Alla scoperta di Tassie, parte 2 - Da Hobart a Port Arthur, Australia

Un'isola condannata al crimine


di vedetta
L'uccello dal becco rimane in allerta su un muro del complesso carcerario di Port Arthur.
Percorso Verde
Una stradina verdeggiante attraversa il territorio dell'ex complesso carcerario di Port Arthur.
Port Arthur
Veduta delle mura dell'edificio carcerario al di là di una recinzione del complesso.
L'ex carcere
Facciata del complesso carcerario, o ciò che ne rimane dopo diversi decenni di abbandono.
Anche in isolamento marino
Le rovine della prigione del complesso carcerario di Port Arthur circondate da acque infestate da squali.
Libertà turistica
Il visitatore esamina un angolo dello storico complesso di Port Arthur.
Secondo la tabella di marcia
Il visitatore percorre gli edifici del complesso carcerario guidato dalla voce registrata del museo.
sole vs ombra
Particolare architettonico del complesso di Port Arthur.
Ciò che resta del complesso
Scenario del complesso carcerario di Port Arthur, al riparo su una penisola della Tasmania, dove la fuga è quasi impossibile.
il grande muro
Le mura fatiscenti della prigione di Port Arthur, viste da Mason Cove.
Confinato
Il visitatore esamina un angolo del lungomare di Port Arthur.
grande torre
La coppia emerge dall'interno di una torretta di uno degli edifici del complesso carcerario.
Pietro Brannon
Figura illustrativa del museo del complesso carcerario, ispirata al condannato Peter Brannon.
I crimini dei detenuti
Il visitatore indaga su terribili curiosità nelle sentenze che hanno portato diversi prigionieri a Port Arthur.
Il complesso carcerario di Port Arthur ha sempre terrorizzato gli emarginati britannici. 90 anni dopo la sua chiusura, un crimine atroce commesso lì ha costretto la Tasmania a tornare ai suoi tempi più bui.

È sabato mattina e, come in tanti altri sabati, decine di mummer si contendono gli ultimi angoli del giardino di Salamanca Place, quasi interamente popolato dalla fiera più famosa di Hobart, la capitale della Tasmania.

El Diabolero mostra un corpo magro. Torso nudo, il suonatore ambulante proclama il suo numero alla folla dei passanti e non ci mette molto a ottenere un notevole pubblico.

«Molto bene, avrò bisogno di due volontari senza grandi ragioni per vivere», grida e poi fa partire una terrificante motosega. Reclutate le vittime, accende un piccolo lettore cd e riproduce, ad alto volume, la contagiosa colonna sonora del film”Missione impossibile".

Poco dopo, apre la sua performance fatta di coltelli da giocoleria, un diabolo e mele che bruciano su un monociclo da capogiro. E, ora di nuovo a terra, con le motoseghe in funzione. Trucco dopo trucco, scherzo dopo scherzo, il pubblico dell'artista cresce a passi da gigante.

Alla fine dell'atto, il divertimento che offriva e il sincero appello del farabutto hanno vinto un cilindro pieno di dollari. Australiani. Grato ma ancora insoddisfatto, El Diabolero arresta gli ultimi resistenti con un'ultima filippica: “Voi ragazzi in fondo che non avete spiccioli: tranquilli. Vieni qui all'ATM!"

La Grande Prigione Meridionale di Port Arthur

L'empatia e l'ammirazione di Hobart per i modi di vita alternativi ed estremi hanno una lunga storia. Ed è nei geni dei suoi abitanti. Dei primi 262 europei che arrivarono nella colonia penale britannica, 178 furono criminali esiliati.

Nel 1830, il governatore della Tasmania trovò un posto nella penisola della Tasmania dove poteva rinchiudere i detenuti che si erano già recidivati ​​sull'isola. Lo vedeva come un penitenziario naturale, poiché era collegato al resto del territorio da un istmo largo meno di cento metri.

Rovine di Port Arthur, Tasmania, Australia

Le rovine della prigione del complesso carcerario di Port Arthur circondate da acque infestate da squali.

Per impedire la fuga dei detenuti attraverso questa striscia – che si chiamava Eaglehawk Neck – posizionò una fila di feroci cani da guardia e diffuse la voce che le acque intorno, oltre ad essere gelide, fossero infestate da squali.

Nei successivi 47 anni, circa 12.500 criminali hanno scontato la pena nel complesso carcerario di Port Arthur. Per i più fastidiosi, il loro soggiorno è stato un inferno.

Visitatore del museo, Port Arthur, Tasmania, Australia

Il visitatore indaga su terribili curiosità nelle sentenze che hanno portato diversi prigionieri a Port Arthur.

Coloro che hanno aderito alle regole, sono venuti a vivere in Tasmania con condizioni migliori di quelle che avevano in Gran Bretagna.

Camminando tra le rovine degli edifici, in un ambiente australe tanto particolare quanto classico e bucolico, ci rendiamo conto di come entrambi gli estremi fossero possibili.

Museo, Port Arthur, Tasmania, Australia

Il visitatore percorre gli edifici del complesso carcerario guidato dalla voce registrata del museo.

Più che una prigione, un'intera Prison City

Port Arthur si è rivelato più di una semplice prigione. Nel tempo divenne un vero e proprio villaggio che fungeva da centro della rete carceraria dell'isola e comprendeva una segheria, un cantiere navale, una miniera di carbone, fabbriche di scarpe, mattoni e chiodi, ma anche orti e zootecnia.

Per servire tutta questa produzione fu costruita anche una specie di ferrovia, la prima della Australia. Era lungo 7 km e collegava Norfolk Bay a Long Bay e le sue carrozze erano spinte dai prigionieri.

Da colonia carceraria a monumento all'oscuro passato coloniale

Nel 1877 il complesso fu disattivato. Anni dopo, cedette a due incendi che distrussero la maggior parte degli edifici. Ma alcuni degli abitanti dei dintorni erano decisi a recuperarlo per stabilirvisi.

Quando sono arrivati ​​i primi curiosi che hanno voluto conoscere il famigerato luogo, senza saperlo, hanno inaugurato il turismo nella regione, dotata nel frattempo di infrastrutture per l'accoglienza e la vendita di souvenir, oltre a un servizio di guida.

Torre, Port Arthur, Tasmania, Australia

La coppia emerge dall'interno di una torretta di uno degli edifici del complesso carcerario.

Da allora, Port Arthur è diventato un ex libris del patrimonio storico della Tasmania. Migliaia di persone lo visitano ogni anno. ozzie e stranieri. Come noi, anche loro sono stupiti e affascinati da un passato crudo e drammatico che sembra destinato a rinnovarsi.

Ma nemmeno l'oscuro contesto storico che l'ha originato aveva preparato la Tasmania e la Australia per gli eventi del 28 aprile 1996, una tragedia così eclatante da finire per diffondersi in tutto il mondo.

109 anni dopo, il crimine torna a Haunt Port Arthur

La stampa australiana riporta che Martin Bryant, allora 28enne, viveva nel vicino villaggio di New Town. Dotato di un QI estremamente basso (circa 66), era noto per stupido marty ma finanziariamente, la vita gli sorrideva.

Helen Harvey, una donna della zona molto più anziana, sola ed eccentrica, iniziò ad apprezzare la sua compagnia e l'aiuto che dava a prendersi cura delle dozzine di gatti e altri animali che portava a casa sua.

Divennero inseparabili ed Helen gli lasciò in eredità più di 400 euro che Martin spendeva in frequenti viaggi all'estero, molti in prima classe.

I soldi non bastavano a risolvere la miseria che era diventata la sua vita dopo aver perso, quasi subito, questo amico e suo padre.

Museo, Port Arthur, Tasmania, Australia

Figura illustrativa del museo del complesso carcerario, ispirata al condannato Peter Brannon.

Frustrato per motivi incerti, ma probabilmente a causa delle frequenti umiliazioni di cui fu vittima e del suicidio del genitore - che soffriva di depressione cronica aggravata dal non poter acquistare l'immobile dei suoi sogni - Martin decise di vendicarsi per il tormento che lo assediò.

irruppe pensione Seascape – la proprietà – armato di una mitragliatrice AR-15 e di un coltello ha ucciso la coppia che aveva anticipato suo padre nell'azienda.

Dopo aver guidato per la regione, alle 13:10, è entrato nel complesso storico di Port Arthur e ha pranzato. Dopo il pasto, ha tirato fuori la sua mitragliatrice da una borsa e ha iniziato un terribile omicidio seriale. Trentacinque persone provenienti da diversi paesi sono morte, altre 20 sono rimaste ferite.

Muro dell'ex presidio, Port Arthur, Tasmania, Australia

Le mura fatiscenti della prigione di Port Arthur, viste da Mason Cove.

Il profilo sfuggente e dubbio di Martin Bryant

Invece di riscattarsi dalle sue origini storte, Port Arthur e la Tasmania si sono macchiate di sangue.

Martin Bryant è stato condannato a 35 ergastoli, 1035 anni in totale. Sta scontando la pena in un carcere di massima sicurezza alla periferia di Hobart che la popolazione chiama The Pink Palace.

Carlene Bryant, sua madre e unica visitatrice, ha risposto all'intervistatrice australiana dello show "di 60 minuti” emesso nel 15° anniversario dell'evento: “Martin, quando è stato interrogato, probabilmente per settimane dopo quello che è successo, ha sempre detto che non era stato a Port Arthur o al caffè Broad Arrow.

Mi pentirò a vita di aver sostenuto la tua confessione. Più tardi, alcune persone presenti sono venute a dire di non aver riconosciuto il tiratore come Martin Bryant. Non è mai stato presentato un processo equo o una prova conclusiva”.

Visitatore, Port Arthur, Tasmania, Australia

Il visitatore esamina un angolo dello storico complesso di Port Arthur.

Carlene dice anche che a Martin è stata recentemente diagnosticata la sindrome di Asperger e che il figlio è ovviamente in sovrappeso. “Gli ho già chiesto di nuovo se fosse lui l'autore ma non riesco a convincerlo a darmi una risposta oa volerne parlare.

Se ci riprovo non mi vuole più vedere perché ha paura che gli faccia altre domande”.

Una tragedia difficile da superare

La trasmissione dell'intervista ha fatto infuriare le famiglie delle vittime. E ha rinnovato la sensazione che, nonostante i tanti anni trascorsi, il massacro di Port Arthur sia ancora irrisolto.

Dettaglio delle rovine di Port Arthur, Tasmania, Australia

Particolare architettonico del complesso di Port Arthur.

Basta fare una piccola ricerca su Internet per vedere che varie teorie del complotto create nel tempo continuano ad eccitare alcuni tazzine e ozzie che rifiutano di credere alla versione dei fatti presentata dalle autorità e dalla maggior parte dei media.

Una teoria in particolare ha guadagnato diverse migliaia di aderenti. Suggerisce che il massacro sia stato pianificato dal governo australiano per scandalizzare l'opinione pubblica e quindi giustificare una legge che disarmerebbe i cittadini.

I tifosi sostengono che, tra le altre cose, non ha senso che Martin Bryant, con il suo QI molto basso, possa sparare con la pistola appoggiata all'anca e colpire la maggior parte delle vittime alla testa. Che, in effetti, sarebbe stata una squadra di agenti contrattuali a compiere l'omicidio.

Rovine, Port Arthur, Tasmania, Australia

Veduta delle mura dell'edificio carcerario al di là di una recinzione del complesso.

Ancora più teorie del complotto

Un accusatore, in particolare, incrimina costantemente un ex poliziotto di Hobart su You Tube e Facebook. Rivela il suo nome, professione, indirizzo e dettagli di contatto e incoraggia la comunità di Internet a indagare su di esso.

Nel 1996, il primo ministro John Howard aveva vinto le elezioni con un'ampia maggioranza di voti. Nonostante fosse conservatore, ha dovuto affrontare una notevole opposizione nelle zone rurali e ha ottenuto un divieto nazionale sulle armi automatiche e semiautomatiche, senza la necessità di un referendum.

Come sempre accade in questi casi, i congiurati continuano a divulgare numerose giustificazioni per le loro congetture. Alcuni australiani sono incuriositi o persuasi, altri semplicemente li ridicolizzano.

È improbabile che Martin Bryant si liberi presto.

In termini di numero di vittime, il massacro da lui perpetrato in Tasmania è stato oscurato il 22 luglio 2011, nell'isola norvegese di Utoia, da un ultra-radicale di destra di nome Anders Behring Breivik.

Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Wycliff Wells, Australia

I piccoli file segreti di Wycliffe Wells

Residenti, esperti di UFO e visitatori sono stati testimoni di avvistamenti intorno a Wycliffe Wells per decenni. Qui Roswell non ha mai dato l'esempio e ogni nuovo fenomeno viene comunicato al mondo.
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Sydney, Australia

Dall'esilio criminale alla città esemplare

La prima delle colonie australiane fu costruita da detenuti in esilio. Oggi, gli australiani di Sydney si vantano degli ex detenuti del loro albero genealogico e sono orgogliosi della prosperità cosmopolita della megalopoli in cui abitano.
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
alla Scoperta di Tassiè, Parte 1 - Hobart, Australia

La porta sul retro dell'Australia

Hobart, la capitale della Tasmania e la più meridionale dell'Australia, fu colonizzata da migliaia di esuli dall'Inghilterra. Non sorprende che la sua popolazione mantenga una forte ammirazione per gli stili di vita marginali.
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Perth, Australia

la città solitaria

A più di 2000 km da un luogo simile degno di questo nome, Perth è considerata la città più remota sulla faccia della Terra. Nonostante sia isolata tra l'Oceano Indiano e il vasto Outback, poche persone si lamentano.
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Red Center, Australia

Nel cuore spezzato dell'Australia

Il Red Centre ospita alcuni dei monumenti naturali imperdibili dell'Australia. Ci colpisce la grandiosità degli scenari ma anche la rinnovata incompatibilità delle sue due civiltà.
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Michaelmas Cay, Australia

Le miglia del Natale (parte I)

In Australia, viviamo il più insolito del 24 dicembre. Salpiamo per il Mar dei Coralli e atterriamo su un isolotto idilliaco che condividiamo con le sterne dal becco arancione e altri uccelli.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Vista della Serra do Cume, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares
Città
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
sagome islamiche
Cultura

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Gyantse, tempio di Kumbum
In viaggio
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Tabato, Guinea Bissau, Balafons
Etnico
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Alla fine del pomeriggio
Storia
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Roça Sundy, Príncipe Island, Teoria della Relatività, Belvedere
Isole
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Estancia Harberton, Terra del Fuoco, Argentina
Natura
Terra di Fuoco, Argentina

Una fattoria alla fine del mondo

Nel 1886 Thomas Bridges, un orfano inglese portato dalla sua famiglia di missionari adottivi negli angoli più remoti dell'emisfero meridionale, fondò l'antica fattoria della Terra del Fuoco. Bridges e i suoi discendenti si sono arresi alla fine del mondo. Oggi, il tuo Estancia harberton è un abbagliante monumento argentino alla determinazione e alla resilienza umana.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Lago Tinquilco in PN Huerquehue, Pucón, La Araucania, Cile
Parchi Naturali
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Spiagge
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Bagnanti alla fine del mondo - Cenote de Cuzamá, Mérida, Messico
Religione
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
Società
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Parco Nazionale Bwabwata, Namibia, giraffe
Animali selvatici
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.