Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia


Amici di Damara
L'arco
Vetrina dell'artigianato
Condominio Aviare
Pollo angolano in fuga
Radici di Damara
Capo Daman
Piccolo rettile della Namibia
Artigianato e minerali
L'eredità del vento
Le case dei tessitori
Lo Spitzkoppe d'Oro
Pastoralizzazione a Namíbe
Spitzkoppe
spitzkoppe-namibia-fiume-di-montagna
All'alba
Venditore Damara-Himba
Air Spitzkoppe
spitzkoppe-namibia-vista-montagna
Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.

Usakos impone un nuovo “a presto” dalla Namibia urbanizzata.

Le sue case colorate e pittoresche, dall'evidente architettura coloniale, ci inducono a dedicargli un po' di tempo. Abbiamo percorso due o tre delle sue vie centrali, tutte con nomi che ne confermano l'esistenza Genesi germanica della città: a Kaiser Wilhelm, a Goethe, a Leutwein.

Fino a quando la grandezza e l'importanza della vera destinazione non ci salva dall'illusione e ci fa riprendere il viaggio. Ritorniamo sulla strada B2 che ci portava dall'ormai lontana città di Okahandja. Poco dopo, come spesso accade in Namibia, questa via di categoria B ci condanna ad una D, D1918.

L'asfalto lascia il posto a una pista di ghiaia fine e scivolosa, che genera una scia di polvere che la brezza solleva e disperde sulla pianura desertica. Abbiamo attraversato la regione namibiana dell'Erongo. Da quel momento in poi puntarono a nord invece che all’Oceano Atlantico.

La pista ondula secondo i capricci della pianura. Senza preavviso, da una di queste cime, abbiamo intravisto l'allineamento delle cime rocciose che stavamo cercando, formato, in gran parte, dai Monti Pontok.

La luce mattutina e laterale, ancora tenue, colorava l'insieme di un arancione.

Consapevoli che, presto, il sole sarebbe passato a nord e dietro alla formazione, l'abbiamo fotografata più e più volte, dalle prospettive più interessanti.

Nonostante la distanza, una delle vette, imponente e aguzza, spiccava.

Un Cervino di granito dalla Namibia

Era lo Spitzkoppe, traducibile dal tedesco come “cupola appuntita”.

Un'isola di granito che raggiunge i 1728 m di altitudine, la sua cima aguzza si eleva di circa 670 m sopra il livello del mare deserto giallo-ocra del Namib, in compagnia di un Piccolo Spitzkoppe meno affilato che si mantiene a 1584 metri.

Durante l'epoca coloniale dell'Africa occidentale germanica (1884-1915), i tedeschi probabilmente notarono la somiglianza nella forma della vetta più grande con la montagna simbolica della Svizzera.

Tuttavia fu solo più tardi, nel 1946, che si parlò del pomposo soprannome di “Il Cervino della Namibia".

Da allora in poi la notorietà della montagna continuò a crescere. Stanley Kubrick e Arthur C. Clarke, ad esempio, gli hanno reso un omaggio insolito.

Nel 1968 usarono Fotografie da varie prospettive dello Spitzkoppe e delle montagne vicine come sfondo per un'audace fantascienza "2001, Odissea nello spazio: L'alba dell'uomo".

Sempre nello stesso intrattenimento fotografico, incontriamo un pastore che guida una fila di capre indiane verso luoghi con cespugli frondosi commestibili.

Mandrie del genere assicurano la sopravvivenza di diverse famiglie nella zona circostante.

Dall'allevamento di bestiame al villaggio turistico del popolo Damara

Hanno poco a che vedere con l’opulenza dei tempi pionieristici dello Spitzkopje, un magazzino di bestiame fondato, nel 1896, da una cosiddetta Società Coloniale, al centro di un’azienda agricola di 120mila ettari, dotata di stalle e altre infrastrutture che, a fine secolo, ospitava 1500 capi di bestiame, 4000 pecore e capre e 120 cavalli.

Dopo la sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale, come tutto il territorio della Namibia, la fattoria passò sotto l'amministrazione della Società delle Nazioni.

Nel 1964, già sotto l' Sud Africa, la fattoria si ritrovò coperta dal Piano Odendaal, pensato con l'obiettivo di garantire territori che la popolazione nativa potesse abitare ed esplorare.

Gli allora proprietari furono espropriati. Sei anni dopo, le autorità invitarono diverse famiglie Damara a stabilirsi lì.

La realtà economica e sociale dello Spitzkoppe è, oggi, disparata.

Arriviamo all'omonimo paese, generato dal magnetismo turistico delle montagne.

I damara vivono ancora lì, in case dall'aspetto trasandato.

Sopravvivono grazie ai pochi servizi forniti, alla vendita di pietre rigogliose e ad alcuni prodotti artigianali di base.

Abbiamo trovato il tratto finale verso la reception del complesso Spitzkoppe fiancheggiato da venditori che espongono su bancarelle di canniccio e fango, tenendo ed esponendo i loro pezzi il più vicino possibile ai passanti.

Vi si stabilì anche una comunità Himba, sfollata dalla loro regione naturale di Kaokland, (situata più a nord-ovest della Namibia), a causa del denaro pagato dagli estranei che ne approfittarono per visitare il villaggio e apprezzare il loro peculiare stile di vita.

Dall'Arco al Piccolo Paradiso dei Boscimani

Abbiamo aperto un tour attorno alla base del monte Spitzkoppe e parte dei monti Pontok che rivela punti geologici, archeologici e storici imperdibili.

Ognuno rivela la propria visione particolare della vetta principale.

La prima che incontriamo è Arco, una virtuosa formazione erosiva dall'accesso scivoloso.

Inquadra parte dei Monti Pontok.

Serve come dimora per alcuni daman del capo, abituati a godersi le goffe salite e discese dei visitatori sul balcone panoramico della loro casa.

Dall'occhio dell'arco si vedeva la base del massiccio granitico dello Spitzkoppe.

È qui che ci dirigiamo verso l'ingresso recintato, sorvegliato dal personale del parco, del Piccolo Paradiso dei Boscimani, uno dei numerosi gruppi di pitture rupestri che i cacciatori-raccoglitori San realizzarono sulla roccia tra 2000 e 4000 anni fa.

In confronto, le pareti ossidate che hanno usato come schermo avranno almeno 120 milioni di anni.

Samuel, la guida di Damara che ci accoglie, ci svela i pittogrammi color sangue della maggior parte degli animali con cui vivevano i Boscimani e che erano abituati a cacciare:

omini che inseguono antilopi e, tra gli altri, facilmente identificabili per la loro forma caratteristica, i rinoceronti.

Altre pitture rupestri dei Boscimani al Bushman Paradise

Ci siamo salutati e abbiamo continuato. Questa volta, alla ricerca del Paradiso dei Boscimani. Nel suo percorso costeggiamo il vasto granito fino alla sua soglia orientale.

Quando arriviamo alla stazione corrispondente del complesso, la guida un po' paffuta sembra ossessionata dal nostro aspetto. “…Lo faccio solo perché non sono riuscito a trovare nient’altro. Come puoi vedere, non sono esattamente atletico. Solo oggi ho fatto su e giù quattro volte!” rimpianti.

Ci sentiamo solidali, non proprio, ci disarmiamo. La guida è conforme. Seguiteci, risalendo il pendio, tirando la catena di sostegno posta per evitare cadute potenzialmente mortali.

Quando raggiungiamo la zona intermedia, più pianeggiante, dove erano nascoste le pitture rupestri locali, sono i forti naturali con le rocce arrotondate e i panorami namibiani a perdita d'occhio ad incantarci, più delle antiche opere dei Boscimani.

Sulla via del ritorno verso sud abbiamo dato un'occhiata a due vecchie tombe militari, dell'epoca in cui una fortezza difendeva l'enorme fattoria della Società Coloniale.

Di ritorno all'uscita, siamo distratti da uno stormo chiazzato e zigzagante di polli angolani.

Compressi dalle esigenze di un percorso lungo migliaia di chilometri, tra Windhoek e l'estremo nord-est della Namibia, ci siamo diretti frettolosamente verso Swakopmund.

Diversi giorni dopo, il ritorno al Grande Spitzkoppe

Siamo rimasti così abbagliati dal maestoso Spitzkoppe che abbiamo costretto a trascorrere la giornata alla sua base. Lo inseriamo alla fine del viaggio di ritorno tra i lontani Parco Nazionale Bwabwata (Striscia di Caprivi) e Windhoek.

Ormai avevamo percorso solo una parte del tratto dalla Uis e già consideravamo la scommessa vincente.

Lasciamo questa città dall'atmosfera dell'Africa occidentale. Poco dopo, la strada D1930 su cui ci troviamo si rivela essere una montagna russa deserta. Attraversò una quasi savana piena di gazzelle, babbuini e otarde.

Come accaduto nel primo viaggio di Windhoek, ma invertito, vediamo la formazione Spitzkoppe-Pontok avvicinarsi, definirsi, squarciare il cielo azzurro senza un briciolo di nuvola.

Arrivammo al campo dove avremmo trascorso la notte con il sole che tramontava dietro i massicci rocciosi a ovest della formazione.

Abbiamo camminato tra le tende, lungo i sentieri che portavano alla loro base. Salivamo e scendevamo dalle rocce lungo i bordi dei sentieri, tutto a seconda di come il cielo bruciava e trasformava le montagne in effimeri monumenti di oscurità.

Quando, con l'alba e il nostro risveglio, la notte cede nuovamente, notiamo i dettagli decorativi dell'accampamento che ci era passato davanti: le caldaie nelle tende e l'acqua delle nostre docce, riscaldata sui fuochi.

Un vecchio mulino a vento sopra lampade realizzate con tronchi contorti.

Proprio lì, davanti e in alto, il grande Spitzkoppe, rosato dal sole splendente.

Un affascinante riflesso di te in una sfuggente pozza riflettente, di un blu molto più scuro di quello celeste.

 

MODULO DI DESTINAZIONE

1 – Windhoek

2 – Usakos

3 – Spitzkoppe

TAAG – Compagnie aeree dell'Angola:  Volo Lisbona – Luanda – Windhoek (Namibia) a TAAG: www.taag.com a partire da 750€.

Prenota il tuo programma di viaggio in Namibia con Viaggi allodola: www.larkjourneys.com   WhatsApp: +264 81 209 47

Facebook e Instagram: Lark.viaggi

Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Moçamedes a PN Iona, Namibe, Angola

Grande ingresso all'Angola das Dunas

Sempre partendo da Moçâmedes, abbiamo viaggiato alla ricerca delle sabbie del Parco Nazionale di Namibe e Iona. La meteorologia del cacimbo impedisce la continuazione tra l'Atlantico e le dune dello splendido sud di Baía dos Tigres. Sarà solo questione di tempo.
Lubango, Angola

La città in cima all'Angola

Anche sbarrate dalla savana e dall'Atlantico dalle catene montuose, le fresche e fertili terre di Calubango hanno sempre attirato stranieri. I Madeirani che fondarono Lubango oltre i 1790 m e le persone che si unirono a loro ne fecero la città più alta e una delle più cosmopolite dell'Angola.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Architettura & Design
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Cerimonie e Feste
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Città
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Cultura
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Etnico
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Hiroshima, città ceduta alla pace, Giappone
Storia
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Isole
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Natura
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Parchi Naturali
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Ponte U Bein, Amarapura, Myanmar
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
ponte u-beinMyanmar

Il crepuscolo del ponte della vita

A 1.2 km, il ponte di legno più antico e lungo del mondo permette ai birmani di Amarapura di vivere il lago Taungthaman. Ma a 160 anni dalla sua costruzione, U Bein è nel suo crepuscolo.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Società
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Animali selvatici
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.