Ishigaki, Giappone

Tropici giapponesi insoliti


In attesa di passeggeri II
Barche con fondo di vetro ormeggiate nella baia di Kabira, dove ai visitatori è vietato fare il bagno nell'acqua calda.
ombra tropicale
Due generazioni di abitanti di Ishigaki sulle bianche sabbie della baia di Kabira.
Ananas Yayama
Piccoli ananas in mostra a una vendita di Ishigaki.
tropici giapponesi
Panorama della costa corallina di Ishigaki, una delle isole del gruppo Yayeama.
guardiani shisa
Una delle numerose sculture di guardiani shisa raggruppate a Ishigaki.
curiosità marina
I passeggeri su una barca con fondo di vetro osservano il fondale corallino al largo della baia di Kabira.
foto del cerchio
Un gruppo di amici giapponesi si fotografa dal mare calmo e caldo di Kabira Bay.
lavoro orticolo
Il titolare del gruppo imprenditoriale Hirata lavora in una delle sue serre.
giro anfibio
Amici giapponesi durante un piccolo tour anfibio lungo la baia di Kabira.
Ishigaki è una delle ultime isole del trampolino di lancio che si estende tra Honshu e Taiwan. Ishigakijima ospita alcune delle spiagge e dei paesaggi costieri più incredibili di queste parti dell'Oceano Pacifico. I sempre più giapponesi che li visitano si divertono a fare il bagno poco o meno.

È nel suo gruppo di isole Yaeyama, il Giappone si annida nel Tropico del Cancro. E nelle giornate limpide, da Yonaguni, l'isola giapponese che più si avventura a sud-ovest, puoi vedere fino a Taiwan, Repubblica Cinese “ribelle” attraversato da lui.

Pochi istanti dopo lo sbarco a Ishigaki, abbiamo confermato che è di gran lunga il territorio più sviluppato e abitato dell'arcipelago.

Ai confini giapponesi del Pacifico settentrionale

Una volta ceduti ai loro indigeni, questi luoghi lontani hanno recentemente subito a boom Turismo interno giapponese, alimentato da curiosi vacanzieri che optano per destinazioni nazionali sulle spiagge straniere più idolatrate del Giappone: Boracay, El Nido e altri dentro Filippine, Waikiki, dentro Havai, tra gli altri.

Puoi quasi contare sulle dita di una mano gli stranieri che vengono qui. Questo spiega perché ci sentiamo più osservati in tre o quattro ore a Ishigaki che in diversi mesi trascorsi nel nord del Giappone.

Chiunque visiti lo Yaeyama inizia, come noi, atterrando a Ishigaki. Da lì si parte con traghetti ultraveloci o voli a corto raggio per le isole satelliti, quasi tutte sontuose nei loro peculiari ambienti bucolici, selvaggi e marittimi. Prima di ciò, è consuetudine camminare e lavarsi i piedi. Non avevamo le nostre fattorie sull'isola.

Anche così, se fosse stato possibile, eravamo pronti per una ricreazione degna di questo nome. Kabira Bay lo meritava e altro ancora. Per quanto strano possa esserci sembrato prima, il Giappone aveva davvero angoli marini irresistibili come questo.

Barche con fondo di vetro, Kabira Bay, Ishigaki

Barche con fondo di vetro ormeggiate nella baia di Kabira, dove ai visitatori è vietato fare il bagno nell'acqua calda.

La sorpresa verde smeraldo di Kabira Bay

Nella baia di Kabira, abbiamo trovato acque protette dal grande oceano da un fronte boscoso di banchi di sabbia. Acque traslucide, tinte di verdi e blu risplendenti di un letto di origine corallina e del sole alto. Acque in cui scivolano graziosi banchi di mante, delfini, squali balena e squali convenzionali, alcune delle specie più temute dai subacquei.

Kaori Kinjo, la guida che ci ha accompagnato a Ishigaki e negli altri Yaeyama che avremmo visitato, ci assicura che questo era il posto migliore per “percepire” la configurazione ei colori della baia. Fallo in inglese, molto chiaramente. Anche se, in un buon modo giapponese, sento di non essere qualificato e provo un po' di vergogna.

In modo che per la maggior parte del nostro soggiorno abbiano Seiko Kokuba, un traduttore a tempo pieno, al loro servizio.

Kaori Kinjo era originario della prefettura giapponese di Tochigi. Pochi giorni dopo, ci saremmo abbagliati dal I templi secolari di Nikko e il festival primaverile di Shunki Reitaisai.

Ad un certo punto, si è trasferito nel sud tropicale giapponese. Lì trovò lavoro ben retribuito presso il grande Acquario di Okinawa, fino al 2005, il più grande del mondo. Seiko Kokuba viveva nel Filippine dove ha lavorato in una ONG e ha imparato a parlare metà inglese e metà dialetto tagalog, come fanno i filippini.

Aveva l'ambizione di andare a studiare nel Regno Unito ma la famiglia non poteva sostenere quel sogno. Invece, si è trasferito in India ed era lì per praticare il suo inglese. Nato e cresciuto a Tokyo, sposato un uomo di Okinawa e si stabilì a Ishigaki, dove il Giappone è sempre d'estate.

Una piccola o nessuna baia balneabile

Siamo arrivati ​​a metà mattina. È opprimente umido. Anche così, non vediamo un'anima nell'acqua, solo occasionali gruppi di amici o famiglie che camminano sulla sabbia gessosa, l'uno o l'altro a piedi nudi con i pantaloni arrotolati, con il caldo mare del Mar Cinese che li raggiunge al massimo ginocchia.

Le amiche passeggiano nella baia di Kabira, Ishigaki, in Giappone

Amici giapponesi durante una breve passeggiata in acque profonde fino alle ginocchia lungo la baia di Kabira.

Abbiamo chiesto ai ciceroni perché nessuno si bagnasse in quelle acque sognanti. Solo metà della risposta ci sorprende. “Beh, ci sono due ragioni: una, è che la maggior parte dei giapponesi non si è ancora completamente arresa al tempo libero balneare degli occidentali.

L'altro, il principale, è che, da un lato, nella baia ci sono stagni di ostriche perle nere iperpregiate e i produttori li vogliono protetti, anche se quelle acque fanno parte del vasto Parco Nazionale. Iriomote-Ishigaki.

Inoltre, per motivi di sicurezza, anche gli operatori di queste imbarcazioni da diporto che vedete allineate laggiù sono poco girate in modo che le persone facciano il bagno lungo le rotte che le barche utilizzano continuamente.

Waikiki, Hawaii: la destinazione balneare preferita

In buona moda giapponese, nessun visitatore infrange le regole. Per compensare, la flotta di barche con fondo di vetro è sempre pronta a mostrare ai visitatori i fondali corallini e la fauna del Mar Cinese.

Abbiamo ascoltato attentamente. Prendiamo in considerazione i terreni e la vastità della baia. Come bagnanti inveterati che siamo, abbiamo assunto l'etnoegoismo e che tutto suonava come un enorme spreco per noi.

Quanto alla prima delle spiegazioni, quella del disprezzo per andare ai bagni, potrebbe essere così anche in Giappone. Ma l'anno prima eravamo passati da Waikiki, un'estensione sulla spiaggia della capitale hawaiana Honolulu.

Lì abbiamo visto le spiagge di pigne dei giapponesi più bianche della sabbia di Kabira Bay, divertendoci aggrappandosi alle boe e sdraiati su materassini gonfiabili, nel mezzo del Pacifico del Nord. C'erano così tanti bagnanti giapponesi che da lì abbiamo avuto l'impressione che, quasi 80 anni dopo l'audacia di Pearl Harbour, i giapponesi erano tornati e avevano preso il controllo delle Hawaii.

Il possibile risarcimento della barca con fondo di vetro

Per quanto frustrante suonasse il segnale di proibizione in cui ci siamo imbattuti all'ingresso del mare, proprio come i giapponesi, anche noi eravamo coperti dalle restrizioni. Kaori e Seiko sentono una certa frustrazione nell'aria. Come ricompensa, ci informano che hanno organizzato per noi un tour in una delle barche con fondo di vetro che mostrano il retro della baia.

Non era proprio la stessa cosa, ma siccome non si può guardare il dente di un determinato cavallo, tenendo conto che lo avremmo preso principalmente come un'esperienza culturale, ci siamo imbarcati lì in mezzo a un gruppo di famiglie e amici entusiasti di andarsene.

La barca parte muovendosi per circa 15 minuti a notevole velocità. A un ritmo, anche così, molto più veloce di quello della narrazione infantile giapponese che illustrava il giro nautico.

Quando raggiungiamo una zona con fondali bassi, coralli e trasparenza ideale, va in una sorta di rallentatore. Da un momento all'altro, i vetri inferiori si trasformano in acquari mobili.

Azione in barca con fondo di vetro nella baia di Kabira, Ishigaki, Giappone

I passeggeri su una barca con fondo di vetro osservano il fondale corallino al largo della baia di Kabira.

I passeggeri si appoggiano ai parapetti decorati con immagini sottotitolate della fauna e della flora che dovrebbero vedere lì, installate sopra il fondo di vetro.

Di tanto in tanto, uno o più pesci sgargianti compaiono nella cornice dei coralli e riempiono la barca di vita e succhiare- succhiare, il termine inevitabile per ogni volta che i giapponesi si trovano di fronte a qualcosa fresco o questo li stupisce.

Vacanze brevi in ​​stile giapponese

Alcuni dei passeggeri a bordo saranno i tipici salariati con dieci o dodici giorni di vacanza, forse i primi trascorsi in spiaggia. Apprezzano i fondali marini, il pesce trombetta, il pesce pagliaccio e simili con una comprensione quasi ipnotica sintomatica della liberazione dal mondo aziendale, aziendale e del costume e della cravatta in cui trascorrono troppo tempo.

La barca fa un altro giro intorno ai banchi di sabbia, sempre all'interno della grande barriera corallina che circonda gran parte di Ishigaki. Ritorna alla baia attraverso il canale centrale da cui eravamo partiti e si ancora con la sua prua aguzza sulla sabbia bagnata della costa. I passeggeri sbarcano uno per uno, ognuno dedito alla soffocante gioia dell'isola.

A dire il vero, anche solo recentemente scoperto dai giapponesi e visitato da molto raro gaijin (stranieri) Ishigaki dà molto di più. Sia i siti di immersione che le spiagge intorno all'isola sono di prim'ordine.

Ishigaki, Giappone

Panorama della costa corallina di Ishigaki, una delle isole del gruppo Yayeama.

L'aspro interno nasconde sentieri selvaggi che si snodano su e giù dal livello del mare fino ai 526 metri del monte Omoto-dake, il punto più alto dell'isola.

Intorno da Ishigaki

Kaori e Seiko li raccolgono dalla barca. Ci portano a un punto panoramico elevato da dove possiamo contemplare l'isola nel suo insieme, alla buona maniera polinesiana francese, circondata da un anello di barriera corallina verde smeraldo ben delimitata dal profondo oceano.

Lo scenario, l'atmosfera calda e umida ha attratto a lungo il gruppo insulare di Yaeyama e Ishigaki in particolare una minoranza di vite alternative giapponesi, coloro che non si adattano mai al sistema del lavoro quasi schiavo delle grandi città giapponesi o, a un certo punto, contro si ribellarono.

Alcuni, come Seiko, discendono principalmente dall'isola madre di Honshu – di gran lunga la più modernizzata del Giappone – alla ricerca di una carezza sentimentale, esistenziale, di una libertà che i loro connazionali non si rendono nemmeno conto dell'esistenza. In un caso eccezionale, un'evasione si è rivelata molto più radicale delle altre.

L'ultimo rifugio di Yasuao Hayashi della squilibrata Aum Sect

Nel 1997, ventuno mesi dopo ea più di 3000 km dal luogo del delitto, con stupore di indigeni e residenti, Yasuao Hayashi fu catturato a Ishigaki. Era il membro più anziano (37 anni al momento dell'attacco) del gruppo del Ministero della Scienza e della Tecnologia di Aum Shinrikyo, la setta malvagia che ha effettuato gli attacchi con il gas sarin alla metropolitana di Tokyo.

Ai tropici, per quanto sia estate, fa buio presto. La giornata stava volgendo al termine. Desiderosi di tornare alla pace familiare delle loro vite, Kaori e Seiko ci hanno segnalato che era tempo per noi di tornare in città.

Lungo il percorso, ci fermiamo in una proprietà agricola aperta. Il duo di guide ci informa che vorrebbero mostrarci il giardino del conglomerato (anche per turismo per cui hanno lavorato).

Ananas in vendita a Ishigaki, Giappone

Piccoli ananas in mostra a una vendita di Ishigaki.

Noi entriamo. Li seguiamo. Siamo stupiti dalle estese piantagioni di ananas molto gialli. Entriamo in una zona di serre.

Dalla Quinta del Gruppo Hirata alla Pace Notturna del Rakutenya Inn

In uno di essi, vestito con una t-shirt di fagioli verdi, pantaloni blu-verdi infilati in stivali di gomma bianchi e ancora con indosso i guanti, lavora un uomo sulla cinquantina, forse sulla sessantina ma in buone condizioni. “Possiede Hirata!, ci dice Kaori, prima di presentarlo. “Hai una bellissima fattoria qui!” lo vantiamo, in inglese, con la traduzione immediata di Seiko. …..

Il proprietario del gruppo Hirata in una serra di gruppo, Ishigaki

Il titolare del gruppo imprenditoriale Hirata lavora in una delle sue serre.

L'interlocutore sorride, si inchina a noi in segno di gratitudine e ci mostra le zucchine rigogliose con cui aveva a che fare. Ci scambiamo qualche altra frase gentile finché il proprietario del posto non consiglia alle cameriere di mostrarci il resto delle piantagioni.

Kaori affretta il compito. Successivamente, ci porta nel cuore urbano di Ishigaki, disposto intorno al porto. Torniamo alla pensione Rakutenya che ci aveva accolto quando siamo arrivati ​​a Naha, la capitale di Okinawa.

Guardiani Shisa, Ishigaki, Giappone

Una delle numerose sculture di guardiani shisa raggruppate a Ishigaki.

I proprietari, una coppia di hippy giapponesi, di coloro che hanno realizzato il loro sogno giapponese a sud, ci danno il benvenuto nella locanda, allestita in una casa in legno e pietra corallina costruita nel 1930, in parte nello stile architettonico caratteristico di Okinawa e nel Isole Yaeyama, una delle centinaia che vedremmo in una delle seguenti destinazioni: la deliziosa isoletta Taketomi.

Prima, abbiamo esplorato Iriomote, l'ultima frontiera del Giappone per l'avventura tropicale. C'erano entrambe le altre storie.

Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Tokyo, Giappone

Pachinko: Il video - Dipendenza che deprime il Giappone

All'inizio era un giocattolo, ma l'appetito di profitto del Giappone ha rapidamente trasformato il pachinko in un'ossessione nazionale. Oggi, 30 milioni di giapponesi si sono arresi a queste macchine da gioco alienanti.
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Tokyo, Giappone

Le fusa usa e getta

Tokyo è la più grande delle metropoli, ma nei suoi angusti appartamenti non c'è posto per le mascotte. Gli uomini d'affari giapponesi hanno rilevato il divario e hanno lanciato un "allevamento" in cui gli affetti felini sono pagati a ore.
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Cerimonie e Feste
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Crepuscolo al Parco Itzamna, Izamal, Messico
Città
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Fatica nei toni del verde
Cultura
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
voli economici, acquistare voli economici, biglietti aerei economici,
In viaggio
Viaggiare non costa

Acquista voli prima del decollo dei prezzi

Ottenere voli economici è quasi diventata una scienza. Rimani aggiornato sui principi alla base del mercato delle tariffe aeree ed evita il disagio finanziario derivante dall'acquisto in un brutto momento.
Etnico
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Libreria Sacra
Storia
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
Isola di Streymoy, Isole Faroe, Tjornuvik, Gigante e Strega
Isole
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Celestyal Crystal Cruise, Santorini, Grecia
Natura
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Cabo Ledo Angola, moxixeiros
Spiagge
Capo Ledo, Angola

Cabo Ledo e la sua Baia di Gioia

A soli 120 km a sud di Luanda, le onde capricciose dell'Atlantico e le scogliere coronate da moxixeiros competono per la terra del musseque. La grande insenatura è condivisa da stranieri arresi alla scena e residenti angolani che da tempo sono sostenuti dal generoso mare.
Promettere?
Religione
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
cabina affollata
Società
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.