Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima


Premio Kukenam
I partecipanti a una spedizione si riprendono dalla fatica sul fiume Kukenam.
sulla strada giusta
Ombra di escursionisti sul sentiero che porta alla base del Monte Roraima.
Gran Sabana
Primitiva vastità della Gran Sabana, scenario di film come "Jurassic Park".
sentiero duro
Marco Alexis sale un pendio sulla strada per il Monte Roraima.
El Foso
Un uomo esamina e fotografa El Fosso, un cratere creato dall'erosione sulla superficie del monte Roraima.
Cascata di El Pozo
Il flusso generato da frequenti piogge scorre all'interno del cratere El Pozo.
Sulla Triplice Frontiera
La guida della Guyana Marco esamina la distesa rocciosa del Monte Roraima dalla cima del punto di riferimento che segna il triplo confine tra Venezuela, Brasile e Guyana.
palude erbosa
Una delle rare superfici coperte di vegetazione sul monte Roraima.
Apprensione meteorologica
La guida Marco esamina la copertura nuvolosa che si deposita tra i tepuy Roraima e Kukenam.
vista improvvisa
I portatori guardano la scogliera verticale che li separa dalla cima del Monte Roraima.
Apprensione meteorologica II
La guida Marco esamina la copertura nuvolosa che si deposita tra i tepuy Roraima e Kukenam.
predatore di piante
Pianta carnivora sulla superficie del monte Roraima.
Pulizie esterne
L'assistente guida si prepara a lavare i piatti in un fiume che si affaccia sul Kukenam tepuy.
nel mezzo della salita
Un partecipante alla spedizione esamina le scogliere verticali del Monte Roraima.
El Foso II
Veduta di un'enorme fossa scavata dall'erosione sulla superficie del tepuy.
in linea
Il gruppo cammina lungo una cengia rocciosa.
Riposo meritato
La guida riposa sulla rampa finale per la cima del Monte Roraima.
vegetazione preistorica
Enormi piante endemiche proiettate dal terriccio del monte Roraima.
colline erbose
Scenario verde nei pressi del campo base, ai piedi del Monte Roraima.
In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.

La passeggiata non era ancora iniziata quando sono apparse le prime lamentele.

Siamo partiti da Santa Elena de Uairén – la città più vicina al confine tra Venezuela e Brasile – su un 4×4 che l'autista ha insistito per portare al limite.

Se sulla strada asfaltata e larga abbiamo lasciato le curve praticamente sbandate, dopo la deviazione per lo sterrato che portava a Paraitepui, la sfida è diventata quella di proteggere il corpo dai salti che la jeep faceva sulle buche e sulle irregolarità.

Günther, il tedesco del gruppo, si era già svegliato sentendosi male, come sospettava, grazie a qualche empanada troppo fritta del giorno prima. Non potevo prenderlo. Qualcosa infastidito, l'autista si è fermato lì e siamo stati tutti in grado di riprenderci dal cataclisma motorizzato.

Dieci minuti dopo, siamo stati in grado di continuare di nuovo. Mancavano 15 chilometri per raggiungere il punto di partenza dell'itinerario.

La piccola scuola di Paraitepui appare su un pendio. Da quel momento in poi, nella regione ci sono decine di baite tipiche. Gli abitanti non hanno mostrato alcuna reazione all'invasione di estranei.

Nonostante il richiamo di dollari, euro e bolivar lasciati qui dai visitatori, il villaggio fa del suo meglio per proteggere ciò che resta della sua identità culturale. Fotografare i tuoi membri, interni di case o altri domini privati ​​è qualcosa che può ottenere solo un compenso finanziario degno della leggera.

Di conseguenza, abbiamo proceduto senza sosta verso una specie di quartier generale improvvisato per accogliere i gruppi e curare gli ultimi preparativi. Restava da quantificare cosa c'era da trasportare. E determinare quanti caricatori sarebbero necessari.

Era qualcosa di cui si occupava Marco Alexis, la guida nativa.

Marco era abituato ad accumulare incarichi ea prendersi cura delle provviste e degli utensili essenziali.

Pertanto, abbiamo deciso insieme di avere un solo uomo in più. Abbiamo sentito alcune delle sue ultime indicazioni. Infine, ci rimettiamo in spalla gli zaini.

Dal momento in cui siamo arrivati ​​a Paraitepui, abbiamo potuto vedere da lontano lo scopo della spedizione.

Era giunto il momento di inseguirlo.

non erano i jejenes che infestano questa zona del nord Venezuela, zanzare demoniache immuni ai repellenti convenzionali e i primi chilometri del percorso, sempre in discesa, sarebbero stati una passeggiata.

sulla strada giusta

Dopo aver attraversato un primo corso d'acqua, le zanzare sono state raggiunte da due o tre risalite che hanno richiesto il massimo sforzo. Fino alla vetta nessuna tappa sembrava estenuante come la prima.

Sentivamo una stanchezza alla quale già erano immuni Marco Alexis e zio Manuel, abituati a ripetere il viaggio di andata e ritorno, ma che il primo sapeva essere estrema per la maggior parte dei viaggiatori che si cimentano in queste avventure.

Di conseguenza, la guida ha determinato la prima sosta.

Dopo aver servito dei dolcetti al cioccolato che hanno immediatamente ridato energia, ha trasmesso alcune informazioni aggiuntive.

colline erbose

I Tepui della savana venezuelana e gli indigeni che non furono mai Pemón

Tutto stava accadendo nello stato venezuelano di Bolivar.

Più precisamente in una regione remota che entra attraverso i territori del Brasile e della Guyana, chiamata Gran Sabana.

Delle centinaia di tepuis (altopiano roccioso) esistente nella Gran Sabana, la nostra meta era la cima del più alto (2723 m), il monte Roraima. Accanto a lui c'era un "fratello", di nome Kukenan, più basso di soli 123 metri.

Tra di loro c'è una specie di canyon orientato da nord a sud. Da lì si appostavano le nuvole provenienti dall'Atlantico che, di tanto in tanto, invadevano il paesaggio.

Le scogliere verticali che separano le cime del Monte Roraima dal suolo superano i 500 metri di altezza. Stabiliscono una frontiera che è stata, per molti millenni, inespugnabile.

In termini di estensione, né Roraima né Kukenan possono essere paragonati ai più grandi tepuis esistente sulla faccia della Terra. Uno di questi, l'Auyantepui è noto per essere dalla sua cima che si tuffa la cascata più alta del mondo, Salto Angel, con 989 metri.

Tuttavia, l'Auyantepui copre un'area di 700 km². Sono quasi venti volte i 34 km² occupati dal Monte Roraima.

Circa dodici chilometri dopo Paraitepui, arriviamo al primo campo intermedio, vicino al fiume Tok.

Pulizie esterne

Marco Alexis e un altro zio, anche lui soprannominato Alexis – una specie di guru del Monte Roraima – preparano una cena che il gruppo divora in un attimo.

Ben presto si unirono al gruppo, rafforzarono il buonumore generale e ci offrivano qualche sorso di rum che ci anestetizzava dalla stanchezza accumulata.

Alexis respinge una certa timidezza iniziale. Impone la sua saggezza della savana. Svolge una serie di racconti e informazioni affascinanti.

Di questi, ciò che ha attirato la nostra attenzione è stata l'insoddisfazione degli indigeni per il termine “Pemón”, universalmente accettato dagli stranieri per descriverli.

Come ha insistito per spiegarci, “Pemón” significa, in dialetto locale, “umani”. era l'espressione usata dagli indiani nel loro primo incontro con gli europei, per rispondere a una domanda del tipo “Chi sei?”.

Alexis ha sottolineato ancora una volta che non c'è e non c'è mai stato un gruppo di indiani Pemón. Anche contro la tua volontà, una breve ricerca su Internet è sufficiente per vedere come la parola viene utilizzata in modo virale in qualsiasi testo su questa regione del Sud America.

Sulla strada per la Seconda Base e le pendici del Tepui Monte Roraima

Nonostante un po' di pioggia e un fragoroso temporale, quella prima notte siamo riusciti a dormire e ci siamo ripresi dal grave atrofia muscolare.

Alle sei del mattino eravamo pronti a percorrere gli altri dieci chilometri fino alla seconda base, già situata ai piedi del monte Roraima.

Era ancora presto quando raggiungemmo la riva del fiume Kukenan. A quella latitudine quasi equatoriale, il sole ci bruciava già la pelle senza tante cerimonie. Consapevole della crescente difficoltà del viaggio,

Marco ci dà il permesso di fare il bagno. “Anche con tanta fotografia, sono un gruppo veloce!”, ci ha elogiato. "Meritati la ricompensa!"

Premio Kukenam

Nel mezzo del fiume Kukenam, possiamo vedere che la vista in lontananza del "manos" tepuis era diventata un'immagine ben dotata di forme e colori.

Da quel momento in poi il sentiero è proseguito in salita e sotto un sole sempre più crudele. A quel punto nessuno si lamentava più.

Parla per parlare, abbiamo raggiunto il campo base.

Alla scoperta della vetta extraterrestre del Monte Roraima

I pomeriggi e le notti trascorse lì hanno avuto come argomento di discussione inevitabile l'ubicazione della rampa per la cima. Nonostante la relativa vicinanza, facevamo ancora fatica a credere che avremmo raggiunto la vetta del tepui

Tutto ciò che sporgeva dalla roccia verticale era una stretta sporgenza ricoperta di cespugli su cui l'equilibrio sembrava impossibile.

I più ansiosi cominciarono allora ad immaginare momenti di pura vertigine, di essere sospesi tra il muro e l'abisso ea centinaia di metri di altezza.

nel mezzo della salita

Con le migliori opportunità, le guide si sono affrettate a presentare al gruppo una nuova cena ipercalorica e qualche altro sorso di buon rum caraibico.

L'ultimo assalto avvenne tra la vegetazione selvaggia che ricopriva il pendio fino alla parete rocciosa.

Lo abbiamo fatto lungo un tracciato dove si alternavano tratti quasi verticali che richiedevano una locomozione “quadrupede” ad altri più morbidi, facilmente superabili a piedi.

vista improvvisaDi tanto in tanto apparivano più piccoli ruscelli e cascate che suggerivano riposo e rifornimento. In due o tre occasioni abbiamo anche attraversato aree prive di boscaglia che ci hanno permesso di contemplare la vastità del Gran Sabana.

Dopo un insidioso ultimo tratto che ci ha costretti a camminare appoggiati alla falesia, con particolare attenzione per evitare lo scivolamento delle rocce, abbiamo conquistato la cima.

Riposo meritato

Dopo aver scattato le solite foto, era imperativo trovare il luogo dove avremmo passato la notte.

Con questo obiettivo in mente, Marco ha inaugurato una leadership molto più impegnativa sulla superficie del Monte Tepui.

Prima ancora di essere avvertiti, è stato con sorpresa che ci siamo imbattuti nella crudezza del “Hotel”, un semplice incavo in una scogliera con spazio sufficiente per le tende e che garantiva una relativa protezione da pioggia e vento.

Lì ci siamo sistemati senza capricci.

E abbiamo dormito.

vegetazione preistorica

Marco ci sveglia per l'alba.

Avevo già preparato una nuova colazione molto venezuelana di arepas, huevos revueltos e caffè. Il pasto fu di breve durata. Il desiderio di esplorare ha prevalso su tutto. Pertanto, quindici minuti dopo, ci arrendiamo allo scenario surreale.

Il percorso si è rivelato, ancora una volta, complesso.

Le fratture nella roccia si susseguivano, profonde. Si alternavano a grandi creste impraticabili, lunghe superfici con schemi di frammentazione, ruscelli, valli allagate e altre formazioni problematiche.

Ci siamo fermati per la prima volta a El Foso, un enorme buco circolare dove scorreva un ruscello che, prima ancora di congiungersi con le lamiere sotterranee, si trasformava in laguna.

El Foso

Poi abbiamo raggiunto la Vale dos Cristais, come suggerisce il nome, un'area ricoperta di cristalli grezzi in cui spiccavano alcune imponenti sculture naturali.

Continuiamo verso nord. Abbiamo aggirato i vasti "labirinti".

Lì, l'impressionante oscurità di Roraima si fa più densa. Sembra non avere fine, effetto generato dal susseguirsi di migliaia di blocchi irregolari di roccia, intervallati da fessure abbastanza larghe da consentire il passaggio.

Come ci ha confessato Marco, quello era un fortino misterioso e un po' pericoloso in cui nemmeno le guide stesse si sentivano a proprio agio.

palude erbosa

La spiegazione, avvalorata dagli esempi di diverse persone scomparse per sempre sulle cime del Roraima e del “fratello” Kukenam, vanificava ogni pretesa o iniziativa ribelle.

Ci ha tenuto sulla buona strada per l'obiettivo principale della spedizione.

La contesa triplice frontiera dalla cima del monte Roraima

Il luogo in cui il monte Roraima raggiunge la sua massima altitudine (2.800 m) segna anche la convergenza delle linee che separano i territori di Venezuela, Brasile e Guyana.

Questo confine è chiamato dai venezuelani BV 0 (Brasile-Venezuela: zero).

È individuato, a terra, da un segno geodetico che avrebbe dovuto segnare, su ciascuna delle sue facce, il paese corrispondente.

Sulla Triplice Frontiera

Ma il Venezuela ha da tempo rivendicato una parte significativa del territorio della Guyana.

Per questo la targa che segna il versante della Guyana viene abbattuta innumerevoli volte dai visitatori venezuelani e dalle guide del Monte Roraima.

La Triplice Frontiera coincideva con il punto più settentrionale del tepui dove dovevamo arrivare.

Marco non ha ceduto al nostro comune desiderio di proseguire verso Bow dove avremmo potuto osservare la vastità della savana brasiliana e la giungla della Guyana.

La guida ha anche colto l'occasione per drammatizzare la sua risposta negativa: “Amici, preferisco fare a meno del vostro panico quando ci troviamo persi, al buio, al freddo gelido, senza tende né sacchi a pelo, in questa vastità selvaggia”.

Lui, meglio di chiunque altro, conosceva la realtà. Con il nostro tranquillo ritmo fotografico, sarebbe difficile tornare all '"Hotel" prima del tramonto, per non parlare di affrontare nuove sfide.

in linea

Molto a causa della scomparsa di indigeni e scopritori stranieri, Roraima fu presto coinvolto in un profondo misticismo, alimentato e diffuso dalle tribù della regione i cui enigmatici resoconti arrivarono a suscitare la curiosità di sempre più esploratori.

Anche se la loro inesistenza è confermata, i dinosauri e altre creature preistoriche, oltre ai personaggi mitici, sono un tema ricorrente di antiche leggende e storie improvvisate dagli indigeni delle etnie Arekuna, Taurepan e Camaracoto.

predatore di piante

Dalla metà del XNUMX° secolo, queste narrazioni hanno affascinato gli avventurieri del vecchio mondo.

È più che probabile che l'ascesa dei pionieri alla cima del Monte Roraima sia stata fatta dagli indigeni, prima dell'arrivo delle spedizioni europee.

Le prime testimonianze scritte di tentativi di conquista della cima risalgono all'inizio del XIX secolo e mostrano diversi ritiri.

Apprensione meteorologica II

Fu solo nel 1838 che lo scienziato inglese Sir Robert Schomburgk trovò il modo di scalarlo.

Da allora, l'elenco dei visitatori non ha mai smesso di crescere. L'ironia delle ironie è che, pur avendo scritto e pubblicato il libro più famoso sul Monte Roraima: “The Lost World”, Sir Arthur Conan Doyle non è mai stato uno di loro.

Conan Doyle si limitò ad assimilare le storie degli indigeni e dei primi esploratori. Così, ha creato una finzione romantica con protagonista uno scienziato avventuroso e mezzo pazzo, il professor Challenger, che affronta i dinosauri.

Il tema de "Il mondo perduto" è stato più volte adattato per il cinema e la televisione, ma la più famosa delle versioni cinematografiche è la saga di Jurassic Park, girata, in parte, sulle pianure orlate di palme della Gran Sabana.

Gran Sabana

L'origine geologica del monte Roraima

Come tutti i tepui della regione, il monte Roraima faceva parte della formazione Roraima, un gigantesco ammasso roccioso con più di 3.6 miliardi di anni, generato dalla compressione di diversi strati di sabbia e silice causata da grandi oscillazioni termiche.

Questa formazione iniziò a disgregarsi alla fine del Giurassico (circa 150 milioni di anni fa) quando il Sud America si separò dal continente africano.

In quell'epoca le forze provenienti dall'interno della Terra provocarono forti movimenti tettonici che crearono le prime fessure e fratture sulla sua superficie.

Nel corso di milioni di anni, nuove derivazioni delle placche e forti erosioni hanno trascinato in mare gran parte della roccia originaria.

Oggi, del gigantesco blocco iniziale, resistono nel tempo solo poche isolette, gli attuali tepui di Venezuela, Guyana e Brasile.

P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Merida, Venezuela

Mérida a Los Nevados: nei confini andini del Venezuela

Negli anni '40 e '50, il Venezuela attirò 400 portoghesi, ma solo la metà rimase a Caracas. A Mérida troviamo luoghi più simili alle origini e all'eccentrica gelateria di un portoportista immigrato.

Gran Sabana, Venezuela

Un vero parco giurassico

Solo la solitaria strada EN-10 si avventura nella selvaggia punta meridionale del Venezuela. Da lì, sveliamo scenari ultraterreni, come la savana piena di dinosauri nella saga di Spielberg.

PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Merida, Venezuela

La vertiginosa ristrutturazione della funivia più alta del mondo

A partire dal 2010, la ricostruzione della funivia di Mérida è stata eseguita nella Sierra Nevada da intrepidi lavoratori che hanno subito l'entità del lavoro sulla propria pelle.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Isola Margherita ao PN Mochima, Venezuela

Dall'isola di Margarita al Parco Nazionale di Mochima: un Caraibi molto caraibico

L'esplorazione della costa venezuelana giustifica una grande festa nautica. Ma queste soste rivelano anche la vita nelle foreste di cactus e nelle acque verdi come la giungla tropicale di Mochima.
Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar

Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Città
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Chiesa Ortodossa Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia
Cultura
Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe

Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Las Cuevas, Mendoza, attraverso le Ande, Argentina
In viaggio
Mendoza, Argentina

Da un lato all'altro delle Ande

Lasciando la città di Mendoza, la strada N7 si perde tra i vigneti, sale ai piedi del monte Aconcagua e attraversa le Ande verso il Cile. Pochi tratti transfrontalieri rivelano l'imponenza di questa salita forzata
Promettere?
Etnico
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
Storia
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Fort Galle, Sri Lanka, Taprobana leggendaria di Ceylon
Isole
Galle, Sri Lanka

Né Beyond né Short del leggendario Taprobane

Camões ha immortalato Ceylon come un punto di riferimento indelebile delle Scoperte dove Galle fu una delle prime fortezze controllate e cedute dai portoghesi. Passarono cinque secoli e Ceylon lasciò il posto allo Sri Lanka. Galle resiste e continua a sedurre esploratori dai quattro angoli della Terra.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Cilaos, Isola della Riunione, Casario Piton des Neiges
Natura
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Parchi Naturali
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Solostsky autunnale
Religione
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
cabina affollata
Società
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Animali selvatici
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.