Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema


Antenna spirituale
camminatore solitario
L'alpinista scala il pendio che collega Thorong Pedi a Thorong High Camp.
Bandiere buddista-tibetane
Una fila di stendardi a forma di polmone benedice la rampa che conduce all'Accampamento di Thorong.
Dall'Hotel al Belvedere
L'ospite di High Camp si dirige verso un'estremità panoramica a poche centinaia di metri sopra l'hotel.
Il caricatore
Don in un momento di recupero, durante l'ardua ascesa al Campo Alto.
Salvataggio cavalli
I cavalli camminano verso l'High Camp dalle terre più alte di Thorong La Gorge.
Per la cresta
Gli escursionisti camminano lungo un crinale che porta a un punto alto vicino a High Camp.
Soccorso in elicottero
Elicottero in procinto di atterrare vicino al Campo Alto per aiutare un escursionista affetto da malattia della montagna.
cime innevate
Le creste innevate dell'Annapurna all'ingresso di Thorong La Gorge.
montagne marroni
Il bianco della neve contrasta con il quasi ocra dei monti dell'Annapurna.
Hotel con vista sul campo alto
Un poster caduto segna il rifugio provvidenziale del Thorong High Camp.
Sali a 2
Il duo di escursionisti sta quasi raggiungendo la vetta centrale di High Camp.
High Camp
La prima vista degli edifici del Campo Alto.
il buon modo
Valle nel V Nevada
La bufera di neve serale ha cosparso di bianco i pendii e le cime dell'Annapurna.
Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.

Infastiditi da una certa ansia e dal rumore generato dai vaganti nelle stanze vicine al New Phedi, alla partenza, ci siamo svegliati prima delle tre del mattino.

L'hotel era tutto innevato e ghiacciato. Grandi stalattiti pendevano dalla grondaia, anche all'interno del bagno in comune. Nel tempo che era trascorso, il calderone con l'acqua ivi collocato aveva generato un grosso blocco di ghiaccio, con il danno per l'igiene che tale solidificazione comportava.

Dalla conversazione di due gruppi di studenti americani, guidati da professori, il loro programma per il circuito non era molto flessibile. Ci siamo resi conto che, a causa di qualche incidente precedente, erano stati costretti ad attraversare la Thorong La Gorge proprio quell'alba.

Quando abbiamo lasciato la stanza ed abbiamo esaminato la situazione meteorologica, piuttosto che dispiaciuto, l'imminente e precipitosa ascesa degli americani ci ha preoccupato.

Le montagne rimasero sotto un velo grigio di nubi basse e nebbia. Abbiamo bussato alla stanza di Sara e Manel. Si stavano preparando a partire.

Abbiamo esposto loro dubbi e preoccupazioni quando inizia a nevicare forte.

Più forte di quanto abbiamo visto da quando abbiamo lasciato Pokhara.

Abbiamo detto loro quello che sapevamo sulla storia degli attraversamenti di Thorong La e quello che avevamo programmato per evitare paure, ovvero evitare la salita al canyon nel bel mezzo di una tempesta di neve, anche se molti altri escursionisti l'hanno fatto.

La tragedia del 2014, di cui parleremo nella prossima sezione del circuito, è stata più che un motivo per essere accorti e per raddoppiare le nostre cure.

Dopo aver visto l'intensificarsi delle nevicate, senza vedere una sola stella nel cielo, Sara e Manel annuirono.

Noi quattro decidemmo di tornare a dormire e vedere com'era il tempo dopo l'alba.

Mattinata di sole, è ora di lasciare Thorong Phedi

Ci siamo svegliati di nuovo verso le sette del mattino. Con la partenza anticipata dei due gruppi americani, l'hotel New Phedi sembrava deserto.

La neve era già cessata. Il cielo era aperto agli occhi. In modo tale che il sole entrasse, radioso e, a poco a poco, si liberasse della persistente nuvolosità.

Era uno scenario che consideravamo favorevole. Un soleggiato post-tempesta con, secondo tutte le indicazioni, ore di cielo sereno davanti.

Svegliamo Manel e Sara. Siamo tornati a fare le valigie.

Don, il nostro portiere, era pronto per le nostre istruzioni. Anche prima delle otto del mattino, lasciammo tutti l'Hotel New Phedi.

Quando raggiungiamo l'inizio del sentiero e del pendio, abbiamo una visione più ampia e reale di quanto la tormenta notturna abbia cambiato lo scenario.

La valle del fiume Jharsong Kola e le imponenti creste che sporgevano dalla stretta V a ovest erano ora bianche, con lievi striature di terra dove la neve era scivolata su superfici troppo ripide.

I buoni presagi tibetani delle bandiere lunga ok

Un lungo stendibiancheria multicolore di bandiere buddiste-tibetane lungo ta, steso orizzontalmente, spiccava nell'immensità bianca.

I tibetani li conoscono come Cavallo del vento. Sono simboli sciamanici dell'anima umana, rappresentativi anche del cavallo, uno degli animali che rappresentano i quattro poli cardinali.

Sono anche icone di auguri di buona fortuna.

Proprio lì, fuori Phedi, questo Cavallo del vento il tremore ha benedetto i viaggi degli escursionisti in entrambe le direzioni, anche se quello di Thorong La, il nostro, si è rivelato molto più impegnativo del contrario.

Lentamente, lentamente, abbiamo risalito il pendio bianco, reso bianco dal rapido scioglimento della neve.

All'inizio eravamo solo noi cinque a salire. A poco a poco, gli escursionisti in partenza da Phedi o già in arrivo scali precedenti – Yak Kharka, Ledar e altri – e che aveva scelto di non fermarsi a Fedi, apparve in fondo al burrone.

Il prezioso sostegno di Don il Portiere

Questo è stato, senza dubbio, il tratto più arduo dal sentiero a zigzag dal fiume Marsyangdi alla cima del Ghyaru.

Questa volta, grazie ai servizi di Don, siamo stati meno gravati.

La possibilità di avere un caricatore tra Manang e Muktinah, già dall'altra parte della gola, l'avevamo presa proprio perché, a causa dell'attrezzatura fotografica, camminavamo con quasi il doppio del peso previsto che portavano gli altri escursionisti.

Volevamo prevenire un infortunio improvviso alla parte bassa della schiena, o simili, per non parlare del mal di montagna, ci ha lasciato incapaci di procedere.

Anche così, per Don, era solo un nostro eccesso. Meno di quello che i portatori nepalesi sono abituati a sopportare.

Abbiamo trasportato 9 o 10 kg ciascuno, al di sopra della soglia del consigliato.

In queste modalità più portatili, in una semplice ora di salita-stop, recupero-ripresa, raggiungiamo la cima di High Camp, dove ci riprendiamo, contemplando dall'alto il nuovo scenario e l'immensità che ci siamo lasciati alle spalle.

Nuovo Recesso Causato da mal di montagna

Proviamo quella meraviglia quando, in lontananza, vediamo quello che sembrava un elicottero in avvicinamento. In pochi minuti raggiunse la sommità del pendio del Campo Alto ed atterrò su una cengia pianeggiante adibita a eliporto.

Due vaganti sono apparsi da un hotel. Una di loro era una giovane donna, abbiamo appreso che era israeliana e, con nostro stupore, andava in giro in jeans e con difficoltà.

L'altra, ben curata, in pantaloni da neve e un voluminoso piumino, l'ha consegnata ai soccorsi. La rinunciataria sarebbe stata in uno stato accettabile, altrimenti non avrebbe chiesto la sua foto d'addio.

Una volta completata la memoria, l'elicottero è decollato. Come lo avevamo seguito addossato alle montagne e al cielo, così lo abbiamo visto scomparire sopra il letto di Jharsong Kola.

Ci rivolgiamo alla nostra stessa realtà.

Con le strutture dell'High Camp proprio accanto, ci è stato chiesto ancora una volta se volevamo andare avanti o passare la notte lì.

La sosta non pianificata a High Camp

Ricordiamo ciò che ci era stato detto al Phedi Base Camp, che le strutture dell'High Camp, le stanze in particolare, erano pessime per il freddo.

Come se non bastasse, l'ingresso del canyon era a poche centinaia di passi. Abbiamo deciso di continuare.

Abbiamo camminato lungo il sentiero innevato per quasi quaranta minuti.

Finché, in una zona in cui era inclinato su un forte pendio, abbiamo sentito il vento intensificarsi fino a raffiche e portare dense nubi dall'altra parte della catena montuosa, sul massiccio del Damodar Himal.

Con visibilità compromessa e difficoltà crescenti nel mantenerci in equilibrio ed evitare di cadere dal pendio, abbiamo interrotto il piano.

Facciamo retromarcia. Ci rifugiamo nel comfort di High Camp. Coincidenza o meno, diversi escursionisti erano già lì.

Ne apparirebbero molti di più.

Verso le dieci del mattino, siamo rimasti con le ultime due camere doppie disponibili. Abbiamo lasciato i nostri zaini, ci siamo ritrovati nella stanza riscaldata, a quest'ora, lontani dalle immancabili salamandre.

Avevamo seriamente speso energie per l'ascensione di Thorong Phedi. Ci sentiamo affamati molto prima del normale.

Abbiamo pranzato intorno alle 11:XNUMX. Consapevoli di dover abituare il nostro corpo allo sforzo in quota, siamo usciti di nuovo.

Alla scoperta dello scenario sopraelevato di High Camp

Abbiamo conquistato un promontorio con una vista monumentale sulla valle di Jharsong Kola e le cime innevate circostanti.

La sua estremità era coronata da un cumulo di sassi, sostegno di un'antenna a graticcio, struttura disordinata, tuttavia, intitolata a una benedizione religiosa.

Né l'antenna né il lungo ta che lo ha decorato è arrivato per benedire gli ospiti con un segnale telefonico, per non parlare di internet.

Altri escursionisti hanno seguito le nostre orme e sono apparsi dalle profondità di High Camp. Lo spazio ristretto attorno all'antenna non è più sufficiente.

Ci ha costretto a cambiare posizioni acrobatiche che, se calcolate male, potrebbero sfociare in un tuffo nel baratro. Rassegnati, siamo tornati giù a High Camp.

Una notte trascorsa alle porte di Thorong La Gorge

L'abbiamo trovato vicino alla pigna. Abbiamo ottenuto un tavolo, ancora una volta, lontano dalle salamandre.

Nonostante il freddo e il disagio, abbiamo dormito, quasi fino all'ora di cena e alle 20 quando la sala da pranzo ha chiuso, il che ci ha rimandato nelle stanze fredde e spartane.

In quella notte di rinnovata ansia, il piano era svegliarsi alle 4:30 e fare una colazione leggera alle 5 del mattino. E partiamo alle 5:30, verso l'alba.

Eravamo cullati dal desiderio che il giorno si svegliasse misericordiosamente.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Ombra vs Luce
Architettura & Design
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Cerimonie e Feste
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Città
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
tatuaggio sulla terra
Cultura
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Una storia di trenino
In viaggio
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
casco capillare
Etnico
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Storia
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Isole
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Penisola di Banks, Akaroa, Canterbury, Nuova Zelanda
Natura
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Parchi Naturali
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Spiagge
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Capo Espichel, Santuario di Senhora do Cabo, Sesimbra,
Religione
Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto

Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Società
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Scimmia urlatrice, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.