Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé


tenda patriottica
puro cacao
Guardare la vita che passa
Ragazzi di campagna di Bombay
Lucas, della fattoria di Bombay
Un caffè Roça Monte
Madre e figlio
Roca Santa Clara
Nebbia sulla giungla
PN Obo Giungla
trindade-city-sao-tome-isola-cars
Trinità postcoloniale
Sulla mia strada
Pittura del massacro di Batepá
Roça Monte Café
Residente a Roça Santa Clara
Ufficio postale di Trinidad
Il Palazzo Presidenziale di Trinidad
Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.

Sta ancora sorgendo il giorno, fosco e grigio da Gravana, quando, indicando il sud-ovest e il cuore dell'isola, notiamo una strana convivenza di nomi, alcuni familiari, altri, soprattutto, strani e che non ricorderebbero nemmeno il diavolo.

Almeirim appare nelle vicinanze di Blublu. Água Creola si sovrappone a Caixão Grande.

António Vaz precede Trindade, capoluogo del distretto santomeno di Mé-Zochi e seconda città di São Tomé, anche se dista solo sette chilometri da capoluogo omonimo.

A Trindade, il vecchio edificio CTT con la sua facciata rotonda è ancora chiuso. Di fronte, alcuni funzionari avanzano verso i loro posti.

E gruppi di residenti, indicando una fonte di acqua potabile dipinta di verde, abbinata al negozio di legname della porta accanto.

Trindade ospita più di seimila abitanti, solo un decimo della popolazione della capitale.

Di volta in volta, uno di loro è il Presidente della Repubblica di São Tome e Principe, ospitato in una magione rosa adagiata su una collina verdeggiante, ombreggiata da palme dalle grandi chiome.

Questa magione inaccessibile ci incuriosisce per un attimo. Il giallo edificio coloniale, con le sue alte porte e finestre e le aperture dei solai su un tetto ossidato dagli anni, si distingue dall'umida penombra del paesaggio.

Ci costringe a fotografarlo in scene diverse, con i passanti e il traffico che vi circola.

La macchia coloniale del massacro di Batepá

Insieme a Batepá, Trindade è stato uno dei poli in cui è proliferata la violenza coloniale inflitta alla popolazione nera di Santomean e che molti ritengono abbia innescato il loro sentimento nazionalista e il desiderio di indipendenza.

Fu generato dal Governatore Generale fatto Calígula dell'arcipelago, Carlos Gorgulho.

Nominato nel 1945, il colonnello d'artiglieria Gorgulho dettò una serie di leggi e misure volte a controllare la comunità dei contadini e simili.

Miravano, in particolare, a vietare forme di sussistenza alle quali gli indigeni cominciavano ad abituarsi, come la vendita del vino di palma e dell'acquavite di canna da zucchero, bevande che Gorgulho riteneva riducessero la produttività dei lavoratori.

Come se non bastasse, ha aumentato la tassa sul lavoro.

Lo sviluppo che Carlos Gorgulho voleva assicurare con il lavoro degli schiavi

A cavallo degli anni '50, Gorgulho mise in atto anche un ambizioso piano di urbanizzazione delle isole di São Tomé e Príncipe.

Ha unito un nuovo quartiere residenziale per i dipendenti, disposto nel mezzo di Av. Marginal, un mercato comunale, nuovi aeroporti, uno stadio, un cinema e una rete di viali e strade che collegavano gli edifici previsti.

Fin qui tutto bene. L'abuso di schiavitù si sarebbe ripetuto, però, al momento del reclutamento di lavoratori per i suddetti lavori.

Si dice che Gorgulho abbia cercato di risolverlo pubblicizzando che lo Stato cercava salariati per vari posti. Quando i candidati si sono fatti avanti, sono stati informati di un'inaspettata mancanza di fondi per remunerarli.

Poco dopo si sono trovati accerchiati dalla polizia e costretti a lavorare per l'equivalente di un euro al giorno, molto meno nel caso dei volontari. A Trindade, nello specifico, si sono presentati solo cinque o sei candidati per una trentina di posti vacanti.

Frustrato, Gorgulho ordina alla polizia di perlustrare l'isola alla ricerca di lavoratori privi di documenti per costringere le brigate di lavoro a riempirsi. La polizia lo fa con tale zelo che le persone prese di mira creano procedure di allarme contro il lavoro basato sul rapimento e la manipolazione basata sulla fustigazione e altre punizioni corporali.

Di conseguenza, la mancanza di manodopera per i progetti di Gorgulho è rimasta irrisolta ed è stata aggravata dall'impossibilità di reclutare lavoratori in Angola, colonia che soffriva dello stesso problema. Sono sorte altre voci che hanno reso il fodere (così venivano chiamate le potenziali vittime) si sentono messi alle strette.

Il conflitto si intensificò. A Caixão Grande, un poliziotto angolano è vittima di un colpo di machete. Giorni dopo, sui muri di Trindade compaiono scritte anonime che minacciano di morte Gorgulho se avesse continuato a tentare di spezzare i Forros (lavoratori agricoli).

Lo stesso giorno, Anonymous Forros prende nota dei lavori collocati dalle autorità. Le autorità annunciano che pagheranno l'equivalente di cinquemila euro a chi denuncia i colpevoli. Da quel momento in poi, la mancanza di manodopera divenne ancora più complicata.

Come la diffidenza e l'aggressività reciproche che non tardarono a sgretolarsi.

La paranoia e la diffusione della violenza di Carlos Gorgulho

La paranoia che i Santomean stessero preparando una rivolta peggiorò nella mente del governatore Gorgulho. Gorgulho ha reagito in maniera preventiva ed estemporanea.

Ha mobilitato i coloni portoghesi per armarsi e proteggersi. I proprietari delle piantagioni reclutarono lavoratori capoverdiani, angolani e mozambicani.

Il 3 febbraio, Gorgulho ha incaricato il CPI (Corpo di polizia indigeno) e altre autorità, con l'aiuto dei proprietari terrieri, di catturare, picchiare, torturare e uccidere centinaia di sospetti, principalmente da Trindade, Batepá e aree circostanti.

In alcuni casi, il massacro è avvenuto in modi terribili.

All'indomani dell'omicidio, Gorgulho avrebbe pronunciato “butta a mare tutta questa merda, per evitare problemi”. I suoi dipendenti hanno seguito l'ordine alla lettera.

Marco de Batepá e la vergogna che sussiste

Da Trindade, ci dirigiamo a Batepá. Lì troviamo un punto di riferimento dipinto in diversi colori che ricorda la tragedia e le sue vittime. I dipinti intorno al memoriale ricreano i suoi dettagli più raccapriccianti, come un camion che scarica cadaveri nell'Atlantico.

Ci siamo imbattuti in un gruppo di amici in visita. Uno di loro, che indossa una maglia della nazionale portoghese, ci chiede di fotografarlo accanto al monumento. I compagni storcono il naso, infastiditi dalla richiesta.

Ti pregano di non farlo. Fiducioso nei suoi principi di fratellanza portoghese, il ragazzo ha risposto “Smettila! I santomei sono ignoranti! detto proprio così, come fanno i Santomeani, con la r caricata.

Da Roça de Santa Clara a Roça de Bombaim

Attraversiamo la fattoria di Santa Clara. Nelle sue piantagioni e sanzalas, vediamo una miseria dei lavoratori paragonabile a quella che soffrirono gli antecedenti ai tempi del governatore Gorgulho.

A cui si aggiunge l'inevitabile dati da Capo Verde e i tempi di povertà e stenti, almeno liberi, nelle isole dell'arcipelago macaronesiano.

Wilson, la guida che ci guida, ci conduce lungo un sentiero che taglia la foresta pluviale, che funge da scorciatoia per uno swidden a sud, in concomitanza con Bombay.

Troviamo Bombay – il villaggio e la fattoria che gli hanno dato origine – ai margini del vasto dominio selvaggio e selvaggio dell'Ôbo Natural Park.

Bombay è emersa come un'altra delle tante piantagioni di caffè e cacao dell'isola. Ha avuto il suo picco di produzione e profitto.

Roça Bombaim e il declino che dura

Con l'abolizione della schiavitù e l'internazionalizzazione della produzione di cacao, entrato nel processo di decadimento in cui lo troviamo. Diversi edifici sono in rovina, abbandonati a fichi e altri arbusti. Come sempre accade a São Tomé,

I sanzala spogli e degradati ospitano ancora alcuni santomei. Sempre meno a Bombay.

Nel 2001 il locale ha accolto 30 anime. Un decennio dopo, erano meno di venti.

Un bambino cammina lungo il sentiero solcato nell'erba, verso di noi. Timido, si fa coraggio e si presenta. È Luca. Lo seguiamo tra anatre, galline e maiali, fino alla sezione della sanzala occupata dai suoi genitori.

Ti salutiamo. Immediatamente li abbiamo sentiti assorbiti. Come sedati dall'abbandono a cui erano votati. Un'iscrizione fatta a carboncino su un muro riassume la loro condizione: “Roça Bombaim. Città maledetta. Realizza te stesso”.

Anche se resta tutto da fare, poco prima di lasciare quel che resta del campo, il padre di Lucas ci ferma davanti alla macchina. Ci offre un bouquet di rose di porcellana che aveva appena composto.

Ci salutiamo commossi. Con un misto di senso di colpa e impotenza per averli lasciati così. Eppure, questo è ciò che fanno quasi tutti i visitatori di Bombay e delle piantagioni.

La nuova vita del Roça Monte Café

A differenza di Mumbai, il Monte Café swidden che abbiamo passato accanto, a un'altitudine di 670 metri, ospita una popolazione abbondante.

Insiste nel tentativo di recuperare la produzione di caffè Arabica e cacao che, inaugurata nel 1858, la rende una delle più antiche di São Tomé.

Da quella data fino al suo declino, Monte Café ha generato profitti sufficienti per espandere e costruire il proprio ospedale.

Quando l'abbiamo attraversato, abbiamo trovato giovani famiglie che vivevano in una parte dei locali.

Un'altra sezione è gestita da taiwanesi che, nell'ambito del loro programma di sostegno a São Tomé e Príncipe, hanno fornito appuntamenti due volte a settimana.

La nebbia incombe sulla foresta sopra lo swidden.

Di tanto in tanto si adagia e rinfresca i bambini che giocano su e giù per le vecchie scale e i viottoli che uniscono gli edifici secolari.

A poco a poco, il caffè appena raccolto si asciuga. ci manca il tempo São Tomé e i loro swidden andarono perduti.

São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
São Tomé, São Tomé e Príncipe

Viaggio dove São Tomé punta l'equatore

Ci dirigiamo verso la strada che collega l'omonimo capoluogo allo spigolo vivo dell'isola. Quando siamo arrivati ​​a Roça Porto Alegre, con l'isolotto di Rolas e l'Ecuador davanti, ci siamo persi più e più volte nel dramma storico e tropicale di São Tomé.
Ilhéu das Rolas, São Tome e Principe

Ilhéu das Rolas: São Tomé e Principe a Latitudine Zero

Il punto più meridionale di São Tomé e Príncipe, l'Ilhéu das Rolas è lussureggiante e vulcanica. La grande novità e punto di interesse di questa estensione insulare della seconda nazione africana più piccola è la coincidenza dell'attraversamento della Linea dell'Equatore.
São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
São Tomé (città), São Tome e Principe

La capitale dei tropici santomei

Fondata dai portoghesi nel 1485, São Tomé prosperò per secoli, come la città, perché le merci in entrata e in uscita passavano attraverso l'omonima isola. L'indipendenza dell'arcipelago lo ha confermato come la capitale indaffarata in cui giravamo, sempre sudati.
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
, Messico, città dell'argento e dell'oro, case sui tunnel
Città
Guanajuato, Messico

La Città che Brilla di Tutti i Colori

Durante il XNUMX° secolo, è stata la città che ha prodotto più argento al mondo e una delle più opulente del Messico e della Spagna coloniale. Molte delle sue miniere sono ancora attive, ma l'impressionante ricchezza di Guanuajuato risiede nell'eccentricità multicolore della sua storia e del suo patrimonio secolare.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico
Cultura
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Etnico
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
Storia
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Bagno rinfrescante nel Buco Blu di Matevulu.
Isole
Espirito Santo, Vanuatu

I misteriosi buchi blu dell'Espiritu Santo

L'umanità ha recentemente gioito con la prima fotografia di un buco nero. In risposta, abbiamo deciso di celebrare il meglio che abbiamo qui sulla Terra. Questo articolo è dedicato a buchi blu da una delle isole benedette di Vanuatu.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Natura
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Serra Dourada, Cerrado, Goiás, Brasile
Parchi Naturali
Serra Dourada, Goiás, Brasile

Dove il Cerrado ondeggia Dorato

Uno dei tipi di savana del Sud America, il Cerrado si estende su più di un quinto del territorio brasiliano, che fornisce gran parte dell'acqua dolce. Situato nel cuore dell'altopiano centrale e dello stato di Goiás, il Parco statale della Serra Dourada brilla di doppio.
gerusalemme dio, israele, città d'oro
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Balo Beach Creta, Grecia, l'isola di Balos
Spiagge
Balos a Seitan Limani, Creta, Grecia

L'olimpo balneare di Chania

Non è solo Chania, la polis secolare, immersa nella storia mediterranea, nell'estremo nord-est di Creta ad abbagliare. Rinfrescandola, i suoi abitanti e visitatori, Balos, Stavros e Seitan, tre delle coste più esuberanti della Grecia.

Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Religione
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Società
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Pecore ed escursionisti a Mykines, Isole Faroe
Animali selvatici
Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.