Jaffa, Israele

proteste non ortodosse


mini registro
Haredim Jew legge brani di una mini-Torah.
Un ebreo si avvicina a un gruppo di soldati installati contro un muro davanti allo spazio destinato alla protesta
conversazione di giorno
Soldato dell'IDF che parla vicino a una delle barriere erette per contenere la manifestazione.
Peots-ebraici-utraortodossi-Jaffa-Tel-Aviv-Israele
messaggio
Un manifestante haredi mostra un messaggio di protesta al pubblico fuori dalla ringhiera.
Ebrei ultra-ordossi rinchiusi in una recinzione imposta dalla polizia di Tel Aviv.
Sulla mia strada
I leader ultra-ortodossi attraversano una strada diretti alla manifestazione.
Conferenza
Gli ebrei ortodossi si scambiano impressioni vicino a una recinzione eretta dalla polizia di Tel Aviv
ritiro
Il protestante ultra-ortodosso si accontenta di quella che doveva essere una lunga protesta passiva
Sacre Scritture
Leader ebreo ispirato dalla lettura compassionevole della Torah
Documentale
Il giovane ebreo fotografa il panorama fuori dalla ringhiera allestita dalle autorità di Tel Aviv.
Rivelazione
Il fotografo ebreo mostra ai protestanti una delle immagini che ha appena scattato.
Carico
La polizia di Tel Aviv trasporta un manifestante eccessivamente aggressivo
Processo di rimozione
La polizia di Tel Aviv trasporta un manifestante eccessivamente aggressivo
Un dialogo con il paziente
I protestanti ebrei chiacchierano durante la manifestazione.
In conferenza
Gli ebrei ortodossi haredim esaminano le strategie di protesta
Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.

Una lontana tempesta di sabbia riempie di polvere l'atmosfera sulla costa centrale di Israele e il lungomare che segue le spiagge mediterranee di Tel Aviv non fa eccezione.

È qualcosa che non preoccupa gli innumerevoli atleti che vediamo percorrerlo, ma, proprio accanto, i venditori del mercato delle pulci a est di Yekef street non mettono giù gli spolverini, determinati a mantenere un aspetto minimamente dignitoso delle loro reliquie e antichità.

In confronto, il loro trambusto è assolutamente banale per i connazionali, coinvolti in rivendicazioni e battaglie superiori.

L'insolita contestazione degli ebrei ultraortodossi

Usciamo dal bazar e ci dirigiamo verso le case alle pendici della vecchia Jaffa, ma non arriviamo mai alla fine.

La nostra attenzione è attirata da una macchia nera formata da un battaglione di ebrei ultraortodossi racchiusi da barriere metalliche blu e controllati dalla polizia locale, vestiti con uniformi dall'aspetto militare e anche da soldati della IDF - Forze di difesa israeliane.

Manifestazione ebraica ultraortodossa, Jaffa, Tel Aviv, Israele

Ebrei ultra-ordossi rinchiusi in una recinzione imposta dalla polizia di Tel Aviv.

Abbiamo sentito grida spontanee e vaganti, intervallate da altri collettivi che l'uno o l'altro Haredim con un profilo di leader fa un punto di partenza. Ci siamo avvicinati, curiosi, e non ci è voluto molto per avere una spiegazione superficiale di un clamore così strano da un poliziotto.

Nel 1993, durante gli scavi di un'opera, sono stati scoperti resti archeologici in un cimitero nel quartiere di Andromeda Hill.

La comunità ebraica ultraortodossa era convinta che esistessero sacre tombe ancestrali e organizzò un'operazione di protesta contro la profanazione delle tombe, imperdonabile agli occhi dell'ebraismo che professa l'esistenza della vita dopo la morte.

Messaggio, Ebrei Utra-Ortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

Un manifestante haredi mostra un messaggio di protesta al pubblico fuori dalla ringhiera.

La questione attraversò rapidamente i mari e raggiunse il giudizio di potenti ebrei americani. Di conseguenza, il Congresso Rabbinico Centrale stabilì che si dovessero organizzare manifestazioni successive.

Il progetto Infernizado dell'hotel di lusso “Eden”

Diversi si sono svolti davanti alla casa di Manhattan del magnate immobiliare Aby Rosen, nel frattempo accusato, in una squadra con il partner Michael Fuchs, di aver perpetrato eresia per continuare con la costruzione di "Eden", un hotel di lusso dal valore stimato di 480 euro milioni di euro.

Altre due proteste in particolare si sono distinte per la portata impressionante che hanno raggiunto. Uno ha raccolto 10.000 ebrei ortodossi presso la sede della RFR (la società di investitori) al 390 di Park Avenue. L'altro si è svolto a Washington e ha riunito circa 7000 partecipanti.

Approccio della polizia, dimostrazione di ebrei ultra-ortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

Un ebreo si avvicina a un gruppo di soldati installati contro un muro davanti allo spazio destinato alla protesta

Più o meno nello stesso periodo, in Gerusalemme e Beit Shemesh, si unirono le forze di protesta, che spesso viaggiavano in autobus fino a Tel Aviv. Li abbiamo visti entrare in azione nelle vicinanze del cimitero di 3000 anni fa.

Sussurri e complotti in bianco e nero

Prima in previsione, alcuni Haredim riunirsi in piccoli gruppi. Si dedicano a cospirare tra loro e condividono espressioni di apparente gioia che suggeriscono che sono arrivati ​​al piano ideale per sconfiggere gli sfidanti.

Altri si concentrano sulle pagine di Portable Torahs e provano letture di preghiere che dimostreranno sicuramente la legittimità delle loro convinzioni.

preghiere, ebreo utraortodosso, jaffa, tel aviv-israele

Haredim Jew legge brani di una mini-Torah.

Possiamo vedere come vibrano con la lettura. E come invitano i fedeli vicini a mostrare loro con orgoglio le virtù dei passaggi religiosi più commoventi.

I cappelli neri – borsalino, fedora, shtreimel, kolpik, trilby – e qualche kippa li proteggono dal sole che rompe la nebbia prevalente ma non nascondono il animale domestico (cannucce che cadono dalle tempie) che, ad ogni movimento, ondulano e accarezzano le folte barbe.

A una conferenza, una manifestazione, ebrei ultra-ortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

Gli ebrei ortodossi haredim esaminano le strategie di protesta

Notiamo un'evidente predominanza di rekel (abiti neri) ma anche alcuni kaftani (abiti neri con strisce oro e blu) che confermano la presenza di comunità distinte dal giudaismo, come nel caso di Yerushalmi Haredim.

La pacificazione religiosa del rabbino Yithak Weiss

Qualche tempo dopo arriva, curiosamente in macchina, il rabbino Yitzhak Tuvia Weiss – capo della setta antisionista Eda Haredit – nonostante l'intera area sia chiusa al traffico.

Ebrei ultraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

I leader ultra-ortodossi attraversano una strada diretti alla manifestazione.

Accompagnato da un seguito fedele, questo rabbino si unisce subito alla folla ultraortodossa e inaugura un periodo di preghiera comunitaria. Poi recupera le proteste che conduce senza cerimonie.

"Malediamo la salute, la famiglia e il sostentamento di tutti coloro che hanno partecipato alla desacralizzazione di queste tombe". grida un haredim già consapevole della presenza di giornalisti stranieri. "Tutti coloro che sono coinvolti nei danni di questo cimitero e di questo terreno pagheranno con la vita - e queste maledizioni si sono dimostrate reali in passato".

Dopo preghiere e intimidazioni, i manifestanti tentano di uscire dalle barriere che li limitano e costringono il cordone di polizia a recarsi sul luogo del delitto.

Dalla preghiera all'azione: confronto con la polizia ei militari

Quando gli agenti li fermano, entrano in uno scontro fisico e hanno luogo alcuni arresti. Non soddisfatti, lanciano pietre, bottiglie e altri oggetti contro la polizia, supportati dalle forze speciali e persino da un elicottero.

Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

La polizia di Tel Aviv trasporta un manifestante eccessivamente aggressivo

Un fotografo ebreo che aveva precedentemente fraternizzato con il Haredim registra avidamente gli eventi. Ma quando i manifestanti vengono ricondotti all'interno del recinto, riprende a socializzare e, su richiesta dei fedeli, mostra loro le foto più impressionanti della rivolta.

Fotografo, dimostrazione, ebrei ultraortodossi, jaffa, tel aviv, israele

Il fotografo ebreo mostra ai protestanti una delle immagini che ha appena scattato.

Subito dopo si avvicina a noi per cercare di capire da dove veniamo e per quale organismo lavoriamo, preoccupato dell'aspetto professionale del materiale fotografico che utilizziamo e della possibile violazione della sua, fino ad allora, incontrastata esclusività.

In un lampo, i protestanti riacquistano energia. Riprendono l'accusa verbale in coro e chiamano la polizia dell'IDF ei militari "criminali" e "nazisti". Alcuni membri di origine etiope in queste forze sono persino presi di mira con specifici insulti razzisti.

Alle autorità viene ordinato di spostare la manifestazione in un vicino parco pubblico e la mossa riaccende il conflitto. Un'istruzione superiore per la smobilitazione totale del Haredim.

Questi rispondono di nuovo. Hanno dato fuoco ai bidoni della spazzatura e hanno lanciato altri sassi. Due fotografi che erano arrivati ​​nel frattempo vengono colpiti e uno di loro sanguina copiosamente dalla testa.

La rivolta si intensifica, ma la polizia e gli agenti militari israeliani sono abituati ad affrontare problemi ben peggiori. eseguono gli ordini, in tre tempi.

intervento della polizia, manifestazione di ebrei ultraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

La polizia di Tel Aviv trasporta un manifestante eccessivamente aggressivo

Una sola apparente rassegnazione

Resta al Haredim la denuncia. Erla Yekter, una degli organizzatori si lamenta: “Questa gente è venuta qui per pregare e protestare. Se c'è violenza, è solo da parte della polizia, non dei protestanti». E rafforza le sue ragioni: “la gente ha pagato i depositi e ora ci costruiranno sopra e venderanno il terreno che hanno comprato”.

Mesi dopo, l'Autorità israeliana per le antichità ha annunciato la fine degli scavi, ma non solo. Era giunto alla conclusione che le tombe nel controverso cimitero non avevano nulla a che fare con gli antenati ebrei.

Erano state datate all'epoca bizantina e persiana e, nelle volte, tra le ossa umane, si trovavano una giara con un feto databile dal 1800 al 2000 a.C. e ossa di maiali domestici, offerte comuni tra le popolazioni pagane che occupavano il oggi territorio di Israele.

Approccio della polizia, dimostrazione di ebrei ultra-ortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele

Un ebreo si avvicina a un gruppo di soldati installati contro un muro davanti allo spazio destinato alla protesta

Queste conclusioni non hanno convinto gli haredim che hanno continuato a invocare proteste. Più recentemente, le ossa sono state trasferite in possesso di un rappresentante del Ministero dei Servizi Religiosi.

La setta Atra Kadisha - un'altra organizzazione responsabile della protesta - ha continuato a insistere sul fatto che fossero ebrei perché i morti erano stati sepolti secondo l'usanza ebraica, con le spalle girate e la testa puntata all'indietro. Gerusalemme.

Si offrì persino di organizzare per loro un vero e proprio funerale.

Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Massada, Israele

Masada: l'ultima roccaforte ebraica

Nel 73 d.C., dopo mesi di assedio, una legione romana scoprì che i resistenti in cima a Masada si erano suicidati. Ancora una volta ebrea, questa fortezza è ora l'ultimo simbolo della determinazione sionista
Mar Morto, Israele

Sopra l'acqua, nelle profondità della Terra

È il luogo più basso della superficie del pianeta e teatro di numerosi racconti biblici. Ma il Mar Morto è speciale anche per la concentrazione di sale che rende la vita impossibile ma sostiene chi vi si bagna.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Basilica del Santo Sepolcro, Gerusalemme, Israele

Il Tempio Supremo delle Chiese Antiche Cristiane

Fu costruito dall'imperatore Costantino sul luogo della crocifissione e risurrezione di Gesù e un antico tempio di Venere. Nella sua genesi, opera bizantina, la Basilica del Santo Sepolcro è oggi condivisa e contesa da diverse confessioni cristiane come il grande edificio unificatore della cristianità.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
hacienda mucuyche, Yucatan, Messico, canale
Architettura & Design
Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Cerimonie e Feste
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Crepuscolo al Parco Itzamna, Izamal, Messico
Città
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Chiesa Ortodossa Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia
Cultura
Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe

Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Erika Mae
In viaggio
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Etnico
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Palazzo Gyeongbokgung, Seoul, Korea Travel, Color Maneuvers
Storia
Seul, Corea del Sud

Uno sguardo alla Corea medievale

Il palazzo Gyeongbokgung è protetto da guardiani con abiti di seta. Insieme, formano un simbolo dell'identità sudcoreana. Senza aspettarcelo, siamo finiti per ritrovarci nell'era imperiale di queste terre asiatiche.
Vista aerea di Moorea
Isole
Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Natura
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Composizione sul ponte a nove archi, Ella, Sri Lanka
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Yala-Ella- Kandy, Sri Lanka

Viaggio nel cuore del tè dello Sri Lanka

Lasciamo il lungomare di PN Yala verso Ella. Sulla strada per Nanu Oya, ci spostiamo attraverso la giungla su rotaie, tra le piantagioni del famoso Ceylon. Tre ore dopo, sempre in macchina, entriamo a Kandy, la capitale buddista che i portoghesi non sono mai riusciti a conquistare.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Spiagge
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Religione
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
L'imperatore Akihito Waves, Imperatore senza Impero, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Animali selvatici
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.