Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela


giri di fede
Adoratori accanto alle pagode buddiste sul lato della strada che porta al Passo Sela nell'Arunachal Pradesh.
uno stemma militare
Una linea di edifici militari indiani in cima a un crinale a pochi chilometri dalla gola di Sela.
Curve e controcurve
Curve e controcurve della strada di montagna NH13, in prossimità della Gola della Sela.
sella a 4
Il camion viaggia lungo la strada di montagna, a soli 4 km dal Passo Sela.
ricordo inespressivo
Un motociclista posa vicino al portico buddista della gola di Sela.
Buddismo tibetano nel vento
Particolare del portico buddista del Passo Sela.
Fratello: Sella Pass
Segnali in prossimità del portico buddista della gola di Sela
Rifugio con tè
Clienti e proprietari all'interno della casa da tè ai margini del lago Sela.
Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.

Diversi gruppi stavano per lasciare Guwahati, la capitale dell'India nord-orientale, per diversi itinerari attraverso diverse province della regione. La sera prima, John, la guida per lo stato dell'Arunachal Pradesh, ci ha informato che, a causa della necessità del nostro percorso puntato al Passo Sela, dovevamo lasciare l'hotel alle 5 del mattino, tre ore prima degli altri entourage.

Stavamo già avendo un buon deficit di sonno. Ci siamo guardati in una condivisione di panico contenuto, ma all'ora stabilita siamo entrati nell'atrio e abbiamo salutato per la prima volta gli altri quattro partecipanti al viaggio: Annapurna, inglese; Stephen e James dagli USA e Peter dal canadese.

Alle 6 del mattino eravamo ancora nell'atrio in attesa di ciò che non sapevamo. Dato che la colazione stava per aprire, abbiamo colto l'occasione per averla. Non è stato fino alle 7 del mattino che John ha mostrato segni di vita. Spiega che uno degli autisti non si era fatto vivo ed era andato a cercarlo. Alla fine, alle 7:15, siamo saliti in macchina e siamo partiti.

Serpeggiamo attraverso la vastità urbana di Guwahati. Per un breve periodo. Tutti abbiamo bisogno di acquistare schede SIM. Originario di Tawang, John ritiene che avrebbe risolto il problema lungo la strada. Ma ogni volta che si ferma, nei negozi gli dicono che non possono. Ci siamo fermati una, due, tre, quattro volte.

La GS Road, da Guwahati, Assam, India

Traffico su GS Road, la strada più importante di Guwahati.

Mercoledì, in un negozio squallido nascosto in un seminterrato, due giovani assamesi accettano l'incarico lì. Ma si prendono il loro tempo. C'erano quattro telefoni per stranieri e quattro attivazioni necessarie, ognuna con procedure interminabili.

Quello da solo era di quaranta minuti. Nell'attesa, abbiamo fotografato l'azione dal barbiere accanto e un buon numero di residenti delle case circostanti.

Con i telefoni operativi, siamo tornati in viaggio. Abbiamo perso di vista i dintorni di Guwahati e, a poco a poco, siamo entrati nelle pianure alluvionali e tropicali dello stato dell'Assam.

Era pieno di infinite risaie intervallate da villaggi e frazioni. Alcuni indù, altri musulmani. Molti di loro che le autorità di Delhi considerano abitati da immigrati bengalesi di diverse generazioni e che vogliono legalizzare o espellere, polemica che non ha svelato la principale polveriera di questa regione.

Abbiamo attraversato il grande fiume Brahmaputra. Si procede parallelamente al Kameng, affluente dell'Himalaya che scorre perpendicolarmente nel Brahmaputra. Ci stiamo avvicinando sempre di più alle pendici tropicali della catena montuosa.

Le risaie lasciano il posto a grandi piantagioni del famoso tè Assam. Vediamo donne in sari colorati che lavorano tra i filari di ortaggi sotto lo sguardo controllato dei capisquadra. Altri dipendenti pedalano pasticceri lungo la spina dorsale della piantagione.

L'esotismo di quella visione e la fama quasi extraplanetaria del tè Assam ci lasciano tutti a bocca aperta. Preghiamo John di smetterla. Il cicerone rispose che eravamo partiti con due ore di ritardo e che il viaggio verso Dirang – dove dovevamo dormire – era lungo e complicato. Allora non ci faceva sentire a nostro agio. Sulla via del ritorno, in una reazione un po' unionista dei fotografi, lo abbiamo persino costretto a cedere.

Proseguiamo lungo Chariduar – Tawang Road, curva contro curva, la prossima più stretta o più stretta della precedente. Saliamo lungo la sponda del Kameng che seguiamo lungo gli innumerevoli pendii selvaggi dell'Himalaya.

All'inizio li vediamo fiancheggiati da piccole palme, rafia, foreste secondarie di bambù, colonie di banani e una fauna molto più prolifica dei tropici. Puoi vedere come diventano meno densi, rigogliosi e rigogliosi con l'aumentare dell'altitudine.

Su una delle tante colline che ha dovuto conquistare, una delle Toyota Innova usate di cui l'azienda di John (come tante altre della regione) andava fiera si regala. Ci siamo dovuti fermare per farlo raffreddare.

La sosta ha permesso un'interazione spontanea nella natura che non vedevamo l'ora da molto tempo.

Mezz'ora dopo, meccanici al lavoro – non del tutto recuperati – siamo saliti altri buoni cento metri dell'Himalaya.

Abbiamo abbandonato i ripidi pendii tropicali e il Kamenga. Passiamo poi per l'ampio ruscello e la valle scavata dagli anni successivi e dai monsoni e dalle piene del Tenga, altro colosso fluviale da queste parti sull'imminenza di Bondila.

Ritardi, soste per Sim Card e guasti, tutto insieme, il tempo perso aveva fatto allungare la corda del viaggio a John a limiti inconcepibili. Va bene che in ogni pausa forzata abbiamo colto l'occasione per bere tè al latte o sgranocchiare qualsiasi trattamento. Comunque, alle quattro non avevamo ancora pranzato.

Case di Dirang, sulle rive del fiume omonimo, Arunachal Pradesh, India

Panorama di Dirang sulla strada tra Guwahati e Sela Pass.

John si è fermato in un punto sul lato della strada tra Bondilla e Dirang, a 2 km da Kamalanchan, quindi ha dettato un chilometro. Là ci ha concesso il pasto e il riposo di cui già disperavamo.

Il locale si è rivelato pittoresco, nascosto in una baracca con una striscia dipinta all'interno nei toni del blu, con tavoli rivestiti in linoleum dal design senza pretese.

Una giovane madre e figlia gestivano l'attività dalla reception, circondate da bottiglie di bibite, pacchetti di snack, cartoni di uova, spaghetti istantanei e persino ottimi rapporti con tè e caffè. Sopra i due e la merce, una fotografia incorniciata del Dalai Lama ha benedetto i loro affari e le loro vite.

Con quanta fame eravamo arrivati, abbiamo semplicemente detto di sì al suggerimento quasi imposto di John di mangiare dal baht, il più classico dei piatti popolari indiani, che unisce riso, lenticchie e altre verdure.

Per Annapurna Mellor, la bionda inglese bianca dallo sguardo fragile ma molto avventuroso che ci ha seguito in macchina, è stato perfetto.

“Beh, a quanto pare mi chiamo così perché i miei genitori mi hanno concepito durante il circuito dell'Annapurna, almeno così mi hanno spiegato”. A causa del suo nome ma anche per la sua attrazione e amore per l'Asia e il buddismo in particolare, Annapurna era vegetariana e un'amante inveterata della cucina indiana, oltre che nepalese e tibetana.

Faceva già freddo. Mentre aspettavamo, ci sedemmo per qualche minuto e parlammo intorno a un falò. Da lì, a scapito dei peccati di tutti gli altri, ci siamo resi conto che Pietro e Giacomo mantenevano la stessa postura da diva offesa con cui avevano lasciato Guwahati. E hanno fatto poco più che lamentarsi.

Os dal bhat Sono arrivati. Ciascuno incoronato con il proprio papà dorato e croccante. Per la gioia di John, se ne andarono in un lampo.

Un passante accanto al portico buddista-tibetano di Dirang, nell'Arunachal Pradesh, in India

Un passante passa attraverso un portico buddista-tibetano di Dirang.

Siamo arrivati ​​a Dirang alle nove di sera, sei ore più tardi del previsto.

Alle undici siamo entrati in modalità di ricarica. La nostra e quella di tutta l'elettronica che siamo costretti a portare nei nostri viaggi.

Il riposo dura finché dura. Ci svegliamo di nuovo prima dei polli. Dopo una colazione mattutina, John ei due conducenti scambiano la turbolenta Toyota Innova con una jeep.

Abbiamo approfittato della tregua stradale per esplorare alcuni dei Dirang. Siamo finiti per essere sedotti soprattutto dallo sfarzo religioso delle sue strade addobbate con file successive di bandiere di preghiera tibetane che il vento fa sventolare e che brillano contro il sole che già fa capolino sulle montagne.

Dirang Street, città di Arunachal Pradesh, India

Dirang street decorata con svolazzanti striscioni buddisti.

Non appena John appare con la jeep, siamo di nuovo sulla strada. Questa volta, tanto per cambiare, ci siamo fermati meno di 20 km dopo.

John aveva pianificato una tappa strategica al Nyukmadung War Memorial, eretto sul luogo esatto di una battaglia nel conflitto sino-indiano del 1962, quando le forze dell'esercito cinese si infiltrarono in India, a causa dei disaccordi che si sono trascinati da allora sulla definizione dei confini tra i due paesi della regione.

Negli anni successivi, gli indigeni conservarono l'usanza di accumulare pietre in onore dei soldati indiani uccisi in battaglia. Successivamente sarebbe stato eretto il memoriale a cui abbiamo assistito, indubbiamente buddista, accessibile da un portico e da una scalinata che conduceva a uno stupa al centro di un'intricata e colorata profusione di bandiere di preghiera.

Pagode buddiste al monumento ai caduti di Nyukmadung, Arunachal Pradesh, India

Pagode buddiste al Nyukmadung War Memorial, erette in onore dei soldati indiani che morirono in quel conflitto locale sino-indiano del 1964.

Non sarebbe l'ultimo monumento ai caduti lungo il percorso. Tanto meno sarebbe la sua unica visione con origini guerriere.

Eravamo a soli 45 km dal Passo Sela, il punto più alto del percorso, sia per i 4170 m di vetta in cui si trova, sia per il significato religioso del luogo.

Per gran parte di questa distanza, l'NH13 sale a un buon ritmo e gira intorno a dozzine di meandri, alcuni dei quali così stretti da darci la sensazione che stiamo andando indietro. A questa quota la vegetazione è già scarsa. Alcuni yak incrociati con le mucche si nutrono di quel poco che riescono a trovare.

Yak sul lato della strada, ai margini della gola di Sela

Yak sul lato della strada, nelle vicinanze della gola di Sela.

Ma ciò che spicca di più è la profusione di accampamenti militari e depositi mimetizzati sparsi per le valli e i pendii sotto e anche sopra la strada. E la quantità di roulotte e camion militari che ci costringono a accostare sul ciglio della strada e ci sorpassano a grande velocità.

Casa derubata, serrature alla porta. Come testimonia da tempo il memoriale di Nyukmadung, nel novembre 1962 fu proprio attraverso la gola di Sela che le forze cinesi invasero e sorpresero gli indiani.

Con il confine sino-indiano dell'Himalaya nord-occidentale ancora in discussione, l'India non solo non ha abbassato la guardia, ma l'ha rafforzata esponenzialmente, sia al di sotto che al di là del Passo Sela.

Complesso militare indiano sul lato della strada NH13

Edifici militari indiani ai margini della strada ipermilitarizzata NH13.

Di conseguenza, questa gola, sacra ai buddisti tibetani che credono nella sacralità sparsa di oltre cento laghi nella zona, è stata a lungo circondata da tende, equipaggiamento militare e soldati mimetizzati.

Eppure, lo stesso Passo Sela rimane una scena separata. Quando lo raggiungiamo soffia un vento impetuoso. Fa sventolare il groviglio di bandiere di preghiera buddiste e si estende dall'altra parte della strada rispetto al cancello.

Non appena scende dall'auto, John installa la sua bandiera lì come ringraziamento per il benedetto viaggio lì.

Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India

Un motociclista posa vicino al portico buddista della gola di Sela.

Il Sela Pass segna una sorta di ancora di salvezza per la maggior parte degli abitanti dello stato dell'Arunachal Pradesh, poiché è l'unico passaggio tra la regione di Tawang e il resto dell'India.

Soldati indiani a Sela Gorge, Arunachal Pradesh, India

Soldati indiani in servizio nella gola di Sela.

La gelida burrasca mantiene due soldati appostati lì nel comfort dell'edificio di accoglienza dei visitatori. Più che semplici soldati, sono di servizio al bar e sono quelli che ci servono latte provvidenziale. Siamo tornati fuori e ci siamo goduti ancora per un po' l'eccentrica bellezza del portico, sballottato dal vento e da un po' di neve sollevata dal suolo.

Di tanto in tanto, i viaggiatori in auto o anche in moto parcheggiano e si fanno fotografare di fronte al portale. Quindi, vai per la tua strada. alcuni in direzione di dirang. Altri, da Tawang. È qui che abbiamo continuato.

Lago Sela, Arunachal Pradesh, India

Il lago semi-ghiacciato di Sela, nei pressi dell'omonima gola.

Abbiamo attraversato il portico a piedi. Dall'altro lato, troviamo uno dei 100 laghi sacri del buddismo tibetano, ricoperto da un sottile strato di ghiaccio e circondato da una terra gialla intrisa e indurita in inverno.

John conosceva una signora che possedeva un negozio di tè dall'altra parte della strada che costeggiava il lago, Dima, così si chiamava il proprietario. Entrò, la salutò con commozione, chiese un tè al latte e trascorsero qualche minuto a chiacchierare.

Interno della casa da tè sul bordo del lago Sela, Sela Gorge, Arunachal Pradesh, India

Clienti e proprietari all'interno della casa da tè ai margini del lago Sela.

Sembrava andare meglio in questo casa da tè che in macchina e le tisane non sono mai troppe. Di conseguenza, abbiamo tutti seguito l'esempio della guida. Entrando, Sara e Dima si accorgono di indossare giacche invernali praticamente identiche.

Sara lo fa notare e, sorridendo, fa sentire la signora libera di reagire a suo piacimento. I due finiscono per ridere a crepapelle mentre li fotografo fianco a fianco.

Eravamo oltre la gola di Sela. Chi attraversa Sela vuole raggiungere Tawang. Mancavano solo 70 km. A sole tre ore di macchina.

 

Gli autori desiderano ringraziare le seguenti entità per il loro supporto nella stesura di questo articolo: Ambasciata dell'India a Lisbona; Ministero del Turismo, Governo dell'India.

Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Città
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
mini snorkeling
Cultura
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Sale molto grosso
In viaggio
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
Etnico
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Storia
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Isola di Djerba in Tunisia, Amazigh e i suoi cammelli
Isole
Djerba, Tunisia

L'Isola Tunisina della Convivenza

L'isola più grande del Nord Africa ha accolto a lungo persone che non hanno resistito. Nel tempo, Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi la chiamarono casa. Oggi, le comunità musulmane, cristiane ed ebraiche continuano un'insolita condivisione di Djerba con i suoi nativi berberi.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Passeggero M:S Viking Tor rivestito di traghetto, Aurlandfjord, Norvegia
Natura
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Parchi Naturali
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Transpantaneira pantanal del Mato Grosso, capibara
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Pantanal de Mato Grosso, Brasile

Transpantaneira, Pantanal e Confins del Mato Grosso

Partiamo dal cuore sudamericano di Cuiabá verso sud-ovest e verso la Bolivia. Ad un certo punto la MT060 asfaltata passa sotto un pittoresco portale e la Transpantaneira. In un attimo lo stato brasiliano del Mato Grosso è allagato. Diventa un enorme Pantanal.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Spiagge
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
gerusalemme dio, israele, città d'oro
Religione
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Società
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Animali selvatici
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.