Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961


Ieri oggi.
Motoslitte all'avanguardia contrastano con le tende tradizionali di Meri-Lapin.
Stile lappone
Lapão Jani Lammi trainata da una delle sue renne nei pressi della frazione di Meri-Lapin.
Ospiti in abiti tradizionali
Ospiti del tradizionale villaggio di Meri-Lapin, appena fuori Kemi
Un mostro rompighiaccio
Piccoli passeggeri contro l'enorme rompighiaccio "Sampo"
un'altra direzione
Cargueiro apre il proprio percorso, in una direzione diversa dal canale solcato dal "Sampo".
pronto a tutto
Dotati di mute spesse e isolanti, due volontari si preparano a tuffarsi nel canale del Golfo di Botnia aperto dal “Sampo”
breve sopralluogo
I passeggeri esaminano il massiccio scafo rinforzato del "Sampo" dalla solida superficie del circostante Golfo di Botnia.
Verso l'Artico
I passeggeri si godono il canale aperto nel Golfo di Botnia dalla poppa del "Sampo".
Senti, senti?
Il membro dell'equipaggio italiano Rafaello nella datata sala comunicazioni del vecchio rompighiaccio "Sampo"
Bagno finlandese
Vivi le esperienze del viaggio a bordo dei passeggeri "Sampo" che galleggiano nell'acqua semi-gelida del canale appena aperto dal rompighiaccio nel Golfo di Botnia.
Canale nel Golfo di Botnia
Ghiaccio frantumato da più di una rompighiaccio, nell'immenso golfo che separa la Finlandia dalla Svezia.
solo con la forza
Gruppo di taiwanesi che si divertono dopo la nuotata nel Golfo di Botnia.
Azione sul ponte
Comandante attento alla navigazione, sul ponte "Sampo".
Carta del Golfo di Botnia
Particolare di una delle carte nautiche del Golfo di Botnia.
Il ponte innevato
Vista congelata
Il marinaio osserva un altro rompighiaccio che apre un canale quasi parallelo.
Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.

Siamo già ben al di fuori del territorio tradizionale che il popolo Sami occupa Finlandia.

Per ragioni sconosciute alla ragione, Sami è il nome delle due guide che ci vengono a prendere a Merihovi e ci guidano a bordo della rompighiaccio Sampo.

Dalla fine della breve giornata precedente, soggiorniamo in questo hotel revival degli anni '50 nel centro di Kemi.

Scenograficamente parlando, Kemi non toglie il fiato a nessuno. Non è nemmeno una città finlandese qualsiasi. Si trova all'altezza del Golfo di Botnia, vicino all'unico luogo in cui la Svezia e la nazione Suomi si incontrano in riva al mare, a poche centinaia di chilometri a sud del Circolo Polare Artico.

Kemi è industriale in modo sottile, con il valore aggiunto del suo porto di acque profonde, prezioso in queste lunghe e fredde latitudini.

Il porto sarebbe di scarsa utilità se i metri più alti del mare al largo rimanessero solidi durante il lungo inverno. Ecco perché una delle due principali attrazioni di Kemi, il rompighiaccio Sampo, entrato nelle storie, il Finlândia e nel nostro.

A cura di un Sami Duo

"Sono pronti? Hanno portato tutto?" ci chiedono i Sami? Lo pensavamo. "Hai mai guidato una motoslitta?"

Era la terza volta che esploravamo diverse parti di questa regione settentrionale del Finlândia. In tutti abbiamo avuto questa opportunità.

"Grande! Questo ci fa risparmiare tempo nel briefing e nelle istruzioni perché non è niente di serio, ma siamo già un po’ in ritardo”.

Venti minuti dopo, arriviamo al molo semighiacciato di Kemi, e nelle vicinanze dell'altra sua grande curiosità, il grande castello di ghiaccio di Lumilinna. Lì, una troupe di stranieri provenienti dall'est si è divertita a fare il pagliaccio sulla neve e a filmarli con il monumento sullo sfondo.

In un buon modo finlandese, austero e pragmatico, uno dei Sami interrompe il divertimento. Bisognava mettere in moto il programma mattutino e le moto. E la sua priorità non aveva appello.

Una spedizione fredda ma abbagliante

Da un momento all'altro, da ammiratori attoniti di quell'immensità glaciale del Golfo di Botnia, iniziammo a percorrerlo in carovana ea grande velocità.

Motoslitte a Meri-Lapin, Kemi, Finlandia

Motoslitte all'avanguardia contrastano con le tradizionali tende Meri-Lapin

Avanzammo di ben quindici chilometri sul mare ghiacciato. E, tornando sulla terra, appena distinguibile, lungo un tortuoso sentiero costiero, tra cespugli e abeti, alcuni dei quali, trasformati in eleganti lampadari naturali dal freddo soffocante della notte.

I biker boreali davanti a noi si fermano. Parcheggiano le loro moto all'ingresso di una proprietà con tre grandi tende coniche coperte di neve e un recinto aperto che, a quel tempo, conteneva solo tre o quattro renne. Due allevatori di bestiame lappone escono dalle tende per accoglierci.

Indossano abiti adatti alle condizioni. Reino Niemela e Jani Lammi, come vengono chiamati, ci invitano ad entrare nella tenda più alta che assomiglia di più a un tipi indiano nordamericano.

Visita al Nevado de Meri-Lapin

Più felici di avere a che fare con le famiglie e le renne che con gli estranei che dicono loro poco, i due recitano la loro parte con una freddezza che si adatta al tempo. Per compensare, riprendono forza dal fuoco al centro della tenda e servono a tutti noi il caffè.

I taiwanesi parlano tra loro. Ci eravamo già abituati a spingere i finlandesi più introversi. Abbiamo ripreso l'iniziativa. "Ma tu sei sami?" abbiamo chiesto loro sinceramente confusi dall'apparente somiglianza del costume.

Reino, l'anziano, parla nel modo ben ispirato (per far entrare aria nei polmoni), in pausa, risparmiato e lento che caratterizza il discorso di Suómi: “Non siamo Sami, siamo Lapão. Qui dentro Finlândia, I Lapponi sono tutti coloro che, in Lapponia e da diverse generazioni, hanno e allevano renne.

Non devono essere per forza Sami. Siamo vicino al villaggio di Meri-Lapin. Voi sami resta lassù”.

Nativo della regione di Kemi trainato da renne, Finlandia

Lapão Jani Lammi trainata da una delle sue renne nei pressi della frazione di Meri-Lapin.

Il calore del calore della legna, la stimolazione del caffè forte e la conversazione con i padroni di casa – intanto meno infastiditi per essere stati sconvolti nel loro ruolo – ci tenevano inghiottiti in quel soffocante rifugio subartico.

Presto, i Sami del Battesimo, strappano ancora una volta il gruppo dalla comodità della tenda alla freddezza disumana dell'esterno. “Forza ragazzi, non c'è niente di nuovo nel venire.

Solo quando ci avviciniamo al rompighiaccio Sampo, è che ho intenzione di rallentare molto. Fai lo stesso. La barca potrebbe aver lasciato dei difetti. Non vogliamo cadere in loro".

Verso il rompighiaccio"Sampo"

Ed eccoci lì, di nuovo in una roulotte. Torniamo a quelli lungo la costa e nel frattempo in linea retta lungo la vasta strada ghiacciata di Botnia.

Il cielo è rimasto di un bianco violaceo. Emulava la superficie terrestre e rendeva l'entourage ancora più insignificante in quell'insondabile tutto o niente.

Dopo venti minuti e poche decine di chilometri, abbiamo rilevato una figura nera all'orizzonte. Mentre ci avviciniamo, confermiamo l'atteso rompighiaccio Sampo.

Abbiamo fermato le motociclette a un centinaio di metri di distanza e le presentazioni sono state completate. Siamo saliti sul ponte attraverso il portale di servizio.

A quel punto, la barca aveva già dozzine di passeggeri a bordo nel punto di partenza originale, vicino a Kemi.

Dietro di lui, ben segnalato, il canale che aveva aperto per arrivarci era pieno di piccoli blocchi di ghiaccio che crescevano e si rinforzavano col passare del tempo.

Non ci vuole molto, ilSampo” riprende la sua navigazione nel Golfo di Botnia, aprendo sempre il ghiaccio molto compatto, ed estendendo il canale che fino a quel momento si era formato.

Rompighiaccio "Sampo" in un canale aperto nel Golfo di Botnia, al largo della Finlandia

I passeggeri si godono il canale aperto nel Golfo di Botnia dalla poppa del "Sampo".

Sopra il Golfo di Botnia

Rafaello, un italiano che lavorava sulla nave da molti anni, si presenta nel modo caldo e seducente che riempie l'animo di quasi tutti i latini.

Ci accompagna in un tour degli angoli più curiosi della barca e ci regala informazioni adeguate.

Equipaggio Rafaello a bordo del rompighiaccio "Sampo", Kemi, Finlandia

Il membro dell'equipaggio italiano Rafaello nella sala comunicazioni del vecchio rompighiaccio "Sampo"

“Lo sai che il”Sampo” è lungo 76 metri ma pesa il triplo di una nave passeggeri delle stesse dimensioni. Perché? Perché per rompere il ghiaccio deve essere molto più pesante.

Proprio al momento della costruzione, oltre a ricevere uno scafo iperrinforzato, gli furono aggiunte 100 tonnellate d'acqua per consentirgli di svolgere il suo lavoro. Divertente, non è vero?"

Quasi tutto era divertente a bordo.

A cominciare da un italiano che guida, in inglese, i passeggeri portoghesi su una rompighiaccio finlandese.

Successivamente, eravamo venuti da pochi giorni Isola di Hailuoto, vicino ad una città più a sud, Oulu. Bene, dentro A forma di squalo, uno dei nostri ciceroni di una fattoria locale si chiamava anche Sampo.

Quando troviamo strana l'abbondanza del nome e indaghiamo, ci troviamo in un viaggio vertiginoso nei regni della mitologia finlandese.

L'origine mitologica di Sampo

Secondo questo, Sampo era un artefatto magico di tipo indeterminato che avvantaggiava chi lo possedeva con buona fortuna e ricchezza. Fu costruito da Ilmarinem, dio fabbro e martellatore, eterno artigiano e inventore per eccellenza nel “Kalevala".

Ebbene, il "Kalevala”, a sua volta, è il rispettato poema epico nazionale che raccoglie il folklore e la mitologia orale della regione finlandese e della Carelia, che Finlândia ha visto, in larga misura, perso contro l'URSS, dopo la Guerra d'Inverno tra i due stati.

Non è un caso che il nome di questo manufatto mitologico sia stato attribuito al potente vascello su cui stavamo viaggiando.

Cargo nel Golfo di Botnia, Finlandia

Cargueiro apre il proprio percorso, in una direzione diversa dal canale solcato da “Sampo”.

Innanzitutto, nel tempo, il Sampo mitologico è stato interpretato in tutti i modi e nelle forme più diverse.

Da un pilastro o albero del mondo, bussola, astrolabio, scrigno del tesoro, moneta bizantina, scudo del periodo Vendel svedese (prima dell'era vichinga), reliquia cristiana, tra gli altri.

Con una tale abbondanza di ipotesi, perché non un rompighiaccio.

All'epoca in cui era pienamente operativo, quel peculiare congegno marino si rivelò miracoloso per innumerevoli compagnie di navigazione, società di esportazione e importazione e, naturalmente, per gli abitanti di entrambe le sponde del Golfo di Botnia.

E come fummo felici, da prua, di vederla rompere il ghiaccio davanti a noi, pur rispettosi dei risultati delle misurazioni del suo spessore effettuate e comunicate di volta in volta al comandante da un membro dell'equipaggio.

La barca stava già vivendo la sua vecchiaia.

Era solo buon senso evitare di entrare in aree troppo impegnative.

“Sampo”: 30 anni di duro rompighiaccio

Questo "Sampo” ora anche Winter Cruise è stata costruita tra il 1960 e il 1961 a Helsinki a succedere ad un altro rompighiaccio omonimo che operò tra il 1898 e il 1960, il primo in Europa con elica di prua e di poppa.

il rompighiaccio Sampo  il sostituto che ci ha portato ha mantenuto le rotte navigabili all'estremità settentrionale del Golfo di Botnia per quasi trent'anni.

Consunto dall'uso e superato dagli sviluppi tecnologici, è stato acquistato dal comune di Kemi per circa 167mila euro.

Quello stesso anno, senza nemmeno iniziare ad operare, il Ente finlandese per il turismo considerato il Miglior Prodotto Turistico della Finlândia.

Nel 1988 iniziò la sua carriera nelle navette turistiche, sullo stesso itinerario e “programma di feste” che ci piaceva.

Rompighiaccio incallito, veniva immobilizzato durante l'estate artica, quando nelle belle giornate anche i gommoni solcavano il Golfo di Botnia.

Diverse miglia nautiche dopo, la maggior parte dei passeggeri aveva già perquisito la barca e, molti di loro, avevano pranzato a bordo.

Il "Sampo” si ferma di nuovo. La nave aveva da tempo frantumato e spaccato il ghiaccio sotto lo scafo.

Era giunto il momento per i passeggeri di bagnarsi nella “piscina” così creata.

Passeggeri in viaggio per una nuotata nel gelido Golfo di Botnia, in Finlandia

Dotati di mute spesse e isolanti, due volontari si preparano a tuffarsi nel canale del Golfo di Botnia aperto dal “Sampo”

È ora di testare le acque ghiacciate del Golfo di Botnia

Un altro membro dell'equipaggio si avvicina a noi. Indossaci mute e guanti completamente rossi per abbinare le nostre taglie. “Stringi tutto! Non lasciare alcun gioco!…

Se per qualche consiglio lasciano entrare un po' di quest'acqua, credimi che è molto peggio dello scaldabagno di casa che smette di funzionare.

In altri viaggi simili attraverso la Lapponia finlandese, ci siamo tuffati senza fatti nei quasi sacri Suómi avantos, le aperture che i finlandesi creano nei fiumi o laghi ghiacciati e in cui si tuffano dopo un po'. ammollo nelle saune.

Siamo quindi rimasti alquanto incuriositi dal motivo per cui il suo utilizzo fosse obbligatorio. Non ci metteremmo molto a ringraziarti.

Già equipaggiati come gli astronauti che indossano la calotta polare marziana, siamo scesi dal portale. Ci siamo avvicinati alla rotta aperta dalla nave.

Raffaello, dacci un OK. La nostra discesa non è avvenuta con una semplice immersione stimolante, come accaduto nel avanzamenti, ma lentamente, lentamente, con attenzione all'abbinamento.

Anche i frammenti di ghiaccio abbondano in quella sezione del canale. Al 23° negativo che si fece sentire, furono continuamente rinnovati ed aumentati di dimensioni.

L'equipaggio non aveva modo di contenerli o tenerli lontani.

Le spesse tute che ci trasformavano in cartoni animati servivano non solo come protezione termica ma anche come imbottitura contro gli spigoli vivi di questi mini-iceberg.

Un galleggiante comico

Pertanto, ci siamo divertiti a fare ciò che i costumi ci permettevano di fare: galleggiare – preferibilmente a pancia in su – praticare brevi nuotate geriatriche e chiedere loro di registrare il momento che, ad ogni secondo che passava, oltre il singolare, aveva un sapore più idiota.

Passeggeri nelle acque ghiacciate del Golfo di Botnia, Finlandia

Vivi le esperienze del viaggio a bordo dei passeggeri “Sampo” che galleggiano nell'acqua semigelida del canale appena aperto dal rompighiaccio nel Golfo di Botnia.

Fortunatamente, il team televisivo di Taiwan, non ha aspettato che uscissimo per entrare in scena. Producendo contenuti di certo burlesque, ha cercato di continuare il nostro saggio con personaggi specializzati nel genere.

Con tutti i passeggeri di nuovo a bordo, la nave ha invertito la rotta verso Kemi.

All'arrivo, già sbarcati, abbiamo trascorso una buona mezz'ora sul gelido Golfo di Botnia, volteggiando e fotografando quella rompighiaccio terrestre, addirittura reale, con il suo tocco mitico, in Finlândia.

I passeggeri esaminano il rompighiaccio "Sampo" Finlandia

I passeggeri esaminano il massiccio scafo rinforzato del "Sampo" dalla solida superficie del circostante Golfo di Botnia.

TAP opera voli giornalieri e diretti da Lisbona a Helsinki.

A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Isola di Hailuoto, Finlândia

La Pesca del Vero Pesce Fresco

Al riparo da pressioni sociali indesiderate, gli isolani di A forma di squalo sanno come sostenersi. Sotto il mare ghiacciato della Bothnia, catturano ingredienti preziosi per i ristoranti di Oulu, nella Finlandia continentale.
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Inari, Finlândia

Il Parlamento di Babele della Nazione Sami

La nazione Sami comprende quattro paesi che interferiscono nella vita della loro gente. Nel parlamento di Inari, in vari dialetti, i Sami si governano come meglio possono.
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Helsinki, Finlândia

La fortezza della Finlandia in tempi svedesi

Distaccata in un piccolo arcipelago all'ingresso di Helsinki, Suomenlinna è stata costruita su progetti politico-militari del regno svedese. Da più di un secolo, il Russia l'ha fermata. Dal 1917 i Suomi l'hanno venerata come il bastione storico della loro spinosa indipendenza.
Porvoo, Finlândia

Una Finlandia medievale e invernale

Uno degli insediamenti più antichi della nazione Suomi, all'inizio del XIV secolo, Porvoo era un trafficato posto lungo il fiume e la sua terza città. Nel tempo, Porvoo ha perso importanza commerciale. In cambio, è diventata una delle venerate roccaforti storiche della Finlandia.  
Helsinki, Finlândia

La figlia baltica Suomi

Diverse città crebbero, si emanciparono e prosperarono sulle rive di questo mare interno settentrionale. Helsinki si è distinta come la monumentale capitale della giovane nazione finlandese.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Lawless City, transito ad Hanoi, sotto l'ordine del caos, Vietnam
Città
Hanoi, Vietnam

Sotto l'Ordine del Caos

Hanoi ha ignorato a lungo gli scarsi semafori, altri segnali stradali e segnali decorativi. Vive al suo ritmo e in un ordine di caos irraggiungibile dall'Occidente.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Cultura
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
metodi di pagamento in viaggio, shopping all'estero
In viaggio
Viaggiare non costa

Il prossimo viaggio, non far volare i tuoi soldi

Non solo il periodo dell'anno e l'anticipo con cui prenotiamo voli, soggiorni, ecc. influiscono sul costo di un viaggio. I metodi di pagamento che utilizziamo in tutte le destinazioni possono fare una grande differenza.
Vanuatu, crociera a Wala
Etnico
Wala, Vanuatu

Cruzeiro à Vista, la Fiera Settles Arraiais

In gran parte di Vanuatu, i giorni dei "nobili selvaggi" del popolo sono alle spalle. In tempi incompresi e trascurati, il denaro ha guadagnato valore. E quando le grandi navi con i turisti arrivano al largo di Malekuka, i nativi si concentrano su Wala e sulla fatturazione.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Storia
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Caldera del Corazoncillo
Isole
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Transpantaneira pantanal del Mato Grosso, capibara
Natura
Pantanal de Mato Grosso, Brasile

Transpantaneira, Pantanal e Confins del Mato Grosso

Partiamo dal cuore sudamericano di Cuiabá verso sud-ovest e verso la Bolivia. Ad un certo punto la MT060 asfaltata passa sotto un pittoresco portale e la Transpantaneira. In un attimo lo stato brasiliano del Mato Grosso è allagato. Diventa un enorme Pantanal.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Struzzo, Capo di Buona Speranza, Sud Africa
Parchi Naturali
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Vista da Casa Iguana, Isole del mais, caraibi puri, nicaragua
Spiagge
Isole del mais-Isole del mais, Nicaragua

puro caraibico

Ambienti tropicali perfetti e la vita genuina degli abitanti sono gli unici lussi disponibili nelle cosiddette Corn Islands o Corn Islands, un arcipelago sperduto nelle propaggini centroamericane del Mar dei Caraibi.
Pemba, Mozambico, Capitale di Cabo Delgado, da Porto Amélia a Porto de Abrigo, Paquitequete
Religione
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Società
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.