San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana


imprese autoctone
Venditori e acquirenti Maya al mercato municipale della città.
Emiliano Zapata
Un segno su uno degli stabilimenti zapatisti di San Cristóbal rende onore a Emiliano Zapata, storico rivoluzionario diventato un idolo messicano.
Sotto il peso del cattolicesimo
Nativi accanto a una delle tante chiese del Pueblo Magico.
Viva Zapata!
Segno di uno degli stabilimenti zapatisti a San Cristóbal.
accappatoi in spugna
Indigeno con costume tipico di San Juan Chamula, un villaggio vicino noto per la fusione autonomista che ha creato di credenze indigene e cattolicesimo.
Grasso e Sombrero
Le lucine fanno brillare le scarpe e gli stivali degli abitanti di San Cristóbal de las Casas.
gente di Cristobal
I passanti camminano lungo una strada dietro la cattedrale di San Cristóbal de Las Casas.
una fede mobile
Il devoto porta una statua della Virgen de Guadalupe durante i periodi di pellegrinaggio in suo onore.
una vetrina ambulante
Venditore Maya carico della sua merce colorata.
Vendite di famiglia
Donne Maya che vendono artigianato.
chiesa di san-cristobal-de-las-casas-chiapas-zapatismo-messico-vendedoras
Un gruppo di donne Maya consapevoli dell'avvicinarsi della polizia che non ammette venditori ambulanti a San Cristobal.
“Qui manda il Pueblo”
Un cartello su una strada in Chiapas annuncia l'ingresso in territorio zapatista e ribelle.
Nel cuore giallo di San Cristobal
I passanti di San Cristobal de Las Casas si incrociano davanti alla cattedrale secolare della città.
san-cristobal-de-las-casas-chiapas-zapatismo-messico-chiesa-san-nicolau-calle
I passanti camminano lungo una strada dietro la cattedrale di San Cristóbal de Las Casas.
Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.

È di gran lunga uno dei principali segni distintivi della città e non c'era modo di sfuggirgli. “Señores, non volete dei braccialetti?"

Ovunque andassimo, piccole squadre di commesse Maya ci seguivano o apparivano dal nulla, determinate a guadagnare qualche peso in più.

"guardare, abbiamo tutti i colori!” e allungarono le braccia corte, sovraccariche di amache, nastri, borse e tanti altri oggetti di artigianato con motivi luminosi dello stesso stile. A volte, anche con i bambini in braccio.

Donne Maya che vendono artigianato.

Queste donne di bassa statura, con lunghi capelli neri intrecciati come i tessuti che producono, la pelle dorata e gli occhi leggermente a mandorla arrivavano molto presto la mattina, a piedi o nei vecchi autobus folcloristici che servivano la rotta tra i paesi più lontani e la città.

Erano i Maya Tzotzil o Tzeltal, i gruppi subetnici predominanti in quegli altopiani (sopra i 2000 metri di altitudine) della provincia messicana del Chiapas dove, insieme, hanno più di ottocentomila elementi.

Intere famiglie di autoctoni danno più vita al mercato comunale dove, oltre all'artigianato, vendono un po' di tutto, sia ai mercanteggianti abitanti della regione che a estranei curiosi che sondano le bancarelle in cerca di souvenir.

Inoltre, i luoghi preferiti dai venditori ambulanti Maya sono il fronte sempre affollato della Cattedrale di San Cristobal e lo Zócalo, in questo caso un parco verde che girano con un occhio alla polizia locale che vieta loro di vendere fuori dal mercato.

Un gruppo di donne Maya consapevoli dell'avvicinarsi della polizia che non ammette venditori ambulanti a San Cristobal.

L'arrivo dei conquistatori spagnoli e la duratura oppressione dei popoli indigeni

È trascorso mezzo millennio da quando gli invasori spagnoli si accamparono su questi versanti, dopo che il conquistatore Diego de Mazariegos ne aveva sconfitti diversi sottogruppi Maya e installò un forte che gli permise di resistere ai contrattacchi.

Anche se non così ignorato come allora, scopriamo presto che gli indigeni non sono adeguatamente amati da gran parte della popolazione bianca e persino di razza mista della città.

accappatoi in spugna

Indigeno con costume tipico di San Juan Chamula, un villaggio vicino noto per la fusione autonomista che ha creato di credenze indigene e cattolicesimo.

Sebbene la maggior parte di loro parli castigliano come seconda lingua, raramente li vediamo dialogare con i loro residenti.

gente di Cristobal

I passanti camminano lungo una strada dietro la cattedrale di San Cristóbal de Las Casas.

Al contrario, sentiamo persino conversazioni di questi in cui continuano a sminuirli come esseri umani.

A immagine di ciò che è accaduto in tante altre parti delle Americhe, con la colonizzazione sono arrivati ​​il ​​saccheggio e lo sfruttamento.

Nella regione del Chiapas, i cittadini spagnoli accumularono fortune, soprattutto con la produzione di grano. Le terre coltivate furono tutte confiscate agli indigeni.

In cambio, sarebbero stati tassati, lavoro forzato, tributi e portati di recente dal Vecchio Mondo.

Questa oppressione è continuata nei secoli, nonostante le resistenze che ha cominciato a incontrare.

Il residente di San Cristobal cammina davanti a un portale ad arco della città.

Bartolomeu de Las Casas, strenuo difensore degli indiani Maya

I monaci domenicani arrivarono nella regione nel 1545 e fecero di San Cristobal la loro base operativa. Il nome della città fu esteso in onore di uno di loro, Bartolomé de Las Casas, nel frattempo nominato Vescovo del Chiapas.

De Las Casas divenne il più famigerato difensore spagnolo dei popoli indigeni dell'era coloniale. In tempi recenti, un vescovo di nome Samuel Ruiz ha seguito le orme di Las Casas.

Meritava il ripudio e l'ostilità dell'élite dirigente e finanziaria del Chiapas.

Ruiz alla fine si ritirò sano e salvo nel 1999 dopo molti anni in carica. È morto nel 2011.

Gli interventi di carattere politico e sociale che gli sono valsi numerosi premi da istituzioni internazionali per la pace, tra cui il UNESCO, ce n'erano diversi.

Oggi, San Cristobal fa parte della Rete delle città creative di questa organizzazione. Fu decretata Ciudad Creativa de la Artesanía y arte popular.

una fede mobile

Il devoto porta una statua della Virgen de Guadalupe durante i periodi di pellegrinaggio in suo onore.

Sono state frequenti le mediazioni del conflitto tra il governo federale messicano e l'Esercito zapatista di liberazione nazionale (EZLN).

L'emergenza dell'esercito zapatista

Due decenni di risentimento e attivismo dopo, nel 1994, l'EZLN ha iniziato ad operare dalla giungla di Lacándon, nelle pianure della provincia, il giorno in cui è entrato in vigore il NAFTA (North American Free Trade Agreement).

Anche senza gli interventi militari del passato, conserva la sua struttura.

Pochi giorni prima, mentre risalivamo la rigogliosa montagna lungo la tortuosa strada che collega Tuxtla Gutiérrez – l'attuale capitale del Chiapas – a San Cristóbal, i piccoli pedaggi imposti ai veicoli con semplici funi tese da paesani, a volte bambini, di entrambi i lati della strada.

"Queste sono le tasse locali!" Ce lo spiega Edgardo Coello, l'autista e guida che da tempo mostra quelle soste a estranei. I soldi del governo non li raggiungono e fanno pagare le tasse che pensano siano dovute a chi passa.

Viva Zapata!

Segno di uno degli stabilimenti zapatisti a San Cristóbal.

Non mi dispiace perdere qualche pesos di tanto in tanto, ma quando penso che siano troppo seguiti e opportunisti, allora non mi fermo.

Non mi è mai capitato di prendere qualcuno dietro di me, ma mi sono state raccontate storie di uno o l'altro incidente rocambolesco con i facchini, per non aver reagito in tempo!”

Pochi chilometri più avanti e più in alto, già di notte, ci viene ordinato di fermarci dalle autorità ufficiali con le mitragliatrici al seguito. Indagano con discrezione sulla jeep e sui passeggeri. "E perché passano di notte?" vuole conoscere uno dei militari federali a cui l'ora tarda intriga le abitudini delle guide locali.

Edgardo gli dà qualche spiegazione logistica e ottiene il permesso di procedere. Poco dopo abbiamo raggiunto l'ingresso di un villaggio poco illuminato.

Con il rinforzo dei fari della jeep, rileviamo un cartello in legno rudimentale e invecchiato che pubblicizza: “Sei in territorio ribelle zapatista. Qui il comando Pueblo e il governo obbedisce."

Un cartello su una strada in Chiapas annuncia l'ingresso in territorio zapatista e ribelle.

E lo zapatismo che ancora regna in Chiapas

In pochi luoghi del Messico questo annuncio aveva tanto senso quanto in Chiapas. Nello stato più meridionale del paese, gli zapatisti si sono rivelati quasi interamente autoctoni.

Non è stato il caso dell'emblematico e olografico subcomandante Marcos, che poco più di un anno fa ha pubblicato una lettera in cui si confessava di essere il subcomandante insurgente Galeano.

Ispirato dalla figura dell'eroe nazional-rivoluzionario Emiliano Zapata, lo zapatismo ha sintetizzato le pratiche maya tradizionali con elementi libertari di socialismo, anarchismo e marxismo contro la ferocia neoliberale e pro-globalizzazione.

Emiliano Zapata

Un segno su uno degli stabilimenti zapatisti di San Cristóbal rende onore a Emiliano Zapata, storico rivoluzionario diventato un idolo messicano.

Armato della sua ideologia, delle mitragliatrici e della densità della giungla di Lacandon, l'EZLN ha cercato di restituire il controllo delle loro terre e delle materie prime agli indigeni, con tutte le loro forze e nonostante le scarse possibilità di successo.

Il subcomandante Marcos – tra l'altro Insurgente Galeano – è stato abbattuto nel maggio 2014 in un agguato dei paramilitari. Con la sua morte, l'EZLN ha acquisito la leadership indigena e ha rafforzato la notorietà mondiale che aveva già raggiunto.

Turismo Convenzionale a San Cristóbal de Las Casas

A San Cristóbal, in particolare, rilancia il fenomeno dello zapaturismo.

In questo Città magica – così la chiamano i messicani – è l'abbagliante architettura coloniale che spicca.

Siamo colpiti dalla bellezza della cattedrale della città, in particolare dalla sua facciata barocca e ottocentesca, che al calare del sole all'orizzonte diventa più gialla nel corso del pomeriggio, quando decine di residenti usano la croce davanti a loro come punto di incontro .

I passanti di San Cristobal de Las Casas si incrociano davanti alla cattedrale secolare della città.

Un'altra chiesa altrettanto barocca e ancora più elaborata che ci incanta è il Tempio di São Domingo, tutto decorato in filigrana di stucco.

Saliamo gli innumerevoli gradini che portano alla cima del San Cristóbal e Nostra Signora di Guadalupe e ammira le colorate case ispaniche al piano terra piene di cortili interni che compongono la città.

La strada piena di negozi che porta in cima alla Chiesa di Nª Srª de Guadalupe.

Esploriamo anche la casa-museo di Na Bolom che studia e sostiene le culture indigene del Chiapas.

Come noi, migliaia di estranei sono affascinati da queste attrazioni più ovvie ogni anno.

E il fenomeno dello Zapaturismo in Chiapas

Ma, dopo gli anni di conflitto più acceso (1994-1997) che hanno fortemente ostacolato l'arrivo dei visitatori, oggi l'antico capoluogo di provincia attira un buon numero di sostenitori e attivisti internazionali dello zapatismo.

Si stabiliscono in locande economiche per dibattere e cospirare in bar, ristoranti e centri artigianali o accostamenti di tutti, battezzati”rivoluzione” e con altri nomi del genere.

Questi luoghi ora sono assunti senza paura. Ernesto Ledesma, psicologo e titolare del ristorante Tierra Adentro – uno dei più emblematici – che collabora con due cooperative zapatiste, la “Donne by Dignidad" e il "Calzature Fabbrica 1 di Gennaiospiega che i turisti zapatisti si dividono in due categorie.

Grasso e Sombrero

Le lucine fanno brillare le scarpe e gli stivali degli abitanti di San Cristóbal de las Casas.

“Alcuni sono interessati a fotografare gli zapatisti ea seguire il loro itinerario attraverso rinomate attrazioni storiche e naturali.

O, qualunque esso sia, attraverso Zapatour, il viaggio che, nel 2001, ha portato gli zapatisti attraverso dodici stati messicani per porre la questione indigena al centro del dibattito politico nazionale.

Gli altri, non dovremmo nemmeno chiamarli turisti. Condividono un reale interesse sociale e politico. Sono interessati ad apprendere e collaborare con la causa. San Cristóbal de Las Casas trasse grande beneficio dalla notorietà acquisita dallo zapatismo.

A maggior ragione con il proliferare di queste due classi di visitatori. Il Chiapas, è sempre stato dimenticato dal governo.

Senza sapere davvero come, il Il sottocomandante Marcos È stato il miglior PR che avremmo potuto avere".

izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Il deprezzamento dell'argento che ha portato a quello del Pueblo (Parte II)

Con l'inizio del XX secolo, il valore del metallo prezioso ha toccato il fondo. Da città prodigiosa, Real de Catorce è diventato un fantasma. Sempre alla scoperta, esploriamo le rovine delle miniere alla loro origine e il fascino del Pueblo risorto.
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Frederikstad-Saint-Croix-America-Vergine-Isole-Libertà
Città
Frederiksted, Saint Croix, Isole Vergini Americane

La città dell'emancipazione delle Indie occidentali danesi

Se Christiansted si affermò come capitale e principale centro commerciale dell'isola di Saint Croix, la “sorella” della parte sottovento, Frederiksted ebbe il suo apogeo di civiltà quando ci fu la rivolta e la successiva liberazione degli schiavi che assicurarono la prosperità della colonia.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
tatuaggio sulla terra
Cultura
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Fuga da Seljalandsfoss
In viaggio
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
ombra di successo
Etnico
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Mauritius, viaggio nell'Oceano Indiano, cascata di Chamarel
Storia
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
Moai, Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile
Isole
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Walvis Bay, Namibia, baia, dune
Natura
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Parchi Naturali
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
benedetto riposo
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ho An, Vietnam

Il porto vietnamita che osservava le navi

Hoi An era una delle stazioni commerciali più importanti dell'Asia. I cambiamenti politici e l'insabbiamento del fiume Thu Bon hanno dettato il suo declino e l'hanno preservata come la città più pittoresca del Vietnam.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110
Spiagge
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Religione
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.