Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri


ombra di successo
Charro (cowboy messicano) tira un vitello durante il test "colas en el lienzo", che consiste nell'abbattere un toro tirandogli la coda.
panchina improvvisata
Gli amici di Adelitas e un giovane charro accompagnano l'azione delle "suertes charras" (prove) dall'alto di un muro.
Allenamenti con loop
Charros si esercita nel lancio del lazo per le prove imminenti che richiedono l'uso di questa abilità.
Dietro le quinte
Adelita sotto un sombrero tiene un cavallo vicino a una porta che conduce all'arena "lienzo de charro".
Duo giunto
Cavalieri nei pressi del "lienzo de charro" e accanto a un furgone per il trasporto di animali.
Generazioni Charrea
Il padre tiene un bambino vaquero sopra il muro del partidero (corridoio d'ingresso) dell'arena Champotón, mentre i partecipanti si esercitano.
il centro d'azione
Il presentatore dell'evento parla al microfono e due adelita seguono gli eventi dall'alto di una terrazza con vista privilegiata sull'arena.
Il giudizio del giudice
Il partecipante gestisce il proprio cavallo per realizzare i movimenti richiesti dalla gara, sotto l'attenta considerazione del giudice e presentatore.
moda da cowgirl
Particolare di un vaquero vestito secondo la tradizione messicana di Campeche.
Parata di Vaqueros
Charros entra nell'arena principale per iniziare le varie prove che formano i "suertes charras".
aisse
Giovane adelita rifugiata dal caldo eccessivo causato dagli abiti tradizionali al volante di un furgone di famiglia.
tempismo del sombrero
Vaqueros si aggira per il partidero, in procinto di entrare nell'arena per un tour espositivo.
Parole sagge
Conversazione tra una contadina e un giovane charro in una pausa dall'azione che si svolge nel "lienzo de charro" (accanto).
Mezzo Sombrero e Sorriso
Adelita tiene il suo grande sombrero su un terrazzo con vista privilegiata sul lino.
per i posteri
Un gruppo di charreo di età diverse posa in fila pochi istanti prima dell'inizio del Champotón charreo.
Bordo sottile
Spettatore e partecipante guardano le gare di charreo vestiti, ciascuno sul proprio lato del muro dell'arena.
Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.

Eravamo sul sedile posteriore. Ancora sveglio e attento all'ambiente circostante, nonostante il lungo viaggio dalle rovine di Edzná e dai tropici selvaggi della penisola dello Yucatan.

Installato al posto dei morti, anche Wilberth Alexandro Pech è stato vigile, entusiasta di trasmetterci le particolarità dei luoghi che abbiamo attraversato. “perché amici, ora arriviamo a Champotón.

Può sembrare difficile da credere, ma il mare del Golfo del Messico che puoi vedere lì non è sempre così immobile. Fu su questa stessa costa che, nel 1507, Francisco Hernández di Cordova fatto qui, dopo Campeche, la seconda tappa dell'incursione ispanica in queste parti delle Americhe.

gli indigeni arriva e tutu xiúes ci ha accolto bene. Hanno permesso loro di fare scorta di acqua e provviste e di continuare la loro scoperta”.

Quando nulla sembrava indicarlo e, arrivati ​​via terra, ci è stata data un'accoglienza probabilmente ancora più calorosa.

Era già metà pomeriggio. La città principale dello stato si stava avvicinando in bella vista. Ma una frenesia stradale suscita la nostra attenzione e curiosità. “Oh, questa è una delle nostre fiere. Questo è tenuto in onore della Virgen de la Concepcion. anticipaci Wilberth. Penso che ci sarà un altro schiaffo. Abbiamo ancora tempo.

Vuoi andare lì e dare un'occhiata?" Non ci pensiamo due volte. Pochi anni prima avevamo visto a incredibile rodeo a Perth, in Australia. Eravamo curiosi di vedere cosa aveva in serbo per noi Campeche. Saltiamo fuori dall'auto, attraversiamo la strada e riprendiamo una modalità di esplorazione sempre gradita.

L'inaspettato Rodeo Charro Mexicano di Champotón

Dall'altro lato, un gruppo di senoritas il cavallo avanza lungo un muro che stabilisce il confine stradale per la manifestazione. Indossano abiti pieni e colorati di adelita o allevatori. Si stanno preparando per tornare al recinto e non importa – anzi – che noi li seguiamo.

panchina improvvisata

Gli amici di Adelitas e un giovane charro accompagnano l'azione delle “suertes charras” (prove) dall'alto di un muro.

Ci imbattiamo in un cancello di fortuna. Una specie di facchino permette loro di passare. Sorpreso dalla sequenza inaspettata, il giunto il servizio chiede a un collega di andare a parlare con qualcun altro.

Quando l'emissario porta la risposta, ci invita a entrare e ci accoglie.

Ci siamo presto resi conto di essere entrati nel festa, la sezione rettangolare del lino charro (arena messicana) in cui si svolgerà la competizione. Lì, dozzine di cowboy, ugualmente vestiti a festa, fraternizzano e provano i passi e i movimenti che stanno per mostrare.

Allenamenti con loop

Charros si esercita nel lancio del lazo per le prove imminenti che richiedono l'uso di questa abilità.

L'uno o l'altro Charros le persone più disinibite si avvicinano a loro con brevi conversazioni a volte. Fino a quando le loro controparti non li chiamano per nuovi esercizi. In quel momento eravamo soli, tra le bianche mura ei cavalli ei cavalieri in esse rinchiusi.

La farsa sta per iniziare.

Posto per il Concorso Suerte Charras dal Rodeo messicano

Un anziano cowboy con l'aria e la postura di un leader appare dal nulla e cerca di accontentarci in un modo meno scomodo. “Amici, se volete fotografare questo il posto migliore è il balcone di fronte. Ma guarda come si è rotta la scala. Attento a salire”.

Bordo sottile

Spettatore e partecipante guardano le gare di charreo vestiti, ciascuno sul proprio lato del muro dell'arena.

Uscimmo e camminammo lungo il muro. Ci siamo imbattuti in molti altri partecipanti alla charreada e nella loro famiglia e amici. È allora che cominciamo a sentire lo spirito di comunità che è l'evento.

Con l'aiuto di due future mamme, abbiamo trovato questo punto di accesso meno problematico di quanto non lo avesse fatto l'organizzatore.

Abbiamo scopato senza cerimonie e ci siamo installati sul terrazzino di cemento già semioccupato per di più adelita, dai bambini e da un conduttore-presentatore-giudice dell'evento, muniti di taccuino e microfono.

il centro d'azione

Il presentatore dell'evento parla al microfono e due adelita seguono gli eventi dall'alto di una terrazza con vista privilegiata sull'arena

«E c'è Maz. Quello che viene per di più! È già alla porta. Carlos Maz, eccolo che arriva dietro. Arriva Maz!”

anche da sombrero e uniforme Charro, il presentatore, racconta l'azione del colle nella biancheria, uno dei tanti Suertes Charras in cui vengono valutati i concorrenti.

Dietro le quinte

Adelita sotto un sombrero tiene un cavallo vicino ad una porta che conduce all'arena “lienzo de charro”.

Uno per uno, questi vitelli da caccia sono caduti all'inizio del festa e prova a prendere al lazo le gambe o i quarti posteriori per immobilizzarli. L'articolazione successiva colpisce solo uno dei suoi piedi e vede il polpaccio allontanarsi da esso.

ombra di successo

Charro (cowboy messicano) tira un vitello durante il test “colas en el lienzo”, che consiste nell'abbattere un toro tirandogli la coda.

A parte questo errore, provoca altri guasti tecnici. In un ispanico campechan chiuso, il giudice presentatore fa i conti senza cerimonie.

Dal chiacchiericcio amplificato, ci siamo resi conto che aveva ottenuto zero meno otto punti e qualche altra sottrazione scoraggiante.

Il rodeo messicano continua sotto Sombreros de Campeche

La fiera andava avanti da pochi giorni. Il pubblico era scarso sugli spalti. Anche così, le sfilate, il Suertes Charras e come schermaglie (acrobazie femminili a cavallo) si svolgono con i giovani concorrenti a cavallo alle mujeriegas – vale a dire di lato – mentre, sulla terrazza dove rimaniamo, altri ammirano le mostre che si svolgono appena sotto.

moda da cowgirl

Particolare di un vaquero vestito secondo la tradizione messicana di Campeche.

Proprio accanto a noi, a adele Il più giovane fa i capricci e genera un argomento che il padre risolve senza molto appello.

comunque, il carreggiata giunge al termine. Scendiamo a terra. Quando abbiamo superato un furgone, abbiamo sentito di nuovo il pianto che era iniziato sulla terrazza.

Preziosi momenti di convivialità dopo il rodeo messicano di Campeche

Guardiamo fuori dalla finestra e vediamo il giovane ragazza che il padre aveva punito. Abbiamo cercato di tirarla su di morale e finalmente abbiamo capito le sue ragioni: “È solo che fa molto caldo ed ero stanca di indossare la gonna e tutti quei vestiti. Volevo essere più fresco, ma mio padre ha detto che oggi era un giorno speciale e che dovevo resistere".

Mezzo Sombrero e Sorriso

Adelita tiene il suo grande sombrero su un terrazzo con vista privilegiata sul lino.

La conversazione porta alla conversazione, lì possiamo tirarla su di morale. Tra giochi al volante e tante smorfie, Aisse ci incanta con la sua bellezza mista e il suo buonumore giovanile.

Vi ricordiamo che Wilberth aspetta da molto tempo. Ci stiamo già dirigendo verso l'uscita del lino charro invitaci a un tavolo dove si svolge un pasto improvvisato. "Siediti!" ordina il signore che ci aveva dato l'ingresso. “Hanno lavorato molto. Adesso riposati e mangia!»

Ci vengono serviti rinfreschi e mischiato (agnello arrosto). Gli ospiti soddisfano anche la loro curiosità con numerose domande su da dove veniamo e cosa facciamo lì.

Gustiamo il pasto e la piacevole ospitalità finché possiamo. Fino a quando il sole non arriva all'orizzonte e ci ricorda che avremmo già abusato della pazienza della guida e dell'autista.

Generazioni Charrea

Il padre tiene un bambino vaquero sopra il muro del partidero (corridoio d'ingresso) dell'arena Champotón, mentre i partecipanti si esercitano.

Abbiamo salutato quelle persone cordiali e siamo saliti un po' più in alto lungo la costa occidentale della penisola dello Yucatan, diretti a Campeche.

izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Il deprezzamento dell'argento che ha portato a quello del Pueblo (Parte II)

Con l'inizio del XX secolo, il valore del metallo prezioso ha toccato il fondo. Da città prodigiosa, Real de Catorce è diventato un fantasma. Sempre alla scoperta, esploriamo le rovine delle miniere alla loro origine e il fascino del Pueblo risorto.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Museo dell'olio, Stavanger, Norvegia
Città
Stavanger, Norvegia

Motor City della Norvegia

L'abbondanza di petrolio e gas naturale offshore e le sedi delle società incaricate di esplorarli hanno promosso Stavanger da capitale della riserva a capitale energetica norvegese. Questa città non era conforme. Con una prolifica eredità storica, alle porte di un maestoso fiordo, il cosmopolita Stavanger ha a lungo spinto la Terra del Sole di Mezzanotte.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Jingkieng Wahsurah, ponte delle radici del villaggio di Nongblai, Meghalaya, India
Cultura
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Alaska, da Homer's Alla ricerca di Whittier
In viaggio
Homer a Whittier, Alaska

Alla ricerca del furtivo Whittier

Lasciamo Homer, alla ricerca di Whittier, un rifugio costruito durante la seconda guerra mondiale e che ospita circa duecento persone, quasi tutte in un unico edificio.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Etnico
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Albreda, Gambia, coda
Storia
Barra a Kunta Kinteh, Gambia

Viaggio alle Origini della Tratta Transatlantica degli Schiavi

Una delle principali arterie commerciali dell'Africa occidentale, a metà del XV secolo, il fiume Gambia era già navigato dagli esploratori portoghesi. Fino al XIX secolo gran parte della schiavitù perpetrata dalle potenze coloniali del Vecchio Continente scorreva lungo le sue acque e le sue sponde.
Il castello di Shuri a Naha, Okinawa, l'Impero del Sole, in Giappone
Isole
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Luci VIP
Natura
L'isola di Moyo, Indonesia

Moyo: un'isola indonesiana solo per pochi

Poche persone conoscono o hanno avuto il privilegio di esplorare la riserva naturale di Moyo. Una di loro era la principessa Diana che, nel 1993, vi si rifugiò dall'oppressione dei media che l'avrebbe vittimizzata.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Parchi Naturali
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde, Baia di Tarrafal
Spiagge
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.