Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu


pericolo spiaggia
I bagnanti entrano comunque in una delle spiagge più vicine a Santa Lucia, avvertendo della minaccia di squali, coccodrilli e ippopotami.
duo rinoceronte
Rinoceronte bianco adulto e un altro vitello, due esemplari dei tanti che abitano il Parco Nazionale Hluluwe-Infolozi.
sirena indiana
Il bagnante Sbongile ai margini dell'Oceano Indiano.
passaggio di peso
Il rinoceronte bianco attraversa una strada sterrata da Hluluwe-Infolozi PN.
Per la deviazione
Crociera in partenza dal corso principale del fiume Umfolozi, nei pressi di Santa Lucia.
di vedetta
Ippopotamo controlla il passaggio di una delle barche da crociera del fiume Umfolozi attraverso il suo territorio.
Sipho Mtsalo
Una delle guide che mostrano ai visitatori la fauna dell'Hluluwe-Infolozi PN.
la loro africa
Gli elefanti vagano su un pendio verdeggiante dell'Hluluwe-Infolozi PN.
un facile avvistamento
Il visitatore di NP Hluluwe-Infolozi osserva un elefante che sta per attraversare la strada di un parco.
Delizia nell'Oceano Indiano
Precious, Phindile, Sbongile e Stozi si rilassano nel mare vicino a Santa Lucia.
Sotto il fiume Umfolosi
La barca si avvicina alla foce interrata del fiume Umfolozi.
piccolo aggiustamento
Coppia che si fa lisciare i capelli durante un lungo servizio fotografico amatoriale.
tramonto anfibio
Gli ippopotami condividono il fiume Umfolosi nelle vicinanze di Santa Lucia.
All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.

La prima volta che lo scenario del parco nazionale di Isimangaliso ha attirato la nostra attenzione è stato in un documentario televisivo ricco di immagini aeree.

L'elicottero ha sorpreso le mandrie sottostanti, arando i pascoli ondulati e l'acqua fangosa della palude. C'erano coccodrilli, bufali sospettosi a centinaia, ippopotami a dozzine, rosa, come fenicotteri trampolieri.

Terza area protetta più grande del Sud Africa, Isimangaliso occupa un'immensità selvaggia di paludi in condominio con savana e dune che, oltre 300 km, quasi entrano nell'Oceano Indiano al suo interno.

Chiamato anche Lago di S. Lucia, questo paesaggio è in realtà il lungo e tortuoso estuario del fiume Umfolozi, uno dei più grandi dell'Africa, aggiunto dall'UNESCO nel 1999 alla sua gloriosa lista dei Patrimoni dell'umanità.

Fino a qualche tempo fa, PN Isimangaliso era chiamato Greater Santa Lucia Wetlands Park. È proprio a Santa Lucia che arriviamo a bordo del camion Nomad, proveniente dalle zone alte e piovose dello Swaziland e dal Lesotho gelido.

Alberthram TENK Engle, la guida e autista, e Ricardo Juris, il cuoco e aiutante, conoscevano bene l'atmosfera vacanziera del villaggio, associata dai sudafricani sia al relax che all'avventura.

D'accordo, è ancora metà pomeriggio, parcheggiano il veicolo e informano attraverso il microfono che usavano per comunicare con i passeggeri: “Va bene, ragazzi, ora è il momento di sistemarsi. Verso le quattro e mezza siamo usciti a fare il bagno».

La costa ventosa ma molto balneabile di Praia de Jabula

Ci uniamo volentieri al gruppo. Venti minuti dopo l'ora, eravamo già di fronte a una spiaggia infinita, Jabula. Un pannello di legno cattura la nostra attenzione.

Ci riporta a qualcosa che ci aveva sorpreso e frustrato anni prima nel Queensland nord-orientale dell'Australia, dove le spiagge dove potevamo fare il bagno si sono rivelate rare.

Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa

I bagnanti entrano comunque in una delle spiagge più vicine a Santa Lucia, avvertendo della minaccia di squali, coccodrilli e ippopotami.

Non è bastato il fastidio faunistico degli squali presenti in gran parte delle coste del Sudafrica, nell'avviso c'era anche la minaccia di coccodrilli e ippopotami.

Nelle zone più remote del parco sono presenti anche elefanti, rinoceronti e leopardi. Là, dov'eravamo, di tanto in tanto apparivano i primi tre. Era qualcosa che non sembrava preoccupare una banda crescente di bagnanti sudafricani desiderosi dei piaceri del mare.

Se i sudafricani - Tenk e Ricardo coinvolti - ignoravano la minaccia, chi eravamo noi per disprezzarli. Ci immergemmo nella soglia oscurata e un po' frenetica dell'Oceano Indiano. La marea era calata, quindi la profondità dell'acqua stava diminuendo visibilmente e precipitando il successivo frantumarsi delle onde.

Bagnante a Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa

Il bagnante Sbongile ai margini dell'Oceano Indiano.

Abbiamo ritenuto che, nel complesso, questo ci avrebbe tenuti al sicuro da squali e coccodrilli, su quelle sponde del Nilo, non marine come le loro controparti sulla Big Island.

Non vedevamo nemmeno gli ippopotami emergere da quelle onde successive e la spiaggia era ancora piena di gente.

Presumibilmente al sicuro, abbiamo continuato a saltare contro le onde, a trafiggerle e, quando possibile, a fare l'autostop, in un delizioso esercizio acquatico con il quale abbiamo recuperato i giorni trascorsi prima nel Kruger PN, nel canyon del fiume Blyde e altri emblematico ma lontano dal mare.

Tenk e Ricardo, anch'essi abituati a vivere lungo la costa di pescatori vicino a Cabo Agulhas e che avevano bisogno di alleviare lo stress causato dalla loro responsabilità per il viaggio e il gruppo, si sono tuffati e sguazzati con noi e per abbinarsi.

Il vento che soffiava forte lungo la costa, da sud a nord, spazzava l'esterno. In sinergia con la tiepidezza dell'acqua dell'Oceano Indiano, ha posticipato la fine del bagno di ben venti minuti.

Bagnanti a Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa

Coppia che si fa lisciare i capelli durante un lungo servizio fotografico amatoriale.

Quando siamo tornati sulla terraferma, il mare era già una specie di parco ricreativo, pieno di famiglie e dei loro giovani figli, coppie e amici adolescenti zulù, che si godevano una tonificante convivialità sulla sabbia fradicia e le onde che si agitavano.

Il sole non ci mise molto a calare dietro la foresta di fronte e la spiaggia si raffreddò bruscamente. Tenk ci fece segno di tornare al "Tommy", il camion che stavamo seguendo.

Parco nazionale Hluluwe-Infolozi: dall'Oceano Indiano all'interno del Kwazulu-Natal

Abbiamo cenato alla locanda Shonalanga dove eravamo entrati, con diritto ad uno spettacolo etnico e una piccola lezione di dialetto zulù. Poco dopo, sempre presto, andammo nella stanza che ci era stata assegnata.

Il giorno successivo, stavamo per esplorare il Parco Nazionale Hluluwe-Infolozi con partenza prima dell'alba.

Considerando la temperatura dell'ultimo pomeriggio, la latitudine a cui ci trovavamo e la vicinanza alla costa, difficilmente ce lo saremmo aspettato, ma appena abbiamo messo il naso fuori dalla stanza faceva un freddo gelido.

Due guide del parco ci ricevono e ci distribuiscono alle jeep che stavano guidando, con le coperte, così non avremmo freddo durante il tragitto.

Il viaggio verso l'interno nord-ovest durò quasi un'ora. All'arrivo, durante la giornata, mentre la guida Sipho Mtshalo ci spiegava cosa avremmo trovato nel parco, abbiamo potuto contemplarlo con occhi per vedere. Eravamo responsabili di quello che il gruppo ha immediatamente identificato come un sosia di Eddie Murphy.

Guida PN Hluluwe-Infolozi, Kwazulu Natal, Sud Africa

Una delle guide che mostrano ai visitatori la fauna dell'Hluluwe-Infolozi PN.

Clone dell'attore, lui stesso creava battute dopo battute ma, per il modo chiuso e monotono con cui parlava, nessuno riusciva a capire.

Proprio come Murphy in "Un principe a New York”, Sipho si è rivelato, più che sicuro, qualcosa di vanitoso. Era perfettamente abbottonato al trench blu che indossava nella sua uniforme, con una bandierina sudafricana cucita sul cuore.

Lo abbinò a un cappello di pelliccia, abbastanza avventuroso ma elegante, ovviamente. Ora, come ci ha confessato, Sipho aveva già buona parte di ciò che voleva dalla vita, comprese quattro donne e – se ne vantava ancora – tante mucche.

Eppure, dopo pochi minuti, si stava già insinuando spudoratamente a uno dei due austriaci partecipanti al viaggio. Jackie non lo trova più divertente. Fagli capire il più possibile, senza diventare troppo scortese. Sipho è conforme.

Infine, ha potuto concentrarsi sulla missione di cui era incaricato: rilevare la fauna del parco e raccontarci le sue eccentricità.

Hluluwe-Infolozi, un'antica riserva selvaggia del Sud Africa

L'Hluluwe-Infolozi è la più antica riserva naturale dell'Africa. Pieno di colline ricoperte di vegetazione arbustiva, è anche l'unico parco statale del Sud Africa dove i visitatori possono vedere tutti gli animali dei tanto attesi Big Five.

Elefanti, PN Hluluwe-Infolozi, Kwazulu Natal, Sud Africa

Gli elefanti vagano su un pendio verdeggiante dell'Hluluwe-Infolozi PN.

Non ci è voluto molto per incontrare rinoceronti, branchi di bufali ed elefanti. La guida di Sipho si è persino avvicinata alla jeep che stava guidando troppo alcuni dei pachidermi. Uno di loro, furioso per l'insulto, lo ha costretto a inserire la retromarcia di emergenza.

Lions, li abbiamo visti in lontananza, da un punto di vista condiviso con diverse famiglie afrikaans, in compagnia di uomini sulla quarantina e sulla cinquantina che, nonostante fossero appena passate le dieci del mattino e guidassero le loro famiglie attraverso il parco, bevevano birra a ritmo forte.

Dopo tre giorni e mezzo in PN Kruger, Hluluwe-Infolozi non ha aggiunto mondi e sfondi alla storia dei safari che già avevamo e che continuiamo ad arricchire. Il parco ospita, tuttavia, una delle più grandi popolazioni di rinoceronti bianchi al mondo.

Rhino, PN Hluluwe-Infolozi, Kwazulu Natal, Sud Africa

Il rinoceronte bianco attraversa una strada sterrata da Hluluwe-Infolozi PN.

Quasi senza perdere tempo nella loro ricerca, siamo stati abbagliati da diversi esemplari a pochi metri di distanza.

Alleato degli ambienti spaziosi e gentili di quei confini africani e del carattere ridente e da cartone animato di Sipho, questo vantaggio ha finito per compensare il doloroso risveglio notturno e il sonnolento e gelido letargo in cui ci siamo trovati fino a quando il sole è sorto all'orizzonte.

Elefanti, PN Hluluwe-Infolozi, Kwazulu Natal, Sud Africa

Il visitatore di NP Hluluwe-Infolozi osserva un elefante che sta per attraversare la strada di un parco.

Rientriamo a Santa Lucia verso l'ora di pranzo e ne approfittiamo per indagare su qualcos'altro da quei luoghi. Se in Swaziland siamo rimasti sorpresi dal predominio delle stazioni di servizio Galp, avremmo già dovuto prevedere che le scoperte lusitane anche nelle terre costiere zulu avrebbero dovuto lasciare il segno.

Il passaggio catastrofico da Alvares Cabral a Largo

Poco più di mezzo secolo dopo che Bartolomeu Dias ha doppiato Cabo das Tormentas, la nave portoghese "São Bento" è arrivata da Cochin comandata da Fernão de Alvares Cabral (figlio di Pedro Alvares Cabral) e sovraccarica.

Fu naufragato alla foce del fiume Msikaba, vicino all'attuale città di Port Edward. Ispirato dall'abbondanza di dune giallastre, l'equipaggio sopravvissuto battezzò per la prima volta la regione alla foce del fiume Umfolozi Rio dos Medos de Ouro.

In seguito, il navigatore e cartografo Manuel Perestrello, ribattezzò la zona di Santa Lucia, in questo giorno di santa. Il nome finì per “prendere in prestito” la zona più settentrionale dello Zululand che stavamo attraversando, la regione non ufficiale un tempo guidata dal famoso e rispettato re Shaka kaSezangakhone, meglio conosciuto come Shaka Zulu.

Parco Nazionale di Isimingaliso: il lussureggiante estuario del fiume Umfolozi

Infine, ci dedichiamo al Parco Nazionale di Isimingaliso. Mancando i mezzi per un'incursione completa nell'immensità anfibia, saliamo a bordo di una delle barche che percorre il fiume Umfolozi fino all'eminenza dell'Oceano Indiano e poi torna indietro.

A questo punto, il sole si stava avvicinando di nuovo all'orizzonte.

Barca sul fiume Umfolosi, Kwazulu Natal, Sud Africa

La barca si avvicina alla foce interrata del fiume Umfolozi.

Dorava l'acqua sul lato ovest e, al contrario, riscaldava il verde della vegetazione. Allo stesso tempo, la pelle spessa degli innumerevoli ippopotami che avevano preso il controllo del fiume era feroce, indifferente ai coccodrilli del Nilo e agli squali toro che proliferavano anche lì.

Dall'alto del ponte li possiamo vedere tutti, comprese le pinne emergenti di predatori marini opportunisti che si erano abituati all'acqua salmastra e tendere agguati alle prede nel torrente poco profondo.

Ippopotamo, fiume Umfolozi, Kwazulu Natal, Sud Africa

Ippopotamo controlla il passaggio di una delle barche da crociera del fiume Umfolozi attraverso il suo territorio.

A un certo punto, tra le piantagioni di canna da zucchero lungo il fiume e una foresta costellata di palme a ventaglio e simili, l'Umfolozi va a sbattere contro la barriera di sedimenti che tempo fa gli aveva derubato l'Oceano Indiano.

Poi, con la grande stella che cade dietro l'oceano e diversi ippopotami che sbadigliano per l'inerzia e la gioia, il pilota inverte le marce.

Ippopotami, fiume Umfolozi, Kwazulu Natal, Sud Africa

Gli ippopotami condividono il fiume Umfolosi nelle vicinanze di Santa Lucia.

Mentre torniamo al punto di imbarco, migliaia di rondini svolazzanti squarciano il crepuscolo sopra. E un secondo gruppo di giovani Zulu coinvolgerà i passeggeri con esibizioni di danze guerriere.

La sua esposizione è ricca di movimenti di attacco e difesa che hanno reso la vita così difficile alle tribù rivali dell'Africa meridionale, I primi coloni del Sud AfricaIl voortrekker (pionieri) boeri da cui Tenk e Ricardo sono orgogliosi di discendere.

E agli inglesi che ne sono seguiti, che, a costo di molto sangue e ancora più fatica, hanno aggregato e dominato l'intero Paese, compreso il tribale e selvaggio Zululand che ci aveva abbagliato per diversi giorni.

 

Questo rapporto è stato creato con il supporto di NOMADTOURS.CO.ZA e creato durante un itinerario esploratore sudafricano di 20 giorni tra Johannesburg e Città del Capo passando per lo Swaziland e il Lesotho,

Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Garden Route, Sud Africa

La Costa Giardino del Sud Africa

Estendendosi su oltre 200 km di costa naturale, la Garden Route si snoda attraverso foreste, spiagge, laghi, gole e splendidi parchi naturali. Viaggiamo da est a ovest, lungo i drammatici fondali del continente africano.
Il fiume Zambesi, PN Mana Pools
Safari
Kanga Pan, Mana Pools NP, Zimbabwe

Una fonte perenne di fauna selvatica

Una depressione situata 15 km a sud-est del fiume Zambesi trattiene acqua e minerali durante la stagione secca dello Zimbabwe. Kanga Pan, come è noto, nutre uno degli ecosistemi più prolifici nell'immenso e meraviglioso Parco Nazionale di Mana Pools.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Palazzo Gyeongbokgung, Seoul, Korea Travel, Color Maneuvers
Città
Seul, Corea del Sud

Uno sguardo alla Corea medievale

Il palazzo Gyeongbokgung è protetto da guardiani con abiti di seta. Insieme, formano un simbolo dell'identità sudcoreana. Senza aspettarcelo, siamo finiti per ritrovarci nell'era imperiale di queste terre asiatiche.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Cultura
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
viaggio in australia occidentale, Surfspotting
In viaggio
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Portico d'ingresso a Ellikkalla, Uzbekistan
Storia
Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
Fidanzate a Little Venice, Mykonos
Isole
Mikonos, Grecia

L'isola greca dove il mondo festeggia l'estate

Durante il 1960° secolo, Mykonos era solo un'isola povera, ma intorno al XNUMX, i venti di cambiamento delle Cicladi l'hanno trasformata. In primo luogo, nel migliore rifugio per gay del Mediterraneo. Poi, nell'affollata, cosmopolita e bohémien vanity fair che troviamo quando visitiamo.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Residente a Nzulezu, Ghana
Natura
Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Parchi Naturali
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Armenia Culla Cristianesimo, Monte Aratat
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Machangulo, Mozambico, tramonto
Spiagge
Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Religione
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Società
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
Animali selvatici
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.