Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi


fiordo a S
Una gola frastagliata di Milford Sound, a poche miglia dal Mar di Tasman.
Nicchie rupestri
Leoni marini all'estremità del mare di Milford Sound.
io schizzo
La cascata scorre abbondantemente sopra la voragine nel Parco nazionale di Fiordland.
Tribuna d'Onore
I passeggeri di un traghetto ammirano lo scenario di Milford Sound.
Ponte sul Chasma
Gli escursionisti attraversano un ponte sopra The Chasm, nel cuore del Parco Nazionale di Fiordland.
Traghetto kiwi
La bandiera nautica della Nuova Zelanda sventola a poppa di un traghetto che attraversa Milford Sound.
Tunnel visivo
Tratto di strada che collega Te Anau all'ingresso di Milford Sound.
Feti della Nuova Zelanda
Un feto lussureggiante vicino alla voragine nel Parco Nazionale di Fiordland.
Via della Montagna
Il picco della neve si staglia sopra Te Anau - Milford Sound Highway.
Cascate di Stirling
I passeggeri di un traghetto ammirano le Stirling Falls.
Le cime dei fiordi
Panorama dalla cima dei Sounds visto durante un volo panoramico.
Una certa audacia
Il traghetto si avvicina il più possibile alle Stirling Falls, una delle numerose cascate di Milford Sound.
binari di muschio
Foresta di muschio ai margini di Te Anau - Milford Sound Highway.
fiume impetuoso
Creek attraversa una valle del Parco Nazionale di Fiordland.
Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.

Qualunque sia l'itinerario, la scoperta dei suoni della Nuova Zelanda deve iniziare a Te Anau, dove gli escursionisti fanno scorta di rifornimenti e attrezzature di ultima istanza, così spesso necessarie perché non sono preparati al capriccioso clima locale. 

Le autorità kiwi la gente del posto la chiamava Te Anau Milford Highway.

Mentre viaggiavamo attraverso l'Isola del Sud, ci siamo abituati al minimalismo ecologico di questi percorsi di base. E basta una mezz'ora di macchina per confermare come la sua umiltà contrastasse con l'imponenza del paesaggio circostante.

Si parte a tornanti, sali e scendi tra le colline lasciate dal ghiacciaio morenico che ha scavato il lago Te Anau, profondo quasi 500 metri.

A prua ci addentriamo in una fitta e scura foresta di faggi che si alternano a pianure alluvionali e dolci prati ingialliti dal freddo pungente e che vediamo concretizzarsi nei toni del bianco sulle cime dei monti che chiudono la Eglinton Valley e sulle alte cime della Piramide, Picco e Picco Ngatimamoe.

Più spesso del previsto abbiamo parcheggiato l'auto e fatto escursioni promettenti, come quella dei Mirror Lakes dove, su una passerella, abbiamo ammirato i riflessi più che perfetti delle montagne circostanti.

Intorno al Km77 troviamo la zona conosciuta dagli indigeni come O Tapara, Cascade Creek per i coloni.

È qui che i distaccamenti Maori si incontrarono e si riposarono sulla strada per Anita Bay, dove cercarono la pietra che chiamarono pounamu (nefrite) e che, pur essendo oggi considerati semipreziosi, consideravano i più preziosi e sacri.

La divisione litica di Divide

Dopo sette chilometri e molte cascate alimentate dallo scioglimento della neve, abbiamo raggiunto la parete rocciosa del Divide, il passaggio più basso da est a ovest delle Alpi meridionali. The Divide segna una separazione geologica ma anche climatica.

Strada tra Te Anau e Milford Sound, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

Tratto di strada che collega Te Anau all'ingresso di Milford Sound.

Inaspettatamente, inizia a cadere una fitta bufera di neve, al rallentatore, che salva la nostra visibilità e ci costringe a guidare goffamente.

Se ci sono posti sulla Terra dove piove e – nei mesi più freddi – nevica molto, Fiordland è uno di questi. Alcune aree hanno una piovosità media annua di quasi 7 metri, distribuita su circa 180 giorni.

In alcuni di quei giorni possono cadere 250 mm di pioggia o neve o addirittura neve e pioggia, una combinazione dinamica che, sospinta dal forte vento, disorienta e mette in difficoltà anche gli escursionisti più esperti, in balia delle insidiose vette del i 480 km di sentieri della regione.

Fiume, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

Il fiume scorre attraverso una valle del Parco Nazionale di Fiordland.

Anche all'interno del ricovero dell'auto si prova disagio psicologico e impotenza di fronte a quel paesaggio aspro e all'inclemenza degli elementi che lo hanno scolpito. La tempesta non dura. Dopo mezz'ora, lo scenario è consacrato a una gratificante miniera d'oro che gli restituisce la limpidezza della cruda antichità.

Un panorama poco o nulla cambiato dai millenni

In termini visivi, ma non solo, Fiordland resta parte dell'era preistorica. Molti dei suoi animali e piante sono endemici e da allora si sono evoluti poco: il takah, una specie di oca ritenuta estinta 50 anni fa, il kakapo, il pappagallo più pesante del mondo, il kea, un parente sfacciato (e unico pappagallo alpino) che abbiamo trovato immerso in un belvedere e, chissà perché, si ostina a mangiarci le scarpe.

In termini geologici, il paesaggio di Fiordland è stato modellato dall'intensa erosione glaciale e dall'attività tettonica che hanno colpito le isole della Nuova Zelanda durante la loro lunga deriva post-Gondwana attraverso l'Oceano Pacifico.

Mentre il movimento delle lastre continua a sollevare scogliere e montagne di circa 1.3 cm l'anno, il clima diluviano si occupa degli ultimi ritocchi decorativi, con una chiara scommessa sui toni del verde più vivaci.

Con il passare di chilometri sempre più inospitali, si conferma che lo scenario si riempie di un caotico assortimento di cespugli che lasciano il posto a certi ruscelli. Sono ancora ricoperti da tappeti di muschio e felci splendenti, con tronchi verdi o marroni, alcuni rigidi, altri caduti e marcescenti ma sempre pieni di licheni. 

Foresta, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

Foresta di muschio ai margini della Te Anau - Milford Sound Highway.

Passaggio attraverso The Chasm e la Majestic View of Milford Sound

Abbiamo rilevato questa composizione per intero, a soli 10 km da Milford Sound e dal Mar di Tasman, intorno a The Chasm dove il fiume Cleddau si schianta tra giganteschi massi levigati e scompare sul fondo di un abisso stretto, il tutto apprezzato su un ponte di legno che domina il Monte Tutoko, La vetta più alta di Fiordland.

The Chasm, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

La cascata scorre abbondantemente sopra la voragine nel Parco nazionale di Fiordland.

Il primo avvistamento di Milford Sound ci abbaglia due volte. Improvvisamente, i fiumi ribelli lasciano il posto a una lunga e tortuosa insenatura del Mar di Tasmania. Dai margini del suo letto blu scuro, enormi scogliere rocciose, quasi verticali, delimitate da un progetto verticale verde bosco.

Saliamo a bordo di una delle navi che svela quest'ultima frontiera del kiwi e, sotto il vento gelido, ci avviciniamo al dominio supremo di Mitre Peak (1692 m).

Autostrada da Te Anau a Milford Sound, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

Il picco della neve si staglia sopra la Te Anau - Milford Sound Highway.

Cascate di pioggia, cascate di ghiaccio

Le cascate formano fili bianchi che si stagliano e si succedono in dimensioni e volumi regolati dallo scioglimento delle terre continentali e dalle precipitazioni.

Alcuni sono permanenti. È il caso di Stirling Falls, con un flusso ricco e danzante che regala a noi e agli altri passeggeri sul ponte una doccia rigenerante.

Traghetto, Stirling Falls, Milford Sound, Fiordland, Nuova Zelanda

Il traghetto si avvicina il più possibile alle Stirling Falls, una delle numerose cascate di Milford Sound.

La nave segue il suo corso in acque calme. Fino a quando il fiordo non si apre, rivela l'immensità del Mar di Tasman e si sottomette al disagio delle forti onde. Abbiamo esplorato un piccolo tratto delle pendici marittime di questo suono, abbiamo avvistato colonie di foche e alcuni pinguini.

I leoni marini, Milford Sound, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

Leoni marini all'estremità del mare di Milford Sound.

Nel frattempo, la barca inverte le marce e torna a protezione della bocca, per la gioia dei passeggeri più vulnerabili che già cominciavano ad avere il mal di mare.

La storia coloniale dei suoni evasivi

I marinai al servizio dei primi scopritori ad andare in mare aperto, tra cui l'olandese Abel Tasman – che ha dato il nome al mare circostante — soffriva appena di questo male. Stranamente, ammiravano gli stessi panorami, ma ignoravano o ignoravano gli stretti ingressi che nascondevano i canali navigabili e davano un accesso avanzato all'interno.

Nel 1773, uno di questi marinai più famosi, di nome James Cook, stava tornando da un epico viaggio attraverso l'Oceano Antartico alla ricerca del grande continente meridionale quando rilevò una sostanziale rientranza nelle montagne.

Più cauto che curioso, scelse di non esplorarlo per paura che il vento accelerato attraverso la stretta gola impedisse il ritorno della nave in mare aperto. Ispirato da questo sospetto, lo battezzò con il nome che il vicino fiordo di Milford continua a portare: Dubbioso (dubbioso o sospettoso).

Gorge, Milford Sound, Fiordland, Nuova Zelanda

Una gola frastagliata di Milford Sound, a poche miglia dal Mar di Tasman.

Cook ancorerebbe la Resolution più a sud, nel porto di Pickersgill, un rifugio naturale da un altro enorme fiordo, Dusky Sound.

La difficoltà nel colonizzare queste terre selvagge e inospitali è perdurata nei secoli, tanto che Fiordland è la regione meno popolata della Nuova Zelanda: qui vivono solo 2000 dei suoi 4,1 milioni di abitanti.

D'altra parte, quando le descrizioni della purezza e della bellezza di questi scenari hanno cominciato a raggiungere i quattro angoli del pianeta, nuovi esploratori hanno cominciato ad affluire.

Stern Ferry, Milford Sound, Fiordland, Nuova Zelanda

La bandiera nautica della Nuova Zelanda sventola a poppa di un traghetto che attraversa Milford Sound.

Donald Sutherland: Il pioniere trasformato in conduttore

Tutto è iniziato quando Donald Sutherland, soldato, avventuriero, cacciatore di foche, cercatore d'oro e chissà cos'altro, ha dichiarato dopo aver avvistato Milford Sound: "Se mai getterò l'ancora, sarà qui".

Dodici anni dopo, nel 1878, la moglie Elisabeth approfittò dell'apertura della prima strada tra Te Anau e Milford e aprì una locanda per accogliere il asfaltatori, gente della città che è arrivata per apprezzare l'imponenza del paesaggio.

Pista di Milford. Milford Sound scoperto a piedi

Ogni anno, 400 viaggiatori da tutto il mondo si riversano nella regione, determinati a scoprirla, a qualunque costo. Alcuni pagano solo in contanti e vengono trasportati a tempo pieno via terra, mare e aria. Altri pagano anche con i loro corpi. Camminano e si arrampicano fino allo sfinimento.

La costruzione di strade a Fiordland si è limitata all'assolutamente necessario, o forse nemmeno a quello, dato che ce n'è solo uno. I sentieri pedonali, l'attività outdoor preferita dai neozelandesi, percorrono la regione senza cerimonie o vergogna, per un totale di quasi 500 chilometri che si snodano dal livello del mare alle vette più alte.

Uno di questi binari, il Milford Track, è diventato così famoso che le autorità del Fiordland National Park hanno dovuto "razionare" il numero annuale di permessi concessi, per evitare un traffico eccessivo nei mesi più caldi.

Con una lunghezza di 54 chilometri, che richiede circa quattro giorni per essere completata, e un percorso che conduce all'ingresso di Milford Sound attraverso foreste e valli bagnate, il Milford Track è etichettato come "facile".

Feto, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda

Un feto lussureggiante vicino alla voragine nel Parco Nazionale di Fiordland.

Altri, più o meno lunghi, salgono e scendono montagne con pendii così ripidi da richiedere abilità tecniche di arrampicata.

Secondo la mitologia Maori, i fiordi non furono scolpiti dai fiumi di ghiaccio che un tempo riempivano tutte le valli, ma da un dio armato di ascia, Tu-te-raki-whanoa, che scolpì la costa punita da enormi onde, per renderlo abitabile.

Il progetto urbanistico fallì miseramente, ma i Maori colsero l'occasione per scoprire la regione, per pescare, cacciare e raccogliere un tipo di giada che chiamavano tangiwai.

Alcuni gruppi tribali sconfitti nei conflitti interni, tuttavia, si stabilirono temporaneamente, vivendo in isolamento tra le foche e i pinguini - che i coloni europei in seguito quasi estinsero - fino al loro ritorno nell'interno.

Stern Ferry, Milford Sound, Fiordland, Nuova Zelanda

La bandiera nautica della Nuova Zelanda sventola a poppa di un traghetto che attraversa Milford Sound.

A quel tempo già soffrivano dei flebotomi che infestano questa zona della Nuova Zelanda, responsabili dell'unica critica negativa che qualcuno osa fare alla regione.

Esperti nella generazione della mitologia, i Maori hanno creato la leggenda di essere stati introdotti dalla Dea dell'Oscurità, Hine-nui-te-po, per evitare che l'uomo diventi inattivo di fronte alla bellezza accecante del paesaggio. Questa volta, i piani divini non fallirono. L'unico modo per non offrire loro del sangue è fermarsi il meno possibile.

Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes

Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 - Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Baia delle Isole, Nova Zelândia

Nucleo di civiltà della Nuova Zelanda

Waitangi è il luogo chiave dell'indipendenza e della coesistenza di lunga data dei nativi Maori con i coloni britannici. Nella circostante Baia delle Isole si celebra l'idilliaca bellezza marina degli antipodi della Nuova Zelanda, ma anche la complessa e affascinante nazione kiwi.
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Palazzi Gangtok, Sikkim, India
Città
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Parco Nazionale Tsitsikamma
In viaggio
Garden Route, Sud Africa

La Costa Giardino del Sud Africa

Estendendosi su oltre 200 km di costa naturale, la Garden Route si snoda attraverso foreste, spiagge, laghi, gole e splendidi parchi naturali. Viaggiamo da est a ovest, lungo i drammatici fondali del continente africano.
Passage, Tanna, Vanuatu in Occidente, Meet the Natives
Etnico
Tanna, Vanuatu

Da qui Vanuatu è stato portato in Occidente

Lo show televisivo "Soddisfare , il nativi” ha portato i rappresentanti tribali di Tanna a visitare la Gran Bretagna e gli Stati Uniti Visitando la loro isola, ci siamo resi conto del perché niente li entusiasmava di più del tornare a casa.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Figura a Praia do Curral, Ilhabela, Brasile
Storia
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Rottnest Island, Wadjemup, Australia, Quokka
Isole
Wadjemup, isola di Rottnest, Australia

Tra i Quokka e altri Spiriti Aborigeni

Nel XNUMX° secolo, un capitano olandese soprannominò quest'isola circondata da un turchese Oceano Indiano, “Rottnest, un nido di topi”. I quokka che gli sfuggivano erano, tuttavia, marsupiali, considerati sacri dagli aborigeni Whadjuk Noongar dell'Australia occidentale. Come l'isola edenica su cui i coloni britannici li martirizzarono.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Escursione solitaria, deserto del Namib, Sossusvlei, Namibia, acacia alla base delle dune
Natura
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Parchi Naturali
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Sulla Costa d'Oro
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Crociera Princess Yasawa, Maldive
Spiagge
Maldive

Crociera alle Maldive tra isole e atolli

Portata dalle Fiji per navigare alle Maldive, la principessa Yasawa si è adattata bene ai nuovi mari. Di norma bastano uno o due giorni di itinerario per far emergere l'autenticità e il piacere della vita a bordo.
Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe
Religione
kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa

Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Società
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Animali selvatici
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.