Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal


albero santo
Donne al pozzo
Spiaggia di Nhiquim
Il pescatore oliato
Nudo polveroso
Varela Guinea Bissau, pesce chitarra
Varela Guinea Bissau, tramonto tropicale
Acquirente di pesce
Mandria della foresta
Ma laterite
Costa minacciata
Laterite contro Flora
Quasi il Senegal
Fine di Faina
Scegli con criterio
tronco sopra
Tempo di dama
Il stilista
Costa in recessione
Banca Gasosa
Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.

Questo è ciò che dettava l’isolamento rurale di questo angolo nordoccidentale della Guinea Bissau.

Dopo aver completato il ritorno in fiume e in moto dal villaggio di Elalab, siamo arrivati ​​a Susana e abbiamo subito scoperto che non doveva passare nessuno. suoneria da San Domingos. C'era una sola alternativa: il duo di motociclisti che ci aveva portato dal molo.

Varela era a 16 km da Susana, cinque volte di più di quelli che avevamo appena percorso, stretti insieme, sulle moto di Hilário e di un collega, con gli zaini fotografici tra noi e loro e le valigie legate sul portapacchi.

Così, in equilibrio precario e condizionato dai dislivelli della pseudostrada, un'ora dopo siamo arrivati ​​all'ingresso di Varela. Ci accolgono alcuni residenti e, presto, Valentina Kasumaya.

La presenza della famiglia di Valentina a Varela esiste da molto tempo.

La nonna materna era guineana e un tempo possedeva i terreni su cui il padre italiano di Valentina e la madre guineano-corsa gestivano la locanda Chez Helene, oggi inattiva.

Invece, dentro Casa aperta, Valentina e il suo team non si fermano.

La doccia e la cena generose con cui ci coccolano ci fanno sentire diversi. Un sonno immacolato ci riprende definitivamente dall'estenuante itineranza che stavamo facendo, dalla scoperta di Cachéu ed Elalab.

Spiaggia di Varela: in recessione, ma enorme

Ci siamo svegliati all'alba. Poco dopo sbuchiamo sul sentiero sabbioso che si snoda attraverso la foresta e i palmeti, tra case di tabanca scarsamente concentrate.

Il sentiero ci lascia all'inizio della sabbia a sud del villaggio.

In quel momento non vedemmo traccia di pescatori, solo qualche piroga a portata della marea.

D'accordo, abbiamo proseguito lungo la sabbia, in direzione nord.

Ci siamo avvicinati ad un promontorio ai margini del villaggio. Lì, con il terreno molto più esposto all'Atlantico, la sabbia è ridotta a quella concessa dal ritiro della marea, alla base di ripide scogliere color ocra.

L’innalzamento del livello del mare li ha colpiti e fatti crollare, al punto da esporre radici di palme da olio e portentosi poligoni, lasciando gli alberi in una verticalità condannata.

Aggiriamo altri tronchi contorti, già abbattuti, incastonati tra i frammenti di laterite che ricoprono vaste zone della riva del mare.

Camminavamo intrappolati tra l'Atlantico e le pareti arancioni, tenendo d'occhio le onde e un inaspettato innalzamento del mare che avevamo tutto ciò che potevamo controllare.

Conquistiamo un ultimo tratto, tra pendii franati e grossi massi. A nord, oltre l'ombra della foresta sovrastante, si estendeva un'insenatura aperta di cui non riuscivamo a vedere la fine.

Da quello che ci ha mostrato la mappa, quella deve essere la spiaggia principale di Varela, più o meno a metà strada con Nhiquim.

A nord di Varela, la sabbia contigua di Nhiquim

Alcuni solchi rivelavano l'apertura di sentieri provenienti dall'interno.

La spiaggia però ci è sembrata riservata. A noi, ad alcuni falchi pescatori scontenti dell'intrusione che rappresentavamo.

E a tante altre tartarughe in visita di cui, di tanto in tanto, abbiamo notato le teste a periscopio.

Finalmente, senza che ce lo aspettassimo, ai piedi di un piccolo ma fitto palmeto, abbiamo rilevato la presenza di un indigeno sulla cinquantina che, utilizzando un'imbracatura, si stava arrampicando su un baldacchino pieno di frutti oleosi.

Ci salutiamo. Gli abbiamo chiesto se la raccolta stava andando bene. "Va tutto bene. È un peccato che non ci siano più palme come queste…” ci assicura, in un portoghese che capiamo subito essere quasi esclusivamente creolo.

Ci siamo salutati con un “a presto” e, vista la quantità di spiaggia che avevamo a nord, sapevamo di avere tutto per prenderci un po'.

Dai domini di Varela si passa a quelli di Nhiquim, dettati dalla presenza delle vicine tabancas omonime. A poco a poco le pareti ocra perdono altezza e significato.

Si allineano alla superficie della sabbia bianchissima, dissolvendosi in una profusione di cespugli ed erbe giallastre.

Come ci spiegherà poi Valentina, non solo l’innalzamento del mare e l’erosione hanno indebolito la superficie ocra circostante.

Le sabbie pesanti e preziosissime di Varela

È noto da tempo che la regione di Varela era ricca di sabbia pesante, piena di zirconio, un minerale di grande valore.

Senza alcuno studio ambientale, una società russa ha avviato l'estrazione, provocando la contaminazione dell'acqua utilizzata dalle tabancas.

Quelli consumati direttamente, quelli che irrigano le loro lagune e quelli che confluiscono nelle abbondanti mangrovie.

Ebbene, questa estrazione durò per diverso tempo, con l'approvazione di dubbi contratti con il governo di Bissau. “Ma quando gli indigeni cominciarono a vedere le loro palle distrutte, ciò superò ogni limite.

Negli ultimi tempi sono stati i cinesi a cercare di continuare l’estrazione, ma mi dà l’idea che i leader qui li abbiano fermati. Vediamo fino a quando."

Continuiamo lungo la spiaggia di Nhiquim.

Qua e là, con pause per tuffi rinfrescanti. Diversi chilometri dopo siamo arrivati ​​in una zona dove la sabbia è finita nell'oceano e ha formato una laguna marina con due piccoli ingressi.

Infine, l'imminenza di Cap Skirring e del Senegal

A quel tempo ci sembrava probabile che fosse la spiaggia sabbiosa più lunga della Guinea Bissau, rivaleggiando con quella del nord della Guinea Bissau. Bubaque, forse qualche altro Canhambaque o un'altra isola di Bijagós

La più settentrionale, all'imbocco di un'insenatura di mare in riva a Cabo Roxo, già al confine con il Senegal e a poca distanza dalla località balneare di Cap Skirring, dove avremmo trascorso il Natale e qualche giorno.

Abbiamo invertito il nostro percorso, il ritorno, scandito da ancora più tuffi nell'acqua calda.

Raggiunta le brutte rovine di cemento che qualche progetto turistico aveva abbandonato, ci siamo diretti verso l'entroterra. Solo allora abbiamo inaugurato la scoperta della città.

Dopo il ritorno, alla scoperta di Varela Povoação

I Felupes, un sottogruppo etnico dei Diola predominante in gran parte del nord-ovest della Guinea Bissau e nella regione senegalese della Casamance, predominano nella regione di Varela, così come nei suoi dintorni.

Ebbene, soprattutto, le persone che abbiamo incontrato erano cordiali, attorno alla moschea rosa con il minareto giallo.

Tra capanne e case ristrutturate, alcune delle quali lasciate in eredità dai coloni portoghesi dopo il periodo coloniale.

Lì, una sarta emigrata dalla Guinea Conakry ha creato abiti con tessuti tradizionali africani.

Segue una conversazione, in francese, siamo riusciti a farci dire dov'era l'albero più famoso di Varela, una strana palma dal tronco basso, che si era incastrata tra le radici di un altro albero e, a poco a poco, si era rannicchiata su se stesso.

Tale era il fenomeno vegetale che gli abitanti di Varela lo consideravano sacro.

Varela e un feroce Dusty Football

Quel pomeriggio, proprio davanti a Casa Aberta, ci imbattiamo in una delle partite di calcio più strane che abbiamo mai visto.

Su un campo improvvisato nel buio interno della foresta, sulla sabbia grigia, un gruppo di ragazzini si contendeva la palla con l'atteggiamento bellicoso tipico dei felupes.

La polvere che sollevarono fu tale che, in pochi istanti, fummo costretti a coprirci bocca e naso con i vestiti che avevamo di riserva.

Ci ha incuriosito, quindi, il modo in cui sono sopravvissuti respirando quella polvere concentrata per un'ora (o più) di seguito. Con questo stupore notammo che, a intervalli, il sole, che scendeva da ovest, penetrava nella foresta.

Cadendo sulla polvere generava fasci di luce danzanti che rendevano la scena ancora più abbagliante.

Pertanto, per la gioia dei bambini, ci siamo sistemati per accompagnarli.

Quando il sole smette di splendere, li lasciamo. Una lunga e drammatica sequenza di rigori ha deciso la partita.

Dopo quasi 20 km, camminando con gli zaini carichi sulle spalle, su sabbia spesso pesante, siamo rientrati in Casa Aberta già trascinandoci.

Abbiamo bisogno di cure di recupero simili a quelle del giorno prima. Valentina ci regala un'altra cena divina. Ritornammo a dormire senza appello.

Il giorno seguente fu l'ultimo che potemmo dedicare a Varela.

Domenica di Pesca e di Lavoro invece che di Riposo

Con nostra sorpresa, quella domenica mattina, quando guardammo di nuovo la spiaggia a sud di Casa Aberta, la trovammo piena di lavoro.

Alcuni pescatori erano appena sbarcati, decisi a vendere il pescato.

Gli assistenti scaricavano e dividevano, a loro discrezione, esemplari di un po' di tutto.

Pesce chitarra, pesce coniglio, razze, pesci gatto e persino piccoli squali.

Donne vestite con capulane colorate, armate di coltelli affilati, raccoglievano pesce dopo pesce, per venderlo o consumarlo.

Una volta terminati i lavori, i resti e la spiaggia furono in balia di stormi di uccelli marini.

Abbiamo colto l'occasione per girovagare per angoli che non avevamo ancora guardato e per abbandonare le proprietà sopra la spiaggia.

Gli uomini del villaggio si divertivano guardando la finale dei Mondiali in Qatar.

Poco dopo che l'Argentina divenne campione, fece di nuovo buio.

La mattina seguente siamo partiti per São Domingos. Abbiamo attraversato il confine in terre che un tempo erano portoghesi, francesi, ora senegalesi, Casamance.

 

COME ANDARE

1 Soluzioni Volo Lisbona – Bissau con Euroatlantic: flyeuroatlantic.pt  a partire da 550€.

2 – Viaggio su strada Bissau – São Domingos – Varela (4 ore)

 DOVE STARE: 

Porte Aperte, Varela: facebook.com/casaabertakasumayaku/

Prenotazioni tramite Whats App +245 966 ​​640 180

Isola Keré, Bijagos, Guinea Bissau

La piccola Bijagó che ha Ospitato un Grande Sogno

Cresciuto in Costa d'Avorio, il francese Laurent ha trovato, nell'arcipelago delle Bijagós, il luogo che lo ha rapito. L'isola che condivide con la moglie portoghese Sónia li ha accolti e l'affetto che provavano per la Guinea Bissau. Kéré e i Bijagós hanno da tempo incantato i visitatori.
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Bubaque, Bijagos, Guinea Bissau

Il Portale dei Bijagós

Sul piano politico, Bolama resta capitale. Nel cuore dell'arcipelago e nella vita di tutti i giorni, Bubaque occupa questo posto. Questa città sull'omonima isola accoglie la maggior parte dei visitatori. A Bubaque sono incantati. Da Bubaque, molti si avventurano verso altri Bijagós.
Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Crociera Africa Princess, 2º Orangozinho, Bijagos, Guinea Bissau

Orangozinho e i Confins del PN Orango

Dopo una prima incursione all'isola di Roxa, salperemo da Canhambaque per concludere la giornata alla scoperta della costa nel vasto e disabitato fondale di Orangozinho. La mattina dopo risalimmo il fiume Canecapane, alla ricerca della grande tabanca dell'isola, Uite.
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
buon consiglio buddista
Cerimonie e Feste
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma, Isole Canarie, Balconi Avenida Marítima
Città
Santa Cruz La Palma, Isole Canarie

Un viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma

Iniziò come una semplice Villa del Apurón. Secolo è arrivato. Nel XVI secolo, la città non solo aveva superato le sue difficoltà, ma era già la terza città portuale più grande d'Europa. Erede di questa benedetta prosperità, Santa Cruz de La Palma è diventata una delle capitali più eleganti delle Isole Canarie.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Cultura
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
In viaggio
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
Etnico
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Storia
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Bangkas sull'isola di Coron, Filippine
Isole
Coron, Busuanga, Filippine

La segreta ma piccola armata giapponese

Nella seconda guerra mondiale, una flotta giapponese non riuscì a nascondersi al largo di Busuanga e fu affondata da aerei statunitensi. Oggi i suoi relitti sottomarini attirano migliaia di subacquei.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura
Natura
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Parchi Naturali
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Spiagge
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Religione
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Erika Mae
Società
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.