isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello


volo marittimo
Moa entra a braccia aperte nel mare poco profondo, in una posa evocativa del culto del tangata manu.
cratere patchwork
Il lussureggiante cratere del vulcano estinto Ranu Kao, nell'estremo sud-ovest di Rapa Nui e adiacente a Orongo.
Tangata manu rupestre
Particolare di un petroglifo di Mata Ngarau, disegnato su una delle abbondanti rocce basaltiche di Rapa Nui.
dall'angolo retto
I visitatori dell'Isola di Pasqua fotografano uno dei tanti petroglifi a Mata Ngarau.
orgoglio nostalgico
Nativo Moa, sventola una bandiera della nazione di Rapa Nui.
Il viaggio dell'uovo
Le rocce e i petroglifi di Mata Ngarau, il nucleo sacro di Orongo. In lontananza, il trio di isolotti al largo di Rapa Nui: Motu Nui, il più grande, preceduto da Motu Iti e dal tagliente Motu Kao Kao. Era su Motu Nui che ci si aspettava che i partecipanti al culto tangata manu facessero
Cristianesimo di Rapa Nui
Particolare del cimitero di Hanga Roa, la capitale di Rapa Nui, con una combinazione di elementi indigeni e cristiani.
rifugi cerimoniali
Edifici secolari nel villaggio di Orongo, costruiti per preparare la competizione e ospitare i rituali del tangata manu.
La fabbrica
Moai semisepolto nella cava di Rano Raraku, dove i nativi Rapa Nui costruirono i loro dei con la pietra.
linea divina
scorcio di moai de ahu Tongariki, la più grande formazione dell'Isola di Pasqua.
Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.

Il destino geologico e la recente urbanizzazione coloniale cilena hanno imposto che la caldera più esuberante dell'isola di Pasqua fosse situata nell'angolo sud-ovest del suo quasi triangolo.

In un dominio verdeggiante chiuso dall'enorme pista dell'aeroporto, sotto la capitale Hanga Roa.

Avevamo reso omaggio alla maggior parte delle formazioni di moai che custodiva l'isola e visitò la cava di Rano Raraku dove un tempo i nativi li deponevano.

Era giunto il momento per noi di avvicinarci a Ranu Kao e al vicino vecchio villaggio di Orongo, in modalità investigativa sul culto dell'uomo uccello.

L'abbagliante cratere di Rano Kau

Salimmo sulla jeep che usavamo da diversi giorni e costeggiammo il vasto spazio dell'aeroporto.

Ci fermiamo all'inizio del sentiero che porta alla caldera del vulcano spento, che è stato a lungo un lago la cui superficie è ricoperta da un mosaico multicolore di erba verde e acqua scura.

Dall'alto della riva, lo scenario, arrotondato davanti, ci spazza via.

Cratere Ranu Kao, Isola di Pasqua, Rapa Nui

Il lussureggiante cratere del vulcano estinto Ranu Kao, nell'estremo sud-ovest di Rapa Nui e adiacente a Orongo.

Era di gran lunga uno dei paesaggi più incredibili di tutta la Polinesia e dell'Oceano Pacifico circostante. Abbiamo trascorso venti minuti buoni a contemplarlo. Solo dopo quel tempo ci sentiamo bene di proseguire fuori bordo verso il mare azzurro e Orongo.

Le rovine dell'insediamento cerimoniale erano proprio dietro l'angolo. L'assenza di altre persone, un silenzio naturale sfidato dal vento, l'eco diffusa del Pacifico sottostante e gli strilli occasionali degli uccelli marini avvolgevano la passeggiata e l'ingresso nel villaggio in un mistero e solennità che ci facevano rabbrividire.

Infine, abbiamo raggiunto la sezione in cui il pendio della caldera si apriva quasi sull'oceano. All'estremità orientale di questo tipo di faglia, ci troviamo di fronte a un'ampia crosta di edifici costituiti da pietre accatastate con l'interno accessibile solo attraverso minuscole aperture allineate lungo il terreno erboso.

Di fronte al gruppo, vicino alla soglia del villaggio ea sud-ovest di Rapa Nui, troviamo una formazione rocciosa ricca di intricati petroglifi.

Anche se la visione lontana ma rivale di tre isolani persi nell'immensità dell'oceano e del cielo richiedeva la nostra attenzione, li esaminavamo attentamente.

Mata Ngarau, Orongo, Isola di Pasqua/Rapa Nui

Le rocce e i petroglifi di Mata Ngarau, il nucleo sacro di Orongo. In lontananza, il trio di isolotti al largo di Rapa Nui: Motu Nui, il più grande, preceduto da Motu Iti e dal tagliente Motu Kao Kao. Fu su Motu Nui che i partecipanti al culto del tangata manu avrebbero trovato il primo uovo dell'anno desiderato.

Il vento era più forte lì.

Ha reso l'increspatura verde vegetale ai nostri piedi e l'infinito blu navy azzurro. Allo stesso tempo, circondava gli isolotti di un bianco pulsante.

La nostra curiosità fu stimolata su cosa avesse portato gli indiani Rapa Nui a stabilirsi in quei confini selvaggi della loro isola ea scavare le rocce con tanta dedizione.

L'improvviso fallimento del Make Make God

Come per tutto ciò che riguarda l'Isola di Pasqua, il tema intriga e affascina una vasta comunità di storici, archeologi e altri studiosi. Le teorie abbondano. Né faticose spiegazioni di queste spiegazioni.

Per un verso, la maggior parte di essi sembra coincidere: una nuova realtà è emersa poco dopo che gli indigeni Rapa Nui hanno iniziato a rovesciare il moai che avevano precedentemente scolpito ed eretto.

Da un momento all'altro Make Make, il dio creatore, supremo e onnipotente, smise di proteggere il popolo Rapa Nui, incapace di prevedere la catastrofe che, con la sua cieca fiducia nella sorveglianza del moai, eventualmente generato.

Gli alberi dell'isola furono quasi tutti abbattuti per fungere da rulli e carrucole che consentivano il complesso movimento del moai dalla cava in cui sono stati scolpiti ai luoghi a loro destinati. Senza alberi, gli indigeni non potevano più costruire barche e pescare.

In poco tempo sterminarono i polli e gli uccelli dell'isola. Anche gli uccelli marini saranno diventati rari, così rari che gli indigeni li hanno resi sacri.

Mata Ngarau, Orongo, Isola di Pasqua/Rapa Nui

I visitatori dell'Isola di Pasqua fotografano uno dei tanti petroglifi a Mata Ngarau.

Solitudine terrena e dovuto compenso religioso

A isola di Pasqua è il luogo più isolato della terra. Dista 1850km dalle isole più vicine del Pacifico, quelle dell'arcipelago, oggi anche cilene di Juan Fernandez che dista ancora 600 km dal continente sudamericano.

Ora, in una società così solitaria e speranzosa nella benevolenza del soprannaturale, l'emergere del culto sostitutivo del moai, il tangata manu (uomo uccello) non ha aspettato.

Nel 5° secolo, i navigatori europei iniziarono ad ancorare nelle baie dell'isola. Il pioniere fu l'olandese Jacob Roggeveen, il 1722 aprile XNUMX, la domenica di Pasqua che avrebbe ispirato il battesimo di Rapa Nui.

Nel novembre 1770 arrivarono i primi navigatori spagnoli e, quattro anni dopo, l'inevitabile britannico James Cook.

I diari spagnoli confermano che tutti i moai erano in piedi. Già i registri di James Cook, informano che alcuni erano stati abbattuti.

Tangata Manu: Tutta la speranza in un culto bizzarro

All'inizio, il popolo di Rapa Nui era organizzato attorno a un sistema di classi ben strutturato, con un ariki (capo supremo) al di sopra dei capi di nove clan.

Con la sua esistenza minacciata dalla mancanza di alberi e cibo, un gruppo di capi di guerra avrà organizzato una specie di colpo di stato.

Così, fondarono la nuova religione che adorava Make Make e legittimò il sottoculto Tangata Manu.

Edifici secolari di Orongo, Isola di Pasqua, Rapa Nui

Edifici secolari nel villaggio di Orongo, costruiti per preparare la competizione e ospitare i rituali del tangata manu.

Successivamente, anno dopo anno, i giovani guerrieri (hopus) di ogni clan venivano nominati dagli ivi-attuas (sciamani) di ogni clan rivale per partecipare a una competizione che si teneva da luglio a settembre.

I concorrenti hanno iniziato concentrandosi sulle grotte del burrone sull'estensione del cratere Ranu Kao.

Da queste grotte, hanno dovuto nuotare attraverso il mare infestato dagli squali fino a Motu Nui, il più grande degli isolotti al largo, preceduto da Motu Iti e dall'affilato Motu Kao Kao.

Lì attendevano l'arrivo delle manutara, le sterne oscure che migravano ogni anno da altre parti del Pacifico per nidificare lì.

Destino consegnato a un uovo

Il partecipante che ha raccolto il suo primo uovo, è salito sulla scogliera suprema di Motu Nui.

Dall'alto gridò qualcosa del genere al suo sciamano: "Abbiamo l'uovo, vai a raderti la testa". Quindi, i partecipanti sconfitti hanno nuotato di nuovo insieme alla base di Rapa Nui.

Il fortunato tornò solo dall'isolotto, con l'uovo avvolto in un mucchio di lunghe erbe legate sopra la testa.

In seguito, doveva ancora scalare le rocce aguzze che lo separavano dalle alture di Orongo per consegnarlo alle rispettive ivi-attua.

petroglifo di Mata Ngarau, Isola di Pasqua/Rapa Nui

Particolare di un petroglifo di Mata Ngarau, disegnato su una delle abbondanti rocce basaltiche di Rapa Nui.

Fu dichiarato il Tangata manu, l'ivi-attua del vincitore. Trionfante, questo sciamano guidava poi un corteo che attraversava parte dell'isola, fino alla zona a cui apparteneva il suo clan.

Tre giorni dopo la raccolta, l'uovo veniva versato, riempito di fibre vegetali e adagiato sulla testa rasata della Tangata Manu, dipinta di bianco o di rosso.

Vi rimarrebbe per un anno ma, cosa più importante del diritto all'ornamento, il Tangata manu venne considerato tapu (sacro).

Il regno surreale di Orongo

Ha ricevuto diversi tributi e offerte di cibo. Conquistò, inoltre, per il suo clan, il diritto di controllare la distribuzione delle scarse risorse dell'isola durante l'anno successivo.

Di queste risorse, quelle cruciali erano il privilegio di raccogliere le uova deposte dagli uccelli a Motu Nui durante cinque dei dodici mesi della loro durata e di risiedere ad Orongo. Per il resto del tempo, Tangata manu rimase in ritiro spirituale in un edificio eretto per accoglierlo.

L'Orongo che stavamo esaminando e da cui scrutavamo il trio di isolotti sarebbe stato eretto a villaggio ufficiale dell'evento che, contando sul cerimoniale coinvolto, durò quasi un mese.

Serviva come punto di arrivo per una precedente marcia dei clan partecipanti a partire da Mataveri, vicino all'attuale aeroporto.

Al termine della prova, sulle rocce basaltiche sono state incise le immagini di Make Make e del nuovo tangata manu. Attualmente, rimangono circa 480 petroglifi dentro e intorno a Orongo.

Alcune rocce mostrano immagini degli uomini uccello. Altri combinano il manus tangata con versi che commemorano il dio Make Make.

Dalla caduta di Tangata Manu alla quasi estinzione del popolo Rapa Nui

Oltre ad alleviare il già lungo calvario del popolo Rapa Nui, il nuovo culto si scontrò con l'ossessione dei missionari europei, nel frattempo insediati nell'isola, di convertire gli indigeni al cristianesimo. È stato bandito senza appello.

A partire dalla metà del XIX secolo, le incursioni dei mercanti di schiavi provenienti dalle coste del Perù divennero sempre più frequenti.

Queste incursioni, le fulminanti epidemie di tubercolosi, vaiolo e altre malattie portate da estranei e le deportazioni in altre parti del Pacifico causarono un drastico calo della popolazione dell'isola.

Nel 1871, su molte migliaia (tra 7 e 20.000 al culmine di Rapa Nui), c'erano 111 indigeni rimasti sull'isola. Gli allevatori di bestiame hanno acquistato gran parte della terra dal Rapa Nui, a lungo disboscato, che è diventato pascolo per i loro ranch.

La nuova realtà cilena

17 anni dopo, l'Isola di Pasqua fu annessa al Cile. Gli indigeni sopravvissuti furono raggruppati nell'area dell'attuale capitale Hanga Roa. Fu solo nel 1966 che ottennero la cittadinanza cilena.

Il censimento del 2017 ha registrato 9400 cittadini che si consideravano di etnia Rapa Nui, abitando un po' lungo tutto il longiline Cile. Anche se il criterio è eccessivamente ambiguo, l'Isola di Pasqua ospita 7700 abitanti. Di questi, il 60% si considera discendente degli aborigeni dell'Isola di Pasqua.

Giorni dopo la nostra incursione a Orongo, Moa - di gran lunga il nativo che conosciamo dell'isola più determinato a recuperare la cultura Rapa Nui - compie una serie di preghiere e riti, davanti alle formazioni di moai, oggi, quasi tutto ricostruito.

In una di quelle strane esibizioni, coperto solo da una piccola cintura e con uno stendardo della nazione Rapa Nui legato alla gamba destra, entra nel mare poco profondo accanto a uno degli ahu.

Altezzoso, orgoglioso, affronta l'immensità dell'Oceano Pacifico a braccia aperte in una posa simbolica del tardo tangata manu.

Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua

Moa entra a braccia aperte nel mare poco profondo, in una posa evocativa del culto del tangata manu.

Passarono i secoli. Le navi dei coloni europei ancorarono e salparono.

Per quanto evochi la gloriosa storia della sua gente, ferisce Moa la consapevolezza che né il dio creatore Make Make né i successivi Birdmen hanno salvato la fragile civiltà di Rapa Nui dalle grinfie della civiltà occidentale.

Maggiori informazioni su Rapa Nui – Isola di Pasqua nella rispettiva pagina di UNESCO.

El Tátio, Cile

El Tatio Geyser - Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
PN Torres del Paine, Cile

Il più drammatico della Patagonia

In nessun altro luogo le zone meridionali del Sud America sono così mozzafiato come nella catena montuosa del Paine. Lì, un forte naturale di colosso granitico circondato da laghi e ghiacciai si protende dal pampas e si sottomette ai capricci del tempo e della luce.
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
San Pedro de Atacama, Cile

San Pedro de Atacama: La vita ad Adobe nel più arido dei deserti

I conquistatori spagnoli erano partiti e il convoglio ha deviato il bestiame e le carovane di nitrati. San Pedro stava riguadagnando la pace, ma un'orda di stranieri alla scoperta del Sud America invase il pueblo.
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Puerto Natales-Porto Montt, Cile

Crociera su una nave mercantile

Dopo una lunga elemosina di viaggiatori zaino in spalla, la compagnia cilena NAVIMAG ha deciso di accoglierli a bordo. Da allora, molti viaggiatori hanno esplorato i canali della Patagonia insieme a container e bestiame.
Vulcano Villarrica, Cile

Salita al Cratere del Vulcano Villarrica, Sempre in Attività

Pucón abusa della fiducia della natura e prospera ai piedi del monte Villarrica.Abbiamo seguito questo cattivo esempio attraverso sentieri ghiacciati e abbiamo conquistato il cratere di uno dei vulcani più attivi del Sud America.
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Kronstadt Russia Autunno, proprietario del Bouquet
Città
Kronstadt, Russia

L'Autunno della Città-Isola Russa di Tutti i Crocevia

Fondata da Pietro il Grande, divenne il porto e la base navale a protezione di San Pietroburgo e della Grande Russia settentrionale. Nel marzo 1921 si ribellò ai bolscevichi che aveva sostenuto nella Rivoluzione d'Ottobre. In questo ottobre che stiamo attraversando, Kronstadt è ancora una volta ricoperta dello stesso esuberante giallo dell'incertezza.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Mar de Parra
Cultura
Mendoza, Argentina

Viaggio attraverso Mendoza, la grande provincia vinicola argentina

I missionari spagnoli si resero conto, nel XVI secolo, che l'area era destinata alla produzione del “sangue di Cristo”. Oggi la provincia di Mendoza è al centro della più grande regione vinicola dell'America Latina.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India
In viaggio
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
Etnico
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
Storia
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Cilaos, Isola della Riunione, Casario Piton des Neiges
Isole
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Natura
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Parchi Naturali
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Muro della fortezza di Novgorod e Cattedrale ortodossa di Santa Sofia, Russia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Novgorod, Russia

La nonna vichinga di Madre Russia

Per quasi tutto il secolo scorso, le autorità dell'URSS hanno omesso parte delle origini del popolo russo. Ma la storia non lascia spazio a dubbi. Molto prima dell'ascesa e della supremazia degli zar e dei soviet, i primi coloni scandinavi fondarono la loro potente nazione a Novgorod.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Magnifiche giornate atlantiche
Spiagge
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Vairocana Buddha, tempio Todai ji, Nara, Giappone
Religione
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Società
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Animali selvatici
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.