Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca


Seydisfjörður
Vista di Seydisfjordur incastonata in uno dei tanti fiordi sulla costa nord-orientale dell'Islanda
Chiesa II
Chiesa di Seydisfjordur, dove si prova il canto corale del villaggio.
terrazzo freddo
David Kristinsson e Philippe Clause sulla terrazza dell'Hotel Aldan.
Case
Case di città ai piedi delle montagne che costeggiano il fiordo.
Interno del caffè Aldan
Interno dell'Aldan Café, un tempo negozio di alimentari e video club.
vista sul fiordo
Panorama incorniciato dal 1° piano dell'hotel Aldan.
Tinna
Tinna Gudmundsdottir allo Skaftafell Arts Center.
Il Grillo
Un'insegna di un bar-caffetteria che porta il nome di una petroliera britannica affondata da un attacco aereo nazista a Seydisfjordur.
Chiesa
Chiesa di Seydisfjordur, dove si prova il canto corale del villaggio.
pronto
David Kristinsson alla scrivania del suo Hotel Aldan.
scommessa immobiliare
Interno di un'ex banca del villaggio, ora trasformata in una casa in stile "legno norvegese".
Tra mare e montagna
Banca occupata dalle vecchie case di Seydisfjordur.
Clausola Filippo
Philippe Clause, uno degli espatriati di Seydisfjordur nello studio dove produce sciarpe e sciarpe alla moda.
qualche decennio fa
Storica vetrina dell'Hotel Aldan.
Dock
Il molo dei pescatori di Seydisfjordur, un tempo pieno di pescherecci, ora è quasi vuoto.
Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.

La posizione pianeggiante di Egilsstadir, ai margini di uno dei tanti thalweg invasi dagli uccelli migratori dall'Islanda, non offre una panoramica di ciò che segue.

Dopo il bivio la strada risale la montagna, dapprima ricoperta di vegetazione secca che le conferisce toni ocra e brunastri ma che, con l'altitudine, cede presto il passo al bianco.

La neve aumenta visibilmente. Alla cresta del pendio, la strada si incunea tra alte pareti di ghiaccio. Campioni di valanghe cadono da entrambi i lati, seppellendo sempre di più l'asfalto già soffocato.

È la trazione integrale che ci salva da uno scricchiolio altrimenti garantito.

La discesa del crepuscolo a Seydisfjordur

Dopo aver conquistato la vetta dal fronte, inizia la discesa nelle profondità del fiordo.

Sono quasi le dieci, come si suol dire, di notte.

Il sole insiste a resistere in questa Islanda, nonostante lo scenario gelido, ormai ufficialmente primavera. La luce del tramonto subartico tinge di magenta le cime delle montagne davanti a noi, ma il pendio tortuoso viene meno mentre scendiamo verso le colline e il mare.

costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Vista di Seydisfjordur incastonata in uno dei tanti fiordi sulla costa nord-orientale dell'Islanda

abbiamo trascorso un caduta d'acqua gelata. Alcuni meandri di asfalto dopo, finalmente intravediamo il case diffuse. Seydisfjordur, la città islandese più lontana da Reykjavik, non tarda ad arrivare.

David Kristinsson ci incontra nel parcheggio accanto al suo Hotel Aldan. Abbiamo colpito nel segno della visita e ci siamo resi conto che si aspettava che conoscessimo in anticipo il fascino e la fama del luogo.

Non era ancora così.

La notte scende una volta per tutte. Su raccomandazione dell'ospite, abbiamo alloggiato nel vecchio edificio della banca, anch'esso restaurato da lui. Installati lì, ricarichiamo le batterie delle attrezzature di lavoro e, appena possibile, le nostre, quasi a zero dopo il lungo viaggio da Husavik.

Nuovo giorno tra le case di legno norvegesi di Seydisfjordur

La mattina e la colazione ridonano la nostra lucidità. Davide si diverte. Mostraci gli angoli pittoreschi di legno norvegese dall'Hotel Aldan, probabilmente portato sotto forma di a kit da Norvegia, un tempo negozio di alimentari, poi video club.

proprietario, hotel Aldan, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

David Kristinsson alla scrivania del suo Hotel Aldan.

Ci tiene compagnia Philippe Clause, un amico gallico della periferia di Parigi che vive in uno studio dall'altra parte della strada.

I pescatori norvegesi ripresero una precedente colonizzazione che si presume sia precedente all'VIII secolo.

Attratti dall'abbondanza di aringhe, costruirono i primi edifici in legno e vi stabilirono un avamposto di pesca, lo stesso del baleniere nordamericano Thomas Welcome Roys, ancora nel XIX secolo.

case, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Case di città ai piedi delle montagne che costeggiano il fiordo.

La seconda guerra mondiale e l'annientamento della flotta peschereccia locale

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, la popolazione si era già notevolmente sviluppata. Ospitava un precursore della funivia sottomarina che collegava l'Islanda all'Europa continentale e la stazione inaugurale dell'alta tensione del paese.

Gli strateghi britannici e americani hanno rilevato i vantaggi della sua posizione e hanno decretato che una base militare e una pista di atterraggio dovrebbero essere installate lì. Oggi quella traccia è disattivata.

chiesa, villaggio, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Chiesa di Seydisfjordur, dove si prova il canto corale del villaggio.

David riprende la storia più avanti: “fino a qualche tempo fa, da qui partiva una buona flotta peschereccia e un grande stabilimento per la lavorazione del pesce. A modo suo, il comune si è evoluto nel comune più prospero dell'Islanda orientale.

Fino a quando i potenti armatori di Reykjavik non acquistarono quasi tutte le barche. Seydisfjordur non aveva più posti di lavoro da offrire ed è stato abbandonato".

molo, barche, pesca, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Il molo dei pescatori di Seydisfjordur, un tempo pieno di pescherecci, ora è quasi vuoto.

Seydisfjordur e Dieter Roth: un passaggio creativo dalla pesca all'arte

È stato salvato dall'avvento del turismo, con mezzi non convenzionali, tra l'altro. I primi spettatori ne apprezzarono la bellezza ritirata e si stabilirono. Seguì una comunità di bohémien e creatori, attratti dall'accoglienza dei pionieri e dal sentimento di libertà.

Alcuni sono arrivati ​​da altre parti d'Europa.

Il più famoso, l'artista svizzero-tedesco Dieter Roth, vedeva Seydisfjordur come un luogo magico. Nell'ultimo decennio della sua vita fondò una delle numerose residenze stagionali del villaggio.

Vetrina hotel Aldan, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Storica vetrina dell'Hotel Aldan.

Roth morì nel 1998. Nello stesso anno, un gruppo di estimatori del suo lavoro, dell'arte in generale e del villaggio, fondò un Centro per le Arti Visive nella casa in cui visse Skaftfell.

Devozione e dedizione di David Kristinsson di Seydisfjordur

È lì che camminiamo con David, tra l'insenatura del mare che invade il fiordo e le case colorate ai piedi del pendio. Lungo la strada, il cicerone ci racconta un po' della sua vita: come è nato Akureyri, la capitale del nord.

Il periodo in cui si è trasferito a Copenaghen con la sua ragazza, dove, dopo tre anni, ha imparato un buon danese, nonostante una maestra d'asilo gli avesse detto che non ci sarebbe mai riuscito.

Ci racconta anche del suo ritorno a Reykjavik, dove anche lui aveva vissuto ma a cui non si era mai abituato.

E il suo trasferimento, nel 2011, a Seydisfjordur, con armi e bagagli, con idee e qualche soldo da investire nella comunità, come confessa, senza alcuna ossessione per il profitto.

interno, immobiliare, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Interno di una ex banca del villaggio, ora trasformata in abitazione in stile “bosco norvegese”.

Siamo arrivati ​​a Skaftafell.

Skaftafell e Dieter Roth: luogo per l'arte e la creatività

David ci presenta Tinna Gudmundsdottir che, a sua volta, ci introduce al centro con palese orgoglio. Al terzo piano ci mostra le stanze della residenza assegnate a studenti d'arte e altri passanti.

Centro artistico, Fiordo di Skaftafell, Seydisfjordur, Islanda

Tinna Gudmundsdottir allo Skaftafell Arts Center.

Nella seconda abbiamo apprezzato una serie di schizzi esposti alle pareti ed esaminato con stupore chimico la finestra di fast food con cui Dieter Roth, utilizzando innumerevoli batteri, ha espresso ancora una volta la sua irrequietezza sociale e creatività critica.

Questo tipo di opere biodegradabili era comune nell'artista che, per questo motivo, divenne noto anche come Dieter Roth.

Sperimentatore nato con inesauribile energia e dedizione, Roth ha prodotto numerosi taccuini, opere stampate e sculture di artisti. “Veniva a questo tavolo quando aveva più idee per un breakout. Ho creato schizzi e li ho accumulati qui intorno fino a quando, in seguito, li ho associati a libri o altri formati.

Ora invitiamo anche coloro che vengono qui a lasciare il segno”. Ce lo dice Tinna, poi ci conduce a uno scaffale pieno di altri libri del precedente proprietario e ci guida pagina dopo pagina.

Il disallineamento politico di Seydisfjordur

A un certo punto la conversazione cambia tono, quando il luccichio negli occhi azzurri della figlia di Gudmund, che protesta contro la situazione in Islanda, ci rassicura grazie ai loro governi di destra, sempre troppo preoccupati per i ritorni finanziari.

“Profitto, profitto e ancora profitto. È tutto ciò a cui pensano. Anche il nuovo supermercato che è stato installato lassù insiste a sfruttarci con prezzi ipergonfiati. Qui a Seydisfjordur, la maggior parte di noi lo evita.

paesaggio, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Banca occupata dalle vecchie case di Seydisfjordur.

Preferiamo fare i 60 km sopra la montagna e fare acquisti a Egilsstadir piuttosto che essere derubati”. Il dibattito politico-economico continua. Tinna è incuriosita e, per un attimo, disarmata quando le diciamo che in Portogallo c'è una forte idea che l'ultimo governo di sinistra abbia portato il Paese alla bancarotta.

Il tempo che avevamo per la città sta finendo.

Intorno al mare di Seydisfjordur

Abbiamo lasciato Skaftafell verso l'ora di pranzo. David ci accompagna a metà strada fino all'Hotel Aldan. Quando arriviamo a una stazione di servizio, ci dice l'ora della separazione: “beh, mi fermo qui. Il venerdì ci incontriamo tutti in quel ristorante. Il cibo è pessimo, la convivialità compensa”.

Da soli, abbiamo deciso di esplorare un po' di più il villaggio e il fiordo. In quasi due ore abbiamo trovato solo otto o nove anime delle quasi 700 che dovrebbero abitarlo.

chiesa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Chiesa di Seydisfjordur, dove si prova il canto corale del villaggio.

L'ufficio turistico funziona ma è vuoto, come il molo dove vediamo allineate solo poche barche, le poche rimaste dall'incursione commerciale perpetrata dalle compagnie di pesca della capitale.

E il lavoro a maglia artistico di Philippe Clause

Prima di partire, abbiamo ancora attraversato il La casa di Filippo che, nel comfort dello studio, mostra poca preoccupazione per quell'apparente stasi della civiltà.

sciarpe da studio, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Philippe Clause, uno degli espatriati di Seydisfjordur nello studio dove produce sciarpe e sciarpe alla moda.

Il lavoro a maglia è la sua arte e, su una tavola piena di coloratissime matasse di lana, l'espatriato francese si dedica a rifinire nuove sciarpe, scialli e sciarpe che promuove in una vetrina improvvisata alle pareti e, online, di cui è lui stesso il modello.

David ci ha detto che la sua attività alberghiera e la città erano più interessate ai visitatori che volevano trascorrervi diversi giorni godendosi la tranquillità e le dinamiche culturali, non tanto quelli che giravano per l'Islanda in sei o sette giorni.

 

vista dall'hotel Aldan, fiordo, Seydisfjordur, Islanda

Panorama incorniciato dal 1° piano dell'hotel Aldan.

Stavamo esplorando l'isola con alcuni più che solo. Tuttavia, appartenevamo all'ultima classe.

Siamo saliti in macchina e abbiamo salutato Seydisfjordur. Fino alla prossima volta.

Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Indiano incoronato
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Città
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Cultura
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
In viaggio
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Egitto tolemaico, da Edfu a Kom Ombo, Nilo sopra, la guida spiega i geroglifici
Storia
da Edfu a Kom Ombo, Egitto

Nilo in alto, da tolemaico dell'Alto Egitto

Dopo aver completato l'inevitabile ambasciata a Luxor, l'antica Tebe e la Valle dei Re, si procedeva controcorrente del Nilo. In Edfu e Kom Ombo, ci arrendiamo alla magnificenza storica lasciata in eredità dai successivi monarchi Tolomeo.
Viaggio Sao Tomé, Ecuador, São Tomé e Principe, Pico Cão Grande
Isole
São Tomé, São Tomé e Príncipe

Viaggio dove São Tomé punta l'equatore

Ci dirigiamo verso la strada che collega l'omonimo capoluogo allo spigolo vivo dell'isola. Quando siamo arrivati ​​a Roça Porto Alegre, con l'isolotto di Rolas e l'Ecuador davanti, ci siamo persi più e più volte nel dramma storico e tropicale di São Tomé.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Mirador de La Peña, El Hierro, Isole Canarie, Spagna
Natura
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Parchi Naturali
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Bridgetown, città del ponte e capitale delle Barbados, spiaggia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bridgetown, Barbados

La città (del ponte) delle Barbados

Originariamente fondata come "Indian Bridge", accanto a una palude maleodorante, la capitale delle Barbados si è evoluta nella capitale delle British Windward Isles. I barbadiani lo chiamano "The City"”. È la città natale della ben più famosa Rihanna.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Santa Maria, Isola di Sal, Capo Verde, Sbarco
Spiagge
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
corteo sfarzoso
Religione
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
mini snorkeling
Società
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Animali selvatici
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.