Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Il deprezzamento dell'argento che ha portato a quello del Pueblo (Parte II)


La Cappella di Guadalupe
Cappella di Guadalupe tra i cespugli del deserto.
Il Casario
Real de Catorce edifici sparsi tra i pendii.
La corsa di Giosuè
Il proprietario del cavallo passa sotto un grande albero di Giosuè.
La Cappella di Guadalupe
Cappella di Guadalupe sopra il cimitero di Real de Catorce.
tomba benedetta
Clay Christ benedice il cimitero del Real de Catorce
Lo sguardo del coyote
Coyote si ferma su un sentiero sopra Real de Catorce.
Vendita indiana
Un indigeno ben vestito vende artigianato nel centro di Real de Catorce.
Il segno del Pueblo
I visitatori passano davanti a un cartello commemorativo del Real de Catorce.
Hacienda abbandonata
Rovina dell'Hacienda de Benefício, una delle operazioni minerarie di Real de Catorce.
case del deserto
Le case del Real de Catorce, da un punto di vista ricco di cactus.
Pueblo fantasma
Un'altra prospettiva delle rovine dell'Hacienda de Benefício, una delle operazioni minerarie di Real de Catorce.
Kimberly la Quinceñera
Una quincenera (una giovane donna che compie 15 anni) in un servizio fotografico vicino al cimitero del paese.
Ogarrio
La luce artificiale illumina l'uscita del tunnel dell'Ogarrio.
Con l'inizio del XX secolo, il valore del metallo prezioso ha toccato il fondo. Da città prodigiosa, Real de Catorce è diventato un fantasma. Sempre alla scoperta, esploriamo le rovine delle miniere alla loro origine e il fascino del Pueblo risorto.

Siamo entrati nel Real de Catorce attraverso il suo tunnel. Al tunnel abbiamo deciso di tornare.

La traversata dei pionieri si era, alla fine, rivelata troppo veloce e insipida. Un tunnel con il passato e la storia di Ogarrio meritava un'altra attenzione.

Quando raggiungiamo l'imboccatura del paese, la coda dei veicoli in attesa di lasciarti è breve.

Con il walkie-talkie in mano, Norma Martinéz veglia su di lei, una delle sei ragazze incaricate di gestire gli ingressi e le uscite, evitando incroci simultanei in direzioni opposte e conseguenti collisioni.

Norma inizia trovando strano che siamo lì. Quando abbiamo iniziato una conversazione, si è reso conto che poteva parlare con noi in spagnolo ea suo agio.

Calmati. Ci risponde, senza cerimonie, alle domande successive. “Perché siamo tutte ragazze? Beh, non lo so, credo che l'idea fosse anche quella di contribuire a un'accoglienza più comprensiva del Real.

Ora siamo in sei. Alcuni fanno il turno del mattino. Gli altri, al pomeriggio, fino alle undici di sera. Da quel momento in poi, le persone attraversano da sole".

L'ultima delle auto arriva dall'altra parte della montagna. La norma interrompe. Premere OK per la coda successiva per procedere. Poco interessati a percorrere a piedi i 2300 m del tunnel, con le macchine che passavano di corsa, ci siamo avvicinati a una famiglia che stava per partire.

In buona moda messicana, accetta subito di portarci laggiù.

Lo facciamo di buon umore. Tanto per cominciare, ci interessava quell'estremità del tunnel, per via della cappella che lo benedice e che, prima, benediceva i lavori in miniera.

L'opera monumentale ma tarda del Tunnel dell'Ogarrio

Il tunnel di Ogarrio è stato scavato da Vicente Irizar Aróstegui, originario di Ogarrio, a ovest di Bilbao, Cantabria.

Anni prima, nel 1895, il presidente messicano Porfírio Diaz era presente a Real de Catorce, per l'inaugurazione di macchinari ordinati in San Francisco, Stati Uniti, che aumenterebbe l'estrazione di argento dalle miniere di Santa Ana, una delle più redditizie.

Al suo arrivo, Porfirio Diaz fu costretto a cavalcare su e giù per la catena montuosa del Catorce che nasconde il villaggio.

Da questa sanzione a cui è stato costretto il leader della giovane nazione, è nata l'idea di aprire il tunnel, partendo dai sotterranei già esistenti della miniera e ranch Dolores Tromba.

Il lavoro durò dal 1897 al 1901.

Nella sua estensione, il tunnel aveva collegamenti con le miniere che facilitavano l'invio degli scarti minerali e il flusso di argento al cosiddetto vantaggio haciendas che le autorità definirono di trasformare l'argento grezzo, per estrarne piombo e altri metalli non preziosi.

Da un lato all'altro del tunnel

Siamo andati alla cappella vicino all'ingresso del tunnel.

Ci siamo posizionati in un punto più ampio, adatto a scattare le nostre foto di quella specie di grotta scavata a mano, che, per contrasto, l'illuminazione artificiale dava una tonalità dorata.

Real de Catorce, San Luis Potosi, Messico, Tunnel di Ogarrio

Una volta soddisfatti, torniamo al punto di partenza, benedetti anche da un'immagine del Signora de las Dolores.

Con un'altra linea di veicoli alla nostra mercé, siamo riusciti a fare di nuovo un giro in tre volte. Nel box del pick-up di Sebastian e della famiglia, che stavano viaggiando per qualche giorno di fuga a Real de Catorce.

Abbiamo filmato l'intero percorso. I giochi di luce generati dalle luci sul soffitto che interagiscono con quelle delle auto. Quando sbirciamo nella cabina del Raccogliere, abbiamo notato che Sebastian e la sua gente hanno fatto lo stesso, ogni passeggero con il suo telefono.

Di ritorno a cielo aperto, scendiamo e ti ringraziamo per la tua gentilezza. Abbiamo detto addio a Sebastian. E Norma Martínez, che ha resistito al suo turno.

Dall'imboccatura del tunnel ci si dirige verso il sentiero di montagna quasi contiguo che porta alle miniere abbandonate.

Oggi, le migliaia di visitatori che si arrendono ai suggerimenti del jeans de Real, in promozione permanente delle sue visite guidate.

alla ricerca di Pueblo fantasma Sopra il Real de Catorce

A noi era sembrato più adatto salire a piedi. Raccogliamo rapidamente i frutti della decisione.

All'inizio siamo riusciti a fotografarne uno jeans che trainava cavalli, mentre passava davanti a uno dei più grandi alberi di Giosuè che abbiamo visto fino ad oggi.

A poco a poco, il pendio rivela le case vaste ma compatte di Real de Catorce, coronate dalla Parróquia de la Purísima Concepción.

Qua e là, visto tra cactus, altri alberi di Giosuè e relativi cespugli del deserto.

Alcune prime rovine ci lasciano perplessi. Decidendo che non poteva essere solo questo, siamo entrati in cima alla catena montuosa.

Dal sentiero compare una rampa di ciottoli. Quando l'abbiamo seguito con i nostri occhi, abbiamo rilevato un coyote.

Vagando, la creatura si ferma. Esamina noi.

Quindi riprendi i tuoi passi. Si ferma di nuovo sul pendio, per apprezzarci.

Si discosta una volta per tutte solo quando abbozziamo un approccio che ci consenta immagini migliori.

Le rovine di uno dei haciendas i minatori non impiegano molto, ancora offuscato da macchie di mercurio e altri rifiuti e detriti da cui sporgono cactus e vecchi camini.

tutto uno persone abbandonato e fantasma, Così la trattano gli indigeni del Real de Catorce, consapevoli anche che la terminologia incoraggia i visitatori a pagare le passeggiate a cavallo.

Il trattamento sembra essersi diffuso al Real de Catorce in generale. Con i suoi quasi 1400 abitanti attuali e 570mila visitatori registrati, nel 2021 – record assoluto in un anno di pandemia – città fantasma ora avrà poco senso.

Non è sempre stato così.

Real de Catorce: il Trambolhão del Valor da Prata che ne dettò l'abbandono

Nel 1900, il governo degli Stati Uniti decretò la fine del cosiddetto bimetallismo e decretò che il dollaro USA sarebbe stato indicizzato al valore dell'oro.

Da un momento all'altro, il prezzo dell'oro è salito alle stelle. Quella dell'argento è crollata a numeri mai visti prima.

Come se non bastasse, l'estrazione delle vene più accessibili del Real de Catorce era già esaurita. La sua continuazione si è rivelata complessa e costosa.

Di fronte a questa fatale lega di fattori, i proprietari di immobili haciendas deciso di lasciare il villaggio e la regione.

I loro dipendenti e minatori hanno seguito l'esempio.

Pochi anni dopo, c'erano solo una manciata di abitanti resistenti al cambiamento, che si sostenevano con dell'argento che riuscivano a estrarre e – invece di cedere, come prima, ai padroni – a vendere.

Quella era l'altezza del reale città fantasma del Real de Catorce.

Torniamo sul ciglio del pendio, con vista sul paese. Vediamo il sole che sta per diffondersi oltre le case e le Chihuahua.

Come la grande stella, anche la temperatura è crollata.

Il ritorno notturno a Povoação

resistiamo ad ammirare Real de Catorce rispondendo al buio pesto, con una miriade di lucine che generano oro sulle facciate e sui muri.

royal de Catorce, San Luis Potosi, Messico, natale

Quando la volta celeste era già quasi in tutto il suo splendore, inaugurammo un goffo ritorno in città, al seguito di un seguito di cavalieri, incespicando e ripugnando.

All'angolo tra Calle Lanzagorta e Morelos, il logo del RealBucks Café, emulato dal famoso Starbucks, brillava come mai prima d'ora.

In piedi alle loro bancarelle, i venditori si sono offerti campionessa e atoli alternative molto calde e accoglienti, popolari in tutto il Messico.

Ne abbiamo condiviso uno per ciascuno, indecisi su quale bevanda tradizionale preferire.

Stanchi dei ripidi 12 km della giornata, ci siamo riparati e abbiamo recuperato le energie nella stanza dell'hotel Ruínas del Real.

Real de Catorce: il Palenque, il Cimitero e la Cappella di Guadalupe

L'alba porta una nuova giornata di sole. Lo dedichiamo all'esplorazione di un'altra ala del persone di cui sapevamo poco o niente. In un primo momento, in una richiesta disperata da parte del Palenque di galli locali.

Lo eresse, in un preteso stile romano, senza pari in campagna, appassionato di combattimento di galli chiamato Diego González Lavin, per trarre profitto da uno dei passatempi che, insieme alla corrida, intrattenevano meglio i minatori.

Restaurata nel 1977, la palenque rimane nascosta e protetta dietro enormi porte che, finalmente, ci hanno aperto i responsabili del turismo di Real de Catorce.

Dal palenque, indichiamo il cimitero del Real.

La morte e la celebrazione della gioventù di Quiceñera

Quando arriviamo lì, c'è un funerale.

Si celebra e si suona con chitarre, trombe e altri strumenti a fiato, alcuni temi metallici e stridenti dopo altri, con pause che pensavamo fossero la fine della cerimonia, ma che ne lasciavano sempre il posto ad altre.

I residenti di Real de Catorce sono stati a lungo sepolti intorno alla cappella di Guadalupe. Il pavimento del tempio ha persino lapidi che identificano alcuni dei pionieri spagnoli da queste parti.

L'entourage in lutto ha così commemorato la morte, tra statuette di Cristo e sgargianti fiori di plastica.

Allo stesso tempo, appena più in basso, che domina un'altra collina ricoperta di alberi di Giosuè, Paris Kimberly, una visitatrice della vicina città di Cedral, ha celebrato la giovinezza della sua vita.

Stava posando, vestita con un abito scarlatto, per un turbinio di fotografie di famiglia.

Al limite del fine settimana, la nuova folla ne avrebbe portati molti di più quincenere e i loro entourage in cerca di divertimento.

DOVE ALLOGGIARE A REAL DE CATORCE

www.hotelruinasdelreal.com

hotelpalaciodelgambusino.com

Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Lawless City, transito ad Hanoi, sotto l'ordine del caos, Vietnam
Città
Hanoi, Vietnam

Sotto l'Ordine del Caos

Hanoi ha ignorato a lungo gli scarsi semafori, altri segnali stradali e segnali decorativi. Vive al suo ritmo e in un ordine di caos irraggiungibile dall'Occidente.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cultura
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
metodi di pagamento in viaggio, shopping all'estero
In viaggio
Viaggiare non costa

Il prossimo viaggio, non far volare i tuoi soldi

Non solo il periodo dell'anno e l'anticipo con cui prenotiamo voli, soggiorni, ecc. influiscono sul costo di un viaggio. I metodi di pagamento che utilizziamo in tutte le destinazioni possono fare una grande differenza.
Tetti grigi, Lijiang, Yunnan, Cina
Etnico
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Thira, Santorini, Grecia
Storia
male, Santorini, Grecia

Fira: tra le alture e le profondità di Atlantide

Intorno al 1500 aC, una devastante eruzione fece affondare gran parte dell'isola del vulcano Fira nel Mar Egeo e portò al crollo della civiltà minoica, chiamata più volte Atlantide. Qualunque sia il passato, 3500 anni dopo, Thira, l'omonima città, è tanto reale quanto mitica.
Torshavn, Isole Faroe, pagaia
Isole
Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor

È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Mirador de La Peña, El Hierro, Isole Canarie, Spagna
Natura
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Parchi Naturali
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Isola di Robben Island, Apartheid, Sud Africa, Portico
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Bagni insoliti
Spiagge

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Promettere?
Religione
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
mini snorkeling
Società
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Animali selvatici
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.