Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre


Espressioni di facciata
Facciata decorata con volti, all'ingresso del porto turistico di Angra do Heroismo.
Minifondo senza fine
L'imponente tenuta di Terceira vista da un belvedere nella Serra do Cume
Casario de Angra do Heroismo
Case di Angra do Heroismo, viste da un pendio del Monte Brasil.
Insolita corrida
Pseudo toreri provocano un toro durante la corrida con la corda a Biscoitos, sulla costa settentrionale di Terceira.
Assistenza Corda Corda
Una piccola folla assiste alla corrida con la corda a Biscoitos.
recinto all'aperto
Una mucca nel suo recinto di pietra, ai piedi del verde della Serra do Cume.
Tu Manel da Quinta
La pittoresca sala da pranzo di "Venda do Ti Manel da Quinta"
La Banda II
Banda anima una delle cerimonie religiose del Divino do Espírito Santo, davanti all'Imperio da Caridade de Praia da Vitória.
carattere moderno
Sfondo di una fontana architettonica tra l'Igreja da Misericórdia e il porto turistico di Angra de Heroísmo.
Di.
I passanti fanno due delle passeggiate che costeggiano il porto turistico di Angra do Heroísmo.
piccola azienda con bestiame
Una delle macchie ad angolo che si possono vedere dalla cima della Serra do Cume fino all'orizzonte.
Beata Angra do Heroismo
Casario de Angra do Heroísmo con due delle sue chiese più grandi evidenziate.
Negozio Quinta do Martelo
Emanuel Almeida, impiegato Quinta do Martelo al bancone del vecchio negozio al piano terra del ristorante "A Venda do Ti Manel da Quinta"
Corrida di biscotti
Taurus affronta una folla di partecipanti alla corrida con la corda di Biscuits.
La banda
I musicisti della banda animano la cerimonia del Divino do Espírito Santo.
Case nell'ultimo sole
Case sulla costa nord dell'isola di Terceira.
Vista sulla Serra do Cume
L'imponente podere di Terceira, visto dalla cima della Serra do Cume.
il porticciolo
Angra de Heroísmo marina, con la cattedrale blu della Misericordia sullo sfondo.
sotto il pino
Esplanade di Angra do Heroísmo impreziosito dal marciapiede artistico della città.
linee di torrente
Strada ripida ad Angra do Heroísmo.
Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.

La pittoresca Quinta dos Figos è a soli quindici minuti dalla famosa Lajes, luogo dell'aeroporto sull'isola di Terceira dove eravamo appena atterrati e famosa base nordamericana.

Anche così, ci siamo sistemati nella stanza in modalità play-and-run. Partiamo in fretta per dare un'occhiata alle strade di Praia da Vitória e ci troviamo faccia a faccia con uno dei tanti imperi colorati che benedicono e adornano l'isola di Terceira.

L'esuberante cubo si staglia sulle case bianche con predominanza di mattonelle color mattone.

Come una sorta di diva architettonica, le sue facciate sono piene di arabeschi cristiani, archi, ogive, colonne, gradini, un timpano tondeggiante che la identifica. Una vera festa dei colori invade la scenografia: blu, giallo, verde, rosso e bianco.

Un'espressione delle Azzorre del divino

Di per sé, la struttura lascerebbe sbalordito qualsiasi ammiratore, ma, come se non bastasse, quell'Impero della Carità organizzava seri festeggiamenti.

La band, Terceira Island, Azzorre Ímpares

Banda anima una delle cerimonie religiose del Divino do Espírito Santo, davanti all'Imperio da Caridade de Praia da Vitória.

Accanto, una banda filarmonica locale suona pomposi temi di fanfara. Un vigile del fuoco lancia i suoi proiettili uno dopo l'altro più vicini a Dio.

Con le successive esplosioni aritmiche, assorda noi e i credenti della terra, tutti vestiti con i loro migliori abiti della domenica.

Alcuni entrano ed escono dall'Impero con vassoi di cibo benedetto, altri, impugna lance e stendardi del Divino.

Interpretiamo turisti innocenti e ascoltiamo il cuore della cerimonia. All'interno, su un altare bianco innalzato su terrazze e decorato con ghirlande abbinate, riposano numerose corone merlettate e luccicanti.

Per un breve periodo. Con la fascia già fuori dalla piattaforma di cemento e camminando lungo la strada davanti a sé, diversi partecipanti al rito salgono sulle scale, indossando le stesse corone di prima sui vassoi. Altri portano lance. Li abbiamo inseguiti determinati a catturare il momento. La band ci segue tutti.

avevamo già seguito un'altra festa del Divino Spirito Santo. La prima e, finora, unica volta, in Pirenópolis, nell'interno brasiliano di Goiás. Lì, Manuel Amâncio da Luz, un prete portoghese molto motivato, ha trasformato la convinzione in un'incredibile espressione culturale che la fede e l'entusiasmo della gente conservano ancora oggi.

A Praia da Vitória, abbiamo visto come stava succedendo tutto nella principale roccaforte portoghese del Divino Espírito Santo. Fino a quando l'Imperatore ei suoi "sudditi" sono scomparsi al suono del charanga e ci hanno lasciato al nostro destino. Un fotografo della stampa locale ci vede indecisi e si avvicina a noi.

Dopo qualche minuto di conversazione tecnica, il collega mette in evidenza la nostra fortuna. «È solo che non ci vedi bene. Non solo hai catturato il Divino qui oggi, ma tra poco sarai in grado di assistere alla corrida con la corda. Più Isola Terceira di così è difficile.

Anche se rappresentavano un viaggio dal sacro al profano, erano coordinate che non volevamo ignorare. Da Praia da Vitória, proseguiamo lungo la costa settentrionale dell'isola, fermandoci qua e là per dare un'occhiata alle pozze marine e ad altre caratteristiche della costa frastagliata.

Biscotti: Inizio dei tori in stile Terceira Island

A metà pomeriggio, intorno a Biscoitos, troviamo la folla insediata. Centinaia di auto sono parcheggiate in un dominio di lava ricoperta di vegetazione che separa la strada e il lungomare. Abbiamo trovato un angolo ancora lontano per la nostra macchina da dove siamo scesi verso il paese.

Pubblico a Biscoitos, Azzorre Ímpares

Una piccola folla assiste alla corrida con la corda a Biscoitos.

A metà, abbiamo trovato i primi festaioli, che facevano picnic o al banco di roulotte e furgoni simili, alimentati da generatori e che servivano clienti entusiasti un po' di tutto, dalle specialità delle Azzorre ai più ovvi pregos, bistecche, farturas e churros .

Più si scendeva lungo la strada, più i suoi bordi erano pieni di persone e i luoghi con le viste migliori erano contesi. Siamo riusciti a infilarci in uno spazio appena abbandonato e, finalmente, a goderci il fulcro di tutte le attenzioni.

Intorno a una piccola insenatura circondata da rocce laviche, in un prato sopra e nella strada che lo separava dalle case, un toro esitava tra contemplare la follia che lo circondava o caricare gli pseudo-tori che lo incitavano tra la folla.

Biscotti, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares

Taurus affronta una folla di partecipanti alla corrida con la corda di Biscuits.

A poco a poco, siamo stati in grado di stimare le aree al sicuro da possibili scontri, che accadono in abbondanza, come i feriti e, di tanto in tanto, anche i morti, sebbene nella corrida a fune il toro abbia i suoi movimenti limitati dall'azione del “ pastori”.” che ti danno più o meno margine di manovra a seconda dell'imminenza di certi danni.

Un razzo annuncia la rimozione del toro e una nuova rottura delle ostilità. Ci siamo spostati da una zona ancora alta sul pendio alla sommità di un terrazzo con vista panoramica e privilegiata sulla strada dove si svolge la maggior parte della corrida.

La terrazza è condivisa dalle famiglie, con una predominanza di donne e bambini.

Biscotti, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares

Pseudo toreri provocano un toro durante la corrida con la corda a Biscoitos, sulla costa settentrionale di Terceira.

Alcune famiglie sono emigranti nel EUA e in Canada. Anche con gli occhi puntati sulle nostre telecamere, ci piace ascoltare come le meraviglie delle loro vite dall'altra parte dell'Atlantico si insinuano negli altri che sono rimasti indietro. "Oh!! Ma la nostra casa non ha niente a che fare con quelle qui.

È molto più grande. dovevo andarci! Guadagni di più, così possiamo costruire senza preoccupazioni". Quella stessa canadese delle Azzorre che non era così orgogliosa del ritorno che le è costata la sua vita, non ha tardato a interrogarci: “Siete ritrattisti?

Volevo davvero fare delle foto qui, con la mia famiglia. Se vuoi trascorrere qualche giorno a Cambridge, in Ontario, puoi anche fare dei bei ritratti. È tutto molto bello lì”. I razzi ei tori si susseguirono in quello strano pomeriggio di corrida. Finché il pomeriggio e la baldoria non ebbero fine.

L'incredibile piccola tenuta murata dell'isola di Terceira

Poco dopo l'alba, siamo saliti al belvedere di Facho e abbiamo ammirato le case di Praia da Vitória, la città natale di Vitorino Nemésio.

Da lì, abbiamo preso la vecchia strada asfaltata che porta in cima ai 545 metri della Serra do Cume, una cresta verde che sale ad est dell'isola, per quanto ventosa possa essere e rivelando uno scenario ineguagliabile.

Vista della Serra do Cume, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares

L'imponente tenuta di Terceira vista da un belvedere nella Serra do Cume

In basso, la vastità a sud e a ovest si rivela in un incredibile motivo geometrico giallo-verde di fertilità e lavoro. Innumerevoli poderi delimitati da mura di basalto si estendono a perdita d'occhio, punteggiati da piccoli capannoni agricoli, recinti e mucche allo stato brado.

Fatta eccezione per i venti forti, la giornata è rimasta all'altezza degli occhi, con un cielo quasi sereno e soleggiato in abbinamento. Consapevoli dell'imprevedibilità della meteorologia delle Azzorre e dell'abbondanza ed esuberanza storica e architettonica di Angra do Heroismo, abbiamo deciso di puntare quanto prima alle sue fermate.

Vista della Serra do Cume, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares

Una delle macchie ad angolo che si possono vedere dalla cima della Serra do Cume fino all'orizzonte.

Angra do Heroísmo: la prima città delle Azzorre

Angra fu il primo dei paesi delle Azzorre ad essere promosso a città, nel 1534. Poco dopo, papa Paolo III lo scelse come sede della diocesi di Angra, con autorità sull'intero arcipelago.

Il suo porto aveva già allora un ruolo determinante nei traffici con l'Oriente, motivo per cui si intensificò il transito e l'ancoraggio di caravelle e galee, contribuendo alla prosperità della città, con particolare attenzione alla fastosa costruzione di chiese, conventi e fortificazioni .militare che lo ha reso unico.

Li ammiriamo e l'imponente panorama delle case Angrense dalla base dell'obelisco giallo che sporge dall'Alto da Memória, dedicato a Pedro IV, il re trionfante delle guerre liberali portoghesi.

Case di Angra do Heroísmo, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares

case di Angra do Eroismo, vista da un versante del Monte Brasil.

Come avevamo temuto, nuvole scure si stavano avvicinando da nord, quindi abbiamo accelerato la nostra strada verso la città, lungo la Ladeira de São Francisco fino a raggiungere la rispettosa Praça Velha, il centro secolare e l'anima della città.

Nel corso del tempo, Angra ha avuto la capacità di accogliere gli afflitti, i rifugiati o gli esiliati da convulsioni e simili in atto nel continente.

Dopo essere stato sconfitto dall'esercito spagnolo asburgico nella battaglia di Alcântara, António Prior do Crato decise di prolungare il suo autoproclamato regno opponendosi a quello di Filipe I di Spagna, di Terceira.

Angra do Heroísmo, Isola di Terceira, Isole Azzorre

Strada ripida ad Angra do Heroísmo.

La storia e le storie di Angra do Heroísmo

Non solo lo fece dal 1580 al 1583, ma radunò intorno a sé una forte resistenza popolare e di altri avventurieri europei avversi alla sempre più soffocante espansione ispanica. Gli spagnoli furono costretti a combatterla e così la Guerra di Successione si estese alle Azzorre.

Nel 1667, al termine della Guerra di Restaurazione, Alfonso VI fu esiliato ad Angra do Heroísmo da Pedro II, suo fratello minore, che lo dichiarò inabile al governo. Nel 1809, Almeida Garrett e la sua famiglia si rifugiarono ad Angra dalla seconda invasione francese.

Garrett tornò nel continente solo nel 1818. Durante le guerre liberali, Pedro, imperatore di Brasile e la figlia in favore della quale abdicò al trono portoghese stabilì il quartier generale delle forze liberali a Terceira e represse un attacco del figlio più giovane di Pedro, Miguel, e delle sue forze migueliste nella battaglia di Praia da Vitória.

Fu, infatti, la resistenza dei liberali e questo trionfo a ispirare il soprannome di "do Heroísmo" ad Angra.

Dopo averlo catturato da Mouzinho de Albuquerque, Gungunhanha, il “leone di gaza”, morì ad Angra undici anni dopo essere stato esiliato lì.

Questi sono solo alcuni esempi, molti altri restano da enumerare.

Angra do Heroísmo, Isola di Terceira, Isole Azzorre

Il porto turistico di Angra de Heroísmo, capitale dell'isola di Terceira con la cattedrale blu della Misericórdia sullo sfondo.

L'importanza politica, religiosa e militare entra nei nostri occhi quando ammiriamo la Chiesa di Nossa Senhora do Carmo.

Ancor di più, l'azulona da Misericórdia e, sul lato opposto della baia, le imponenti mura del Forte de Monte Brasil, costruite durante il regno di Filippo I di Spagna, da allora teatro di successivi eventi cruciali della storia portoghese. Oggi, quartier generale del reggimento di guarnigione n. 1.

Camminiamo lungo il muro che tiene al sicuro il porto turistico dalla furia dell'Atlantico e torniamo alla benedizione della chiesa.

Quindi, abbiamo dato un'occhiata a Prainha, dove alcuni camoni divertiti nell'acqua calma mentre un ginnasta cinquantenne è determinato a mantenere la sua forma impressionante.

Missioni elettorali e la pittoresca Quinta do Martelo

Ma non ci vuole molto prima che incontriamo nuovi combattimenti. Vivevamo in tempo di elezioni.

Stavamo provando alcuni gnocchi tipici dell'isola quando João Pinho de Almeida e altri dignitari CDS bambole invadono la pasticceria Athanásio e costringono noi e altri clienti con volantini e penne per feste quasi vuoti.

Tuttavia, lasciamo Angra a dare un'occhiata al Quinta da Martelo, un'antica proprietà ricca di fabbricati rurali e strumenti di lavoro che ne illustrano inequivocabilmente l'antichità ei diversi cicli produttivi che ha attraversato: arancia, vino e nespolo.

Abbiamo bussato alla porta del ristorante"La vendita di Ti Manel da Quinta” per qualche tempo invano. Alla fine appare Emanuele. L'esile e affabile contadino svela l'antica drogheria al piano terra. Ci ha sistemato nella stanza del superiore, che ora funge da ristorante.

Quote Quinta do Martelo, Isola di Terceira, Azzorre

La pittoresca sala da pranzo di “Venda do Ti Manel da Quinta”

A tavola, ma con un occhio di riguardo ai dettagli, possiamo vedere come il mentore Gilberto Vieira conservasse e recuperasse tutto, dalle maniglie delle porte alle stoviglie, secondo i tempi in cui operava l'azienda agricola.

L'atmosfera del luogo, la più pittoresca che abbiamo visto in molti viaggi, e il pasto tradizionale servito dal non meno genuino Emanuel ci lasciano a bocca aperta di Quinta do Martelo.

Quote Quinta do Martelo, Isola di Terceira, Azzorre

Emanuel Almeida, dipendente Quinta do Martelo al bancone del vecchio negozio al piano terra del ristorante “A Venda do Ti Manel da Quinta”

Un po' di più con la peculiare isola di Terceira.

Compagnie aeree delle Azzorre

www.azoresairlines.pt

SATA

sab

visitAzzorre

www.visitazores.com

Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Perth Lonely City Australia, CBD
Città
Perth, Australia

la città solitaria

A più di 2000 km da un luogo simile degno di questo nome, Perth è considerata la città più remota sulla faccia della Terra. Nonostante sia isolata tra l'Oceano Indiano e il vasto Outback, poche persone si lamentano.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Chiesa Ortodossa Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia
Cultura
Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe

Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Etnico
Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu

Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Storia
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Bonaire, isola, Antille olandesi, ABC, Caraibi, Rincon
Isole
Rincon, Bonaire

Il Pioneer Nook delle Antille olandesi

Poco dopo l'arrivo di Colombo nelle Americhe, i castigliani scoprirono un'isola caraibica che chiamarono Brasile. Temendo la minaccia dei pirati, nascosero il primo insediamento in una valle. Dopo un secolo, gli olandesi presero possesso di quell'isola e la ribattezzarono Bonaire. Non hanno cancellato il nome senza pretese della colonia precursore: Rincon.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Preikestolen, Pulpit Rock, trono rischioso
Natura
Preikestolen - Pulpito Rock, Norvegia

Pellegrinaggio al pulpito di roccia in Norvegia

Non mancano scenari grandiosi negli infiniti fiordi della Norvegia. Al centro del fiordo di Lyse, la cima distaccata, liscia e quasi squadrata di una scogliera di oltre 600 metri forma un inaspettato pulpito roccioso. Salire sulle sue vette, sbirciare i precipizi e godersi i panorami circostanti è molto rivelatore.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
Parchi Naturali
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde, Baia di Tarrafal
Spiagge
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Pemba, Mozambico, Capitale di Cabo Delgado, da Porto Amélia a Porto de Abrigo, Paquitequete
Religione
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Società
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Animali selvatici
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.