta. Avevamo chiesto acqua calda. Quando apriamo la porta, eccolo lì, con due grossi secchi fumanti ai suoi piedi.

Un gelo e un'alba bianca

Ci siamo alzati, spaventati e con fatica. Vi auguriamo il buongiorno e vi ringraziamo per la vostra crudele puntualità. Abbiamo approfittato del pacchetto, ci siamo avventurati nell'alba gelida e abbiamo ammirato il panorama spettrale dal portico fuori dalla stanza. Una tenue luce azzurra infuocò la valle davanti a sé.

Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.

La luce del sole sta per scendere sulla valle Pisang, presto cala sulle case Pisang Inferiore e Superiore.

Ci sfreghiamo gli occhi e lo ispezioniamo ancora una volta. Il colore bluastro non corrispondeva ai toni in cui avevamo detto addio a Pisang poco dopo il tramonto. Aveva un candore travestito dalle ombre che, durante la notte, si erano impadronite dei villaggi e delle montagne circostanti. Quando finalmente torniamo in sé, suoniamo l'allarme bufera di neve e reagiamo di conseguenza.

Armeggiando, abbiamo raccolto l'attrezzatura fotografica necessaria sui sacchi a pelo arrotolati. Ci vestiamo il più possibile, già con guanti e cappelli. Siamo saliti sulla terrazza panoramica, anch'essa innevata.

Il sole cominciava a calare sulla vetta più alta delle montagne davanti a noi, a 7937 metri del monte Annapurna II, la sedicesima altitudine del mondo. Illuminava una foschia di soglia causata dall'incidenza della luce sulla vetta ghiacciata, rafforzata dalla neve che il vento costringeva dai bordi esposti.

Montagna Swargadwari Danda, Nepal

Swargadwari Danda ritaglio di montagna (4800 m), battuto dal vento e illuminato dal sole nascente.

L'alba si diffonde lungo la sommità di quel tratto della catena montuosa. Poco dopo si punta sui pendii sottostanti e, poco a poco, sulle case di Pisang installate ai suoi piedi e sul thalweg attraversato dal Marsyangdi, il fiume che continuava ad accompagnarci.

Il dolce riscaldamento del sole e del bagno

L'alba passa presto da questa parte del fiume e benedice il ripido Upper Pisang dove ci siamo divertiti. In un lampo, il villaggio riacquista i sensi. I corvi dal nulla svolazzano sui tetti bianchi e sugli svolazzanti stendardi buddisti, lottando per i loro posatoi preferiti.

Corvid su un tetto di Pisang Superiore.

I corvidi occupano un tetto innevato, poco prima che il sole nascente lo colpisca.

Alcuni abitanti emergono dalle profondità delle case di pietra per apprezzare ciò che porta il nuovo giorno. Quasi un'ora dopo, la benedizione solare raggiunge anche la cima del monte Pisang, alle nostre spalle, e di fronte all'Annapurna II.

In quel periodo, ricordiamo l'acqua calda ei bagni che non potevamo fare. Torniamo al piano di mezzo e cerchiamo Mila. “Non preoccuparti, l'ho già scaldato di nuovo” ci rassicura appena incrociamo le strade vicino alla cucina.

Ci siamo fatti coraggio, siamo entrati nell'angusto vano doccia, ci siamo spogliati con la pelle d'oca e ci siamo lasciati andare a un sapone inframmezzato da docce tiepide che ci siamo versati addosso da una ciotolina.

Il calore mattutino di Monte Kailash

Dopo aver passato la gelida fine del bagno al comfort dei vestiti invernali, ci siamo seduti a tavola e abbiamo affrontato il porridge di mele e miele che l'ospite aveva appena servito. Allo stesso tempo, sfruttiamo il ritorno dell'elettricità per caricare quante più batterie possibili.

Consapevole che eravamo ancora i suoi unici clienti e che l'attività era sotto controllo, Mila si siede accanto a noi. La conversazione sfociava nella conversazione, ci accorgemmo che la locanda non gli apparteneva, che il vecchio non era nemmeno di Pisang.

A Monte Kailash era il risultato dell'iniziativa di Bhujung Gurung, un nativo più giovane e avventuroso che conservava una serie di foto di se stesso sui muri della locanda, sempre barbuto, a cavallo e in altri tipi di avventure. Mila e la sua famiglia avevano semplicemente approfittato della crescente notorietà di Upper Pisang e dell'opportunità offerta loro dalla casa da tè.

Monastero buddista, Pisang superiore, Nepal

L'ingresso del tempio buddista di Pisang Superiore è addossato al pendio innevato di fronte all'Annapurna.

Sopra e sotto Pisang superiore

A quel tempo, sapevamo poco di più del villaggio della rampa tortuosa per il Monte Kailash che, unito al peso eccessivo degli zaini, ci aveva devastato all'arrivo. Come tali, li abbiamo lasciati rifatti in camera, abbiamo gridato un arrivederci a Mila e siamo andati a scoprirli.

Abbiamo salito qualche metro in più nel villaggio. Abbiamo indicato il tempio buddista che la terrazza evidenziata in precedenza ci aveva rivelato. Una volta dentro il recinto, ci siamo accorti che era affidato a un monaco solitario, troppo concentrato sui suoi compiti religiosi mattutini o abituato alla pace del ritiro per perdere tempo con noi.

Monaco buddista, Pisang superiore, Nepal

Monk cerca di accendere un fuoco rituale nella parte superiore del tempio buddista di Upper Pisang.

Il sacerdote accende un fuoco rituale in una torre corten elementare, di sassi accatastati. Quando ci riesce, si ritira in qualche annesso e non lo vediamo più.

Per quanto curiosa sia la sua natura, un corvo sospetta che il fuoco possa essere di qualche beneficio.

Atterra su un'asta di preghiera a pochi metri da noi e, per un attimo, controlla i nostri movimenti. Quando intuisce la più che probabile mancanza di profitto, se ne va.

Corvo, Pisang superiore, Nepal

Crow sonda il suo territorio, l'ampia valle del Pisang, una delle tante dell'Himalaya nepalese.

Gli ultimi momenti nell'Alto Pisang

Abbiamo notato che il sorgere del sole al suo apice ha fatto sciogliere la neve notturna e ha fatto scoprire i moderni e insoliti tetti blu che, con disappunto di qualsiasi fotografo, i nepalesi sono abituati ad utilizzare. Siamo scesi nel cuore del villaggio.

Un residente di Upper Pisang guida il bestiame, in Nepal

Un anziano del villaggio conduce una mucca nelle parti inferiori dell'Alto Pisang e nella sua fonte principale.

Seguiamo le orme di un indigeno che libera gli yak dal recinto, li porta a bere acqua e li libera per le solite peregrinazioni pastorali. Diamo un'occhiata ad altre strade, case e angoli. Salutiamo tre o quattro abitanti, i pochi che incontriamo.

Erano le dieci del mattino, era ora di partire. Va bene, torniamo a Monte Kailash, abbiamo sigillato i nostri zaini, li abbiamo messi in spalla e abbiamo salutato Mila.

Giovani residenti di Upper Pisang, Nepal

Due giovani abitanti dell'Alto Pisang, si preparano a lavare i panni, accanto ad una delle fontane del paese.

Camminiamo, motivati, verso il confine del villaggio, giriamo intorno al suo muro mani di ruote della preghiera, attraversiamo lo stupa di uscita/ingresso e ci incamminiamo sul sentiero Annapurna Parikrama Padmarga, teso a ghyaru. UN Ngawal e Braga.

Superiore Pisang, Nepal

Vista laterale dell'Alto Pisang, dal sentiero che lo collega al paese successivo: Ghyaru.

Maggiori informazioni sull'escursionismo Nepal sul sito ufficiale del Nepal Turismo.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
Città
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Sole e palme da cocco, São Nicolau, Capo Verde
Cultura
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
In viaggio
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
sagome islamiche
Etnico

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Mexcaltitán, Nayarit, Messico, dall'alto
Storia
Mexcaltitán, Nayarit, Messico

Un'isola tra mito e genesi messicana

Mexcaltitán è un'isola lacustre tondeggiante, piena di case e che, durante la stagione delle piogge, è percorribile solo in barca. Si crede ancora che potrebbe essere Aztlán. Il villaggio che gli Aztechi lasciarono in un peregrinare che terminò con la fondazione di Tenochtitlan, la capitale dell'impero che gli spagnoli avrebbero conquistato.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
Isole
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
El Tatio Geyser, Atacama, Cile, Tra il ghiaccio e il caldo
Natura
El Tátio, Cile

Geyser El Tatio – Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Fortezza di Masada, Israele
Parchi Naturali
Massada, Israele

Masada: l'ultima roccaforte ebraica

Nel 73 d.C., dopo mesi di assedio, una legione romana scoprì che i resistenti in cima a Masada si erano suicidati. Ancora una volta ebrea, questa fortezza è ora l'ultimo simbolo della determinazione sionista
Composizione sul ponte a nove archi, Ella, Sri Lanka
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Yala-Ella-Candia, Sri Lanka

Viaggio nel cuore del tè dello Sri Lanka

Lasciamo il lungomare di PN Yala verso Ella. Sulla strada per Nanu Oya, ci spostiamo attraverso la giungla su rotaie, tra le piantagioni del famoso Ceylon. Tre ore dopo, sempre in macchina, entriamo a Kandy, la capitale buddista che i portoghesi non sono mai riusciti a conquistare.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Spiagge
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Ombra vs Luce
Religione
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Società
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Animali selvatici
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.