Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões


Ribeira da metà sotto
Meandro della Vereda
Un presepe vegetale
collina nebbiosa
Vereda dos Balcões
La nebbia ritorna
Il ruscello. il freddo
La trota iridea
Felce arborea
Check-in agli sportelli
Il grande balcone
Vista sul nord
Letto Ribeira da Metade
Snack Bar “Flor da Selva”
lepre di passaggio
Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.

Stiamo esplorando il nord, tra Fortim do Faial e Miradouro do Guindaste, quando il fascino degli altopiani boscosi ci riporta indietro.

Torniamo sulla strada Praia do Faial.

Saliamo i suoi innumerevoli meandri, qua e là, attraverso creste che ci regalano panorami drammatici di ciò che abbiamo lasciato alle spalle. In precedenza evidenziata sopra l'oceano, contro il cielo, la collina di Penha d'Águia si appiattisce e scompare nell'intricata orografia dell'isola.

Poco dopo aver superato il Chão de Cedro Gordo, entriamo in una coltre di fitta nebbia che incombe sul rilievo ad est e, a volte lo accarezza, a volte lo ricopre completamente e lo trasforma in spettrali forme vegetali di pini che sporgono da le colline.

Ribeiro Frio: nelle Highlands dell'isola di Madeira

Come sempre a Madeira, la nebbia rimane localizzata.

Quando raggiungiamo l'altezza di oltre 860 metri delle case che annunciano Ribeiro Frio e lo snack bar “Scintilla” che serve il paese, si intravedono solo scorci lontani della “lebrina”, come spesso la chiamano i madeirani.

Una pioggia fulminante aveva ancora una volta inzuppato il villaggio e irrigato l'omonimo Parco Forestale che lo circonda.

Ci fermiamo al bar, decisi a riscaldarci dalle successive scale fotografiche, investiti dal vento umido, qualcosa di gelido da nord-est.

Beviamo cioccolate calde. Recuperati, abbiamo percorso l'asfalto della ER103 che mancava per il centro turistico e ittico di Ribeiro Frio.

La foresta quasi tropicale si richiude.

Siamo circondati da un tappeto di felci rigogliose, la maggior parte delle quali a bassa crescita, e da alcuni esemplari arborei che sembrano rivaleggiare con le foglie e le tis circostanti.

Sentiamo il flusso echeggiante di qualsiasi corso d'acqua. Più in alto, ci imbattiamo in un assortimento di vasche in grigliato di pietra di diverse forme, tredici per essere più precisi.

Quando li vediamo pieni di pesci scuri e screziati, confermiamo che siamo al Ribeiro Frio Aquaculture Post.

E nel posto giusto.

I vivai di trota iridea di Ribeiro Frio

Nel corso dei secoli, gli ingegnosi coloni dell'isola di Madeira le hanno fornito un'enorme rete di levadas che portano l'acqua dai torrenti dove è necessaria.

La trota iridea ha vagato a lungo in questi ruscelli e persino nei canali più stretti delle levadas.

Per ragioni naturali e altre legate alla complessa divisione e manipolazione dei corsi d'acqua e dell'acqua, il numero delle trote ha sempre oscillato.

Dal 1960 Ribeiro Frio e la sua gente hanno la possibile missione di generare nuovi esemplari, dalle uova agli avannotti e ai pesci già resistenti.

Una volta creati, li rilasciano nei corsi d'acqua, in modo da rendere possibile la pesca all'interno dell'isola e favorire il sano consumo di questa specie fluviale.

Senza nemmeno dedicarsi alla pesca e non a caso, i ristoranti del paese tengono la trota come uno dei piatti principali dei loro menu. I residenti li consumano frequentemente.

Una cappella vicina, costruita in onore di Nostra Signora di Fatima, benedice loro e visitatori, in bianco invecchiato e che ha, sulla porta, piastrelle che evocano la Vergine Maria e Gesù come "Agnello di Dio".

Ribeiro Frio: un parco forestale di Pejado de Laurissilva

Trote, ristoranti e templi a parte, in termini di Allevamento natura, Dio ha compiuto un'opera immacolata, anche in queste parti remote di Ilha Jardim.

Ribeiro Frio è al centro di un'immensità con tutti gli attributi naturali che gli conferiscono il titolo di genuinamente Madeira.

C'è una buona ragione per cui il parco circostante è stato chiamato forestale. È pieno di una fitta e generosa macchia della foresta originaria di Madeira, quella che i coloni hanno trovato e, a poco a poco, hanno dovuto ripulire.

Il Ribeiro Frio, i suoi affluenti e le nubi settentrionali, rinnovano una flora dai nomi peculiari che rimane, in gran parte, endemica.

È composto dai tis e dai pasticcini che abbiamo già menzionato, innumerevoli allori, vinháticos-isole, uveiras-da-serra, eriche-das-ginestre ed eriche-molari.

Eppure, arbusti e altre piante da fiore, come isoplexis, estreleiras, orchidee di montagna e massarocos, a nostro avviso, ma oggetto di dibattito, le specie vegetali più eccentriche dell'isola.

Questa abbagliante amalgama vegetale forma o integra l'ecosistema di laurisilva, esclusiva di Madeira – di cui occupa circa il 20% del territorio – e di altre isole della Macaronesia, la AzzorreChe Isole Canarie e, di inaspettate e minuscole sacche della costa africana della Mauritania.

Le meravigliose Levadas e Veredas che passano per Ribeiro Frio

Sentieri e levadas solcano questa foresta prodigiosa, per la comodità della popolazione rurale di Madeira, spesso (se non quasi sempre) l'uno in coppia con l'altro.

Con questo e altri profili, alcuni degli imperdibili itinerari pedonali dell'isola partono da Ribeiro Frio, ad esempio il PR-10 di Levada do Furado che si snoda fino a Portela e premia chi lo completa con splendide viste su Penha d'Águia.

Soddisfatti del girovagare per i vivai e per il paese, ci siamo rivolti a PR 11, molto più breve e semplice del suo predecessore.

Per fare questo, abbiamo lasciato per sempre il catrame dell'ER 103. Siamo andati nella foresta.

Seguiamo le curve e le controcurve di Levada da Serra do Faial.

Le cime frondose di querce e platani fungono da tetto. Nonostante l'estate, lasciano cadere foglie che ingialliscono e adornano il fertile terreno marrone del sentiero.

Di tanto in tanto, la fitta copertura di vegetazione si tradisce. Ci offre scorci di scenari che presto potremmo apprezzare con occhi per vedere.

Dopo una passeggiata di XNUMX minuti, in compagnia di fringuelli, merli, uccellini e persino bisbis, ci siamo imbattuti in un cartello giallo, in ombra, con la scritta “Balcons”.

Gli incredibili panorami alla fine della Vereda dos Balcões

Giriamo intorno alla roccia iperbolica che il segnale quasi sfiora.

Dall'altro lato, scopriamo la foce della cosiddetta Vereda dos Balcões e le strutture panoramiche che danno origine al nome.

Un'enorme piattaforma di osservazione grata si estende oltre la lastra.

Si avventura verso la valle abissale, come per insinuare a chi arriva, l'urgenza di sporgersi dalla recinzione e lasciarsi stupire dal monumento geologico intorno.

È quello che facciamo.

di fronte a ovest di Madera, siamo abbagliati dalla dentellatura affilata tra i Pico do Arieiro (1817 m) e Pico Ruivo, con, 1861 metri, lo zenit di Madeira e la terza elevazione del Portogallo.

Al di sotto, estendendosi a nord, fino a fondersi con l'Atlantico, si dissolve la profonda e zigzagante valle della Ribeira da Metade.

Lo vediamo ricoperto da una foresta di alloro.

Dalla linea di ciottoli bianchi che passa, alle cime aguzze delle colline.

Ribeiro Frio, Madeira, Vereda dos Balcões, Ribeira da Metade II

La nebbia che ci aveva oscurato per buona parte della salita è di nuovo presente, sotto forma di un compatto manto di umidità.

O trio di cresta Arieiro-Torres-Ruivo sbarralo. Sottopone le valli orientali a un naturale effetto serra carico di clorofilla.

Da quel balcone aperto, la contemplazione genera sempre più rispetto.

Ricordando che eravamo nel vicolo cieco di Levada dos Balcões, abbiamo deciso di attivare il plurale del nome e migliorare la contemplazione.

Alcune stranezze della roccia che avevamo precedentemente costeggiato servivano da gradini per un secondo balcone improvvisato in cima.

Ribeira da Metade Sotto, a Penha d'Águia e l'Atlantico

Da questa cima, in equilibrio, seguiamo ancora una volta i contorni della Ribeira da Metade.

Alle case ancora illuminate di São Roque, alla collina frondosa che quasi la nasconde, e alla lontana sagoma di Penha d'Águia, stretta tra il grigio del cielo e l'azzurro del mare.

Mentre studiamo la vastità, gli uccelli selvatici di Madeira svolazzano qua e là.

Colombacci, velocità impressionante. E ancora bisbis, tutt'intorno, sempre attenti quando i visitatori lasciano i Balcões e li lasciano con doni di pane e altri preziosi spuntini. Questo è quello che facciamo nel frattempo.

Invertiamo il percorso. Interrompiamo il rientro a Ribeiro Frio presso lo snack bar e bottega artigiana”Fiore della giungla” che, abbiamo trovato solitario, sul ciglio del sentiero.

Abbiamo chiacchierato con la signora che ci ha servito uno spuntino provvidenziale, lieta di poter contribuire ad alleviare la carenza di clienti causata dalla pandemia.

E il Ritorno Tardivo a Funchal

Dopo di che siamo tornati alla macchina e alla strada, questa volta, puntando verso la costa meridionale e verso Funchal.

In questo percorso finale, attraversiamo Chão da Lagoa, attraverso la porta della tenuta dove il PSD Madeira teneva le sue feste.

La stessa carovana di nuvole che avevamo ammirato dai Balcões scorreva, appena sotto, contro il sole che precipitava sull'orizzonte occidentale.

Oltre alla salita dalla costa nord, la discesa a Funchal si è rivelata un viaggio di straordinaria bellezza, dentro e fuori le nuvole, contro misteriose sagome di vegetazione, attraverso un ripido zigzag degno del Rally di Madeira.

Limitati da tanta curva e distrazione, è già con il luminoso anfiteatro della città che si mostra al crepuscolo che ci rifugiamo nella Funchal.

Crepuscolo su Funchal, Madeira

Case Funchal illuminate da luci artificiali e il tramonto a ovest.

Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Gelato, Moriones Festival, Marinduque, Filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
piazza della registrazione, via della seta, samarcanda, uzbekistan
Città
Samarcanda, Uzbekistan

Un'eredità monumentale della Via della Seta

A Samarcanda, il cotone è ora la merce più scambiata e Lada e Chevrolet hanno sostituito i cammelli. Oggi, invece delle roulotte, Marco Polo troverebbe i peggiori guidatori in Uzbekistan.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cultura
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
In viaggio
strade imperdibili

Grandi viaggi, grandi viaggi

Con nomi pomposi o semplici codici stradali, alcune strade attraversano scenari davvero sublimi. Dalla Road 66 alla Great Ocean Road, sono tutte avventure di guida imperdibili.
Danze
Etnico
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Funivia di Sanahin, Armenia
Storia
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Porto Rico, San Juan, città murata, panoramica
Isole
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
El Tatio Geyser, Atacama, Cile, Tra il ghiaccio e il caldo
Natura
El Tátio, Cile

Geyser El Tatio – Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Parchi Naturali
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Spiagge
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Percorso in conflitto
Religione
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Società
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Animali selvatici
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.