Senglea, Malta

La città maltese con più Malta


La piccola grande Senglea
Le case di Senglea arroccate all'interno delle mura di La Guardiola.
Balconi più colorati
Tre luminosi balconi in legno abbelliscono un vicolo della vecchia Senglea.
conservazione ottimale
Porte discendenti del magazzino utilizzate dai proprietari di barche. Questi proprietari approfittano dello spazio libero sotto una strada in pendenza dalla Cottonera de Senglea.
La Guardiola
Il corpo di guardia centrale delle mura di La Guardiola, l'estremità delle mura di Senglea di fronte a La Valleta, in tempi cruciali per l'individuazione delle navi nemiche.
una partita sengleana
Gli amici giocano a calcio in una pista in erba sintetica che sfrutta tutto lo spazio tra la base delle pareti e il mare.
Una breve traversata
Un armatore si prepara ad attraversare l'insenatura tra Senglea e Vittoriosa.
Santi della Casa
Le statue religiose benedicono i balconi tradizionali delle Tre Città di Malta, disposti fianco a fianco in una strada angusta a Senglea.
Bastione San Michele
Il traffico scorre attraverso i portici del Bastião de São Miguel, eretto per rafforzare la resistenza di Senglea contro le invasioni nemiche.
Altare nelle alture
I pedoni attraversano uno dei portici del bastione di São Miguel sotto un altare cattolico che sfrutta la sommità della struttura a volta.
Little Big Senglea II
Veduta di Senglea dalle alture di La Valletta. La Valletta è la capitale più piccola d'Europa. Senglea è sostanzialmente più piccola di La Valletta.
6 piani
Dettaglio dei pulsanti del campanello di un vecchio edificio a Senglea.
La super frusta di Bram
L'autista di un furgone dei gelati che attira gli acquirenti maltesi sulle note di "Lily Marlene".
benedetto scarico
Il residente arriva con un carico di mobili davanti alla basilica di Senglea, dedicata alla Sig.
A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.

Le Tre Città dell'est di Malta si trovavano diversi secoli fa su piccole penisole ben evidenziate sulla mappa.

Questi tagli stravaganti significano che abbiamo la città vicina quasi sempre a distanza di uno stretto braccio di mare, ma con ciò siamo costretti ad andare in giro, a prima vista incomprensibile, per raggiungerla.

Little Big Senglea II

Veduta di Senglea dalle alture di La Valletta. La Valletta è la capitale più piccola d'Europa. Senglea è sostanzialmente più piccola di La Valletta.

Lasciamo Vittoriosa e le ombre del suo Palazzo dell'Inquisitore. Saliamo in macchina. Segnaliamo Senglea.

Avanziamo lungo il porticciolo ricco di barche a vela che le separa fino a raggiungerne il capolinea. Svoltiamo a destra ad una rotonda simbolica e poi su una nuova strada a senso unico.

Immediatamente ci colpisce la sensazione di essere entrati in un altro dominio.

Bastione San Michele

Il traffico scorre attraverso i portici del Bastião de São Miguel, eretto per rafforzare la resistenza di Senglea contro le invasioni nemiche.

Il breve viaggio tra Vittoriosa e Senglea

Arriviamo a Cottonera – la sponda opposta dello stesso porto turistico – ora con Vittoriosa davanti. La fine di questo lungomare termina a Senglea Point.

Rivela, dall'altro lato, il canale principale del Greater Porto e le sontuose case di La Valletta. Abbiamo ceduto all'ambizione di ammirarlo dall'alto. Sapevamo il nome del luogo da dove era possibile, dovevamo solo arrivarci.

Abbiamo chiesto indicazioni a un pescatore. L'uomo non ha le mezze misure: “Ora c'è un posto speciale. Vieni dietro a me, ti lascio all'ingresso”.

Una breve traversata

Un armatore si prepara ad attraversare l'insenatura tra Senglea e Vittoriosa.

La Guardiola, un Angolo Fortemente Panoramico a Senglea

Abbiamo risalito il versante opposto del promontorio, vinto un gancio al secondo tentativo e, al segnale della guida, ci siamo accorti di aver trovato La Guardiola.

Abbiamo attraversato il giardino locale e abbiamo trovato, in posizione centrale e sporgente, un elegante corpo di guardia in arenaria come la maggior parte degli edifici storici delle Tre Città e di Malta.

La Guardiola

Il corpo di guardia centrale delle mura di La Guardiola, l'estremità delle mura di Senglea di fronte a La Valleta, in tempi cruciali per l'individuazione delle navi nemiche.

Il tramonto arancione Valletta, Vittoriosa e Cospicua mentre piccole barche Dghajsa Tal-Midalji trasportare gli ultimi passeggeri della giornata.

Seguiamo il graduale susseguirsi delle ultime sfumature del crepuscolo.

È un torneo amichevole di calcio che si svolge in una sorta di anello in erba sintetica, incastonato con maestria geometrica tra il piede delle mura e il mare.

una partita sengleana

Gli amici giocano a calcio in una pista in erba sintetica che sfrutta tutto lo spazio tra la base delle pareti e il mare.

“Amici, scusate ma dovete andarvene. Chiudiamo il giardino». ci informa un anziano in compagnia della nipote. "Altrimenti chiudiamo questo posto di notte, i ragazzi vengono qui per bere e drogarsi".

Il maestro Claude de La Senglea e la resilienza di Senglea, il Civitas Invicta

Anche un po' seccati, ci arrendiamo alla sincerità e al laico istinto protettivo degli abitanti di quelle parti.

La punta dell'isola dove ci trovavamo era già urbanizzata da tempo quando, nel 1552, ospitò la costruzione del Bastião de São Miguel.

La città murata di Senglea – così chiamata in onore del grande maestro Claude de La Sengle – si sviluppò negli anni successivi.

Diventerebbe l'unico a resistere all'assedio di Malta imposto dall'Impero Ottomano ai Cavalieri Ospitalieri.

Jean Parisot de Valette, il maestro che ha dato origine al nome La Valletta, ha voluto onorare il coraggio del nuovo villaggio. gli ha dato il soprannome Civitas Invicta.

Nel corso del tempo, la città ha sviluppato una propria versione della pittoresca architettura di La Valletta.

Santi della Casa

Le statue religiose benedicono i balconi tradizionali delle Tre Città di Malta, disposti fianco a fianco in una strada angusta a Senglea.

La fortificazione de La Guardiola, questa, fu installata solo nel 1692, per garantire la vedetta e la distruzione delle navi nemiche provenienti dal Mediterraneo e per comunicare con le altre sentinelle del Porto Grande.

Abbiamo rilevato, nel suo corpo di guardia, l'iscrizione latina adatta Pluribus Arcibus Adstans ("di fronte a molte roccaforti"). Allo stesso modo, su ciascuno dei lati dell'esagono, i rilievi di un occhio, un orecchio e un pellicano.

I primi due segnalano il ruolo della vedetta.

Il pellicano – simbolo della Passione di Gesù Cristo – identifica la fede dei difensori e la cura che quel posto dedicherà agli abitanti della penisola e degli altri villaggi di Malta.

Nessuno ha accolto tante anime cristiane come Senglea.

benedetto scarico

Il residente arriva con un carico di mobili davanti alla basilica di Senglea, dedicata alla Sig.

Senglea, la città sovraffollata delle tre città

Nei primi anni del 8.000° secolo, c'erano più di 20 persone che vivevano su meno di XNUMX ettari.

A quel tempo, Senglea e Cospicua concentrarono l'élite finanziaria e gli intellettuali di Malta.

Ma durante la seconda guerra mondiale furono devastati dai bombardamenti dell'Asse che uccisero e cacciarono molti abitanti e provocarono un cambiamento radicale nella loro struttura sociale.

Dopo il conflitto, Senglea fu ricostruita e riabitata. Nel 2013 contava già quasi 3.000 abitanti, lontani dalla precedente densità di popolazione record ma ancora la più alta di Malta.

6 piani

Dettaglio dei pulsanti del campanello di un vecchio edificio a Senglea.

Dopo due giorni di ulteriore evasione, siamo tornati.

Mentre percorriamo gli stretti vicoli all'ombra delle case opprimenti, ci rendiamo conto che, anche nel pomeriggio, i parcheggi si sono moltiplicati e astutamente contesi.

Vendita Gelati con la Colonna Sonora Magica di “Giglio Marlene"

Durante questo viaggio, siamo incuriositi dalla melodia enigmatica, lontana e intermittente di un “Giglio Marlene” strumentale.

Quando meno ce lo aspettiamo, ci imbattiamo nel veicolo responsabile, un furgoncino dei gelati dal look Playmobil, guidato da un commesso non infastidito dalla storia dell'inclemenza tedesca nei confronti della sua città.

La super frusta di Bram

L'autista di un furgoncino dei gelati che attira gli acquirenti maltesi con le note di "Lily Marlene".

Entriamo nel Senglea Bocci Club e assistiamo brevemente a una vivace partita di Bocci, una curiosa versione maltese della bocce.

All'uscita, ci fermiamo all'interno di uno dei cupi portici del Bastião de São Miguel da dove possiamo vedere che tutti i pedoni e persino i conducenti si incrociano prima di attraversarli.

Non ci vuole molto per intravedere il motivo, installato vicino alla sommità della volta: un altare tanto inaspettato quanto composto, decorato con dipinti di Cristo e della Vergine Maria e altri dei soliti motivi cattolici.

Altare nelle alture

I pedoni attraversano uno dei portici del bastione di São Miguel sotto un altare cattolico che sfrutta la sommità della struttura a volta.

Circondati e attaccati più e più volte, i maltesi si sono abituati a ricorrere alla fede ma, come è evidente in tutta l'isola, hanno dovuto fare i propri miracoli.

È, in qualche modo ispirati dalla loro determinazione, che superiamo ostacoli su cui non avevamo contato.

L'allevamento storico de Il Macina

Un cancello marrone ci impedisce di accedere a un'area sopraelevata del lungomare che sospettavamo avesse viste privilegiate. Quando una signora ci apre la porta, spieghiamo le nostre intenzioni.

"Non preoccuparti!" rassicuraci Doris. “Ci siamo abituati.

Qualche tempo fa, c'è stato uno spettacolo pirotecnico ed eravamo pieni di persone che si sono presentate proprio come te. Nel caso non lo sapessi, sono attualmente sulla terrazza de Il Macina.

È una vecchia gru che l'ingegnere militare de La Sengle ha installato quando hanno fortificato la città, per consentire il rapido carico delle navi. È crollato ed è stato rinnovato alcune volte. Ora è un monumento ignorato”.

“C'era una volta un gatto maltese. Suonava il piano e parlava francese…” Preferiremmo ascoltare di nuovo il discorso piuttosto che la demistificazione con cui ci siamo trovati di fronte.

Mentre avanziamo lungo la terrazza murata, si osservano decine di felini domestici di numerose razze e colori, molti dei quali con evidenti problemi.

“Questi sono i nostri ragazzi”, spiega Doris, ora affiancata da tre assistenti. Abbiamo un istituto che recupera gatti abbandonati e randagi per darli in adozione.

Ma non sappiamo per quanto tempo rimarremo qui. Le autorità hanno finalmente capito il potenziale di questo luogo. Sembra che stiano progettando di costruire un bar-ristorante qui con una terrazza, o qualcosa del genere.

Cerchiamo un'altra base, ma Senglea è un po' stretto, come avrete notato". Non potevamo essere in disaccordo.

In soli due giorni, ci è sembrato ovvio che la maggior parte dei Sengleani doveva lottare per i minuscoli spazi del loro campione di città.

Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti

Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Mikonos, Grecia

L'isola greca dove il mondo festeggia l'estate

Durante il 1960° secolo, Mykonos era solo un'isola povera, ma intorno al XNUMX, i venti di cambiamento delle Cicladi l'hanno trasformata. In primo luogo, nel migliore rifugio per gay del Mediterraneo. Poi, nell'affollata, cosmopolita e bohémien vanity fair che troviamo quando visitiamo.
Iraklio, CretaGrecia

Da Minos a Meno

Arriviamo ad Iraklio e, per quanto riguarda le grandi città, la Grecia si ferma lì. Per quanto riguarda la storia e la mitologia, la capitale di Creta è infinitamente ramificata. Minosse, figlio di Europa, aveva sia il suo palazzo che il labirinto in cui era rinchiuso il minotauro. Gli arabi, i bizantini, i veneziani e gli ottomani passarono per Iraklio. I Greci che lo abitano non gli danno il dovuto.
male, Santorini, Grecia

Fira: tra le alture e le profondità di Atlantide

Intorno al 1500 aC, una devastante eruzione fece affondare gran parte dell'isola del vulcano Fira nel Mar Egeo e portò al crollo della civiltà minoica, chiamata più volte Atlantide. Qualunque sia il passato, 3500 anni dopo, Thira, l'omonima città, è tanto reale quanto mitica.
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Chania ad Elafonisi, Creta, Grecia

Gita in spiaggia in stile Creta

Alla scoperta dell'ovest del Cretan, lasciamo Chania, viaggiamo attraverso la gola di Topolia e attraverso gole meno marcate. Pochi chilometri dopo, raggiungiamo un angolo mediterraneo di acquarello e sogno, l'isola di Elafonisi e la sua laguna.
Gozo, Malta

Giornate mediterranee di puro godimento

L'isola di Gozo è un terzo delle dimensioni di Malta, ma solo trenta dei trecentomila abitanti della piccola nazione. In duo con la località balneare di Comino, ospita una versione più semplice e serena della sempre peculiare vita maltese.
Valletta, Malta

I capitelli non si misurano con i palmi

Al momento della sua fondazione, l'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri lo soprannominò "il più umile". Nel corso dei secoli, il titolo cessò di servirlo. Nel 2018, La Valletta è stata la più piccola Capitale Europea della Cultura di sempre e una delle più ricche di storia e straordinarie che si ricordino.
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Mdina, Malta

La città silenziosa e straordinaria di Malta

Mdina fu la capitale di Malta fino al 1530. Anche dopo che i Cavalieri Ospitalieri l'avevano retrocessa, fu attaccata e fortificata per adattarsi. Oggi è la costa e l'imponente Valletta a guidare i destini dell'isola. Mdina si adatta alla tranquillità della sua monumentalità.
Rabat, Malta

Un ex sobborgo nel cuore di Malta

Se Mdina divenne la capitale nobile dell'isola, i Cavalieri Ospitalieri decisero di sacrificare la fortificazione dell'odierna Rabat. La città fuori le mura si espanse. Sopravvive come contrappunto popolare e rurale all'attuale museo vivente di Medina.
Birgu, Malta

Alla conquista della Città Vittoriosa

Vittoriosa è la più antica delle Tre Città di Malta, sede dei Cavalieri Ospitalieri e, dal 1530 al 1571, sua capitale. La resistenza che offrì agli ottomani nel Grande Assedio di Malta mantenne l'isola cristiana. Anche se, in seguito, Valletta ha assunto il ruolo amministrativo e politico, la vecchia Birgu risplende di gloria storica.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Città
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Danze
Cultura
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Etnico
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Da questa parte dell'Atlantico
Storia

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Caldera del Corazoncillo
Isole
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Dodici Apostoli, Great Ocean Road, Victoria, Australia
Natura
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Parchi Naturali
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
hué, città comunista, Vietnam imperiale, comunismo imperiale
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Nuovo Galles del Sud Australia, passeggiata sulla spiaggia
Spiagge
Da Batemans Bay a Jervis Bay, Australia

Il Nuovo Galles del Sud, di baia in baia

Lasciata Sydney alle spalle, ci siamo abbandonati alla “South Coast” australiana. Lungo 150km, in compagnia di pellicani, canguri e altre peculiari creature aussie, ci lasciamo perdere su una costa tagliata tra splendide spiagge e infiniti boschetti di eucalipti.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Religione
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Distributori di bevande, Giappone
Società
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Animali selvatici
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.