Ribeira Grande, Santo AntãoCapo Verde

Santo Antão, Ribeira Grande Sopra


Il Grande Acquedotto
Società calcistica del Santo Crocifisso
Convivialità colorata
posto sullo sfondo
Fine giornata esuberante
Beato Casario
La cima della Penha de França
Sole e ombra
Ribeira Grande contro Atlantico
Sentiero Monumentale
Ribeira Grande contro Atlântico II
ribeira-grande-santo-antao-isola-capo-verde-murale-ozmo-transeunte
ribeira-grande-santo-antao-isola-capo-verde-murale-ozmo
ribeira-grande-santo-antao-island-cabo-verde-ocaso
Più posti
C'è un gatto nella Tasca
Gli edifici coloniali
Venditore
verde verdeggiante
ribeira-grande-santo-antao-island-cabo-verde-por-do-sol-ocaso
Originariamente un piccolo villaggio, Ribeira Grande ha seguito il corso della sua storia. Divenne il villaggio, poi la città. È diventato un bivio eccentrico e inevitabile sull'isola di Santo Antão.

Esaminando la mappa, ci siamo accorti che c'erano due percorsi che ci permettevano di andare da Porto Novo, il capoluogo, alla seconda città.

Uno di loro, Estrada da Corda, era nell'entroterra e verso le montagne di Santo Antão. L'altro seguiva nord-est e fletteva a nord-ovest, sempre in riva al mare non meno vertiginoso.

Dotati di un potente pick-up, abbiamo deciso di fare il nostro debutto per Strada di corda.

Anche se impegnativa, in termini di guida, una delle soddisfazioni più incredibili del percorso si è rivelata la ripida discesa dalla cima del Delgadinho a Povoação, che è come dire Ribeira Grande.

Ribeira Grande, come ricompensa visiva di Estrada da Corda

A poco a poco, attraverso successive, sempre più strette, la passerella passa al versante settentrionale delle montagne. Curva dopo curva, svela un inaspettato case multicolori.

Mettiamolo sopra l'ingresso della valle. Sul delta alluvionale dove, dopo le piogge, si trovano i torrenti Ribeira da Torre e Ribeira Grande, quest'ultima, che dal 2010 dà il nome alla città, limitrofa Ponta do Sol.

È inaugurato da una strana fila di edifici, alcuni con il caratteristico grigio dell'intonaco, alternati a vicini dei loro colori. Quando li intravediamo, sembrano librarsi sopra il profondo blu dell'Atlantico.

L'approccio finisce per rivelarli incoronando la cresta montuosa del quartiere di Penha de França che, a ovest, sigilla la città dal mare.

Abbiamo continuato a scendere. Dalla collina di Segundo Espelho, verso il letto sabbioso, sopra innumerevoli tetti e terrazze improvvisati.

Da quella prospettiva, sembravano una composizione lego sperimentale, benedetta dalle croci e dalle torri perse nell'insieme policromo.

Un'ultima U della strada, ci lascia fianco a fianco con gli ultimi metri della Ribeira da Torre, e si affaccia sul letto, allora asciutto, di ghiaia vulcanica.

Abbiamo camminato lungo il fiume. Abbiamo parcheggiato vicino a una stazione di servizio vicino alla rotonda centrale di Povoação.

La scoperta pedonale di Povoação (Ribeira Grande)

Districhiamo le gambe. Passiamo a una modalità pedonale tanto attesa.

A piedi, cerchiamo il nucleo urbano di Terreiro, una delle sei aree ben delimitate che compongono Ribeira Grande, che ospita le istituzioni che fanno funzionare Santo Antão:

la banca, l'ufficio postale, negozi e piccoli negozi, alcuni degli immancabili espatriati cinesi, magazzini, negozi di alimentari, l'occasionale taverna, la boutique Chierry, al piano terra di un edificio giallo scuro che si intona all'azzurro, coronato con croce, dalla Chiesa del Nazareno.

Tra i due c'è anche una lampada in stile parigino, come quelle che abbondano nella lontana ex metropoli portoghese.

Ribeira Grande: il villaggio dei pionieri di Santo Antão

L'isola di Santo Antão fu scoperta nel 1462, disabitata, come il resto dell'arcipelago di Capo Verde. Il primo tentativo di colonizzazione avvenne solo nel 1548.

E l'insediamento che avrebbe dato origine a Povoação risale al XVII secolo, realizzato con persone del isole di fuoco e Santiago a cui si unirono i coloni imbarcati nel nord del Portogallo.

La scelta della zona attraverso la quale abbiamo continuato a vagare ha seguito una logica inequivocabile di abbondanza di acqua e fertilità del suolo. In questo contesto, Santo Antão ha il suo aspetto bipolare.

La maggior parte dei versanti esposti a sud e posti più a sud, all'ombra dei grandi rilievi, sono aridi e inospitali. Lì, dove si delineava la colonizzazione, una combinazione fortuita di vantaggi, fin dalla tenera età, ne preludeva il successo.

La costa settentrionale dell'isola ha mantenuto l'umidità portata continuamente dagli Alísios. Come se non bastasse, i coloni dettarono a Povoação attraverso la doppia foce di due dei principali torrenti di Santo Antão.

A quel tempo, a seconda delle maree e della direzione e forza del vento, il mare si alzava più o meno lungo i suoi fondali e formava un'insenatura. Nel corso del tempo si stima che nel corso del XIX secolo la foce dei torrenti si sia insabbiata.

Solo quasi durante la stagione delle piogge, in agosto e settembre, i torrenti Grande e Torre raggiungono l'Atlantico con un flusso degno delle ampie e profonde gole in cui scorrono.

Questa siccità e la parsimonia fluviale hanno permesso che, nel tempo, Povoação si diffondesse su gran parte del delta alluvionale.

Da Penha de França a Terreiro e Tarrafal da Ribeira Grande

Sempre sulla passerella storica e perpetua, abbiamo esplorato più altre aree della città. Abbiamo attraversato un ponte verso il quartiere di Tarrafal, che la larghezza del letto asciutto della Torre mantiene isolata.

In quel momento si svolge un accanito match sul gioco nudo del Santo Crucifixo Futebol Clube, che, ecco la stranezza, ha, a pochi metri di distanza, la compagnia di un certo"Masturbar".

La mancanza di spazio intrappolava il campo tra le case, la ghiaia del torrente e la strada di uscita verso la costa nord-orientale dell'isola.

Il nudo si trovava così vicino alla sabbia basaltica che qualsiasi calcio forte e mal indirizzato, consegna la palla all'oceano.

Anche lì ci perdiamo nel fascino della Ribeira Grande.

Quattro giovani si ritrovano all'ingresso di un altro bar, tutti con le infradito ai piedi, due ragazzi con il cappello, due ragazze con i capelli in diversi stili creoli.

I lussureggianti murales che decorano la Ribeira Grande

Dall'altro lato della strada, un altro gruppo di residenti più anziani siede sulle panchine alla base di uno dei grandi murales che adornano la città.

Molti di loro sono scritti da Ozmo, eteronimo di Gionata Nesti, uno street artist italiano che ha lasciato al mondo opere impressionanti, comprese quelle nella parte occidentale di Capo Verde.

Ci imbattiamo in altri suoi dipinti. Alcuni ci ispiriamo a foto in cui li facciamo interagire con i residenti, in cui li rendiamo elementi viventi della vecchia Ribeira Grande.

Un gruppo di ragazzini si diverte a posare di fronte al profilo di un creolo dagli occhi di miele che riposa con un martin pescatore capoverdiano (Passarinha) appollaiato su un braccio.

Con il pomeriggio in mezzo, si percepisce l'ombra che invade il rispettivo muro. Abbiamo deciso di tornare al pick up e avventurarci sul letto di Ribeira Grande.

Lungo Ribeira Grande Acima, verso Fajãzinha

Ad immagine della valle della Ribeira da Torre, anche questa si rivela ampia, scolpita da millenni in cui l'acqua vi scorreva a torrenti e molto più abbondantemente.

Negli spazi troviamo piantagioni che riempiono terrazzi attenti, in mezzo a pendii che si innalzano con cime seghettate che sembrano squarciare il cielo. Passiamo sotto un acquedotto costruito in una curva dove la valle si restringe a forma di gola.

Intorno abbondano canna da zucchero, manioca, mais e fagioli, chiave della Cachupa, il piatto nazionale capoverdiano.

La valle si apre di nuovo. Ci costringe a salire su terre più alte e in montagna, lungo una stradina che, persa in una monumentalità così rugosa, potrebbe chiamarsi “Insignificanza”.

Sul lato opposto del pendio, al riparo dagli Alísios, il terreno si secca nuovamente. Il crepuscolo afferra la parte posteriore dei thalweg. In uno di essi, la sagoma di una mini-foresta di palme da cocco taglia la faccia verde ocra delle scogliere.

Inaspettatamente, il sentiero rivela uno o due villaggi senza paura. In uno di essi c'è un negozio di alimentari con proprietari coscienziosi che, come monito, lo hanno battezzato”Per quanto possibile".

Passiamo Coculi e diversi Bocas, dove i torrenti affluenti, nel caso di Chã de Pedra, provenienti da più in alto della montagna, si uniscono al Grande. In primo luogo, il Boca de Corral.

Poi, il Boca de Ambos Ribeiras.

In quel momento, abbiamo sentito palpitare il cuore geologico di Santo Antão. Il suo ruggito è così forte che ci intimidisce.

In prossimità di Garça de Cima, un ampio meandro della strada ci riporta in cima all'isola. Ci pieghiamo verso la sua costa nord-orientale, lungo il profondo canyon di un terzo torrente principale, il torrente Garça.

Lo troviamo nell'ultimo terzo del suo ripido percorso di 8 km, partendo a 1810 m da Lombo Gudo.

Come con gli altri torrenti di Santo Antão e, in tutta l'isola di Macaronesia MadeiraFin dalla tenera età, i coloni hanno sviluppato un complesso sistema di levadas che, come suggerisce il nome, consente loro di portare l'acqua ovunque ne abbiano bisogno i raccolti e il bestiame.

Fu, in larga misura, questo sistema che permise la formazione di insediamenti remoti di notevoli dimensioni, circondati da piccoli possedimenti, come Chã de Igreja e la vicina Fajãnzinha.

Nonostante l'imminenza della bocca frastagliata e, ancora una volta dall'Atlantico, crepuscolo e pece ci hanno costretto a decretare Fajãnzinha la meta finale della giornata.

Santo Antão, Capo Verde

Lungo la strada della corda

Santo Antão è la più occidentale delle isole di Capo Verde. C'è un'aspra soglia atlantica dell'Africa, un maestoso dominio insulare che iniziamo svelando da un'estremità all'altra della sua splendida Estrada da Corda.
Santo Antão, Capo Verde

Da Porto Novo a Ribeira Grande attraverso il Sentiero del Mare

Sbarcati e stabiliti a Porto Novo de Santo Antão, abbiamo subito trovato due strade per raggiungere il secondo villaggio più grande dell'isola. Già arresi al monumentale saliscendi dell'Estrada da Corda, siamo abbagliati dal dramma vulcanico e atlantico dell'alternativa costiera.
Ponta do Sol a Fontainhas, Santo Antão, Capo Verde

Un viaggio vertiginoso da Ponta do Sol

Abbiamo raggiunto la soglia settentrionale di Santo Antão e Capo Verde. In un nuovo pomeriggio di luce radiosa, seguiamo il trambusto atlantico dei pescatori e la quotidianità meno costiera del villaggio. Con il tramonto imminente, abbiamo inaugurato una richiesta oscura e intimidatoria dal villaggio di Fontainhas.
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
Chã das Caldeiras a Mosteiros, Isola del fuoco, Capo Verde

Chã das Caldeiras a Mosteiros: discesa attraverso il Confins do Fogo

Con la vetta di Capo Verde conquistata, abbiamo dormito e recuperato a Chã das Caldeiras, in comunione con alcune delle vite alla mercé del vulcano. La mattina successiva, iniziamo il ritorno nella capitale São Filipe, 11 km lungo la strada per Mosteiros.
Brava, Capo Verde

L'isola Brava di Capo Verde

Al tempo della colonizzazione, i portoghesi si imbatterono in un'isola umida e rigogliosa, cosa rara a Capo Verde. Brava, la più piccola delle isole abitate e una delle meno visitate dell'arcipelago, conserva la genuinità della sua natura atlantica e vulcanica alquanto sfuggente.
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Santiago, Capo Verde

Santiago dal basso verso l'alto

Con sede nella capitale capoverdiana di Praia, esploriamo il suo predecessore pionieristico. Dal centro storico, viaggeremo lungo la splendida dorsale montuosa di Santiago, fino alla cima aperta di Tarrafal.
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
Nova Sintra, Brava, Capo Verde

Una Sintra Creola, al posto di Saloia

Quando i coloni portoghesi scoprirono l'isola di Brava, notarono il suo clima, molto più umido della maggior parte di Capo Verde. Determinati a mantenere i collegamenti con la lontana metropoli, chiamarono la città principale Nova Sintra.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
hacienda mucuyche, Yucatan, Messico, canale
Architettura & Design
Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Città
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Cultura
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Composizione sul ponte a nove archi, Ella, Sri Lanka
In viaggio
PN Yala-Ella- Kandy, Sri Lanka

Viaggio nel cuore del tè dello Sri Lanka

Lasciamo il lungomare di PN Yala verso Ella. Sulla strada per Nanu Oya, ci spostiamo attraverso la giungla su rotaie, tra le piantagioni del famoso Ceylon. Tre ore dopo, sempre in macchina, entriamo a Kandy, la capitale buddista che i portoghesi non sono mai riusciti a conquistare.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Città del Capo, Sudafrica, Nelson Mandela
Storia
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Isole
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
i viaggiatori contemplano, monte fitz roy, argentina
Natura
El Chalten, Argentina

L'appello del granito della Patagonia

Due montagne rocciose hanno innescato una disputa sul confine tra Argentina e Cile. Ma questi paesi non sono gli unici contendenti: i monti Fitz Roy e Torre hanno attratto a lungo scalatori irriducibili.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Parchi Naturali
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Società
Tongatapu, Tonga

L'ultima monarchia polinesiana

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e alle Hawaii, nessun'altra monarchia ha resistito all'arrivo degli scopritori e della modernità europei. Per Tonga, per diversi decenni, la sfida è stata quella di resistere alla monarchia.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.