Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione


Pericolo: catene
Il bagnino porta un nuotatore trascinato dalle forti correnti al largo di Boucan Canot. Gli interventi dei bagnini sono permanenti a Boucan Canot.
riposo sicuro
I bagnanti chiacchierano in una zona costiera protetta da onde e squali da una barriera di rocce.
Canoa Boucan
La spiaggia di Boucan Canot, la più famosa della Riunione anche per i frequenti attacchi di squali che vi hanno già avuto luogo.
RIP Elio
Un memoriale onora e ricorda Elio Canestri, un promettente surfista che, a soli tredici anni, cedette all'attacco di uno squalo.
Riposo sicuro II
I bagnanti si rilassano in una delle rare zone dell'isola della Riunione protetta dagli squali da una barriera corallina.
feroce indiano
Una forte onda agita i bagnanti ai bordi delle sabbie di Boucan Canot, spiaggia che, oltre alle correnti e agli squali che hanno costretto l'installazione e la manutenzione di una rete protettiva, è investita da onde violente.
una navigazione rischiosa
Surfisti e bodyboarder salgono sulle onde a Boucan Canot, vicino a dove Elio Canestri è stato vittima di uno squalo.
Bagnanti contro indiani
I bagnanti si divertono ai margini dell'Oceano Indiano, a Boucan Canot.
Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.

Proiettata dal fondo dei mari come una delle tante massicce eruzioni laviche che il clima ha plasmato e reso rigoglioso, la Isola della Riunione ha bordi e coste quasi sempre brusche e scoscese. Abbiamo indicato Boucan Canot, uno dei più famosi.

Di questo si lamentano i residenti della capitale Saint-Denis, desiderosi di fuggire dall'isolamento e dalla routine che, nonostante il nome, l'isola che li ha accolti impone loro. Thomas è nato a Versailles.

Lasciò la raffinatezza e la vicinanza della metropoli parigina in cerca di avventura e di una carriera di insegnante più solare e retribuita nelle propaggini meridionali dell'Unione Europea. Come sempre, il piano è andato solo in parte come previsto.

In termini sociali e culturali, il piccolo Saint-Denis lo teneva corsetto, un po' depresso. Thomas contava sulla spiaggia per ravvivare il suo umore.

Ci ha lodato e consigliato che Boucan Canot era la mecca della sabbia, dell'acqua, del sale e della melanina a cui era abituato al pellegrinaggio.

Bagnanti contro indiani

I bagnanti si divertono ai margini dell'Oceano Indiano, a Boucan Canot.

Ha omesso, per intero, il lato oscuro che gli avremmo scoperto.

Giornata in spiaggia a Boucan Canot

È giunto il giorno per noi di dirigerci a sud. Boucan Canot si è distinto dalla mappa e ha continuato a stimolare la nostra memoria. Non ci è voluto molto per guardarlo.

Abbiamo preso la strada che collega Saint-Denis a Saint-Paul.

Sono bastate poche centinaia di metri per rendersi conto di quanto fosse estremo e impegnativo il Reunion Island.

In una parte di questo percorso, la costa si rivelò così ripida e scoscesa che non aveva mai concesso un percorso, per quanto stretto. Consegnate alle prove, le autorità francofone eressero un viadotto sul mare.

Tuttavia, la sequenza stradale di questo viadotto era una strada sottomessa alla rupe, sulla quale, troppo spesso, cadevano enormi massi.

Solo forti reti d'acciaio hanno impedito a queste bombe a orologeria di causare danni più gravi. Il dramma discreto erano le lunghe file di traffico senza scampo.

Nel momento in cui ci siamo messi in cammino, però, tutto sta andando per il meglio. Non ci siamo fermati a Saint-Paul.

Boucan Canot, era a pochi chilometri di distanza. Ci appare come una deviazione inaspettata dalla strada costiera.

Boucan Canot: una spiaggia frenetica

Abbiamo parcheggiato. Siamo passati davanti alla torre di avvistamento in cima alla spiaggia, abitata da bagnini sempre pronti.

Da lì, possiamo contemplarlo in formato panoramico, tra la linea delle palme da cocco e i frangenti.

Le nuvole pesanti che lo sorvolano addensano la luce.

La spiaggia di Boucan Canot, Isola della Reunion

La spiaggia di Boucan Canot, la più famosa della Riunione anche per i frequenti attacchi di squali che vi hanno già avuto luogo.

Oscurano l'oro della sabbia, non oscurata e modellata da mille piedi. Finché lo era, la spiaggia era lontana dalla pigna.

Un'evidente sete di freschezza diffusa dal surf ha fatto concentrare la maggior parte dei vacanzieri in riva al mare.

Ci siamo anche sistemati lì. Abbiamo rapidamente esaminato il profilo delle offerte di lavoro. Scaldati dalla giornata afosa, ci uniamo a una folla di bagnanti già in acqua.

Una lastra di roccia ricoperta di pietre complicò la scalinata anfibia inaugurale. La forza delle onde che si infrangono sulla sabbia ha ulteriormente aggravato la vulnerabilità di chi cercava di immergersi.

Alla fine siamo riusciti ad entrare.

In un lampo, ci troviamo in una specie di lavandino per lavatrice marina.

Boucan Canot Beach surf, isola della Riunione

Una forte onda agita i bagnanti ai margini delle sabbie di Boucan Canot, spiaggia che, oltre alle correnti e agli squali – che hanno costretto l'installazione e la manutenzione di una rete protettiva – è investita da onde violente.

Onde e Correnti, oltre agli Squali

Spinte da una tempesta verso sud nell'Oceano Indiano, le onde sono arrivate senza uno schema definito di vigore.

Hanno fatto irruzione più avanti o più indietro e hanno sorpreso i bagnanti, che si sono trovati confusi e trascinati nella zona pietrosa e nella sabbia e urtandosi l'uno contro l'altro.

Per coloro che, come noi, avevano deciso di mettersi al sicuro dal surf e di alzarsi dai piedi, le prospettive non erano molto migliori.

Le correnti intermittenti colsero alla sprovvista alcuni degli avventurieri più ignari e li trascinarono verso l'alto mare.

Tanto e così spesso che i bagnini avevano già rinunciato a entrare e uscire dall'acqua. Rimasero, in posizioni strategiche, over large longboard.

Uno dopo l'altro, hanno salvato i bagnanti in difficoltà.

Soccorso bagnante a Boucan Canot, Isola della Reunion

Il bagnino porta un nuotatore trascinato dalle forti correnti al largo di Boucan Canot. Gli interventi dei bagnini sono permanenti a Boucan Canot.

Nonostante tutto il moto ondoso e il suo trambusto, più che abituati alla violenza del mare portoghese, sguazzavamo, ci tuffavamo sotto la risacca e solo non prendevamo il passaggio sulle onde perché sarebbero finite, dolorosamente, su quella roccia e lastra di pietra che ci aveva reso difficile l'ingresso. .

Ci siamo rinfrescati come meritavamo, anche allora con la consapevolezza che quell'incursione nel mare ribelle di Boucan Canot era stata, di per sé, un'enorme manna.

La peste degli squali toro

A causa dei successivi incidenti mortali che vi si sono succeduti, per la realistica e dolorosa prospettiva di ripetersi, Boucan Canot trascorre buona parte del tempo confinato ai bagni. I colpevoli sono gli stessi da tempo: gli squali toro che solcano le acque intorno all'isola, desiderosi di banchettare con carne vulnerabile.

Na Reunion Island, gli attacchi ai bagnanti sono più frequenti che sulla vasta costa australiana, probabilmente la più frequentata in termini di argomento. In modo tale che, in termini statistici, quest'isola francofona sia il luogo con la maggiore probabilità di verificarsi sulla faccia della Terra.

Solo dal 2010 al 2016 l'isola è stata teatro di 19 attacchi dalle tragiche conseguenze, il 16% dei 491 registrati nel mondo. Di questi 19, otto sono stati fatali. A Boucan Canot e dintorni, due sono stati registrati solo nel 2011. Uno nel 2015 e l'ultimo su questa spiaggia, nel 2016.

Memoriale al giovane Elio Canestri, vittima di un attacco di squalo, Boucan Canot, Isola della Reunion

Un memoriale onora e ricorda Elio Canestri, un promettente surfista che, a soli tredici anni, cedette all'attacco di uno squalo.

L'incidente del 2015 ha ucciso Elio Canestri, un campione di surf giovanile ammirato dalla comunità surfistica locale e non solo.

Elio aveva tredici anni. Ha ceduto all'assalto di uno squalo che ha iniziato mordendolo nella pancia, lo ha trascinato via dalla tavola e lo ha divorato come una piccola foca.

Nell'agosto 2016, Laurent Chardard, 21 anni, stava facendo surf con gli amici quando un altro squalo si è ferito così gravemente al braccio e al piede che le ferite hanno richiesto l'amputazione.

Dimenticare gli eventi passati dalla psicologia di gruppo

In questi due casi, come in quasi tutti, i giovani surfisti sono stati entusiasti delle onde enormi e ben formate che si infrangono sulla riva.

Il fatto che facciano surf in gruppi di adolescenti li fa ignorare gli eventi passati e il divieto ufficiale di surfare su gran parte della costa dell'isola. Oltre ai rispettivi avvertimenti delle autorità – e pensare che non accadrà loro nulla.

Le varie tragedie hanno costretto le autorità francofone della Riunione a dotare le spiagge più frequentate di reti anti-squalo, come accaduto a Boucan Canot e/o di altri sistemi di protezione.

Anche così, in alcune situazioni, i surfisti si sono avventurati in luoghi non protetti da queste reti.

Surfisti e bodyboarder, Boucan Canot, Isola della Reunion

Surfisti e bodyboarder salgono sulle onde a Boucan Canot, vicino a dove Elio Canestri è stato vittima di uno squalo.

In altri, gli squali sono entrati attraverso fessure generate tra i controlli effettuati dai subacquei, o sopra le reti che, di volta in volta, le onde massicce abbassano.

Teorie e altre teorie

Tra i periodi di lutto per gli attacchi, l'economia inspiegabilmente dinamica del surf e del bodyboard di Boucan Canot e dell'isola in generale soffre.

I negozi e le scuole di surf e persino gli hotel e resort sul mare chiudono i battenti. Dopo un po', il ricordo svanisce. Le amache vengono rattoppate o sostituite e gli adolescenti riacquistano la solita incoscienza. Gli squali non perdonano il minimo errore e causano nuove vittime.

Resta da vedere con certezza cosa rende la Riunione, rispetto ad altre parti del mondo, un numero così elevato di attacchi di squali.

Quando vivevamo con i residenti dell'isola, non nascondevamo la curiosità che, da bagnanti stranieri ma non solo, l'argomento ci destava. Abbiamo cercato di chiarirci solo per giungere alla conclusione che abbondano solo le teorie.

Ci hanno raccontato di vecchi mattatoi alla periferia della capitale Saint-Denis che scaricavano in mare sangue e persino carcasse di animali e attiravano così enormi banchi di squali, soprattutto gli squali toro più abbondanti e attivi.

Ci hanno accennato alla colpa delle flotte pescherecce cinesi che, con i loro enormi pescherecci da traino, rendevano scarse le solite prede degli squali.

Questi sono aumentati da quando, nel 1999, l'isola ha vietato la pesca perché è stato riscontrato che la carne di squalo conteneva alti livelli di tossina ciguatera, prodotta da un piccolo organismo nel plancton che finisce per accumularsi nella carne dei super predatori che Reunion Island prima di consumare ed esportare.

Ambientalisti vs surfisti, The Drama's Edge Showdown

Qualunque sia la ragione, i feroci squali toro sono proliferati e si sono abituati a sopperire alla mancanza di cibo con gli umani che si sono abituati, in particolare surfisti e bodyboarder.

Come motivo del dramma, le misure da adottare al di là delle reti fallibili e dei sistemi di protezione complementari hanno suscitato una polemica internazionale. Centinaia di articoli sulla stampa hanno soprannominato l'isola "l'isola degli squali", "acquario degli squali", "capitale mondiale dell'attacco degli squali", ecc., ecc.

Hanno incitato sempre più oppositori di una faida appena formata. Da un lato, ci sono ambientalisti che sostengono che gli squali pattugliano il mare intorno al Reunion Island da millenni e che surfisti e bagnanti devono rispettare le logiche naturali della loro esistenza.

Spiaggia protetta dagli squali dalla barriera corallina, Isola della Reunion

I bagnanti si rilassano in una delle rare zone dell'isola della Riunione protetta dagli squali da una barriera corallina.

D'altra parte, la comunità mondiale del surf che rabbrividisce per le tragedie dell'isola ma difende il diritto dei surfisti di navigare lì senza rischiare la vita.

L'intervento mediatico di Kelly Slater

Nel 2017 Kelly Slater, undici volte campionessa mondiale di surf, ha reagito all'attacco all'inizio di quest'anno con un post sulla sua pagina Instagram: il Reunion Island e dovrebbe succedere ogni giorno…”

"Se tutti avessero questo tasso di attacchi, nessuno userebbe l'oceano e letteralmente milioni di persone morirebbero in questo modo".

Come ci si aspetterebbe, il post ha globalizzato il conflitto una volta per tutte. Molti fan sono rimasti delusi da Slater quando hanno visto che stava sacrificando la sua solita posizione ambientale perché, d'altra parte, c'erano i surfisti.

Gli ambientalisti sostengono che le autorità dovrebbero scommettere su reti più efficienti e sulla sensibilizzazione dei surfisti.

Ma soprattutto nel recupero degli ecosistemi corallini al largo dell'isola, devastati dalla pesca eccessiva da parte dei pescherecci a strascico. Boucan Canot ha recentemente ricevuto nuove reti e sistemi di protezione.

Dal 2016 non subisce attacchi. L'ultimo, dentro Reunion Island, si è svolto poco più di un anno fa e i suoi bagnanti e surfisti se ne saranno già dimenticati. Data l'improbabilità che l'isola si sbarazzi degli squali che la circondano, resta da vedere per quanto tempo.

Bagnanti, Isola della Reunion

I bagnanti chiacchierano in una zona costiera protetta da onde e squali da una barriera di rocce.

Maggiori informazioni su questa isola francese nell'Oceano Indiano sul sito web di Turismo della Riunione

Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Piton de la Fournaise, Reunion Island

Il Vulcano Turbolento della Riunione

A 2632 m, il Piton de la Fournaise, l'unico vulcano eruttivo della Réunion, occupa quasi la metà di quest'isola che abbiamo esplorato, montagne sopra, montagne sotto. È uno dei vulcani più attivi e imprevedibili dell'Oceano Indiano e della Terra.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Cerimonie e Feste
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Museo dell'olio, Stavanger, Norvegia
Città
Stavanger, Norvegia

Motor City della Norvegia

L'abbondanza di petrolio e gas naturale offshore e le sedi delle società incaricate di esplorarli hanno promosso Stavanger da capitale della riserva a capitale energetica norvegese. Questa città non era conforme. Con una prolifica eredità storica, alle porte di un maestoso fiordo, il cosmopolita Stavanger ha a lungo spinto la Terra del Sole di Mezzanotte.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
In viaggio
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
piccolo soggetto
Etnico

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe
Storia
kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa

Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.
Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110
Isole
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Natura
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
Spiagge
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India
Religione
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Cabo da Cruz, colonia di foche, foche a croce del capo, Namibia
Animali selvatici
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.