Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani


Sotto i cieli di Cayo Los Pájaros
Timoniere a poppa di una barca, lungo il Cayo Los Pájaros de Los Haitises.
ancoraggio oscuro
La barca entra nella foce del Tiburon de Los Haitises
Cayo de Los Pajaros
Le fregate sorvolano Cayo de Los Pájaros, a Los Haitises.
Un'attesa (non)comunale
Le guide a cavallo aspettano i clienti per portarli a Cascada Limón.
puro esibizionismo
Fregata maschio vicino a Cayo Los Pájaros a Los Haitises.
vacca in umido
Una mucca spaventata lascia la laguna di Cascada Limón nella penisola di Samaná.
Lo sbarco del proprietario
Ara su un custode davanti alla cascata di Limón, nella penisola di Samaná.
luce di questo giorno
Apertura in una delle tante grotte di los Haitises, al largo della penisola di Samaná.
l'ultimo gol
Coppia sul lungomare di una spiaggia a Las Terrenas, nella penisola di Samaná.
mucca perduta
Mucca nella giungla, vicino a Cascada Limón, Peninsula de Samaná.
Lida della casa Las Ballenas
Eduardo Cancu stira i pacchetti di sigari Las Ballenas.
nel sole
Guida sotto un'apertura in una delle tante grotte di Los Haitises.
Currucupaco
Il visitatore di Cascada Limón tiene in mano un'ara blu.
Cueva de La Linea all'indietro
Barca in procinto di lasciare la palude di mangrovie che circonda la Cueva de la Línea, Los Haitises.
Penisola d'argento
Bagnanti sul lungomare di Las Terrenas nella penisola di Samana
Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.

La rivolta caraibica di Las Terrenas

Ci avviciniamo alla fine di settembre.

La stagione ufficiale degli uragani caraibici è a metà. Siamo stati fortunati. Le tempeste che si stavano preparando a est dell'Atlantico in quel momento si stavano piegando a nord.

Giorni dopo, uno di loro, Lorenzo, irrobustito da un uragano di categoria 5, ha sfidato ogni logica climatica. Avanzò lungo il Nord Atlantico e si scagliò contro le Azzorre. Aveva ancora l'energia per tormentare le coste dell'Irlanda e della Gran Bretagna.

Anche il mare caraibico di Las Terrenas che ci ha accolto ha mostrato un volto diverso del solare turchese-smeraldo che attirava vacanzieri da altre parti del mondo in una catadupa.

Agitato da una tempesta tropicale Karen che curvava bruscamente a nord mentre passava oltre le Piccole Antille, il mare oscurato e turbolento si estendeva in onde vigorose e spumose fino alla base degli alberi di cocco e al bordo della sabbia già accorciata.

Spiaggia di Las Terrenas, Penisola di Samana, Repubblica Dominicana

Bagnanti sul lungomare di Las Terrenas nella penisola di Samana

Con ulteriore frustrazione dei bagnanti, in quei giorni, i bagnini degli hotel al largo alzavano la bandiera rossa e seguivano le istruzioni per vietare loro di entrare in acqua, anche per semplici tuffi rinfrescanti. C'erano pozze di piastrelle lucide e acqua fresca. Non era lo stesso. Né a quello che erano andati lì.

Abbiamo deciso di uscire dal suo raggio d'azione. Poche centinaia di metri a est, l'ingresso al mare era meno profondo e problematico. Ci siamo resi conto che non c'erano correnti, solo il movimento normale e controllabile delle onde, così comune sulle nostre spiagge portoghesi. Ci siamo divertiti ad affrontarli ea farci un giro, finché non abbiamo visto le cime degli alberi di cocco in alto sopra le nostre teste.

Abbiamo ripreso la passeggiata. Avvicinandoci a Punta Bonita nella penisola di Samaná, ci siamo resi conto che parte degli insediamenti – i più esposti al mare – non avevano ancora recuperato i danni causati da uragani o tempeste della stagione precedente.

E come i capricci del tempo abbiano reso volatili gli investimenti soprattutto pensando alla lunga fortuna caraibica da dicembre a maggio, quando quella stessa costa e quella caraibica in generale si affacciano su mare immacolato, cielo e vegetazione rigogliosa.

Limone Cascata, Sigari di altri profumi

Il giorno successivo albe luminoso. Abbiamo lasciato l'hotel alle otto in un camion decappottabile che ha iniziato riempiendo la sua capacità di passeggeri provenienti da altri hotel sul mare e da parti lontane e presto gelide del mondo: canadesi, francesi, tedeschi, americani, tra gli altri.

Quindi, continuiamo il nostro viaggio attraverso le terre e le terre verdi e pittoresche della penisola di Samaná. Come di consueto in questi tour, la compagnia prevedeva una sosta programmata in un negozio locale, nel caso dei sigari. Era Las Ballenas, situata a El Cruce. scendiamo. Abbiamo attraversato la strada dopo aver lasciato il posto a due giovani che erano apparsi in fondo alla strada al galoppo su cavalli rachitici.

Noi entriamo. Abbiamo subito sentito l'odore diffuso del tabacco naturale, con sentori dei vari aromi in cui lì venivano fabbricati i sigari: mango, vaniglia, cognac e altri. Uno bocchino chi lavora a mano dietro un piccolo bancone concentra l'attenzione.

Attira un curioso gruppo di spettatori che seguono le loro mani indaffarate a tagliare e arrotolare le foglie di tabacco fino a raggiungere un altro dei sigari artigianali che ha dato il nome al marchio. E ad un altro. E l'altro di più.

Il caratteristico packaging di Las Ballenas ci circonda. In una piccola postazione di lavoro a parte, un artigiano più giovane con un vecchio ferro e vestito con una maglietta da basket degli Oklahoma City Thunder li sta ingrandendo. Ci avviciniamo a te e impariamo di più sul tuo mestiere.

Dipendente presso il negozio di sigari Las Ballenas, Penisola di Samana, Repubblica Dominicana

Eduardo Cancu stira i pacchetti di sigari Las Ballenas.

Temendo di rendere inutilizzabile la confezione che gli è stata assegnata, Eduardo Cancu distoglie a malapena gli occhi dal ferro. Anche così, ci dà abbastanza corda per renderci conto che ne elabora alcune centinaia al giorno. E che, «grazie a Dio, non è l'unico compito che svolge in azienda».

Siamo tutti tornati alla modalità camion e viaggio. Per soli 2 km, gli stessi che erano distanti da Rancho Limón da dove dovevamo partire verso l'omonima cascata.

Non appena siamo tornati a terra, ci siamo trovati faccia a faccia con una piccola folla in attesa di dominicani della zona, ognuno con il proprio cavallo. Arrivano altri estranei. Una persona incaricata dell'operazione di dar loro un passaggio chiama i connazionali secondo qualsiasi criterio.

A poco a poco, gli stranieri sono invitati a montare il cavallo assegnato e seguire a piedi attraverso la foresta guidati dai loro scudieri.

Guide equestri, Cascada Limón, Penisola di Samana, Repubblica Dominicana

Le guide a cavallo aspettano i clienti per portarli a Cascada Limón.

Non siamo i primi a ricevere un cavallo o qualcosa del genere. Per compensare, le guide che riceviamo sono giovani, divertenti e inconsapevoli. Pochi istanti dopo la partenza, siamo già sollecitati a tirare il trotto del cavallo. Per loro avremmo potuto anche completare il corso al galoppo, il che non è estraneo al fatto che uno di loro si chiama Gerónimo.

Ma il percorso era roccioso, irregolare e fangoso, e non invitavano grandi husky. Anche così, abbiamo preso il comando in un lampo.

Nell'ultima discesa tortuosa verso la cascata, abbiamo superato una mucca smarrita che stava osservando tutta questa azione con aria sospettosa dal mezzo della foresta tropicale. Ora, quando smontiamo in vista del cascata Limón, senza rendersi conto di come o perché, questa o un'altra mucca quasi uguale, nuotò in preda al panico, intorno, all'interno della laguna della cascata.

Stufato di vacca, Cascada Limón, Penisola di Samana, Repubblica Dominicana

Una mucca spaventata lascia la laguna di Cascada Limón nella penisola di Samaná.

La mucca fa altri due giri, si rende conto che c'è solo una via d'uscita dal lato dove gli umani stanno guardando, increduli, il nuoto che ha praticato e si rassegna. Alla fine esce dalla laguna, disordinato e incontrollato. Ci costringe tutti a rifugiarci dalla sua traiettoria imprevedibile. Quando la maggior parte dei passeggeri del camion si era radunata lì, l'animale era già scomparso.

A causa della mancanza di pioggia nelle settimane precedenti, il Cascada Limón ha mostrato un flusso contenuto. Il protagonismo, quindi, è passato quasi direttamente dai bovidi a due are che lì imprenditori opportunisti portavano per guadagnare qualche peso ogni volta che qualcuno cedeva all'attrazione cromatica e stonata di fotografarsi con loro.

Visitatore con Macaw, Cascada Limón, Penisola di Samana, Repubblica Dominicana

Il visitatore di Cascada Limón tiene in mano un'ara blu.

Mucca fuori, umani dentro. La laguna si riempì presto di bagnanti desiderosi di rinfrescarsi dal caldo umido e clorofillico della foresta tropicale. Lì ci immergiamo anche e ci rilassiamo per un po'. Dopo di che siamo tornati al giro, questa volta in salita.

Abbiamo scoperto che la maggior parte degli pseudo fantini si era fermata a una piccola vendita di artigianato e cibo in cima alla rampa. Smontiamo da cavallo per indagare e compriamo acqua in bottiglia che già scarseggiavamo. Un venditore ci sente chiacchierare.

Anche se parlavamo il nostro solito portoghese originale, non brasiliano, riconosce la lingua. "Portoghese? Il mio bankroll ti fa bene! Nessuno lo vende così a buon mercato. Più economico solo da Pingo Doce!”, spara divertito.

trattare con il Repubblica Dominicana, una destinazione presente da tempo sul mercato in Portogallo, non ci ha sorpreso oltre a questo a cibo l'interno rurale di Hispaniola era a conoscenza degli slogan pubblicitari dei supermercati portoghesi.

Incursione a Los Haitises, la “Terra delle montagne” domenicana

Da tempo giravamo intorno alla penisola di Samaná, dalla costa nord verso l'interno allevatore. Dopo tre giorni, per noi era ora di andare nella sua baia. Da Las Terrenas viaggiamo in diagonale verso la costa meridionale della penisola, verso la città portuale di Samaná.

Siamo saliti su una barca con un profilo da pesca. In tre tappe, salpiamo dal molo alla baia di fronte alla città. Navighiamo sotto il Puente Peatonal de Cayo Samaná. Poco dopo, abbiamo affrontato una fitta foresta con un'incredibile concentrazione di palme da cocco che si estende dal mare fino alla cima del pendio.

Continuiamo a favore del moto ondoso, quindi, senza traffico marittimo a limitarlo, la barca avanza stabilizzata, ad alta velocità e in diagonale, da un lato all'altro della baia.

Mezz'ora dopo, intravediamo la colonia di colline tondeggianti e boscose con tra i 30 e i 50 metri – lomita, come li chiamano i domenicani – che segnala l'ingresso alla Bahia de San Lorenzo e l'accesso al Parco Nazionale Los Haitises, più nell'entroterra.

Man mano che ci addentravamo nel parco, ne superammo alcuni lomita indipendente. Alcuni appaiono soli, altri in coppia o trio che sembrano galleggiare sul mare.

Barca Boca de Tiburón, Los Haitises

La barca entra nella foce del Tiburon de Los Haitises

Conoscendo questi domini labirintici, il timoniere e la guida ci portano direttamente in una grotta conosciuta come bocca di squalo, l'interno cavo di a Haiti (montagna nel dialetto tribale Taíno) a cui presto ci arrendiamo.

Lentamente, lentamente, ancorano la barca sulla spiaggia nascosta all'interno della grotta. Sbarchiamo sulla sabbia bagnata e ispezioniamo lo scenario capovolto nella sua cornice calcarea scolpita dal tempo.

Tornando alla soleggiata Haitises, indichiamo il Cayo de los Pájaros, una formazione rocciosa coronata di vegetazione e sulla quale, anche a quella distanza, abbiamo potuto vedere decine di uccelli in volo.

Fregate, Cayo de Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana

Le fregate sorvolano Cayo de Los Pájaros, a Los Haitises.

Ci siamo avvicinati un po'. Abbastanza per apprezzare i peculiari voli di fregate che ci riportavano all'immaginario preistorico di stormi contrastanti di pterosauri. E, in otto o nove fregate maschi, in particolare, i cuori scarlatti che hanno sotto il raccolto e che si gonfiano per conquistare le femmine per l'accoppiamento.

Fregata maschio, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana

Fregata maschio vicino a Cayo de Los Pájaros a Los Haitises.

Alcuni avvoltoi che volteggiavano nello stesso spazio aereo sopra l'isolotto verde ruppero l'esclusività delle fregate senza mancare di rispetto all'uniformità dell'oscurità che spruzzava il cielo azzurro.

Dall'allevamento di pollame Haiti di Cayo de los Pájaros, siamo salpati per un'altra delle numerose grotte del parco, piene di pittogrammi e petroglifi lasciati lì dagli antenati degli indigeni Taínos trovati da Cristoforo Colombo e i suoi uomini da queste parti.

Guida alle grotte, Los Haitises, Repubblica Dominicana

Guida sotto un'apertura in una delle tante grotte di Los Haitises.

Per evitare la profanazione di questo patrimonio, le autorità sorvegliano il piccolo ancoraggio che dà accesso alla grotta. Uno di loro riposa seduto su una sedia. Indossa un berretto e una maglietta grigi, pantaloni verde militare e stivali di gomma. Sulla pancia e sul petto tiene un fucile a canne mozze, pronto a tutto.

Da quella grotta, navighiamo verso una delle aree di mangrovie del parco. Percorriamo un canale delimitato dalle radici anfibie di questi alberi fino ad arrivare ad una nuova darsena.

Barca a Los Haitises, Repubblica Dominicana

Barca in procinto di lasciare la palude di mangrovie che circonda la Cueva de la Línea, Los Haitises.

Eravamo all'ingresso della Cueva de la Línea, un'altra grotta pattugliata da pipistrelli e decorata con iscrizioni più pittografiche. Questo ha anche un'apertura naturale che mostra il verde splendente della foresta sopra.

Visitatori dopo visitatori vengono fotografati in quell'ambiente sotterraneo. Fino a quando un'inaspettata sovrappopolazione della grotta non li costringe tutti a sciogliersi. Abbiamo attraversato lo stesso canale di mangrovie.

Nel frattempo, siamo tornati nel mare appartato di Los Haitises e nella ben più aperta Bahia di San Lorenzo. Abbiamo fatto il viaggio di ritorno al porto di Samaná controvento, con la barca che saltava sempre sulle piccole onde. Molto più piccoli di quelli che abbiamo trovato resistendo sulla via del ritorno alle spiagge di Las Terrenas.

P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Isola Margherita ao PN Mochima, Venezuela

Dall'isola di Margarita al Parco Nazionale di Mochima: un Caraibi molto caraibico

L'esplorazione della costa venezuelana giustifica una grande festa nautica. Ma queste soste rivelano anche la vita nelle foreste di cactus e nelle acque verdi come la giungla tropicale di Mochima.
Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar

Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Laguna de Oviedo, Repubblica Dominicana

Il (Nulla) Mar Morto della Repubblica Dominicana

L'ipersalinità della Laguna de Oviedo varia a seconda dell'evaporazione e dell'acqua fornita dalla pioggia e scorre dalla vicina catena montuosa del Bahoruco. Gli indigeni della regione stimano che, di regola, abbia un livello di sale marino tre volte superiore. Lì scopriamo prolifiche colonie di fenicotteri e iguane, tra le molte altre specie che compongono questo uno degli ecosistemi più esuberanti dell'isola di Hispaniola.
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Lago Enrico, Repubblica Dominicana

Enriquillo: il Grande Lago delle Antille

Con tra 300 e 400 km2, situato a 44 metri sotto il livello del mare, l'Enriquillo è il lago supremo delle Antille. Anche ipersalina e soffocata da temperature atroci, continua ad aumentare. Gli scienziati hanno difficoltà a spiegare perché.
Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
Isola di Saona, Repubblica Dominicana

Una Savona nelle Antille

Durante il suo secondo viaggio nelle Americhe, Colombo sbarcò su un'incantevole isola esotica. La chiamò Savona, in onore di Michele da Cuneo, marinaio sabaudo che la vedeva come un elemento di spicco della maggiore Hispaniola. Oggi chiamata Saona, quest'isola è uno degli amati eden tropicali della Repubblica Dominicana.

Montana Redonda e Rancho Salto Yanigua, Repubblica Dominicana

Da Montaña Redonda al Rancho Salto Yanigua

Alla scoperta del nord-ovest dominicano, saliamo alla Montaña Redonda de Miches, recentemente trasformata in un insolito picco di fuga. Dalla cima indichiamo Bahia de Samaná e Los Haitises, passando per il pittoresco ranch Salto Yanigua.
Il fiume Zambesi, PN Mana Pools
Safari
Kanga Pan, Mana Pools NP, Zimbabwe

Una fonte perenne di fauna selvatica

Una depressione situata 15 km a sud-est del fiume Zambesi trattiene acqua e minerali durante la stagione secca dello Zimbabwe. Kanga Pan, come è noto, nutre uno degli ecosistemi più prolifici nell'immenso e meraviglioso Parco Nazionale di Mana Pools.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Chania Creta Grecia, porto veneziano
Città
Chania, Creta, Grecia

Chania: dal tramonto della storia di Creta

Chania era minoica, romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana. È arrivata nell'attuale nazione ellenica come la città più seducente di Creta.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
MassKara Festival, Bacolod City, Filippine
Cultura
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
piccolo browser
Etnico
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Luderitz, Namibia
Storia
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Solovetsky, Isole, Arcipelago, Russia, Autunno, UAZ, strada d'autunno
Isole
Bolshoi Soloveckij, Russia

Una celebrazione dell'autunno russo della vita

Ai margini dell'Oceano Artico, a metà settembre, il fogliame boreale risplende d'oro. Accolti da generosi ciceroni, lodiamo i nuovi tempi umani della grande isola di Solovetsky, famosa per aver ospitato il primo dei campi di prigionia dei Gulag sovietici.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Palazzo Balestrand, Norvegia
Natura
Balestrand, Norvegia

Balestrand: una vita tra i fiordi

I villaggi sulle pendici dei canyon in Norvegia sono comuni. Balestrand è all'ingresso delle tre. Le sue ambientazioni si distinguono dal resto in modo tale da aver attratto pittori famosi e continuano a sedurre viaggiatori incuriositi.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Equitazione nei toni dell'oro
Parchi Naturali
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
San Juan, Città Vecchia, Porto Rico, Reggaeton, Flag at Gate
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Juan, Porto Rico (parte 2)

Al ritmo del reggaeton

I portoricani irrequieti e fantasiosi hanno reso San Juan la capitale mondiale del reggaeton. Al ritmo preferito della nazione, hanno riempito la loro "città murata" con altre arti, colori e vita.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Cargo Cabo Santa Maria, Isola di Boa Vista, Capo Verde, Sal, Evocando il Sahara
Spiagge
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Cabina Sapphire, Purikura, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Scimmia urlatrice, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.