Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione


Pericolo: catene
Il bagnino porta un nuotatore trascinato dalle forti correnti al largo di Boucan Canot. Gli interventi dei bagnini sono permanenti a Boucan Canot.
riposo sicuro
I bagnanti chiacchierano in una zona costiera protetta da onde e squali da una barriera di rocce.
Canoa Boucan
La spiaggia di Boucan Canot, la più famosa della Riunione anche per i frequenti attacchi di squali che vi hanno già avuto luogo.
RIP Elio
Un memoriale onora e ricorda Elio Canestri, un promettente surfista che, a soli tredici anni, cedette all'attacco di uno squalo.
Riposo sicuro II
I bagnanti si rilassano in una delle rare zone dell'isola della Riunione protetta dagli squali da una barriera corallina.
feroce indiano
Una forte onda agita i bagnanti ai bordi delle sabbie di Boucan Canot, spiaggia che, oltre alle correnti e agli squali che hanno costretto l'installazione e la manutenzione di una rete protettiva, è investita da onde violente.
una navigazione rischiosa
Surfisti e bodyboarder salgono sulle onde a Boucan Canot, vicino a dove Elio Canestri è stato vittima di uno squalo.
Bagnanti contro indiani
I bagnanti si divertono ai margini dell'Oceano Indiano, a Boucan Canot.
Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.

Proiettata dal fondo dei mari come una delle tante massicce eruzioni laviche che il clima ha plasmato e reso rigoglioso, la Isola della Riunione ha bordi e coste quasi sempre brusche e scoscese. Abbiamo indicato Boucan Canot, uno dei più famosi.

Di questo si lamentano i residenti della capitale Saint-Denis, desiderosi di fuggire dall'isolamento e dalla routine che, nonostante il nome, l'isola che li ha accolti impone loro. Thomas è nato a Versailles.

Lasciò la raffinatezza e la vicinanza della metropoli parigina in cerca di avventura e di una carriera di insegnante più solare e retribuita nelle propaggini meridionali dell'Unione Europea. Come sempre, il piano è andato solo in parte come previsto.

In termini sociali e culturali, il piccolo Saint-Denis lo teneva corsetto, un po' depresso. Thomas contava sulla spiaggia per ravvivare il suo umore.

Ci ha lodato e consigliato che Boucan Canot era la mecca della sabbia, dell'acqua, del sale e della melanina a cui era abituato al pellegrinaggio.

Bagnanti contro indiani

I bagnanti si divertono ai margini dell'Oceano Indiano, a Boucan Canot.

Ha omesso, per intero, il lato oscuro che gli avremmo scoperto.

Giornata in spiaggia a Boucan Canot

È giunto il giorno per noi di dirigerci a sud. Boucan Canot si è distinto dalla mappa e ha continuato a stimolare la nostra memoria. Non ci è voluto molto per guardarlo.

Abbiamo preso la strada che collega Saint-Denis a Saint-Paul.

Sono bastate poche centinaia di metri per rendersi conto di quanto fosse estremo e impegnativo il Reunion Island.

In una parte di questo percorso, la costa si rivelò così ripida e scoscesa che non aveva mai concesso un percorso, per quanto stretto. Consegnate alle prove, le autorità francofone eressero un viadotto sul mare.

Tuttavia, la sequenza stradale di questo viadotto era una strada sottomessa alla rupe, sulla quale, troppo spesso, cadevano enormi massi.

Solo forti reti d'acciaio hanno impedito a queste bombe a orologeria di causare danni più gravi. Il dramma discreto erano le lunghe file di traffico senza scampo.

Nel momento in cui ci siamo messi in cammino, però, tutto sta andando per il meglio. Non ci siamo fermati a Saint-Paul.

Boucan Canot, era a pochi chilometri di distanza. Ci appare come una deviazione inaspettata dalla strada costiera.

Boucan Canot: una spiaggia frenetica

Abbiamo parcheggiato. Siamo passati davanti alla torre di avvistamento in cima alla spiaggia, abitata da bagnini sempre pronti.

Da lì, possiamo contemplarlo in formato panoramico, tra la linea delle palme da cocco e i frangenti.

Le nuvole pesanti che lo sorvolano addensano la luce.

La spiaggia di Boucan Canot, Isola della Reunion

La spiaggia di Boucan Canot, la più famosa della Riunione anche per i frequenti attacchi di squali che vi hanno già avuto luogo.

Oscurano l'oro della sabbia, non oscurata e modellata da mille piedi. Finché lo era, la spiaggia era lontana dalla pigna.

Un'evidente sete di freschezza diffusa dal surf ha fatto concentrare la maggior parte dei vacanzieri in riva al mare.

Ci siamo anche sistemati lì. Abbiamo rapidamente esaminato il profilo delle offerte di lavoro. Scaldati dalla giornata afosa, ci uniamo a una folla di bagnanti già in acqua.

Una lastra di roccia ricoperta di pietre complicò la scalinata anfibia inaugurale. La forza delle onde che si infrangono sulla sabbia ha ulteriormente aggravato la vulnerabilità di chi cercava di immergersi.

Alla fine siamo riusciti ad entrare.

In un lampo, ci troviamo in una specie di lavandino per lavatrice marina.

Boucan Canot Beach surf, isola della Riunione

Una forte onda agita i bagnanti ai margini delle sabbie di Boucan Canot, spiaggia che, oltre alle correnti e agli squali – che hanno costretto l'installazione e la manutenzione di una rete protettiva – è investita da onde violente.

Onde e Correnti, oltre agli Squali

Spinte da una tempesta verso sud nell'Oceano Indiano, le onde sono arrivate senza uno schema definito di vigore.

Hanno fatto irruzione più avanti o più indietro e hanno sorpreso i bagnanti, che si sono trovati confusi e trascinati nella zona pietrosa e nella sabbia e urtandosi l'uno contro l'altro.

Per coloro che, come noi, avevano deciso di mettersi al sicuro dal surf e di alzarsi dai piedi, le prospettive non erano molto migliori.

Le correnti intermittenti colsero alla sprovvista alcuni degli avventurieri più ignari e li trascinarono verso l'alto mare.

Tanto e così spesso che i bagnini avevano già rinunciato a entrare e uscire dall'acqua. Rimasero, in posizioni strategiche, over large longboard.

Uno dopo l'altro, hanno salvato i bagnanti in difficoltà.

Soccorso bagnante a Boucan Canot, Isola della Reunion

Il bagnino porta un nuotatore trascinato dalle forti correnti al largo di Boucan Canot. Gli interventi dei bagnini sono permanenti a Boucan Canot.

Nonostante tutto il moto ondoso e il suo trambusto, più che abituati alla violenza del mare portoghese, sguazzavamo, ci tuffavamo sotto la risacca e solo non prendevamo il passaggio sulle onde perché sarebbero finite, dolorosamente, su quella roccia e lastra di pietra che ci aveva reso difficile l'ingresso. .

Ci siamo rinfrescati come meritavamo, anche allora con la consapevolezza che quell'incursione nel mare ribelle di Boucan Canot era stata, di per sé, un'enorme manna.

La peste degli squali toro

A causa dei successivi incidenti mortali che vi si sono succeduti, per la realistica e dolorosa prospettiva di ripetersi, Boucan Canot trascorre buona parte del tempo confinato ai bagni. I colpevoli sono gli stessi da tempo: gli squali toro che solcano le acque intorno all'isola, desiderosi di banchettare con carne vulnerabile.

Na Reunion Island, gli attacchi ai bagnanti sono più frequenti che sulla vasta costa australiana, probabilmente la più frequentata in termini di argomento. In modo tale che, in termini statistici, quest'isola francofona sia il luogo con la maggiore probabilità di verificarsi sulla faccia della Terra.

Solo dal 2010 al 2016 l'isola è stata teatro di 19 attacchi dalle tragiche conseguenze, il 16% dei 491 registrati nel mondo. Di questi 19, otto sono stati fatali. A Boucan Canot e dintorni, due sono stati registrati solo nel 2011. Uno nel 2015 e l'ultimo su questa spiaggia, nel 2016.

Memoriale al giovane Elio Canestri, vittima di un attacco di squalo, Boucan Canot, Isola della Reunion

Un memoriale onora e ricorda Elio Canestri, un promettente surfista che, a soli tredici anni, cedette all'attacco di uno squalo.

L'incidente del 2015 ha ucciso Elio Canestri, un campione di surf giovanile ammirato dalla comunità surfistica locale e non solo.

Elio aveva tredici anni. Ha ceduto all'assalto di uno squalo che ha iniziato mordendolo nella pancia, lo ha trascinato via dalla tavola e lo ha divorato come una piccola foca.

Nell'agosto 2016, Laurent Chardard, 21 anni, stava facendo surf con gli amici quando un altro squalo si è ferito così gravemente al braccio e al piede che le ferite hanno richiesto l'amputazione.

Dimenticare gli eventi passati dalla psicologia di gruppo

In questi due casi, come in quasi tutti, i giovani surfisti sono stati entusiasti delle onde enormi e ben formate che si infrangono sulla riva.

Il fatto che facciano surf in gruppi di adolescenti li fa ignorare gli eventi passati e il divieto ufficiale di surfare su gran parte della costa dell'isola. Oltre ai rispettivi avvertimenti delle autorità – e pensare che non accadrà loro nulla.

Le varie tragedie hanno costretto le autorità francofone della Riunione a dotare le spiagge più frequentate di reti anti-squalo, come accaduto a Boucan Canot e/o di altri sistemi di protezione.

Anche così, in alcune situazioni, i surfisti si sono avventurati in luoghi non protetti da queste reti.

Surfisti e bodyboarder, Boucan Canot, Isola della Reunion

Surfisti e bodyboarder salgono sulle onde a Boucan Canot, vicino a dove Elio Canestri è stato vittima di uno squalo.

In altri, gli squali sono entrati attraverso fessure generate tra i controlli effettuati dai subacquei, o sopra le reti che, di volta in volta, le onde massicce abbassano.

Teorie e altre teorie

Tra i periodi di lutto per gli attacchi, l'economia inspiegabilmente dinamica del surf e del bodyboard di Boucan Canot e dell'isola in generale soffre.

I negozi e le scuole di surf e persino gli hotel e resort sul mare chiudono i battenti. Dopo un po', il ricordo svanisce. Le amache vengono rattoppate o sostituite e gli adolescenti riacquistano la solita incoscienza. Gli squali non perdonano il minimo errore e causano nuove vittime.

Resta da vedere con certezza cosa rende la Riunione, rispetto ad altre parti del mondo, un numero così elevato di attacchi di squali.

Quando vivevamo con i residenti dell'isola, non nascondevamo la curiosità che, da bagnanti stranieri ma non solo, l'argomento ci destava. Abbiamo cercato di chiarirci solo per giungere alla conclusione che abbondano solo le teorie.

Ci hanno raccontato di vecchi mattatoi alla periferia della capitale Saint-Denis che scaricavano in mare sangue e persino carcasse di animali e attiravano così enormi banchi di squali, soprattutto gli squali toro più abbondanti e attivi.

Ci hanno accennato alla colpa delle flotte pescherecce cinesi che, con i loro enormi pescherecci da traino, rendevano scarse le solite prede degli squali.

Questi sono aumentati da quando, nel 1999, l'isola ha vietato la pesca perché è stato riscontrato che la carne di squalo conteneva alti livelli di tossina ciguatera, prodotta da un piccolo organismo nel plancton che finisce per accumularsi nella carne dei super predatori che Reunion Island prima di consumare ed esportare.

Ambientalisti vs surfisti, The Drama's Edge Showdown

Qualunque sia la ragione, i feroci squali toro sono proliferati e si sono abituati a sopperire alla mancanza di cibo con gli umani che si sono abituati, in particolare surfisti e bodyboarder.

Come motivo del dramma, le misure da adottare al di là delle reti fallibili e dei sistemi di protezione complementari hanno suscitato una polemica internazionale. Centinaia di articoli sulla stampa hanno soprannominato l'isola "l'isola degli squali", "acquario degli squali", "capitale mondiale dell'attacco degli squali", ecc., ecc.

Hanno incitato sempre più oppositori di una faida appena formata. Da un lato, ci sono ambientalisti che sostengono che gli squali pattugliano il mare intorno al Reunion Island da millenni e che surfisti e bagnanti devono rispettare le logiche naturali della loro esistenza.

Spiaggia protetta dagli squali dalla barriera corallina, Isola della Reunion

I bagnanti si rilassano in una delle rare zone dell'isola della Riunione protetta dagli squali da una barriera corallina.

D'altra parte, la comunità mondiale del surf che rabbrividisce per le tragedie dell'isola ma difende il diritto dei surfisti di navigare lì senza rischiare la vita.

L'intervento mediatico di Kelly Slater

Nel 2017 Kelly Slater, undici volte campionessa mondiale di surf, ha reagito all'attacco all'inizio di quest'anno con un post sulla sua pagina Instagram: il Reunion Island e dovrebbe succedere ogni giorno…”

"Se tutti avessero questo tasso di attacchi, nessuno userebbe l'oceano e letteralmente milioni di persone morirebbero in questo modo".

Come ci si aspetterebbe, il post ha globalizzato il conflitto una volta per tutte. Molti fan sono rimasti delusi da Slater quando hanno visto che stava sacrificando la sua solita posizione ambientale perché, d'altra parte, c'erano i surfisti.

Gli ambientalisti sostengono che le autorità dovrebbero scommettere su reti più efficienti e sulla sensibilizzazione dei surfisti.

Ma soprattutto nel recupero degli ecosistemi corallini al largo dell'isola, devastati dalla pesca eccessiva da parte dei pescherecci a strascico. Boucan Canot ha recentemente ricevuto nuove reti e sistemi di protezione.

Dal 2016 non subisce attacchi. L'ultimo, dentro Reunion Island, si è svolto poco più di un anno fa e i suoi bagnanti e surfisti se ne saranno già dimenticati. Data l'improbabilità che l'isola si sbarazzi degli squali che la circondano, resta da vedere per quanto tempo.

Bagnanti, Isola della Reunion

I bagnanti chiacchierano in una zona costiera protetta da onde e squali da una barriera di rocce.

Maggiori informazioni su questa isola francese nell'Oceano Indiano sul sito web di Turismo della Riunione

Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Piton de la Fournaise, Reunion Island

Il Vulcano Turbolento della Riunione

A 2632 m, il Piton de la Fournaise, l'unico vulcano eruttivo della Réunion, occupa quasi la metà di quest'isola che abbiamo esplorato, montagne sopra, montagne sotto. È uno dei vulcani più attivi e imprevedibili dell'Oceano Indiano e della Terra.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Chihuahua, Città del Messico, Pedigree, Deza e Ulloa
Città
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
cabina affollata
Cultura
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
In viaggio
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Spaventoso
Etnico

Ambergris Caye, Belize

Parco giochi del Belize

Madonna l'ha cantata come La Isla Bonita e ha rafforzato il motto. Oggi, né gli uragani né i litigi politici scoraggiano i VIP e i vacanzieri benestanti dal godersi questa vacanza tropicale.

arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Canale per il tempo libero
Storia
Amsterdam, Olanda

Di canale in canale, in un'Olanda surreale

Liberale quando si tratta di droga e sesso, Amsterdam ospita una folla di estranei. Tra canali, biciclette, caffetterie e finestre di bordelli, cerchiamo invano il suo lato più tranquillo.
Natale ai Caraibi, presepe a Bridgetown
Isole
Bridgetown, Barbados e Granada

Un Natale caraibico

Viaggiando, da cima a fondo, attraverso le Piccole Antille, il periodo natalizio ci coglie alle Barbados e a Grenada. Con le famiglie dall'altra parte dell'oceano, ci siamo adattati al caldo e alle feste in spiaggia dei Caraibi.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Amaca a Palmeiras, Uricao Beach-Mar dei Caraibi, Venezuela
Natura
P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Mucca Cachena a Valdreu, Terras de Bouro, Portogallo
Parchi Naturali
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Premio Kukenam
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Daytona Beach Portico, la spiaggia più famosa dell'anno, in Florida
Spiagge
Daytona Beach, Florida, Stati Uniti

La Cosiddetta Spiaggia più Famosa del Mondo

Se la sua notorietà deriva principalmente dalle gare NASCAR, a Daytona Beach troviamo una peculiare località balneare e una spiaggia vasta e compatta che, in tempi passati, veniva utilizzata per le prove di velocità delle auto.
Vairocana Buddha, tempio Todai ji, Nara, Giappone
Religione
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Società
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.