PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote


Vegetazione resiliente
Gli arbusti si sviluppano nonostante l'aridità del terreno in PN Timanfaya.
Piccolo Cuore Caldera
Uno delle dozzine di crateri e caldere che punteggiano Lanzarote a sud-ovest di PN Timanfaya.
Echadero de los Camellos
Dromedari pronti a trasportare i visitatori sull'Echadero de los Camellos di PN Timanfaya.
Combustione immediata
Bush brucia in pochi secondi, a causa dell'elevata temperatura sotto terra dell'isolotto di Hilário.
L'atterraggio preferito
Una coppia di corvi domina la cima della Montaña Rajada.
El Diablo e il ciclista
Il ciclista si ferma sulla via del ritorno in vista di "El Diablo", il simbolo di PN Timanfaya creato da César Manrique.
Il Diavolo
Il simbolo "El Diablo" della PN Timanfaya, creato dall'artista di Lanzarote, César Manrique.
I meandri tra la lava
Si snoda lungo la strada PN Timanfaya, tra due pareti laviche.
Fatah e i suoi dromedari
Il marocchino Fatah, custode e autista dei dromedari che trasportano i visitatori in PN Timanfaya.
Geyser causato
L'operaio di PN Timanfaya versa un secchio d'acqua in un tubo che si collega al seminterrato e genera immediatamente un geyser.
Lava a fili
Un filo di lava cordonata si staglia sulla distesa ricoperta di lava di PN Timanfaya.
Manto della Vergine
Uno dei tanti hornitos del parco, chiamato dalla gente del posto Manto de la Virgen.
Il grande rettilineo di lava
Una lunga linea retta ondulata attraverso la base lavica collega le case di Yaiza e Uga all'ingresso del Timanfaya PN.
Ristorante Grill El Diablo
Un cuoco del ristorante El Diablo griglia il cibo su un camino naturale sull'Islote el Hilário.
Dromedari della Rotonda de Los Camellos
Statue di dromedari erette in una rotonda vicino a Yaiza, in onore di questi animali che da tempo aiutano gli abitanti di Lanzarote.
vigneti di lava
Le pareti rotonde delimitano le aree delle piantagioni ora all'interno del Timanfaya PN.
il mare di lava
Un letto lasciato dalle colate laviche solca l'aspra pianura craterizzata del Mar di Lava.
Edificio Centro Islote de Hilário
L'edificio progettato da César Manrique e che è appena distinguibile dall'Islote de Hilário.
Il mare della tranquillità
Le onde geologiche del Mar de la Tranquilidad, arancione con la concentrazione di bagacina.
antichi crateri
Crateri crollati del mare di lava.
Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.

Eravamo atterrati per la prima volta a Lanzarote due giorni prima. Non sarebbe l'ultimo.

Mentre ci avviciniamo a Uga, l'inaspettata vista di una colonia di dromedari staccata dalla rotonda prima del villaggio ci sorprende.

Abbiamo camminato lungo tutto il margine meridionale delle case bianche del villaggio. Dopo di che ci vediamo tra Uga e la vicina Yaiza.

Ancora una volta, siamo rimasti alla porta del persone. La giusta direzione ha dettato un drastico cambio di direzione.

Da lì, con le montagne gialle alle spalle, che puntano a nord di Lanzarote, siamo entrati in un vasto dominio di terra aspra e nera.

La retta lungo la quale entriamo ondeggia e ci scuote secondo i capricci della muffa lavica su cui si basa.

Pochi chilometri dopo, l'asprezza del panorama dantesco si impadronì della nostra mente a tal punto che il recente stupore causato dai cammelli di pietra non poteva più inserirvisi.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, rotonda de los Camellos

Statue di dromedari erette in una rotonda vicino a Yaiza, in onore di questi animali che da tempo aiutano gli abitanti di Lanzarote.

La storia secolare dei dromedari, i trattori di Lanzarote

I dromedari arrivarono alle Canarie con le prime incursioni dei conquistatori e coloni dell'arcipelago nel continente africano, nel corso del XV secolo.

Di fronte alla mancanza di altri animali da tiro, i coloni importarono questi camelidi, principalmente dalla costa occidentale della vecchia Berberia, ora marocchina.

Si dice che gli animali fossero spesso rimorchiati piuttosto che portati a bordo. Le navi in ​​cui avrebbero dovuto essere trasportate si sono rivelate troppo instabili per sostenere il peso di decine di esemplari in continuo movimento.

Fossero stati cammelli, dromedari o entrambi, gli esemplari vivi che ogni tanto intravediamo parcheggiati oggi a sinistra della strada svolgono un nuovo ruolo: trasportare i visitatori del Timanfaya PN sulle loro gobbe, in un breve giro tra montagne e crateri di fuoco che dotano gli oltre 50km2 sud-ovest dell'isola.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Echadero de los Camellos

Dromedari pronti a trasportare i visitatori sull'Echadero de los Camellos di PN Timanfaya.

Ci avviciniamo a echadero de los camelos. Dopo aver ottenuto alcune foto, abbiamo chiacchierato con Fatah, che era anche l'autista degli animali, dromedari, tra l'altro. “Senti, ho iniziato venendo qui per lavorare per un po' e ho finito per trasferirmi definitivamente dal Marocco.

Il lavoro qui era garantito. Più tardi, ho potuto portare la famiglia. Ora abbiamo una vita privilegiata". dicci mentre aggiusti le catene cadenti di un dromedario assonnato.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Fatah e i loro dromedari

Il marocchino Fatah, custode e autista dei dromedari che trasportano i visitatori in PN Timanfaya.

Verso il nucleo vulcanico di PN Timanfaya

Quindi, riprendiamo il percorso verso l'ingresso del Timanfaya PN. Per qualche chilometro in più, dune e ripidi pendii collinari ostruiscono la visuale a sinistra della strada.

Dall'altro lato, invece, l'immensità corrosiva della lava rendeva il bagliore rossastro della prima caldera che vedemmo in quella colata vulcanica, la Caldera del Coranzoncillo.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Caldera del Corazoncillo

Uno delle dozzine di crateri e caldere che punteggiano Lanzarote a sud-ovest di PN Timanfaya.

Abbiamo continuato fino a quando non ci siamo trovati faccia a faccia El Diablo, la statua simbolica che César Manrique, l'onnipresente artista di Lanzarote, ha creato l'identità del parco.

In questo viaggio inaugurale a Lanzarote, ci siamo sottoposti al programma seguito dalla stragrande maggioranza dei visitatori di PN Timanfaya.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, El Diablo

Il simbolo “El Diablo” della PN Timanfaya, creato dall'artista di Lanzarote, César Manrique.

Procediamo verso l'Islote de Hilário, già conosciuta come Tinecheide (Montagna dell'Inferno), termine usato dagli indigeni maggiori da Lanzarote, gli stessi autori di timanfaya (montagne di fuoco).

Il Rifugio e la Base Operativa di Islote de Hilário

Ha dettato l'ubicazione di Islote de Hilário che sarebbe servita come centro operativo del parco nazionale, il suo parcheggio, ristorante, negozio di souvenir e punto di partenza per regolari tour in autobus attraverso le dette montagne di fuoco.

Perché, nonostante fossimo stupiti dall'esuberanza geologica di Timanfaya, abbiamo concluso il tour come si sentirebbe qualsiasi fotografo: frustrati.

Anche se la gentilezza e la comprensione dell'autista ci ha permesso di scattare alcune foto extra-programma, ogni volta che ci apriva la porta dell'autobus in posti speciali.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, vigneti sulla lava

Le pareti rotonde delimitano le aree delle piantagioni ora all'interno del Timanfaya PN.

Circa un anno dopo, siamo tornati a Lanzarote e nella PN Timanfaya. Questa volta, preparati.

Siamo stati in grado di pre-autorizzare un viaggio in auto monitorato da un ispettore del parco. Eva Acero, una guida galiziana con sede a Lanzarote, ci guida.

Con Eva al volante, siamo riusciti a fermare l'auto dove volevamo e abbiamo scattato foto con i finestrini aperti, su un percorso più ampio rispetto all'autobus e che prevedeva una sosta al Miradouro da Montaña Rajada (350 m).

Montaña Rajada e il panorama extraterrestre del mare di lava.

Lì, anche allertati dalla nostra apparizione, due corvi si rifiutano di decollare dall'approdo lavico che ci stanno osservando. Arriviamo al muro di pietra che separa la sommità del belvedere dalla sottostante rupe rocciosa e da una delle quasi incredibili estensioni vulcaniche del Timanfaya PN.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, duo di Crows

Una coppia di corvi domina la cima della Montaña Rajada.

Come i corvi erano abituati a contemplare, abbiamo svelato l'aspra pianura del Mare di Lava, sventrata da un solco sinuoso aperto dalla colata lavica alla ricerca dell'Atlantico.

Allineati a questo solco, spiccavano i crateri di Montaña Encantada, Pedro Perico e Halcones. Più a sud, potremmo ancora vedere Maria Hernández.

PN Timanfaya, Montagne di Fuoco, Lanzarote, Veduta della Montagna della Raffica, mare di lava

Un letto lasciato dalle colate laviche solca l'aspra pianura craterizzata del Mar di Lava.

Questa serie di crateri è crollata l'una sull'altra formando un panorama in cui il fondo dell'oceano era bluastro per il dramma. In un modo così extraterrestre che ci ha aiutato a capire perché la NASA ha utilizzato le immagini di Timanfaya durante l'addestramento degli astronauti dell'Apollo 17, la sesta e ultima missione con equipaggio ad aluna, nel dicembre 6.

Ci sottoponiamo all'autorità del parco. Ritorniamo ai piedi della Montaña Rajada e del tratto di Cammino Rurale Ruta de Los Volcanes di solito percorsa in autobus.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, strada del parco

Si snoda lungo la strada PN Timanfaya, tra due pareti laviche.

Su un anello tra le montagne di fuoco di Timanfaya

Ci spostiamo a sud del complesso delle Montañas del Fuego, a un certo punto affacciato sulla strada che ci conduceva all'ingresso del parco e verso la Caldera del Corazoncillo, ora con buona metà del suo interno esposto.

Lentamente, lentamente, apprezziamo le forme gentili e i toni caldi delle scorie e delle vinacce d'arancia di El Valle de la Tranquilidad.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Mar de la Tranquilidad

Le onde geologiche del Mar de la Tranquilidad, arancione con la concentrazione di bagacina.

fermaci cornetti, piccoli forni di cui il Manto nero e qualcosa di spettrale La Vergine. E i misteriosi ingressi a diversi tunnel di lava, trattati a Lanzarote da giacomo.

Abbiamo anche prestato attenzione a un'altra delle centinaia di piante che hanno trovato un modo per svilupparsi nell'ecosistema lavico, che ha contribuito a giustificare la creazione del parco e ha contribuito allo status dell'UNESCO di Lanzarote come Riserva della Biosfera.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, cespugli

Gli arbusti si sviluppano nonostante l'aridità del terreno in PN Timanfaya.

Infine, molto tempo dopo il previsto, verso l'ora di pranzo, l'ispettore del parco fa in modo che torniamo alla base logistica di Islote de Hilário.

Il Rifugio Gastronomico del Ristorante “El Diablo”.

Ci hanno dato Eva Acero e l'ospitalità del ristorante”Il Diavolo”, il cuore gastronomico di PN Timanfaya, anch'esso disegnato da César Manrique e dal suo collaboratore di lunga data Jesús Soto.

Abbiamo notato diversi dettagli dell'architettura e della decorazione del locale, caratteristici della creatività di Manrique, figlio di Lanzarote per il quale il rispetto per l'ambiente e la natura unica dell'isola ha sempre guidato il suo lavoro: l'edificio che integrava il ristorante che, da lontano, appena distinto dalla piattaforma rocciosa su cui poggia.

Lampade per padella. La griglia installata sopra un camino vulcanico che porta in superficie il calore geotermico sprigionato dal magma e permette così di cuocere le specialità della casa.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Ristorante Grill El Diablo

Un cuoco del ristorante El Diablo griglia il cibo su un camino naturale sull'Islote el Hilário.

E, naturalmente, la finestra panoramica a 360º circostante che ha permesso a noi e agli altri ospiti di divorare il paesaggio mentre ci godevamo il pasto.

Abbiamo mangiato specialità delle Canarie. A seguire dolci fedeli al filo vulcanico che ci ha guidato, uno di questi un “vulcano” cioccolato ripieno di Peta Zetas che ti esplode in bocca.

Il calore geotermico appena sotto Islote del Hilario

Di ritorno all'estero, circa un anno dopo, siamo tornati a guardare il mini-spettacolo ripetuto lì fino all'esaurimento dai dipendenti del parco.

Un geyser causato dal versamento di acqua da un'apertura proprio davanti alla finestra del ristorante. E la combustione di un cespuglio posto in una buca murata, a pochi metri dal “geyser”.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, ha provocato geyser

L'operaio di PN Timanfaya versa un secchio d'acqua in un tubo che si collega al seminterrato e genera immediatamente un geyser.

Il fuoco quasi istantaneo stupisce solo gli spettatori fino a quando non vengono informati delle temperature registrate appena al di sotto, 610ºC a soli 13 metri di profondità.

In un'altra misurazione, l'incredibile temperatura di 277ºC a soli 10 cm sotto terra.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, combustione a Islote del Hilario

Bush brucia in pochi secondi, a causa dell'elevata temperatura sotto terra dell'isolotto di Hilário.

Questa fornace sotterranea è impressionante, anche perché sopravvive nei periodi di inattività vulcanica. Ma rispetto al lungo inferno nella genesi degli scenari di Timanfaya PN, non è altro che il nulla termico.

1730 – 36 e il cataclisma vulcanico che ha generato il dominio extraterrestre di PN Timanfaya

Torniamo al settembre 1730. Lanzarote ha avuto tre secoli di colonizzazione europea e una popolazione distribuita in diversi villaggi.

A quel tempo, la resistenza indigena maggiori era stato a lungo represso e la vita autonoma degli indigeni quasi sradicata. La principale preoccupazione dei coloni rimasero gli attacchi dei pirati berberi e dei corsari al servizio della corona britannica, nel caso di Sir Walter Raleigh.

Così fu finché, come raccontò padre Lorenzo Curbelo, «il 1° settembre 1730, tra le nove e le dieci di sera, la terra si aprì a Timanfaya, a due leghe da Yaiza... e dal seno della terra si levò un'enorme montagna. "

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote

Crateri crollati del mare di lava.

Da allora, e per sei anni, le eruzioni si sono verificate in diversi crateri nel sud-ovest dell'isola, in quello che è stato confermato un cataclisma vulcanico unico.

Si stima che circa due miliardi di metri cubi di lava e cenere siano stati rilasciati su quelli che un tempo erano seminativi e insediamenti, parte di torrenti che entrarono nell'Atlantico e fecero sì che Lanzarote si estendesse a sud e sud-ovest.

Non ci sono state vittime umane, ma buona parte del bestiame è morta a causa dei gas tossici. Col tempo, quasi la metà degli abitanti dell'isola fu costretta ad andarsene. Lanzarote è diventata più inospitale di quanto non fosse già.

L'isola si riprese. Non più i villaggi sepolti, almeno il loro numero di abitanti, negli ultimi decenni, grazie all'intensificazione del turismo in funzione del suo paesaggio vulcanico e umanizzato di recente formazione.

PN Timanfaya, Montagne di Fuoco, Lanzarote, Lava Encordoada, strada tra Yaiza e l'ingresso del Parco

Una lunga linea retta ondulata attraverso la base lavica collega le case di Yaiza e Uga all'ingresso del Timanfaya PN.

Alla fine della giornata, uscendo dal parco, sulla via del ritorno verso l'alloggio sulla costa orientale, abbiamo incrociato alcuni dei nuovi residenti.

Dopo aver superato l'ingresso di Yaiza, prima di raggiungere la rotonda di los Camellos,

Fatah stava guidando una lunga carovana di suoi dromedari, diretti alla fattoria dove trascorrevano le notti anneriti dal suolo lavico di Lanzarote.

Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura

I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
La Graciosa, isole Canarie

La più graziosa delle Isole Canarie

Fino al 2018, la più piccola delle Canarie abitate non contava nell'arcipelago. Sbarcati a La Graciosa, scopriamo il fascino insulare dell'ormai ottava isola.
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
PN Bromine Tengger Semeru, Indonesia

Il mare vulcanico di Giava

La gigantesca caldera di Tengger sorge a 2000 m nel cuore di una distesa sabbiosa di Giava orientale. Da esso si proiettano la montagna più alta di quest'isola indonesiana, Semeru, e molti altri vulcani. Dalla fertilità e dalla misericordia di questo scenario sublime come dantesco prospera una delle poche comunità indù che hanno resistito al predominio musulmano intorno.

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
La Palma, Isole Canarie

L'Isla Bonita delle Canarie

Nel 1986, Madonna Louise Ciccone pubblicò un successo che rese popolare l'attrazione esercitata da a isola immaginario. Ambergris Caye, Belize, ha raccolto benefici. Da questa parte dell'Atlantico, il Palmeros ecco come vedono la loro vera e abbagliante Canaria.
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Tenerife, Isole Canarie

A est dell'isola di White Mountain

La quasi triangolare Tenerife ha il suo centro dominato dal maestoso vulcano Teide. Alla sua estremità orientale, c'è un altro aspro dominio, tuttavia, sede della capitale dell'isola e di altre città inevitabili, foreste misteriose e incredibili coste scoscese.
Santa Cruz La Palma, Isole Canarie

Un viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma

Iniziò come una semplice Villa del Apurón. Secolo è arrivato. Nel XVI secolo, la città non solo aveva superato le sue difficoltà, ma era già la terza città portuale più grande d'Europa. Erede di questa benedetta prosperità, Santa Cruz de La Palma è diventata una delle capitali più eleganti delle Isole Canarie.
Fuerteventura, Isole Canarie

Fuerteventura - Isole Canarie e Time Raft

Una breve traversata in traghetto e sbarchiamo a Corralejo, nell'angolo nord-est di Fuerteventura. Con Marocco e Africa a soli 100 km di distanza, ci perdiamo nella meraviglia di scenari desertici, vulcanici e postcoloniali unici.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Gelato, Moriones Festival, Marinduque, Filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Saint George, Grenada, Antille, case
Città
Saint George, Granada

Una detonazione della storia dei Caraibi

La peculiare Saint George si estende lungo il pendio di un vulcano inattivo e attorno a un'insenatura a forma di U. Le sue case abbondanti e ondulate testimoniano la ricchezza generata nel corso dei secoli sull'isola di Grenada, di cui è la capitale.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Cultura
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Il viaggio intorno al mondo, simbolo di saggezza illustrato su una finestra dell'aeroporto di Inari, nella Lapponia finlandese
In viaggio
Il giro del mondo - Parte 1

Viaggiare porta saggezza. Scopri come fare il giro del mondo.

La Terra ruota su se stessa ogni giorno. In questa serie di articoli troverai chiarimenti e consigli essenziali per chiunque voglia aggirarlo almeno una volta nella vita.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Etnico
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Teatro di Manaus
Storia
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Lezione di surf, Waikiki, Oahu, Hawaii
Isole
Waikiki, OahuHavai

L'invasione giapponese delle Hawaii

Decenni dopo l'attacco Pearl Harbor e alla capitolazione nella seconda guerra mondiale, i giapponesi tornarono alle Hawaii armati di milioni di dollari. Waikiki, il suo bersaglio preferito, insiste per arrendersi.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Fine della giornata presso il lago della diga del fiume Teesta a Gajoldoba, in India
Natura
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Svasso contro il tramonto, Rio Miranda, Pantanal, Brasile
Parchi Naturali
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Pemba, Mozambico, Capitale di Cabo Delgado, da Porto Amélia a Porto de Abrigo, Paquitequete
Religione
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
municipio, capitale, oslo, norvegia
Società
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Parco Nazionale Bwabwata, Namibia, giraffe
Animali selvatici
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.