isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello


volo marittimo
Moa entra a braccia aperte nel mare poco profondo, in una posa evocativa del culto del tangata manu.
cratere patchwork
Il lussureggiante cratere del vulcano estinto Ranu Kao, nell'estremo sud-ovest di Rapa Nui e adiacente a Orongo.
Tangata manu rupestre
Particolare di un petroglifo di Mata Ngarau, disegnato su una delle abbondanti rocce basaltiche di Rapa Nui.
dall'angolo retto
I visitatori dell'Isola di Pasqua fotografano uno dei tanti petroglifi a Mata Ngarau.
orgoglio nostalgico
Nativo Moa, sventola una bandiera della nazione di Rapa Nui.
Il viaggio dell'uovo
Le rocce e i petroglifi di Mata Ngarau, il nucleo sacro di Orongo. In lontananza, il trio di isolotti al largo di Rapa Nui: Motu Nui, il più grande, preceduto da Motu Iti e dal tagliente Motu Kao Kao. Era su Motu Nui che ci si aspettava che i partecipanti al culto tangata manu facessero
Cristianesimo di Rapa Nui
Particolare del cimitero di Hanga Roa, la capitale di Rapa Nui, con una combinazione di elementi indigeni e cristiani.
rifugi cerimoniali
Edifici secolari nel villaggio di Orongo, costruiti per preparare la competizione e ospitare i rituali del tangata manu.
La fabbrica
Moai semisepolto nella cava di Rano Raraku, dove i nativi Rapa Nui costruirono i loro dei con la pietra.
linea divina
scorcio di moai de ahu Tongariki, la più grande formazione dell'Isola di Pasqua.
Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.

Il destino geologico e la recente urbanizzazione coloniale cilena hanno imposto che la caldera più esuberante dell'isola di Pasqua fosse situata nell'angolo sud-ovest del suo quasi triangolo.

In un dominio verdeggiante chiuso dall'enorme pista dell'aeroporto, sotto la capitale Hanga Roa.

Avevamo reso omaggio alla maggior parte delle formazioni di moai che custodiva l'isola e visitò la cava di Rano Raraku dove un tempo i nativi li deponevano.

Era giunto il momento per noi di avvicinarci a Ranu Kao e al vicino vecchio villaggio di Orongo, in modalità investigativa sul culto dell'uomo uccello.

L'abbagliante cratere di Rano Kau

Salimmo sulla jeep che usavamo da diversi giorni e costeggiammo il vasto spazio dell'aeroporto.

Ci fermiamo all'inizio del sentiero che porta alla caldera del vulcano spento, che è stato a lungo un lago la cui superficie è ricoperta da un mosaico multicolore di erba verde e acqua scura.

Dall'alto della riva, lo scenario, arrotondato davanti, ci spazza via.

Cratere Ranu Kao, Isola di Pasqua, Rapa Nui

Il lussureggiante cratere del vulcano estinto Ranu Kao, nell'estremo sud-ovest di Rapa Nui e adiacente a Orongo.

Era di gran lunga uno dei paesaggi più incredibili di tutta la Polinesia e dell'Oceano Pacifico circostante. Abbiamo trascorso venti minuti buoni a contemplarlo. Solo dopo quel tempo ci sentiamo bene di proseguire fuori bordo verso il mare azzurro e Orongo.

Le rovine dell'insediamento cerimoniale erano proprio dietro l'angolo. L'assenza di altre persone, un silenzio naturale sfidato dal vento, l'eco diffusa del Pacifico sottostante e gli strilli occasionali degli uccelli marini avvolgevano la passeggiata e l'ingresso nel villaggio in un mistero e solennità che ci facevano rabbrividire.

Infine, abbiamo raggiunto la sezione in cui il pendio della caldera si apriva quasi sull'oceano. All'estremità orientale di questo tipo di faglia, ci troviamo di fronte a un'ampia crosta di edifici costituiti da pietre accatastate con l'interno accessibile solo attraverso minuscole aperture allineate lungo il terreno erboso.

Di fronte al gruppo, vicino alla soglia del villaggio ea sud-ovest di Rapa Nui, troviamo una formazione rocciosa ricca di intricati petroglifi.

Anche se la visione lontana ma rivale di tre isolani persi nell'immensità dell'oceano e del cielo richiedeva la nostra attenzione, li esaminavamo attentamente.

Mata Ngarau, Orongo, Isola di Pasqua/Rapa Nui

Le rocce e i petroglifi di Mata Ngarau, il nucleo sacro di Orongo. In lontananza, il trio di isolotti al largo di Rapa Nui: Motu Nui, il più grande, preceduto da Motu Iti e dal tagliente Motu Kao Kao. Fu su Motu Nui che i partecipanti al culto del tangata manu avrebbero trovato il primo uovo dell'anno desiderato.

Il vento era più forte lì.

Ha reso l'increspatura verde vegetale ai nostri piedi e l'infinito blu navy azzurro. Allo stesso tempo, circondava gli isolotti di un bianco pulsante.

La nostra curiosità fu stimolata su cosa avesse portato gli indiani Rapa Nui a stabilirsi in quei confini selvaggi della loro isola ea scavare le rocce con tanta dedizione.

L'improvviso fallimento del Make Make God

Come per tutto ciò che riguarda l'Isola di Pasqua, il tema intriga e affascina una vasta comunità di storici, archeologi e altri studiosi. Le teorie abbondano. Né faticose spiegazioni di queste spiegazioni.

Per un verso, la maggior parte di essi sembra coincidere: una nuova realtà è emersa poco dopo che gli indigeni Rapa Nui hanno iniziato a rovesciare il moai che avevano precedentemente scolpito ed eretto.

Da un momento all'altro Make Make, il dio creatore, supremo e onnipotente, smise di proteggere il popolo Rapa Nui, incapace di prevedere la catastrofe che, con la sua cieca fiducia nella sorveglianza del moai, eventualmente generato.

Gli alberi dell'isola furono quasi tutti abbattuti per fungere da rulli e carrucole che consentivano il complesso movimento del moai dalla cava in cui sono stati scolpiti ai luoghi a loro destinati. Senza alberi, gli indigeni non potevano più costruire barche e pescare.

In poco tempo sterminarono i polli e gli uccelli dell'isola. Anche gli uccelli marini saranno diventati rari, così rari che gli indigeni li hanno resi sacri.

Mata Ngarau, Orongo, Isola di Pasqua/Rapa Nui

I visitatori dell'Isola di Pasqua fotografano uno dei tanti petroglifi a Mata Ngarau.

Solitudine terrena e dovuto compenso religioso

A isola di Pasqua è il luogo più isolato della terra. Dista 1850km dalle isole più vicine del Pacifico, quelle dell'arcipelago, oggi anche cilene di Juan Fernandez che dista ancora 600 km dal continente sudamericano.

Ora, in una società così solitaria e speranzosa nella benevolenza del soprannaturale, l'emergere del culto sostitutivo del moai, il tangata manu (uomo uccello) non ha aspettato.

Nel 5° secolo, i navigatori europei iniziarono ad ancorare nelle baie dell'isola. Il pioniere fu l'olandese Jacob Roggeveen, il 1722 aprile XNUMX, la domenica di Pasqua che avrebbe ispirato il battesimo di Rapa Nui.

Nel novembre 1770 arrivarono i primi navigatori spagnoli e, quattro anni dopo, l'inevitabile britannico James Cook.

I diari spagnoli confermano che tutti i moai erano in piedi. Già i registri di James Cook, informano che alcuni erano stati abbattuti.

Tangata Manu: Tutta la speranza in un culto bizzarro

All'inizio, il popolo di Rapa Nui era organizzato attorno a un sistema di classi ben strutturato, con un ariki (capo supremo) al di sopra dei capi di nove clan.

Con la sua esistenza minacciata dalla mancanza di alberi e cibo, un gruppo di capi di guerra avrà organizzato una specie di colpo di stato.

Così, fondarono la nuova religione che adorava Make Make e legittimò il sottoculto Tangata Manu.

Edifici secolari di Orongo, Isola di Pasqua, Rapa Nui

Edifici secolari nel villaggio di Orongo, costruiti per preparare la competizione e ospitare i rituali del tangata manu.

Successivamente, anno dopo anno, i giovani guerrieri (hopus) di ogni clan venivano nominati dagli ivi-attuas (sciamani) di ogni clan rivale per partecipare a una competizione che si teneva da luglio a settembre.

I concorrenti hanno iniziato concentrandosi sulle grotte del burrone sull'estensione del cratere Ranu Kao.

Da queste grotte, hanno dovuto nuotare attraverso il mare infestato dagli squali fino a Motu Nui, il più grande degli isolotti al largo, preceduto da Motu Iti e dall'affilato Motu Kao Kao.

Lì attendevano l'arrivo delle manutara, le sterne oscure che migravano ogni anno da altre parti del Pacifico per nidificare lì.

Destino consegnato a un uovo

Il partecipante che ha raccolto il suo primo uovo, è salito sulla scogliera suprema di Motu Nui.

Dall'alto gridò qualcosa del genere al suo sciamano: "Abbiamo l'uovo, vai a raderti la testa". Quindi, i partecipanti sconfitti hanno nuotato di nuovo insieme alla base di Rapa Nui.

Il fortunato tornò solo dall'isolotto, con l'uovo avvolto in un mucchio di lunghe erbe legate sopra la testa.

In seguito, doveva ancora scalare le rocce aguzze che lo separavano dalle alture di Orongo per consegnarlo alle rispettive ivi-attua.

petroglifo di Mata Ngarau, Isola di Pasqua/Rapa Nui

Particolare di un petroglifo di Mata Ngarau, disegnato su una delle abbondanti rocce basaltiche di Rapa Nui.

Fu dichiarato il Tangata manu, l'ivi-attua del vincitore. Trionfante, questo sciamano guidava poi un corteo che attraversava parte dell'isola, fino alla zona a cui apparteneva il suo clan.

Tre giorni dopo la raccolta, l'uovo veniva versato, riempito di fibre vegetali e adagiato sulla testa rasata della Tangata Manu, dipinta di bianco o di rosso.

Vi rimarrebbe per un anno ma, cosa più importante del diritto all'ornamento, il Tangata manu venne considerato tapu (sacro).

Il regno surreale di Orongo

Ha ricevuto diversi tributi e offerte di cibo. Conquistò, inoltre, per il suo clan, il diritto di controllare la distribuzione delle scarse risorse dell'isola durante l'anno successivo.

Di queste risorse, quelle cruciali erano il privilegio di raccogliere le uova deposte dagli uccelli a Motu Nui durante cinque dei dodici mesi della loro durata e di risiedere ad Orongo. Per il resto del tempo, Tangata manu rimase in ritiro spirituale in un edificio eretto per accoglierlo.

L'Orongo che stavamo esaminando e da cui scrutavamo il trio di isolotti sarebbe stato eretto a villaggio ufficiale dell'evento che, contando sul cerimoniale coinvolto, durò quasi un mese.

Serviva come punto di arrivo per una precedente marcia dei clan partecipanti a partire da Mataveri, vicino all'attuale aeroporto.

Al termine della prova, sulle rocce basaltiche sono state incise le immagini di Make Make e del nuovo tangata manu. Attualmente, rimangono circa 480 petroglifi dentro e intorno a Orongo.

Alcune rocce mostrano immagini degli uomini uccello. Altri combinano il manus tangata con versi che commemorano il dio Make Make.

Dalla caduta di Tangata Manu alla quasi estinzione del popolo Rapa Nui

Oltre ad alleviare il già lungo calvario del popolo Rapa Nui, il nuovo culto si scontrò con l'ossessione dei missionari europei, nel frattempo insediati nell'isola, di convertire gli indigeni al cristianesimo. È stato bandito senza appello.

A partire dalla metà del XIX secolo, le incursioni dei mercanti di schiavi provenienti dalle coste del Perù divennero sempre più frequenti.

Queste incursioni, le fulminanti epidemie di tubercolosi, vaiolo e altre malattie portate da estranei e le deportazioni in altre parti del Pacifico causarono un drastico calo della popolazione dell'isola.

Nel 1871, su molte migliaia (tra 7 e 20.000 al culmine di Rapa Nui), c'erano 111 indigeni rimasti sull'isola. Gli allevatori di bestiame hanno acquistato gran parte della terra dal Rapa Nui, a lungo disboscato, che è diventato pascolo per i loro ranch.

La nuova realtà cilena

17 anni dopo, l'Isola di Pasqua fu annessa al Cile. Gli indigeni sopravvissuti furono raggruppati nell'area dell'attuale capitale Hanga Roa. Fu solo nel 1966 che ottennero la cittadinanza cilena.

Il censimento del 2017 ha registrato 9400 cittadini che si consideravano di etnia Rapa Nui, abitando un po' lungo tutto il longiline Cile. Anche se il criterio è eccessivamente ambiguo, l'Isola di Pasqua ospita 7700 abitanti. Di questi, il 60% si considera discendente degli aborigeni dell'Isola di Pasqua.

Giorni dopo la nostra incursione a Orongo, Moa - di gran lunga il nativo che conosciamo dell'isola più determinato a recuperare la cultura Rapa Nui - compie una serie di preghiere e riti, davanti alle formazioni di moai, oggi, quasi tutto ricostruito.

In una di quelle strane esibizioni, coperto solo da una piccola cintura e con uno stendardo della nazione Rapa Nui legato alla gamba destra, entra nel mare poco profondo accanto a uno degli ahu.

Altezzoso, orgoglioso, affronta l'immensità dell'Oceano Pacifico a braccia aperte in una posa simbolica del tardo tangata manu.

Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua

Moa entra a braccia aperte nel mare poco profondo, in una posa evocativa del culto del tangata manu.

Passarono i secoli. Le navi dei coloni europei ancorarono e salparono.

Per quanto evochi la gloriosa storia della sua gente, ferisce Moa la consapevolezza che né il dio creatore Make Make né i successivi Birdmen hanno salvato la fragile civiltà di Rapa Nui dalle grinfie della civiltà occidentale.

Maggiori informazioni su Rapa Nui – Isola di Pasqua nella rispettiva pagina di UNESCO.

El Tátio, Cile

El Tatio Geyser - Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
PN Torres del Paine, Cile

Il più drammatico della Patagonia

In nessun altro luogo le zone meridionali del Sud America sono così mozzafiato come nella catena montuosa del Paine. Lì, un forte naturale di colosso granitico circondato da laghi e ghiacciai si protende dal pampas e si sottomette ai capricci del tempo e della luce.
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
San Pedro de Atacama, Cile

San Pedro de Atacama: La vita ad Adobe nel più arido dei deserti

I conquistatori spagnoli erano partiti e il convoglio ha deviato il bestiame e le carovane di nitrati. San Pedro stava riguadagnando la pace, ma un'orda di stranieri alla scoperta del Sud America invase il pueblo.
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Puerto Natales-Porto Montt, Cile

Crociera su una nave mercantile

Dopo una lunga elemosina di viaggiatori zaino in spalla, la compagnia cilena NAVIMAG ha deciso di accoglierli a bordo. Da allora, molti viaggiatori hanno esplorato i canali della Patagonia insieme a container e bestiame.
Vulcano Villarrica, Cile

Salita al Cratere del Vulcano Villarrica, Sempre in Attività

Pucón abusa della fiducia della natura e prospera ai piedi del monte Villarrica.Abbiamo seguito questo cattivo esempio attraverso sentieri ghiacciati e abbiamo conquistato il cratere di uno dei vulcani più attivi del Sud America.
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Cuore buddista del Myanmar
Città
Yangon, Myanmar

La grande capitale della Birmania (a parte le delusioni della giunta militare)

Nel 2005 il governo dittatoriale del Myanmar ha inaugurato una nuova capitale bizzarra e quasi deserta. La vita esotica e cosmopolita rimane intatta a Yangon, la città più grande e affascinante della Birmania.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Cultura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Il viaggio intorno al mondo, simbolo di saggezza illustrato su una finestra dell'aeroporto di Inari, nella Lapponia finlandese
In viaggio
Il giro del mondo - Parte 1

Viaggiare porta saggezza. Scopri come fare il giro del mondo.

La Terra ruota su se stessa ogni giorno. In questa serie di articoli troverai chiarimenti e consigli essenziali per chiunque voglia aggirarlo almeno una volta nella vita.
casco capillare
Etnico
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Horseshoe Bend
Storia
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
Vista della Serra do Cume, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares
Isole
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Ilhéu do Farol, Porto Santo, Ilhéu de Cima, Porto Santo, di fronte a Ponta do Passo.
Natura
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Ambasciata, Nikko, Festa di Primavera Shunki-Reitaisai, Processione Toshogu Tokugawa, Giappone
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Spiagge
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Ulugh Beg, Astronomo, Samarcanda, Uzbekistan, Un matrimonio nello spazio
Religione
Samarcanda, Uzbekistan

L'astronomo Sultano

Nipote di uno dei grandi conquistatori dell'Asia centrale, Ulugh Beg preferiva le scienze. Nel 1428 costruì un osservatorio spaziale a Samarcanda. I suoi studi sulle stelle gli diedero il nome di un cratere sulla Luna.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Erika Mae
Società
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.