Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar


Piantagione di cocco ai piedi della Serra do Mar
Vista ariosa
Sentiero grazioso
Piattaforma di vendita
Snack bar Rocha Pombo
Pesca anfibia
Tavolo Barreado
calderone
Galleggiante
Ponte disabilitato
Pesca alta
manovre
Giro in miniatura
Artigianato di Carmen Maria
Banana a Barreado
Vista imperdibile
Galleggiante II
Chiesa di Morretes
Nhundiaquara Pedregoso
Bromeliacea Viçosa
Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.

A 935 metri sul livello del mare, anche in piena estate dell'emisfero australe, ci siamo svegliati di nuovo in una Curitiba nuvolosa e fresca.

È in questo clima che arriviamo alla stazione di partenza. Se storicamente il treno divenne noto come Serra do Mar, la compagnia che lo gestisce lo chiamò Trem Serra Verde, in accordo con il tono predominante del viaggio.

Quando la locomotiva torna verso la seconda carrozza, ci rendiamo conto di quanto entrambi si scontrino.

Alcuni ferrovieri agganciano la macchina al vagone, decorato con un dipinto promozionale della bevanda più famosa del mondo. Sono entrambi rossi.

Il terzo risulta essere blu. I successivi, infine, hanno il tono della clorofillina che però vorremmo approfondire.

L'imbarco termina. Una hostess dotata di microfono inaugura la presentazione ed il discorso che proseguirà all'esterno. La locomotiva attraversa il treno.

In breve tempo lasciammo l'ambiente semi-rurale, un po' insolito per la zona capitale del Paraná. In un altro caso siamo entrati in gole strette, conquistate dall'ingegneria sui pendii, ma che l'abbondante vegetazione reclamava e nascondeva.

Un boschetto di grandi felci e perfino di bromelie sfiora le carrozze.

Serra do Mar In basso, verso l'Atlantico meridionale

Il treno inizia la sua brusca discesa. Si trova in una nebbia bassa con densità intermittente, che ci trasporta attraverso una gola vertiginosa e nel cuore selvaggio della Serra do Mar.

Come l'abbiamo vista, fiancheggiata da vegetazione tropicale, solcata da alcune cascate e persino da lagune che la dipingevano di bianco, quella catena montuosa era una sezione minuscola.

Una distesa di montagne e vegetazione che si estendeva per quasi 1500km, iniziando nel lontano stato di Rio de Janeiro e passando per gli stati di São Paulo, Paraná, Santa Catarina e Rio Grande do Sul.

Lo zenit Paraná della Serra do Mar, che misurava quasi 1878 m, si trovava da qualche parte lì intorno. Difficilmente la nebbia lo avrebbe rivelato e tanto meno il tunnel in cui ci trovavamo, scavato in una roccia tinta da licheni e muschi.

Fu il primo di una sequenza di quattordici e trenta ponti e viadotti indispensabili allo scorrere delle composizioni lungo i 110 km della Ferrovia originale e completo.

Per la sua arditezza, un viadotto particolare, quello del Presidente Carvalho (presidente dello stato del Paraná in fase di costruzione), aggiunto sopra un dirupo e che conduce ad un altro inaspettato tunnel, è diventato il marchio di fabbrica del treno.

Ben presto passammo di lì, stupiti dalla vastità della valle sulla destra, incuriositi da ciò che il lato dell'oscurità aveva in serbo per noi.

Anche se non così vertiginosa, quella che troviamo è più Serra do Mar, ripida, capricciosa, nella quale serpeggiava il treno omonimo verso l'Atlantico.

Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosaA tratti la composizione rallentava, quasi si fermava.

Catena montuosa Marumbi. Una sezione dell'immensa Serra do Mar

Si fermò completamente alla base del Pico e della catena montuosa del Marumbi. Lì vediamo un gruppo di escursionisti sbarcare carichi di zaini.

Avrebbero iniziato un'impegnativa camminata verso la cima della catena montuosa, composta da sette picchi rocciosi, ma ricchi di vegetazione: Boa Vista, Gigante, Ponta do Tigre, Esfinge, Torre dos Sinos, Abrolhos e Facãozinho.

Noi e gli altri passeggeri ci stavamo avvicinando al viaggio di quattro ore e alla stazione finale di Morretes.

Queste quattro ore che abbiamo trascorso in modalità ricreativa e panoramica sono il risultato di un'impresa ambiziosa e laboriosa durata cinque anni.

Prima del treno della Serra do Mar, la tortuosa Estrada da Graciosa

In base ai reportage che abbiamo realizzato nella regione, abbiamo percorso la Estrada da Graciosa, completata nel 1873 (12 anni prima del Treno della Serra do Mar) e che, a quel tempo, era l'unico collegamento tra l'Altopiano del Paranaense e Morretes e la riva del mare, il mare.

Tanto storica quanto elegante, la strada mantiene gran parte della passerella originale, sovrapponendosi ai sentieri precedentemente utilizzati dagli indigeni e ai sentieri allargati dai mandriani che trasportavano il bestiame dalle zone interne alla costa.

In quei dodici anni, la Estrada da Graciosa aiutò agricoltori e allevatori a trasportare le loro merci a Paranaguá.

Tuttavia, si è rivelato troppo ripido, tortuoso e complicato spedirli rapidamente in grandi quantità.

Pertanto, una serie di personalità influenti e interessi commerciali nel Brasile recentemente indipendente richiesero concessioni imperiali per costruire una ferrovia complementare.

A causa di difficoltà finanziarie e operative, i primi due tentativi fallirono.

Il progetto megalomane della ferrovia Serra do Mar

Il terzo proveniva da un'azienda francese, Compagnie Generalle des Chemins de Fer Bresiliens, guidata in Brasile dall'italiano Antonio Ferrucci la cui principale credenziale è stata la partecipazione al canale di Suez.

Questa compagnia ottenne finalmente la necessaria concessione imperiale.

Nel 1880, alla presenza dell'imperatore Dom Pedro II, furono inaugurati i lavori, portati avanti da circa 9000 lavoratori liberi.

Nonostante a quel tempo la schiavitù persistesse in Brasile.

I lavori si rivelarono subito impegnativi. Come ha concluso Antonio Ferrucci, erano troppo rischiosi. Gli edifici sono crollati.

La più notevole è stata la sezione Rochedinho, sostituita dall'audace ed emblematico Viaduto Presidente Carvalho.

Scontento di questo e di altri inconvenienti, nel 1882 António Ferrucci finì per abbandonare il progetto. Al suo posto prese posto João Teixeira Soares, ingegnere ferroviario brasiliano, socio di Compagnie Generalle des Chemins de Fer Bresiliens.

Sotto la sua guida, la ferrovia integrale fu inaugurata nel 1885, con lo sfarzo e le circostanze dovute.

E, a rovinare la festa, le proteste dei carrettieri e degli operai che, fino ad allora, assicuravano il trasporto delle merci sui carri lungo la Estrada da Graciosa.

Comunque, Flat Earths e la stazione terminale di Morretes

La composizione è realizzata su terreni pianeggianti tra la Serra do Mar e l'Atlantico meridionale.

Rallentare.

Fermata alla stazione di Morretes, a soli otto metri sul livello del mare. Una volta sbarcati ci siamo resi conto del probabile significato del nome.

La città ha una vista privilegiata sulla catena montuosa Marumbi e questa vista sulle montagne è stata resa popolare come Morretes.

Il titolo della città fu però oggetto di controversia, venendo talvolta considerato Nhundiaquara (pesce + buco) – il termine Tupi-Guarani che definisce il fiume locale – talvolta diventando Morretes.

Morretes prevalse come battesimo della città fondata dai minatori di San Paolo che si stabilirono nel XVII secolo in cerca di oro. Seguirono altri coloni e famiglie.

E poi, la Chiesa che lì ha costruito il suo tempio, in questi giorni, bianco, con le cornici azzurre coerenti con il cielo da cui si stagliano in lontananza i sette colli.

A Morretes scopriamo le pittoresche case secolari, allineate con la riva del fiume.

Barreado, sapore Morretes, originario delle Azzorre

Ci sistemiamo nel ristorante più famoso, rinfrescato dal buio ruscello, che possiamo ammirare attraverso i portici di una delle numerose dimore coloniali della città.

Lì abbiamo gustato il piatto tipico della città, il barreado, abbreviazione di carne barreada, cotta lentamente in robuste pentole di terracotta che possono resistere alla cottura per venti ore o più.

Come ci si aspetterebbe, come la feijoada brasiliana in generale, anche il barreado ha le sue origini in Portogallo.

Lo portarono nel sud del Brasile, nel XVIII secolo, da emigranti delle Azzorre che si dice abbiano cominciato a diffondere quel modo unico di cucinare la carne di manzo, accompagnata da riso, farina di manioca, banana, con il sapore arricchito da tutto ciò che non è solo parte della ricetta.

Il Barreado si è sempre rivelato un pasto pesante ma corroborante.

I mandriani erano abituati a chiederlo quando arrivavano in viaggio dagli altipiani del Paraná.

All'era di tropeirismo, Morretes rimase prolifico, pieno di attività commerciali al servizio della gente della costa e di coloro che, come i Tropeiros, arrivavano dall'altopiano del Paraná.

La sua ricchezza fu rafforzata dal fatto che uomini d'affari con sede intorno al porto di Paranaguá vi avevano installato impianti di lavorazione per lavorare la sempre più ricercata yerba mate, strutture di macinazione che separavano i rami e la polvere dalle preziose foglie della pianta.

Ora, per quanto possa sembrare ironico, l'arrivo del Treno della Serra do Mar a Morretes ha posto fine a questo processo proficuo e al protagonismo della città.

Un ponte ferroviario sul fiume Nhundiaquara rimane una testimonianza ferrea di questo declino.

Oggi è Morretes il principale responsabile della fama e dei benefici turistici. Paranaguá, la sua ampia baia e il suo porto hanno preso il sopravvento su tutto il resto. Paranaguá è, però, tutta un'altra storia.

Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Ilha do Mel, Paraná, Brasile

Il Paraná Zuccherato di Ilha do Mel

Situata all'ingresso della vasta baia di Paranaguá, Ilha do Mel è apprezzata per la sua riserva naturale e per le migliori spiagge dello stato brasiliano del Paraná. In uno di essi, una fortezza costruita da D. José I resiste al tempo e alle maree.
Parco Vila Velha a Castro, Paraná

In Paraná, sulla Via del Tropeirismo

Tra Ponta Grossa e Castro, viaggiamo attraverso Campos Gerais do Paraná e attraverso la sua storia. Per il passato dei coloni e dei mandriani che hanno segnato la regione sulla mappa. Anche quello degli immigrati olandesi che, in tempi più recenti e, tra tanti altri, hanno arricchito l'assortimento etnico dello Stato brasiliano.
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Cerimonie e Feste
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
municipio, capitale, oslo, norvegia
Città
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cultura
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
metodi di pagamento in viaggio, shopping all'estero
In viaggio
Viaggiare non costa

Il prossimo viaggio, non far volare i tuoi soldi

Non solo il periodo dell'anno e l'anticipo con cui prenotiamo voli, soggiorni, ecc. influiscono sul costo di un viaggio. I metodi di pagamento che utilizziamo in tutte le destinazioni possono fare una grande differenza.
Indiano incoronato
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Torshavn, Isole Faroe, pagaia
Storia
Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor

È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.
Blue Hole, Isola di Gozo, Malta
Isole
Gozo, Malta

Giornate mediterranee di puro godimento

L'isola di Gozo è un terzo delle dimensioni di Malta, ma solo trenta dei trecentomila abitanti della piccola nazione. In duo con la località balneare di Comino, ospita una versione più semplice e serena della sempre peculiare vita maltese.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Natura
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
avanti e indietro fluviale
Parchi Naturali
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Rematori Intha su un canale del Lago Inlé
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Pemba, Mozambico, Capitale di Cabo Delgado, da Porto Amélia a Porto de Abrigo, Paquitequete
Religione
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Pachinko Hall, Dipendenza da video, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Pachinko: Il video – Dipendenza che deprime il Giappone

All'inizio era un giocattolo, ma l'appetito di profitto del Giappone ha rapidamente trasformato il pachinko in un'ossessione nazionale. Oggi, 30 milioni di giapponesi si sono arresi a queste macchine da gioco alienanti.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Animali selvatici
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.