Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar


Hotel in stile Tayrona
Ospiti nella veranda delle cabine dell'Eco-Habs lodge, situato alle pendici della Sierra Nevada de Santa Marta.
Gli amici di Tayrona
Felipe Guerrero e Vittoria Serra e un altro amico vivono vicino a Playa Cañaveral.
Asino tropicale
Asino sulla riva del Mar dei Caraibi.
partenza frettolosa
I colombiani della zona di Santa Marta salpano da una spiaggia vicina sull'orlo di una tempesta tropicale.
rifugio improvvisato
Giovane membro dell'equipaggio di una nave da trasporto nella zona, al riparo dalla pioggia.
Per attaccare
Dipinto con una scena ingenua della battaglia di Carabobo, una delle più suggestive per gli scopi di Bolivar.
Colombia al Liberatore
Famiglia in procinto di entrare nel memoriale di Simón Bolívar eretto a Quinta de San Pedro Alejandrino.
La Bendicion de Dios
Chiva (vecchio autobus) attira l'attenzione di alcuni bagnanti.
In onore del Liberatore
Statua di Simón Bolivar, "El Libertador" in evidenza in un giardino di Quinta de San Pedro Alejandrino.
di visita scolastica
Bambini accanto al monumento in onore del Liberatore Simón Bolívar di Quinta de San Pedro Alexandrino.
i Caraibi colombiani
Una delle tante baie idilliache in PN Tayrona.
Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.

Siamo arrivati ​​alla spiaggia sabbiosa della spiaggia di Cañaveral, sfiniti dalla lunga passeggiata, madidi di sudore, con un obiettivo chiaro.

Lascia andare la roba da zaino in spalla che ci premeva sulle spalle, togliti i vestiti scarsi e tuffati nell'acqua color smeraldo, a pochi passi di distanza. Stavamo già provando le immersioni nel caldo mare di Parco Nazionale Tayrona quando abbiamo trovato strano il suo strano flusso diagonale.

Infastiditi, abbiamo interrotto l'immersione per ispezionare un cartello di legno bloccato nelle vicinanze. "Vietato nuotare. Non far parte della statistica". si è distinto dal lungo messaggio. Per i buoni intenditori bastavano quattro o cinque parole.

E ci costringono a camminare per un altro mezzo miglio.

Santa Marta, Tayrona, Simón Bolivar, Amici di Tayrona

Felipe Guerrero e Vittoria Serra e un altro amico vivono vicino a Playa Cañaveral.

In quest'ultimo tratto ci imbattiamo in tre giovani bagnanti in evidente modo di relax balneare.

Condividono frutta tropicale su una panca di legno all'ombra della giungla.

Lì vicino, un asino grigio attaccato a un tronco sembra voler dare un senso al frastuono delle sue risate e al nostro inaspettato passaggio.

Asino tropicale

Asino sulla riva del Mar dei Caraibi.

In semplici costumi da bagno e con un'anima leggera di preoccupazioni, anche Felipe Guerrero e Vittoria Serra trovavano strano il peso che portavamo e il disagio che ormai era già impossibile mascherare: "Fai qualche penitenza?" chiede il ragazzo creolo.

La spiegazione ha portato a una curiosa conversazione senza fine in vista che, a un certo punto, abbiamo pensato che fosse meglio troncare o non ci saremmo più visti in acqua.

Ci siamo diretti verso una caletta chiamata Piscinita, che finalmente ci ha dato la ricompensa desiderata.

i Caraibi colombiani

Una delle tante baie idilliache in PN Tayrona.

Abbiamo camminato attraverso le ultime terre settentrionali del Sud America, sparse tra il Mar dei Caraibi e il margine frondoso della Sierra Nevada de Santa Marta.

Sierra Nevada de Santa Marta, Tayrona e lo sbarco dei conquistatori spagnoli

Erano le stesse terre lussureggianti e frondose dove sbarcarono i conquistatori spagnoli, poco dopo che Colombo si imbatté in diverse isole del Mar dei Caraibi e della penisola dello Yucatan.

In soli 42 vertiginosi chilometri nell'entroterra, le montagne inaugurali di quella catena andina raggiunsero l'impressionante quota di 5.700 metri.

Sierra Nevada de Santa Marta, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia

Vista dai bassi pendii della Sierra Nevada de Santa Marta, la catena montuosa costiera che si erge più velocemente dalla costa del mondo intero, dal livello del mare ai 5700 m delle cime Cristobal Colón e Simón Bolivar.

Durante tutto l'anno una barriera così impraticabile ha bloccato le masse di aria calda e umida aspirate nel mare dal caldo equatoriale. Quasi senza eccezioni, la pentola a pressione che ci stava cuocendo, esplose con grande dramma e ruggito non appena il sole iniziò a calare sulla vastità del Pacifico.

Non avevamo nemmeno asciugato l'acqua salata quando siamo stati sorpresi dal fragoroso diluvio della giornata, che ha costretto decine di visitatori a partire presto dalle spiagge del vicino parco.

Santa Marta, Tayrona, Simón Bolivar, partenza affrettata

I colombiani della zona di Santa Marta salpano da una spiaggia vicina sull'orlo di una tempesta tropicale.

Le gambe erano deboli per il lungo viaggio, ma abbiamo dovuto fare un ritorno ancora più difficile attraverso la foresta pluviale oscurata dalle nuvole basse, un ritorno fradicio e, in breve tempo, fangoso.

Questa regione è stata irrigata senza pietà per secoli.

I primi conquistatori spagnoli ad ancorare su queste stesse coste condivise con la giungla, si abituarono presto a prendere precauzioni ea reagire ai capricci del tempo, come le zanzare troppo spesso infernali e la resistenza delle tribù indigene.

Chairama, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia

Le capanne della struttura Tayrona punteggiano lo scenario incontaminato di Chayrama.

Comandati da Rodrigo de Bastidas – nella sua vita iberica, impiegato pubblico della periferia di Siviglia, poi membro dell'equipaggio del secondo viaggio di Cristoforo Colombo nel Nuovo Mondo – sbarcarono nella zona nel 1525.

Poco dopo fondarono Santa Marta.

L'arrivo di Simón Bolivar attraverso Santa Marta, da dove non è mai partito

In termini urbani, questa città sembra essere persa per sempre da quasi mezzo millennio di storia. Nonostante ciò, abbiamo accettato il suo benvenuto per alcuni giorni, sperando che ci sorprendesse.

Non ci è voluto molto per confermare che l'ospite più rispettato di Santa Marta è da decenni il suo principale biglietto da visita.

Di per sé, la sua breve e tragica presenza ha fortemente rafforzato il nostro interesse per la capitale del dipartimento colombiano della Maddalena.

Dopo la lunga e ammirevole campagna militare in cui ha successivamente trionfato sulle forze coloniali ispaniche, Simón Bolívar ha continuato la lotta per l'indipendenza nell'attuale territorio della Colombia (allora Nuova Granada), dell'Ecuador e del nord dell'attuale Perù.

Ha seguito il sogno di creare una nuova nazione abbandonata al proprio destino.

Per attaccare

Dipinto con una scena ingenua della battaglia di Carabobo, una delle più suggestive per gli scopi di Bolivar.

Simón Bolivar: dai trionfi militari alle dinamiche indipendentiste

Vinse la ricorrente resistenza delle forze fedeli alla corona ispanica nella famosa battaglia di Carabobo, entrò nella sua città natale di Caracas e nel 1821 dettò la costituzione della Gran Colombia di cui fu proclamato presidente. Bolivar non si è fermato qui.

Alleato del generale José de San Martin, un altro eminente e trionfante soldato indipendentista nell'attuale zona dell'Argentina e del Cile, portò la battaglia nel Perù meridionale e nella Bolivia, in seguito chiamata in suo onore.

Bolívar divenne, infatti, uno dei pochi uomini ad aver ispirato la denominazione di un paese.

Queste imprese non hanno impedito alle divisioni interne di minare il suo sogno. Nove anni dopo, la Gran Colombia implose. cedette il passo alle repubbliche di Venezuela, Nuova Granada ed Ecuador, presto dediti alle guerre civili e ad altri conflitti ricorrenti.

Bolivar si arrese. Non volendo convivere con il fallimento del suo ambizioso progetto di vita, progettò di andare in esilio in Europa con una breve visita in Giamaica.

Aveva già inviato diverse casse di effetti personali e si stava dirigendo verso Cartagena delle Indie dove doveva partire.

Non è mai arrivato.

In onore del Liberatore

Statua di Simón Bolivar, "El Libertador" in evidenza in un giardino di Quinta de San Pedro Alejandrino.

La narrazione della sua ascesa e della sua caduta è evidente nella proprietà in cui si è conclusa la sua epopea, illustrata da una collezione di dipinti antichi sottotitolati, documenti e oggetti ufficiali e personali.

È, oggi, uno dei luoghi più emblematici della Colombia.

Le escursioni di studenti e studenti irrequieti la visitano, iniziando o completando così la loro dottrina bolivariana, essenziale in queste parti dell'America Latina.

Poiché i Padri Fondatori sono, più a nord, nelle terre degli Yankee, sono stati per molto tempo antagonisti della madrepatria del Liberatore sudamericano.

San Pedro Alejandrino, la Quinta de Santa Marta dove morì Simón Bolivar

Il Quinta de San Pedro Alejandrino si trova a 20 minuti di autobus dal lungomare di Santa Marta.

Quando lo visitiamo, siamo costretti a dividere la nostra attenzione tra le buffonate di ragazzi troppo piccoli per quell'iniezione di storia, politica e ideologia e quella stessa formazione che molti bambini cercano di eludere.

Santa Marta, Tayrona, Simon Bolivar, Mausoleo

Monumento a Simón Bolívar eretto a Quinta de San Pedro Alejandrino.

Abbiamo osservato il posto caldo dove Bolívar è arrivato lì, in un viaggio di quattro ore dalla casa di Joaquim de Mier, da cui si è trasferito a causa del caldo e del trambusto del centro di Santa Marta.

Il suo arrivo solenne richiese modifiche e cure, compreso l'adeguamento di una stanza che lo proteggesse dal fumo di tabacco prodotto da molti dei suoi compagni e che lo irritava.

Bolivar non fumava. Era un amante del vino di Porto. Né l'uno né l'altro gli diedero la salute che meritava. Poco dopo essersi sistemati, sono comparsi i sintomi di una malattia improvvisa.

La sua pelle si è scurita, ha perso molto peso, ha sofferto di stanchezza, ha avuto mal di testa e ha perso conoscenza.

La tubercolosi fatale di cui non si conosce l'origine

Gli è stata diagnosticata la tubercolosi.

Questa diagnosi è ancora la più accettata ma alcuni studiosi la negano. È il caso dello specialista nordamericano in malattie infettive Dr. Paul Awvaerter che sostiene che Bolívar è molto probabilmente morto per avvelenamento da arsenico.

A suo avviso, resta da vedere se si sia trattato di un semplice incidente o di un omicidio. Paul Awvaerter contempla entrambe le ipotesi.

Si appoggia maggiormente al primo: “Bolívar ha trascorso molto tempo in Perù. Lì sono state trovate diverse mummie con alti livelli di arsenico. Alcuni posti in Perù avevano quindi acqua con quantità eccessive di questa sostanza chimica. Simón Bolívar potrebbe averli bevuti per troppo tempo, il che ha portato a un avvelenamento cronico.

Questa ipotesi fu subito accolta dall'ancora in vita Hugo Chávez, presunto ammiratore numero uno di Simón Bolívar che adattò come principale ispirazione della sua lotta politica. “Per anni ho avuto la convinzione nel mio cuore che Bolívar non avesse lasciato il governo o fosse morto di tubercolosi.

Abbiamo l'obbligo morale di ripulire questa bugia. Per aprire la tua sacrosanta bara e controllare i tuoi resti. Da allora, Chávez ha insistito sulla teoria che l'autore fosse un rivale colombiano, Francisco de Santander, un caro amico e alleato di Bolivar prima che si scontrassero.

Fino alla sua morte, Chávez ha continuato a utilizzare il sospetto sollevato da Paul Awvaerter per i più diversi scopi politici.

Santa Marta, Tayrona, Simon Bolivar, Mausoleo

Famiglia in procinto di entrare nel memoriale di Simón Bolívar eretto a Quinta de San Pedro Alejandrino.

Come accadde all'ideale Gran Colombista di Bolivar e allo stesso Liberatore, il suo Rivoluzione Bolivariana sembra aver ceduto alla sua morte.

Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Città
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Danze
Cultura
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
voli economici, acquistare voli economici, biglietti aerei economici,
In viaggio
Viaggiare non costa

Acquista voli prima del decollo dei prezzi

Ottenere voli economici è quasi diventata una scienza. Rimani aggiornato sui principi alla base del mercato delle tariffe aeree ed evita il disagio finanziario derivante dall'acquisto in un brutto momento.
batteria e tatuaggi
Etnico
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Palazzo Gyeongbokgung, Seoul, Korea Travel, Color Maneuvers
Storia
Seul, Corea del Sud

Uno sguardo alla Corea medievale

Il palazzo Gyeongbokgung è protetto da guardiani con abiti di seta. Insieme, formano un simbolo dell'identità sudcoreana. Senza aspettarcelo, siamo finiti per ritrovarci nell'era imperiale di queste terre asiatiche.
Semina, Lombok, Mare di Bali, Isola della Sonda, Indonesia
Isole
Chili, Indonesia

Lombok. Il mare di Bali merita una sonda come questa

A lungo coperto dalla fama dell'isola vicina, resta da svelare lo scenario esotico di Lombok, sotto la sacra protezione del guardiano Gunung Rinjani, il secondo vulcano più grande dell'Indonesia.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Le balene cacciate con le bolle, Juneau la piccola capitale della Grande Alaska
Natura
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Parchi Naturali
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Solostsky autunnale
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Soccorso bagnante a Boucan Canot, Isola della Reunion
Spiagge
Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione

Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.
La crocifissione ad Helsinki
Religione
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Sostituzione lampadine, centrale idroelettrica Itaipu watt, Brasile, Paraguay
Società
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Animali selvatici
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.