São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura


La caldera delle lagune
La vista mozzafiato del massiccio di Sete Cidades, con le varie lagune che riempiono l'enorme caldera vulcanica all'estremità nord-ovest di São Miguel.
i monasteri
Le formazioni rocciose che danno il nome alla spiaggia e al villaggio di Mosteiros.
Laguna Geotermica
Una scena di un Jardim das Delícias in uno degli stagni geotermici di Caldeira Velha.
mucche al pascolo
Alcune delle tante mucche che assicurano la prolifica produzione di latte delle Azzorre.
Ponta da Ferraria
Le onde scuotono la piscina marina di Ponta da Ferraria.
Furnas
Il villaggio di Furnas, nelle verdi profondità di São Miguel.
giorno dei monasteri
Bagnanti e surfisti si godono la spiaggia vulcanica di Mosteiros.
Gli amici chiacchierano e prendono il sole su una lastra di lava nel nord di São Miguel.
Bocca dell'inferno sotto
Gli escursionisti scendono da un burrone nelle vicinanze del belvedere di Boca do Inferno.
Laguna di fuoco
La luce del sole esalta il blu turchese della Lagoa do Fogo, la più alta di São Miguel.
Mosteiros
Le case bersaglio di Mosteiros, disposte su un vasto lastrone ricco di vegetazione.
il Nord
Vista della costa nord di São Miguel dalla strada che porta alla Lagoa do Fogo.
Piscina per 3
Un momento di relax marino in una delle tante piscine naturali di São Miguel.
Surfisti a Mosteiros
Il duo di surfisti chiacchiera con il crepuscolo prendendosi cura della spiaggia di Mosteiros.
caldaia a secco
Retalhos da Caldeira Seca, oltre il villaggio di Sete Cidades
Punto panoramico di Santa Iria
Un ultimo conoscitore della costa settentrionale di São Miguel, evidenziata dal belvedere di Santa Iria.
7 Cidadi
Le case di Sete Cidades sono riparate all'interno di una delle più grandi caldere dell'arcipelago delle Azzorre.
Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.

È stata la prima sensazione che abbiamo avuto di São Miguel, quella di, dopo essere salito nella lussureggiante roccaforte di Caldeira Velha, di sbarcare in un mondo a parte.

Le sorgenti bolle e fumo. Alcuni germogliano così caldi che hanno diritto a urlare avvertimenti di pericolo di cottura.

Il vapore sale. Irriga una profusione di maestose felci arboree che abbiamo associato alle foreste subtropicali e sulfuree intorno a Rotorua o al Golden Bay, nelle isole del nord e del sud di Nova Zelândia.

Sempre più anime stanno arrivando in un'estasi vacanziera.

Si spogliano in fretta e si sfidano per i posti migliori nelle migliori piscine e stagni.

Quando, finalmente, si stabiliscono in armonia, godono della divina intimità liquida.

Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Una scena di un Jardim das Delícias in uno degli stagni geotermici di Caldeira Velha.

Con molto meno tempo rispetto al resto dei bagnanti, non ci abbiamo messo molto ad espellerci da quel paradiso geotermico.

Da lì, indichiamo la laguna più alta di São Miguel.

La Lagoa do Fogo (dalla vista) di São Miguel

Lagoa do Fogo appare nella caldera del vulcano benjamim dell'isola, che eruttò per l'ultima volta, nel 1563, l'isola era già abitata da oltre un secolo, seguendo il pioniere del sud Di Santa Maria.

Nonostante il battesimo e la sua storia, saturo di luce solare, questo enorme corpo lacustre ci appare in un tono turchese che si fonde con il mare vicino, oltre che con la volta celeste sovrastante.

Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

La luce del sole esalta il blu turchese della Lagoa do Fogo, la più alta di São Miguel.

"Mi scusi, mi può aiutare?" ci chiede un camminatore francese, afflitto. “Non mi aspettavo che il percorso fosse così lungo. Ho davvero bisogno di acqua".

Le diamo una bottiglia che la ragazza quasi perde senza respirare. Abbiamo chiesto se volevi che ti portassimo in laguna. "Camminare è camminare, ora sto bene, vado a camminare lì!"

Ci assicuriamo che sia in buone condizioni. Presto scendiamo sulla costa selvaggia della costa settentrionale. In prossimità di Ribeira Grande, svoltiamo a est e torniamo alle terre sommitali.

Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Vista della costa nord di São Miguel dalla strada che porta alla Lagoa do Fogo.

Lungo il percorso si incontrano mandrie di vacche bianche e nere, fortunate produttrici del sempre più illustre latte di pascolo della Azzorre.

Un lungo viale fiancheggiato da ortensie che l'estate si era virata di rosa ci conduce alla terrazza naturale del Pico de Ferro.

Dall'orlo suicida delle sue alture, tra vertigini e stupore, ci si svela la laguna e l'omonimo paese: Furnas.

La cima del Pico do Ferro e le profondità del Furnas

La laguna si stende poco più in basso, in un verde più esuberante rispetto alla vegetazione circostante.

Il paese, invece, appare remoto, perso in un cratere ampio e profondo, anch'esso rigoglioso, ricoperto di prati punteggiati di alberi. Lo attraversiamo per raggiungere le sponde della laguna.

Furnas, Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Il villaggio di Furnas, nelle verdi profondità di São Miguel.

Abbiamo completato la passerella di Caldeiras tra la nebbia delle fumarole residenti.

Ci volle del tempo prima che uno dei famosi stufati locali uscisse dal terreno. Abbiamo finito per degustarlo – il più possibile simile – in un ristorante del paese.

Accanto, per la gioia di alcuni bambini e la compassione di due turisti tedeschi, i cigni provenienti dall'acqua seminano il panico tra uno stormo di anatre, intenzionati a monopolizzare, beccando i loro rivali, il mais offerto dal proprietario di un cibo e bevande trailer.

Nonostante l'isolamento del luogo, gli abitanti della Valle del Furna subì attacchi inaspettati da parte dei pirati che, per secoli, presero di mira i villaggi delle Azzorre.

Intorno al 1522, la caldera di sette chilometri di diametro fu utilizzata solo per raccogliere il legno necessario per la ricostruzione delle case devastate dai terremoti che colpirono Vila Franca do Campo.

Dal passato instabile delle Azzorre alla roccaforte del benessere naturale

Cento anni dopo, diversi coloni la abitarono, quando un'eruzione vulcanica li costrinse a sciogliersi.

Molti di più tornarono attratti dall'estrema fertilità del suolo. Tuttavia, le avversità sono continuate.

Come narrato da Marquez de Jacome Corrêa, nel 1679 i pirati berberi saccheggiarono la Ribeira Quente ed entrarono nella caldera, dove rubarono le pecore. I residenti hanno chiesto al governatore di Ponta Delgada un cannone. Questo li ha ignorati.

Oggi, più che pace, Furnas è una meta di pura delizia. Ciò è dimostrato dalla piccola moltitudine di corpi che galleggiano nell'acqua ocra della piscina all'aperto dell'hotel Jardim Botânico e Terra Nostra, uno dei ritiri ecologici del mondo davvero speciale.

La piscina dal vivo del Jardim Botânico e dell'hotel Terra Nostra.

Il console degli Stati Uniti a São Miguel iniziò a costruirlo intorno al 1775. Thomas Hickling era un ricco mercante di Boston. ha scelto il posto a casa tua campo, noto come Yankee Hall.

La proprietà passò in possesso del Visconde da Praia e, successivamente, dei Marchesi da Praia e Monforte.

Nel corso degli anni si è evoluto da Hall nel giardino botanico che oggi meraviglia gli estranei. Ci ha tenuti la maggior parte del tempo a Furnas.

In modo tale, che quando siamo partiti, abbiamo solo visitato gli altri interessi del villaggio in modalità mordi e fuggi e siamo tornati, ancora una volta, nella capitale con la notte in atto.

I risvegli si ripetono facilmente quando l'agenda della giornata si riduce a continuare l'esplorazione di São Miguel.

Alla ricerca delle sette città di São Miguel

Sul terreno, l'isola ha poco a che fare con ciò che apprendiamo sulle mappe dell'istruzione primaria a distanza.

São Miguel è molto più di un semplice minuscolo pezzo perso nell'immenso blu dell'Atlantico.

Come l'isola stessa, le sue imponenti lagune sembrano moltiplicarsi. Sono così impressionanti che non possiamo evitarli.

isola di São Miguel, Acores Stupenda per natura

Gli escursionisti scendono da un burrone nelle vicinanze del belvedere di Boca do Inferno.

Continuiamo il nostro viaggio verso l'isola, verso il dominio verde e idilliaco dove si nascondono le sue Sete Cidades.

Delle varie eccentricità con un passato vulcanico preistorico ivi sparse, il Miradouro da Boca do Inferno sembra essere scomparso nel tempo.

Stanchi di andare e venire senza conseguenze per cercarlo, ci siamo fermati a chiedere indicazioni a tre contadini sul ciglio della strada. Pochi secondi dopo la sua ostinata spiegazione, un brivido relazionale ci assale.

Per quanto ci concentrassimo, le sue frasi erano incomprensibili per noi.

Parola dopo parola, lo confermiamo solo.

Loro, da parte loro, rivivendo sicuramente quell'inconveniente, si sono accorti soprattutto che non capivamo nulla di quello che dicevano, si sono arresi alla frustrazione e al timido imbarazzo.

La colonizzazione di São Miguel e il progressivo Cerrar do Sotaque

L'insediamento di São Miguel iniziò il 29 settembre 1444, giorno dell'arcangelo omonimo, a quel tempo patrono del Portogallo.

Attratto dall'esenzione dalle tasse richieste all'origine, giunse da Alentejo, Algarve, Estremadura, Madeira, anche stranieri, soprattutto francesi.

Nei quasi sei secoli trascorsi, ceduti a quell'isola a 1500 km dalla terraferma, le Azzorre hanno inconsciamente rafforzato il loro accento.

Lo hanno fatto fino a quando non è diventato impossibile confrontarlo con qualsiasi altra pronuncia del rettangolo piantato ai margini dell'Europa.

Ti ringraziamo e ti salutiamo.

Incredibili lagune, dentro Crateri, dentro Caldeiras

Infine, abbiamo trovato il ripido sentiero per il punto panoramico sulla laguna di Canário, che abbiamo conquistato in compagnia di escursionisti stranieri.

Quando arriviamo alla piattaforma dove finisce, sveliamo uno dei panorami più maestosi ed eleganti delle Azzorre e, osiamo dirlo, del Pianeta.

Da lì, São Miguel si è rinchiusa a nord-est in un insolito gruppo di laghi al riparo di un vecchio massiccio, con tutto il suo scenario incastonato tra il vasto Nord Atlantico ei pendii erbosi dell'enorme confine.

Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

La vista mozzafiato del massiccio di Sete Cidades, con le varie lagune che riempiono l'enorme caldera vulcanica all'estremità nord-ovest di São Miguel.

Dopo un'ora, abbiamo preso coraggio. Gli abbiamo voltato le spalle e siamo tornati sulla strada nazionale 9-1A.

Lo percorriamo con tappe utili, come Vista do Rei, che ci permette di intravedere la Sete Cidades, sulle rive delle lagune Verde e Azul, come fecero il re D. Carlos e la regina Dª Amélia nel 1901.

Scambiamo l'asfalto con la terra di Cumeeira, una strada suprema che sembra sussistere in un equilibrio precoce, con panorami surreali sia all'interno delle enormi caldere di Seca e Alferes, delle loro lagune e delle case di Sete Cidades che del versante oceanico e del paesi ai suoi piedi: Ginetes, sullo sfondo, i Monasteri. avanziamo lentamente.

Cediamo il posto a un trattore e a un furgone da lavoro che incontriamo in senso opposto a quella stradina che nasce come bene rurale, non come complemento turistico.

Da Orla da Grande Caldeira al cuore delle Sette Città di São Miguel

Quando la strada finisce, scendiamo dal confine al villaggio di Sete Cidades, a cui i primi coloni hanno intitolato l'antica leggenda "Insula settembre civitatum” interpretata come l'Isola dei Sette Popoli o Tribù e che prefigurava l'esistenza della vita umana nel mezzo dell'Atlantico.

Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Le case di Sete Cidades sono riparate all'interno di una delle più grandi caldere dell'arcipelago delle Azzorre.

La leggenda risale ai Fenici e ad altri popoli mediterranei. Apparve nel 750 dC in un documento scritto da un chierico cristiano a Porto Cale (Porto).

Potrebbe aver ispirato lo stesso Infante Dom Henrique a privilegiare la scoperta marittima verso l'Occidente piuttosto che la continuazione della conquista in Nord Africa.

Da Sete Cidades, indichiamo il villaggio di Mosteiros. A metà del percorso, ci fermiamo alla piscina naturale di Ponta da Ferraria, in attesa di un caldo e rilassante bagno nell'oceano.

Ma l'Atlantico non è marea.

Ponta da Ferraria, Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Le onde scuotono la piscina marina di Ponta da Ferraria.

Breve passaggio attraverso i Monasteri di São Miguel

I posti vacanti entrano con più vigore del previsto. Agitano troppo il flusso della vasca chiusa dalla configurazione stessa della lastra lavica.

Ciononostante, ci aggrappiamo alle corde che lo attraversano come se fossimo su un calcio balilla in piena. Come altri bagnanti, invece di rilassarci, ci divertiamo con i capricci delle onde.

Il sole stava tramontando in bella vista. Sotto la spinta del tramonto veloce, siamo tornati sul sentiero, appena asciutti, salati ma fiduciosi in ciò che i Monasteri ci avrebbero rivelato.

La deviazione per il paese si snoda dalla strada principale e giù per il pendio. In uno dei meandri, al di là di un rigoglioso canneto, le sue case ci sorprendono.

Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Le case bersaglio di Mosteiros, disposte su un vasto lastrone ricco di vegetazione.

Si estende dall'estremità opposta del grande lastrone fino alla baia di sabbia nera. Quest'ultima baia annuncia le formazioni rocciose che hanno ispirato la toponomastica locale.

Decine di surfisti si godono le onde vigorose sotto gli occhi di alcuni giovani residenti che ne apprezzano i movimenti.

Sulla spiaggia, altrettanti bagnanti dai luoghi più diversi si lasciano prendere il sole mentre, finalmente, la grande stella si dissolve sotto l'orizzonte.

Spiaggia di Mosteiros, isola di São Miguel, Acores Splendida per natura

Il duo di surfisti chiacchiera con il crepuscolo prendendosi cura della spiaggia di Mosteiros.

I “monasteri” – grandi sculture di roccia nera proiettate dal mare traslucido – invitavano l'oscurità. Venti minuti dopo, eravamo senza energia e alla scoperta di São Miguel come lo era la giornata.

 

Compagnie aeree delle Azzorre

www.azoresairlines.pt

SATA

sab

visitAzzorre

www.visitazores.com

Ponta Delgada, São Miguel, Azzorre

La città della Grande Isola delle Azzorre

Durante il XIX e il XX secolo Ponta Delgada divenne la città più popolosa e la capitale economica e amministrativa delle Azzorre. Lì troviamo la storia e il modernismo dell'arcipelago mano nella mano.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Mosca, Cremlino, Piazza Rossa, Russia, Fiume Mosca
Città
Mosca, Russia

La Fortezza Suprema della Russia

Molti furono i cremlini costruiti, nel tempo, nella vastità del paese degli zar. Nessuno spicca, monumentale come quello della capitale Mosca, centro storico di dispotismo e arroganza che, da Ivan il Terribile a Vladimir Putin, nel bene e nel male, ha dettato le sorti della Russia.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Equitazione nei toni dell'oro
Cultura
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Etnico
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Capo Espichel, Santuario di Senhora do Cabo, Sesimbra,
Storia
Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto

Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Isole
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
Natura
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Parchi Naturali
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Magnifiche giornate atlantiche
Spiagge
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
La crocifissione ad Helsinki
Religione
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná sotto, a bordo del Treno Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Società
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.