Helsinki, Finlândia

La fortezza della Finlandia in tempi svedesi


rifugio crepuscolare
Sagome viventi in un tunnel dell'isola di Iso Mustasaari, quella dove attracca il traghetto proveniente dal fronte di Helsinki.
Helsinki all'indietro
Veduta del fronte storico di Helsinki, visto dal traghetto che collega la città a Suomenlinna.
convivialità
Un gruppo di amici si avvicina alla tomba di Augustin Ehrenvärd.
in cornice
Il canale ghiacciato che separa Iso Mustasaari da Susisaari.
Suomenlina pastello
Gli abitanti del villaggio risalgono un pendio del nucleo abitato di Iso Mustasaari.
vecchia minaccia
I visitatori vagano per il confine meridionale di Susisaari, insieme a uno dei numerosi pezzi di artiglieria sparsi lungo le coste di Suomenlinna.
l'inverno riposa
Panchine da giardino quasi sepolte nella neve che il dolce sole invernale non scioglie.
Omaggio al creatore
La tomba di Augustin Ehrenvärd, il giovane luogotenente svedese che guidò la perseverante e complessa costruzione di Suomenlinna.
Madre e figlio
Ninja (leggi, Nina) e Severi Lampela, entrambi soprannominati Pasanen, visitatori finlandesi di Suomenlinna.
mimetizzazione in A
Vecchi magazzini mimetizzati sotto terra e vegetazione e ai margini del Golfo di Finlandia.
Pedala nel tempo congelato
Passeggeri transita lungo il canale che separa l'isola Iso Mustasaari da Susisaari.
l'ultimo sottomarino
Il sottomarino Vesikko, eccezionale vestigia della flotta che aveva la Finlandia alla fine della 2° Guerra Mondiale e che il Trattato di Parigi del 1947 costrinse a distruggere.
Distaccata in un piccolo arcipelago all'ingresso di Helsinki, Suomenlinna è stata costruita su progetti politico-militari del regno svedese. Da più di un secolo, il Russia l'ha fermata. Dal 1917 i Suomi l'hanno venerata come il bastione storico della loro spinosa indipendenza.

Si sarebbe rivelato l'ultimo dei giorni con tempo clemente, anche se un po' ventoso.

È sotto un cielo metà azzurro e metà bianco-azzurro che parte il traghetto dal mercato di Kauppatori a Suomenlinna, la grande fortezza della Finlandia.

Man mano che ci allontaniamo dalla facciata degli edifici storici, la distanza rivela le cupole dei Cattedrale di Helsinki, sempre più evidenziato sulla linea delle facciate pastello che ammiriamo in dolce diagonale.

La nave si dirige verso l'uscita di quel tratto stretto e geometrico dell'estuario che bagna la capitale.

Fronte storico di Helsinki, Finlandia

Veduta del fronte storico di Helsinki, visto dal traghetto che collega la città a Suomenlinna.

Sul suo percorso, un trampolino di isolotti poco profondi che, da Valkosaari a Pormestarinluodot, ostacolano la navigazione.

Dopo qualche tempo, con il molo da cui eravamo partiti già trasformato in uno scorcio, cominciano a definirsi i capricci dell'isola di destinazione e, presto, le pareti color salmone della sua sontuosa ala, oggi trasformata nel locale della birreria.

Alla Conquista della Suomenlinna Resistente

Sbarchiamo ad uno dei due ormeggi che lo servono e attraversiamo quello stesso vecchio edificio attraverso il tunnel sotto la torretta del faro. Dall'altro lato, una brillante luminosità rivela il dominio di Suomenlinna, ancora gelido e inaridito dall'inverno artico che ha resistito.

Come in altre parti della Finlandia, la proliferazione di nomenclature di segni attira rapidamente la nostra attenzione, a cominciare da quella del luogo stesso.

La costruzione della fortezza iniziò nel 1748, in un'epoca in cui il territorio finlandese faceva parte del Regno di Svezia.

Questo stesso contesto storico, la successiva scissione, ha fatto sì che parte dell’attuale popolazione finlandese – principalmente sulla costa occidentale – abbia origini svedesi e utilizzi lo svedese come prima lingua, da un’origine completamente diversa dal finlandese.

Suomenlinna, Sveaborg, Viapori. Il trio di nomi di guerra

Gli svedesi hanno sempre chiamato il forte che ci ha accolto Sveaborg (castello svedese).

I finlandesi, fino al 1918, lo chiamavano Viapori. Da allora in poi, come rettifica, adottarono Suomenlinna (Castelo da Finlândia).

Per rispetto della comunità svedese Finlândia, i due termini continuano a coesistere.

Tunnel della fortezza di Suomenlinna, Helsinki, Finlandia

Sagome viventi in un tunnel dell'isola di Iso Mustasaari, quella dove attracca il traghetto proveniente dal fronte di Helsinki.

Suomenlinna si basa su sei isole, che hanno anche nomi concorrenti di entrambi i dialetti.

Eravamo sbarcati all'Iso Mustasaari, il secondo per grandezza e dove si concentravano gli edifici più imponenti dell'arcipelago:

una chiesa originariamente ortodossa costruita nel 1854, la biblioteca, un museo della guerra e un museo del giocattolo, tra gli altri, e persino la prigione locale. Suomenlinna ospitava una colonia penale di minima sicurezza dove i detenuti si impegnavano a mantenere e ricostruire le infrastrutture.

Ma le isole hanno molto di più che questi semplici abitanti condannati. Al di là della fortezza-museo, vive la sua vita. I residenti permanenti e liberi sono circa novecento.

Di questi, trecentocinquanta lavorano tutto l'anno nelle funzioni più diverse.

Una roccaforte della cultura finlandese

Suomenlinna è diventata un centro culturale complementare di Helsinki. Ha ricevuto il Nordic Arts Center. Ha trasformato diversi edifici in studi d'arte che vengono affittati a basso prezzo agli artisti interessati.

Nel loro modo pragmatico e rapido, le autorità finlandesi prestano così tanta attenzione a mantenere collegamenti regolari con traghetti, forniture termali, idriche ed elettriche.

Nel 2015 l’ufficio postale finlandese ha addirittura testato la distribuzione della posta utilizzando i droni.

Tomba di Augustin Ehrenvärd, mentore della fortezza di Suomenlinna.

La tomba di Augustin Ehrenvärd, il giovane luogotenente svedese che guidò la perseverante e complessa costruzione di Suomenlinna.

Ciò che troviamo un po' ovunque sono, però, reliquie alcune più antiche di altre della sua lunga storia.

Ci imbattiamo nella tomba di Augustin Ehrenvärd, il giovane luogotenente svedese che guidò la tenace e complessa costruzione della fortezza.

La sua lapide è coronata da un elmo gotico con una protezione facciale che si estende in punta fino sotto il mento, in un modo così mistico da intimidirci. Entriamo e usciamo da altri piccoli cunicoli che i raggi quasi obliqui del sole invadono senza pietà.

Abbiamo attraversato il canale che separa Iso Mustasaari da Susisaari attraverso il ponte che li unisce. Percorriamo il litorale ombroso di quest'ultima isola e ci troviamo faccia a faccia con la costa opposta bagnata da un braccio di mare quasi ghiacciato e da una morbida luce pomeridiana.

Attraversammo Susisaari davanti al Golfo di Finlandia. Lì, le raffiche boreali, fino ad allora distanziate, si trasformano in una burrasca permanente.

Abbiamo ritrovato vecchi magazzini travestiti da case rurali d'altri tempi, con i tetti ad A da cima a fondo, ricoperti di terra e vegetazione, circondati da tratti di neve ancora lontana dallo scioglimento.

Il vento furioso punisce i grandi cannoni distribuiti e nascosti sull'alta costa, tutti puntati sul Golfo di Finlandia e sulle minacce che da lì derivano sempre.

Suomenlinna, davanti alla Storia: i finlandesi, gli svedesi, i russi.

In quest'area di vasti spazi, grandi influenze e ambizioni da eguagliare, i finlandesi si abituarono a temere il Regno di Svezia da un lato, e il ben più grande impero russo dall'altro. L'invasione teutonica della seconda guerra mondiale arrivò come extra.

Un extra inaspettato che è costato il Finlândia tre sezioni importanti del paese: parte della Carelia e la città di Kuusamo, Salla e Petsamo, l’ex “braccio destro della nazione” – preso dall’URSS come trofeo per essersi allineato all’Asse tra il 1941 e il 1944.

Suomenlinna apparve due secoli prima come Sveaborg (castello svedese).

A quel tempo, la Svezia controllava il territorio dei suoi vicini Suómi e i desideri espansionistici russi preoccupavano i suoi governanti.

Pezzi di artiglieria, fortezza di Suomenlinna, Helsinki, Finlandia

I visitatori vagano per il confine meridionale di Susisaari, insieme a uno dei numerosi pezzi di artiglieria sparsi lungo le coste di Suomenlinna.

Anche la fortificazione a forma di stella adattata all'aspetto delle sei isole e le batterie che abbiamo superato in modalità investigativa sono state installate secondo la comodità della Flotta dell'Arcipelago, lì ancorata per proteggere la soglia sud-orientale del Regno di Svezia,

In evidente contrappunto alla base navale russa di Kronstadt, situato accanto a San Pietroburgo, nelle profondità orientali del Golfo di Finlandia.

In termini strategici, Sveaborg servì a impedire alle forze armate degli zar di acquisire una posizione di base sulle spiagge da dove il persistente bombardamento di artiglieria avrebbe permesso di prendere Helsinki.

Nel 1755 parteciparono ai lavori più di settemila soldati svedesi di stanza in Finlandia. Due anni dopo, il coinvolgimento svedese nell'intricata Guerra dei Sette Anni contro Gran Bretagna, Prussia e Portogallo (tanto per cambiare dalla parte russa) lo ha sospeso. L'alleanza si rivelò rapidamente tanto cinica quanto di breve durata.

Nonostante la sconfitta nella Guerra dei Sette Anni, appena un quarto di secolo dopo, i russi approfittarono di una provocazione autocratica e incauta del re di Svezia per passare all'attacco.

Contro la volontà popolare e dell'opposizione, Gustavo III pianificò la distruzione della flotta russa del Baltico e il sequestro della stessa San Pietroburgo.

Nook di Suomenlinna, Helsinki, Finlandia

Il canale ghiacciato che separa Iso Mustasaari da Susisaari.

Ma i piani del monarca fallirono.

I russi impedirono agli svedesi di sbarcare e costrinsero la loro ritirata a Sveaborg dove erano frustrati dal fatto che le autorità militari si fossero dimenticate di assicurare il riarmo e la riparazione di una forza nautica molto più grande della flotta dell'Arcipelago.

Avvertito di questo incidente, un certo ammiraglio Grieg si affrettò a recuperare la flotta russa. Appena diciannove giorni dopo, indicò Sveaborg. Sciolse uno squadrone svedese di "spia" e stabilì un blocco navale che interruppe il legame della Finlandia meridionale con la Svezia.

Non sarebbe ancora da questo che i russi avrebbero preso il sopravvento sulla nazione rivale, ma, nel 1808, lo zar Alessandro I si alleò con Napoleone e la Russia diede il colpo finale. All'indomani della guerra di Finlandia, la parte orientale della Svezia fu trasformata nel Ducato di Finlandia Finlândia, infine, sotto l'impero russo.

Ritorno a Iso Mustasaari con passaggio attraverso il sottomarino Veliko

Contro la tempesta infuriata, ma in santa pace, continuammo ad avanzare verso i confini meridionali di Susisaari e Suomenlinna. La maggior parte delle volte camminavamo da soli, abbandonati al freddo e allo scenario enigmatico.

Così proseguimmo finché, su un pendio di terra battuta, ci imbattemmo in due anime solo leggermente meno confuse della nostra. Scendono Ninja (leggi, Nina) e Severi Lampela, madre e figlio, entrambi soprannominati Pasanen. Siamo saliti.

La vista di altri umani in quella solitudine fortificata ci incoraggia a comunicare. Ti salutiamo. Parliamo. Le due anime si dimostrano subito finlandesi, a rigor di termini. Senza fondamento o obiettivo pragmatico, l'approccio non ha senso per loro e i loro sguardi imbarazzati te lo fanno sapere.

Abbiamo comunque forzato alcune foto com'era, nonostante tutto, la missione con cui ci siamo andati a piedi. Abbiamo accorciato l'interazione e siamo tornati al comfort accoppiato originale.

Sottomarino Vesikko, Suomenlinna, Helsinki, Finlandia

Il sottomarino Vesikko, eccezionale vestigia della flotta che aveva la Finlandia alla fine della 2° Guerra Mondiale e che il Trattato di Parigi del 1947 costrinse a distruggere.

Sulla via del ritorno verso nord ci siamo imbattuti nel cantiere navale e nelle banchine del complesso, piene di barche, alcune funzionanti, altre no. Ritorniamo al canale e alla riva oscura e gelida di Susisaari.

E lì abbiamo continuato finché non abbiamo trovato un'altra opera d'arte nautico-militare degna di attenzione, Vesikko, il sottomarino finlandese per eccellenza.

Durante la Seconda Guerra Mondiale (Guerra d'Inverno e Guerra di Continuazione), i finlandesi lo utilizzarono in successive pattuglie nel Golfo di Finlandia da Suomenlinna, ma, una volta che l'esito del conflitto confiscò i tre territori già menzionati, il Trattato di Parigi del 1947, proibì alla Finlandia di possedere nuovamente sottomarini.

Vesikko fu l'unico a sfuggire alla distruzione forzata e diffusa della flotta. Può essere visitato solo durante l'estate. Il motivo per cui ci siamo limitati ad apprezzarlo dall'esterno, stranamente appollaiato con la sua poppa a sfiorare la riva fangosa. Con la prua sospesa sia sopra il livello del suolo che del mare.

Il breve pomeriggio invernale, invece, correva dietro l'orizzonte con il vento secco e gelido che già ci feriva il viso. Puntiamo di nuovo all'Iso Mustasaari.

Ci siamo rifugiati nel Museo della Guerra. Lì abbiamo appreso degli episodi che portarono alla piena autodeterminazione finlandese che, dal 1917 in poi, approfittando del caos politico della Rivoluzione Russa, il popolo Suómi riuscì ad affermare contro gli ex sovrani.

In epoca svedese, inevitabilmente, ma effimera, russa, la storia murata di Sveborg, Viapori e Suomenlinna convergeva sulla nazionalità destinata alla fortezza.

Il traghetto attracca di nuovo in orario, non ci aspettavamo altro. Siamo reimbarcati quando la notte ha cominciato a calare. Venti minuti contemplativi dopo, eravamo di nuovo nella capitale di una Finlandia poco più che laica e indipendente.

TAP vola verso Helsinki 6 volte a settimana, con tariffa andata e ritorno, tasse incluse, a partire da 353€. La rotta è operata con aeromobili della famiglia A320.

Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Galle, Sri Lanka

Né Beyond né Short del leggendario Taprobane

Camões ha immortalato Ceylon come un punto di riferimento indelebile delle Scoperte dove Galle fu una delle prime fortezze controllate e cedute dai portoghesi. Passarono cinque secoli e Ceylon lasciò il posto allo Sri Lanka. Galle resiste e continua a sedurre esploratori dai quattro angoli della Terra.
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Isola di Hailuoto, Finlândia

La Pesca del Vero Pesce Fresco

Al riparo da pressioni sociali indesiderate, gli isolani di A forma di squalo sanno come sostenersi. Sotto il mare ghiacciato della Bothnia, catturano ingredienti preziosi per i ristoranti di Oulu, nella Finlandia continentale.
Sigiriya, Sri Lanka

La fortezza capitale di un re parricidio

Kashyapa I è salito al potere dopo aver murato il monarca di suo padre. Temendo un probabile attacco del fratello erede al trono, trasferì la città principale del regno sulla sommità di un picco di granito. Oggi, il suo eccentrico rifugio è più accessibile che mai e ci ha permesso di esplorare la trama machiavellica di questo dramma singalese.
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Khiva, Uzbekistan

La fortezza della Via della Seta che l'Unione Sovietica Velluta

Negli anni '80, i leader sovietici rinnovarono Khiva in una versione ammorbidita, che, nel 1990, l'UNESCO dichiarò Patrimonio dell'Umanità. L'URSS si disintegrò l'anno successivo. Khiva ha conservato il suo nuovo splendore.
Fortezze

Il mondo in difesa - Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Inari, Finlândia

Il Parlamento di Babele della Nazione Sami

La nazione Sami comprende quattro paesi che interferiscono nella vita della loro gente. Nel parlamento di Inari, in vari dialetti, i Sami si governano come meglio possono.
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Una città perduta e ritrovata
Architettura & Design
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Bonaire, isola, Antille olandesi, ABC, Caraibi, Rincon
Città
Rincon, Bonaire

Il Pioneer Nook delle Antille olandesi

Poco dopo l'arrivo di Colombo nelle Americhe, i castigliani scoprirono un'isola caraibica che chiamarono Brasile. Temendo la minaccia dei pirati, nascosero il primo insediamento in una valle. Dopo un secolo, gli olandesi presero possesso di quell'isola e la ribattezzarono Bonaire. Non hanno cancellato il nome senza pretese della colonia precursore: Rincon.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Cultura
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Etnico
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
panoramico, Saint Pierre, Martinica, Antille francesi
Storia
Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
Alla fine del pomeriggio
Isole
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Dodici Apostoli, Great Ocean Road, Victoria, Australia
Natura
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Parchi Naturali
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
intersezione
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Balandra Beach, Messico, Baja California, vista aerea
Spiagge
Spiaggia di Balandra e Il Tecolote, Baja California Sur, Messico

Tesori balneari del Mare di Cortes

Spesso proclamata la spiaggia più bella del Messico, la troviamo nella caletta frastagliata di spiaggia Balandra è un grave caso di esotismo paesaggistico. In duo con il vicino spiaggia Tecolote, risulta essere uno dei beachfront davvero imperdibili della vasta Baja California.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Religione
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Società
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.