Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso


stanze d'oro
Il vecchio palazzo del Khan, tra due enormi platani, in autunno, dorato.
un artista fotogenico
Mahmud, un giovane che ha divertito due amici con pose esilaranti per la foto.
Viale Lada
Old Ladas sul viale principale di Sheki, una colorata eredità dei tempi dell'URSS
case autunnali
Case tradizionali Sheki, punteggiate da cime ingiallite degli alberi.
Dialogo da davanti a dietro
Vassif Davudov, l'insegnante di matematica che ci ha dato un passaggio in taxi Lada e che conosceva numerose squadre di calcio portoghesi più piccole.
tramonto nel Caucaso
Il sole tramonta sul Caucaso e tinge le scene di toni crepuscolari.
nel sole
I clienti in un bar vicino alla stazione degli autobus locali prendono una boccata d'aria fresca e socializzano sulla terrazza.
valle d'oro
Veduta più ampia delle case di Sheki, sparse ai piedi delle montagne azerbaigiane del Caucaso.
Ciclista kazako
Askar Syzbayev, appena arrivato a Sheki per un progetto di cicloturismo sponsorizzato tra Parigi e il Kazakistan.
colori caravanserraglio
Il capo del caravanserraglio di Sheki entra nell'atrio storico della vecchia locanda.
Memoriale di guerra
Memoriale alle vittime della guerra azerbaigiana-armena alimentata soprattutto dalla situazione "ribelle" nell'enclave del Nagorno Karabakh.
sulla strada per il bacio
Passeggeri su un autobus locale dalla regione di Sheki.
Sheki veterano
Residente Sheki
Al sole e al vento
Stendibiancheria in stile sovietico, tesa tra due edifici di enorme larghezza.
Un noto soldato
Lapide di uno dei giovani soldati uccisi nella guerra tra Armenia e Azerbaigian, conflitto latente ancora oggi.
acquisti
Le signore si riflettono nella vetrina di un negozio eccentrico sulla strada principale di Sheki.
Vittime azerbaigiane
Memoriale collettivo delle vittime della guerra tra Armenia e Azerbaigian, al suo apice pochi anni dopo la fine dell'URSS
Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.

Ci tiene alla frontiera di Georgia con l'Azerbaigian.

L'atmosfera del viaggio mattutino, fino ad allora fluida e piacevole, è degradata. Ci siamo affrettati lungo il lungo corridoio sconnesso con ripetuti gradini che separa i due uffici doganali.

Siamo entrati nell'edificio azerbaigiano dietro un gruppo di passeggeri che stavano seguendo a marshukta un po' più veloce del nostro. Mentre aspettiamo che i militari procedano al loro ingresso, emergono due uomini con abiti da campagna sporchi.

Sono saliti a bordo di un camion che trasportava mucche e hanno contaminato l'atmosfera della stanza senza appello o aggravamento. Gli ufficiali ci passano davanti. È quindi dotato di quell'aroma di bestiame georgiano che ci sottoponiamo al loro attento esame.

“Uhmmm... portoghese. Abbiamo giocato con te diverse volte. Ci vincono sempre ma una volta siamo quasi riusciti a... beh... qui vediamo che erano in Armenia qualche giorno fa. Perché sei andato in Armenia? Eri in Nagorno Karabakh?”, ci chiede l'unico funzionario che parlava inglese. "Se lo sono, è meglio che ce lo dica ora!"

Non eravamo andati. Abbiamo spiegato nel modo più paziente e innocente possibile ciò che avevamo fatto in Armenia. Questo non ci impedisce di aprire i nostri zaini e frugarci diligentemente, concentrandoci sulla ricerca di documenti, programmi e mappe di viaggio incriminanti.

Lo fanno invano, ma con la disperazione degli altri passeggeri del nostro marshukta e altri che nel frattempo si erano accumulati.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, via Kis

Passeggeri su un autobus locale dalla regione di Sheki.

Infine, ci concedono l'ingresso in Azerbaigian lì.

In pieno Azerbaigian. E la Via di Sheki

Torniamo a marshukta e abbiamo continuato il nostro viaggio verso Zaqatala. In questa città, abbiamo negoziato l'ultimo viaggio a Sheki. Un'ora e mezza dopo, stiamo già cercando il casa di Ilgar Agayev, con l'autista che ne rimedia ancora manat (moneta azera) perché la casa è un po distante dal centro e l'acciottolato irregolare ne danneggia la sospensione.

Ci dirigiamo verso uno stretto vicolo che termina in un cancello. L'abbiamo aperto ed siamo entrati in un pittoresco cortile sul retro, adornato con un cachi e altri alberi. Due donne scendono i gradini della villa e ci danno un timido benvenuto, sotto gli occhi curiosi di alcuni familiari.

Ci siamo sistemati nella stanza che ci avevano riservato. Abbiamo subito notato un enorme tappeto azerbaigiano che copriva gran parte del muro. Arriva Ilgar.

Abbiamo condiviso il tè e parlato delle loro aspirazioni e dei loro piani per il turismo a Sheki. Tuttavia, Ilgar si scusa ma deve andare.

Il pomeriggio è già a metà. Poco dopo la partenza dell'ospite, ci dirigiamo verso il villaggio. Iniziamo dando un'occhiata al Palazzo d'Estate del Khan.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Golden Apartments

Il vecchio palazzo del Khan, tra due enormi platani, in autunno, dorato.

I tempi della seta, Faust e l'Unione Sovietica Sheki

Fu eretto alla fine del 1910° secolo, in un momento in cui la produzione e la lavorazione della seta a Sheki, e il reddito che ne derivava, raggiunsero cifre impressionanti, circa dieci milioni di rubli nel XNUMX.

Nonostante la sua prosperità, Sheki si trovava a un crocevia di potere. I suoi successivi khan cercarono la sicurezza che solo l'impero russo poteva garantire sotto forma di protettorato. Ma l'incantesimo si rivolse contro lo stregone.

Il khanato fu abolito e l'area annessa a una provincia russa caucasica, l'Oblast' del Caspio.

Nel 1922 faceva già parte del Repubblica federativa sovietica socialista transcaucasica che non ci volle molto per entrare nell'URSS

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Lada Avenue

Old Ladas sul viale principale di Sheki, una colorata eredità dei tempi dell'URSS

Oggi, il monumento storico più imponente del villaggio, il palazzo è solo la struttura superstite di un complesso molto più grande protetto dalle mura della fortezza di Sheki.

Venne a includere un palazzo d'inverno, le residenze della famiglia del Khan e gli alloggi della servitù.

Di quel che resta, siamo soprattutto incantati dalla curiosa posizione dell'edificio dallo sguardo di “Mille e una notte”, incastonato tra due enormi platani dalle chiome dorate, così imponenti da sembrare ergersi al di sopra delle montagne retrostanti.

Abdulah, Elvia e il buon umore giovanile dell'Azerbaigian

Dedichiamo un po' di tempo ad essa e al suo glorioso passato. Poi siamo usciti dalle mura attraverso una porta in cima al pendio. Non appena l'abbiamo attraversato, ci siamo imbattuti in Abdulah Axundov ed Elvia Xamedov, due giovani amiche apparentemente vestite della stessa ispirazione azera.

Abdulah indossava una camicia a quadretti sotto una giacca di pelle nera e jeans neri. Elvia indossava una maglia rossa sotto a soffiatore in raso blu scuro e pantaloni simili a quelli della compincha. Il duo si è goduto una pausa dai loro studi.

Volevo approfittare di questo vantaggio e registrare la baldoria. Ok, la prossima cosa che sappiamo, li stavamo fotografando accanto a una Lada granata e contro le pareti. Non ci è voluto molto per renderci conto che non erano gli unici nel quartiere con il tempo libero per divertirsi.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, residente

Residente Sheki

Duecento metri più in basso, altri tre compagni del tempo libero, anche loro vestiti per lo più di nero, si stavano godendo l'evento.

Quando ci avviciniamo a loro sulla strada per il centro, ci prendono in giro e aprono la loro sessione privata, guidati da Mahmud che, coperto dal suo berretto piatto, prova successive pose comiche che fanno piangere i suoi compagni.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Un artista fotogenico

Mahmud, un giovane che ha divertito due amici con pose esilaranti per la foto.

Lada Taxi (portoghese) Vassif Davudov dell'esperto di calcio

Da lì, eravamo ancora disposti a dare un'occhiata a una chiesa albanese del XII o XIII secolo circondata da altri cachi. Prendiamo prima un autobus, poi un taxi Lada guidato da un giovane che ci lascia alla porta.

Sulla via del ritorno, mentre il sole tramonta, percorriamo gli stretti vicoli del paese fino a quando un'altra Lada si ferma e ci offre un passaggio.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Tramonto nel Caucaso

Il sole tramonta sul Caucaso e tinge le scene di toni crepuscolari.

C'era già Vassif Davudov, un insegnante di matematica che aveva due dei suoi figli in una delle classi che insegnava e parlava un po' turco, inglese, francese e russo.

Ebbene, il fatto che Vassif sia appassionato di calcio e persino di quello portoghese non ci ha sorpreso.

Ciò che ci ha disarmato è stato quando ha iniziato a svelare con orgoglio i nomi dei club più piccoli nei nostri campionati. "Santa Clara, Leixões... ah, aspetta come si chiama l'altra... Paços de Ferreira!".

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Dialogo da davanti a dietro

Vassif Davudov, l'insegnante di matematica che ci ha dato un passaggio in taxi Lada e che conosceva numerose squadre di calcio portoghesi più piccole.

Ilgar ci aveva consigliato di cenare al ristorante di un amico. Era un po' nascosto in un vicolo lontano dalla strada principale, quindi abbiamo avuto difficoltà a trovarlo.

Lo Smoky Men's Den di Sheki's Café Bahar

Quando finalmente trovammo il Café Bahar, trovammo un locale lugubre e fumoso, frequentato solo da uomini che fumavano e bevevano tè da piattini più piccoli del solito.

Non avvezzi agli estranei, sono sorpresi dall'ingresso di una coppia che, in termini etnici, avevano difficoltà a capire. Abbiamo ignorato la sua stranezza e la totale incapacità dei giovani impiegati di parlare una lingua diversa dall'azero.

Ci siamo sistemati, abbiamo mangiato due zuppe tradizionali coerenti (piti e Pepe) accompagnato da compositot, un succo di frutta mista color ribes. Verso le dieci e mezza cedemmo alla fatica e tornammo nella stanza che Ilgar ci aveva riscaldato da tempo.

Tutta la sua famiglia viveva nella stanza accanto, che comunicava con la camera da letto attraverso una finestra chiusa. Ma eravamo così sfiniti dal risveglio precoce e dal viaggio da cui partire Tbilisi che nemmeno la rumorosa fraternizzazione disturbava il nostro sonno.

Intorno al colorato autunno del pittoresco Sheki

Ci siamo svegliati e abbiamo trovato la colazione già pronta sul tavolo della cucina proprio davanti alla stanza. Abbiamo divorato il nostro pasto mattutino e siamo andati alla scoperta.

Eravamo curiosi di vedere che aspetto avrebbe Sheki da una delle piste sopra.

Ci è voluto del tempo per concordare un percorso che ci permettesse di lasciare la città. Non avendo idea di dove stessimo andando, l'abbiamo raggiunto prima attraverso vicoli pieni di foglie gialle, vittime dell'autunno autunnale. Poi attraverso il vasto cimitero cittadino.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno

Case tradizionali Sheki, punteggiate da cime ingiallite degli alberi.

Continuammo a salire tra le tombe e le tombe raggruppate all'interno di ringhiere familiari. Finché, a un certo punto, le abbondanti case disposte intorno all'edificio più grafico ed emblematico di Sheki, il suo caravanserraglio (locanda) secolare.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Golden Valley

Veduta più ampia delle case di Sheki, sparse ai piedi delle montagne azerbaigiane del Caucaso.

Da lì, l'insieme formato dai tetti color terra e dall'ultimo fogliame multicolore, leggermente ritoccato dal fumo bianco di alcuni fuochi e camini, formava uno sfolgorante scenario autunnale.

Senza anima intorno, lo apprezziamo nella pace eterna dei morti e per tutto il tempo che abbiamo voglia di passare.

Sheki Caravancerai. La tradizione dei Grand Inn del Caucaso

Finché non scendiamo a valle e, tra i sempre più numerosi Lada che percorrono i suoi marciapiedi, non ci vuole molto per imbatterci nel grande caravanserraglio che un tempo ospitava i mercanti che passavano per la città e gli animali e le merci che trasportavano.

La porta principale è aperta. Siamo entrati e abbiamo indagato nel vasto edificio, con quasi 250 stanze disposte dietro archi successivi rialzati attorno a un cortile principale.

colori caravanserraglio

Il capo del caravanserraglio di Sheki entra nell'atrio storico della vecchia locanda.

In quell'occasione, come per la maggior parte dell'anno, il caravanserraglio era praticamente vuoto anche se, in più della bassa stagione, alcuni viaggiatori hanno visitato la città.

Uscendo dalla locanda, ci fermiamo a fotografia una lunga fila di Lada disposte accanto a un grande outdoor con la foto del Presidente dell'Azerbaigian. Senza aspettarcelo, ci siamo resi conto che non eravamo gli unici outsider del quartiere.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Al sole

I clienti in un bar vicino alla stazione degli autobus locali prendono una boccata d'aria fresca e socializzano sulla terrazza.

Un ciclista emerge dal fondo del marciapiede.

Quando si avvicina a noi, coglie l'occasione per riposare il suo corpo e anima del viaggio sarebbe lungo. Abbiamo notato la bandierina che aveva installato sul volante.

La conversazione porta alla conversazione, confermiamo che Askar Syzbayev era kazako. Ancora un po' senza fiato, il ciclista ci racconta cosa stava facendo. “Ho avuto la mia fortuna. Ho ottenuto una sponsorizzazione e ho programmato un viaggio di 8000 km tra la Francia e il Kazakistan.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian Ciclista kazako Tourer

Askar Syzbayev, appena arrivato a Sheki per un progetto di cicloturismo sponsorizzato tra Parigi e il Kazakistan.

È stato faticoso ma allo stesso tempo meraviglioso”. Continuammo a parlare ancora per un po', ma Askar era esausto e stanco di passare la notte nella tenda che trasportava.

Aveva deciso che a Sheki avrebbe dormito più comodamente ma aveva bisogno di trovare un posto con prezzi compatibili con il suo budget.

Bastava esaminare la facciata e l'ingresso dell'edificio storico per concludere che non poteva contare sui caravancerai.

La periferia sovietica e il monumento ai caduti del Nagorno Karabakh

Ci salutiamo. Continuiamo ad esplorare il centro città. Siamo stati particolarmente deliziati dai grandi stendibiancheria sovietici disposti tra piani opposti di blocchi distanti, in cui le donne stendevano o raccoglievano il bucato azionando le enormi funi rotanti.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Nel sole e nel vento

Stendibiancheria in stile sovietico, tesa tra due edifici di enorme larghezza.

Prima di lasciare Sheki verso la capitale Baku, troviamo ancora altri punti con vedute diverse sulle case e sui minareti che da esse si proiettavano.

In prossimità di uno di questi luoghi, ci imbattiamo in un monumento che ricordava i bambini di Sheki, vittime della guerra tra Azerbaigian e Armenia, un conflitto sempre latente e che, a causa della nostra visita dall'Armenia, ci aveva quasi impedito di entrare in Azerbaigian.

Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, vittime azerbaigiane

Memoriale collettivo delle vittime della guerra tra Armenia e Azerbaigian, al suo apice pochi anni dopo la fine dell'URSS

Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
Uplistsikhe e Gori, Georgia

Dalla culla della Georgia all'infanzia di Stalin

Alla scoperta del Caucaso, esploriamo Uplistsikhe, una città troglodita che ha preceduto la Georgia. E a soli 10 km di distanza, a Gori, troviamo il luogo dell'infanzia travagliata di Joseb Jughashvili, che sarebbe diventato il più famoso e tirannico dei leader sovietici.

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

cinese, Azerbaijan

Il villaggio in cima all'Azerbaigian

Installato a 2300 metri ghiacciati e accidentati del Grande Caucaso, il popolo Khinalig è solo una delle numerose minoranze nella regione. Rimase isolata per millenni. Fino a quando, nel 2006, una strada l'ha resa accessibile alle vecchie Lada sovietiche.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
Città di Mindelo, Sao Vicente, Capo Verde
Città
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Cultura
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
In viaggio
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Etnico
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Tricicle, Bacolod, Negros Occidental, Filipins
Storia
Bacolod, Filippine

Dolci filippini

Bacolod è la capitale di Negros, l'isola al centro della produzione filippina di canna da zucchero. Viaggiando attraverso l'estremo oriente e tra storia e contemporaneità, assaporiamo il cuore affascinante dell'Asia più latina.
Isola di Djerba in Tunisia, Amazigh e i suoi cammelli
Isole
Djerba, Tunisia

L'Isola Tunisina della Convivenza

L'isola più grande del Nord Africa ha accolto a lungo persone che non hanno resistito. Nel tempo, Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi la chiamarono casa. Oggi, le comunità musulmane, cristiane ed ebraiche continuano un'insolita condivisione di Djerba con i suoi nativi berberi.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Viaggiatore sopra la laguna ghiacciata di Jökursarlón, Islanda
Natura
Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
Parchi Naturali
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Vulcano Teide, Tenerife, Isole Canarie, Spagna
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Spiagge
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Religione
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico
Società
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Animali selvatici
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.