Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões


Ribeira da metà sotto
Meandro della Vereda
Un presepe vegetale
collina nebbiosa
Vereda dos Balcões
La nebbia ritorna
Il ruscello. il freddo
La trota iridea
Felce arborea
Check-in agli sportelli
Il grande balcone
Vista sul nord
Letto Ribeira da Metade
Snack Bar “Flor da Selva”
lepre di passaggio
Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.

Stiamo esplorando il nord, tra Fortim do Faial e Miradouro do Guindaste, quando il fascino degli altopiani boscosi ci riporta indietro.

Torniamo sulla strada Praia do Faial.

Saliamo i suoi innumerevoli meandri, qua e là, attraverso creste che ci regalano panorami drammatici di ciò che abbiamo lasciato alle spalle. In precedenza evidenziata sopra l'oceano, contro il cielo, la collina di Penha d'Águia si appiattisce e scompare nell'intricata orografia dell'isola.

Poco dopo aver superato il Chão de Cedro Gordo, entriamo in una coltre di fitta nebbia che incombe sul rilievo ad est e, a volte lo accarezza, a volte lo ricopre completamente e lo trasforma in spettrali forme vegetali di pini che sporgono da le colline.

Ribeiro Frio: nelle Highlands dell'isola di Madeira

Come sempre a Madeira, la nebbia rimane localizzata.

Quando raggiungiamo l'altezza di oltre 860 metri delle case che annunciano Ribeiro Frio e lo snack bar “Scintilla” che serve il paese, si intravedono solo scorci lontani della “lebrina”, come spesso la chiamano i madeirani.

Una pioggia fulminante aveva ancora una volta inzuppato il villaggio e irrigato l'omonimo Parco Forestale che lo circonda.

Ci fermiamo al bar, decisi a riscaldarci dalle successive scale fotografiche, investiti dal vento umido, qualcosa di gelido da nord-est.

Beviamo cioccolate calde. Recuperati, abbiamo percorso l'asfalto della ER103 che mancava per il centro turistico e ittico di Ribeiro Frio.

La foresta quasi tropicale si richiude.

Siamo circondati da un tappeto di felci rigogliose, la maggior parte delle quali a bassa crescita, e da alcuni esemplari arborei che sembrano rivaleggiare con le foglie e le tis circostanti.

Sentiamo il flusso echeggiante di qualsiasi corso d'acqua. Più in alto, ci imbattiamo in un assortimento di vasche in grigliato di pietra di diverse forme, tredici per essere più precisi.

Quando li vediamo pieni di pesci scuri e screziati, confermiamo che siamo al Ribeiro Frio Aquaculture Post.

E nel posto giusto.

I vivai di trota iridea di Ribeiro Frio

Nel corso dei secoli, gli ingegnosi coloni dell'isola di Madeira le hanno fornito un'enorme rete di levadas che portano l'acqua dai torrenti dove è necessaria.

La trota iridea ha vagato a lungo in questi ruscelli e persino nei canali più stretti delle levadas.

Per ragioni naturali e altre legate alla complessa divisione e manipolazione dei corsi d'acqua e dell'acqua, il numero delle trote ha sempre oscillato.

Dal 1960 Ribeiro Frio e la sua gente hanno la possibile missione di generare nuovi esemplari, dalle uova agli avannotti e ai pesci già resistenti.

Una volta creati, li rilasciano nei corsi d'acqua, in modo da rendere possibile la pesca all'interno dell'isola e favorire il sano consumo di questa specie fluviale.

Senza nemmeno dedicarsi alla pesca e non a caso, i ristoranti del paese tengono la trota come uno dei piatti principali dei loro menu. I residenti li consumano frequentemente.

Una cappella vicina, costruita in onore di Nostra Signora di Fatima, benedice loro e visitatori, in bianco invecchiato e che ha, sulla porta, piastrelle che evocano la Vergine Maria e Gesù come "Agnello di Dio".

Ribeiro Frio: un parco forestale di Pejado de Laurissilva

Trote, ristoranti e templi a parte, in termini di Allevamento natura, Dio ha compiuto un'opera immacolata, anche in queste parti remote di Ilha Jardim.

Ribeiro Frio è al centro di un'immensità con tutti gli attributi naturali che gli conferiscono il titolo di genuinamente Madeira.

C'è una buona ragione per cui il parco circostante è stato chiamato forestale. È pieno di una fitta e generosa macchia della foresta originaria di Madeira, quella che i coloni hanno trovato e, a poco a poco, hanno dovuto ripulire.

Il Ribeiro Frio, i suoi affluenti e le nubi settentrionali, rinnovano una flora dai nomi peculiari che rimane, in gran parte, endemica.

È composto dai tis e dai pasticcini che abbiamo già menzionato, innumerevoli allori, vinháticos-isole, uveiras-da-serra, eriche-das-ginestre ed eriche-molari.

Eppure, arbusti e altre piante da fiore, come isoplexis, estreleiras, orchidee di montagna e massarocos, a nostro avviso, ma oggetto di dibattito, le specie vegetali più eccentriche dell'isola.

Questa abbagliante amalgama vegetale forma o integra l'ecosistema di laurisilva, esclusiva di Madeira – di cui occupa circa il 20% del territorio – e di altre isole della Macaronesia, la AzzorreChe Isole Canarie e, di inaspettate e minuscole sacche della costa africana della Mauritania.

Le meravigliose Levadas e Veredas che passano per Ribeiro Frio

Sentieri e levadas solcano questa foresta prodigiosa, per la comodità della popolazione rurale di Madeira, spesso (se non quasi sempre) l'uno in coppia con l'altro.

Con questo e altri profili, alcuni degli imperdibili itinerari pedonali dell'isola partono da Ribeiro Frio, ad esempio il PR-10 di Levada do Furado che si snoda fino a Portela e premia chi lo completa con splendide viste su Penha d'Águia.

Soddisfatti del girovagare per i vivai e per il paese, ci siamo rivolti a PR 11, molto più breve e semplice del suo predecessore.

Per fare questo, abbiamo lasciato per sempre il catrame dell'ER 103. Siamo andati nella foresta.

Seguiamo le curve e le controcurve di Levada da Serra do Faial.

Le cime frondose di querce e platani fungono da tetto. Nonostante l'estate, lasciano cadere foglie che ingialliscono e adornano il fertile terreno marrone del sentiero.

Di tanto in tanto, la fitta copertura di vegetazione si tradisce. Ci offre scorci di scenari che presto potremmo apprezzare con occhi per vedere.

Dopo una passeggiata di XNUMX minuti, in compagnia di fringuelli, merli, uccellini e persino bisbis, ci siamo imbattuti in un cartello giallo, in ombra, con la scritta “Balcons”.

Gli incredibili panorami alla fine della Vereda dos Balcões

Giriamo intorno alla roccia iperbolica che il segnale quasi sfiora.

Dall'altro lato, scopriamo la foce della cosiddetta Vereda dos Balcões e le strutture panoramiche che danno origine al nome.

Un'enorme piattaforma di osservazione grata si estende oltre la lastra.

Si avventura verso la valle abissale, come per insinuare a chi arriva, l'urgenza di sporgersi dalla recinzione e lasciarsi stupire dal monumento geologico intorno.

È quello che facciamo.

di fronte a ovest di Madera, siamo abbagliati dalla dentellatura affilata tra i Pico do Arieiro (1817 m) e Pico Ruivo, con, 1861 metri, lo zenit di Madeira e la terza elevazione del Portogallo.

Al di sotto, estendendosi a nord, fino a fondersi con l'Atlantico, si dissolve la profonda e zigzagante valle della Ribeira da Metade.

Lo vediamo ricoperto da una foresta di alloro.

Dalla linea di ciottoli bianchi che passa, alle cime aguzze delle colline.

Ribeiro Frio, Madeira, Vereda dos Balcões, Ribeira da Metade II

La nebbia che ci aveva oscurato per buona parte della salita è di nuovo presente, sotto forma di un compatto manto di umidità.

O trio di cresta Arieiro-Torres-Ruivo sbarralo. Sottopone le valli orientali a un naturale effetto serra carico di clorofilla.

Da quel balcone aperto, la contemplazione genera sempre più rispetto.

Ricordando che eravamo nel vicolo cieco di Levada dos Balcões, abbiamo deciso di attivare il plurale del nome e migliorare la contemplazione.

Alcune stranezze della roccia che avevamo precedentemente costeggiato servivano da gradini per un secondo balcone improvvisato in cima.

Ribeira da Metade Sotto, a Penha d'Águia e l'Atlantico

Da questa cima, in equilibrio, seguiamo ancora una volta i contorni della Ribeira da Metade.

Alle case ancora illuminate di São Roque, alla collina frondosa che quasi la nasconde, e alla lontana sagoma di Penha d'Águia, stretta tra il grigio del cielo e l'azzurro del mare.

Mentre studiamo la vastità, gli uccelli selvatici di Madeira svolazzano qua e là.

Colombacci, velocità impressionante. E ancora bisbis, tutt'intorno, sempre attenti quando i visitatori lasciano i Balcões e li lasciano con doni di pane e altri preziosi spuntini. Questo è quello che facciamo nel frattempo.

Invertiamo il percorso. Interrompiamo il rientro a Ribeiro Frio presso lo snack bar e bottega artigiana”Fiore della giungla” che, abbiamo trovato solitario, sul ciglio del sentiero.

Abbiamo chiacchierato con la signora che ci ha servito uno spuntino provvidenziale, lieta di poter contribuire ad alleviare la carenza di clienti causata dalla pandemia.

E il Ritorno Tardivo a Funchal

Dopo di che siamo tornati alla macchina e alla strada, questa volta, puntando verso la costa meridionale e verso Funchal.

In questo percorso finale, attraversiamo Chão da Lagoa, attraverso la porta della tenuta dove il PSD Madeira teneva le sue feste.

La stessa carovana di nuvole che avevamo ammirato dai Balcões scorreva, appena sotto, contro il sole che precipitava sull'orizzonte occidentale.

Oltre alla salita dalla costa nord, la discesa a Funchal si è rivelata un viaggio di straordinaria bellezza, dentro e fuori le nuvole, contro misteriose sagome di vegetazione, attraverso un ripido zigzag degno del Rally di Madeira.

Limitati da tanta curva e distrazione, è già con il luminoso anfiteatro della città che si mostra al crepuscolo che ci rifugiamo nella Funchal.

Crepuscolo su Funchal, Madeira

Case Funchal illuminate da luci artificiali e il tramonto a ovest.

Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
hué, città comunista, Vietnam imperiale, comunismo imperiale
Città
Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
intersezione
Cultura
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
piccolo browser
Etnico
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Tetti grigi, Lijiang, Yunnan, Cina
Storia
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Cargo Cabo Santa Maria, Isola di Boa Vista, Capo Verde, Sal, Evocando il Sahara
Isole
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Hell's Bend dal Fish River Canyon, Namibia
Natura
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
Parchi Naturali
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Religione
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Matrimoni a Jaffa, Israele,
Società
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.