Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana


Parco dell'Indipendenza di Puerto Plata
Statue e bandiera della Repubblica Dominicana nel Parco dell'Indipendenza di Puerto Plata.
Funivia Puerto Plata – PN ISabel de Torres
Cabina della funivia a Puerto Plata con la città sullo sfondo
visitatore esuberante
Visitatore esuberante di Callejón de Doña Blanca, a Puerto Plata.
Dari Reinoso e Co.
Il campione "Masters of the Ocean 2019" Dauri Reinoso (in blu) e gli amici allo stand Take Off a Playa El Encuentro.
un dolce rimprovero
Charlotte rimprovera la sorella del compleanno Anabela per aver distrutto la sua torta di compleanno a Plaza Independencia a Puerto Plata.
Anabela, la festeggiata
La festeggiata Anabela in grembo a sua nonna nel Parco dell'Indipendenza di Puerto Plata.
benedetta corsa
Un visitatore cammina su una passerella sopraelevata accanto alla statua del Cristo Redentore di Isabel de Torres PN, a Puerto Plata.
Frankenstein mostra gemme Brugal
Frank Vázquez espone una delle bottiglie più prestigiose di rum dominicano Brugal.
Giocattolo dolce e colorato
Josefina Martinez, di Tortuga, gioca con lo zucchero filato, a Puerto Plata
SSSSS acquatico
Il surfista scivola lungo una delle onde di Playa El Encuentro, vicino a Cabarete.
Rilassamento del campione
Dauri Reinoso, campione "Masters of the Ocean 2019", istruttore di sport acquatici a Playa El Encuentro, Cabarete.
pausa surf
Il surfista lascia il mare a Playa El Encuentro, vicino a Cabarete.
caraibi blu e verdi
Vista della costa vicino a Puerto Plata, sulla costa nord della Repubblica Dominicana.
Desalinizzazione per due
Gli amici surfisti Gabriel e Huba si fanno una doccia dopo aver fatto surf a Playa El Encuentro, vicino a Cabarete
benedetta corsa
Un visitatore cammina su una passerella sopraelevata accanto alla statua del Cristo Redentore di Isabel de Torres PN, a Puerto Plata.
Esperienze fotografiche in rosa
Gli amanti cercano di ottenere una perfetta riflessione fotografica in Callejon de Doña Blanca a Puerto Plata
I venditori alla base del Cristo Redentore a Puerto Plata
I venditori all'ingresso del mercato all'interno della statua del Cristo Redentore in cima all'Isabella de Torres PN, a Puerto Plata, Rep. domenicano.
Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.

Sosua, Cabarete e Puerto Plata hanno i riflettori sulla mappa e la fama, ma è a Playa El Encuentro che ci fermiamo.

Il destino e una serie di fattori hanno imposto che l'Atlantico si dispiega sul nord della Repubblica Dominicana in ondate di onde che i surfisti di ogni parte sono abituati ad ammirare.

Una foresta di fitti alberi ripara una prima area di sabbia.

Una comunità di scuole di sport nautici condivide l'ombra di questa riva, il mare caldo e delizioso che ci precede, i clienti che si affacciano sulla costa e, altrettanto o soprattutto, l'opportunità di vivere una quotidianità naturale e sfuggente, senza lo stress e il fastidio di tanti altri modi di vivere.

Lì, in piena doccia post-surf, incontriamo i nostri amici Gabriel, (dell'isola di Margarita) e Huba, anche lui venezuelano, di origine ungherese, membri del progetto Frescollective e con alcune idee nella manica per i dintorni di Playa El Encuentro.

Gabriel e Huba sotto la doccia, Playa El Encuentro, Cabarete

Gli amici surfisti del collettivo Frescollective Gabriel e Huba si fanno una doccia dopo aver fatto surf a Playa El Encuentro.

Proprio accanto, entriamo nella scuola di surf 321Take Off, allora rappresentata dall'argentino Juan, ma fondata da Yahman Markus Bohm, anche creatore del concorso Maestri dell'Oceano che combina eventi di surf, kitesurf, windsurf e paddleboarding.

Parte dell'entourage che seguiamo si dedica a lezioni di surf. Abbiamo vagato lungo la spiaggia alla ricerca di altri tesori.

Lezione di surf, Playa El Encuentro, Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Un gruppo di amici impara a fare surf sul lungomare di Playa El Encuentro.

Surfisti di diverse generazioni provano le manovre più appropriate per il moto ondoso del momento. Alcuni si gettano nell'acqua color smeraldo dei Caraibi, altri la lasciano e scompaiono nel buio della foresta.

Anche Dauri Reinoso va e viene. Dauri si allena sulle onde del Del Encuentro e lavora come insegnante di surf per 321Take Off. ha vinto il Maestri dell'Oceano 2019 tenuto a Cabarete ma, da buon surfista, posa per noi con una leggerezza dell'anima che solo tante ore eteree tra le onde concedono.

Dauri Reinoso, Dauri Reinoso, Masters of the Ocean Champion 2019, a Playa El Encuentro, Cabarete

Dauri Reinoso, campione “Masters of the Ocean 2019”, istruttore di sport acquatici a Playa El Encuentro, Cabarete.

Brugale. Un Rum Non Frugale

Frank Vázquez ci accoglie all'ingresso della fabbrica di Puerto Plata del famoso rum dominicano Brugal. Consapevole che il portoghese predominava nel gruppo, ci ha informato che ci avrebbe guidato in portoghese. La versione è quella brasiliana, ma anche così la sua competenza ci stupisce.

“Ma hai mai lavorato al Brasile?" No! Sono molto curioso. Mi piace imparare, non mi fermo! Posso guidare questo tour in dieci lingue diverse. Inoltre, sono un vigile del fuoco, primo soccorritore, paramedico, bagnino. Sono fatto di un po' di tutto, capisci? Perché sono Frank ed è per questo che mi chiamano Frankenstein...

Non avevamo ancora toccato il rum. La conversazione ci suonava già surreale. Frank la interrompe per salvarci dal mostruoso sole dei Caraibi. All'interno, come ha fatto più e più volte, racconta la storia del marchio, ci mostra le sue bottiglie più pregiate e ci regala un assaggio di diverse produzioni.

Tra i vari rum Brugal esposti, spiccava un certo Papa Andrés, di cui sono rimaste solo mille bottiglie, ciascuna del valore di almeno 1500 dollari.

A quel punto, l'intero gruppo aveva assaggiato del rum, il più modesto ovviamente.

Degustazione di rum presso la fabbrica Brugal, Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Frank Vázquez serve rum durante una presentazione della fabbrica di rum Brugal.

Le foto della stella papale del marchio sono state richieste in tutte le forme e forme. Temendo di romperlo e di essere bandito dalla congregazione dello spirito che lo impiegava, Frank abbracciò la scatola del museo che proteggeva il Edizione limitata del 2015 con benedetta cura.

In tempi di intenso spionaggio industriale, avevamo solo il diritto di sbirciare nell'unità produttiva di Brugal. Nessuna foto, nessun video. Si presumeva che nulla di audace.

Frank Vázquez espone bottiglie di Brugal, Puerto Plata

Frank Vázquez espone una delle bottiglie più prestigiose di rum dominicano Brugal.

Salita al Pico Tropical Isabel de Torres

Il caldo tropicale della pentola a pressione che continua a farci sudare solo per rinfrescarci poco o niente è successo dallo zenit solare.

Abbiamo anticipato il traffico di San Felipe de Puerto Plata, la città. abbiamo superato guaguas – furgoni per quasi venti passeggeri, carrelli – auto private che prendono taxi e li vediamo circolare con quasi la metà della capienza delle guaguas.

E motoconchi, mototaxi che accompagniamo a loro piacimento, non siamo più sicuri se il massimo: quattro passeggeri saldamente aggrappati all'autista. E l'un l'altro.

Angelo, il domenicano che ci guidava con celestiale dolcezza e ci cullava a suon di bachate popolare nel paese, completa un'ultima salita in curva.

Infine, arriviamo ai piedi del Pico Isabel de Torres, così chiamato, in omaggio alla regina Isabel de Castile, nata a Madrigal de Las Altas Torres (Valladolid) e in vigore negli anni in cui Cristoforo Colombo scoprì queste Indie dall'Occidente al il Vecchio Mondo.

A 793 m, la montagna di Puerto Plata è un quarto dell'altitudine di Pico Duarte (3.098 m), la cima delle isole caraibiche, ma poiché sorge dall'imminente mare, conserva un impressionante dramma costiero.

È giovedì. Senza i visitatori del fine settimana dominicano al largo della costa, i passeggeri della funivia sono scarsi.

La vetta a cui stavamo per salire era molti metri al di sotto della vetta da record del Pico Duarte. A titolo di risarcimento, le autorità di Puerto Plata sottolineano il fatto che la funivia che collega la città alla sua montagna è pionieristica.

La linea è stata inaugurata nel 1975. A quel tempo non esisteva una linea identica nel mare e negli arcipelaghi circostanti.

Da allora è passato un secolo. La cabina che abbiamo seguito, questa, impiega solo otto minuti per conquistare il pendio lussureggiante.

Alla finestra che si affaccia sull'Atlantico, passiamo sopra case umili e un campo da baseball terroso e deserto. A poco a poco, vediamo le case bianche di Puerto Plata rimpicciolirsi nel verde che spruzza.

Quando ispezioniamo la vista dalla piattaforma di atterraggio, la foresta travolge chiaramente l'area urbana sottostante.

Apprezziamo una specie di sub-picco fiancheggiato da un intricato manto di piccole palme e altre specie vegetali lussureggianti.

A ovest, la vista rendeva chiaro che San Felipe de Puerto Plata aveva estrapolato la più stretta delle baie frastagliate successive sulla costa dell'Ambar, dove questa preziosa resina fossile è più abbondante nella Repubblica Dominicana.

Vista dall'alto della funivia della PN Isabel de Torres, sulla costa di Puerto Plata

Vista della costa vicino a Puerto Plata, sulla costa nord della Repubblica Dominicana.

La ammiriamo per qualche momento in più. Finché il richiamo a braccia aperte di un inaspettato Cristo Redentore non ci fa voltare le spalle alla costa.

Una prima scalinata ci porta ai piedi del monumento, basato su una semisfera con finestre. Un secondo passa tra una bandiera sventolante della Repubblica Dominicana e un'altra di Puerto Plata.

Porta i visitatori nell'interno squallido della mezza palla bianca dove c'è una comunità di venditori mestieri e ricordi attirali nella tua attività.

Attorno ad esso, un giardino botanico con flora endemica e la vastità naturale dell'Isabel de Torres PN, ci sembravano delle attrazioni più degne.

I venditori alla base della statua del Cristo Redentore, Puerto Plata, Rep. domenicano

Venditori all'ingresso del mercato all'interno della statua del Cristo Redentore in cima al PN Isabel de Torres

Abbiamo fatto il giro della sfera sotto i piedi del Cristo, sciamati da greggi di pappagalli stridenti, gli stessi uccelli che Cristoforo Colombo avrebbe osservato, quindi, probabilmente molto più abbondanti e rumorosi.

Colombo salpò al largo dell'odierna costa di Ambar nel 1492, nel primo dei suoi quattro viaggi verso le Americhe. Ha raggiunto queste parti dei Caraibi dopo aver attraversato le Bahamas e aver girato la metà orientale di Cuba, con la costa sempre in vista.

Dopo i fallimenti di La Navidad e L'Isabella, l'Hispaniola settentrionale avrebbe ricevuto con successo una colonia, in un anno ancora in discussione, tra il 1502 e il 1506.

Qualunque sia la data, il villaggio sarà stato progettato da Cristovão Colombo e da suo fratello minore, Bartolomeu.

A quel tempo, una nota di Cristovão sulla vista argentata della nebbia persistente su quella montagna che ci ha accolto sarebbe servita da ispirazione per il suo nome: San Felipe de Puerto Plata. Dove intanto torniamo.

 Le vite che danno più vita a Puerto Plata

Sbarchiamo dal furgone direttamente al suo Independence Park, progettato con una geometria creativa dal cuore di La Glorieta, un palco dell'orchestra ottagonale vittoriano a due piani.

Lo stile architettonico del palco dell'orchestra non è un caso. Intorno abbondano altri edifici vittoriani, costruiti a partire dal 1857, influenzati dalle navi e dagli immigrati europei che iniziarono ad arrivare al porto alla fine del XIX secolo.

Si dice, inoltre, che la moda si diffuse mentre le navi scaricavano opuscoli e volantini con immagini di edifici vittoriani.

Questi edifici sono ancora in piedi, ognuno con le sue linee e colori che si scontrano con le costruzioni più moderne e le linee austere della Cattedrale di San Filippo Apostolo.

Ci dirigiamo verso l'ingresso tripartito del tempio quando una celebrazione empia e umile cattura la nostra attenzione.

Seduta su una panchina del parco, una ragazza tiene in mano una torta di compleanno. Dietro di lei, una giovane domenicana lega una serie di palloncini a un angolo della panchina.

La nonna e la madre delle sorelle Charlote e Anabela fotografano Anabela nel Parco dell'Indipendenza di Puerto Plata.

La nonna e la madre delle sorelle Charlote e Anabela fotografano Anabela nel Parco dell'Indipendenza di Puerto Plata.

Charlotte compie tre anni. La madre si occupa degli aggiustamenti per un servizio fotografico che immortala l'attimo. "Non è solo Charlotte." ci dice la signora. “Anabela, la più piccola, ha appena fatto anche la prima!” Con l'aiuto sciatto della nonna e di un'amica, la madre fa sedere le sue due figlie sulla panchina con la torta al centro.

L'angelica Anabela ignora le foto. Poco portato alla cerimonia, prende un grosso dito di glassa dalla torta e si spalma la crema su tutta la bocca. Charlotte si porta le mani alla testa. La sorella non si ferma.

Attacca i settori colorati della torta. Charlotte chiede aiuto alla madre e alla nonna ma, divertiti dagli scherzi fotogenici della più giovane, gli adulti la ignorano. Charlotte perde la pazienza. Urla alla sorella lambuzona e cerca di fermare il suo terrorismo ricoperto di zucchero. Troppo tardi e invano.

Sorelle di compleanno al Parque Independencia, Puerto Plata, Rep. domenicano

Charlotte rimprovera sua sorella di compleanno Anabela per aver distrutto la sua torta di compleanno.

Non entriamo più nella cattedrale. Invece, abbiamo invertito la nostra strada verso il retro del Parque Independencia e, presto, verso una nuova strada della città, il vicolo di Doña Blanca Franceschini, recentemente aperto dalla famiglia del gruppo turistico di Punta Cana, Rainieri Kuret.

Il vicolo fu riparato dal gruppo e dalla famiglia in onore del 110° anniversario dell'arrivo di sua nonna Blanca a Puerto Plata, nel 1898. Bianca (nome italiano originale) Franceschini e suo marito si resero conto che era necessario un hotel a Puerto Plata.

Decidono quindi di fondare l'Hotel del Comercio, poi Hotel Europa, e gettano solide basi per il turismo dominicano.

abbiamo trovato il callejon magenta da un capo all'altro. Decorato con panche, finestre e specchi che sfidano gli appuntamenti con le coppie Instagramers. Vediamo Marielys e la sua dolce metà che lottano per trovare una foto creativa che lo faccia.

Gli amanti si fotografano in Callejón de Doña Blanca, Puerto Plata

Gli amanti cercano di ottenere una perfetta riflessione fotografica in Callejon de Doña Blanca a Puerto Plata

Quindici minuti dopo, quando hanno notato l'iperattività di un gruppo di fotografi con macchine fotografiche che sembravano dei professionisti, non hanno saputo resistere: “Non puoi aiutarci qui? Questa faccenda dei riflessi è complicata... e tu ci sei abituato.

Mettiamo a suo agio la ragazza. Sbircia la foto e guarda il suo ragazzo con aria di rimprovero: “Vedi? È stato davvero così difficile?”

appena sotto, dentro cammino d'ombra, troviamo Josefina Martinez, di Tortuga, un'isola a nord di Haiti.

Molto più a suo agio come modella, noi tre ci siamo divertiti in una breve improvvisazione attorno allo zucchero filato che si stava divertendo.

Scherzo dolce, Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Josefina Martinez, di Tortuga, gioca con lo zucchero filato, a Puerto Plata

Scendemmo un po' più in là, al mare. Lì troviamo il Forte di São Filipe. Fino alla metà del XVI secolo, Puerto Plata continuò a svilupparsi attorno a questo forte.

Fino a quando, intorno al 1555, andò in declino e iniziò ad essere frequentata principalmente da pirati, tanto che nel 1605, per impedire l'espansione della pirateria che danneggiava gli spagnoli, Felipe III ordinò la distruzione della città, che sarebbe arrivata solo per essere ripopolata dopo un secolo.

Abbiamo trovato il forte già chiuso ma, come sempre accade nelle città portuali caraibiche, immerso nella vita. Tomás Nuñez era tornato alla sua vecchia abitudine di pattinaggio in linea e, da quello che potevamo vedere, si teneva in forma.

Ad un certo punto, si è seduto e ha premuto i suoi pattini accanto a Lourdes e Darwin, entrambi sdraiati a guardare le onde che si infrangono sul prolungamento delle pareti.

Abitanti di Puerto Plata, Tomás Nuñez, Lourdes e Darwin nelle vicinanze di Fort San Filipe.

Tomás Nuñez, Lourdes e Darwin nelle vicinanze del forte di San Felipe de Puerto Plata.

Siamo arrivati ​​a pensare che i due della famiglia di Tomás, ma no, non si conoscevano. Dan, il marito di Lourdes e il padre di Darwin, pescò più in basso, lontano dalla vista.

Confuso? Forse. Non molto se teniamo conto della ricchezza di ciò che abbiamo vissuto in un solo giorno a Puerto Plata. seguirebbe il Penisola di Samaná e le sue Haitises.

Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
Lago Enrico, Repubblica Dominicana

Enriquillo: il Grande Lago delle Antille

Con tra 300 e 400 km2, situato a 44 metri sotto il livello del mare, l'Enriquillo è il lago supremo delle Antille. Anche ipersalina e soffocata da temperature atroci, continua ad aumentare. Gli scienziati hanno difficoltà a spiegare perché.
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Laguna de Oviedo, Repubblica Dominicana

Il (Nulla) Mar Morto della Repubblica Dominicana

L'ipersalinità della Laguna de Oviedo varia a seconda dell'evaporazione e dell'acqua fornita dalla pioggia e scorre dalla vicina catena montuosa del Bahoruco. Gli indigeni della regione stimano che, di regola, abbia un livello di sale marino tre volte superiore. Lì scopriamo prolifiche colonie di fenicotteri e iguane, tra le molte altre specie che compongono questo uno degli ecosistemi più esuberanti dell'isola di Hispaniola.
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Isola Margherita ao PN Mochima, Venezuela

Dall'isola di Margarita al Parco Nazionale di Mochima: un Caraibi molto caraibico

L'esplorazione della costa venezuelana giustifica una grande festa nautica. Ma queste soste rivelano anche la vita nelle foreste di cactus e nelle acque verdi come la giungla tropicale di Mochima.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Isola di Saona, Repubblica Dominicana

Una Savona nelle Antille

Durante il suo secondo viaggio nelle Americhe, Colombo sbarcò su un'incantevole isola esotica. La chiamò Savona, in onore di Michele da Cuneo, marinaio sabaudo che la vedeva come un elemento di spicco della maggiore Hispaniola. Oggi chiamata Saona, quest'isola è uno degli amati eden tropicali della Repubblica Dominicana.

Montana Redonda e Rancho Salto Yanigua, Repubblica Dominicana

Da Montaña Redonda al Rancho Salto Yanigua

Alla scoperta del nord-ovest dominicano, saliamo alla Montaña Redonda de Miches, recentemente trasformata in un insolito picco di fuga. Dalla cima indichiamo Bahia de Samaná e Los Haitises, passando per il pittoresco ranch Salto Yanigua.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
estate scarlatta
Città

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
Cultura
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
In viaggio
Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
tatuaggio sulla terra
Etnico
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Storia
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Funivia Achadas da Cruz a Quebrada Nova, Isola di Madeira, Portogallo
Isole
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Natura
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Caldera del Corazoncillo
Parchi Naturali
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Cabo Ledo Angola, moxixeiros
Spiagge
Capo Ledo, Angola

Cabo Ledo e la sua Baia di Gioia

A soli 120 km a sud di Luanda, le onde capricciose dell'Atlantico e le scogliere coronate da moxixeiros competono per la terra del musseque. La grande insenatura è condivisa da stranieri arresi alla scena e residenti angolani che da tempo sono sostenuti dal generoso mare.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
Religione
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Funivia Merida, Ristrutturazione, Venezuela, mal di montagna, trattamento di prevenzione della montagna, viaggi
Società
Merida, Venezuela

La vertiginosa ristrutturazione della funivia più alta del mondo

A partire dal 2010, la ricostruzione della funivia di Mérida è stata eseguita nella Sierra Nevada da intrepidi lavoratori che hanno subito l'entità del lavoro sulla propria pelle.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Animali selvatici
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.