Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre


paesaggio carsico
Il “Campo Avventura”
Contemplazione per due
La valle di Aba-Huab
monte carsico
Diffidenza nelle altezze
valle rosea
Pachiderma
Fiume vegetale
Sagome al tramonto
Il “Campo Avventura II”
Tra gli struzzi
Himba contro Herero
bucero
Doppia Curiosità
a portata di mano
fuori strada
mandria indaffarata
"L'uomo leone" e co.
“Adventure Camp”, quasi notte
Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.

Per non parlare delle rocce e dei ciottoli giallastri, accatastati con l'arte di millenni, che compongono la montagna sassosa, a forma di balena, a cui poggia il Twyfelfontein Adventure Camp che ci ospita.

Appena arrivati ​​dalla costa di Swakopmund, ci arrendiamo all'istante al surrealismo litico del luogo. Una scalinata installata dalla loggia facilita la salita alla sommità della collina, frequentata dagli ospiti soprattutto per assistere al tramonto.

Abbagliati dalla particolarità del paesaggio namibiano per molto tempo e per sempre, l'abbiamo conquistato più di un'ora prima, con il tempo di apprezzare la vastità del Kunene meridionale tutto intorno a noi, a quasi 360º.

Diversi altri tumuli dello stesso sgretolarsi di dolomia lo punteggiava a perdita d'occhio, intersecato da due delle strade che servono la zona.

La distanza ci rivelava ancora altipiani con cime rosa o ocra discordanti.

Sia a nord che a sud dell'isola carsica che ci sosteneva si insinuavano fitte linee di vegetazione.

Erano irrigati dal letto del fiume Aba-Huab, a quel tempo sotterraneo ma, quando arrivò la fulminante stagione delle piogge in Namibia, un torrente fangoso che portò avanti tutto.

Come avremmo capito, l'Aba-Huab e l'Huab erano state a lungo le arterie vivificanti.

Il Twyfelfontein Adventure Camp si è rivelato solo un capriccio di raffinatezza nell'ecosistema ancestrale di quel dominio dell'Africa.

In cima al Twyfelfontein Adventure Camp, in attesa di Twilight Magic

Con il sole che tramonta sulle montagne a est, gli iracoidi si ritirano nelle loro tane.

Gli ospiti del lodge passano e si servono da bere al bar improvvisato tra i massi.

Si siedono negli appositi sedili, percorrono i bordi panoramici del prospetto.

La grande star non tarda a scomparire.

Colora quella Namibia di rosa, lilla e persino viola che rafforzano il suo aspetto già extraterrestre.

si scurisce.

Lo spazio scintillante reclama la sua dose di protagonismo, con un rivale unico nelle strutture illuminate del lodge.

Lì, intorno alla sala da pranzo, si è riunita una comunità multinazionale privilegiata.

Da quelle parti, tanto quanto il tramonto e l'ultimo bagliore che lo conclude, l'alba e il suo stesso crepuscolo rappresentavano stimoli che cominciavamo a desiderare.

Dormivamo rannicchiati insieme per la stanchezza. All'alba partiamo alla ricerca dell'Aba-Huab.

Risalire l'arido fiume Aba-Huab

Guida la jeep e guida noi, Lucas, discendente di una famiglia angolana che, quando infuriava la distruttiva guerra civile in Angola, fu costretto a migrare verso sud.

Lucas si sforza di salutarci con quel poco di portoghese che conosce.

Fino a quando altri passeggeri non lo interrompono e lo reindirizzano al raid.

Abbiamo superato la maggior parte delle tende al Twyfelfontein Adventure Camp.

Abbiamo aggirato il colle carsico che lo accoglieva a nord. Presto viriamo a sud e su una pianura ricoperta di fieno giallastro.

Twyfelfontein e fauna intorno alla valle di Aba-Huab

Pochi istanti dopo, abbiamo visto struzzi e antilopi complimenti. Seguendo un'altra jeep che era partita per prima, Lucas scende sull'asciutta pista sabbiosa di Aba-Huab.

Ne abbiamo seguito i meandri, tra mopane, spine di cammello e altri tipi di acacie in cui brulicavano curiosi buceri.

Inaspettatamente, i colli e le teste delle giraffe emergono dal fogliame ruvido.

Uno due tre. Molti di più.

Adulti, bambini, in una comunità relativamente abituata alla presenza umana e che, come tale, tollerava il nostro approccio.

Lucas è soddisfatto di quell'avvistamento facile e veloce.

I passeggeri a bordo condividono lo stesso entusiasmo.

Gli elefanti del deserto Damaraland

La guida sapeva però che le stelle della fauna locale erano diverse.

Tenendo d'occhio le impronte e le feci sul letto del fiume, ascoltando le comunicazioni in arrivo da altre jeep, le localizzò rapidamente e le rivelò.

Un grande branco di elefanti del deserto, più di quindici, poiché provengono da un bioma con meno cibo e acqua, sostanzialmente più piccoli delle loro controparti verdeggianti della savana.

Poiché vivono in dipendenza dall'acqua, dall'umidità e dalla vegetazione di questo e di altri fiumi effimeri, sono abituati a vedere persone e visitatori namibiani a bordo di jeep.

Di conseguenza, i pachidermi sono poco o per niente disturbati o reagiscono affatto.

Solo un vitello più reguila decide di esprimere indignazione.

Finge di investire e, per comune diletto, con il suo piccolo baule, getta terra nella nostra direzione.

Ricordiamo che il fiume Aba-Huab e l'Huab al quale si unisce sono le principali fonti di flora e fauna della regione.

Hanno a lungo reso la Namibia circostante meno desertica e hanno attratto e mantenuto una vasta gamma di specie.

Aba-Huab e Huab, sorgenti di vita fluviale che risalgono all'età della pietra

Si sa, inoltre, che durante l'età della pietra, tra 6000 e 2000 anni fa, l'area era ancora più vegetata e che gli animali la frequentavano in maggior abbondanza.

Abbiamo trovato il sito con la più alta concentrazione di arte rupestre in Namibia, Ui Aes (nella lingua nativa Damara, Twyfelfontein nel dialetto africani), a soli 9km dall'omonimo rifugio.

Occupa un'altra fascia di colline carsiche, abitate da lucertole e prolifiche colonie di iracoidi.

Lì, un'aquila dalla pelle nera ma dai lineamenti quasi caucasici ci accoglie sotto un cielo azzurro che si intona all'ocra roccioso.

Ci porta ai petroglifi più famosi, tra i cinquemila stimati.

Teorie sul petroglifo "Lion Man" e altri

Lo seguiamo lungo le tracce di "uomo leonecosì chiamato perché porta a un'incisione di un leone con una zanna in bocca, cinque dita su ciascuna zampa e una lunga coda sollevata a L.

Queste ultime particolarità hanno portato alcuni studiosi ad affermare che si trattasse, in realtà, di un uomo, in questo caso uno sciamano, trasformandosi in leone.

Sulla stessa faccia della stessa roccia ocra, è circondato da una giraffa, kudu e diverse antilopi, rinoceronti e altri.

In più di una dozzina di gruppi di rocce vicine, ci sono anche orici, struzzi, fenicotteri e zebre.

Alcune stampe mostrano figure umane e umano-animali, come nel caso del Kudu danzante.

Altri ancora rivelano motivi geometrici, animali raffigurati con linee di movimento che gli studiosi sostengono essere una conseguenza della trance in cui entrano gli sciamani durante i rituali.

Come con il "uomo leone”, una teoria facilmente sfatata.

Nel corso dei millenni e dell'occupazione, hanno seguito i cacciatori-raccoglitori San, i pastori di etnia KhoiKhoi (damara/nama) che sopravvivono in Namibia.

E in tempi recenti, il coloni tedeschi e afrikaner dal Sud Africa che, almeno in parte, sostituirono i tedeschi nel le sue colonie fino alla sconfitta nella prima guerra mondiale

Ui Aes / Twyfelfontein: l'insolita storia coloniale

Nonostante la sua importanza storica, Ui Aes / Twyfelfontein è stato dichiarato monumento nazionale dalle autorità sudafricane solo nel 1952. Anche così, è rimasto senza protezione fino al 1986.

E solo nel 2007 ha visto il suo status come Patrimonio universale premiato dall'UNESCO.

Di conseguenza, una loggia (la Twyfelfontein Country Lodge) fu eretta in quello che è considerato il luogo delle cerimonie ancestrali. Incontriamo anche i ruderi di una vecchia casa rurale di struttura europea.

Ui Aes / Twyfelfontein rimase libero da coloni di origine europea fino a poco dopo la seconda guerra mondiale.

A quel tempo, una tragica siccità significava che i contadini boeri si erano stabiliti lì, sperando che la vicinanza dei fiumi e una sorgente specifica rendessero possibile la loro esistenza.

Un colono in particolare, David Levin, si dedicò allo studio dell'affidabilità di una tale sorgente, che trovò, ma dalla quale non riuscì a ottenere acqua a sufficienza per i suoi raccolti e il bestiame.

E l'origine non meno rara del nome Twyfelfontein

Un amico lo ha soprannominato David Twyfelfontein, traducibile con “David dubbio la fonte”, ovvero “David nascente dubbioso”. Nel 1948, lo stesso David Levin registrò la sua proprietà con quel nome giocoso.

Nel 1963 la fattoria fu integrata nel Piano Odendaal (1963) per la riorganizzazione etnica del Sud Africa sotto il regime di apartheid.

Due anni dopo, più di un decennio dopo l'inizio dell'indagine scientifica sulle incisioni, i coloni boeri abbandonarono l'area, più a sud e ritorno in Sud Africa.

Il nome Twyfelfontein, quello, rimase alla pari con il nativo Ui Aes. Così come migliaia di opere d'arte locali dell'età della pietra.

Ora, opportunamente valorizzato e protetto, si spera per sempre.

COME ANDARE

TAAG – Compagnie aeree dell'Angola:  Volo Lisbona – Luanda – Windhoek (Namibia) a TAAG: www.taag.com a partire da 750€.

Prenota il tuo programma di viaggio in Namibia con Viaggi allodola: www.larkjourneys.com

WhatsApp: +264 81 209 47

Facebook e Instagram: Lark.viaggi

Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Gelato, Moriones Festival, Marinduque, Filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Totem, Sitka, Alaska Viaggio una volta dalla Russia
Città
sitka, Alaska

Sitka: un viaggio attraverso un'Alaska che una volta era russa

Nel 1867, lo zar Alessandro II dovette vendere l'Alaska russa al Stati Uniti. Nella piccola città di Sitka, troviamo l'eredità russa ma anche i nativi Tlingit che li hanno combattuti.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cultura
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
viaggio in australia occidentale, Surfspotting
In viaggio
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Etnico
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Storia
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Cilaos, Isola della Riunione, Casario Piton des Neiges
Isole
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Natura
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Parchi Naturali
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Spiagge
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Capo Espichel, Santuario di Senhora do Cabo, Sesimbra,
Religione
Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto

Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico
Società
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
Animali selvatici
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.