Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore


Geografico sudafricano
La cornice sul lungomare di Città del Capo incornicia la Table Mountain che fa da sfondo alla città.
bel riposo
Il lavoratore portuale di Città del Capo riposa in cima a una nave, con la tovaglia di nuvole adagiata sulla Table Mountain sullo sfondo.
luci da tavolo
La sera circonda la Table Mountain, vista dalla cima di Lion's Head.
yoga fotografico
I visitatori di Table Mountain fanno una pausa fotografica su uno dei sentieri che corrono lungo la cima della Table Mountain.
Tavolo vs Tavolo
Il profilo integrale di Table Mountain di una spiaggia sabbiosa a Table Bay, a nord di Cape Town.
Decorazione per il bagno
Un uomo scrive una grafica sulla sabbia di Glen Beach con i Dodici Apostoli sullo sfondo.
Tavola apparecchiata
La famosa tovaglia (tovaglia nuvola) copre la Table Mountain vista dal lungomare di Città del Capo.
cornice nautica
I passeggeri del traghetto che collega Cape Town a Robben Island, dove Nelson Mandela fu imprigionato durante gli anni dell'apartheid sudafricano, osservano la Table Mountain andare via.
Uno sfondo urbano imponente
Parte di Devil's Peak appare dietro gli edifici commerciali che riempiono l'area del lungomare di Città del Capo.
re delle altezze
Table Mountain Explorer esprime il senso di libertà e vastità che si prova in cima a Table Mountain.
12 apostoli
Le creste di arenaria e la vegetazione dei Dodici Apostoli, che precedono la lunga penisola del Capo che termina al Capo di Buona Speranza e alla sua Ponta do Cabo.
tavolo per due
Due visitatori della Table Mountain su una delle sue numerose scogliere e contro l'Atlantico meridionale argentato dall'inizio del tramonto.
Urbo abbaglia
Un giovane visitatore di Table Mountain contempla il paesaggio urbano di Città del Capo da uno dei tanti punti di vista installati in cima alla montagna.
Sottosopra
La funivia a cabine girevoli che collega la base alla cima della Table Mountain.
comunità di silhouette
Le forme dei visitatori condividono la sommità rocciosa della Table Mountain.
Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.

Una tavola onnipresente

Non c'è modo di sfuggire alla Table Mountain. Nel profondo del labirinto di moli, portici e passerelle del Waterfront o Cape Docks.

Nelle successive insenature a est ea sud che l'Atlantico meridionale sferza senza clamore e ricopre di enormi alghe: Sea Point, Bantry Bay, Clifton, Camps Bay, anche più distanti, a nord, Table View e Bloubergstrand.

Lo stesso vale per l'intricato interno della città, che sia il colorato Bo-Kaap o il più serio e composto attorno a De Waterkant o ZonneBloem.

Table Mountain vista da Table Tay, Cape Town, Sud Africa

Il profilo integrale di Table Mountain di una spiaggia sabbiosa a Table Bay, a nord di Cape Town.

Finché il tempo non contempla nuvole basse, Table Mountain si insinua al Città del Capo e i vasti dintorni come l'antico custode della grande città sudafricana che è diventata.

Questa montagna piatta la protegge dai venti del sud e dalla maggior parte delle varianti. Per secoli ne ha facilitato la difesa e, non ultimo, ha concesso ai coloni e agli attuali cittadini di Città del Capo una delle dimore più belle sulla faccia della terra.

Il primo pomeriggio lo abbiamo trascorso nello stesso Victoria & Alfred Waterfront che fungeva da molo merci ai tempi della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, quando l'area a nord del Città del Capo (Table Bay) divenne nota come “The Tavern of the Seas” per la preponderanza che aveva nella fornitura di navi olandesi, ma non solo.

La tovaglia abbagliante

Una nebbia fitta e furtiva si era insinuata nell'Atlantico meridionale. Si librava sul lungomare e teneva coperti i tetti degli edifici più alti.

Solo verso la fine della giornata, un vento provvidenziale lo ha portato ad altre fermate e ci fa intravedere i ripidi pendii della Table Mountain, da Devil's Peak all'estremità orientale dei suoi quasi 3 km di estensione fino a Lion's Head, all'estremità opposta.

Della foschia restava solo una scheggia che pendeva dalla sommità dell'altopiano, più o meno estesa, a seconda dell'intensità del vento di sudovest e della densità delle nubi orografiche che si erano già formate.

Table Mountain vista dal Waterfront, Cape Town, Sud Africa

La famosa tovaglia (tovaglia nuvola) copre la Table Mountain vista dal lungomare di Città del Capo.

Gli indigeni erano già abituati all'aspetto di quella che chiamavano la Tovaglia e al suo magico movimento sulla montagna. Sono stati nel tempo apprezzati, ritratti e qualificati in modi raffinati. Alcuni dicono che è Dio stesso a stendere la spugna.

Tra la comunità malese che vive in Città del Capo, divenne popolare il mito che l'effetto derivi da una peculiare competizione del tabacco. Van Hunks, un pirata olandese in pensione, non ha mai messo giù la pipa. Stava fumando ai piedi del Picco del Diavolo quando uno sconosciuto si avvicinò e lo sfidò a duello con la pipa.

Dopo una lunga giornata di fumo (si dice che il duello sarebbe durato diversi giorni) un'enorme nuvola di fumo aveva avvolto loro e Table Mountain. Van Hunks si rese conto non solo di aver vinto il duello, ma che il suo rivale era il Diavolo. I due sono scomparsi in un lampo. lasciato alle spalle il tovaglia che è, oggi, di volta in volta, visibile.

Di norma, quando la "tavola è apparecchiata" e il vento o la pioggia sono troppo forti, le autorità chiudono l'accesso alla cima della montagna. Così siamo arrivati ​​di notte, curiosi di sapere cosa sarebbe successo il giorno successivo. Presumibilmente ci stavamo avvicinando al tardo autunno della regione.

Contro ogni logica, il Città del Capo ha mantenuto temperature massime ben al di sopra dei 25º e giornate di cielo terso in una sequenza anacronistica troppo lunga che avrebbe portato alla situazione di drastica siccità in cui è rimasta.

Conquista della Montagna della Tavola

La nuova alba confermò un altro di quei giorni di cielo azzurro e di caldo insolito. Non abbiamo nemmeno esitato. Abbiamo lasciato la locanda di Sea Point, abbiamo fatto colazione in fretta e siamo saliti sull'autobus. Mezz'ora dopo, eravamo a bordo della funivia rotante che ci ha portato in cima alla Table Mountain.

Funivia per la cima della Table Mountain, Cape Town, Sud Africa

La funivia a cabine girevoli che collega la base alla cima della Table Mountain

Salendo, la baita svela i panorami impressionanti ai piedi della montagna: Testa di Leone sul lato opposto della gola.

A poco a poco, la casa di Città del Capo in crescita di dimensioni, con i grattacieli del CBD che svettano sul resto; l'area di Waterfront, i suoi moli, Table Bay e, quasi argentata fuori dalla vista, la sagoma di Robben Island dove le autorità sudafricane dell'apartheid tennero imprigionato Nelson Mandela.

Dopo questi tempi atroci, il Sud Africa si tratta della comparsa di una prima giustizia sociale mondiale che deve essere ancora più insospettata in un contesto turistico.

Contrariamente a quanto accade in così tante funivie in tutto il mondo, invece di persone che si spintonano e spingono per i finestrini che si affacciano sul lato più fotogenico, la cabina ha ruotato mentre saliva. La tecnologia risolveva così, in maniera egualitaria, l'ansia condivisa a bordo.

In cima, a più di 1000 metri – 1,086 m è la quota massima di Table Mountain – il vento soffiava violentemente, ma non abbastanza o, forse in direzione diversa da quella che ha costretto le autorità a sospendere i viaggi in funivia, a volte per giorni il filo.

I grandi scenari e la mitologia dei fondi africani

Dai balconi che fungevano da belvedere, siamo stati per la prima volta abbagliati dalla sontuosità geologica e dalla complessità dell'ambiente circostante. A sud, un lungo promontorio di arenaria venato di vegetazione poco profonda si estendeva fino a un lontano orizzonte marino. Era il penisola del capo.

12 Apostoli di Table Mountain, Città del Capo, Sud Africa

Le creste di arenaria e la vegetazione dei Dodici Apostoli, che precedono la lunga penisola del Capo che termina al Capo di Buona Speranza e alla sua Ponta do Cabo.

Da un lato trovò l'Atlantico meridionale, su un pendio che iniziò bruscamente e presto divenne addomesticato e lasciò il posto all'oceano su un dolce pendio verdeggiante.

Sul versante opposto, la Penisola si affacciava su False Bay, che i marinai portoghesi cominciarono a chiamare Capo False perché, di ritorno dall'Oriente, in quell'intricata configurazione del fondale africano, spesso confondevano Capo Hangklip con Ponta do Capo di buona speranza, il più famigerato e temuto dei punti costieri da loro attraversati, nonostante il ribattesimo da parte loro Bartolomeu Dias.

Nonostante il successo della traversata pioniera verso l'Oceano Indiano, nella loro immaginazione, Table Mountain, il penisola del capoo Capo di buona speranza, un Capo Punto e le furiose tempeste che tante volte li obbligavano ad attraversare continuavano a giustificare un immaginario spaventoso.

Camões lo attribuì al dolore di Adamastor, uno dei giganti della mitologia greca, bandito al Capo dalla ninfa Doris, per essersi innamorato della figlia Tethis.

Perché, secondo Camões, Adamastor ora apparve nel Capo sotto forma di tempesta. Nonostante il successo di Bartolomeu Dias, ha continuato per molto tempo ad affondare molte delle navi che cercavano di attraversare l'Atlantico all'Oceano Indiano.

Nessun segnale meteorologico da Adamastor

In quel giorno glorioso, non abbiamo visto alcun segno del mostro. Molto più vicino, abbiamo rilevato il cosiddetto “Tavolo posteriore”, le sue vette gemelle dette “Dodici Apostoli” e le spiagge arrotondate di Bantry Bay, Clifton e Camps Bay.

Glen Beach e i Dodici Apostoli, Città del Capo, Sud Africa

L'uomo inscrive una grafica sulla sabbia di Glen Beach con i Dodici Apostoli sullo sfondo

Anche la baia di Sea Point dove alloggiavamo e la profusione di ville e townhouse di lusso, alcune tra le proprietà più pregiate al mondo. Città del Capo.

Proprio sotto i balconi, indifferente a tre alpinisti che stavano preparando una discesa in doppia, una colonia di iraci ha combattuto il freddo umido portato dal vento, assorbendo il calore solare dietro una barriera di rocce. Dal nulla, tanti altri escursionisti emergono da un sentiero nascosto.

Avevano seguito l'esempio pionieristico di António de Saldanha – ma su un sentiero diverso – e scalato la montagna a piedi. Questo portoghese, ritenuto di origine castigliana, era un capitano e navigatore che faceva parte della flotta del 1503 di Afonso de Albuquerque.

In quella spedizione fu incaricato di prendere le tre navi che aveva comandato per unirsi alla flotta che aveva salpato in avanti. Più avanti lungo la rotta, Saldanha ei suoi uomini avrebbero pattugliato e depredato il commercio arabo nel Mar Rosso.

Saldanha e la prima ascensione europea

Non necessariamente per le migliori ragioni, Saldanha si ancorò a Mesa Bay e fu il primo europeo a scalare la Table Mountain. Dalla sua partenza da Lisbona, le navi da lui comandate soffrirono di un cattivo pilotaggio.

Sull'altura del Capo, Saldanha avrà calcolato male la sua traversata e si sarà ancorato in un luogo precoce. Confuso da quello che stava succedendo, atterrò nella zona di Table Bay.

Salì sulla montagna adiacente e la chiamò Taboa do Cabo. Dall'alto si vedeva che il Punta del Capo di Buona Speranza era a sud, ancora da attraversare.

Visitatore in cima alla Montagna della Tavola con Città del Capo sullo sfondo, Sud Africa

Table Mountain Explorer esprime il senso di libertà e vastità che si prova in cima a Table Mountain.

Saldanha e l'equipaggio hanno preso l'acqua lì, hanno scavato una grande croce che si trova nelle vicinanze di Lion's Head e sono stati coinvolti in una piccola disputa con gli indigeni Khoikhoi, l'etnia africana dominante quando sono arrivati ​​gli europei. Saldanha ha riportato solo lievi ferite. Riuscì a tornare alla barca e continuare il suo viaggio disordinato.

Attualmente, incontri con i nativi di Città del Capo sono amichevoli e consigliati. Sia l'attraversamento dell'Oceano Atlantico verso l'Oceano Indiano che la navigazione intorno alla Table Mountain, la scalata della montagna e le escursioni sul suo altopiano sono facili.

Anche se la fauna selvatica residente è molto più prolifica dei semplici iraci che vengono mostrati ai nuovi arrivati.

Oltre a questi pigri iracoidi, istrici, lucertole, tartarughe, manguste e i loro acerrimi rivali abitano la montagna, serpenti di varie specie. Fino al 1990 erano presenti anche i babbuini. Oggi, le sue azioni di guerriglia antituristica si concentrano principalmente su Ponta do Cabo.

Una serie di tracce con diverse ampiezze partono dal fronte del “Negozio del Top” e correre lungo la cima dell'altopiano.

Siamo entrati in uno che avanzava nell'entroterra fino al Maclear's Beacon, un mucchio di pietre eretto dall'astronomo irlandese Sir Thomas Maclear nel 1865 per aiutare a misurare la curvatura della Terra.

Da lì, tagliamo in prossimità di Devil's Peak e, quindi, verso il precipizio nord della Table Mountain, dove la vertiginosa cima delle scogliere rivela le case del Città del Capo, il suo Waterfront e la vasta Table Bay.

Il tramonto mistico sull'antica fine della Terra

In questa zona diversi gruppi si fermano e si abbandonano a foto e selfie troppo rischiosi, su massi che fanno capolino nell'imminente baratro.

Nel tratto che precede il ritorno alla funivia, con il sole che inizia a tramontare a ovest, si nota la profusione di sagome umane che usavano queste pietre come piedistalli e si eternizzavano in quel luogo memorabile. Più che convinti dell'ambientazione, ci siamo seduti per un momento ad ammirare la sua intrigante coreografia casual.

Cifre dei visitatori di Table Mountain, Cape Town, Sud Africa

Figure di visitatori che condividono la vetta rocciosa della Table Mountain

Ma avevamo programmato di scalare Lion's Head in tempo per apprezzare la Table Mountain in formato panoramico sotto l'ultima luce del crepuscolo. Così siamo scesi in fretta in una delle ultime funivie e abbiamo indicato la collina. A quel punto, un plotone di altri trekker stava già contestando i due sentieri segnalati.

Facciamo un errore e entriamo nel più falso e lungo. L'errore ci costringe a scalare la montagna a un ritmo crudele. Abbiamo raggiunto la vetta madidi di sudore e con il cuore in rima che pensavamo umanamente impossibile. In ogni caso ci trovavamo nel più centrale dei punti panoramici della città.

Potremmo girarci intorno e ammirare e fotografare la Table Mountain, da Devils Peak alle profondità del penisola del capo. Dietro, la casa di Città del Capo, in tutta la sua diversità e ricchezza, è stato sistemato e ha acquisito colore e drammaticità quando l'illuminazione elettrica e l'ultimo bagliore riscaldato lo hanno toccato.

Table Mountain vista dalla cima di Lion's Head, Cape Town, Sud Africa

La sera circonda la Table Mountain, vista dalla cima di Lion's Head.

Fino a quando il campo non è stato buio, abbiamo volteggiato più e più volte sopra quella esuberante testa di leone, ansimando, sfiniti, indecisi su ciò che ci ha impressionato di più e volevamo registrarci in scenari così mostruosi.

Maggiori informazioni su Table Mountain e consigli per scoprirla sul sito web di Cape Town Tourism (in inglese).

Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Teatro di Manaus
Città
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Controllo corrispondenza
Cultura
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
In viaggio
Moçamedes a PN Iona, Namibe, Angola

Grande ingresso all'Angola das Dunas

Sempre partendo da Moçâmedes, abbiamo viaggiato alla ricerca delle sabbie del Parco Nazionale di Namibe e Iona. La meteorologia del cacimbo impedisce la continuazione tra l'Atlantico e le dune dello splendido sud di Baía dos Tigres. Sarà solo questione di tempo.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Porvoo, Finlandia, magazzini
Storia
Porvoo, Finlândia

Una Finlandia medievale e invernale

Uno degli insediamenti più antichi della nazione Suomi, all'inizio del XIV secolo, Porvoo era un trafficato posto lungo il fiume e la sua terza città. Nel tempo, Porvoo ha perso importanza commerciale. In cambio, è diventata una delle venerate roccaforti storiche della Finlandia.  
Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, sentiero per il vulcano
Isole
Montserrat, Piccole Antille

L'isola vulcanica che rifiuta di dormire

Nelle Antille abbondano i vulcani chiamati Soufrière. Quello di Montserrat, risvegliato nel 1995, rimane uno dei più attivi. Alla scoperta dell'isola, rientriamo nell'area di esclusione ed esploriamo le aree ancora incontaminate dalle eruzioni.  
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Sopravvento, Saba, Caraibi olandesi, Olanda
Natura
Saba, Olanda

La misteriosa regina olandese di Saba

Con soli 13 km2, Saba passa inosservata anche ai più viaggiatori. A poco a poco, su e giù per i suoi innumerevoli pendii, scopriamo questa lussureggiante Piccola Antille, confine tropicale, tetto montuoso e vulcanico. della nazione europea meno profonda.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
Parchi Naturali
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Porto Rico, San Juan, città murata, panoramica
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Religione
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
Società
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
Animali selvatici
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.