Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira


coda della barca
Un motoscafo corre lungo la costa meridionale di Ponta de São Lourenço.
flora esuberante
Uno dei pochi esempi di pianta verdeggiante.
isolotto del faro
Il faro di São Lourenço, a coronamento dell'Ilhéu do Farol.
Ponta-Sao-Lourenco-Madeira-Portogallo-Costa settentrionale
Strada che conduce a nord di Ponta de São Lourenço, affacciata sulla costa settentrionale di Madeira.
Ponta de São Lourenço
La forma capricciosa di Ponta de São Lourenço.
vista condivisa
Gli escursionisti fanno una pausa sulla rotta PR8 di Madeira per ammirare la costa settentrionale di Ponta de São Lourenço.
benedetta pesca
Pesca artigianale al largo della costa meridionale di Ponta de São Lourenço.
roccia di elefante
Una roccia a forma di pachiderma tra Caniçal e Ponta de São Lourenço.
Il molo delle sardine
Cais do Sardinha e la sua spiaggia rocciosa.
piccolo paradiso accessibile
Mare smeraldo e cristallino sulla costa nord di Ponta de São Lourenço.
Sulla mia strada
Walker percorre la rotta PR 8 lungo la soglia orientale dell'isola di Madeira.
in atterraggio
Uccelli marini che atterrano su una dorsale basaltica.
Colonia di scogliere rosse
Scogliere aguzze al largo della costa settentrionale di Ponta de São Lourenço.
inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.

I primi giorni dell'attuale pandemia e dei suoi confinamenti stavano avvenendo quando la notizia di un'indebita evasione si è distinta dalle altre.

Cristiano Ronaldo era andato a Madeira per alcuni giorni.

Con l'isola e tutto il Portogallo confinato, ha pubblicato le foto di se stesso con il suo partner e il figlio durante una passeggiata a Ponta de São Lourenço.

Il suo più recente capriccio all'epoca suscitò una degna polemica, anche se ben lontana dall'eccentricità geologica della stravagante penisola che lo accolse.

Roccia dell'elefante, Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

Una roccia a forma di pachiderma tra Caniçal e Ponta de São Lourenço.

Il primo e più strano avvistamento dell'isola di Madeira

Di passaggio, se distratti, chi arriva in traghetto dalla vicina isola di Porto Santo potresti essere portato a pensare di non aver mai lasciato il punto di partenza.

Ponta de São Lourenço è molto più in linea con Porto Santo o le Desertas che con la verdeggiante, in alcuni punti, lussureggiante Madeira.

Eppure, lo racchiude come un'appendice orientale, sinuosa e bizzarra, che la estremità opposta dell'isola non ha eguali.

Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo

La forma capricciosa di Ponta de São Lourenço.

Nel nostro caso, partiamo dal capitale Funchal. Passando Machico, la vista del porto e del complesso industriale di Caniçal ci lascia preoccupati.

Intorno a Quinta do Lorde, ci lasciamo alle spalle le ultime vestigia di civiltà popolata.

Costa nord, Madeira, Portogallo

Strada che conduce a nord di Ponta de São Lourenço, affacciata sulla costa settentrionale di Madeira.

Una rotonda che ospita una palma frondosa e un rimorchio per cibo e bevande stabilisce il limite della strada.

Da quel momento in poi, lungo 9 km, Ponta de São Lourenço assume i colori e le forme che le hanno conferito la sua geologia vulcanica e preistorica.

Si rivela e abbaglia per natura.

Walkers, Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

Gli escursionisti fanno una pausa sulla rotta PR8 di Madeira per ammirare la costa settentrionale di Ponta de São Lourenço.

PR8 – Un sentiero sopra e sotto Ponta de São Lourenço

Il binario che solca ha ricevuto il codice PR8. Inizia curvando il medio pendio, sopra l'Atlantico liscio e cristallino di Baía d'Abra.

Poi, scende a un punto stretto chiuso da Praia de São Lourenço.

Tuttavia, devia nella direzione opposta.

Lì ci lascia in un belvedere rivolto a nord che mostra un forte di isolotti e scogli esuberanti, puniti senza pietà dal mare del nord.

Scogliere, Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

Scogliere aguzze al largo della costa settentrionale di Ponta de São Lourenço.

Anche all'ombra, siamo colpiti dalla magnificenza dell'insenatura che si estende da lì fino alla specie di promontorio di Ponta do Rosto.

Le sue scogliere si innalzano per altri cento metri sul mare.

In diversi punti, la pista avanza oltre il filo del coltello da queste altezze. Rinnova un'inaspettata sensazione di vertigine.

A zigzag, scendiamo verso l'istmo poco profondo, curvo e ombroso dove il "Mare del Nord" quasi si fonde con il sud.

L'estremo opposto ci pone alla base della quasi-isola che segue.

Barca da pesca, Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo

Pesca artigianale al largo della costa meridionale di Ponta de São Lourenço.

Da tempo intravedevamo una minuscola oasi, un palmeto tanto verde quanto fuori dal mondo.

Poche centinaia di passi dopo, ci siamo resi conto che dava ombra alla famosa Casa do Sardinha, bar, ristorante, centro attività e recupero energetico.

Per molti, la principale ragion d'essere della passeggiata.

Casa do Sardinha, il cuore logistico di Ponta de São Lourenço

Il nome dello stabilimento rimane quello perché nel corso degli anni è diventato noto.

Entrambi furono lasciati in eredità dagli antichi proprietari di quei terreni, allevatori di bestiame, come testimoniano le pietre del recinto che ancora esistono lì, in un'epoca in cui buona parte della penisola ammetteva pascoli e persino coltivazioni.

Dal grano, dall'orzo piantato dai contadini del villaggio di pescatori di Caniçal che lo facevano germogliare nel terreno apparentemente inospitale dell'attuale Ilhéu da Cevada (Desembarcadouros).

Non ci è voluto molto per individuarlo.

San Lorenzo, il Perché del Santo Battesimo

Ponta de São Lourenço è per sempre legata ai primi momenti della scoperta e della colonizzazione di Madeira. Conserva il nome della caravella di João Gonçalves Zarco, uno dei tre scopritori dell'isola.

La scoperta di Madeira avvenne nel 1419, un anno dopo quella di Porto Santo. A sua volta, la colonizzazione più vicina a Ponta de São Lourenço, Caniçal, avvenne intorno al 1489, quando Vasco Martins Moniz e suo figlio maggiore Garcia Moniz vi si stabilirono in una fattoria.

All'inizio del XVI secolo, il popolo Moniz costruì una chiesa che diede origine alla più antica delle piccole parrocchie di Madeira, São Sebastião do Caniçal, poi parrocchia di Caniçal e una delle conserve preferite dei discendenti del pioniere Capitano Donatori del Porto di Machico, Tristan Vaz.

Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo

Mare smeraldo e cristallino sulla costa nord di Ponta de São Lourenço.

Corsari inglesi, pirati moreschi e minacce correlate

La colonizzazione dell'estremità orientale dell'isola si è sempre rivelata problematica. A cavallo del XVII secolo, nel pieno della dinastia filippina, gli inglesi, nemici viscerali della corona spagnola, si incaricarono di assalire e depredare i suoi abitanti.

Non erano gli unici. L'isolamento di quella punta di Madeira, alle porte dell'Africa, la rendeva anche vulnerabile ai saccheggi moreschi.

L'area si rivelò così suscettibile che il Capitanato di Machico ricordava spesso ai coloni di tenere d'occhio gli incendi a Caniçal.

Per qualche tempo questo è stato l'unico sistema di allerta per gli attacchi provenienti dal lato di Ponta de São Lourenço. Anni dopo, fu rinforzato da un piccolo guardiano del forte.

Le infrastrutture di difesa avrebbero potuto essere diverse, molto più funzionali, se l'ambizione del marchese di Pombal fosse passata dalla mente del marchese di Pombal di costruire un porto a Baía d'Abra, ipotizzato per ospitare dieci navi.

Al posto di questa struttura, oggi Ponta de São Lourenço è servita dal minuscolo Cais do Sardinha, l'ancoraggio e la spiaggia di ciottoli con acqua cristallina che delizia gli escursionisti con bagni gratificanti. Avremmo anche il nostro ma, torniamo in carreggiata.

Molo Sardinha, Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

Cais do Sardinha e la sua spiaggia rocciosa.

L'ultima e più estenuante ascensione

È dietro Casa do Sardinha che parte l'ultimo tratto di PR8, di gran lunga il più faticoso. Uno schizzo di una scala fatta di centinaia di terrazze irregolari e troppo larghe esige dalle cosce tutta la loro forza.

Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo

Walker percorre la rotta PR 8 lungo la soglia orientale dell'isola di Madeira.

Sappiamo di averlo vinto e di aver conquistato i 162 metri del Pico do Furado quando arriviamo al Miradouro senza uscita di Ponta do Furado.

Su questa vetta, ancora una volta esposta a nord, internata nell'Atlantico come nessun'altra prima, il vento è infernale. Siamo disturbati dalla stabilità necessaria per la fotografia e aggrava il timore che, senza pianificarlo, ci schianteremo sul fondo roccioso e sassoso ai piedi del Morro do Furado.

Ci meravigliamo della solitudine insulare dell'atto in qualche modo equilibrato di Ponta de São Lourenço (107 m), la soglia umanizzata della penisola. E ad est, con uno scorcio delle snelle Desertas.

Anche desiderosi di avanzare oltre la ridotta con le corde, resistemmo alla burrasca e fingemmo la tragedia.

Pochi metri sotto Pico do Furado, siamo stupiti dal bagliore vegetale di una pianta che proliferava dall'ombra e dall'umidità intrappolata tra due scogliere.

Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo

Uno dei pochi esempi di pianta verdeggiante.

Una Riserva Speciale Fauna e Flora

Dall'aspetto inospitale, Ponta de São Lourenço ospita forme di vita così speciali che, nel 1982, è stata decretata una Riserva Naturale: la penisola stessa, una riserva parziale. L'isola di Barley, riserva totale.

In tutto, la penisola ospita 138 specie vegetali, 31 delle quali sono esclusive del isola di legno.

Per quanto riguarda la fauna, ospita una delle più grandi colonie di gabbiani dell'arcipelago, Corre-caminhos, Cardellino, Canaries-da-Earth, Gheppio, Berte, Roques-de-Castro, Almas-Negras ed esemplari di Sterna comune, così come alcune insolite lumache endemiche.

Pouso, Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

Uccelli marini che atterrano su una dorsale basaltica.

Al largo, nonostante sia più facile da trovare nelle isole Desertas, occasionalmente si vedono leoni marini.

Torniamo a Casa do Sardinha.

Da questa provvidenziale sede si ritorna all'inizio del sentiero.

Alla scoperta di Ponta de São Loureço. ora via mare

Pochi giorni dopo, completiamo la passeggiata con un'esplorazione marina di Ponta de São Lourenço. Salpiamo dal molo di Quinta do Lorde.

Navighiamo lungo gli intagli che precedono la penisola e, dopo Ponta do Buraco, sulle calme acque della Baía d'Abra.

Ponta de Sao Lourenco, Madeira, Portogallo

Un motoscafo corre lungo la costa meridionale di Ponta de São Lourenço.

Dopo una sosta a Cais do Sardinha, ci siamo diretti alla base di Ponta do Furado, da dove, a differenza del punto panoramico sopra, abbiamo potuto rilevare e fotografare il buco geologico in questione.

Proseguiamo lungo l'Ilhéu da Cevada, fino a raggiungere lo stretto che la separa dal vicino ocra di São Lourenço.

Ora, dalla superficie del mare, ci colpisce l'impavido coronamento dell'omonimo faro, inaugurato nel 1870 e, come tale, il vecchio faro di Madeira.

In qualche modo, l'Ilhéu do Farol ci ha protetto dalle correnti e dalle onde capricciose generate dall'incontro dei mari del Nord e del Sud. Protetto, ma non molto.

Faro di Ilhéu do Farol, Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

Il faro di São Lourenço, a coronamento dell'Ilhéu do Farol

Più lasciavamo l'ombra delle sue scogliere e ci esponevamo alla vastità dell'oceano, più le onde e le correnti ci facevano sentire la fragilità che Gonçalves Zarco, Tristão Vaz Teixeira e Bartolomeu Perestrelo hanno saputo domare.

Con il vento che drammatizzava il flusso della barca, si impose un ritorno alle calme acque del sud. Avevamo scoperto la punta remota di Ponta de São Lourenço.

Nei tanti viaggi che abbiamo fatto sull'isola grande, non abbiamo mai più visto Madeira così.

PRENOTA LA TUA ESCURSIONE IN BARCA A PONTA DE SÃO LOURENÇO CON LE EMOZIONI DEL MARE DI MADEIRA:

https://madeiraseaemotions.com/pt

Telefono: (+351) 91 030 88 04   

Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Cuore buddista del Myanmar
Città
Yangon, Myanmar

La grande capitale della Birmania (a parte le delusioni della giunta militare)

Nel 2005 il governo dittatoriale del Myanmar ha inaugurato una nuova capitale bizzarra e quasi deserta. La vita esotica e cosmopolita rimane intatta a Yangon, la città più grande e affascinante della Birmania.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Cultura
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
In viaggio
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Storia
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Playa Nogales, La Palma, Isole Canarie
Isole
La Palma, Isole Canarie

L'Isla Bonita delle Canarie

Nel 1986, Madonna Louise Ciccone pubblicò un successo che rese popolare l'attrazione esercitata da a isola immaginario. Ambergris Caye, Belize, ha raccolto benefici. Da questa parte dell'Atlantico, il Palmeros ecco come vedono la loro vera e abbagliante Canaria.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Cime boscose, Huang Shan, Cina, Anhui, montagna gialla dei picchi galleggianti
Natura
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Passeggiata sul lungomare, vulcano Villarrica, Pucon, Cile
Parchi Naturali
Vulcano Villarrica, Cile

Salita al Cratere del Vulcano Villarrica, Sempre in Attività

Pucón abusa della fiducia della natura e prospera ai piedi del monte Villarrica.Abbiamo seguito questo cattivo esempio attraverso sentieri ghiacciati e abbiamo conquistato il cratere di uno dei vulcani più attivi del Sud America.
Isola Principe, São Tomé e Principe
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Religione
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Società
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.