Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia


Buddismo XXL
Il monastero buddista di Tawang, il più grande dell'India e il secondo più grande del mondo, dietro Potala, Lhasa, in Tibet.
Un vero torneo
I monaci buddisti giocano a badminton nel tardo pomeriggio al monastero di Thinmey.
vista per tutta la vita
Cook al monastero di Thinmey, osserva il divertimento dei monaci fuori.
allenamento mattutino
I giovani apprendisti monaci pregano, in fila, sulla grande terrazza del monastero di Tawang
Cantico e applausi
Il sacerdote del monastero di Tawang canta ed esegue una preghiera buddista.
colazione a base di latticini
Monk serve latte ad altri apprendisti durante la cerimonia mattutina al monastero di Tawang.
città di tawang
Case nella città di Tawang, situata nell'omonima valle, prossima al confine conflittuale con la Cina.
dolce sorriso
Suora del convento di Ani, vince la timidezza e, dopo un po', posa.
devozione totale
Il sacerdote si prostra sul pavimento del monastero di Tawang in preghiera, davanti a decine di giovani monaci apprendisti.
fede rotante
Un bambino monaco fa girare due ruote della preghiera sulla strada che porta al monastero di Tawang.
festa mimetizzata
Soldati dell'esercito indiano durante una piccola festa che ha animato una celebrazione del loro reggimento.
Il peso della fede
Una suora porta un pesante sacco nel convento di Ani
circuito delle credenze
I devoti camminano intorno a una grande statua del Buddha a Tawang.
monastero intravisto
Vista in lontananza del monastero di Tawang tra le bandiere di preghiera.
cugino tra le coppie
Un sacerdote cammina lungo un vicolo del tempio principale del monastero di Tawang tra giovani monaci.
Fede versione militare
Dilbag Singh un ufficiale punjabi di un battaglione di stanza a Tawang per impedire il ripetersi dell'invasione cinese del 1962.
Buddismo XXL II
Il monastero buddista di Tawang, il più grande dell'India e il secondo più grande del mondo, dietro Potala, Lhasa, in Tibet.
il monaco prescelto
Il primo raggio di sole colpisce uno dei monaci all'interno del tempio principale del monastero di Tawang.
All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.

L'iconico Canyon del Passo Sela

Lungo, ripido e tortuoso, il sentiero si trascina dalla pianura dell'Assam all'aspro cuore dell'Arunachal Pradesh. Ad un certo punto si avvicina ai 4170 metri di quota del Passo Sela, un cancello gelido e ventoso che separa il Kameng occidentale da Tawang.

Abbiamo attraversato il portico buddista tra le sue sventolanti bandiere di preghiera. Costeggiamo il lago semifreddo che la cornice ci svela e proseguiamo attraverso l'ultimo dei rioni. Sia pochi chilometri sotto che oltre Sela, i bordi della strada sono punteggiati da tele verdi e mimetiche da campagna.

Seguono tende e negozi nascosti, camion e altri veicoli più leggeri. Migliaia di soldati, provenienti da tutto il India, popolano e gestiscono queste colonie strategiche di guerra, che vedremmo ripetute fino agli ultimi metri dell'India settentrionale.

Dalle alture di Sela, raggiungiamo il pendio che porta al confine della valle del Tawang e dei villaggi che vi si sono insediati: Dungkhar, Khalengche, Tongsheng. Tawang, la città, si stagliava in alto sul versante opposto. Il piano era di rifugiarsi lì per la notte.

Prima di farlo, dobbiamo fare un'ultima deviazione a Thinmey, il sito di un monastero eccezionale, anche così, all'ombra del più grande e famoso della regione.

Un torneo di badminton buddista

Siamo arrivati ​​verso l'ultimo sussulto del pomeriggio. Ci distraiamo per qualche tempo con una gigantesca ruota della preghiera finché un improvviso frastuono dal retro del complesso desta la nostra curiosità.

Un sottile capannone che fungeva da stanza separava l'edificio principale da un patio rialzato in terra battuta, dotato di una rete da pallavolo e da badminton.

Partita di badminton al monastero di Thinmey, Arunachal Pradesh, India

I monaci buddisti giocano a badminton nel tardo pomeriggio al monastero di Thinmey

Lì si sono riuniti i monaci del monastero, nel bel mezzo di un torneo di sport tozzo. Due coppie agguerrite si erano già sbarazzate di quasi tutti i loro abiti bordeaux. Si trovarono di fronte ad un furore contenuto per la sacralità del luogo e per la presenza di giovani discepoli.

Questi stavano aspettando il loro turno per giocare a sorseggiare il tè. E perché il fumo sprigionato dai grandi bracieri che attraversavano il tetto di lamiera della cucina e salivano al cielo, se sublimava al momento della cena in comune.

La cuoca di turno, accompagnava le burle dei ragazzi di Buda e, contemporaneamente, la cottura del milkte nelle sue mani.

Cucina al monastero di Thinmey, Arunachal Pradesh, India

Cook al monastero di Thinmey, osserva il divertimento dei monaci fuori.

Il tramonto ha dettato la fine del torneo, il tempo per noi di rifugiarci nello Yangzom Hotel e l'imminenza del nostro stesso pasto. Venivamo da dodici ore di viaggio su strada affascinante ma doloroso.

Non possiamo resistere ancora a lungo.

Ci siamo svegliati al nuovo giorno ben prima del sole. Diamo uno sguardo alla casa che ha visto la nascita di Tsangyang Gyatso, il sesto Dalai Lama, un giovane di etnia Mompa predominante da queste parti.

Successivamente, attraversiamo la città di Tawang e visitiamo un'enorme statua del suo ispiratore: Buddha.

Statua del Buddha a Tawang, India

I devoti camminano intorno a una grande statua del Buddha a Tawang.

Un monastero buddista di Monta

Era appena l'alba ancora. Un plotone di credenti circondò la base rossa del colorato trono del saggio, dipanando i grani dei loro malas, i rosari buddisti. I raggi del sole cominciarono a indorare un santuario lontano, così splendente da strapparci gli occhi.

Era molto più di un semplice monastero, il forte di edifici bianchi e gialli che abbiamo ammirato e fotografato fino all'esaurimento, incastonato su un profilo capriccioso di montagne ombrose.

Monastero di Tawang, Arunachal Pradesh, India

Il monastero buddista di Tawang, il più grande dell'India e il secondo più grande del mondo, dietro Potala, Lhasa, in Tibet.

Fondato nel 1680-81, a 3000 metri di altitudine, il monastero buddista di Tawang rimane il più grande del India. È, infatti, il secondo più grande al mondo, dopo il Potala, che ha resistito all'invasione cinese del cuore tibetano di Lhasa.

Alle otto, il monastero ei monaci residenti erano tornati alla loro routine. Li abbiamo visti radunarsi davanti a una lunga ala scolastica, poi raggrupparsi di fronte all'edificio, con le spalle rivolte alla città e alla catena montuosa che la circonda.

Dibattiti mattutini eccentrici

Altri emergono dall'interno delle aule e da diverse parti del complesso. Porta quaderni e quaderni. Formano nuovi gruppi sulla terrazza e iniziano una vivace sessione di dibattito buddista, piena di applausi, grida sillogistiche e risposte di sfida.

Un'ora e mezza dopo, il dibattito e gli insegnamenti sono finiti. Un battaglione di monaci e monaci si forma sulla terrazza e osserva un piacevole discorso di uno dei mentori del monastero.

Segue una preghiera di gruppo, seguita dai più piccoli, quelli in prima fila intenti e con gli occhi chiusi, sotto la supervisione affannosa dei vecchi tutori.

Formazione di monaci al monastero di Tawang, Arunachal Pradesh, India

I giovani apprendisti monaci pregano, in fila, sulla grande terrazza del monastero di Tawang

Tuttavia, anche quella sessione di fede e disciplina volge al termine.

Adolescenti e bambini si disperdono tra evidente sollievo ed estasi, molti di loro si dirigono verso il vicolo che porta a un monastero che presto spazzano in catene.

Una festa militare sulla strada per un convento

Teniamo i monaci impegnati con il loro fascino. Tawang ospitò anche un convento, quello di Ani. John, la guida locale, era dell'opinione che avremmo dovuto fargli visita.

Così ci siamo messi in cammino, ma senza mai aspettarcelo, ci siamo trovati attaccati da un battaglione militare che controllava non solo la strada di accesso, ma anche una vasta area circostante.

Per ragioni che spiegheremo presto, l'Arunachal Pradesh è una delle province indiane più sensibili in termini di sicurezza e presenza di stranieri. Facevamo parte di un entourage di giornalisti, i quali avevano tutti visti speciali che davano loro la copertura del luogo.

Anche così, quando un enorme soldato sikh ferma l'auto su cui stavamo viaggiando, ci viene in mente di pensare che potremmo essere nei guai.

L'inglese del soldato è scadente, quindi la traduzione dell'autista ci aiuta. “Hanno organizzato una festa punjabi lì nel loro battaglione. Vogliono che tu partecipi".

Soldati indiani a Tawang, Arunachal Pradesh, India

Soldati dell'esercito indiano durante una piccola festa che ha animato una celebrazione del loro reggimento.

All'inizio abbiamo storto il naso. L'altra metà del nostro gruppo era già arrivata al convento. Non volevamo perdere il lato femminile della religiosità buddista di Tawang.

Ma quando l'autista ci dice che abbiamo tempo; che non sarebbe stato un problema se fossimo arrivati ​​in convento più tardi, non abbiamo più sentito restrizioni e abbiamo valutato l'invito come meritava.

Qualche istante dopo, ci troviamo in giro con dozzine di ufficiali e soldati indiani: Punjabi e sikh, quasi tutti robusti e dal portamento altezzoso, come è loro prerogativa. offrici papà e altre specialità in thalis assortito.

Ci siamo presto resi conto che non avevamo lo stomaco per la spezia utilizzata, ci siamo scusati e siamo passati ai dolci delicati. kheer, Budino di riso indiano.

Sempre più militari e popolari si uniscono alla convivialità alleata e attaccano da un lungo buffet. Sembra musica festosa, ma, trattenuta dalla serietà della missione del battaglione, la festa non si trasforma mai in sogni ad occhi aperti di Bollywood.

Dilbag Singh, militare indiano di stanza a Tawang, Arunachal Pradesh, India

Dilbag Singh un ufficiale punjabi di un battaglione di stanza a Tawang per impedire il ripetersi dell'invasione cinese del 1962.

La forza di guerra indiana che dissuade la Cina

Lì, come intorno al Passo Sela e altrove nell'Arunachal Pradesh, la presenza dell'esercito indiano ha una ragion d'essere sia storica che attuale. Tra i due c'è la sicurezza e la supremazia della tua vasta nazione megapopolata.

Intorno al 500 aC, la regione di Tawang era già dominata dall'etnia Mompa. Faceva parte del regno del Bhutan. Successivamente, è stato incorporato nel Tibete e così rimase per secoli e secoli.

Nel 1914, con gli inglesi sempre più predominanti in questa parte dell'Asia, un cosiddetto Accordo di Shimla tra la Gran Bretagna, India e Tibete, costrinse il Tibet a cedere diverse centinaia di chilometri quadrati alla Gran Bretagna. Il trattato è stato ignorato dal Cina.

Durante tutto questo periodo, anche a parte il Tibete, Tawang è sempre rimasto accessibile ai tibetani. Nel 1950, il Cina ha invaso il Tibete.

Tawang divenne gradualmente inaccessibile a loro. Una ferita aperta tra i Cina e repubblica indiana, dichiarata indipendente solo tre anni prima.

Tawang nella provincia di Arunachal Pradesh, India

Case nella città di Tawang, situata nell'omonima valle, prossima al confine conflittuale con la Cina.

Dall'inizio della rivolta e soprattutto durante le rivolte del 1959, l'India ha fornito sostegno ai tibetani, compreso il Dalai Lama al quale ha immediatamente concesso asilo.

Allo stesso tempo, iniziò la sua Forward Policy in cui stabilì diversi avamposti militari, anche a nord della McMahon Border Line (definita dal Segretario per gli Affari Esteri Henry McMahon).

Da parte sua, mesi dopo l'accordo di Shimla, il Cina aveva già stabilito i propri avamposti a sud di quella linea. Come ci si poteva aspettare, il disaccordo ha portato al confronto.

Brevi confronti di confine

Incapaci di rafforzare i loro sforzi, i cinesi lanciarono offensive nella regione del Ladakh e, allo stesso tempo, attraverso la linea McMahon. Lo hanno fatto nel mezzo dell'Alto Himalaya, in uno degli scenari di guerra più selvaggi di sempre.

E nel bel mezzo della crisi missilistica cubana, quando l'audacia sovietica a Cuba ha lasciato il EUA in difficoltà e non disponibile a supportare il India.

Nel 1962, Tawang si trovò occupata dal Cina, nell'immagine di quasi 40.000 km2 precedentemente appartenente a India o in contestazione.

Soddisfatti dell'esito della loro invasione ma cauti, i cinesi dichiararono un cessate il fuoco unilaterale e si ritirarono da alcune posizioni. Tawang era uno di loro.

Dal novembre 1962 tornò sotto il controllo indiano. Come ti aspetteresti, Delhi non si è mai ripresa dal trauma. Con la casa derubata, ha messo le serrature alla porta.

Abbiamo lasciato il banchetto, grati per la convivialità e per le gentili foto di gruppo, impegnati a recuperare i piani originali.

Quando siamo arrivati ​​al convento, l'altra metà del gruppo stava uscendo. Solo un portico ci accoglie con il messaggio tibetano di “Tashi Delek” traducibile come “Benedizione e buona fortuna” o “Saluti di buon auspicio”.

Il Convento degli Ani e il Ritorno al Monastero

Infastidiamo, di seconda mano, le poche suore sfuggenti che troviamo lì.

Monaca del convento di Ani, Anurachal Pradesh, India

Una suora porta un pesante sacco al convento di Ani

Dal convento torniamo nel cuore di Tawang ed esploriamo il suo frenetico mercato di strada. Nel pomeriggio visitiamo Tipki, tradizionale villaggio Mompa di fondovalle, dove veniamo accolti con una tale festa, sfarzo e cerimonia che preferiamo raccontarlo in un articolo dedicato.

Abbiamo lasciato il villaggio al tramonto e siamo tornati al rifugio notturno dell'hotel.

Un nuovo giorno, un nuovo doloroso risveglio, ancora più presto al mattino del precedente. Ritornammo al monastero di Tawang, determinati ad assistere alla preghiera mattutina degli apprendisti monaci.

Quando siamo entrati nel complesso, era ancora buio e non abbiamo rilevato un'anima. Sedemmo alla porta del tempio principale, in sonnolenta attesa.

Infine, con i primi raggi di sole che penetrano le nuvole a est, un flusso di “piccoli buddha” emerge dall'ala abitativa del monastero, attraversa il cortile ed irrompe nel tempio in gran fretta.

I giovani monaci siedono in più file e ricevono una tazza di latte che rompe il loro digiuno.

Il latte servito ai giovani monaci del monastero di Tawang, in India

Monk serve latte ad altri apprendisti durante la cerimonia mattutina al monastero di Tawang.

Quindi un sacerdote adulto inizia la cerimonia con canti e preghiere risonanti che nemmeno la nostra intrusione sempre più dinamica può intralciare.

Abbiamo lasciato il monastero sotto la pressione di John che, per il resto della giornata, ha dovuto riportarci tutti indietro Guwahati, capoluogo della vicina provincia di Assam.

Il sole, che entrava di forza dalle finestre del tempio, colpì i volti di pochi monaci scelti. E ravvivò la missione difensiva dei tanti battaglioni dell'esercito indiano lì schierati.

Monaco illuminato al monastero di Tawang, India

Il primo raggio di sole colpisce uno dei monaci all'interno del tempio principale del monastero di Tawang

Maggiori informazioni su Tawang e il suo monastero sul sito web di Incredible India.

Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Cerimonie e Feste
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Goiás Velho, L'eredità della corsa all'oro, Brasile
Città
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Equitazione nei toni dell'oro
Cultura
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
viaggio in australia occidentale, Surfspotting
In viaggio
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
Etnico
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Da questa parte dell'Atlantico
Storia

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

Soccorso bagnante a Boucan Canot, Isola della Reunion
Isole
Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione

Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Natura
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Parchi Naturali
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Canale per il tempo libero
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Amsterdam, Olanda

Di canale in canale, in un'Olanda surreale

Liberale quando si tratta di droga e sesso, Amsterdam ospita una folla di estranei. Tra canali, biciclette, caffetterie e finestre di bordelli, cerchiamo invano il suo lato più tranquillo.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
una specie di portale
Società
Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti

Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.