Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta


Indiano incoronato
Un giovane indiano Cospes, distinto per la sua superba corona di piume, sorride agli altri dall'altra parte della strada.
Pauliteiros in azione
I Pauliteiros ballano in onore di San Isidro, patrono dei contadini, sulla strada che collega Mucusún a San Juan, vicino a Tostes.
San José de Acequias
Una delle località centrali dei Pueblos del Sur de Mérida, sperduta in una verde vallata attraversata dal fiume omonimo.
Balla con i Locainas di Santa Rita
I Locainas (uomini travestiti da dame) danzano in estasi in un angolo della piazza centrale di San José de Acequias. I Locainas sono solo alcuni dei personaggi dell'affollato calendario delle feste di Pueblos del Sur.
acquisti
Un giovane residente a San José de Acequias utilizza un vecchio negozio nel pueblo, situato in una casa coloniale nella piazza centrale.
indiani fuligginosi
Gli indiani Cospes anneriti continuano a resistere all'evangelizzazione ispanica a Mucusún, un villaggio vicino a San José de Acequias.
Transazione Pauliteiros
Due Pauliteros completano una piccola occasione d'affari al termine di una lunga mostra delle loro arti in onore di San Isidro.
a margine della festa
Carolina tiene suo figlio Jean Alejandro nel vecchio cortile di una casa coloniale nel cuore di San José de Acequias.
comoda pausa
Due indiani Cospes riposano dalle loro danze in onore della Vergine di Coromoto, accanto a una casa sul ciglio della strada a Mucusún.
Pauliteiro de Colò
Il padre tiene in mano un piccolo pauliteiro che nemmeno l'eccitazione dei suoi coetanei accanto a Mucuambin lo priva del sonno.
Sputare amici
Giovani donne vestite da indigeni salgono a bordo di un pick-up dopo i balli in onore della Vergine di Coromoto.
La stella del gioco
Una giovane attrice di San José de Acequias canta in uno dei brani musicali della commedia giovanile in cui recita.
Piccolo pirata e viaggiatore
Marilin Fernández solleva il nipote Jean Alejandro accanto al tabellone che gli stava mostrando.
Pauliteiro a Serapilheira
Una delle tante persone di San Paolo presenti alla festa, vestita a modo suo.
casco non omologato
I Pauliteros si dirigono a San José de Acequias. uno di loro ancora con addosso la sua terrificante maschera pelosa, nonostante il forte sole che si faceva sentire nella regione andina di Pueblos del Sur.
Pazienza indiana
Nativo dei Pueblos del Sur vestito da indiano Cospes aspetta che i compagni si rechino a San José de Acequias, dove la festa dovrebbe continuare.
Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.

Come scendiamo da Altopiani di Merida (1.610 m) lungo una lunga strada del canyon, il paesaggio riparato tra ripidi pendii diventa arido. E poi pietroso, punteggiato di cactus.

Quasi mezz'ora di salita più tardi, raggiungiamo Las González.

Forniamo il gateway per il Pueblos del Sur decorato con un pannello semipolitico che classifica la destinazione come turistica e, allo stesso tempo, promuove la figura di Marcos Diaz Orelana, il governatore bolivariana di Stato.

Il fiume Chama broa c'è, accelerato dal pendio che lo fa scorrere ancora più velocemente in Maracaibo, il grande lago da cui, quando si trova nelle condizioni politiche ed economiche per questo, il Venezuela estrae la maggior parte della sua ricchezza petrolifera.

Lo attraversiamo su un vecchio ponte di ferro dall'aspetto campestre. Sulla sponda opposta inizia la salita verso i monti e le valli dove il destinazione finale.

La via andina a Pueblos del Sur

La strada asfaltata si rivela consumata, tortuosa, sempre più stretta. L'annullamento di una delle sue curve e controcurve rivela un motociclista-artista della regione. Si era fermato a un muro di argilla. Lì lavorò a una scultura commemorativa, con un temperino in aria e un elmo posizionato con la visiera abbassata, per proteggersi dalla polvere causata dal suo scavo.

A causa della fermata deliberata dell'autobus e della curiosità del gruppo multinazionale di passeggeri, il traffico si ferma praticamente.

Siamo costretti a continuare per la nostra strada. Ci siamo fermati di nuovo solo quando siamo arrivati ​​in un posto chiamato Mucusún. Lì, siamo sorpresi da una banda di indigeni anneriti vestiti con gonne di vimini e corone di piume e piume. Erano tutti lavoratori solidali di San Paolo.

Hanno ballato sulla musica stridula di un violoncellista accompagnato da due violisti e su una coreografia che favorisce la libertà di movimento.

Pauliteiro a Serapilheira

Una delle tante persone di San Paolo presenti alla festa, vestita a modo suo.

La leggenda indigeno-cristiana della Vergine di Coromoto

La mostra di coloro che ci informarono che erano indiani Cospes ha reso omaggio alla Vergine di Coromoto. Un tempo i Cospes erano profughi dalla colonizzazione e dall'evangelizzazione forzata degli spagnoli. Finché la Vergine non apparve loro nella giungla del Guanare dove si stavano rifugiando e li esortò a battezzarsi e convertirsi.

Quasi tutti gli indigeni accettarono. Non era il caso del capo – di nome Coromoto – che temeva di perdere la sua importanza. Coromoto fuggì. La Vergine gli apparve di nuovo. Arrabbiato, Coromoto cercò di afferrarla ma la Vergine scomparve, materializzata in un piccolo schema vegetale che sarebbe stato poi ritrovato ed è venerato dai venezuelani.

Quanto a Coromoto, è stato morso da un serpente velenoso. Tornò morente a Guanare dove, in trance, iniziò a chiedere il proprio battesimo. Salvato dalla morte dalla Vergine e convertito, divenne apostolo. Pregò un gruppo di indiani che ancora resistevano a convertirsi.

In seguito, col nome cattolico di Ángel Custodio, morì di vecchiaia.

Gli indigeni Cospes riprendono la loro mostra

La danza dei Cospes si svolge tra una piantagione sopraelevata e una casa rurale di fronte, ricoperta di antiche tegole coloniali.

Al termine, il capo del “popolo indigeno” apre un discorso il più pomposo possibile in cui elogia l'arrivo dei visitatori a FITVEN, la fiera internazionale del turismo venezuelano che aveva dato il via all'intera messa in scena.

Indiano incoronato

E, soprattutto, l'iniziativa del Ministero del Turismo della sua patria bolivariana di fare di quei luoghi remoti una meta turistica.

Ci confrontiamo con l'attore di Coromoto con le telecamere in aria. Il capo torna al suo ruolo di leader degli indigeni fuligginosi. Prendi l'arco di un cupido di legno e diventa ancora più selvaggio.

Mira a noi con il tuo piccolo arco e la piccola freccia. Allo stesso tempo, nasconde il viso ed emette urla e ululati in preda al panico, intervallati da sbuffi di furia.

indiani fuligginosi

Gli indiani Cospes anneriti continuano a resistere all'evangelizzazione ispanica a Mucusún, un villaggio vicino a San José de Acequias.

Abbiamo seguito l'atto fino a quando l'indiano Cospe non lo ha posto fine. Dopodiché torniamo al bus benedetti dal suono di una maraca che inizia a suonare nella nostra direzione.

I Pauliteiros, Locos e posizioni Mucuambin è lussureggiante

Proseguimmo verso le montagne, inseguiti da un furgone raccogliere carico di indiani sputati che si sarebbero uniti alla festa in seguito. Quando arriviamo nei pressi di Mucuambin, la scena si ripete. Questa volta, a colori.

Pauliteiros in azione

I Pauliteiros ballano in onore di San Isidro, patrono dei contadini, sulla strada che collega Mucusún a San Juan, vicino a Tostes.

Siamo scesi sul ciglio della strada. Lì saremo affascinati dalle danze frenetiche dei pauliteiros, molti dei quali in abiti sgargianti pieni di frange, nello stile dei caretos delle Americhe, in onore di San Isidro, il santo patrono dei contadini.

Ognuno mostra il suo aspetto irriverente. Alcuni indossano maschere che sono orribili teste di capre, mucche e altri animali domestici.

casco non omologato

I Pauliteros si dirigono a San José de Acequias. uno di loro ancora con addosso la sua terrificante maschera pelosa, nonostante il forte sole che si faceva sentire nella regione andina di Pueblos del Sur.

Affascinanti eternizzazioni di culti e rituali totemici dei popoli chibcha e Arawak con cui i coloni spagnoli hanno lottato nel XVI secolo e che hanno finito per annientare o assimilare.

Pauliteiro de Colò

Il padre tiene in mano un piccolo pauliteiro che nemmeno l'eccitazione dei suoi coetanei accanto a Mucuambin lo priva del sonno.

Anche i bambini sono soggetti alla tradizione. Li vediamo addormentarsi in grembo, in abiti ridotti con gli stessi modelli degli anziani. Nel frattempo, alcuni adulti sono molto orgogliosi della loro infantilità. Cavalcano su cavalli di legno in mezzo a un cerchio di lavoratori instancabili.

Anche a Mucuambin, lo spettacolo volge al termine.

Ritorniamo ancora una volta al viaggio in autobus dell'organizzazione. Ci segue una banda folcloristica di motociclisti, spinti dalla soddisfazione del proprio dovere compiuto.

San José, cuore dei Pueblos del Sur

Dopo qualche altra curva, quasi sempre su abissi, e un enorme pendio che attraversa la vallata ricca di campi di grano del fiume San José, entriamo nella piazza centrale dell'omonima città, che è considerata il centro abitato dei Pueblos del Sur.

San José de Acequias

Una delle località centrali dei Pueblos del Sur de Mérida, sperduta in una verde vallata attraversata dal fiume omonimo.

Accanto alla stazione di polizia, un murale nero si unisce al trio Chávez, Castro e Morales. Convalida il bolivarismo del comune con la massima “Non siamo disposti a lasciare ai nostri figli una patria ridotta in macerie dal capitalismo".

Una folla inquieta attendeva l'arrivo dell'entourage, all'ombra degli alberi e schierata in vertiginosa diagonale, sotto le tettoie delle case secolari. Entriamo a malapena nella piazza, invece pazzo, è uno battaglione di località anche con i capelli folti e in lunghi abiti antichi dai colori sgargianti che assume il ruolo di protagonista.

Balla con i Locainas di Santa Rita

I Locainas (uomini travestiti da dame) danzano in estasi in un angolo della piazza centrale di San José de Acequias. I Locainas sono solo alcuni dei personaggi dell'affollato calendario delle feste di Pueblos del Sur.

Fai risuonare l'inevitabile bastoni l'un l'altro. Questo ritmo, sincronizzato con quello dei tamburi, mantiene i residenti, abituati a quell'animazione solo in altri periodi dell'anno, in una sorta di trance.

Il proprietario dell'azienda meglio posizionata nel villaggio, che indossa un cappello da cowboy, non viene pregato. Conta un sacco di bolivar extra, nascosto tra un bancone di legno invecchiato e scaffali trasandati.

acquisti

Un giovane residente a San José de Acequias utilizza un vecchio negozio nel pueblo, situato in una casa coloniale nella piazza centrale.

Anche Marilin Fernández, la vicina di casa, cede al richiamo del profitto. Approfitta della disponibilità del tuo ghiacciaio decana e improvvisa il tuo cantina che segna con un semplice rettangolo di carta scritto con un pennarello sopra la finestra.

“Vieni a vedere il mio forno a legna!”. Ci invita a compensare la resistenza ribelle della figlia più giovane a socializzare con gli estranei.

Non ci pensiamo due volte. dentro casa, troviamo divisioni spartane e lugubri ma anche un patio centrale a cielo aperto che è cambiato poco o nulla dalla costruzione coloniale della casa.

In quello stesso cortile, Carolina si presenta allo specchio con dovizia di particolari, tenendo sempre d'occhio il nipote di Marilin, sperando comunque di cogliere il meglio del pellegrinaggio.

Piccolo pirata e viaggiatore

Marilin Fernández solleva il nipote Jean Alejandro accanto al tabellone che gli stava mostrando.

La festa di fine serata e il tardo pomeriggio fradicio

Fuori, la celebrazione si era spostata in un piccolo ranch a cui le autorità a volte hanno limitato l'accesso, al fine di evitare un'inondazione indesiderata.

Sull'erba della fattoria c'è un banchetto per il pranzo e una più ampia esposizione della vita e delle feste tradizionali dei Pueblos del Sur.

E' presente un magazzino storico in regime di self-service. E un'attesa a cui sono sottoposti alcuni visitatori per procurarsi bicchieri di succo di canna da zucchero appena spremuto. Sotto capannoni vicini, un altro gruppo di musicisti suona temi famosi tra gli autoctoni. I venditori mostrano l'artigianato e il gusto delle principali prelibatezze della regione.

Ci uniamo ancora al pubblico entusiasta di uno spettacolo musicale, femminile e giovanile che affronta le difficoltà nel trovare l'uomo giusto per il matrimonio.

La stella del giocoNubi nere come la pece avevano tenuto a lungo la valle. Non appena il gioco finisce, inizia a piovere a secchiate. Tutta San José si rifugia dal bagnato più che garantito.

Ci siamo fermati tra l'agriturismo e la piazza centrale, insieme ad un gruppo di adolescenti che avevano terminato una specie di evento sportivo e sono stati premiati con un gelato artigianale confezionato in sacchetti.

Uno di loro ci sente parlare e chiede se siamo portoghesi. «Be', mi sembrava di riconoscere quel modo di parlare. Ce ne sono altri là fuori. È passato molto tempo da quando non parlavano come te, ma sono sicuro che alcune persone ti capiscono molto meglio di me!”.

Aspettiamo che il diluvio ceda il passo alla calma e torniamo nel cuore di quel Pueblo del Sur in estasi, attenti ai segni di vita degli inaspettati discendenti dei luso-venezuelani.

Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Merida, Venezuela

Mérida a Los Nevados: nei confini andini del Venezuela

Negli anni '40 e '50, il Venezuela attirò 400 portoghesi, ma solo la metà rimase a Caracas. A Mérida troviamo luoghi più simili alle origini e all'eccentrica gelateria di un portoportista immigrato.
Merida, Venezuela

La vertiginosa ristrutturazione della funivia più alta del mondo

A partire dal 2010, la ricostruzione della funivia di Mérida è stata eseguita nella Sierra Nevada da intrepidi lavoratori che hanno subito l'entità del lavoro sulla propria pelle.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.

Gran Sabana, Venezuela

Un vero parco giurassico

Solo la solitaria strada EN-10 si avventura nella selvaggia punta meridionale del Venezuela. Da lì, sveliamo scenari ultraterreni, come la savana piena di dinosauri nella saga di Spielberg.

Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Isola Margherita ao PN Mochima, Venezuela

Dall'isola di Margarita al Parco Nazionale di Mochima: un Caraibi molto caraibico

L'esplorazione della costa venezuelana giustifica una grande festa nautica. Ma queste soste rivelano anche la vita nelle foreste di cactus e nelle acque verdi come la giungla tropicale di Mochima.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
buon consiglio buddista
Cerimonie e Feste
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Città
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Kigurumi Satoko, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone
Cultura
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Etnico
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Moai, Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile
Storia
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
Willemstad, Curaçao, Punda, Handelskade
Isole
Willemstad, Curacao

Il cuore multiculturale di Curaçao

Una colonia olandese nei Caraibi divenne un importante centro di schiavi. Accolse gli ebrei sefarditi che si erano rifugiati dall'Inquisizione ad Amsterdam e Recife e assimilò influenze dai villaggi portoghesi e spagnoli con cui commerciava. Al centro di questa fusione culturale secolare c'è sempre stata la sua antica capitale: Willemstad.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Natura
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Struzzo, Capo di Buona Speranza, Sud Africa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Spiagge
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Monastero di Tawang, Arunachal Pradesh, India
Religione
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Pachinko Hall, Dipendenza da video, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Pachinko: Il video – Dipendenza che deprime il Giappone

All'inizio era un giocattolo, ma l'appetito di profitto del Giappone ha rapidamente trasformato il pachinko in un'ossessione nazionale. Oggi, 30 milioni di giapponesi si sono arresi a queste macchine da gioco alienanti.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Cabo da Cruz, colonia di foche, foche a croce del capo, Namibia
Animali selvatici
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.